Il complesso panorama della dipendenza: comprenderne l’impatto, le sfide terapeutiche e gli interventi futuri

0
144

La dipendenza è una formidabile crisi sanitaria negli Stati Uniti, che colpisce milioni di vite e pone sfide significative sia agli individui che alla società nel suo insieme. Nel 2017, uno sconcertante 38% degli adulti era alle prese con un disturbo da uso di sostanze, riflettendo la natura pervasiva di questo problema (Substance Abuse and Mental Health Services Administration, 2018).

Le conseguenze della dipendenza, in particolare del consumo eccessivo di alcol, vanno oltre il benessere individuale, contribuendo a una miriade di problemi di salute, tra cui malattie cardiache e cancro, rendendola la principale causa di morte prevenibile nel paese (CDC, 2020).

Il bilancio della dipendenza diventa ancora più allarmante se si considerano le statistiche relative ai decessi correlati all’alcol, dove ogni anno vengono perse più di 95.000 vite, accorciando la durata della vita dei bevitori eccessivi in ​​media di 29 anni (CDC, 2020). Questa perdita collettiva ammonta all’incredibile cifra di 2,8 milioni di anni di vita potenziale, sottolineando l’urgente necessità di strategie globali per affrontare la dipendenza.

Un’istantanea demografica: dipendenza attraverso i gruppi di età

La dipendenza ha un impatto indiscriminato e colpisce individui di tutte le fasce d’età. Nel 2017, circa il 4% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni ha affrontato disturbi da uso di sostanze, pari a oltre 992.000 adolescenti, mentre i giovani adulti di età compresa tra 18 e 25 anni hanno registrato una prevalenza del 14,8%, ovvero 1 individuo su 7 (Substance Abuse and Mental Health Services Administration). , 2018).

La portata della dipendenza si estende agli adulti di età pari o superiore a 26 anni, comprendendo 13,6 milioni di individui, pari al 6,4% di questa fascia di età. Anche tra gli anziani di età pari o superiore a 65 anni, oltre un milione soffriva di disturbi da uso di sostanze (Substance Abuse and Mental Health Services Administration, 2018).

Dati recenti del 2020 rivelano una lotta continua, con il 21,4% delle persone di età pari o superiore a 12 anni (59,3 milioni di persone) che hanno fatto uso di droghe illecite nell’ultimo anno e ben 40,3 milioni di persone nella stessa fascia di età hanno sperimentato in passato disturbi da uso di sostanze. anno (Amministrazione per l’abuso di sostanze e i servizi di salute mentale, 2020). La pandemia di COVID-19 ha ulteriormente esacerbato la situazione, con il 13% degli americani che ha fatto ricorso o ha aumentato l’uso di sostanze come meccanismo per affrontare lo stress e le sfide emotive legate alla pandemia (CDC, 2020).

La minaccia incombente dell’uso di polisostanze e della contaminazione da fentanil

La complessità della dipendenza è accresciuta dall’emergere del consumo di più sostanze, in cui gli individui sono esposti a più di una droga, a volte a loro insaputa. Uno studio in 10 stati ha rilevato che il 57% dei decessi per overdose coinvolgeva individui risultati positivi al fentanil in combinazione con eroina, cocaina o metanfetamina (Mattson et al., 2021). Il fentanil prodotto illegalmente, noto per la sua potenza, presenta un rischio significativo, essendo circa 50 volte più potente dell’eroina. La presenza di fentanil nelle droghe illegali aumenta significativamente il rischio di overdose fatale (Mattson et al., 2021).

Il costo economico della dipendenza è sconcertante: gli americani spendono fino a 57 miliardi di dollari all’anno in droghe illecite (O’Brien e Abel, 2011). Questo onere finanziario si estende oltre gli individui e le famiglie, costando ai contribuenti americani più di 740 miliardi di dollari ogni anno a causa della perdita di produttività sul posto di lavoro, delle spese sanitarie e dei costi legati alla criminalità (National Institute on Drug Abuse, 2017).

Comprendere la dipendenza: una prospettiva neurobiologica

Sussman et al. (2010) definiscono la dipendenza come un disturbo caratterizzato da un’intensa preoccupazione per un comportamento che produce un effetto desiderato, equiparandolo ai cambiamenti nell’attivazione del sistema dopaminergico mesolimbico. Lüscher e Janak (2021) elaborano ulteriormente, definendo la dipendenza come una malattia caratterizzata dalla ricerca e dal consumo compulsivo di droga, favorendo le ricompense della droga rispetto alle ricompense naturali, nonostante le conseguenze negative.

La neurochimica associata alle vie del piacere nel cervello gioca un ruolo fondamentale negli aspetti comportamentali della dipendenza. I comuni neurotrasmettitori e i sistemi ormonali, tra cui la serotonina, gli oppioidi mu, l’anandamide, la norepinefrina e l’asse ipotalamo-ipofisi (HPA), sono strettamente associati al piacere e all’eccitazione.

La dipendenza comporta lunghi periodi di perseverazione riguardo alla sostanza desiderata e una perdita di controllo sul comportamento per acquisire la droga preferita (Sussman et al., 2010). Studi di imaging cerebrale indicano un aumento dell’attività metabolica nell’amigdala quando i consumatori di sostanze in astinenza sono esposti a segnali o immagini associati alla droga (Feltenstein e See, 2008). Questa maggiore attività nell’amigdala contribuisce alla sfida di controllare l’appetito.

Approcci attuali al trattamento delle dipendenze e del craving

Affrontare la dipendenza e le voglie ad essa associate richiede un approccio multiforme che comprenda assistenza residenziale, programmi in 12 fasi e interventi farmacologici come il trattamento assistito dai farmaci (MAT) . Vari livelli di assistenza, inclusi programmi di ricovero parziale (PHP), programmi ambulatoriali intensivi (IOP), programmi ambulatoriali (OP) e terapia individuale, soddisfano le diverse intensità di dipendenza e le esigenze individuali.

Il trattamento ospedaliero, che spesso comprende terapia individuale e di gruppo, farmacologia e gruppi di supporto come Alcolisti Anonimi (AA) e Narcotici Anonimi (NA), mira a fornire agli individui capacità di coping per mantenere la sobrietà. Tuttavia, l’efficacia degli interventi per i disturbi da uso di sostanze è ostacolata dal funzionamento compromesso della corteccia prefrontale (PFC), una regione cruciale per l’autocontrollo (Markus & Hornsveld, 2017).

Sebbene il MAT, che utilizza farmaci come metadone, naltrexone e suboxone, abbia dimostrato efficacia nel ridurre il desiderio di disturbi da oppioidi, persistono problemi di fattibilità, tra cui l’abuso di farmaci e la somministrazione irregolare (Markus & Hornsveld, 2017). La controversia circonda l’inclusione dei destinatari di MAT in strutture abitative sobrie, creando un potenziale isolamento sociale che ostacola il recupero (Majer et al., 2018). Inoltre, per alcune dipendenze, le opzioni farmacologiche sono limitate (Markus & Hornsveld, 2017).

L’enigma della ricaduta: una sfida persistente nel trattamento delle dipendenze

Il problema delle ricadute incombe fortemente nel trattamento delle dipendenze, con alti tassi di recidiva. Nonostante le attuali modalità di trattamento, tra cui cure ospedaliere, farmacologia e gruppi di supporto, i tassi di ricaduta per i disturbi da uso di sostanze possono raggiungere fino al 60% (National Institute for Drug Addiction, 2020). Uno studio di follow-up di 1 anno indica addirittura tassi fino al 70% (Sussman et al., 2010).

Le opinioni tradizionali sulla ricaduta, come quelle espresse da Theodoropoulou (2020), la considerano parte del processo di recupero, offrendo un’opportunità per stabilire connessioni con i servizi ed esplorare interventi. L’impegno nei servizi segna l’avvio di una connessione che facilita la rinegoziazione della relazione tra il corpo e le sostanze, creando un percorso per alterare pensieri e sentimenti legati ai disturbi da uso di sostanze (Theodoropoulou, 2020).

Esplorare il ritrattamento della desensibilizzazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) come intervento

Nella ricerca di interventi più efficaci, l’EMDR (Eye Movement Desensitization Reprocessing) emerge come potenziale candidato. Shapiro et al. (1994) hanno proposto che l’EMDR, con il suo approccio strutturato e centrato sul cliente, potrebbe offrire una via unica per stabilizzare i pazienti che abusano di sostanze. Integrando approcci comportamentali, cognitivi, intrapsichici, centrati sul corpo e interazionali, l’EMDR ha il potenziale di affrontare l’ambivalenza sull’astinenza, la non conformità al trattamento, le crisi attuali e di migliorare i fattori scatenanti delle ricadute e il desiderio fisico (Shapiro et al., 1994).

La logica alla base dell’EMDR risiede nella sua capacità di attivare una rete dorsale frontoparietale e di disattivare temporaneamente l’amigdala attraverso stimoli di doppia attenzione, in particolare movimenti oculari bilaterali. Questo processo porta alla regolazione cognitiva emotiva, rendendolo una strada promettente per il desiderio di dipendenza (de Voogd et al., 2018).

Fattori psicosociali: svelare la rete del desiderio

La ricerca indica che gli individui con disturbi da uso di sostanze sono vulnerabili ai fattori di stress psicosociali che innescano l’uso di droghe e alcol (Markus & Hornsveld, 2017). Il desiderio, spesso provocato da segnali ambientali, può persistere per periodi prolungati dopo la cessazione dell’uso della sostanza e è considerato uno dei sintomi di astinenza più importanti (Harrawood et al., 2011).

Secondo il National Institute for Drug Addiction (2020), le persone con problemi di uso di sostanze sono comunemente alle prese con ansia, depressione e vari fattori di stress ambientale legati all’occupazione, alla famiglia e agli ambienti sociali. Punteggi elevati di esperienze infantili avverse (ACE) , come identificato da Felitti et al. (1998), sono associati a una serie di problemi, tra cui il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e il disturbo da uso di sostanze (SUD) .

La prevalenza di traumi psicologici è alta tra gli adulti con SUD, con una storia di traumi che aumenta il rischio di disturbo da stress post-traumatico. L’associazione tra stati emotivi, come traumi o stress, e desiderio di dipendenza è ben consolidata, sottolineando la necessità di approcci olistici al trattamento della dipendenza.

Fattori comportamentali e biologici: l’intricata danza delle voglie

La ruminazione su materiale correlato alla droga emerge come una componente significativa della ricaduta, portando a un intenso desiderio (Garavan & Hester, 2007). La salienza dell’incentivo, una spinta basata su associazioni apprese con segnali di ricompensa mediati dal sistema dopaminergico mesocorticolimico, gioca un ruolo cruciale nel mantenere la motivazione a cercare il farmaco preferito (Koob & Volkow, 2016).

L’abuso di sostanze altera le risposte agli stimoli neutri, creando un rinforzo condizionato che associa segnali precedentemente neutri alla droga, portando ad un aumento dei bias di attenzione e ad un aumento del craving (Garavan & Hester, 2007). Il bias attenzionale, come discusso da Zhao et al. (2018), cattura i processi cognitivi involontari degli individui dipendenti dalla droga, rendendoli altamente in sintonia con gli stimoli legati al consumo di droga.

Il neuroimaging funzionale rivela deficit prefrontali negli individui dipendenti da sostanze, compromettendo la loro capacità di controllare i pregiudizi dell’attenzione verso gli stimoli legati alla droga. L’incapacità di cessare la perseverazione correlata agli stimoli della droga aumenta la probabilità di ricaduta, evidenziando l’importanza del controllo dell’attenzione nella dipendenza (Garavan & Hester, 2007).

Voglie e immagini vivide: il ruolo della memoria nella dipendenza

Mentre i processi edonistici come il piacere e il desiderio sono le motivazioni primarie per il consumo di droga e alcol, anche i processi cognitivi come la memoria contribuiscono a queste pulsioni (Garavan & Hester, 2007). Koob (2008) sottolinea che la compulsione a consumare droghe o alcol e la perdita di controllo sull’assunzione derivano da molteplici meccanismi motivazionali.

La disregolazione omeostatica edonica, caratterizzata da uno stato emotivo negativo in seguito al rifiuto dell’accesso al farmaco di scelta, contribuisce alla rilevanza dei segnali che stimolano la ricerca del farmaco e la ricaduta (Koob, 2008). I ricordi legati alla dipendenza, sia le associazioni episodiche che quelle apprese in modo classico con segnali ed effetti, svolgono un ruolo cruciale nell’esperienza delle voglie. I ricordi episodici della droga, radicati nelle esperienze personali con la droga, portano a preoccupazioni mentali e voglie intense (Müller, 2013).


TABELLA 1

I processi edonistici si riferiscono ai meccanismi mentali e fisiologici che sono alla base della nostra esperienza di piacere e dolore. Questi processi svolgono un ruolo fondamentale nel modellare il nostro comportamento, poiché siamo naturalmente attratti dalle esperienze che ci procurano piacere ed evitiamo quelle che ci causano dolore.

Esistono due tipi principali di processi edonistici:

  • Valutazione:  comporta la valutazione degli stimoli come piacevoli o spiacevoli. Questa valutazione si basa su una varietà di fattori, tra cui le caratteristiche sensoriali dello stimolo, le nostre esperienze passate con stimoli simili e il nostro stato interno attuale.
  • Consumo:  implica l’esperienza reale di piacere o dolore. Questa esperienza è mediata da una complessa rete di percorsi neurali, compreso il sistema mesolimbico della dopamina.

I processi edonistici sono importanti per una serie di ragioni. Ci aiutano a identificare e perseguire esperienze gratificanti, essenziali per la nostra sopravvivenza e il nostro benessere. Svolgono anche un ruolo nell’apprendimento e nella memoria, poiché è più probabile che ricordiamo esperienze che abbiamo trovato piacevoli.

Tuttavia, i processi edonistici possono anche portarci fuori strada. Se siamo troppo concentrati sulla ricerca del piacere, potremmo fare scelte che non sono nel nostro migliore interesse a lungo termine. Ad esempio, potremmo mangiare troppo cibi malsani, assumere comportamenti rischiosi o trascurare le nostre responsabilità.

È importante trovare un equilibrio tra motivazioni edonistiche e non edonistiche. Dovremmo sforzarci di trovare esperienze che siano allo stesso tempo piacevoli e significative. Questo ci permetterà di vivere una vita appagante ed equilibrata.

Ecco alcuni punti aggiuntivi sui processi edonistici:

  • I processi edonistici sono influenzati da una varietà di fattori, tra cui la genetica, la personalità e la cultura.
  • I processi edonistici possono essere alterati attraverso una varietà di interventi, come farmaci, terapie e cambiamenti nello stile di vita.
  • I processi edonistici sono un’area di studio complessa e c’è ancora molto che non sappiamo al riguardo.

Conclusione: verso approcci olistici e innovativi

Il panorama della dipendenza è complesso, ha un impatto sugli individui di ogni fascia demografica e presenta sfide complesse alle modalità di trattamento convenzionali. Gli alti tassi di ricaduta sottolineano la pressante necessità di interventi innovativi che considerino la natura multiforme della dipendenza, affrontando i fattori neurobiologici, psicosociali e comportamentali che contribuiscono al craving.

L’EMDR (Eye Movement Desensitization Reprocessing) emerge come un intervento promettente , con il suo potenziale per affrontare le basi neurobiologiche delle voglie di dipendenza. Attivando specifiche reti neurali e disattivando temporaneamente l’amigdala, l’EMDR offre un approccio unico alla regolazione cognitiva emotiva, riducendo potenzialmente il desiderio e migliorando i risultati del trattamento.

Man mano che approfondiamo le complessità della dipendenza, diventa chiaro che una comprensione olistica dei fattori psicosociali e biologici è essenziale per sviluppare interventi efficaci. L’interazione tra memoria, distorsioni dell’attenzione e stati emotivi sottolinea la necessità di approcci terapeutici personalizzati e completi che vadano oltre i metodi tradizionali.

Andando avanti, il campo del trattamento delle dipendenze deve abbracciare i risultati della ricerca emergente e sfruttare terapie innovative come l’EMDR per migliorare l’arsenale contro questa crisi sanitaria pervasiva. In questo modo, possiamo aspirare non solo a ridurre i tassi di ricaduta, ma anche a fornire alle persone che lottano con la dipendenza un percorso di recupero più promettente ed efficace.


TABELLA 2

Il potere trasformativo della terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR).

Un faro di speranza per i sopravvissuti al trauma

Il trauma, un segno indelebile nell’esperienza umana, può gettare una lunga ombra, modellando il modo in cui gli individui percepiscono e navigano nel mondo. Per coloro che sono alle prese con le conseguenze di esperienze traumatiche, l’avvento della terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) rappresenta un faro di speranza. Sviluppato come intervento psicoterapeutico, l’EMDR offre un percorso unico verso la guarigione, in particolare per condizioni come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e una miriade di problemi di salute mentale correlati.

Comprendere l’EMDR: svelare i fili del trauma

L’EMDR è una tecnica psicoterapeutica meticolosamente progettata per guidare gli individui attraverso il labirinto dei ricordi traumatici. Fondamentalmente, questo approccio terapeutico integra sessioni terapeutiche strutturate con stimoli specifici, come movimenti oculari, suoni o colpetti, per facilitare l’elaborazione delle esperienze angoscianti. Originariamente studiato per il disturbo da stress post-traumatico, l’EMDR è emerso come uno strumento versatile, estendendo il suo tocco curativo a varie condizioni, tra cui ansia, disturbi dell’umore e disturbi da uso di sostanze.

Vantaggi dell’EMDR: un panorama terapeutico distintivo

Una caratteristica distintiva dell’EMDR è la sua efficienza, che spesso produce risultati in un arco di tempo più breve rispetto alle psicoterapie tradizionali. L’efficacia della terapia non si misura solo nella rapidità ma nelle sue caratteristiche uniche:

  • Esposizione limitata: a differenza di alcuni approcci terapeutici che richiedono un’esposizione prolungata a ricordi angoscianti, l’EMDR riduce al minimo il tempo che le persone trascorrono a rivivere eventi traumatici.
  • Verbalizzazione minima: l’EMDR non impone discussioni esaustive sugli intricati dettagli delle esperienze traumatiche. Questa caratteristica si rivela preziosa, soprattutto per coloro che trovano estremamente impegnativo articolare tali ricordi.
  • Assenza di compiti a casa: a differenza degli interventi che comportano compiti a casa o pensieri e convinzioni stimolanti, l’EMDR si basa sul suo protocollo distintivo, che lo rende accessibile e di grande impatto.

Sbloccare il meccanismo di guarigione: il modello di elaborazione adattiva delle informazioni (AIP).

Al centro dell’EMDR si trova il modello Adaptive Information Processing (AIP) , un quadro concettuale che illumina gli intricati meccanismi della memoria e la sua conservazione disadattiva di fronte al trauma. Secondo il modello AIP, gli individui possiedono un sistema innato per elaborare e immagazzinare nuove informazioni in memoria. Tuttavia, di fronte a un incontro traumatico, questo sistema vacilla, portando all’immagazzinamento distorto di pensieri, sentimenti e sensazioni fisiche. La conseguenza è spesso la comparsa di disturbi da stress post-traumatico e dei relativi sintomi di salute mentale.

L’EMDR agisce come catalizzatore per la risoluzione di questi sintomi guidando gli individui attraverso un processo di rielaborazione dei ricordi. Ciò comporta l’accesso e l’alterazione dell’immagazzinamento disadattivo delle esperienze traumatiche, favorendo una trasformazione dei pensieri e delle emozioni associati a questi ricordi. La terapia tenta di allineare l’elaborazione del cervello con nuove intuizioni, aprendo la strada a una relazione ridefinita con gli eventi passati e a una risposta più resiliente ai fattori scatenanti futuri.

Navigare tra le fasi dell’EMDR: un viaggio strutturato verso la guarigione

L’EMDR si svolge come un trattamento in otto fasi, ciascuna fase funge da passaggio cruciale nel percorso di trasformazione:

  • Fase 1: Raccolta dell’anamnesi: in collaborazione con il terapeuta, gli individui identificano i ricordi target, discutono i fattori scatenanti attuali e stabiliscono obiettivi futuri.
  • Fase 2: Preparazione del cliente: i clienti vengono introdotti ai meccanismi dell’EMDR, compreso il ruolo dei movimenti oculari e di altri esercizi nel processo terapeutico.
  • Fase 3: Valutazione: avviene l’attivazione della memoria mirata, coinvolgendo l’identificazione e la valutazione delle sue componenti, come immagini, pensieri, sentimenti e sensazioni fisiche.
  • Fase 4: Desensibilizzazione: i clienti si concentrano sulla memoria mentre si impegnano in esercizi di movimento degli occhi, riportando i pensieri emergenti. La ripetizione di questo processo avviene finché il disagio associato al ricordo originale non diminuisce.
  • Fase 5: Installazione: ha luogo il rafforzamento di nuovi pensieri, sentimenti e credenze legati al ricordo inizialmente angosciante.
  • Fase 6: Scansione corporea: i clienti osservano le risposte fisiche mentre contemplano l’incidente e nuovi pensieri sulla memoria. Ulteriori esercizi di movimento oculare vengono eseguiti se persistono risposte fisiche negative.
  • Fase 7: Chiusura: la sessione si conclude, con l’utilizzo di protocolli aggiuntivi se la memoria rimane irrisolta.
  • Fase 8: Rivalutazione: le sessioni successive iniziano con una valutazione dei progressi, una discussione di nuovi ricordi e una pianificazione collaborativa per individuare i ricordi futuri.

La sessione EMDR: un viaggio verso l’empowerment

In una tipica sessione EMDR, gli individui vengono guidati attraverso il processo strutturato in otto fasi, fornendo loro una bussola per navigare nei recessi dei loro ricordi traumatici. Attraverso la contemplazione focalizzata, i movimenti oculari e altri esercizi, i clienti scoprono intuizioni e formano nuovi pensieri. Man mano che la memoria viene elaborata, l’angoscia travolgente comincia a recedere, aprendo una porta per l’esplorazione dei ricordi correlati, un segno di guarigione in corso.

Dopo la sessione, gli individui spesso riferiscono un maggiore senso di empowerment sui propri ricordi e una maggiore capacità di affrontare le sfide attuali. La ritrovata resilienza si estende alla loro capacità di affrontare situazioni future, segnando un cambiamento fondamentale nel loro viaggio verso la guarigione.

Il verdetto: l’appoggio dell’EMDR da parte della ricerca e delle istituzioni

Approvato da numerose organizzazioni nazionali e internazionali, l’EMDR si è guadagnato il posto di gold standard per la terapia focalizzata sul trauma. Supportata da oltre 30 studi controllati positivi, la terapia vanta un track record impressionante, con studi che indicano che dall’84% al 94% delle vittime di un singolo trauma non soddisfa più i criteri per il disturbo da stress post-traumatico dopo sole tre sessioni da 90 minuti.

Stimate organizzazioni, tra cui l’American Psychiatric Association, l’American Psychological Association, la International Society for Traumatic Stress Studies (ISTSS), la National Alliance on Mental Illness (NAMI), la Substance Abuse and Mental Health Services Administration (SAMHSA), il Department of Veterans Affairs/Department of La Difesa, il Cochrane Database of Systematic Reviews e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno tutti prestato il loro sostegno all’efficacia dell’EMDR.

Trovare la guida giusta: orientarsi nel regno dei terapisti EMDR

Fondamentale per il successo della terapia EMDR è l’esperienza del terapeuta. Per intraprendere questo viaggio di trasformazione, le persone dovrebbero cercare professionisti della salute mentale autorizzati e formati con qualifiche specifiche:

  • Livello di formazione: i terapisti dovrebbero avere una formazione completa sull’EMDR, con un focus specifico sul problema o disturbo dell’individuo.
  • Approvazione EMDRIA: è essenziale garantire che la formazione EMDR del terapista sia approvata dall’EMDR International Association (EMDRIA).
  • Conoscenza aggiornata: i terapisti dovrebbero essere informati sui protocolli e sugli sviluppi più recenti dell’EMDR, dimostrando l’impegno a rimanere aggiornati sul campo.
  • Esperienza e tasso di successo: l’esperienza del terapeuta nel trattare casi simili al problema o al disturbo dell’individuo, insieme a un tasso di successo positivo, è una considerazione chiave.

Conclusione: una nuova alba per la guarigione

Nel panorama degli interventi terapeutici, l’EMDR si distingue come un filo di speranza per coloro che navigano nel complesso terreno del trauma. Il suo approccio strutturato, supportato dal solido modello AIP e da una vasta ricerca, lo posiziona come una forza trasformativa nel trattamento della salute mentale. Quando le persone intraprendono questo viaggio, guidate da terapisti esperti attraverso le fasi dell’EMDR, non scoprono solo

una risoluzione ai loro ricordi traumatici ma un rinnovato senso di azione sul loro passato, presente e futuro. Con l’EMDR, le ombre del trauma incontrano il potere illuminante della guarigione, una testimonianza della resilienza dello spirito umano di fronte alle avversità.


link di riferimento: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/26408066.2023.2271927

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.