Il sorprendente attacco di Hamas contro Israele: svelare la teoria della vittoria

0
296

Il 7 ottobre, Hamas ha lanciato un attacco terrestre e aereo incredibilmente audace contro Israele, facendo precipitare la regione in una delle escalation più significative tra questi due avversari degli ultimi decenni.

Centinaia di combattenti di Hamas sono passati dalla Striscia di Gaza al territorio israeliano, prendendo di mira posti di frontiera, installazioni militari e persino aree residenziali.

Allo stesso tempo, Hamas ha avviato una serie di attacchi missilistici su larga scala dalla Striscia di Gaza verso Israele, causando numerose vittime tra i civili israeliani.

Questo atto ha spinto i leader israeliani a etichettarlo come un atto di guerra e a segnalare la loro intenzione di rispondere con la forza. In questa edizione speciale, approfondiamo tre possibili spiegazioni per le azioni audaci di Hamas, ciascuna delle quali contribuisce alla sua teoria della vittoria.

Espansione del conflitto: l’asse della resistenza

Una teoria suggerisce che Hamas anticipi il conflitto che ha avviato per attirare altre milizie palestinesi e persino l’“Asse della Resistenza” iraniano. Questa coalizione comprende Hezbollah in Libano, il regime siriano di Bashar al-Assad, il movimento Houthi dello Yemen e varie milizie in Bahrein, Iraq, Palestina e Siria, tutte sostenute dall’Iran.

Sebbene non vi siano prove concrete che implichi membri non palestinesi dell’Asse della Resistenza nel conflitto attuale, la loro presenza in Libano, Siria e Cisgiordania implica il potenziale di un intervento. L’accerchiamento di Israele è in linea con l’obiettivo di lunga data dell’Iran, motivando il suo investimento in milizie per procura e partner.

La scelta di Hamas di celebrare l’anniversario della guerra dello Yom Kippur nel 1973 suggerisce la loro aspettativa di sostegno esterno. Questa guerra storica comportò l’attacco a sorpresa dell’Egitto, dando inizio a un conflitto su più fronti.

Imparare dall’Iran: un’offensiva di terra

Un’altra teoria ruota attorno al fatto che Hamas emuli la strategia dell’Iran per indebolire Israele. Nell’agosto 2022, il maggiore generale Hossein Salami, comandante del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC), ha delineato una strategia per la distruzione di Israele. Questo piano enfatizza le operazioni di terra e i combattimenti urbani da parte degli Hezbollah libanesi e delle milizie palestinesi all’interno di Israele.

Salami ritiene che tali azioni porterebbero allo sfollamento dei civili, seminerebbero il caos e, in ultima analisi, destabilizzerebbero Israele. La scelta di Hamas di lanciare un attacco di terra contro Israele, accompagnato da violenza indiscriminata e visualizzazione di atrocità online, è in linea con questa strategia, che mira a instillare paura e incertezza tra gli israeliani.


… Il Maggiore Generale Hossein Salami ha detto ….

I palestinesi hanno raggiunto un livello tale di evoluzione nella loro lotta da poter prendere di mira qualsiasi parte delle terre occupate dai sionisti.
Cioè, non c’è mai un margine di sicurezza affinché il regime sionista possa affermare che esiste un’area in cui i sionisti possono rifugiarsi ed essere al sicuro dal fuoco palestinese.

Se a questa equazione aggiungiamo gli Hezbollah libanesi, ci rendiamo conto che, ad esempio, davanti al regime sionista vengono schierati centinaia di migliaia di razzi, che possono essere lanciati da nord e da ovest verso la Striscia di Gaza e da nord. da parte di Hezbollah, ma non in misura limitata, per mettere al centro tutti i punti del regime sionista.

…..

Oggi, la produzione di potere di resistenza in Libano e Palestina è solo guerra missilistica e potenza missilistica, o ha altre caratteristiche e caratteristiche affidabili?

La resistenza palestinese e gli Hezbollah libanesi hanno elementi molto forti.
Oggi, la potenza di terra in Palestina e Libano è la potenza che può controllare completamente l’equazione tra sopravvivenza e morte in una battaglia terrestre.
Gli Hezbollah libanesi, facendo affidamento sull’esperienza, sulla fiducia in se stessi, sulle conoscenze, sulle abilità, sulle attrezzature e sulle tecniche acquisite nella battaglia in Siria contro i Takfiri, possono condurre una guerra di terra su vasta scala con la vittoria.
I takfiri che tutti conosciamo hanno combattuto davvero senza paura della morte e combatterli è possibile solo per uomini con fede jihadista.
È difficile superarli e se qualcuno li supera significa che è una forza estremamente potente.
Nel caso dei Takfiri, si può vedere che Hezbollah ha fatto questo ed è uscito con successo da quella guerra.
Inoltre, anche oggi i palestinesi sono pronti per una battaglia terrestre. Il principale punto di danno di Israele è la battaglia terrestre.
La battaglia missilistica non è il punto principale della battaglia.
Sanno che la terra deve essere liberata dal potere terreno. I missili sono ottimi per la deterrenza e per condurre una guerra statica.
Ma il razzo non è il liberatore della terra, la fanteria deve scendere a terra e liberare la terra passo dopo passo.
Come quello che è successo a noi durante la Sacra Difesa. Quando la battaglia finirà e i coraggiosi ed esperti palestinesi e Hezbollah si muoveranno in formazione militare sul terreno, allora l’esito della battaglia sarà determinato.
Cosa sai?
Nel campo in cui la geografia della popolazione, la geografia della politica e la geografia del militarismo si sovrappongono completamente.
Non appena avrà inizio un’operazione di terra, le massicce ondate migratorie di civili e di personale militare verranno confuse e l’equilibrio del comando sionista e del sistema di gestione della guerra verrà disintegrato.
Non considerate il fatto che, poiché le condizioni non sono di guerra, gli aerei di questo regime volano regolarmente, i trasporti non vengono fermati, le centrali elettriche e le raffinerie funzionano, l’ordine amministrativo prevale e il regime può gestire l’ambiente con calma e bassa tensione durante tutto il periodo. il processo.
Quando si verificheranno condizioni di guerra, tutti questi alloggi verranno separati….

https://web.archive.org/web/20220819175732/http://farsi.khamenei.ir/others-dialog?id=50786

Interrompere i colloqui di normalizzazione guidati dagli Stati Uniti

La terza teoria suggerisce che Hamas miri a interrompere i negoziati guidati dagli Stati Uniti per normalizzare i legami tra Israele e Arabia Saudita. L’attacco ha portato ancora una volta le dinamiche israelo-palestinesi sotto i riflettori internazionali, provocando una dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri saudita in cui esprime sostegno alla causa palestinese e alla soluzione dei due Stati. Questa rinnovata attenzione potrebbe potenzialmente complicare o addirittura far deragliare i colloqui sulla normalizzazione.

L’invasione silenziosa di Hezbollah: stabilire una prima linea dietro le linee israeliane

Dalla fine del conflitto del 2006 tra Israele e Hezbollah, la Linea Blu è rimasta relativamente calma, mascherando i preparativi ossessivi di entrambe le parti per un futuro conflitto che considerano inevitabile. Mentre Hezbollah ha apertamente stabilito linee del fronte nel sud del Libano, nella Striscia di Gaza e in Siria per combattere Israele direttamente e attraverso gli alleati, sembra che stia silenziosamente costruendo un altro fronte dietro le linee israeliane, sia all’interno dei confini ufficiali del paese che in Cisgiordania. Questo articolo approfondisce i dettagli delle attività di Hezbollah e dei suoi obiettivi ambiziosi che vanno oltre il caos periodico all’interno di Israele.

Le recenti provocazioni di Hezbollah

Le recenti azioni di Hezbollah hanno sollevato allarmi all’interno dell’establishment della sicurezza israeliano. A marzo, Hezbollah ha schierato personale apparentemente disarmato, compresi palestinesi affiliati ad Hamas, lungo il confine israelo-libanese. Successivamente si sono verificati due attacchi contro Israele, orchestrati da Hezbollah ma eseguiti a distanza per evitare immediate rappresaglie israeliane.

Questi incidenti sono stati seguiti da una raffica di razzi lanciati da Hamas dal Libano verso Israele. Hezbollah ha anche organizzato un enorme gioco di guerra, un pezzo di teatro militare progettato per fare notizia e rafforzare la fiducia dei suoi sostenitori nella sua capacità di scoraggiare e sconfiggere Israele.

Tuttavia, dietro queste azioni visibili si nasconde un’iniziativa più insidiosa di Hezbollah volta a stabilire un punto d’appoggio dietro le linee israeliane.

L’ambizione di lunga data di Hezbollah

Hezbollah nutre l’ambizione di stabilire un tale punto d’appoggio per decenni, fin dall’espulsione di Israele e dalla successiva riammissione dei combattenti di Hamas e della Jihad islamica palestinese nel sud del Libano nel 1992. Questi combattenti sono diventati un nucleo per gli sforzi di Hezbollah e dell’Iran per combattere Israele dall’interno, aiutando Gruppi palestinesi durante la Seconda Intifada e oltre.

Infiltrazione e reclutamento di Hezbollah

Nel corso degli anni, Hezbollah, con il sostegno del  Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana (IRGC),  ha lavorato instancabilmente per arruolare arabi israeliani, cittadini libanesi, cittadini arabi con passaporti stranieri e palestinesi per raccogliere informazioni, reclutare risorse o creare cellule dormienti all’interno del paese. Israele. I collegamenti tra le reti criminali libanesi e quelle arabo-israeliane si sono rivelati preziosi in questi sforzi.

Un triplice obiettivo

Le attività di Hezbollah fanno parte della strategia regionale dell’Iran volta a sviluppare capacità di produzione interna di armi per i suoi delegati. Hezbollah, con l’assistenza iraniana, ha già raggiunto questo obiettivo nel sud del Libano, nello Yemen con gli Houthi e nella Striscia di Gaza. Mirano a replicare questo risultato in Cisgiordania. I recenti tentativi di lancio di razzi da Jenin e la scoperta di piattaforme di lancio e laboratori di armi in Cisgiordania indicano progressi in questo senso.

Il secondo obiettivo è trasformare la Cisgiordania in un “ inferno e inferno insopportabile”  per Israele, come articolato dal comandante in capo dell’IRGC Hossein Salami. Il continuo contrabbando di armi da parte di Hezbollah in Israele e in Cisgiordania si è intensificato dal 2021, in coincidenza con un’ondata di violenza nella regione.

Sfruttare le tensioni

Hezbollah e l’Iran hanno anche cercato di sfruttare le tensioni tra arabi ed ebrei israeliani per stabilire  “l’unificazione dei fronti”.

Questa strategia mira a unire i palestinesi in Cisgiordania, Gaza, Gerusalemme e gli arabi israeliani in risposta a qualsiasi attacco o invasione israeliana. Hezbollah prevede di utilizzare questa unità per colpire Israele dall’interno, causando caos e instabilità.

L’utilità futura di Hezbollah

La creazione di un fronte all’interno di Israele e della Cisgiordania consente a Hezbollah di dissanguare Israele per procura, pur mantenendo una plausibile negabilità. Mantiene le  Forze di Difesa Israeliane (IDF)  impegnate nella lotta alla violenza di basso livello e aumenta il rischio di errori di calcolo o di reazioni eccessive, innescando potenzialmente una nuova intifada. La generazione più giovane di palestinesi, disillusa dalla propria leadership e dai negoziati, è sempre più propensa allo scontro armato.

L’utilità futura di Hezbollah risiede nella sua capacità di attivare cellule in Cisgiordania durante un conflitto, sfruttando i sentimenti religiosi o nazionalistici di entrambe le parti per avviare un ciclo di azioni e reazioni. Creando disordini su entrambi i lati della Linea Verde, Hezbollah può costringere Israele a distogliere la sua attenzione da altri fronti attivi, ponendo così una minaccia significativa alla sicurezza di Israele.

I calcoli strategici dell’Iran

Tra queste teorie bisogna considerare anche i calcoli strategici dell’Iran. Anche se non è chiaro se l’Iran abbia orchestrato direttamente l’attacco di Hamas, potrebbe sfruttare la preoccupazione di Israele nei confronti di Gaza. Ciò potrebbe comportare lo spostamento di sistemi militari avanzati in Libano e Siria o il compimento di progressi significativi nel suo programma nucleare. Anche se questo scenario è attualmente meno probabile, merita attenzione, poiché potrebbe preparare il terreno per ulteriori escalation e cambiamenti geopolitici.

L’evoluzione dei razzi di Hamas: dagli umili inizi alle armi strategiche

Le Brigate Al-Qassam, il braccio armato del movimento Hamas, sono state incessanti nei loro sforzi per sviluppare un formidabile arsenale in grado di respingere i frequenti attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza. Nel corso di due decenni, hanno trasformato i loro primitivi razzi “fuochi d’artificio” in strumenti strategici, come esemplificato dal conflitto del maggio 2021. In questa esplorazione dettagliata, descriveremo lo sviluppo dei razzi di Hamas e le loro capacità in evoluzione.

La nascita del razzo “Fuochi d’artificio” (2001):

Il 26 ottobre 2001, le Brigate Al-Qassam segnarono un momento storico svelando il loro primo razzo, comunemente noto come “fuochi d’artificio”. Questo razzo iniziale rappresentava un tentativo fondamentale di sviluppare un meccanismo di difesa contro gli assalti israeliani a Gaza. Tuttavia, la sua portata era limitata, con una portata di soli 2-3 chilometri e una piccola testata. Nonostante la loro semplicità, i “fuochi d’artificio” hanno segnato l’inizio di un viaggio verso maggiori capacità.

Il punto di svolta di maggio 2021:

Avanti veloce alla guerra del maggio 2021, che è servita da momento spartiacque per Hamas e le sue capacità missilistiche. Durante questo conflitto, i palestinesi hanno dimostrato la loro capacità di trasformare armi rudimentali in risorse strategiche contro Israele, attirando l’attenzione della comunità internazionale. Questa evoluzione sottolinea l’adattabilità e la determinazione dei combattenti palestinesi.

Una moltitudine di razzi:

Sebbene il numero esatto di razzi detenuti da Hamas rimanga sconosciuto, le stime suggeriscono che il loro inventario comprende decine di migliaia di questi proiettili. Ogni razzo è unico in termini di portata e capacità, adattato per soddisfare requisiti operativi specifici. Analizziamo alcuni dei razzi Hamas conosciuti e le loro caratteristiche:

Razzi Qassam 1, 2 e 3 (2001-2005):

Portata: 2-3 chilometri (Gamma 1), 9-12 chilometri (Gamma 2), 15-17 chilometri (Gamma 3).

M-73 (2012):

Autonomia: 75-80 chilometri.

S55 (Sejjil – 2014):

Autonomia: 55 chilometri.

J90 ​​– J80 (2014):

Autonomia: 80 chilometri.

Utilizzato soprattutto nelle vicinanze di Tel Aviv.

Il razzo R-160

Una delle affermazioni più degne di nota fatte dalle Brigate al-Qassam è la loro capacità di produrre razzi, incluso l’R-160. Questo razzo è presumibilmente la loro versione dell’M-302, un proiettile di fabbricazione siriana noto per la sua lunga gittata e le sue capacità distruttive.

L’R-160 prende il nome da Abdel Rantisi, uno dei leader di spicco di Hamas ucciso in un attacco aereo israeliano nel 2004. Rappresenta un simbolo di sfida e resistenza contro le forze israeliane. Hamas afferma che l’R-160 è prodotto localmente, dimostrando la propria autosufficienza e indipendenza dai fornitori esterni.

M302 – (2006) – 302 millimetri Khaibar-1 / M-302 / B-302

Autonomia: 100 chilometri.

Il razzo Khaibar-1 è un razzo di artiglieria non guidato, sviluppato e prodotto dalla Siria. I rapporti suggeriscono che il Khaibar-1 è fortemente basato sul sistema MRL cinese Wei Shi (WS-1). Il razzo prende il nome dalla battaglia di Khaibar del 629 d.C., combattuta tra i primi musulmani e gli ebrei residenti.

Il Khaibar-1 ha un’autonomia di 100 km mentre trasporta un carico utile di 150 kg. Solitamente è dotato di grandi testate antiuomo. Il razzo ha una lunghezza di 6,3 m, un diametro del corpo di 0,302 m e un peso al lancio di circa 750 kg.

Il lanciatore presenta due strati di tre tubi di sparo ciascuno.

Il Khaibar-1 non è guidato ma è più preciso della maggior parte dei razzi indigeni di Hezbollah/Hamas e può essere immagazzinato più facilmente grazie alla maggiore durata. Tuttavia, il razzo non ruota come il Fajr-5, ed è quindi probabilmente meno preciso.35

Il Khaibar-1 fu lanciato per la prima volta da Hezbollah il 28 luglio 2006, colpendo la città di Afula. Gli obiettivi successivi includevano Haifa, Hadera e aree nella Cisgiordania settentrionale.

R160 (2015):

Autonomia: 160 chilometri.

Il primo a raggiungere la città di Haifa.

A120 (maggio 2021):

Autonomia: 120 chilometri.

Presenta una testata esplosiva con elevata capacità distruttiva.

SH85 (Ayyash 250 – maggio 2021):

Autonomia: 220 chilometri.

Dispiegato per la prima volta il 13 maggio 2021, con un raggio d’azione esteso, a dimostrazione delle crescenti capacità di Hamas.

Conclusione

L’attacco a sorpresa di Hamas contro Israele solleva numerosi interrogativi sulle sue motivazioni profonde e sulla sua visione della vittoria. Che Hamas miri ad espandere il conflitto, a emulare la strategia dell’Iran o a interrompere i colloqui di normalizzazione, una cosa è certa: le conseguenze di questa escalation si estendono oltre l’area immediata in cui si è verificata.

Con l’Iran e i suoi partner che potenzialmente cercano di sfruttare la crisi, gli Stati Uniti e i suoi alleati devono rimanere vigili ed evitare una visione ristretta su Gaza. Questo evento sottolinea il contesto più ampio della strategia offensiva dell’Iran in Medio Oriente, aggiungendosi alle complessità di una regione già instabile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.