Il ruolo dei farmaci a base di incretine nella lotta all’obesità: un’analisi completa dell’efficacia della tirzepatide

0
203

L’obesità è un’epidemia sanitaria globale che continua a mettere a dura prova gli operatori sanitari e le persone che convivono con questa malattia cronica. Gli effetti negativi dell’obesità sono ben documentati e i benefici della riduzione del peso sono ampiamente riconosciuti all’interno della comunità medica.

Ridurre il peso corporeo basale anche di un modesto 5-10% può ridurre significativamente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, migliorare i fattori di rischio cardiometabolico e alleviare varie complicazioni legate all’obesità come l’artrosi.

Questo articolo approfondisce il complesso panorama della gestione dell’obesità, concentrandosi sugli interventi intensivi sullo stile di vita e sul potenziale dei farmaci antiobesità a base di incretine, con particolare attenzione alla Tirzepatide, per migliorare i risultati della riduzione del peso.

L’importanza dell’intervento intensivo sullo stile di vita

L’intervento intensivo sullo stile di vita è considerato la pietra angolare della gestione dell’obesità. Questo approccio multiforme include tipicamente componenti come una dieta ipocalorica, un’attività fisica regolare e una frequente consulenza comportamentale. L’obiettivo di questo intervento è aiutare le persone a ottenere riduzioni significative del loro peso corporeo di base, generalmente nell’ordine del 5-8%. Tale perdita di peso è associata a miglioramenti in vari aspetti della salute, come la pressione sanguigna, l’apnea ostruttiva notturna e la steatoepatite non alcolica.

Tuttavia, l’efficacia complessiva dell’intervento intensivo sullo stile di vita è limitata da due fattori significativi.

In primo luogo, ottenere notevoli riduzioni di peso è essenziale per un controllo ottimale delle complicanze legate all’obesità e per una diminuzione della mortalità cardiovascolare. Sfortunatamente, meno del 20% dei pazienti sottoposti a interventi sullo stile di vita riescono a perdere più del 15% del loro peso basale.

In secondo luogo, un numero considerevole di pazienti sperimenta un recupero di peso dopo aver completato un intervento iniziale di dieta ed esercizio fisico. Questa riconquista è attribuita, in parte, agli adattamenti metabolici che persistono, tra cui l’aumento degli ormoni della fame, la diminuzione degli ormoni della sazietà e la riduzione del dispendio energetico. Questi cambiamenti metabolici significano che i pazienti necessitano di ancora meno calorie per mantenere il loro stato di peso ridotto.

Farmaci a base di incretine come soluzione promettente

Negli ultimi anni, c’è stato un crescente interesse per il ruolo dei farmaci a base di incretine nell’aumentare i risultati degli interventi intensivi sullo stile di vita. Uno di questi farmaci è Semaglutide 2,4 mg, un agonista del recettore del peptide-1 simil-glucagone (GLP-1) originariamente approvato per la gestione del diabete di tipo 2.

Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che negli individui obesi o sovrappeso (senza diabete), Semaglutide può portare a notevoli riduzioni del peso corporeo basale, spesso superando il 15% in un arco di tempo massimo di due anni. Ciò rappresenta un miglioramento significativo rispetto alla modesta perdita di peso del 2-3% osservata con un placebo. Il meccanismo d’azione di Semaglutide prevede principalmente la modifica della segnalazione di fame e sazietà in specifiche regioni neurali, che contribuiscono a ridurre l’apporto energetico.

La tirzepatide, un altro farmaco a base di incretine, adotta un approccio unico combinando le azioni del polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente e dell’agonismo del recettore GLP-1. Questa combinazione di effetti si traduce in un impatto sinergico sull’appetito, sull’apporto energetico e sulla funzione metabolica.

La tirzepatide è approvata in varie regioni, tra cui Stati Uniti, Unione Europea e Giappone, per la gestione del diabete di tipo 2 ed è attualmente in fase di revisione per il suo potenziale utilizzo nella gestione cronica del peso.

Lo studio SURMOUNT-1: efficacia di Tirzepatide nella lotta contro l’obesità

Lo studio SURMOUNT-1 è stato progettato per valutare l’efficacia di Tirzepatide negli adulti con obesità o sovrappeso (senza diabete) che avevano perso con successo almeno il 5% del loro peso basale durante un periodo iniziale di 12 settimane che prevedeva un intervento intensivo sullo stile di vita. In questo studio, i pazienti hanno ricevuto Tirzepatide 15 mg, in combinazione con una breve consulenza mensile sullo stile di vita. I risultati sono stati impressionanti, con i partecipanti che hanno riscontrato una notevole riduzione del peso basale del 20,9% dopo 72 settimane, rispetto a una perdita di peso di appena il 3,1% osservata nel gruppo placebo. Inoltre, questa sostanziale perdita di peso è stata accompagnata da significative riduzioni dei fattori di rischio cardiometabolico, sottolineando il potenziale della Tirzepatide come preziosa aggiunta all’arsenale dei trattamenti antiobesità.

Discussione: il ruolo straordinario di Tirzepatide nella lotta contro l’obesità

La discussione dello studio SURMOUNT-3 rivela spunti convincenti sul potenziale significativo della tirzepatide come potente strumento nella battaglia contro l’obesità. Questo farmaco, quando somministrato dopo un intervento intensivo sullo stile di vita di 12 settimane che ha ridotto con successo il peso corporeo basale in media del 6,9%, ha dimostrato la sua notevole efficacia. Nell’arco di 72 settimane, i partecipanti che hanno ricevuto tirzepatide alla dose massima tollerata (MTD) di 10 o 15 mg hanno sperimentato un’ulteriore perdita di peso del 18,4%, mentre quelli trattati con placebo hanno mostrato un aumento del 2,5%. I risultati sottolineano che tirzepatide ha la capacità di favorire una riduzione del peso sostanziale e clinicamente significativa nei soggetti in sovrappeso o obesi.

Il significato clinico di questi risultati è particolarmente evidente se si considera il contesto di altri farmaci per l’obesità. In uno studio che ha coinvolto liraglutide (3,0 mg), un altro farmaco approvato per il controllo cronico del peso, i partecipanti che erano stati sottoposti a una riduzione simile del 6,0% del peso basale durante un programma iniziale equivalente di 12 settimane hanno ottenuto un’ulteriore riduzione del peso del 6,2% con liraglutide a 56 settimane, rispetto ad una riduzione minima dello 0,2% con un placebo. Questa sorprendente differenza sottolinea la potenza della tirzepatide, soprattutto se paragonata ad altri farmaci esistenti per la gestione del peso.

Inoltre, si può tracciare un notevole confronto con orlistat (120 mg, tre volte al giorno), che non è riuscito a indurre un’ulteriore perdita di peso quando somministrato dopo una riduzione media dell’11,0% ottenuta con un intervento intensivo sullo stile di vita nell’arco di 1 anno. In entrambi i gruppi orlistat e placebo, i partecipanti hanno riacquistato un terzo o più del peso perso, rivelando il ruolo cruciale che farmaci come la tirzepatide possono svolgere nel prevenire il recupero del peso post-intervento.

Inoltre, tirzepatide ha mostrato superiorità nel sostenere la perdita di peso, come evidenziato dalla percentuale di partecipanti che hanno mantenuto una percentuale predefinita della perdita di peso iniziale. Un notevole 94% dei soggetti trattati con tirzepatide ha mantenuto almeno l’80% della perdita di peso ottenuta nel periodo iniziale, in netto contrasto con il 44% di coloro che hanno ricevuto un placebo. Questi risultati non solo superano gli interventi tradizionali sullo stile di vita, ma sono anche promettenti nel campo del mantenimento della perdita di peso a lungo termine.

La riduzione cumulativa del peso corporeo del 24,3% ottenuta con un intervento intensivo sullo stile di vita seguito da tirzepatide è simile alla perdita di peso prodotta dalla gastrectomia a manica in un arco di tempo di 1 anno. Questa riduzione sostanziale corrisponde a uno spostamento verso il basso di circa due categorie di BMI, a dimostrazione del profondo impatto che tirzepatide può avere sulla salute e sulla qualità della vita di un individuo. Inoltre, tirzepatide ha migliorato i fattori di rischio cardiometabolico e la funzione fisica, sottolineando gli ulteriori benefici che i pazienti possono ottenere quando combinano questo farmaco con la perdita di peso iniziale ottenuta attraverso un intervento sullo stile di vita.

Per quanto riguarda la sicurezza, tirzepatide ha mantenuto un profilo coerente con gli studi precedenti. Gli eventi gastrointestinali, sebbene per lo più da lievi a moderati e transitori, sono rimasti gli eventi avversi più frequenti emersi dal trattamento. È interessante notare che il gruppo tirzepatide in questo studio ha manifestato tassi leggermente più elevati di eventi gastrointestinali e di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi rispetto al gruppo tirzepatide 15 mg nello studio SURMOUNT-1. Ciò potrebbe essere dovuto all’inclusione di uno stile di vita intensivo, suggerendo che la restrizione calorica durante tale intervento può influenzare la tollerabilità gastrointestinale alla terapia a base di incretine.

Il modo ottimale per combinare l’intervento sullo stile di vita e i farmaci antiobesità è ancora oggetto di esplorazione. La terapia sequenziale, con interventi sullo stile di vita precedenti ai farmaci, sembra massimizzare la riduzione del peso, come evidenziato dai risultati del presente studio. Questo approccio ha ottenuto risultati aggiuntivi in ​​termini di perdita di peso, avvicinandosi ai risultati combinati di ciascun intervento utilizzato isolatamente. Al contrario, la fornitura concomitante di interventi sullo stile di vita e farmaci non ha raggiunto lo stesso grado di beneficio aggiuntivo negli studi controllati con placebo. Gli studi preclinici sollevano anche interrogativi sul grado in cui la restrizione calorica contribuisce all’effetto complessivo del farmaco.

Inoltre, l’intensità e la portata dell’intervento sullo stile di vita richiesto in combinazione con i farmaci antiobesità sono ancora incerti. Storicamente, le visite settimanali sullo stile di vita e il monitoraggio quotidiano dell’assunzione di cibo ed energia sono stati essenziali per raggiungere e mantenere il deficit calorico necessario per una significativa perdita di peso. Si ipotizza che farmaci come la tirzepatide possano guidare fisiologicamente questa riduzione dell’apporto energetico, rendendo potenzialmente più accessibili i cambiamenti del comportamento alimentare. La perdita di peso facilitata da questi farmaci potrebbe anche migliorare l’attività fisica e, di conseguenza, la salute cardiometabolica.

Questo studio vanta diversi punti di forza, come un campione relativamente ampio e diversificato, con oltre un terzo dei partecipanti uomini e più della metà di etnia ispanica. Il periodo di trattamento di 72 settimane ha consentito una valutazione estesa dell’efficacia di tirzepatide e la possibilità di ridurre e aumentare nuovamente la dose riflette le strategie della pratica clinica per ottimizzare la tollerabilità.

Tuttavia, lo studio non è privo di limitazioni. Era geograficamente confinato al Nord e al Sud America e coinvolgeva prevalentemente una popolazione bianca, limitandone potenzialmente la generalizzabilità. Inoltre, i partecipanti che non sono riusciti a raggiungere una riduzione di almeno il 5% del peso basale durante l’intervento intensivo sullo stile di vita sono stati esclusi dalla randomizzazione al trattamento farmacologico, il che potrebbe aver gonfiato la perdita di peso media ottenuta con tirzepatide MTD.

In conclusione, lo studio SURMOUNT-3 presenta prove convincenti del fatto che tirzepatide può rappresentare un punto di svolta nel trattamento del sovrappeso e dell’obesità, soprattutto se combinato con un intervento intensivo sullo stile di vita. La notevole perdita di peso ottenuta, insieme al miglioramento dei fattori di rischio cardiometabolici e della funzione fisica, sottolinea l’immenso potenziale della tirzepatide nel trasformare la vita delle persone alle prese con l’obesità. Mentre andiamo avanti, è essenziale esplorare le strategie ottimali per combinare interventi sullo stile di vita e farmaci antiobesità, tenendo conto dei fattori fisiologici e comportamentali unici in gioco. Gli studi futuri che approfondiscono i predittori della risposta sia agli interventi sullo stile di vita che alla farmacoterapia aiuteranno a personalizzare la gestione clinica in modo più efficace, offrendo speranza a chi ne ha bisogno.


link di riferimento: https://www.nature.com/articles/s41591-023-02597-w

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.