Le sfide e gli imperativi dei controlli sulle esportazioni di fronte all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia

0
49

In seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia , una coalizione di nazioni, tra cui gli Stati membri dell’Unione Europea, gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Giappone, la Corea del Sud e altri, ha imposto controlli senza precedenti sulle esportazioni della Federazione Russa, in particolare riguardante i beni a duplice uso. Queste misure mirano a interrompere l’accesso della Russia a input critici, compresa l’elettronica ad alta tecnologia, necessaria per la sua industria militare e lo sforzo bellico. Ciò costituisce un importante banco di prova per i controlli sulle esportazioni e le sanzioni tecnologiche del 21° secolo, con lezioni che si estendono oltre il conflitto Ucraina-Russia.

I controlli sulle esportazioni, tuttavia, pongono sfide sostanziali a causa della natura intricata delle catene di approvvigionamento globali, dell’esclusione delle principali economie come la Cina dalla coalizione delle sanzioni e dell’esperienza e delle risorse limitate all’interno dei paesi della coalizione. Di conseguenza, la Russia è riuscita ad assicurarsi notevoli quantità dei materiali di cui ha bisogno per la produzione militare. Tra gennaio e ottobre 2023, le importazioni di beni prioritari per i campi di battaglia, identificati da Stati Uniti, UE, Regno Unito e altri partner dell’Ucraina, sono ammontate a 8,77 miliardi di dollari, segnando solo un calo del 10% rispetto al periodo pre-sanzioni.

Per gli articoli ritenuti critici per l’industria militare russa, questa cifra è salita a 22,23 miliardi di dollari. Di particolare preoccupazione è il ruolo svolto dai produttori dei paesi della coalizione i cui prodotti, fabbricati all’estero, finiscono in Russia a causa degli insufficienti sforzi di conformità del settore privato. Incredibilmente, quasi la metà delle importazioni russe di questi beni cruciali nel 2023 provenivano da produttori all’interno della coalizione.

Questa analisi sottolinea che i controlli sulle esportazioni devono affrontare sfide persistenti, compresi i sistemi di elusione dei paesi terzi, ma evidenzia anche il continuo coinvolgimento dei produttori dei paesi della coalizione negli scambi con la Russia attraverso intermediari di paesi terzi. Sono necessari miglioramenti urgenti, che richiedono una più stretta cooperazione tra le autorità e il settore privato. Questi miglioramenti sono essenziali non solo per garantire l’efficacia dell’attuale regime di sanzioni, ma anche per salvaguardarne la credibilità nel medio e lungo termine. Le complessità che circondano l’esportazione di beni a duplice uso sono innegabili.

Tuttavia, avendo intrapreso questa strada, è fondamentale garantire che queste misure abbiano successo, inviando così un messaggio chiaro a coloro che potrebbero prendere in considerazione l’idea di mettere in discussione l’ordine internazionale basato su regole. Mentre l’Ucraina affronta il suo secondo inverno con attacchi missilistici e droni russi sulle infrastrutture civili, continuano a essere scoperti componenti stranieri negli armamenti che prendono di mira quotidianamente città come Kiev.

Alla luce di queste sfide e osservazioni, esortiamo i politici a intraprendere azioni decisive per mantenere i controlli sulle esportazioni un passo avanti rispetto agli sforzi della Russia per aggirarli. Queste misure dovrebbero affrontare sfide distinte nelle varie fasi della catena di approvvigionamento e richiedere soluzioni su misura. Devono sforzarsi di:

  • Colmare le lacune politiche nell’attuale regime di controllo delle esportazioni,
  • Rafforzare le istituzioni governative responsabili dell’attuazione e dell’applicazione,
  • Incoraggiare e responsabilizzare il settore privato a potenziare gli sforzi di conformità,
  • Schemi di elusione degli obiettivi che consentono alla Russia di importare merci attraverso paesi terzi
  • Rafforzare la cooperazione multilaterale nel campo dei controlli sulle esportazioni.

Mentre il conflitto in Ucraina persiste, il mondo osserva da vicino e l’efficacia di questi controlli sulle esportazioni rimarrà un fattore critico nel modellare la risposta alle azioni della Russia e nel scoraggiare future sfide all’ordine internazionale.


Sommario

  • Le sfide e gli imperativi dei controlli sulle esportazioni di fronte all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
  • Il ruolo invisibile della NATO nella potenza militare russa: un’analisi approfondita delle forniture segrete per l’aviazione
  • Decifrare il codice: le importazioni incrementali di apparecchiature ASML da parte della Russia e l’enigma dell’efficacia delle sanzioni nella produzione di microchip
  • L’OFAC espande le sanzioni contro Hennesea Holdings e chi viola il limite massimo del prezzo del petrolio russo, rilascia nuove licenze generali e modifiche alle domande frequenti
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni: un imperativo fondamentale mentre l’invasione russa dell’Ucraina entra nel suo secondo anno”
  • Impatto dei controlli sulle esportazioni sulla produzione militare russa e sui preparativi per un conflitto esteso
  • Il conflitto in corso in Ucraina: sfide e opportunità nei controlli sulle esportazioni
  • Come la Russia continua a importare componenti per la sua produzione militare
  • Modifiche fondamentali alle catene di approvvigionamento: l’evoluzione del commercio di beni di battaglia e componenti critici con la Russia
  • Il panorama geografico dei produttori di beni di battaglia e di componenti critici nelle catene di fornitura
  • Il panorama della produzione globale di beni bellici e componenti critici nel 2023
  • Il predominio delle aziende cinesi e di Hong Kong nelle vendite finali in Russia
  • Frontiera finale: esame delle origini delle spedizioni di beni di battaglia e componenti critici in Russia
  • Esame degli acquirenti di beni di battaglia e componenti critici in Russia
  • Le principali società straniere continuano a commerciare con la Russia: un’analisi approfondita delle dinamiche attuali
  • Rivalutare l’efficacia dei controlli sulle esportazioni: un’analisi completa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022”
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni: una strategia multiforme per contrastare le tattiche di elusione russe
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: l’imperativo di far rispettare le norme sui prodotti diretti esteri
  • Raffinare i controlli sulle esportazioni: misure rigorose contro l’elusione russa
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le sfide moderne nella politica economica8
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le sfide moderne nella politica economica
  • Rinnovare i controlli sulle esportazioni: integrare le pratiche del settore finanziario e rafforzare la responsabilità aziendale
  • Intensificare i controlli sulle esportazioni: affrontare l’elusione dei paesi terzi nel regime di sanzioni globali
  • Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le questioni sistemiche e la non conformità dei paesi terzi
  • Rafforzare la sicurezza globale: l’imperativo di una maggiore cooperazione multilaterale nei controlli delle esportazioni
  • Il ruolo fondamentale dei dispositivi analogici e degli strumenti Texas nelle catene di fornitura di attrezzature militari russe
  • Il ruolo cruciale delle macchine CNC nella produzione militare russa e l’impatto delle sanzioni
  • Analisi delle dinamiche della catena di fornitura delle macchine CNC in Russia
  • L’evoluzione del mercato delle macchine CNC e l’applicazione dei controlli sulle esportazioni
  • Affrontare la sfida delle lacune sussidiarie nei controlli sulle esportazioni di tecnologia: il caso di SenseTime
  • Analisi dell’impatto e delle implicazioni della transazione di Microsoft sulle violazioni dei controlli sulle esportazioni
  • Navigare tra le complessità dei controlli multilaterali sulle esportazioni nell’era moderna: l’accordo di Wassenaar e oltre
  • Appendice 1: Riepilogo delle misure di controllo delle esportazioni esistenti
  • Appendice 2: Definizione di “Beni Battlefield” e “Componenti critici”
  • Appendice 3 – SINTESI DELLE DINAMICHE SULLE DIVERSE FASI DELLA CATENA DI FORNITURA
  • Appendice 4: Sottoinsieme di società da analizzare nella Sezione II.4

Il ruolo invisibile della NATO nella potenza militare russa: un’analisi approfondita delle forniture segrete per l’aviazione

Nonostante le sanzioni internazionali e le condanne pubbliche, una recente indagine del progetto investigativo Sistema ha svelato una sorprendente contraddizione nella geopolitica globale. Le aziende dei paesi membri della NATO, il blocco che si oppone all’aggressione russa in Ucraina, hanno fornito segretamente alla Russia pezzi di ricambio essenziali per l’aviazione, alcuni dei quali potrebbero potenzialmente essere riutilizzati per uso militare. Questa rivelazione avviene in un contesto di crescenti tensioni e di tragiche perdite di vite umane nel conflitto in corso.

Negli ultimi giorni del 2023, a soli due giorni dal nuovo anno, si è verificato un triste evento. L’esercito russo ha lanciato un massiccio bombardamento su varie città ucraine tra cui Kiev, Lvov, Kharkov e Odessa. Questo brutale assalto ha provocato la tragica perdita di 58 vite umane e il ferimento di 158 persone. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, in un discorso straziante dell’epoca, lo descrisse come un assalto con tutta la potenza dell’arsenale russo.

Al centro di questo attacco c’erano i caccia russi Su-30, aerei che sono stati spesso citati dalle autorità ucraine in numerosi rapporti di bombardamento. I Su-30 hanno una storia famigerata; nella primavera del 2022 questi aerei sono stati coinvolti nel bombardamento della regione di Sumy, provocando la morte di 21 persone, compresi bambini. Un successivo attacco nel luglio 2022 ha visto un missile di un Su-30 colpire un edificio residenziale a Odessa. Il Su-30, un versatile caccia multiruolo in grado di colpire sia bersagli aerei che terrestri, è un punto fermo delle forze aerospaziali e della marina russa, con almeno 120 unità di varie modifiche in servizio. In particolare, il progetto Oryx, che analizza informazioni open source sulle operazioni militari, segnala la perdita di 11 aerei di questo tipo da parte dell’esercito russo dall’inizio dell’invasione su vasta scala.

I Su-30 sono prodotti presso l’Irkutsk Aircraft Plant, una filiale della PJSC Yakovlev, sotto l’egida della United Aircraft Corporation (UAC) di Rostec. Il capo di Rostec, Sergei Chemezov, è una figura inclusa negli elenchi delle sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti. Queste sanzioni, avviate nel 2014 e intensificate in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, hanno preso di mira specificamente il PJSC Yakovlev a causa dell’uso dei jet Su-30 in operazioni aggressive.

Nonostante le sanzioni, che vietano formalmente a Yakovlev di procurarsi parti e attrezzature dai paesi sanzionati, l’azienda è riuscita a sostenere le proprie operazioni, anche se con difficoltà. La scarsità di componenti importati ha avuto un impatto sui tassi di produzione, in particolare per gli aerei civili come il Sukhoi Superjet-100. In risposta a queste sfide, il management di Yakovlev ha annunciato pubblicamente uno spostamento verso fonti nazionali per motori e pezzi di ricambio.

Tuttavia, la realtà diverge da queste affermazioni. Le indagini rivelano che Yakovlev continua a importare pezzi di ricambio dall’Europa e dai paesi della NATO, eludendo le sanzioni. Questo commercio segreto comprende una vasta gamma di componenti, dai transponder ai tronchesi, cruciali per lo sviluppo e la produzione di aerei.

L’organizzazione no-profit americana C4ADS, specializzata nell’analisi del settore della difesa, ha fornito a Sistema i dati sulle importazioni doganali per Yakovlev PJSC per il 2022 e il 2023. Questi dati rivelano una spesa superiore a otto milioni di dollari per queste importazioni. Tra questi, i contributori più significativi sono stati la Germania, con esportazioni per un valore di 4,4 milioni di dollari, e la società americana Honeywell International, con sede in Germania, con forniture per oltre 3,9 milioni di dollari. Queste transazioni sono avvenute nonostante la dichiarazione pubblica di Honeywell di cessare le operazioni in Russia e Bielorussia a seguito dell’escalation del conflitto in Ucraina.

In un recente aggiornamento del 25 gennaio, Honeywell ha risposto alle richieste di Sistema, affermando di aver cessato tutte le transazioni con PJSC Yakovlev dal 24 febbraio 2022. La società ha inoltre sottolineato il proprio impegno a chiudere le proprie attività in Russia e a garantire il rispetto dei requisiti normativi per impedire la fornitura indiretta dei suoi prodotti alla Russia.

Questa complessa rete di forniture segrete e manovre geopolitiche sottolinea una preoccupante dicotomia nella posizione internazionale contro l’aggressione russa. Mentre il fronte delle sanzioni e delle condanne pubbliche rimane forte, le correnti sotterranee del commercio internazionale e degli interessi aziendali dipingono un quadro diverso, che contribuisce inavvertitamente allo stesso conflitto che queste misure cercano di sedare. Le implicazioni di questi risultati sono di vasta portata e spingono a rivalutare l’efficacia e l’integrità delle sanzioni internazionali e il ruolo delle multinazionali nei conflitti.

Continuando con l’intricata narrazione dei rapporti clandestini dei paesi della NATO con la Russia, approfondiamo ulteriormente il ruolo della società francese Thales AVS France SAS. Nota per la sua esperienza nelle attrezzature aerospaziali e di difesa, Thales è stata coinvolta nella fornitura non solo di attrezzature di livello militare come termocamere per carri armati, sistemi di navigazione e rilevatori a infrarossi per aerei militari, ma anche moduli per la protezione dei dati degli utenti bancari. Le attività dell’azienda sono state messe sotto esame soprattutto nell’estate del 2022, quando ha annunciato il suo ritiro dalla Russia. Tuttavia, questa mossa ha fatto seguito a una primavera controversa in cui Thales si è trovata coinvolta in uno scandalo per aver violato la legislazione sulle sanzioni.

Nonostante le sanzioni, Thales ha continuato a commerciare con la Russia nel 2022 e nel 2023. I documenti di approvvigionamento di Yakovlev potrebbero aver etichettato questi prodotti come “non per scopi militari”, ma l’ambiguità di tali articoli nel contesto di un ambiente devastato dalla guerra lascia spazio a potenziali uso improprio e potrebbe essere interpretato come una violazione delle sanzioni da parte di Thales. La spesa totale di Yakovlev per l’approvvigionamento della Thales AVS France SAS durante un anno e mezzo di conflitto intensificato ha raggiunto circa 783mila dollari.

In una svolta peculiare, Yakovlev PJSC è riuscito a importare merci europee esplicitamente contrassegnate per “uso militare” dopo l’inizio della guerra e l’attuazione delle sanzioni. Tuttavia, queste importazioni erano limitate e alquanto insolite: asciugacapelli Bosch e tagliafili Knipex, diretti attraverso l’Algeria. La risposta di Bosch alle domande di Sistema ha rivelato che i prodotti spediti in Russia dall’Algeria non erano nella produzione attuale, essendo stati interrotti prima dell’invasione dell’Ucraina. Bosch ha sottolineato il proprio impegno nel rispetto delle normative e delle sanzioni sull’esportazione, sottolineando gli sforzi volti a impedire che i propri prodotti vengano utilizzati in attività che violano le sanzioni.

Richieste di commenti su queste operazioni in corso sono state inviate da Sistema a Yakovlev PJSC, Thales AVS France SAS, Knipex e al Ministero degli Esteri russo, ma al momento della pubblicazione non è stata ricevuta alcuna risposta. Dmitry Peskov, l’addetto stampa di Putin, quando è stato interrogato sul continuo approvvigionamento di attrezzature occidentali nel contesto della spinta della Russia per la sostituzione delle importazioni, ha liquidato la questione come irrilevante per l’amministrazione presidenziale.

L’ex viceministro dell’Energia russo, Vladimir Milov, ha offerto una prospettiva critica sulla situazione. Ha suggerito che le imprese europee e occidentali generalmente non nutrono alcun desiderio di sanzioni contro la Russia, guidate da un’incessante ricerca del profitto, anche se ciò significa sfruttare scappatoie legali. Milov ha sostenuto che affinché le sanzioni siano efficaci, l’Europa ha bisogno di strumenti più robusti, che attualmente mancano e stanno appena iniziando ad essere discussi.

Milov ha avvertito che mentre le imprese troveranno e sfrutteranno invariabilmente queste lacune in assenza di un monitoraggio rigoroso, qualsiasi comprovata violazione del regime di sanzioni da parte delle aziende occidentali potrebbe portare a gravi ripercussioni, tra cui pesanti multe e arresti. Le sue intuizioni sottolineano la natura complessa e spesso contraddittoria dell’etica degli affari internazionali, soprattutto all’ombra dei conflitti geopolitici e delle sanzioni economiche.

Parti occidentali per un produttore russo di caccia a reazione

Nonostante le sanzioni occidentali, diversi fornitori europei e statunitensi hanno continuato a esportare componenti aeronautici in Russia, principalmente aziende in Francia, Germania e Stati Uniti.

In seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, una coalizione di nazioni, tra cui gli Stati membri dell’Unione Europea, gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Giappone, la Corea del Sud e altri, ha imposto controlli senza precedenti sulle esportazioni della Federazione Russa, in particolare riguardante i beni a duplice uso. Queste misure mirano a interrompere l’accesso della Russia a input critici, compresa l’elettronica ad alta tecnologia, necessaria per la sua industria militare e lo sforzo bellico. Ciò costituisce un importante banco di prova per i controlli sulle esportazioni e le sanzioni tecnologiche del 21° secolo, con lezioni che si estendono oltre il conflitto Ucraina-Russia.

I controlli sulle esportazioni, tuttavia, pongono sfide sostanziali a causa della natura intricata delle catene di approvvigionamento globali, dell’esclusione delle principali economie come la Cina dalla coalizione delle sanzioni e dell’esperienza e delle risorse limitate all’interno dei paesi della coalizione. Di conseguenza, la Russia è riuscita ad assicurarsi notevoli quantità dei materiali di cui ha bisogno per la produzione militare. Tra gennaio e ottobre 2023, le importazioni di beni prioritari per i campi di battaglia, identificati da Stati Uniti, UE, Regno Unito e altri partner dell’Ucraina, sono ammontate a 8,77 miliardi di dollari, segnando solo un calo del 10% rispetto al periodo pre-sanzioni. Per gli articoli ritenuti critici per l’industria militare russa, questa cifra è salita a 22,23 miliardi di dollari. Di particolare preoccupazione è il ruolo svolto dai produttori dei paesi della coalizione i cui prodotti, fabbricati all’estero, finiscono in Russia a causa degli insufficienti sforzi di conformità del settore privato. Incredibilmente, quasi la metà delle importazioni russe di questi beni cruciali nel 2023 provenivano da produttori all’interno della coalizione.

Questa analisi sottolinea che i controlli sulle esportazioni devono affrontare sfide persistenti, compresi i sistemi di elusione dei paesi terzi, ma evidenzia anche il continuo coinvolgimento dei produttori dei paesi della coalizione negli scambi con la Russia attraverso intermediari di paesi terzi. Sono necessari miglioramenti urgenti, che richiedono una più stretta cooperazione tra le autorità e il settore privato. Questi miglioramenti sono essenziali non solo per garantire l’efficacia dell’attuale regime di sanzioni, ma anche per salvaguardarne la credibilità nel medio e lungo termine. Le complessità che circondano l’esportazione di beni a duplice uso sono innegabili. Tuttavia, avendo intrapreso questa strada, è fondamentale garantire che queste misure abbiano successo, inviando così un messaggio chiaro a coloro che potrebbero prendere in considerazione l’idea di mettere in discussione l’ordine internazionale basato su regole. Mentre l’Ucraina affronta il suo secondo inverno con attacchi missilistici e droni russi sulle infrastrutture civili, continuano a essere scoperti componenti stranieri negli armamenti che prendono di mira quotidianamente città come Kiev.

Alla luce di queste sfide e osservazioni, esortiamo i politici a intraprendere azioni decisive per mantenere i controlli sulle esportazioni un passo avanti rispetto agli sforzi della Russia per aggirarli. Queste misure dovrebbero affrontare sfide distinte nelle varie fasi della catena di approvvigionamento e richiedere soluzioni su misura. Devono sforzarsi di:

  • Colmare le lacune politiche nell’attuale regime di controllo delle esportazioni,
  • Rafforzare le istituzioni governative responsabili dell’attuazione e dell’applicazione,
  • Incoraggiare e responsabilizzare il settore privato a potenziare gli sforzi di conformità,
  • Schemi di elusione degli obiettivi che consentono alla Russia di importare merci attraverso paesi terzi
  • Rafforzare la cooperazione multilaterale nel campo dei controlli sulle esportazioni.

Mentre il conflitto in Ucraina persiste, il mondo osserva da vicino e l’efficacia di questi controlli sulle esportazioni rimarrà un fattore critico nel modellare la risposta alle azioni della Russia e nel scoraggiare future sfide all’ordine internazionale.

Il ruolo invisibile della NATO nella potenza militare russa: un’analisi approfondita delle forniture segrete per l’aviazione

Nonostante le sanzioni internazionali e le condanne pubbliche, una recente indagine del progetto investigativo Sistema ha svelato una sorprendente contraddizione nella geopolitica globale. Le aziende dei paesi membri della NATO, il blocco che si oppone all’aggressione russa in Ucraina, hanno fornito segretamente alla Russia pezzi di ricambio essenziali per l’aviazione, alcuni dei quali potrebbero potenzialmente essere riutilizzati per uso militare. Questa rivelazione avviene in un contesto di crescenti tensioni e di tragiche perdite di vite umane nel conflitto in corso.

Negli ultimi giorni del 2023, a soli due giorni dal nuovo anno, si è verificato un triste evento. L’esercito russo ha lanciato un massiccio bombardamento su varie città ucraine tra cui Kiev, Lvov, Kharkov e Odessa. Questo brutale assalto ha provocato la tragica perdita di 58 vite umane e il ferimento di 158 persone. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, in un discorso straziante dell’epoca, lo descrisse come un assalto con tutta la potenza dell’arsenale russo.

Al centro di questo attacco c’erano i caccia russi Su-30, aerei che sono stati spesso citati dalle autorità ucraine in numerosi rapporti di bombardamento. I Su-30 hanno una storia famigerata; nella primavera del 2022 questi aerei sono stati coinvolti nel bombardamento della regione di Sumy, provocando la morte di 21 persone, compresi bambini. Un successivo attacco nel luglio 2022 ha visto un missile di un Su-30 colpire un edificio residenziale a Odessa. Il Su-30, un versatile caccia multiruolo in grado di colpire sia bersagli aerei che terrestri, è un punto fermo delle forze aerospaziali e della marina russa, con almeno 120 unità di varie modifiche in servizio. In particolare, il progetto Oryx, che analizza informazioni open source sulle operazioni militari, segnala la perdita di 11 aerei di questo tipo da parte dell’esercito russo dall’inizio dell’invasione su vasta scala.

I Su-30 sono prodotti presso l’Irkutsk Aircraft Plant, una filiale della PJSC Yakovlev, sotto l’egida della United Aircraft Corporation (UAC) di Rostec. Il capo di Rostec, Sergei Chemezov, è una figura inclusa negli elenchi delle sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti. Queste sanzioni, avviate nel 2014 e intensificate in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, hanno preso di mira specificamente il PJSC Yakovlev a causa dell’uso dei jet Su-30 in operazioni aggressive.

Nonostante le sanzioni, che vietano formalmente a Yakovlev di procurarsi parti e attrezzature dai paesi sanzionati, l’azienda è riuscita a sostenere le proprie operazioni, anche se con difficoltà. La scarsità di componenti importati ha avuto un impatto sui tassi di produzione, in particolare per gli aerei civili come il Sukhoi Superjet-100. In risposta a queste sfide, il management di Yakovlev ha annunciato pubblicamente uno spostamento verso fonti nazionali per motori e pezzi di ricambio.

Tuttavia, la realtà diverge da queste affermazioni. Le indagini rivelano che Yakovlev continua a importare pezzi di ricambio dall’Europa e dai paesi della NATO, eludendo le sanzioni. Questo commercio segreto comprende una vasta gamma di componenti, dai transponder ai tronchesi, cruciali per lo sviluppo e la produzione di aerei.

L’organizzazione no-profit americana C4ADS, specializzata nell’analisi del settore della difesa, ha fornito a Sistema i dati sulle importazioni doganali per Yakovlev PJSC per il 2022 e il 2023. Questi dati rivelano una spesa superiore a otto milioni di dollari per queste importazioni. Tra questi, i contributori più significativi sono stati la Germania, con esportazioni per un valore di 4,4 milioni di dollari, e la società americana Honeywell International, con sede in Germania, con forniture per oltre 3,9 milioni di dollari. Queste transazioni sono avvenute nonostante la dichiarazione pubblica di Honeywell di cessare le operazioni in Russia e Bielorussia a seguito dell’escalation del conflitto in Ucraina.

In un recente aggiornamento del 25 gennaio, Honeywell ha risposto alle richieste di Sistema, affermando di aver cessato tutte le transazioni con PJSC Yakovlev dal 24 febbraio 2022. La società ha inoltre sottolineato il proprio impegno a chiudere le proprie attività in Russia e a garantire il rispetto dei requisiti normativi per impedire la fornitura indiretta dei suoi prodotti alla Russia.

Questa complessa rete di forniture segrete e manovre geopolitiche sottolinea una preoccupante dicotomia nella posizione internazionale contro l’aggressione russa. Mentre il fronte delle sanzioni e delle condanne pubbliche rimane forte, le correnti sotterranee del commercio internazionale e degli interessi aziendali dipingono un quadro diverso, che contribuisce inavvertitamente allo stesso conflitto che queste misure cercano di sedare. Le implicazioni di questi risultati sono di vasta portata e spingono a rivalutare l’efficacia e l’integrità delle sanzioni internazionali e il ruolo delle multinazionali nei conflitti.

Continuando con l’intricata narrazione dei rapporti clandestini dei paesi della NATO con la Russia, approfondiamo ulteriormente il ruolo della società francese Thales AVS France SAS. Nota per la sua esperienza nelle attrezzature aerospaziali e di difesa, Thales è stata coinvolta nella fornitura non solo di attrezzature di livello militare come termocamere per carri armati, sistemi di navigazione e rilevatori a infrarossi per aerei militari, ma anche moduli per la protezione dei dati degli utenti bancari. Le attività dell’azienda sono state messe sotto esame soprattutto nell’estate del 2022, quando ha annunciato il suo ritiro dalla Russia. Tuttavia, questa mossa ha fatto seguito a una primavera controversa in cui Thales si è trovata coinvolta in uno scandalo per aver violato la legislazione sulle sanzioni.

Nonostante le sanzioni, Thales ha continuato a commerciare con la Russia nel 2022 e nel 2023. I documenti di approvvigionamento di Yakovlev potrebbero aver etichettato questi prodotti come “non per scopi militari”, ma l’ambiguità di tali articoli nel contesto di un ambiente devastato dalla guerra lascia spazio a potenziali uso improprio e potrebbe essere interpretato come una violazione delle sanzioni da parte di Thales. La spesa totale di Yakovlev per l’approvvigionamento della Thales AVS France SAS durante un anno e mezzo di conflitto intensificato ha raggiunto circa 783mila dollari.

In una svolta peculiare, Yakovlev PJSC è riuscito a importare merci europee esplicitamente contrassegnate per “uso militare” dopo l’inizio della guerra e l’attuazione delle sanzioni. Tuttavia, queste importazioni erano limitate e alquanto insolite: asciugacapelli Bosch e tagliafili Knipex, diretti attraverso l’Algeria. La risposta di Bosch alle domande di Sistema ha rivelato che i prodotti spediti in Russia dall’Algeria non erano nella produzione attuale, essendo stati interrotti prima dell’invasione dell’Ucraina. Bosch ha sottolineato il proprio impegno nel rispetto delle normative e delle sanzioni sull’esportazione, sottolineando gli sforzi volti a impedire che i propri prodotti vengano utilizzati in attività che violano le sanzioni.

Richieste di commenti su queste operazioni in corso sono state inviate da Sistema a Yakovlev PJSC, Thales AVS France SAS, Knipex e al Ministero degli Esteri russo, ma al momento della pubblicazione non è stata ricevuta alcuna risposta. Dmitry Peskov, l’addetto stampa di Putin, quando è stato interrogato sul continuo approvvigionamento di attrezzature occidentali nel contesto della spinta della Russia per la sostituzione delle importazioni, ha liquidato la questione come irrilevante per l’amministrazione presidenziale.

L’ex viceministro dell’Energia russo, Vladimir Milov, ha offerto una prospettiva critica sulla situazione. Ha suggerito che le imprese europee e occidentali generalmente non nutrono alcun desiderio di sanzioni contro la Russia, guidate da un’incessante ricerca del profitto, anche se ciò significa sfruttare scappatoie legali. Milov ha sostenuto che affinché le sanzioni siano efficaci, l’Europa ha bisogno di strumenti più robusti, che attualmente mancano e stanno appena iniziando ad essere discussi.

Milov ha avvertito che mentre le imprese troveranno e sfrutteranno invariabilmente queste lacune in assenza di un monitoraggio rigoroso, qualsiasi comprovata violazione del regime di sanzioni da parte delle aziende occidentali potrebbe portare a gravi ripercussioni, tra cui pesanti multe e arresti. Le sue intuizioni sottolineano la natura complessa e spesso contraddittoria dell’etica degli affari internazionali, soprattutto all’ombra dei conflitti geopolitici e delle sanzioni economiche.

Parti occidentali per un produttore russo di caccia a reazione

Nonostante le sanzioni occidentali, diversi fornitori europei e statunitensi hanno continuato a esportare componenti aeronautici in Russia, principalmente aziende in Francia, Germania e Stati Uniti.

Decifrare il codice: le importazioni incrementali di apparecchiature ASML da parte della Russia e l’enigma dell’efficacia delle sanzioni nella produzione di microchip

Negli ultimi anni, la Russia ha intrapreso uno sforzo concertato per sostituire l’elettronica e le apparecchiature industriali occidentali con alternative provenienti dalla Cina o prodotte internamente. Nonostante questi sforzi, i dati ufficiali suggeriscono che questa iniziativa ha avuto meno successo del previsto. Negli ultimi due anni, il tentativo del Cremlino di liberarsi dalla tecnologia occidentale è fallito, con circa la metà dei componenti importati per la produzione di armi che provengono ancora da aziende occidentali.

Questa situazione evidenzia una sfida significativa che i settori industriali e tecnologici della Russia devono affrontare. La dipendenza del Paese dalla tecnologia occidentale, soprattutto in settori critici come la produzione di semiconduttori, rimane una vulnerabilità. Nonostante le sanzioni e la spinta verso l’autosufficienza, l’industria tecnologica russa fa ancora molto affidamento sulle importazioni occidentali, direttamente o attraverso complesse reti di intermediari e mercati dell’usato.

Curiosamente, la Russia ha dimostrato un’attitudine unica nell’ideare metodi per aggirare le sanzioni. Una ricerca della Kyiv School of Economics (KSE) e del gruppo di esperti Yermak-McFaul sulle sanzioni russe indica una diminuzione solo del 9% nelle importazioni russe di componenti militari da febbraio 2022. Ciò suggerisce una resilienza nel sostenere il suo complesso militare-industriale nonostante le sanzioni internazionali .

Il caso di ASML, una multinazionale olandese nella produzione di semiconduttori, esemplifica le sfide e le strategie della Russia. I sistemi avanzati di fotolitografia di ASML sono cruciali per la moderna produzione di chip. Tuttavia, alla Russia è stato vietato l’acquisto di questi sistemi dal 2014. Questo blocco ha costretto la Russia a investire nello sviluppo delle proprie capacità di produzione di semiconduttori. Lo stanziamento da parte del Cremlino di circa 100 miliardi di rubli (circa 1,1 miliardi di dollari) dal 2023 al 2025 per questo scopo è un passo significativo, anche se impallidisce in confronto al budget di sviluppo dell’ASML.

L’impegno della Russia in questo campo, tuttavia, deve far fronte ad un ritardo tecnologico. Si prevede che entro il 2024 la Russia avrà raggiunto solo la tecnologia del 1996 nella produzione di chip, che è molto indietro rispetto all’attuale standard globale. Nonostante ciò, la Russia continua a produrre microchip di qualità superiore utilizzando apparecchiature importate, spesso di seconda mano, dalla Cina e dai Paesi Bassi. Ciò include macchine in grado di produrre chip da 90 nanometri, allineandosi ai livelli tecnologici dei primi anni 2000.

Le indagini hanno svelato l’abilità della Russia nell’eludere le sanzioni attraverso una rete di società di importazione. Un esempio lampante di questo stratagemma si è verificato quando le sanzioni occidentali sono state imposte ad AK Microtech LLC, un’azienda precedentemente responsabile dell’importazione di apparecchiature ASML. In risposta, un’altra entità, Krafttek LLC, ha rapidamente assunto il ruolo, a significare le complesse sfide nell’applicazione efficace delle sanzioni. Solo pochi mesi dopo, Krafttek LLC ha ripreso le importazioni di apparecchiature ASML, sollevando ulteriori preoccupazioni. I risultati dell’EP hanno rivelato che questa azienda russa ha presentato costantemente dichiarazioni di importazione di apparecchiature ASML dall’agosto 2023. Sorprendentemente, ha dichiarato importazioni di 16 distinti tipi di apparecchiature ASML, per un valore sostanziale di 1,8 milioni di dollari. Questa risoluta persistenza sottolinea i formidabili ostacoli che le sanzioni devono affrontare nel contrastare le ambizioni della Russia nella produzione di microchip.

Le importazioni di apparecchiature ASML, cruciali per l’industria russa dei semiconduttori, comprendono parti essenziali come apparecchiature per la depurazione dell’acqua e unità di controllo. Queste importazioni, sebbene frammentate, contribuiscono in modo significativo a sostenere ed espandere le capacità di produzione di microchip della Russia. Nonostante le sanzioni, i registri aperti e i resoconti dei media confermano l’uso continuato di apparecchiature ASML, in particolare dei modelli PAS-5500, nelle strutture russe.

Il quadro più ampio delle pratiche di importazione della Russia mostra una forte dipendenza dalla tecnologia occidentale, non del tutto soppiantata dalle alternative cinesi. Ciò include componenti di importanti produttori europei come Siemens, Radiall e Schneider Electric. La persistenza di questa dipendenza illustra i limiti delle attuali sanzioni e la necessità di un approccio più globale e sincronizzato da parte dei paesi occidentali.

Analizzando l’impatto delle sanzioni, un recente rapporto del KSE e del gruppo Yermak-McFaul evidenzia la continua importazione da parte della Russia di componenti militari e beni a duplice uso. Nonostante una riduzione delle importazioni, il volume rimane significativo, con una quota considerevole proveniente da marchi occidentali. Questa situazione sottolinea la necessità di un’applicazione più sfumata e rigorosa delle sanzioni tecnologiche.

L’OFAC espande le sanzioni contro Hennesea Holdings e chi viola il limite massimo del prezzo del petrolio russo, rilascia nuove licenze generali e modifiche alle domande frequenti

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno notevolmente intensificato l’uso delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni come strumenti fondamentali nella loro politica estera e nel loro arsenale economico. Queste misure si sono evolute rapidamente, diventando più sofisticate e mirate, con un impatto diretto sui mercati globali e sul comportamento dei partecipanti al mercato. Nel contesto delle relazioni USA-Russia, comprendere queste sanzioni e i controlli sulle esportazioni è fondamentale per le istituzioni finanziarie, i produttori e le imprese coinvolte o che intendono effettuare transazioni transfrontaliere, nonché rapporti nazionali che coinvolgono entità straniere.

L’evoluzione delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni statunitensi

Inizialmente concepite come strumenti diplomatici per esercitare pressioni senza ricorrere all’azione militare, le sanzioni statunitensi si sono evolute in strumenti più complessi. Ora mirano non solo a influenzare gli attori statali, ma anche a prendere di mira specifici settori, aziende e individui. Gli Stati Uniti hanno ampliato la portata delle sanzioni contro la Russia, principalmente in risposta ai conflitti geopolitici e ai reati informatici. Queste sanzioni ora comprendono una vasta gamma di misure, tra cui il congelamento dei beni, le restrizioni commerciali e il divieto di fare affari con individui ed entità designate.

Anche i controlli sulle esportazioni sono stati perfezionati. Il Bureau of Industry and Security (BIS) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti svolge un ruolo chiave nella regolamentazione dell’esportazione di beni sensibili, tecnologia e software. Questi controlli mirano a prevenire la proliferazione delle armi di distruzione di massa, a contrastare le attività terroristiche e a proteggere gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Impatto sulle istituzioni finanziarie e sulle imprese

Per le istituzioni finanziarie, il regime di sanzioni ampliato richiede un quadro di conformità più rigoroso. Le banche e gli altri enti finanziari devono controllare le transazioni e le partnership rispetto agli elenchi di sanzioni, assicurandosi che non facilitino inavvertitamente attività vietate. Ciò richiede solidi processi di due diligence e un monitoraggio costante, data la natura dinamica degli elenchi di sanzioni.

I produttori e le aziende coinvolte nel commercio transfrontaliero devono destreggiarsi in un panorama complesso di controlli sulle esportazioni. Il rispetto di queste normative è fondamentale per evitare sanzioni, che possono includere multe salate e restrizioni sulle future attività commerciali. L’esportazione di determinate tecnologie, in particolare quelle con potenziali applicazioni militari, è soggetta a severi requisiti di licenza.

Implicazioni per le transazioni transfrontaliere e nazionali

Le aziende che intendono effettuare transazioni transfrontaliere o che coinvolgono entità straniere devono essere profondamente consapevoli delle implicazioni delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni statunitensi. Le transazioni con entità in Russia, ad esempio, possono essere soggette a restrizioni specifiche o richiedere licenze. Il processo di due diligence deve essere approfondito, valutando non solo le parti dirette coinvolte in una transazione ma anche le loro reti e attività più ampie.

Anche le transazioni nazionali che coinvolgono persone o entità straniere rientrano nell’ambito di applicazione di queste normative. Le aziende statunitensi devono garantire che le loro attività nazionali non violino inavvertitamente sanzioni o norme sul controllo delle esportazioni, in particolare quando trattano con società di proprietà straniera o affiliate.

Esempio – Gennaio 2024 – Designazione SDN

L’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha compiuto un passo significativo il 18 gennaio 2024, designando Hennesea Holdings Limited, una compagnia di navigazione con sede negli Emirati Arabi Uniti, e le sue varie filiali, nonché come 18 navi di proprietà di Hennesea, nell’elenco dei cittadini appositamente designati (SDN). Questa azione arriva sulla scia delle accuse secondo cui Hennesea avrebbe facilitato il trasporto di petrolio greggio russo a prezzi superiori al limite massimo di 60 dollari al barile, utilizzando i servizi di un fornitore con sede negli Stati Uniti.

Fondata alla fine del 2022, la strategia di Hennesea è stata sotto esame, in particolare l’acquisizione di vecchie petroliere incaricate di trasportare petrolio greggio e prodotti petroliferi russi. Queste navi cisterna, in ultima analisi di proprietà di Hennesea, sono state notate per i loro frequenti scali nei porti della Federazione Russa, un’attività che ha attirato l’attenzione dell’OFAC in mezzo a severe sanzioni.

Questa recente sanzione fa parte di una serie di misure adottate dall’OFAC contro le entità che violano il tetto massimo del prezzo del petrolio russo. Questi passaggi possono essere tracciati attraverso una sequenza di azioni, a partire dal QuickStudy del 31 ottobre 2023, che ha delineato l’avviso sul limite del prezzo del petrolio russo e la violazione e l’emissione della licenza generale correlata alla Russia, seguito dai successivi aggiornamenti del 20 novembre 2023, e l’11 dicembre 2023. L’azione più recente precedente a questa è stata il QuickStudy del 9 gennaio 2024, che prendeva di mira le compagnie marittime e le navi per aver violato il tetto massimo del prezzo del petrolio russo.

Le implicazioni di queste designazioni sono ampie. Tutte le proprietà e gli interessi nelle proprietà di queste persone bloccate, situate negli Stati Uniti o sotto il controllo di cittadini statunitensi, sono congelati e devono essere segnalati all’OFAC. Inoltre, qualsiasi transazione che coinvolga tali entità, sia all’interno, in transito o in qualsiasi modo collegata agli Stati Uniti, è vietata se non specificatamente autorizzata dall’OFAC o esentata dalla legge.

L’OFAC ha segnalato la sua intenzione di perseguire persistentemente i violatori del tetto del prezzo del petrolio, in particolare quelli che sfruttano i prodotti della Oil Price Cap Coalition, comprese le assicurazioni.

Licenze generali (GL)

Insieme a queste designazioni, l’OFAC ha rilasciato la licenza generale 13H, in sostituzione della precedente GL 13G. Questa licenza, valida fino al 17 aprile 2024, autorizza i soggetti statunitensi a impegnarsi in transazioni necessarie per il pagamento di tasse, commissioni, dazi di importazione e l’acquisizione di permessi, licenze, registrazioni, certificazioni o rimborsi fiscali in Russia. Queste transazioni sono consentite purché siano ordinariamente accessorie e necessarie per le operazioni quotidiane in Russia, secondo i vincoli della Direttiva 4 dell’Ordine Esecutivo 14024. La Direttiva 4 vieta principalmente le transazioni che coinvolgono le principali istituzioni finanziarie russe. In particolare, la precedente GL 13G, che scadrà il 31 gennaio 2024, impediva ai cittadini statunitensi di pagare le “tasse di uscita” russe.

Inoltre, l’OFAC ha introdotto la GL 86, che si estende fino al 17 aprile 2024. Questa licenza autorizza transazioni critiche per l’attracco sicuro, l’ancoraggio e le riparazioni di emergenza delle navi di proprietà di persone bloccate, garantendo la sicurezza dei loro equipaggi e attuando misure di mitigazione o protezione ambientale. attività legate a queste navi. Tuttavia, tutti i pagamenti effettuati a favore di navi o persone bloccate devono essere depositati su un conto bloccato.

Domande frequenti

L’OFAC ha inoltre modificato la FAQ 1157, ampliando l’elenco dei prodotti ittici, in particolare “salmone”, “merluzzo”, “merluzzo giallo” e “granchio”, di cui è vietata l’importazione negli Stati Uniti ai sensi della tabella tariffaria armonizzata degli Stati Uniti. Questo emendamento è in linea con l’ordine esecutivo EO 14068, che delinea i divieti relativi all’importazione di determinate categorie di pesce, frutti di mare e loro preparazioni.

Queste azioni globali da parte dell’OFAC riflettono un approccio fermo all’applicazione delle sanzioni e al mantenimento di controlli rigorosi sulle transazioni e sulle attività commerciali legate alle entità designate, in particolare nel contesto dell’attuale situazione geopolitica che coinvolge la Russia.

Rafforzare i controlli sulle esportazioni: un imperativo fondamentale mentre l’invasione russa dell’Ucraina entra nel suo secondo anno”

Mentre la brutale invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia si avvicina al suo secondo anniversario, il popolo ucraino, sia civili che soldati, continua a sopportare le realtà strazianti della guerra e dell’occupazione. In risposta all’aggressione russa, una coalizione di nazioni ha imposto controlli sulle esportazioni senza precedenti volti a limitare gravemente l’accesso della Russia a componenti stranieri essenziali per la produzione di sistemi d’arma avanzati. Tuttavia, le persistenti operazioni offensive da parte dell’esercito russo, insieme a un secondo inverno di incessanti attacchi missilistici e droni contro le infrastrutture civili, sottolineano il ruolo fondamentale delle componenti straniere nel sostenere questa aggressione. L’Agenzia nazionale ucraina per la prevenzione della corruzione (NACP) ha documentato minuziosamente quasi 2.800 singole parti trovate in armi russe sul campo di battaglia, inclusi missili, droni, veicoli corazzati e vari sistemi, con informazioni dettagliate sulle società responsabili della loro produzione.

La continua dipendenza della Russia da componenti stranieri per la sua produzione militare è sorprendentemente evidente, con uno sconcertante 95% di tutte le parti trovate nelle armi russe sul campo di battaglia provenienti da produttori nei paesi della coalizione. Sorprendentemente, il 72% di questi componenti può essere ricondotto alle sole aziende con sede negli Stati Uniti. Questi dati evidenziano la continua sfida che la Russia deve affrontare nel trovare sostituti validi dal suo mercato interno o dai suoi alleati, con componenti provenienti dalla Cina che rappresentano solo il 4% dei circa 2.800 articoli identificati. Di conseguenza, i controlli sulle esportazioni rimangono un potente strumento per limitare lo sforzo bellico della Russia. Tuttavia, la loro applicazione sembra insufficiente e richiede misure immediate per migliorarne l’efficacia.

È interessante notare che, nonostante i controlli sulle esportazioni, la capacità della Russia di produrre missili e droni sembra essere aumentata in modo significativo nel 2023. I dati dell’esercito ucraino dimostrano l’aumento degli attacchi di droni durante tutto l’anno, attribuito alla capacità della Russia di localizzare la produzione dei droni Shahed iraniani. Secondo le stime del governo ucraino, anche le capacità di produzione missilistica sono aumentate, passando da circa 50 unità al mese nel 2022 a circa 100 a metà 2023 e raggiungendo circa 115 entro la fine dello stesso anno. La drammatica escalation degli attacchi missilistici nel mese di dicembre può essere attribuita alla ben nota strategia della Russia di accumulare armi per attacchi alle infrastrutture civili durante i mesi invernali.

Sebbene l’Ucraina abbia ottenuto un certo successo nell’intercettare droni e missili, con l’abbattimento rispettivamente dell’83,8% e del 70,3%, ciò mette a dura prova le difese aeree del paese. Paradossalmente, crea uno scenario difficile in cui gli alleati dell’Ucraina sono costretti a fornire maggiore assistenza militare all’Ucraina per difendersi dalle armi che la Russia può produrre solo a causa del suo continuo accesso a componenti importati provenienti dagli alleati dell’Ucraina.

Mentre il conflitto in Ucraina entra nel suo secondo anno, l’imperativo di rafforzare i controlli sulle esportazioni non è mai stato così evidente. La cruda realtà della continua violenza e distruzione sottolinea l’urgenza di attuare misure per rafforzare i controlli sulle esportazioni, colmare le lacune nell’applicazione delle norme e ridurre la capacità della Russia di procurarsi componenti stranieri per la sua produzione militare. L’incapacità di affrontare questi problemi non solo mina l’efficacia delle sanzioni, ma perpetua anche un ciclo di violenza e instabilità in Ucraina e minaccia l’ordine internazionale più ampio. La necessità di un’azione decisiva e di una cooperazione internazionale per affrontare queste sfide non può essere sopravvalutata.

Fonte: NACP

Impatto dei controlli sulle esportazioni sulla produzione militare russa e sui preparativi per un conflitto esteso

Nonostante si prevedesse che le sanzioni sui beni a duplice uso, inizialmente imposte in risposta all’annessione della Crimea nel 2014 e successivamente inasprite in seguito all’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, avrebbero ridotto la sofisticazione dell’equipaggiamento militare russo, le osservazioni degli esperti ucraini impegnati nello smantellamento delle armi dal campo di battaglia suggeriscono una realtà diversa. Sorprendentemente, non vi è alcuna prova evidente di una sostanziale sostituzione delle componenti avanzate dei paesi della coalizione con parti russe o cinesi, che si presumono meno avanzate. Invece, le intuizioni di questi esperti indicano che i cambiamenti riguardano principalmente gli sforzi di modernizzazione e l’incorporazione di nuove funzionalità, piuttosto che un cambiamento fondamentale nei fornitori. Ciò suggerisce che i controlli sulle esportazioni hanno il potenziale per ridurre in modo significativo la produzione militare della Russia e la sua capacità di dichiarare guerra all’Ucraina in modo efficace.

Inoltre, le indagini rivelano che la Russia sta attivamente rafforzando le proprie capacità militari in preparazione ad un conflitto esteso. Le immagini satellitari hanno rivelato la costruzione di nuove strutture dedicate alla riparazione di aerei, alla produzione di missili, all’assemblaggio di droni e ad altri scopi militari. Ad esempio, gli stabilimenti aeronautici di Kazan e Irkutsk hanno assistito ad un’espansione negli ultimi mesi, con un’attenzione particolare agli aerei da combattimento Su-30, un tipo di aereo cruciale all’interno dell’aeronautica russa. Inoltre, è stato costruito l’impianto di costruzione di macchine di Dubna, insieme a un impianto a Kronstad, che svolge un ruolo fondamentale nella produzione di missili per conto della cooperazione statale per le armi missilistiche tattiche. In particolare, una parte significativa di questi progetti di costruzione è iniziata tra il 2018 e il 2021, ma una notevole accelerazione nelle attività di costruzione si è verificata dopo l’invasione del febbraio 2022.

Questi sviluppi sottolineano la persistenza e l’adattabilità del complesso militare-industriale russo, anche a fronte di severi controlli sulle esportazioni e sanzioni economiche. Anche se i controlli sulle esportazioni non hanno causato un cambiamento drammatico nell’approvvigionamento di componenti da parte della Russia, hanno avuto un ruolo nel limitare le sue capacità di produzione militare. Tuttavia, poiché la Russia continua a investire nella modernizzazione delle proprie infrastrutture militari e nell’espansione dei propri impianti di produzione, diventa evidente che i soli controlli sulle esportazioni potrebbero non essere sufficienti a frenare le sue ambizioni militari nel lungo termine.

Poiché il conflitto in Ucraina persiste, i politici devono rimanere vigili e proattivi nel perfezionare e rafforzare le misure di controllo delle esportazioni. Queste misure dovrebbero essere dinamiche e affrontare l’evoluzione delle strategie e delle capacità del complesso militare-industriale russo. Inoltre, la cooperazione internazionale e la condivisione dell’intelligence tra i paesi della coalizione sono cruciali per contrastare la capacità della Russia di eludere i controlli sulle esportazioni e sostenere la sua produzione militare.

Il conflitto in corso in Ucraina: sfide e opportunità nei controlli sulle esportazioni

Mentre l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia si avvicina al suo secondo anniversario, l’impegno strategico a rafforzare le infrastrutture militari attraverso ampi sforzi di costruzione rivela una prospettiva a lungo termine sul conflitto. Questa espansione ha contribuito a creare una situazione formidabile sul campo di battaglia, garantendo alla Russia la capacità di eseguire operazioni su larga scala e bloccando di fatto qualsiasi controffensiva da parte dell’Ucraina (vedi Figura 3). Allo stesso tempo, un deficit globale di proiettili di artiglieria ha costretto entrambe le parti ad adattare le proprie strategie, con un notevole aumento dell’uso di droni con visuale in prima persona (FPV) come alternativa alle armi convenzionali. Sia l’Ucraina che la Russia sono costrette a creare nuove capacità produttive, riflettendo la natura in evoluzione della guerra e la probabilità di una maggiore dipendenza da componenti straniere in futuro.

In mezzo a questi sviluppi preoccupanti, è essenziale riconoscere alcune tendenze positive che sono emerse. In primo luogo, le questioni legate al settore dell’aviazione civile russa hanno evidenziato le sfide della catena di approvvigionamento, rispecchiando i potenziali vincoli nel campo dell’aviazione militare. In secondo luogo, la Russia sta affrontando perdite senza precedenti in tutte le categorie del suo equipaggiamento militare. Anche nell’ipotetico scenario di una cessazione immediata delle attività militari, la Russia impiegherebbe più di un anno per ripristinare le capacità missilistiche e molto più tempo per sostituire i veicoli corazzati distrutti. Questi insuccessi sottolineano la portata delle sfide della Russia e il notevole tempo e le risorse necessarie per la ricostruzione postbellica delle sue forze armate.

Inoltre, i servizi di intelligence ucraini hanno osservato un notevole rallentamento dell’industria militare russa, facendo eco alle osservazioni del presidente Zelenskyj nel suo discorso del 21 dicembre 2023. Sebbene i dettagli specifici su questi sviluppi rimangano non divulgati, ciò è in linea con i risultati riguardanti le crescenti interruzioni della catena di approvvigionamento riguardanti input esteri. Il corso della guerra potrebbe essere determinato nel 2024. Mentre l’Ucraina continuerà a fare affidamento sul sostegno finanziario e militare dei suoi alleati per sconfiggere l’aggressione russa, è imperativo che i paesi della coalizione aumentino l’impatto dei controlli sulle esportazioni.

Il commercio di beni soggetti a controllo sulle esportazioni persiste nonostante la significativa attenzione dei media focalizzata sui casi di componenti di società straniere scoperti nelle armi russe e sui sistemi di elusione che consentono alla Russia di acquisire input critici per la sua industria militare. La posta in gioco va oltre la libertà e la sicurezza del popolo ucraino; comprendono la credibilità del regime di sanzioni. I controlli sulle esportazioni, giustamente considerati la nuova frontiera della politica economica, rischiano di perdere la loro efficacia in assenza di una rigorosa applicazione. Gli alleati dell’Ucraina devono dare priorità agli sforzi volti a limitare la Russia, garantendo che il paese possieda la superiorità tecnologica necessaria per prevalere nel conflitto in corso.

Fonte: NACP

Come la Russia continua a importare componenti per la sua produzione militare

“Beni bellici” e “Componenti critici” Nella nostra analisi, distinguiamo tra due categorie distinte di beni cruciali per l’industria militare e gli sforzi bellici russi:

(1) “Beni Battlefield”: l’Unione Europea, gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri paesi della coalizione hanno identificato congiuntamente un elenco di 45 codici del sistema armonizzato (HS) a sei cifre che considerano di fondamentale importanza per l’applicazione dei controlli sulle esportazioni. Questi sono comunemente indicati come “articoli comuni ad alta priorità” o “beni sul campo di battaglia”.

(2) “Componenti critici”: nella nostra analisi, definiamo “componenti critici” escludendo alcuni beni di battaglia utilizzati prevalentemente per scopi civili, come gli smartphone. Al contrario, includiamo voci aggiuntive in questa categoria per le quali riteniamo che sia giustificata un’attenzione più ampia. Questa definizione ampliata si traduce in un elenco di 485 codici HS, fornendo un esame più dettagliato dei componenti essenziali per la produzione militare russa.

La nostra analisi completa dei flussi commerciali si basa su un set di dati a livello di transazione delle importazioni russe, con l’obiettivo di offrire una comprensione approfondita delle catene di approvvigionamento.

Ripresa delle importazioni di componenti esteri Le importazioni russe di beni bellici hanno dimostrato una significativa ripresa dopo un forte calo in seguito all’imposizione di controlli sulle esportazioni, mentre quelle di componenti critici sono rimaste indietro. Per entrambe le categorie di beni, osserviamo un impatto netto dei controlli sulle esportazioni intorno alla metà del 2022.

Nel caso dei beni bellici, la Russia sembra aver riconfigurato con successo le catene di approvvigionamento. Le importazioni medie mensili hanno raggiunto i 932 milioni di dollari nel 2023, segnando solo un calo del 10,0% rispetto al periodo pre-sanzioni. Questa resilienza nei volumi delle importazioni suggerisce che la Russia si è adattata alle sfide poste dai controlli sulle esportazioni di determinati beni.

Viceversa, la situazione differisce notevolmente per la categoria più ampia dei componenti critici. In questo caso, le importazioni medie mensili nel 2023 ammontavano a 2,29 miliardi di dollari, rappresentando un calo più sostanziale del 28,8% rispetto al periodo precedente a febbraio 2022. I controlli sulle esportazioni hanno quindi mostrato effetti più pronunciati su questa categoria, contribuendo a una notevole riduzione delle importazioni di componenti critici.

Questi risultati sottolineano l’adattabilità e la resilienza delle catene di approvvigionamento russe in risposta ai controlli sulle esportazioni. Sebbene siano riusciti a mitigare l’impatto sui beni bellici, i vincoli sui componenti critici sono stati più pronunciati. Ciò sottolinea la complessità dell’applicazione dei controlli sulle esportazioni su una vasta gamma di beni ed evidenzia la necessità di una vigilanza continua e di un perfezionamento di queste misure per ridurre efficacemente la produzione militare russa.

  • Prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina, avvenuta da gennaio 2021 a febbraio 2022, la Russia importava costantemente una media di 1,04 miliardi di dollari di beni di battaglia e 3,21 miliardi di dollari di componenti critici ogni mese. Queste cifre sono aumentate notevolmente nel quarto trimestre del 2021, con importazioni in media di 1,59 miliardi di dollari per beni di battaglia e 4,31 miliardi di dollari per componenti critici al mese. Questo aumento riflette i preparativi della Russia per il conflitto imminente, anticipando l’imposizione di controlli sulle esportazioni.
  • A seguito dell’implementazione delle sanzioni in risposta all’invasione, le importazioni russe sia di beni bellici che di componenti critici hanno subito un forte calo da marzo a luglio 2022. Le importazioni di beni bellici sono state in media di 565 milioni di dollari al mese durante questo periodo, ovvero una diminuzione del 45,5% rispetto a il periodo pre-sanzionato. Allo stesso modo, le importazioni di componenti critici sono state in media di 1,69 miliardi di dollari al mese, segnando un sostanziale calo del 47,4%.
  • Nella seconda metà del 2022, il commercio di questi beni ha iniziato a riprendersi mentre la Russia ha adattato le sue catene di approvvigionamento per eludere i controlli sulle esportazioni. Da agosto a dicembre 2022, le importazioni di beni bellici sono aumentate fino a una media di 1,04 miliardi di dollari al mese, dimostrando un impressionante aumento dell’84,1% rispetto al precedente periodo marzo-luglio. Allo stesso tempo, anche le importazioni di componenti critici sono aumentate, raggiungendo una media di 2,41 miliardi di dollari al mese, indicando un sostanziale aumento del 42,8%.
  • In particolare, nei primi dieci mesi del 2023, le importazioni di beni bellici si sono avvicinate ai livelli pre-sanzioni, pari a una media di 932 milioni di dollari al mese. Ciò ha rappresentato un calo minimo di solo il 10,0% rispetto al periodo precedente all’imposizione dei controlli sulle esportazioni. Tuttavia, le dinamiche per i componenti critici sono state notevolmente diverse. Le importazioni medie mensili nel 2023 per questi componenti sono state pari a 2,29 miliardi di dollari, il che significa un calo più significativo del 28,8%.

Queste tendenze evidenziano la resilienza della Russia nell’adattare le proprie catene di approvvigionamento e nel superare l’impatto iniziale dei controlli sulle esportazioni. Mentre i beni bellici sono quasi tornati ai livelli pre-sanzioni, i componenti critici hanno subito un calo più sostanziale delle importazioni. Ciò sottolinea le sfide legate all’applicazione completa dei controlli sulle esportazioni e la necessità di una vigilanza continua e di un perfezionamento di queste misure per limitare efficacemente la produzione militare russa.

Nel periodo compreso tra gennaio e ottobre 2023, le cifre relative alle importazioni russe di beni bellici sono state pari a 8,77 miliardi di dollari, mentre le importazioni di componenti critici hanno raggiunto la sostanziale cifra di 22,23 miliardi di dollari. Indipendentemente dal grado specifico di ripresa, è evidente che la Russia continua ad accumulare quantità significative di beni ritenuti cruciali per la sua industria militare. Queste cifre sottolineano le formidabili sfide che l’applicazione dei controlli sulle esportazioni deve affrontare e richiedono un esame più attento della composizione di queste importazioni.

Beni bellici : all’interno della categoria dei beni bellici, quattro distinte categorie di beni si distinguono come dominanti in termini di valori di importazione nel periodo da gennaio a ottobre 2023:

  • Apparecchiature per le comunicazioni : le importazioni in questa categoria ammontano a 2,76 miliardi di dollari, rappresentando un significativo 31,4% del totale.
  • Semiconduttori : questi componenti critici rappresentano 2,06 miliardi di dollari di importazioni, pari al 23,5% del totale.
  • Altra elettronica : le importazioni di altri componenti elettronici hanno raggiunto 1,78 miliardi di dollari, pari al 20,3% del totale.
  • Parti di computer : questa categoria rappresenta 1,37 miliardi di dollari di importazioni, contribuendo per il 15,6% al totale complessivo.

Componenti critici : all’interno della categoria dei componenti critici, sette categorie specifiche meritano particolare attenzione a causa dei loro sostanziali valori di importazione da gennaio a ottobre 2023:

  • Parti di automobili : le importazioni in questa categoria ammontavano a ben 5,63 miliardi di dollari, costituendo un significativo 25,3% del totale.
    • Altra elettronica : analogamente ai beni di battaglia, gli altri componenti elettronici sono stati consistenti, raggiungendo i 5,37 miliardi di dollari di importazioni, pari al 24,2% del totale.
    • Apparecchiature per le comunicazioni : in questa categoria, la Russia ha importato componenti per un valore di 3,38 miliardi di dollari, contribuendo per il 15,2% al totale complessivo.
    • Parti di computer : le importazioni di componenti di computer ammontano a 2,94 miliardi di dollari, pari al 13,2% del totale.
    • Semiconduttori : questi componenti essenziali rappresentano 2,21 miliardi di dollari di importazioni, pari al 9,9% del totale.
    • Cuscinetti e alberi di trasmissione : le importazioni in questa categoria ammontano a 1,33 miliardi di dollari, contribuendo per il 6,0% alle importazioni complessive di componenti critici.
    • Attrezzature di navigazione : la Russia ha importato attrezzature di navigazione per un valore di 1,01 miliardi di dollari, pari al 4,6% del totale delle importazioni di componenti critici.

Questi approfondimenti forniscono un quadro completo delle importazioni della Russia in queste categorie critiche, sottolineando i componenti chiave che continuano ad essere acquisiti nonostante i controlli sulle esportazioni. La predominanza di categorie specifiche all’interno dei beni bellici e dei componenti critici sottolinea la necessità di obiettivi precisi e di strategie di applicazione rafforzate per limitare efficacemente l’accesso della Russia a beni vitali per la sua industria militare.

Modifiche fondamentali alle catene di approvvigionamento: l’evoluzione del commercio di beni di battaglia e componenti critici con la Russia

Negli ultimi anni, le dinamiche delle catene di fornitura di beni bellici e componenti critici hanno subito trasformazioni sostanziali. Questi cambiamenti sono stati influenzati principalmente dall’imposizione di controlli sulle esportazioni, che hanno portato a riallineamenti fondamentali nelle catene di approvvigionamento globali riguardanti input cruciali per l’industria militare russa. Sebbene i controlli sulle esportazioni abbiano svolto un ruolo significativo, gli intermediari dei paesi terzi, in particolare Cina, Turchia ed Emirati Arabi Uniti, sono diventati attori chiave nella distribuzione di queste forniture vitali alla Russia. Questo articolo approfondisce i dettagli intricati di questi sviluppi, evidenziandone le implicazioni e le sfide.

Il dominio degli intermediari di paesi terzi

Una delle osservazioni più degne di nota dell’analisi è il predominio degli intermediari di paesi terzi nel facilitare la vendita e la spedizione di beni bellici e componenti critici in Russia. Le vendite dirette e le spedizioni dai paesi all’interno della coalizione per il controllo delle esportazioni sono state in gran parte sostituite da transazioni che coinvolgono intermediari di questi paesi terzi. Questo cambiamento è particolarmente evidente sia nel commercio di beni bellici che di componenti critici. Sebbene questa tendenza fosse stata anticipata a causa dell’imposizione di controlli sulle esportazioni da parte di molti paesi chiave di produzione, rappresenta una sfida significativa per l’applicazione delle norme. Il monitoraggio di queste transazioni è diventato sostanzialmente più complesso per le agenzie di controllo dei paesi della coalizione, compresi i loro servizi doganali.

La necessità di una mappatura completa

Comprendere come la Russia continua a importare quantità sostanziali di articoli critici per le sue operazioni in Ucraina è essenziale sia per gli sforzi di conformità del settore privato che per il miglioramento dell’applicazione dei controlli sulle esportazioni. Una mappatura completa dei flussi commerciali e l’identificazione di modelli, come le giurisdizioni attraverso le quali vengono instradate le spedizioni e le ubicazioni degli intermediari, sono passaggi cruciali. Ciò non solo aiuta gli enti privati ​​a rispettare le normative, ma dà anche potere alle agenzie di controllo nel monitorare, perseguire le violazioni e migliorare l’efficacia del regime di controllo delle esportazioni.

Districare catene di fornitura complesse

Per acquisire una prospettiva olistica sulla capacità della Russia di importare beni bellici e componenti critici, è necessario esaminare le transazioni su più dimensioni. Queste dimensioni includono:

  • Il paese in cui ha sede il produttore responsabile in ultima analisi dei beni (“paese del produttore”).
    • La giurisdizione in cui è stato prodotto l’articolo (“paese di origine”).
    • L’entità responsabile della vendita finale in Russia e la sua ubicazione (“paese del venditore”).
    • La giurisdizione da cui l’articolo è stato spedito in Russia (“paese di spedizione”).
    • L’acquirente finale della merce in Russia.

La Figura 6 illustra visivamente il modo in cui le merci provenienti dai campi di battaglia hanno raggiunto la Russia tra gennaio e ottobre 2023, fornendo una visione completa di queste complesse catene di approvvigionamento.

Figura 6: Mappatura delle importazioni russe di beni bellici nel periodo gennaio-ottobre 2023

Le percentuali in questo grafico differiscono da quelle riportate nel resto di questo capitolo, nonché nell’Appendice 3, poiché qui sono incluse solo le transazioni con dati per tutte le fasi della catena di approvvigionamento. – Fonte KSE

Il ruolo costante dei paesi della coalizione

Nonostante l’aumento degli intermediari dei paesi terzi, le aziende dei paesi all’interno della coalizione per il controllo delle esportazioni continuano a svolgere un ruolo fondamentale in queste catene di approvvigionamento. Nei primi dieci mesi del 2023, i paesi che avevano imposto controlli sulle esportazioni alla Russia erano ancora coinvolti in circa il 48,5% di tutte le importazioni di beni bellici, che fungevano da quartier generale del produttore, impianto di produzione, venditore finale alla Russia o spedizioniere. Questa osservazione sottolinea due fatti critici: (1) le violazioni delle sanzioni sono probabilmente diffuse e sistematiche, e (2) i controlli sulle esportazioni rimangono uno strumento eccezionalmente potente nel limitare la capacità della Russia di portare avanti il ​​conflitto in corso in Ucraina.

La trasformazione delle catene di approvvigionamento di beni bellici e componenti critici destinati alla Russia ha presentato un panorama complesso e in evoluzione. Sebbene i controlli sulle esportazioni abbiano portato a significativi riallineamenti, il coinvolgimento di intermediari di paesi terzi pone sfide in termini di applicazione delle norme.

Una comprensione globale di queste catene di approvvigionamento, insieme a sforzi rigorosi di mappatura e monitoraggio, sono essenziali sia per la conformità del settore privato che per la continua efficacia dei controlli sulle esportazioni. Mentre le aziende e le agenzie di controllo si adattano a questi cambiamenti, è evidente che i controlli sulle esportazioni rimangono uno strumento fondamentale nel plasmare le capacità militari della Russia nell’arena globale. Per informazioni più dettagliate sui Paesi coinvolti nelle diverse fasi della catena di fornitura si rimanda all’Appendice 3.

Il panorama geografico dei produttori di beni di battaglia e di componenti critici nelle catene di fornitura

Il panorama delle catene di approvvigionamento globali di beni bellici e componenti critici ha subito cambiamenti significativi, in particolare nel contesto dei controlli sulle esportazioni imposti alla Russia. Analizzando i dati da gennaio a ottobre 2023, diventa evidente che la posizione geografica dei produttori gioca un ruolo fondamentale in queste trasformazioni, con i paesi della coalizione che occupano un posto di rilievo in questa intricata rete commerciale.

Paesi della coalizione: i produttori dominanti I produttori con sede nei paesi della coalizione, che hanno imposto controlli sulle esportazioni alla Russia, hanno mantenuto una presenza sostanziale nelle catene di approvvigionamento. Nel periodo in esame, erano responsabili di una parte significativa sia dei beni bellici che dei componenti critici. Nello specifico, almeno il 43,9% dei beni bellici e il 32,8% dei componenti critici possono essere attribuiti a questi paesi della coalizione.

All’interno delle catene di approvvigionamento, i paesi della coalizione emergono come attori predominanti, in particolare per quanto riguarda i produttori ultimi responsabili. Gli Stati Uniti si distinguono come leader tra queste nazioni, rappresentando una quota sostanziale sia dei beni bellici che dei componenti critici. Per essere precisi, nei primi dieci mesi del 2023 le entità con sede negli Stati Uniti erano responsabili del 25,5% dei beni bellici e del 15,1% dei componenti critici.

Dopo gli Stati Uniti, anche l’Unione Europea e Taiwan detengono posizioni significative in questo panorama della catena di fornitura. Queste regioni hanno contribuito notevolmente alla disponibilità di beni di battaglia e componenti critici per la Russia.

Le principali aziende tecnologiche internazionali: uno sguardo più da vicino Scavando più a fondo nelle specificità di queste catene di approvvigionamento, scopriamo che numerose grandi aziende tecnologiche internazionali con sede nei paesi della coalizione per il controllo delle esportazioni continuano a intrattenere rapporti commerciali con la Russia, anche se attraverso intermediari di paesi terzi. Questa pratica è particolarmente degna di nota per diversi attori chiave del settore tecnologico.

Tra queste società, Intel (USA) è una figura di spicco, che mantiene il suo coinvolgimento negli scambi commerciali con la Russia. Oltre a Intel, fanno parte di questa rete commerciale anche altri importanti colossi tecnologici, come Analog Devices (USA), AMD (USA), Texas Instruments (USA) e IBM (USA). Queste aziende svolgono un ruolo cruciale nel garantire il flusso di beni bellici e componenti critici verso la Russia, anche in presenza di controlli sulle esportazioni.

Ampliando l’ambito per includere ulteriori componenti critici, scopriamo che l’elenco delle aziende coinvolte si espande fino a includere nomi come Samsung e Hyundai, entrambi provenienti dalla Corea del Sud. Queste aziende contribuiscono all’accesso della Russia a una gamma più ampia di componenti critici, evidenziando ulteriormente la complessità della catena di approvvigionamento.

Il ruolo della Cina come outsider Al di fuori dei paesi della coalizione, la Cina emerge come un attore significativo nel continuo accesso della Russia ai beni di battaglia e ai componenti critici. I produttori cinesi, tra cui nomi noti come Huawei e Lenovo, hanno assunto un ruolo sostanziale nel facilitare la fornitura di questi beni alla Russia. Il loro coinvolgimento sottolinea la natura globale di queste catene di approvvigionamento e l’interconnessione dei produttori a livello transfrontaliero.

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese produttore

Fonte dati: KSE

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per produttore (primi 15), in milioni di dollari

Fonte: KSE – *verde = aziende i cui componenti sono stati trovati sul campo di battaglia

Il panorama della produzione globale di beni bellici e componenti critici nel 2023

Nel complesso mondo delle catene di fornitura globali, capire dove vengono prodotti i beni bellici e i componenti critici è un pezzo fondamentale del puzzle. Esaminando i dati da gennaio a ottobre 2023, questo articolo fa luce sulle origini geografiche di questi articoli cruciali e sul ruolo che i paesi della coalizione per il controllo delle esportazioni svolgono nella loro produzione.

Origini della produzione: paesi della coalizione e oltre

Il panorama produttivo dei beni bellici e dei componenti critici rivela spunti interessanti. Durante i primi dieci mesi del 2023, il 20,9% dei beni bellici e il 27,2% dei componenti critici sono stati prodotti all’interno dei paesi della coalizione per il controllo delle esportazioni, che hanno imposto controlli sulle esportazioni alla Russia. Anche se il ruolo di questi paesi della coalizione come paesi di origine è meno pronunciato rispetto al loro ruolo come quartier generale dei produttori responsabili in ultima analisi, rimane comunque sostanziale.

Tra i paesi della coalizione, un’attenzione particolare merita l’Unione Europea, il Giappone, la Corea del Sud, Taiwan e gli Stati Uniti, che contribuiscono tutti in modo significativo alla produzione di questi articoli. Tuttavia, il loro contributo è messo in ombra dall’abilità manifatturiera della Cina, che si distingue come il singolo produttore dominante. La sola Cina rappresenta uno sbalorditivo 63,1% dei beni bellici e il 58,7% della produzione di componenti critici.

Produzione di paesi terzi per le entità della coalizione

Un aspetto degno di nota del panorama manifatturiero è la quota sostanziale delle importazioni russe prodotte in paesi terzi per conto di entità dei paesi della coalizione di sanzioni. Nel periodo gennaio-ottobre 2023, questa categoria ha rappresentato il 26,8% (2,02 miliardi di dollari) delle importazioni di beni bellici. Di questi prodotti, circa due terzi sono fabbricati in Cina, rafforzando il ruolo centrale della Cina nella catena di approvvigionamento.

Modelli di produzione stabili

A differenza dei cambiamenti significativi osservati in altre fasi della catena di fornitura, i cambiamenti nelle sedi di produzione sono relativamente meno drammatici. I produttori con sede nell’Unione Europea e negli Stati Uniti hanno storicamente fatto affidamento su impianti di produzione all’estero, una pratica che precede l’avvio delle sanzioni contro la Russia. Questo modello consolidato ha contribuito alla stabilità della fase di produzione all’interno della catena di approvvigionamento.

Le origini geografiche dei beni bellici e dei componenti critici nelle catene di approvvigionamento offrono preziose informazioni sulle complesse dinamiche del commercio globale, soprattutto nel contesto dei controlli sulle esportazioni. Sebbene i paesi della coalizione contribuiscano in modo significativo alla produzione di questi articoli, l’abilità manifatturiera della Cina rappresenta una forza dominante. Inoltre, la prevalenza della produzione di paesi terzi per le entità della coalizione evidenzia l’interconnessione della catena di approvvigionamento globale.

Poiché le catene di approvvigionamento continuano ad evolversi e ad adattarsi alle mutevoli realtà geopolitiche, è imperativo che le parti interessate, le agenzie di controllo e i politici rimangano vigili e informati. Comprendere le origini di questi elementi cruciali è fondamentale per definire politiche efficaci di controllo delle esportazioni e garantire la conformità internazionale. In un mondo in cui l’approvvigionamento di beni di battaglia e di componenti critici è parte integrante delle strategie geopolitiche, rimanere aggiornati su questi sviluppi è fondamentale.

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese del venditore

Fonte: KSE

Figura: Dinamica delle importazioni per paese del venditore, in milioni di dollari

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per venditore (primi 15), in milioni di dollari

Fonte: KSE *blu scuro = sanzionato dagli Stati Uniti

Il predominio delle aziende cinesi e di Hong Kong nelle vendite finali in Russia

Nell’intricata rete delle catene di fornitura globali, la fase finale delle vendite gioca un ruolo fondamentale nel determinare l’accessibilità dei beni bellici e dei componenti critici alla Russia. Esaminando i dati da gennaio a ottobre 2023, scopriamo un quadro dominato da aziende cinesi e con sede a Hong Kong, insieme a un affascinante livello di diversificazione e frammentazione in questo segmento della catena di approvvigionamento.

Dominio cinese e di Hong Kong In particolare, le società cinesi e con sede a Hong Kong emergono come attori dominanti nella fase finale delle vendite alla Russia. Questo segmento, caratterizzato dalla sua diversità e frammentazione, presenta una moltitudine di entità, nessuna delle quali detiene una quota schiacciante del commercio totale. Tuttavia, ci sono ancora aziende importanti che svolgono un ruolo fuori misura e meritano un’attenzione specifica.

Attori fuori misura in un panorama frammentato All’interno di questo panorama diversificato, ci sono diverse aziende che si distinguono per il loro contributo significativo al commercio di beni di battaglia e componenti critici con la Russia. Queste entità, sebbene distribuite in varie regioni, meritano un’attenzione particolare per il loro ruolo nel plasmare la fase finale della vendita.

Le entità cinesi, non sorprende, occupano una parte sostanziale della lista dei più venduti. La loro presenza sottolinea il ruolo centrale della Cina nel facilitare la fornitura di questi beni critici alla Russia. Queste aziende rappresentano una vasta gamma di industrie e settori, riflettendo la natura multiforme della fase finale di vendita in queste catene di approvvigionamento.

Aziende con sede nei paesi della coalizione Un aspetto interessante della fase finale delle vendite è la presenza di aziende con sede nei paesi della coalizione. Nonostante l’imposizione di controlli sulle esportazioni da parte di questi paesi, alcune entità continuano a commerciare con la Russia, spesso attraverso intermediari di paesi terzi.

Molte di queste aziende si sono ritagliate una nicchia in questo mercato, tra cui Intertech Services (Svizzera), Telperien (Lituania), MR Global (Svizzera), D-Link (Taiwan) e Mykines (Regno Unito). La loro inclusione nell’elenco dei top seller evidenzia la complessità del commercio internazionale, dove le considerazioni geopolitiche a volte si intersecano con gli imperativi economici.

Frontiera finale: esame delle origini delle spedizioni di beni di battaglia e componenti critici in Russia

Mentre navighiamo nell’intricata rete delle catene di approvvigionamento globali, la tappa finale del viaggio – la spedizione di beni di battaglia e componenti critici in Russia – svela una narrazione intrigante. Traendo informazioni dai dati che vanno da gennaio a ottobre 2023, approfondiamo le origini di queste spedizioni cruciali, esplorando il ruolo svolto dai paesi della coalizione, dalle giurisdizioni di controllo delle esportazioni e da altri attori chiave.

Il ruolo schiacciante dei paesi della coalizione Nel contesto della fase finale delle spedizioni, i paesi della coalizione, che hanno imposto controlli sulle esportazioni alla Russia, svolgono un ruolo piuttosto modesto. Solo il 4,8% dei beni bellici e il 12,9% dei componenti critici spediti in Russia durante il periodo sopra menzionato provengono da queste giurisdizioni. Questo contributo limitato non è del tutto sorprendente, dato che la spedizione di questi articoli direttamente dai paesi della coalizione potrebbe potenzialmente esporre i traffici al controllo e all’intervento delle autorità, in particolare dei servizi doganali.

Sfide e scappatoie nell’applicazione delle norme Sebbene sia prevista una bassa percentuale di paesi della coalizione a causa delle misure di applicazione delle norme, tale percentuale è ben lontana dallo zero. Questa discrepanza evidenzia la natura complessa della questione in questione. Al di là dell’aspetto applicativo, si sottolinea l’esistenza di lacune e incoerenze nel regime di controllo delle esportazioni, soprattutto per quanto riguarda le merci sanzionate e le deroghe.

Il dominio della Cina e di altre giurisdizioni chiave Oltre la metà di tutti i beni bellici e i componenti critici, in termini di valore, vengono spediti in Russia dalla Cina. Queste spedizioni rappresentano rispettivamente il 53,2% e il 53,8%. Oltre alla Cina, anche giurisdizioni chiave come Hong Kong, Turchia ed Emirati Arabi Uniti svolgono un ruolo fondamentale nel facilitare queste spedizioni.

Collettivamente, queste quattro giurisdizioni – Cina, Hong Kong, Turchia ed Emirati Arabi Uniti – rappresentano l’incredibile 86,2% delle spedizioni totali di beni bellici e il 78,6% delle spedizioni di componenti critici. La loro importanza evidenzia la natura globale di queste catene di approvvigionamento e la dipendenza da una rete di intermediari e giurisdizioni per garantire il flusso di questi articoli critici verso la Russia.

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese di spedizione

Figura Dinamica delle importazioni per paese di spedizione, in milioni di dollari

Esame degli acquirenti di beni di battaglia e componenti critici in Russia

Mentre approfondiamo le intricate catene di approvvigionamento di beni di battaglia e componenti critici destinati alla Russia, emerge l’ultimo pezzo del puzzle: l’identità degli acquirenti all’interno della Russia. In questa analisi, che copre il periodo da gennaio a ottobre 2023, esploriamo il ruolo svolto dagli acquirenti russi, le incoerenze nelle sanzioni nei loro confronti e la loro importanza nella catena di approvvigionamento.

Sanzioni incoerenti nei confronti degli acquirenti russi Un’osservazione degna di nota è l’incoerenza nelle sanzioni imposte agli acquirenti russi di beni bellici e componenti critici. Le entità dell’industria militare russa, spesso gli utenti finali di questi articoli critici, non devono affrontare sanzioni in modo coerente nelle diverse giurisdizioni. Questa discrepanza nell’applicazione delle sanzioni aggiunge un livello di complessità al panorama dei controlli sulle esportazioni.

Acquirenti russi: una componente integrale Sebbene le entità russe all’interno dell’industria militare non servano generalmente come acquirenti di beni di battaglia e componenti critici, rimangono parte integrante della catena di approvvigionamento. Analizzare il loro ruolo è fondamentale per gli sforzi di due diligence delle società della coalizione. Tuttavia, l’enorme numero di singole società coinvolte in queste transazioni fa sì che le rispettive quote delle importazioni totali siano relativamente piccole.

Gamma diversificata di acquirenti I dati rivelano una gamma diversificata di acquirenti, ciascuno con il proprio ruolo specifico all’interno della catena di fornitura. Alcuni degli acquirenti più significativi, come Vneshekostil, Novyi IT Project e NPP Itelma, si trovano ad affrontare sanzioni negli Stati Uniti ma non in altre giurisdizioni, tra cui l’Unione Europea e il Regno Unito. Questa disparità nelle sanzioni crea sfide sostanziali in termini di applicazione dei controlli sulle esportazioni, poiché gli acquirenti possono potenzialmente sfruttare queste discrepanze per accedere a beni critici.

Collegamenti con l’industria militare russa Un altro dato degno di nota è la presenza di aziende legate all’industria militare russa tra gli acquirenti finali di beni bellici e componenti critici. Entità come EMC Expert, Favorit, NPP Itelma, IQ Components, Kvazar, SMT iLogic, Testkomplekt e VMK compaiono nei dati come acquirenti di questi articoli. Una parte significativa di questi prodotti proviene da produttori situati nei paesi della coalizione, aggiungendo uno strato di complessità alle dinamiche della catena di approvvigionamento.

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per acquirente (primi 15), in milioni di dollari

Fonte: KSE *blu scuro = sanzionato dagli Stati Uniti

Le principali società straniere continuano a commerciare con la Russia: un’analisi approfondita delle dinamiche attuali

Nel complesso panorama geopolitico, le relazioni commerciali tra varie società multinazionali e la Russia hanno raccolto un’attenzione significativa. Questa analisi approfondisce gli intricati dettagli di queste relazioni, concentrandosi in particolare sulle aziende i cui prodotti sono stati identificati nelle armi russe utilizzate sul campo di battaglia. Nonostante l’imposizione di sanzioni e controlli sulle esportazioni, la persistenza di questi legami commerciali, sebbene in declino, solleva interrogativi critici sull’efficacia delle attuali misure internazionali.

Figura: importazioni nel periodo gennaio-ottobre 2023 per acquirente (primi 15), in milioni di dollari *

Fonte: KSE *blu scuro = sanzionato dagli Stati Uniti

Commercio persistente in mezzo alle sanzioni

L’analisi comprende oltre 250 aziende, come dettagliato nell’Appendice 4, evidenziando l’ampiezza della questione. Tra questi spiccano i giganti tecnologici americani come AMD, Analog Devices, Broadcom, Hewlett Packard, Honeywell International, Intel Corporation, Kingston Technology, Microchip Technology e Texas Instruments. Tuttavia, questo non è un fenomeno esclusivamente americano, poiché anche aziende provenienti dal Giappone (Hitachi), dalla Germania (Infineon Technologies), dai Paesi Bassi (NXP Semiconductors), dalla Corea del Sud (Samsung) e dalla Svizzera (STMicroelectronics) hanno un posto di rilievo.

La scoperta dei loro prodotti negli armamenti russi non implica necessariamente violazioni dirette delle sanzioni. Molti di questi prodotti avrebbero potuto essere venduti prima dell’escalation delle ostilità. Tuttavia, è degno di nota il fatto che queste merci continuano ad arrivare in Russia, prevalentemente tramite intermediari terzi, anche dopo l’imposizione delle sanzioni.

Dinamiche commerciali post-sanzioni

Tendenze commerciali generali

Nel 2022, in seguito all’imposizione dei controlli sulle esportazioni, si è verificato un primo forte calo delle importazioni di componenti critici da queste aziende. Tuttavia, nella seconda metà dell’anno si è osservata una ripresa poiché la Russia si è adattata a queste restrizioni. Nel 2023, la tendenza è cambiata, con i valori commerciali che sono scesi significativamente a 242 milioni di dollari al mese nel periodo da luglio a ottobre: ​​un calo del 24% rispetto alla prima metà del 2023 e un calo del 40% rispetto alla seconda metà del 2022 e al periodo precedente. periodo pre-sanzionato.

Composizione dei beni scambiati

Il commercio consisteva prevalentemente in semiconduttori e circuiti integrati, che rappresentavano il 52% (1,49 miliardi di dollari) del commercio totale nel periodo gennaio-ottobre 2023. Sebbene si sia registrato un calo delle importazioni di questi articoli del 30% rispetto alla seconda metà del 2022, e un Diminuzione del 39% nei componenti informatici, l’elettronica è aumentata del 19%. Nonostante il calo complessivo, le importazioni mensili di semiconduttori e circuiti integrati nel 2023 (150 milioni di dollari) erano ancora superiori del 33% rispetto ai livelli pre-sanzioni.

Figura: importazioni di componenti critici da aziende selezionate per tipologia, in milioni di dollari

Distribuzione geografica della produzione e delle vendite

Le aziende con sede negli Stati Uniti rappresentavano il 61% (1,76 miliardi di dollari) di tutti i componenti critici. La produzione è avvenuta in gran parte al di fuori dei paesi della coalizione, con Cina (35%, 991 milioni di dollari) e Malesia (13%, 370 milioni di dollari) che sono i maggiori produttori. Anche Taiwan (13%, 367 milioni di dollari), Stati Uniti (8%, 238 milioni di dollari), Corea del Sud (5%, 147 milioni di dollari) e UE (5%, 144 milioni di dollari) hanno contribuito in modo significativo. Hong Kong e la Cina sono diventate le principali giurisdizioni per le vendite finali e le spedizioni verso la Russia nel 2023, mentre il ruolo dell’UE è diminuito sostanzialmente.

Figura: per paese produttore, in milioni di dollari

Figura: per paese di origine, in milioni di dollari

Modifiche della fornitura specifiche dell’azienda

Alcune aziende hanno aumentato le forniture alla Russia rispetto ai periodi precedenti alle sanzioni. Le forniture mensili di Intel, ad esempio, sono diminuite da 64 milioni di dollari nel 2022 a 39 milioni di dollari nel periodo gennaio-ottobre 2023. Al contrario, è probabile che Analog Devices, Texas Instruments, STMicroelectronics, Microchip Technology e NXP Semiconductors superino i totali del 2022.

Figura: per paese del venditore, in milioni di dollari

Figura: per paese di spedizione, in milioni di dollari

Figura: Mappatura delle importazioni russe di componenti critici da società selezionate della coalizione

Analisi degli sviluppi mensili

Le forniture mensili medie di componenti critici da parte di Analog Devices alla Russia nel periodo gennaio-ottobre 2023 sono state superiori del 51% rispetto al 2022 e del 162% rispetto al 2021. Anche NXP Semiconductors e STMicroelectronics hanno registrato aumenti delle vendite, sebbene gli ultimi mesi indichino qualche miglioramento.

Figura: per produttore (primi 15), in milioni di dollari

Figura: per produttore, indice (100 = media 2021)

Ruolo degli intermediari di paesi terzi

Una parte significativa della catena di fornitura coinvolge intermediari di paesi terzi, situati principalmente in Cina e Hong Kong. Anche entità di altri paesi come la Serbia (ad esempio, Soha Info, Avala Informatika e TTS Logistics), il Regno Unito (Mykines) e la Lituania (Telperion) svolgono un ruolo in queste transazioni.

Acquirenti russi sotto sanzioni

Molti acquirenti russi, come la NPP Itelma (91 milioni di dollari), Vneshekostil (74 milioni di dollari), Lanprint (59 milioni di dollari) e VMK (39 milioni di dollari), sono soggetti a sanzioni statunitensi ma continuano ad acquisire notevoli quantità di beni. Ciò sottolinea le incoerenze e le lacune dell’attuale regime di sanzioni.

Il continuo commercio tra le principali società straniere e la Russia, in particolare di componenti tecnologici critici, sottolinea la complessità dell’applicazione delle sanzioni internazionali e dei controlli sulle esportazioni. I dati rivelano una tendenza al ribasso nel volume di questi scambi, ma il coinvolgimento di intermediari terzi e la persistenza dei flussi commerciali evidenziano la necessità di misure più rigorose e di cooperazione internazionale per limitare efficacemente il raggiungimento di queste componenti critiche in Russia.

Figura: per venditore (2023, top-15), in milioni di dollari*

Fonte: KSE Institute *blu scuro = sancito dagli Stati Uniti

Rivalutare l’efficacia dei controlli sulle esportazioni: un’analisi completa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022”

Sulla scia dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, una risposta significativa e solida si è materializzata sotto forma di rigorosi controlli sulle esportazioni. Queste misure, rivolte principalmente a Russia e Bielorussia, rappresentano una notevole escalation nell’uso di strumenti economici per contrastare l’aggressione militare. La portata e la portata di questi controlli non hanno eguali e prendono di mira un’economia delle dimensioni della Russia con un focus preciso sui beni a duplice uso – articoli che servono sia a scopi civili che militari.

Questo approccio ha portato al divieto di spedire in Russia beni che potrebbero avere applicazioni militari, mentre i beni di consumo continuano ad affluire nel paese. Una mossa strategica di questo tipo è progettata per distruggere le capacità militari senza incidere indebitamente sulla popolazione civile.

Un aspetto critico di questi controlli sulle esportazioni riguarda l’applicazione alla Russia della Foreign Direct Product Rule (FDPR) statunitense. Questa regola presuppone che i beni a duplice uso prodotti al di fuori degli Stati Uniti ma che incorporano componenti, proprietà intellettuale o software statunitensi siano soggetti alle stesse restrizioni di quelli prodotti negli Stati Uniti Questo è solo il secondo caso in cui l’FDPR viene applicato a un intero paese , il primo dei quali è l’Iran. Questa applicazione trasforma lo scenario russo in una cartina di tornasole per verificare l’efficacia dell’FDPR nel frenare i progressi militari.

Inoltre, sono stati imposti ulteriori controlli specificatamente sulle forze armate russe, equivalenti essenzialmente ad un embargo. Sebbene alcune di queste misure siano in vigore dal 2014, la loro rigorosa applicazione è stata osservata solo dopo l’invasione.

L’attuazione e l’applicazione di questi controlli sulle esportazioni verso Russia e Bielorussia richiedono un elevato grado di cooperazione multilaterale. Questa cooperazione è vitale perché nessun paese da solo detiene un vantaggio assoluto rispetto a prodotti e tecnologie fondamentali per l’esercito russo. Tuttavia, le sfide derivano dalla mancata partecipazione di economie significative come la Cina al regime di sanzioni.

Storicamente, durante la Guerra Fredda, l’Occidente controllava l’esportazione di beni strategici verso l’Unione Sovietica e i suoi alleati attraverso il Comitato di Coordinamento per il Controllo delle Esportazioni Multilaterali (CoCom). Con lo scioglimento del CoCom all’inizio degli anni ’90, l’attenzione si è spostata sui beni militari e sulle questioni relative alla non proliferazione nucleare. L’Accordo di Wassenaar, un regime volontario di controllo delle esportazioni tra gli Stati membri, è succeduto al CoCom. Facilita lo scambio di informazioni sulle armi convenzionali e sui beni e tecnologie a duplice uso. A differenza del CoCom, l’Accordo di Wassenaar non si rivolge a Stati specifici e le decisioni vengono prese all’unanimità, con la Russia come partecipante.

L’efficacia di questi controlli sulle esportazioni, tuttavia, è realizzata solo parzialmente. La Russia è stata costretta a ricorrere a rotte di approvvigionamento più costose e a prodotti di qualità inferiore. Ciononostante, la vigilanza nella progettazione, attuazione e applicazione delle politiche rimane cruciale a causa delle potenziali lacune e degli sforzi sistematici di elusione. Come evidenziato in questo rapporto e nelle nostre pubblicazioni precedenti, l’esercito russo continua ad acquisire prodotti dai paesi della coalizione e ha mantenuto l’accesso ad essi. In particolare, nei primi dieci mesi del 2023, la Russia ha importato 8,77 miliardi di dollari in beni bellici, identificati come priorità di applicazione dall’Unione Europea, dagli Stati Uniti e da altri, segnando un aumento del 20,5% rispetto al periodo corrispondente del 2022. nel periodo gennaio-ottobre 2023 ha raggiunto i 22,29 miliardi di dollari, in crescita del 4,8%.

Rafforzare i controlli sulle esportazioni: una strategia multiforme per contrastare le tattiche di elusione russe

Nel complesso panorama geopolitico, l’efficacia dei controlli sulle esportazioni come strumento per limitare le capacità strategiche della Russia, in particolare nel contesto del conflitto ucraino, è diventato un tema di notevole importanza. Questi controlli, tuttavia, devono affrontare sfide che richiedono un approccio adattivo e robusto per rimanere efficaci. Questo articolo approfondisce le complessità del rafforzamento dei regimi di controllo delle esportazioni, delineando le vulnerabilità del sistema attuale e proponendo misure globali per affrontarle.

Sfide nell’attuale quadro di controllo delle esportazioni

L’efficacia dei controlli sulle esportazioni è attualmente compromessa da diversi fattori:

  1. Conformità inadeguata : le entità nei paesi della coalizione spesso mostrano sforzi di conformità insufficienti. Questa mancanza di stretta aderenza ai controlli crea scappatoie che la Russia può sfruttare.
  2. Assenza di sanzioni nei confronti degli intermediari : gli intermediari di paesi terzi coinvolti in programmi di evasione dai controlli sulle esportazioni spesso operano senza incorrere in sanzioni. Questo divario fornisce alla Russia un canale per aggirare i controlli.
  3. Normative incoerenti : vi è una mancanza di uniformità nelle normative riguardanti gli articoli sanzionati. Questa incoerenza tra le diverse giurisdizioni rende difficile l’applicazione delle norme.
  4. Questioni giurisdizionali : la coalizione deve affrontare sfide giurisdizionali interne, che complicano l’applicazione dei controlli sulle esportazioni.

Misure proposte per rafforzare i controlli sulle esportazioni

Per affrontare queste sfide, proponiamo un approccio articolato:

  1. Colmare le lacune politiche : il regime attuale presenta incoerenze che consentono l’elusione. Allineare, semplificare ed espandere le normative tra giurisdizioni, in particolare in aree come le procedure di licenza e l’applicazione di sanzioni tecnologiche (ad esempio, la Foreign Direct Product Rule negli Stati Uniti), è cruciale.
  2. Armonizzare i controlli sulle esportazioni tra giurisdizioni : dovrebbero essere compiuti sforzi per classificare gli stessi articoli come “dual use” in tutte le giurisdizioni della coalizione e includere codici del sistema armonizzato (HS) per un monitoraggio efficace. Questo approccio dovrebbe estendersi anche alla Bielorussia, considerati i suoi stretti legami con la Russia.
  3. Ampliamento delle categorie di prodotti : l’attenzione su prodotti specifici lascia spazio all’elusione. Una categorizzazione più ampia degli articoli controllati, almeno a livello del codice SA a sei cifre, colmerebbe le lacune.
  4. Colpire i collegamenti civili-militari : le sanzioni devono affrontare i settori civile e militare sempre più interconnessi. È essenziale ampliare le sanzioni per includere entità che svolgono ruoli chiave in questo ambito. Ciò include rivolgersi a entità non attualmente soggette a restrizioni globali.
  5. Rafforzare le istituzioni governative e l’applicazione delle norme : i governi dovrebbero rivedere regolarmente i prodotti soggetti a controllo delle esportazioni e migliorare la loro capacità di ispezioni fisiche e competenze specializzate, in particolare nella microelettronica avanzata.
  6. Dare più potere al settore privato : incentivare e dare mandato agli enti privati ​​di migliorare la conformità e indagare sui legami aziendali con gli enti sanzionati è fondamentale.
  7. Migliorare la cooperazione multilaterale : rafforzare la cooperazione tra i paesi della coalizione nel campo dei controlli sulle esportazioni è vitale per un approccio coeso ed efficace.

Come tenta di illustrare la Figura A del documento citato, la complessità dell’attuazione di controlli efficaci sulle esportazioni nel contesto degli sforzi di elusione russi è sostanziale. Le misure proposte mirano a colmare le lacune politiche esistenti, rafforzare i meccanismi di applicazione e promuovere un approccio più unificato tra i paesi della coalizione. Affrontando queste sfide in modo globale, la comunità internazionale può limitare meglio l’accesso della Russia a beni e tecnologie critici, limitando così le sue capacità strategiche nel conflitto in corso.

Figura A: Mappa delle lacune nei controlli sulle esportazioni

Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: l’imperativo di far rispettare le norme sui prodotti diretti esteri

Nell’intricata rete del commercio e della politica globale, l’applicazione della Foreign Direct Product Rule (FDPR) emerge come un meccanismo cruciale per impedire l’afflusso di beni soggetti a controllo delle esportazioni in Russia. Questo articolo approfondisce le complessità e le sfide attuali legate all’attuazione dell’FDPR, in particolare nel contesto dei beni prodotti da aziende con sede nei paesi della coalizione ma fabbricati e spediti da diverse località globali.

Il ruolo critico delle FDPR nei controlli delle esportazioni

  • Leadership statunitense nell’applicazione dell’FDPR : gli Stati Uniti sono stati in prima linea nell’attuazione dell’FDPR, applicando controlli sulle esportazioni di beni con significativi contributi statunitensi, indipendentemente dalla loro produzione globale o dai punti di scambio. Ciò garantisce che i prodotti con un sostanziale input statunitense siano soggetti alle normative statunitensi sull’esportazione, anche se fabbricati all’estero.
  • Sfide nell’applicazione della FDPR negli Stati Uniti : nonostante regolamenti chiari, ci sono notevoli lacune. Una parte significativa delle merci prodotte dalle aziende con sede negli Stati Uniti viene dirottata verso la Russia tramite intermediari. Le autorità statunitensi si trovano ad affrontare difficoltà nel monitorare la conformità a causa di dati inadeguati per il controllo incrociato delle relazioni aziendali e della mancanza di efficaci controlli in loco. Inoltre, l’applicazione del FDPR, soprattutto per quanto riguarda la produzione in Europa, potrebbe essere stata indebolita durante i negoziati con i paesi partner.

Discrepanze globali nelle normative sul controllo delle esportazioni

  • Dibattito sui regolamenti simili all’FDPR nell’UE : l’Unione Europea ha introdotto restrizioni sulla proprietà intellettuale di persone o entità dell’UE nel suo 11° pacchetto di sanzioni. Tuttavia, la chiarezza giuridica e l’applicazione extraterritoriale di queste misure non corrispondono alla natura rigorosa dell’FDPR statunitense. Le normative dell’UE non hanno la portata globale necessaria per controllare il flusso di beni contenenti input critici che vengono fabbricati e venduti al di fuori della sua giurisdizione.
  • Necessità di un’armonizzazione globale : esiste un urgente bisogno che i paesi della coalizione stabiliscano regolamenti simili al FDPR. Queste dovrebbero garantire che le restrizioni si applichino ai beni contenenti determinati fattori produttivi, indipendentemente dal luogo di produzione o di vendita. Questo approccio creerebbe un regime di controllo delle esportazioni globali più uniforme ed efficace, ostacolando in modo significativo l’accesso della Russia a beni e tecnologie cruciali.

L’efficace attuazione della Foreign Direct Product Rule e di regolamenti simili in tutto il mondo è essenziale nello sforzo continuo di controllare il flusso di beni e tecnologie strategici verso la Russia. Il modello statunitense funge da punto di riferimento, ma le sfide che deve affrontare evidenziano la necessità di migliorare la raccolta dei dati, il monitoraggio e i meccanismi di applicazione. Allo stesso tempo, l’Unione Europea e gli altri paesi della coalizione devono rafforzare i propri quadri giuridici per far fronte alla portata extraterritoriale dell’FDPR statunitense. Solo attraverso uno sforzo globale concertato e armonizzato la coalizione può sperare di colmare le lacune esistenti e avere un impatto significativo sull’accesso della Russia alle risorse vitali.

Raffinare i controlli sulle esportazioni: misure rigorose contro l’elusione russa

Nel campo del commercio e della sicurezza internazionale, l’applicazione dei controlli sulle esportazioni svolge un ruolo fondamentale nel regolare il flusso di tecnologia e beni a duplice uso verso i paesi che destano preoccupazione, come la Russia. Questo articolo fornisce un’analisi approfondita dei passaggi critici necessari per rafforzare il regime di controllo delle esportazioni, concentrandosi in particolare sulla regola statunitense De-Minimis, sul processo di concessione delle licenze e sulla criminalizzazione delle violazioni delle sanzioni.

Rivisitare la regola dei de minimis per la Russia

  • Abbassamento della soglia : l’attuale soglia De-Minimis per i prodotti tecnologici diretti in Russia è pari al 25% per i beni a duplice uso. Questa soglia determina la percentuale di contenuto statunitense in un prodotto al di sopra della quale vengono attivati ​​i controlli sulle esportazioni statunitensi. Sta emergendo un consenso sulla necessità di abbassare questa soglia allo 0% per tutte le spedizioni verso la Russia, allineandola alle rigorose misure applicate ai paesi del Gruppo E1 come Iran, Corea del Nord e Siria.
  • Implicazioni di una soglia dello 0% : l’implementazione di un livello De-Minimis dello 0% per la Russia richiederebbe una licenza del Bureau of Industry and Security (BIS) per qualsiasi articolo con contenuto statunitense, indipendentemente dalla percentuale. Questa misura, già in vigore per alcune tecnologie legate alla Cina, collocherebbe la Russia in una categoria con i paesi che si trovano ad affrontare le restrizioni più severe. È una mossa strategica per sottolineare la gravità della situazione e l’impegno della coalizione nel limitare l’accesso della Russia alla tecnologia critica.

Rafforzare il processo di concessione delle licenze e limitare le deroghe

  • Migliorare la trasparenza e l’armonizzazione : il processo per ottenere le licenze di esportazione, soprattutto nell’Unione europea, deve essere più trasparente e basato su regole. Attualmente, le aziende possono impegnarsi nel “licence shopping” ottenendo licenze dalle giurisdizioni meno rigide dell’UE. Questa scappatoia consente un accesso più facile alle merci controllate.
  • Riduzione delle esenzioni : l’UE e gli Stati Uniti devono valutare criticamente ed eventualmente rimuovere alcuni motivi per esenzioni o deroghe alle restrizioni all’esportazione applicabili alla Russia. Queste esenzioni rappresentano attualmente scappatoie significative attraverso le quali la Russia può importare beni controllati, in particolare in settori come le applicazioni mediche.

Penalizzare le violazioni delle sanzioni e stabilire disposizioni in materia di negligenza

  1. Migliorare il quadro giuridico : esiste un urgente bisogno di criminalizzare le violazioni dei controlli sulle esportazioni e di definire chiaramente la negligenza in termini legali. Questo passaggio è fondamentale per garantire che le entità siano ritenute responsabili non solo quando violano consapevolmente le sanzioni, ma anche quando avrebbero dovuto essere a conoscenza di tali violazioni.
  2. Allineamento delle disposizioni dell’UE e degli Stati Uniti : nell’Unione europea si stanno facendo progressi per quanto riguarda la criminalizzazione delle violazioni dei controlli sulle esportazioni. È fondamentale che l’UE finalizzi rapidamente queste regole e le allinei a disposizioni simili negli Stati Uniti. Questo allineamento migliorerà l’efficacia del regime di controllo delle esportazioni e garantirà un’applicazione coerente in tutte le giurisdizioni della coalizione.
  3. Ruolo delle agenzie di controllo : conferire alle agenzie di controllo dei paesi della coalizione il potere di sanzionare sia le persone fisiche che quelle giuridiche per le violazioni è fondamentale. Ciò creerebbe incentivi più forti affinché le aziende conducano un’accurata due diligence e rispettino i controlli sulle esportazioni.

Le misure proposte per rinnovare il regime di controllo delle esportazioni, in particolare per quanto riguarda la Russia, riflettono una risposta strategica e necessaria all’evoluzione del panorama geopolitico. Abbassare il livello De-Minimis, rafforzare il processo di concessione delle licenze e criminalizzare le violazioni delle sanzioni sono passi che stringerebbero significativamente il cappio attorno all’approvvigionamento russo di tecnologie critiche e beni a duplice uso. Questi passi non solo mirano a limitare le capacità strategiche della Russia, ma inviano anche un chiaro messaggio della determinazione della comunità internazionale a imporre rigorosi controlli sulle esportazioni.

Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le sfide moderne nella politica economica

Nel panorama in evoluzione del commercio e della sicurezza globale, il rafforzamento delle istituzioni governative per un controllo efficace delle esportazioni è diventato una necessità fondamentale. Questo articolo esamina le sfide attuali e propone strategie per rafforzare la capacità istituzionale dei paesi della coalizione, concentrandosi in particolare su Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito.

Contesto e sfide dei moderni controlli sulle esportazioni

I controlli sulle esportazioni, in particolare sui beni a duplice uso, sono emersi come uno strumento vitale nella politica economica, soprattutto nel contesto di limitazione delle capacità strategiche della Russia. La complessità delle moderne catene di approvvigionamento supera significativamente quella dell’era della Guerra Fredda, ponendo nuove sfide alle forze dell’ordine:

  • Risorse istituzionali insufficienti : le agenzie responsabili dell’attuazione dei controlli sulle esportazioni spesso dispongono di risorse insufficienti e non dispongono delle capacità finanziarie e umane necessarie per monitorare e applicare efficacemente le normative. L’enorme volume di transazioni – oltre 800.000 per beni bellici solo tra gennaio e ottobre 2023 – rende impegnative indagini approfondite per identificare e penalizzare i sistemi di elusione.
  • Complessità giurisdizionali : i moderni regimi sanzionatori sono complicati da transazioni che non implicano il trasporto fisico di merci attraverso i paesi della coalizione, sollevando questioni giurisdizionali e diminuendo il ruolo dei servizi doganali.

Sfide e sviluppi specifici nelle regioni chiave

  • Stati Uniti : sebbene esistano strutture per il controllo delle esportazioni, le agenzie non dispongono di risorse adeguate per affrontare la portata più ampia delle sfide contemporanee. Gli Stati Uniti devono investire nell’espansione delle proprie risorse finanziarie e umane dedicate ai controlli sulle esportazioni.
  • Unione Europea : L’approccio dell’UE di delegare l’attuazione delle sanzioni agli Stati membri si scontra con la complessità dei regimi sanzionatori del 21° secolo. La struttura decentralizzata e il coinvolgimento minimo dei servizi doganali nelle transazioni non fisiche contribuiscono alla frammentazione e all’inefficienza.
  • Regno Unito : l’istituzione dell’Ufficio per l’attuazione delle sanzioni commerciali (OTSI) rappresenta un passo positivo verso l’applicazione specializzata delle sanzioni commerciali, compresi i controlli sulle esportazioni. L’attenzione di OTSI sulle aziende che evitano le sanzioni segna un progresso rispetto alle funzioni tradizionali dell’Ufficio per l’implementazione delle sanzioni finanziarie (OFSI).

Sviluppo di capacità e soluzioni tecnologiche

  • Progressi tecnologici nel monitoraggio : l’implementazione di sistemi per tracciare le merci lungo la catena di approvvigionamento, iniziando con articoli più grandi ed eventualmente includendo componenti più piccoli come i semiconduttori, è un approccio promettente. Questi sistemi potrebbero sfruttare identificatori a prova di manomissione, come i numeri di serie, per prevenire la cancellazione e l’uso improprio.
  • Disattivazione remota di beni acquisiti illecitamente : lo sviluppo di tecnologie per disattivare a distanza i beni che finiscono in Russia rappresenta una soluzione innovativa. Tale misura potrebbe fungere da deterrente significativo, garantendo che, anche se i beni vengono acquisiti illecitamente, la loro utilità venga annullata.
  • Cooperazione intergiurisdizionale : rafforzare la cooperazione tra i paesi della coalizione è essenziale per sviluppare e implementare queste soluzioni tecnologiche. La condivisione delle migliori pratiche, la standardizzazione delle metodologie di tracciamento e gli investimenti congiunti nei progressi tecnologici rafforzeranno l’efficacia dei controlli sulle esportazioni.

La modernizzazione dei controlli sulle esportazioni richiede un approccio articolato, che combini capacità istituzionali rafforzate, progressi tecnologici e cooperazione internazionale. Affrontando queste sfide, i paesi della coalizione possono migliorare significativamente la loro capacità di applicare i controlli sulle esportazioni, limitando così l’accesso della Russia a beni e tecnologie fondamentali a duplice uso. Questo progresso non è solo cruciale per l’attuale scenario geopolitico, ma costituisce anche un precedente per la gestione delle future sfide economiche in un mondo sempre più interconnesso.

Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le sfide moderne nella politica economica

Nel panorama in evoluzione del commercio e della sicurezza globale, il rafforzamento delle istituzioni governative per un controllo efficace delle esportazioni è diventato una necessità fondamentale. Questo articolo esamina le sfide attuali e propone strategie per rafforzare la capacità istituzionale dei paesi della coalizione, concentrandosi in particolare su Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito.

Contesto e sfide dei moderni controlli sulle esportazioni

I controlli sulle esportazioni, in particolare sui beni a duplice uso, sono emersi come uno strumento vitale nella politica economica, soprattutto nel contesto di limitazione delle capacità strategiche della Russia. La complessità delle moderne catene di approvvigionamento supera significativamente quella dell’era della Guerra Fredda, ponendo nuove sfide alle forze dell’ordine:

  • Risorse istituzionali insufficienti : le agenzie responsabili dell’attuazione dei controlli sulle esportazioni spesso dispongono di risorse insufficienti e non dispongono delle capacità finanziarie e umane necessarie per monitorare e applicare efficacemente le normative. L’enorme volume di transazioni – oltre 800.000 per beni bellici solo tra gennaio e ottobre 2023 – rende impegnative indagini approfondite per identificare e penalizzare i sistemi di elusione.
  • Complessità giurisdizionali : i moderni regimi sanzionatori sono complicati da transazioni che non implicano il trasporto fisico di merci attraverso i paesi della coalizione, sollevando questioni giurisdizionali e diminuendo il ruolo dei servizi doganali.

Sfide e sviluppi specifici nelle regioni chiave

  • Stati Uniti : sebbene esistano strutture per il controllo delle esportazioni, le agenzie non dispongono di risorse adeguate per affrontare la portata più ampia delle sfide contemporanee. Gli Stati Uniti devono investire nell’espansione delle proprie risorse finanziarie e umane dedicate ai controlli sulle esportazioni.
  • Unione Europea : L’approccio dell’UE di delegare l’attuazione delle sanzioni agli Stati membri si scontra con la complessità dei regimi sanzionatori del 21° secolo. La struttura decentralizzata e il coinvolgimento minimo dei servizi doganali nelle transazioni non fisiche contribuiscono alla frammentazione e all’inefficienza.
  • Regno Unito : l’istituzione dell’Ufficio per l’attuazione delle sanzioni commerciali (OTSI) rappresenta un passo positivo verso l’applicazione specializzata delle sanzioni commerciali, compresi i controlli sulle esportazioni. L’attenzione di OTSI sulle aziende che evitano le sanzioni segna un progresso rispetto alle funzioni tradizionali dell’Ufficio per l’implementazione delle sanzioni finanziarie (OFSI).

Sviluppo di capacità e soluzioni tecnologiche

  1. Progressi tecnologici nel monitoraggio : l’implementazione di sistemi per tracciare le merci lungo la catena di approvvigionamento, iniziando con articoli più grandi ed eventualmente includendo componenti più piccoli come i semiconduttori, è un approccio promettente. Questi sistemi potrebbero sfruttare identificatori a prova di manomissione, come i numeri di serie, per prevenire la cancellazione e l’uso improprio.
  2. Disattivazione remota di beni acquisiti illecitamente : lo sviluppo di tecnologie per disattivare a distanza i beni che finiscono in Russia rappresenta una soluzione innovativa. Tale misura potrebbe fungere da deterrente significativo, garantendo che, anche se i beni vengono acquisiti illecitamente, la loro utilità venga annullata.
  3. Cooperazione intergiurisdizionale : rafforzare la cooperazione tra i paesi della coalizione è essenziale per sviluppare e implementare queste soluzioni tecnologiche. La condivisione delle migliori pratiche, la standardizzazione delle metodologie di tracciamento e gli investimenti congiunti nei progressi tecnologici rafforzeranno l’efficacia dei controlli sulle esportazioni.

La modernizzazione dei controlli sulle esportazioni richiede un approccio articolato, che combini capacità istituzionali rafforzate, progressi tecnologici e cooperazione internazionale. Affrontando queste sfide, i paesi della coalizione possono migliorare significativamente la loro capacità di applicare i controlli sulle esportazioni, limitando così l’accesso della Russia a beni e tecnologie fondamentali a duplice uso. Questo progresso non è solo cruciale per l’attuale scenario geopolitico, ma costituisce anche un precedente per la gestione delle future sfide economiche in un mondo sempre più interconnesso.

Rinnovare i controlli sulle esportazioni: integrare le pratiche del settore finanziario e rafforzare la responsabilità aziendale

Nell’intricato mondo del commercio internazionale, soprattutto per quanto riguarda il commercio di beni soggetti a esportazione controllata, il ruolo della responsabilità aziendale e della due diligence è fondamentale. Questo articolo approfondisce le strategie e le riforme necessarie per rafforzare il regime di controllo delle esportazioni, traendo lezioni dal settore finanziario e sostenendo una maggiore responsabilità e gestione del rischio nel settore privato.

Applicazione delle pratiche del settore finanziario ai controlli sulle esportazioni

  • Pratiche Know-Your-Client (KYC) : il successo del settore finanziario nell’implementazione di strutture di conformità efficaci, in particolare nel KYC e nella comprensione dei clienti dei propri clienti, fornisce un modello per le società non finanziarie. Le autorità di regolamentazione del settore finanziario hanno imposto tali sistemi, soprattutto in settori come l’antiriciclaggio (AML), che potrebbero essere adattati al campo dei controlli sulle esportazioni. Sono necessari adeguamenti al quadro giuridico per imporre procedure di due diligence e facilitare la condivisione delle informazioni.
  • Linee guida chiare per il settore privato : le autorità devono offrire linee guida esplicite sui controlli delle esportazioni per alleviare l’impatto dei maggiori requisiti di conformità. Questa guida dovrebbe definire i prodotti che utilizzano i codici del sistema armonizzato (SA), delineare le fasi procedurali obbligatorie, specificare le eccezioni e dettagliare gli obblighi di segnalazione. La semplificazione delle norme sul controllo delle esportazioni aiuterà sia le agenzie di controllo che il settore privato a conformarsi.
  • Supporto allo sviluppo delle capacità : mentre le grandi aziende spesso dispongono di dipartimenti dedicati alla conformità, le entità più piccole, in particolare le PMI coinvolte nella distribuzione di beni soggetti a controllo delle esportazioni, potrebbero non farlo. Le autorità dovrebbero impegnarsi con queste entità più piccole, offrendo orientamenti chiari e supporto per lo sviluppo di capacità lungo tutta la catena di approvvigionamento.

Sfruttare la competenza del settore finanziario nei controlli delle esportazioni

  • Impegno nel monitoraggio delle transazioni : l’esperienza degli istituti finanziari in materia di antiriciclaggio e finanziamento al terrorismo può essere sfruttata per i controlli sulle esportazioni, in particolare per monitorare strutture proprietarie opache e transazioni in giurisdizioni meno rigide. Le modifiche al quadro giuridico per consentire agli istituti finanziari l’accesso a informazioni più dettagliate sulle transazioni migliorerebbero la loro capacità di applicare le procedure esistenti per la conformità al controllo delle esportazioni.
  • Creazione di un database dei partner commerciali : un database contenente informazioni dettagliate sui potenziali partner commerciali, comprese le strutture aziendali, la proprietà effettiva, le parti correlate, la copertura delle sanzioni e le violazioni passate, aiuterebbe in modo significativo le aziende nella due diligence. I governi dovrebbero sostenere la creazione di tale database, facilitando la condivisione delle informazioni e riducendo i costi di due diligence, in particolare per le PMI.

L’integrazione delle pratiche del settore finanziario nell’ambito dei controlli sulle esportazioni rappresenta un passo significativo verso il rafforzamento della responsabilità e della conformità delle imprese. Adottando procedure simili a KYC, fornendo una guida normativa chiara e sfruttando l’esperienza degli istituti finanziari nel monitoraggio delle transazioni, l’efficacia dei controlli sulle esportazioni può essere sostanzialmente migliorata. Inoltre, la creazione di un database completo dei partner commerciali semplificherebbe ulteriormente gli sforzi di conformità, avvantaggiando in particolare le entità più piccole nella catena di fornitura. Queste misure, nel complesso, non solo renderebbero più rigido l’attuale regime di controllo delle esportazioni, ma creerebbero anche un precedente per le future pratiche commerciali globali in settori altamente regolamentati.

Intensificare i controlli sulle esportazioni: affrontare l’elusione dei paesi terzi nel regime di sanzioni globali

L’efficacia dei controlli sulle esportazioni russe, senza precedenti nella loro portata, è attualmente messa in discussione dalle azioni degli intermediari di paesi terzi. Queste entità, situate al di fuori della giurisdizione dei principali paesi della coalizione, svolgono un ruolo fondamentale nell’approvvigionamento di beni militari-industriali da parte della Russia. Questo articolo esplora le misure necessarie per rafforzare i controlli sulle esportazioni prendendo di mira questi intermediari, sottolineando la necessità di misure coercitive e di una maggiore cooperazione internazionale.

Le sfide poste dagli intermediari di paesi terzi

Le entità di paesi terzi sono diventate determinanti nella capacità della Russia di importare beni essenziali per la sua industria militare. In molti casi, questi beni non passano fisicamente attraverso i paesi della coalizione, né le entità di queste giurisdizioni partecipano alle transazioni. Questo scenario sottolinea una lacuna cruciale nell’attuale regime di controllo delle esportazioni, che rende necessario prendere di mira questi intermediari attraverso sanzioni e altre misure coercitive.

Strategie per contrastare l’elusione dei paesi terzi

Imposizione di sanzioni a entità di paesi terzi : l’uso di sanzioni, compresi il congelamento dei beni e i divieti di transazione, dovrebbe essere esteso alle società che violano i controlli sulle esportazioni. Ciò comporterebbe l’applicazione di misure che vanno oltre le sanzioni primarie, raggiungendo entità situate in paesi terzi.

UN. Approccio degli Stati Uniti : gli Stati Uniti hanno una significativa esperienza nell’applicazione extraterritoriale di sanzioni, o sanzioni secondarie. Queste sanzioni sfruttano l’importanza globale dell’accesso al mercato e al sistema finanziario statunitense. Le sanzioni secondarie condizionano l’accesso a tali norme al rispetto delle sanzioni statunitensi, lasciando di fatto alle entità poca scelta se non quella di conformarsi. Ne sono un esempio le ripercussioni sulle aziende europee in seguito al ritiro degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare iraniano e la cessazione delle attività legate al Nord Stream 2 da parte delle aziende a causa delle sanzioni imposte dal Congresso americano.

B. Meccanismo dell’Unione Europea : nonostante la posizione dell’UE contraria alle sanzioni secondarie, l’undicesimo pacchetto di sanzioni, introdotto nel giugno 2023, ha istituito un meccanismo per prendere di mira le entità di paesi terzi. Questo strumento antielusione conferisce all’UE il potere di imporre restrizioni alle aziende che violano le sanzioni dell’UE e, se necessario, di limitare le transazioni con alcuni paesi terzi ritenuti ad alto rischio di elusione.

La necessità di restrizioni commerciali più ampie

Nei casi in cui gli sforzi di evasione sono sistemici e le misure di cui sopra si rivelano insufficienti, dovrebbero essere prese in considerazione restrizioni commerciali più ampie. Questi avrebbero lo scopo di tagliare rotte di rifornimento alternative per la Russia, restringendo ulteriormente il suo accesso ai beni essenziali per la sua industria militare. Un passo del genere rappresenterebbe un’escalation nel regime delle sanzioni, evidenziando la determinazione della coalizione a imporre rigorosi controlli sulle esportazioni.

La sfida dell’elusione dei paesi terzi nel contesto dei controlli sulle esportazioni russe richiede un approccio articolato. Ciò include l’imposizione di sanzioni mirate alle entità non conformi, lo sfruttamento dell’esperienza e dei quadri giuridici dei paesi della coalizione come gli Stati Uniti e l’UE e la considerazione di restrizioni commerciali più ampie. È inoltre fondamentale rafforzare la cooperazione internazionale e il coinvolgimento sia del settore pubblico che di quello privato di questi paesi terzi. Attraverso queste misure, la comunità globale può rafforzare l’efficacia dei controlli sulle esportazioni, garantendo che servano allo scopo previsto di limitare le capacità militari della Russia.

Rafforzare i controlli sulle esportazioni globali: affrontare le questioni sistemiche e la non conformità dei paesi terzi

Nell’ambito delle sanzioni internazionali e dei controlli sulle esportazioni, affrontare il ruolo dei paesi terzi nell’eludere queste misure è diventato sempre più critico. Questo articolo esamina le strategie e le restrizioni più ampie necessarie per rafforzare il regime di controllo delle esportazioni, concentrandosi in particolare sui paesi terzi con problemi sistemici di non conformità.

Strategie per limitare le esportazioni verso i paesi non conformi

  • Implementazione delle quote di esportazione : per mitigare il problema dei trasbordi attraverso paesi fuori dalla portata delle sanzioni, si propone l’implementazione di quote di esportazione. Queste quote limiterebbero le esportazioni di beni specifici verso determinati paesi, sulla base di parametri di riferimento del periodo precedente all’invasione su vasta scala. Le esportazioni che superano questi parametri di riferimento sarebbero vietate o sottoposte a un controllo maggiore.
  • Considerare i divieti di esportazione : nei casi in cui le quote sono insufficienti, si dovrebbe prendere in considerazione il divieto assoluto delle esportazioni di beni specifici verso determinati paesi. L’Unione Europea, con il suo nuovo strumento antielusione, ha creato un meccanismo per far rispettare tali divieti se vengono identificati problemi sistematici.
  • Restrizioni all’accesso al mercato : i paesi che rifiutano di fornire assistenza nell’attuazione dei controlli sulle esportazioni potrebbero trovarsi di fronte al rifiuto di accesso ai mercati della coalizione. Al contrario, i paesi che dimostrano cooperazione potrebbero ricevere un trattamento preferenziale.
  • Ampliare i controlli in uso : per garantire la conformità, le autorità dovrebbero aumentare in modo significativo i controlli nei paesi terzi. Ciò enfatizzerebbe l’impegno a indagare sulle violazioni legate all’uso di merci esportate, come le spedizioni non autorizzate verso la Russia.

Coinvolgere i paesi terzi nella conformità ai controlli sulle esportazioni

  • Contatto con i settori pubblico e privato : la coalizione per il controllo delle esportazioni dovrebbe impegnarsi attivamente sia con le autorità governative che con le imprese dei paesi terzi. L’obiettivo è migliorare il rispetto del regime di sanzioni e prevenire tentativi di elusione.
  • Risultati principali per i paesi terzi :
    1. Impegni politici : garantire impegni da parte dei governi dei paesi terzi per fermare le violazioni dei controlli sulle esportazioni e gli sforzi di elusione.
    2. Iniziative di condivisione delle informazioni : promuovere iniziative che migliorino la condivisione dei dati commerciali e di altre informazioni rilevanti con i governi di coalizione.
    3. Rafforzamento delle capacità amministrative : contribuire a migliorare le capacità dei servizi doganali dei paesi terzi e di altri organi amministrativi pertinenti.
    4. Assistenza tecnica : fornire sostegno agli enti del settore privato nei paesi terzi per aiutarli a rispettare i controlli sulle esportazioni.

Affrontare i problemi sistemici nei paesi terzi è vitale per l’efficacia dei controlli sulle esportazioni globali. Attraverso una combinazione di quote di esportazione, potenziali divieti, restrizioni all’accesso al mercato e controlli ampliati, i paesi della coalizione possono scoraggiare e ridurre in modo significativo l’elusione delle sanzioni. Altrettanto fondamentale è il dialogo con i paesi terzi per garantire impegni politici, migliorare la condivisione delle informazioni e rafforzare le capacità amministrative. Queste misure rappresentano collettivamente un approccio globale per garantire l’integrità del regime di controllo delle esportazioni, contribuendo in definitiva all’obiettivo più ampio di mantenere la pace e la sicurezza internazionale.

Rafforzare la sicurezza globale: l’imperativo di una maggiore cooperazione multilaterale nei controlli delle esportazioni

In un’era segnata dalla complessità delle catene di approvvigionamento globali e dalla natura sofisticata dei moderni controlli sulle esportazioni, la necessità di una migliore cooperazione multilaterale è diventata sempre più evidente. Questo articolo esplora i passaggi cruciali necessari per rafforzare questa cooperazione, concentrandosi sullo scambio di informazioni, sulle indagini congiunte e sull’istituzione di un trattato multilaterale sui controlli delle esportazioni, in particolare nel contesto della limitazione delle spedizioni di beni a duplice uso verso la Russia.

Migliorare lo scambio di informazioni

Uno scambio di informazioni efficiente e tempestivo è fondamentale per un’efficace applicazione dei controlli sulle esportazioni. I dati completi sulle transazioni, in particolare per quanto riguarda il commercio di componenti militari o a duplice uso, devono essere condivisi tra i paesi della coalizione. L’utilizzo di un’ampia gamma di fonti di informazione, inclusi dati disponibili al pubblico e altro ancora, può fornire una profonda comprensione delle strategie di approvvigionamento della Russia per componenti militari critici. Tale intelligence condivisa è vitale per identificare le priorità di applicazione. Inoltre, un’efficace condivisione delle informazioni dovrebbe estendersi alla comunità accademica e ai think tank, consentendo loro di fornire dati e approfondimenti.

Indagini congiunte sulle violazioni dei controlli sulle esportazioni

A causa della natura multigiurisdizionale del commercio di componenti critici, le autorità della coalizione devono collaborare strettamente nelle indagini sulle violazioni dei controlli sulle esportazioni. Il monitoraggio proattivo e lo sfruttamento di tutte le fonti di dati disponibili sono essenziali per identificare gli schemi di elusione in evoluzione e adattarsi al cambiamento delle tattiche. Le indagini congiunte garantirebbero un approccio coordinato alla lotta alla non conformità, aumentando l’efficacia complessiva del regime di controllo delle esportazioni.

Proposta di un trattato multilaterale sul controllo delle esportazioni

L’attuale quadro multilaterale per i controlli sulle esportazioni, incarnato dall’accordo di Wassenaar, ha mostrato limiti, in particolare nel rispondere alle sfide geopolitiche contemporanee. La sua incapacità di aggiornare le normative sulla microelettronica e altre tecnologie critiche, in parte a causa del veto della Russia, evidenzia la necessità di un regime di controllo delle esportazioni più solido e vincolante. Dovrebbe essere stabilito un nuovo trattato in cui i paesi partecipanti possano rispondere tempestivamente alle minacce alla sicurezza, comprese quelle poste da Russia e Cina. Fondamentalmente, questo trattato dovrebbe incorporare meccanismi per sospendere il diritto di voto di un membro su questioni che riguardano direttamente la sua condotta, soprattutto in casi di diritto internazionale o violazioni dei diritti umani.

La trasformazione delle sanzioni tecnologiche in uno strumento fondamentale di governo economico necessita di strutture multilaterali più permanenti ed efficaci. Migliorando lo scambio di informazioni, intraprendendo indagini congiunte e stabilendo un solido trattato multilaterale sui controlli delle esportazioni, la comunità internazionale può migliorare significativamente la propria capacità di impedire il flusso di beni a duplice uso verso nazioni come la Russia. Questi passaggi non sono solo cruciali per mantenere la sicurezza globale, ma anche per preservare la credibilità e l’efficacia dei controlli sulle esportazioni in un contesto internazionale in rapida evoluzione.

Il ruolo fondamentale dei dispositivi analogici e degli strumenti Texas nelle catene di fornitura di attrezzature militari russe

Analog Devices e Texas Instruments, due giganti dell’industria dei semiconduttori e dei circuiti integrati, sono emersi come contributori significativi alla produzione di attrezzature militari russe. Si è scoperto che queste società, note per i loro componenti elettronici avanzati, forniscono input critici a quasi tutte le categorie di armi russe. Secondo gli ultimi dati, Analog Devices e Texas Instruments rappresentano rispettivamente il 14% e il 13% di tutti i componenti stranieri identificati nelle attrezzature militari russe. Questo sostanziale coinvolgimento suggerisce che il rafforzamento delle procedure di conformità da parte di queste aziende potrebbe compromettere notevolmente le capacità di produzione militare della Russia.

Dinamiche commerciali e fluttuazioni dei prezzi sulla scia delle sanzioni

Un’analisi dei modelli commerciali post-sanzioni rivela un notevole aumento del valore commerciale dei prodotti di entrambe le società a partire dalla seconda metà del 2022. Le figure A1 e A2 delineano queste tendenze. Tuttavia, un aspetto critico di questa analisi riguarda la comprensione delle dinamiche dei prezzi dei loro prodotti. Sebbene manchino dati completi sui volumi delle transazioni, le informazioni disponibili indicano che i prezzi dei prodotti di Analog Devices e Texas Instruments sono aumentati rispettivamente di 2,2 e 2,6 volte.

In termini di volume, questa escalation si traduce in un aumento relativamente modesto delle importazioni russe da Analog Devices e in un calo degli acquisti da Texas Instruments. Diversi fattori contribuiscono a queste variazioni di prezzo:

  • La maggiore complessità delle catene di approvvigionamento dovuta ai controlli sulle esportazioni ha portato a molteplici intermediari, ciascuno dei quali aggiunge un margine, gonfiando così il prezzo finale.
  • Un possibile spostamento degli appalti russi verso prodotti più avanzati per soddisfare le richieste militari, con conseguente aumento dei prezzi medi.
  • Riflettendo le tendenze generali del mercato, questi aumenti dei prezzi incapsulano anche cambiamenti economici più ampi.

Diffusione geografica delle rotte di produzione e di approvvigionamento

Sebbene entrambe le società abbiano sede negli Stati Uniti, solo una frazione della loro produzione avviene a livello nazionale: l’8% per Analog Devices e il 7% per Texas Instruments. Negli ultimi anni si è verificato uno spostamento strategico verso la produzione offshore, con la produzione in Cina, Malesia, Filippine e Tailandia che è salita al 75% per Analog Devices e all’80% per Texas Instruments. Allo stesso tempo, la loro impronta produttiva nell’UE e a Taiwan è diminuita.

Analizzando ulteriormente le dinamiche commerciali, Cina, Hong Kong, Turchia ed Emirati Arabi Uniti emergono come punti di transito chiave per i prodotti destinati alla Russia. Tuttavia, anche altri luoghi come il Kazakistan, la Repubblica del Kirghizistan, la Serbia, le Isole Vergini, la Mongolia e le Maldive, e in particolare l’India, svolgono un ruolo in queste catene di approvvigionamento.

Il caso delle Tordan Industries e delle società Shell russe

Un esempio significativo di questa complessa rete è il coinvolgimento di Tordan Industries con sede a Hong Kong, un fornitore chiave di prodotti Analog Devices e Texas Instruments in Russia. Nonostante le sanzioni di Stati Uniti, UE e Svizzera, Tordan Industries ha registrato vendite per 16,5 milioni di dollari in Russia tra gennaio e ottobre 2023. Questo caso esemplifica la strategia della Russia di utilizzare società di comodo per mantenere l’accesso ai componenti essenziali. Ad esempio, la First Company of Consulting and Secretarial Services, un’entità russa che opera allo stesso indirizzo di Tordan Industries a Hong Kong, facilita le aziende russe nell’ottenimento di servizi e licenze critici.

Collegamenti militari e necessità di un monitoraggio diligente

Nel 2023, si è scoperto che almeno il 18% dei prodotti Analog Devices e il 16% dei prodotti Texas Instruments acquistati in Russia provenivano da entità legate all’industria militare. Data la natura in evoluzione di questi profili di acquirenti, il monitoraggio e l’indagine continui su questi collegamenti sono imperativi.

Conclusione

Il coinvolgimento di Analog Devices e Texas Instruments nella fornitura di componenti cruciali per l’equipaggiamento militare russo sottolinea una complessa sfida globale. Evidenzia la necessità di rigorose misure di conformità e di un vigile monitoraggio da parte delle agenzie di controllo per prevenire l’evasione delle sanzioni e comprendere le molteplici dinamiche di questo commercio. Con il cambiamento del panorama geopolitico, il ruolo di questi giganti della tecnologia nei contesti di sicurezza internazionale continua ad essere di fondamentale importanza.

Figura A1: importazioni di prodotti Analog Devices

Figura A2: Importazioni di prodotti strumentali del Texas

Il ruolo cruciale delle macchine CNC nella produzione militare russa e l’impatto delle sanzioni

Introduzione alle macchine CNC nella produzione militare

Le macchine a controllo numerico computerizzato (CNC), fondamentali per vari settori tra cui quello aerospaziale, automobilistico, della lavorazione dei metalli e dell’elettronica, svolgono un ruolo indispensabile nella produzione militare. Questi strumenti altamente automatizzati sono cruciali nella produzione di scafi di armi, parti di aerei, componenti di missili e droni/UAV e microelettronica. In Russia, circa il 70-80% dei macchinari CNC viene utilizzato dal complesso militare-industriale, rendendolo un importante consumatore nel paese. Questa dipendenza rappresenta un’opportunità per la coalizione delle sanzioni per limitare strategicamente le capacità militari della Russia, in particolare nel conflitto con l’Ucraina.

L’attuazione dei controlli e delle restrizioni sulle esportazioni

In risposta al ruolo critico che le macchine CNC svolgono nell’industria militare russa, diverse giurisdizioni all’interno della coalizione delle sanzioni, tra cui l’Unione Europea e il Giappone, hanno imposto severi controlli sulle esportazioni. L’espansione degli articoli soggetti a restrizioni da parte dell’UE, prevista per il 18 dicembre 2023, comprende ora le macchine utensili CNC e i relativi pezzi di ricambio, vietandone di fatto la vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione. Inoltre, il dodicesimo pacchetto di sanzioni mira all’esportazione di software di controllo del processo produttivo, compresi i programmi CAD e CAM essenziali per il funzionamento dei macchinari CNC. Queste restrizioni rappresentano una mossa strategica per sfruttare le vulnerabilità delle capacità di produzione militare della Russia. Anche la Corea del Sud, un altro attore chiave nel settore delle macchine CNC, è invitata ad attuare restrizioni globali simili per impedire alla Russia di accedere a fornitori alternativi.

Analisi delle dinamiche della catena di fornitura delle macchine CNC in Russia

Panoramica dei cambiamenti nella catena di fornitura

La catena di fornitura delle macchine CNC, cruciali per la produzione militare russa, ha subito notevoli cambiamenti in risposta alle sanzioni internazionali. Un’analisi dettagliata dei dati commerciali da gennaio a ottobre 2023 rivela cambiamenti significativi, soprattutto se confrontati con altre categorie come “beni bellici” e “componenti critici”.

Concentrazione dei produttori nei paesi della coalizione

Una caratteristica sorprendente dell’attuale catena di approvvigionamento è il predominio dei produttori dei paesi della coalizione per il controllo delle esportazioni nel settore delle macchine CNC. Rappresentano un sostanziale 97,8% del commercio totale di macchine CNC e pezzi di ricambio ritenuti fondamentali per la Russia. Questi produttori sono localizzati prevalentemente in alcuni paesi:

  • La Germania rappresenta il 42,3% del commercio totale.
  • Seguono la Corea del Sud e Taiwan con il 20,7% e il 19,5%, rispettivamente.
  • Anche gli Stati Uniti e il Giappone contribuiscono in modo significativo, con il 7,1% e il 6,9%.

Questa concentrazione in un numero limitato di paesi è un fattore cruciale per l’efficacia delle sanzioni e dei controlli sulle esportazioni.

Luoghi e turni di produzione

In termini di luoghi di produzione:

  • La Germania guida con il 28,0% della produzione.
  • Anche Taiwan e la Corea del Sud sono i principali produttori, contribuendo con il 20,4% e il 15,9%.
  • È interessante notare che il ruolo della Cina come paese di produzione è aumentato al 22,1%, un dato notevole in quanto sostituisce in parte la produzione precedentemente effettuata nei paesi dell’UE.
  • Le aziende e le fabbriche taiwanesi sono state particolarmente determinanti nell’aumento delle importazioni russe nel 2023.

Il ruolo di Cina, Hong Kong e Turchia

Nonostante i severi controlli sulle esportazioni, i dati indicano che:

  • La maggior parte delle macchine CNC e dei pezzi di ricambio vengono venduti e/o spediti in Russia da entità in Cina , Hong Kong e Turchia .
  • I paesi della coalizione rappresentano collettivamente solo il 10,6% delle vendite e il 21,7% delle spedizioni durante questo periodo.
  • Il calo dei venditori e degli spedizionieri europei, che in precedenza svolgevano un ruolo significativo, rende l’applicazione dei controlli sulle esportazioni più impegnativa per i servizi doganali della coalizione.

Spedizioni dirette dai paesi della coalizione

Nonostante la tendenza generale, ci sono ancora spedizioni dirette dai paesi della coalizione:

  • I paesi dell’UE rappresentano l’8,6% di queste spedizioni dirette.
  • Notevoli anche la Corea del Sud e Taiwan , rispettivamente con il 7,5% e il 5,5%.
  • All’interno dell’UE, le quote maggiori provengono da Finlandia , Polonia , Germania , Lituania e Lettonia .

Il ruolo rafforzato della Turchia

Il ruolo della Turchia nella catena di fornitura di macchine CNC e pezzi di ricambio è più pronunciato rispetto ad altri sottoinsiemi di prodotti. Ciò sottolinea la posizione strategica della Turchia nel commercio di questi componenti cruciali, agendo potenzialmente come un intermediario significativo.

Implicazioni e conclusioni

Queste dinamiche di filiera evidenziano diversi aspetti critici:

  • Predominio dei paesi della coalizione : la concentrazione della produzione e del commercio all’interno dei paesi della coalizione suggerisce che le sanzioni potrebbero essere molto efficaci se applicate in modo rigoroso.
  • Il ruolo crescente della Cina : il crescente coinvolgimento della Cina nella produzione e nella spedizione di macchine CNC in Russia rappresenta una sfida per l’efficacia delle sanzioni.
  • Sfide nell’applicazione : lo spostamento verso paesi non appartenenti alla coalizione come Cina, Hong Kong e Turchia per le fasi finali di vendita e spedizione complica l’applicazione dei controlli sulle esportazioni.
  • Potenziali scappatoie : le spedizioni dirette dai paesi della coalizione, anche se piccole in percentuale, indicano potenziali scappatoie o mancanza di un’applicazione rigorosa in alcune regioni.
  • Posizione strategica della Turchia : il ruolo significativo della Turchia nel commercio evidenzia la sua posizione strategica e la necessità di un attento monitoraggio e di un potenziale impegno diplomatico per garantire un’efficace attuazione delle sanzioni.

La catena di fornitura delle macchine CNC destinate alla Russia riflette le complessità e le sfide legate all’applicazione delle sanzioni internazionali. I dati indicano sia la potenziale efficacia di queste misure sia la necessità di vigilanza per affrontare le tendenze emergenti e le lacune del sistema.

Figura: per paese produttore, in milioni di dollari

Figura: per paese di origine, in milioni di dollari

Figura: per paese del venditore, in milioni di dollari

Figura: per paese di spedizione, in milioni di dollari

Figura: per produttore (primi 15), in milioni di dollari

Figura: per venditore (2023, top-15), in milioni di dollari*

Figura : Per acquirente (2023, top-15), in milioni di dollari *

Dinamiche commerciali e osservazioni sulla catena di fornitura

L’analisi dei dati open source, compresi i rapporti sugli appalti e le prove visive provenienti dagli impianti di produzione militari russi, fa luce sullo stato attuale dell’utilizzo dei macchinari CNC in Russia. In particolare, 38 importanti produttori di macchinari CNC, come DMG Mori e FANUC, sono stati identificati come critici per la Russia. Nonostante i cali iniziali delle importazioni dopo le sanzioni, si è registrata una forte ripresa verso la fine del 2022. Nel periodo da gennaio a ottobre 2023, la Russia ha importato macchinari CNC per un valore di 189 milioni di dollari e pezzi di ricambio per un valore di 103 milioni di dollari, indicando un aumento sostanziale delle importazioni rispetto al periodo pre-invasione.

Le dinamiche della catena di fornitura rivelano che la maggior parte delle macchine CNC e dei pezzi di ricambio provengono dai paesi della coalizione, con contributi significativi da Germania, Corea del Sud, Taiwan, Stati Uniti e Giappone. È interessante notare che il ruolo della Cina come paese produttivo è cresciuto, sostituendo in parte il settore manifatturiero nei paesi dell’UE. Si verificano ancora spedizioni dirette dai paesi della coalizione, tra cui UE, Corea del Sud e Taiwan sono fonti importanti. Figura: importazioni russe di macchinari CNC da 38 aziende chiave, in milioni di dollari

L’evoluzione del mercato delle macchine CNC e l’applicazione dei controlli sulle esportazioni

Il Consiglio di Sicurezza Economica dell’Ucraina (ESCU) rileva una tendenza al calo delle macchine CNC di fabbricazione occidentale in Russia, con un aumento delle controparti cinesi. Sebbene la Cina sia leader nel settore delle macchine CNC di bassa e media precisione, rimane un divario nella produzione di macchine ad alta precisione. Le complessità sorgono poiché alcune macchine utensili cinesi possono recare marchi occidentali ma sono prodotte in Cina. Si prevede che il rafforzamento dei controlli sulle esportazioni avrà un impatto significativo nei prossimi mesi. A causa della natura considerevole delle macchine CNC, controllarne il commercio è relativamente più semplice, consentendo potenzialmente un monitoraggio e un’applicazione più efficaci dei controlli sulle esportazioni.

Analisi dei produttori e modelli commerciali

L’analisi rivela che molti produttori del campione hanno aumentato significativamente il loro commercio con la Russia dall’inizio dell’invasione su vasta scala. Aziende come Siemens, DN Solutions, I Machine Tools, Spinner e Victor Taichung Machinery Works hanno registrato vendite più elevate nei primi dieci mesi del 2023 rispetto all’intero anno 2022 o 2021. Al contrario, alcune aziende come Hyundai, Fanuc e DMG Mori hanno ridotto la loro esposizione al mercato russo.

Venditori e acquirenti finali in Russia

Un’analisi approfondita dei contratti storici e dei registri degli appalti pubblici indica che la maggior parte dei venditori più venduti ha legami diretti o indiretti con entità militari russe. Aziende come SFT, Baltic Industrial Company e Sois Konsalt sono esplicitamente collegate alla produzione militare. Questo modello sottolinea l’importanza di un monitoraggio diligente e dell’applicazione dei controlli sulle esportazioni per impedire che i macchinari CNC rafforzino le capacità militari della Russia.

Le dinamiche commerciali e di fornitura di macchine CNC evidenziano un aspetto critico del complesso militare-industriale russo. L’applicazione dei controlli sulle esportazioni da parte dei paesi della coalizione gioca un ruolo fondamentale nel limitare la capacità di produzione militare della Russia. Gli sviluppi in corso nel mercato delle macchine CNC e le strategie impiegate dalla Russia per aggirare queste restrizioni saranno cruciali nel plasmare il futuro della produzione militare e l’efficacia delle sanzioni internazionali.

Affrontare la sfida delle lacune sussidiarie nei controlli sulle esportazioni di tecnologia: il caso di SenseTime

L’elenco iniziale di SenseTime e le sue implicazioni

Nel 2019, si è verificato uno sviluppo significativo nel campo del commercio internazionale di tecnologia quando il Bureau of Industry and Security (BIS) degli Stati Uniti ha aggiunto lo sviluppatore cinese di tecnologia di riconoscimento facciale SenseTime all’Entity List ai sensi delle Export Administration Regolamento (EAR). Questa mossa è stata stimolata da rapporti che indicavano che i brevetti depositati da SenseTime suggerivano che la sua tecnologia potesse distinguere tra individui uiguri e non uiguri, consentendo così l’identificazione degli uiguri tra la folla. L’inclusione nell’elenco delle entità EAR significava che qualsiasi spedizione a SenseTime ora richiedeva una licenza, che poteva essere concessa a determinate condizioni o negata del tutto.

La risposta di SenseTime e lo sfruttamento della scappatoia

Tuttavia, la risposta di SenseTime a questo elenco ha rivelato una lacuna critica nel sistema di controllo delle esportazioni. L’azienda è riuscita ad acquisire chip avanzati attraverso filiali che non erano elencate nell’EAR Entity List. Questa strategia ha effettivamente aggirato le restrizioni imposte a SenseTime, con la società che ha addirittura affermato che le azioni della BRI hanno avuto un impatto minimo o nullo sulle sue operazioni. Questa situazione sottolinea una sfida significativa nell’applicazione dei controlli sulle esportazioni di tecnologia: la facilità con cui le aziende possono aggirare le restrizioni attraverso filiali non quotate.

L’introduzione della regola avanzata delle fiches

In risposta a tali lacune è stato introdotto un nuovo regolamento. L’Advanced Chips Rule, parte dell’ultima tornata di controlli sulle esportazioni di semiconduttori cinesi, mira a colmare queste lacune. Questa regola impone un requisito di licenza mondiale basato sull’identità dell’utente finale. È necessaria la licenza per le spedizioni a entità con sede in determinate regioni o la cui società madre ha sede in queste aree, ad eccezione dei paesi elencati nei gruppi di paesi D:1, D:4 o D:5.

Tuttavia, la norma non definisce chiaramente cosa significhi avere “sede centrale in” o una “società capogruppo”, lasciando alcune ambiguità nella sua applicazione. Per affrontare questo problema, la BRI ha raccolto commenti pubblici sulla definizione di questi termini critici, indicando la consapevolezza della necessità di chiarezza nell’applicazione.

Proposta di ampliamento dell’elenco delle entità EAR

Una soluzione praticabile per affrontare questa sfida potrebbe essere l’espansione dell’elenco delle entità EAR. Questa espansione comprenderebbe tutte le filiali o affiliate di società come SenseTime note alle autorità statunitensi. In questo modo si potrebbe ridurre notevolmente la scappatoia che consente alle aziende di aggirare le restrizioni attraverso filiali non quotate.

Inoltre, esiste l’urgente necessità di obbligare gli esportatori di beni controllati a condurre un’accurata due diligence. Tale due diligence comporterebbe l’identificazione di altre società controllate associate alle entità quotate. Questa misura non solo migliorerebbe l’efficacia dei controlli sulle esportazioni, ma promuoverebbe anche una maggiore responsabilità e vigilanza tra gli esportatori nelle loro operazioni commerciali.

Conclusione

Il caso di SenseTime evidenzia una sfida fondamentale nel campo del commercio internazionale di tecnologia e dei controlli sulle esportazioni. Sebbene l’introduzione dell’Advanced Chips Rule sia un passo nella giusta direzione, l’efficacia di tali regolamenti dipende dall’eliminazione delle lacune sussidiarie e dalla garanzia di definizioni chiare e meccanismi di applicazione. L’ampliamento dell’elenco delle entità EAR e l’obbligo di una due diligence completa da parte degli esportatori sono passi cruciali per rafforzare l’efficacia di questi controlli. Poiché la tecnologia continua ad avanzare e a globalizzarsi, adattare e perfezionare i meccanismi di controllo delle esportazioni è essenziale per mantenere la sicurezza internazionale e gli standard etici nell’uso della tecnologia.

Analisi dell’impatto e delle implicazioni della transazione di Microsoft sulle violazioni dei controlli sulle esportazioni

Il contesto dell’accordo di Microsoft con OFAC e BIS

Nell’aprile 2023 è stato raggiunto un accordo significativo tra Microsoft e due importanti organismi di regolamentazione statunitensi, l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) e il Bureau of Industry and Security (BIS). Questo accordo riguardava le violazioni da parte di Microsoft dei controlli sulle esportazioni relative alla Russia e ad altre giurisdizioni sanzionate. Secondo i termini dell’accordo, Microsoft ha accettato di pagare 3,3 milioni di dollari, una cifra che, sebbene sostanziale, impallidisce in confronto al valore delle transazioni illecite coinvolte e alla portata operativa di Microsoft.

La portata delle violazioni e delle sanzioni finanziarie

Le violazioni, durate un periodo di sette anni, hanno comportato l’esportazione di software e servizi per un valore di circa 12 milioni di dollari verso individui, entità o paesi sanzionati. Questo caso è un chiaro esempio di un problema più ampio in termini di conformità ed etica aziendale: la percezione tra le aziende che le sanzioni e le violazioni dei controlli sulle esportazioni siano semplicemente un costo per fare affari. La discrepanza tra i guadagni illeciti derivanti da queste transazioni e le sanzioni finanziarie imposte solleva interrogativi cruciali sull’efficacia degli attuali meccanismi di controllo nel scoraggiare la cattiva condotta aziendale.

Dettagli specifici delle violazioni di Microsoft

Le violazioni da parte di Microsoft abbracciavano diverse dimensioni:

  • Le attività di vendita non si sono limitate alla Russia ma hanno coinvolto anche paesi come Cuba, Iran e Siria.
  • La maggior parte delle violazioni, tuttavia, riguardava entità o individui russi bloccati in Crimea.
  • Un problema chiave era la mancanza da parte di Microsoft di informazioni complete o accurate sugli utenti finali, in particolare quando le vendite venivano effettuate tramite intermediari, e l’incapacità dell’azienda di ottenere i dettagli necessari da distributori o rivenditori.
  • Sono stati rilevati incidenti in cui i dipendenti di Microsoft Russia hanno deliberatamente aggirato i controlli interni per nascondere l’identità degli utenti finali. In un caso degno di nota, i dipendenti hanno utilizzato uno pseudonimo per facilitare gli ordini per Stroygazmontazh, una società russa designata dall’OFAC nel 2014.
  • I sistemi di screening di Microsoft hanno mostrato carenze significative. Ad esempio, quando Microsoft Ireland riceveva informazioni sugli utenti finali da un distributore o rivenditore, i sistemi interni non erano attrezzati per garantire l’accesso tra database a dati critici come nomi, indirizzi e codici fiscali.
  • Microsoft ha anche faticato a selezionare e rivalutare i clienti preesistenti in seguito agli aggiornamenti dell’elenco SDN dell’OFAC e ad implementare misure per impedire continui rapporti con SDN o persone bloccate.
  • I sistemi di screening dell’azienda non sono riusciti a identificare le parti bloccate non esplicitamente elencate nell’elenco SDN ma possedute per il 50% o più da SDN. Si è verificato anche un mancato riconoscimento dei nomi degli SDN in caratteri cirillici o cinesi, nonostante la ricezione di informazioni sugli ordini e sui clienti in queste lingue da clienti russi e cinesi.

Raccomandazioni politiche e implicazioni future

Il caso dell’accordo di Microsoft sottolinea diverse aree di miglioramento delle politiche:

  • Requisiti rafforzati di due diligence : le aziende dovrebbero essere incaricate di condurre una due diligence più rigorosa, in particolare quando trattano con intermediari in giurisdizioni sanzionate.
  • Robusti sistemi di controllo interno : le aziende devono sviluppare sistemi di controllo interno più sofisticati in grado di identificare accuratamente gli utenti finali, compresi quelli che trattano tramite distributori o rivenditori.
  • Condivisione delle informazioni tra database : è necessario migliorare i meccanismi di condivisione delle informazioni all’interno delle multinazionali per garantire che i dati rilevanti per la conformità siano accessibili attraverso diverse filiali e database.
  • Protocolli di screening aggiornati : aggiornamenti e revisioni regolari dei protocolli di screening sono essenziali, soprattutto in seguito alle modifiche agli elenchi delle sanzioni.
  • Riconoscimento degli script non latini nei sistemi di conformità : le aziende che operano a livello globale dovrebbero incorporare funzionalità per identificare gli SDN e le parti bloccate negli script non latini, riflettendo la diversità linguistica delle operazioni commerciali globali.

Il caso Microsoft evidenzia le sfide che le multinazionali devono affrontare nel gestire complesse sanzioni internazionali e normative sul controllo delle esportazioni. Sottolinea inoltre la necessità di solidi sistemi di conformità e approfonditi processi di due diligence. La disparità tra le sanzioni imposte e i profitti derivanti dalle transazioni illecite richiede una rivalutazione delle strategie di applicazione delle norme per garantire che fungano da deterrenti efficaci contro le violazioni della conformità aziendale. Man mano che il commercio globale diventa sempre più interconnesso, la capacità delle aziende di aderire agli standard legali internazionali diventa non solo una questione di conformità, ma anche un fattore significativo nel mantenimento della stabilità economica e geopolitica globale.

Navigare tra le complessità dei controlli multilaterali sulle esportazioni nell’era moderna: l’accordo di Wassenaar e oltre

Panoramica degli attuali regimi multilaterali di controllo delle esportazioni

I regimi multilaterali di controllo delle esportazioni, fondamentali nel definire le politiche nazionali di controllo delle esportazioni, sono prevalentemente guidati da quattro quadri: l’accordo di Wassenaar, il gruppo dei fornitori nucleari, il gruppo australiano e il regime di controllo della tecnologia missilistica. Questi regimi, che comprendono un’ampia gamma di giurisdizioni partecipanti, mirano a stabilire elenchi e pratiche di controllo comuni, garantendo un approccio coordinato ai controlli delle esportazioni a livello globale. In particolare, l’appartenenza della Russia a tre di questi quattro regimi è stata un punto controverso, soprattutto dato il suo ruolo nei processi decisionali, simile alla sua posizione nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L’accordo di Wassenaar: scopo ed evoluzione

L’accordo di Wassenaar, istituito come regime volontario di controllo delle esportazioni, facilita lo scambio di informazioni tra gli Stati membri sui trasferimenti di armi convenzionali e di beni e tecnologie a duplice uso. A differenza del suo predecessore dell’era della Guerra Fredda, CoCom, Wassenaar non cerca di limitare le esportazioni verso stati specifici ma mira piuttosto a prevenire l’acquisizione di armamenti e articoli sensibili a duplice uso per usi finali militari in situazioni o comportamenti riguardanti gli stati.

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, il mandato di Wassenaar si è ampliato per includere la prevenzione delle acquisizioni da parte di singoli terroristi e organizzazioni terroristiche. Questa espansione riflette la natura in evoluzione delle minacce alla sicurezza globale. I membri sono obbligati a presentare notifiche semestrali di trasferimenti di armi e a segnalare trasferimenti o rifiuti di determinati prodotti a duplice uso controllati, promuovendo la trasparenza e il monitoraggio collaborativo.

Carenze e sfide dell’accordo di Wassenaar

Nonostante il suo ruolo fondamentale, Wassenaar deve affrontare diverse sfide:

  • Meccanismi di aggiornamento inflessibili : le politiche e gli elenchi degli elementi di controllo vengono rivisti ogni anno, mancando l’agilità per rispondere tempestivamente alle minacce emergenti o ai progressi tecnologici.
  • Incapacità di affrontare le moderne sfide alla sicurezza : l’accordo, concettualizzato negli anni ’90 per la proliferazione delle armi di distruzione di massa, si scontra con i moderni problemi di sicurezza, in parte a causa del potere di veto della Russia.
  • La Russia come partner compromesso : il track record della Russia di violazioni del diritto internazionale mina la sua affidabilità come partner a Wassenaar, mettendo in discussione l’efficacia del regime nel prevenire l’uso improprio di beni sensibili a duplice uso.
  • Rischi legati alla condivisione delle informazioni : la condivisione obbligatoria delle informazioni all’interno di Wassenaar espone potenzialmente alla Russia dati sensibili sulla capacità di difesa, sollevando preoccupazioni in materia di sicurezza.

Il ruolo della Russia nel indebolire l’efficacia di Wassenaar

La partecipazione della Russia all’accordo di Wassenaar è stata controproducente, in particolare per quanto riguarda la sua posizione sulla regolamentazione commerciale delle tecnologie sensibili cruciali per le sue azioni militari, come la guerra in Ucraina. Questo approccio ostruzionista rispecchia l’uso da parte della Russia del potere di veto nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, spesso per proteggersi dalla responsabilità internazionale. Il recente blocco da parte della Russia degli aggiornamenti agli elenchi di controllo della microelettronica e delle tecnologie emergenti durante la riunione di dicembre 2022 esemplifica questo problema, creando significative lacune nei controlli sulle esportazioni di tecnologia di circa 40 stati.

Proposta per un nuovo trattato multilaterale

Alla luce di queste sfide, c’è una crescente richiesta di un nuovo quadro multilaterale vincolante. Ispirandosi al CoCom, questo quadro supervisionerebbe i controlli sulle esportazioni di armi, beni a duplice uso e tecnologia sensibile riguardanti stati come Russia e Cina, in particolare quelli implicati in violazioni dei diritti umani o aggressioni contrarie alla Carta delle Nazioni Unite. Le caratteristiche principali di questo trattato proposto includerebbero:

  • Natura vincolante : a differenza dell’approccio volontario di Wassenaar, il nuovo quadro imporrebbe la conformità obbligatoria.
  • Sospensione o esclusione dei diritti : i documenti fondamentali dovrebbero consentire la sospensione o l’esclusione dei diritti di voto di uno Stato membro in caso di violazioni della condotta, come stabilito dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite.
  • Focus sugli autori di aggressioni e violazioni dei diritti umani : il trattato prenderebbe di mira gli stati coinvolti in gravi violazioni dei diritti umani o che violano il divieto di aggressione previsto dalla Carta delle Nazioni Unite.

La trasformazione delle minacce alla sicurezza globale richiede una rivalutazione e una ristrutturazione dei regimi multilaterali di controllo delle esportazioni esistenti. Sebbene l’Intesa di Wassenaar abbia svolto un ruolo significativo nel promuovere la cooperazione e lo scambio di informazioni, i suoi limiti nell’affrontare le sfide contemporanee alla sicurezza e il ruolo dirompente di stati come la Russia richiedono un quadro più solido e reattivo. La proposta di un nuovo trattato multilaterale, che trae insegnamento sia da Wassenaar che da CoCom, rappresenta un passo proattivo verso la garanzia di un controllo più efficace delle tecnologie sensibili in un panorama globale in rapida evoluzione. Questo nuovo trattato potrebbe fungere da strumento vitale per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, soprattutto in un’era caratterizzata da complesse dinamiche geopolitiche e progressi tecnologici.

Parte superiore del modulo

Appendice 1: Riepilogo delle misure di controllo delle esportazioni esistenti

stati Uniti

Il 24 febbraio 2022, il Bureau of Industry and Security (BIS) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha modificato le Export Administration Regolamento (EAR) per applicare norme rafforzate di controllo delle esportazioni a Russia e Bielorussia, compreso l’ambito esteso delle norme sui prodotti diretti esteri (FDP). L’EAR si applica extraterritorialmente agli articoli soggetti all’EAR e “segue le merci” in qualsiasi parte del mondo. L’EAR regola le esportazioni, le riesportazioni e i trasferimenti nazionali di articoli coperti a livello globale, anche se una transazione non coinvolge entità statunitensi e avviene al di fuori degli Stati Uniti Gli articoli soggetti all’EAR possono includere: articoli prodotti o fabbricati in qualsiasi parte del mondo negli Stati Uniti; articoli presenti o esportati dagli Stati Uniti, indipendentemente da dove sono stati fabbricati; articoli fabbricati al di fuori degli Stati Uniti che includono più del minimo contenuto di origine statunitense controllata; articoli fabbricati al di fuori degli Stati Uniti che sono il prodotto diretto di determinate tecnologie o software statunitensi controllati, o sono fabbricati da uno stabilimento, o un componente principale di uno stabilimento, che è esso stesso un prodotto diretto di tale tecnologia o software.

Pertanto, è necessaria una licenza EAR per l’esportazione, la riesportazione o il trasferimento (nel paese) di tutti gli articoli soggetti all’EAR con numeri di classificazione di controllo delle esportazioni (ECCN) nella lista di controllo del commercio (CCL) verso o all’interno di Russia e Bielorussia quando le parti sanno, o hanno motivo di sapere, che un articolo prodotto all’estero soddisfa i criteri di prodotto diretti destinati alla Russia o alla Bielorussia o sarà incorporato o utilizzato per la produzione/sviluppo di parti, componenti o apparecchiature prodotte in o destinati alla Russia o alla Bielorussia, a meno che non si applichi un’eccezione alla licenza. Le richieste di licenza sono soggette a una politica di rifiuto. Nel febbraio 2022, la BRI ha rilasciato una dichiarazione in cui chiarisce come l’FDPR si applica a Russia e Bielorussia. 54 Nel febbraio 2023 è stata pubblicata una nuova normativa iraniana sui prodotti diretti esteri per affrontare l’uso di veicoli aerei senza pilota iraniani da parte della Russia nella sua guerra contro l’Ucraina.

La BRI dispone di cinque elenchi di parti interessate: (1) Elenco delle persone a cui è stato negato il permesso di esportazione: un elenco di individui ed entità a cui sono stati negati i privilegi di esportazione; (2) Entity Llist: un elenco di soggetti stranieri a cui è vietato ricevere alcuni o tutti gli articoli controllati a meno che non venga concessa la licenza di esportazione. Le richieste di licenza in questo caso sono normalmente soggette a una politica di rifiuto; (3) Elenco non verificato: un elenco di parti che in buona fede la BIS non è stata in grado di verificare. Non è possibile utilizzare eccezioni di licenza per esportazioni, riesportazioni o trasferimenti (all’interno del paese) a parti non verificate; (4) Elenco degli utenti finali militari: un elenco di soggetti stranieri a cui è vietato ricevere articoli controllati a meno che non venga concessa la licenza di esportazione. L’elenco degli utenti finali militari non è esaustivo e, secondo la posizione della BRI, gli esportatori, i riesportatori o i cedenti devono condurre la propria due diligence per le entità non identificate come utenti finali militari; (5) Elenco di screening consolidato: un file ricercabile e scaricabile che consolida gli elenchi di screening delle esportazioni dei Dipartimenti del Commercio, dello Stato e del Tesoro in un unico documento.

Nel giugno 2022, la BRI ha annunciato il programma di applicazione amministrativa riformato e potenziato, in base al quale, il 16 febbraio 2023, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) e il Dipartimento del Commercio hanno annunciato la creazione della Disruptive Technology Strike Force con la missione di prevenire lo stato-nazione “ avversari”, inclusa la Russia, dall’acquisizione di tecnologie “dirompenti”. La forza d’attacco riunirà l’NSD del Dipartimento di Giustizia, la BRI, il Federal Bureau of Investigation, l’Homeland Security Investigations e 14 uffici della Procura degli Stati Uniti in 12 regioni metropolitane. Secondo il comunicato stampa ufficiale, il lavoro della forza d’attacco si concentrerà sull’investigazione e sul perseguimento delle violazioni penali delle leggi sull’esportazione, sul rafforzamento dell’applicazione amministrativa dei controlli sulle esportazioni statunitensi, sulla promozione delle partnership con il settore privato, sullo sfruttamento delle partnership internazionali per coordinare le azioni di applicazione della legge e le strategie di disturbo, utilizzando l’analisi avanzata dei dati e l’intelligence proveniente da tutte le fonti e sviluppare e costruire indagini, condurre corsi di formazione regolari per gli uffici sul campo e rafforzare la connettività tra la forza d’attacco e la comunità dell’intelligence.


(54 )“Per limitare la capacità della Russia e della Bielorussia di acquisire determinati articoli prodotti all’estero, la regola del periodo di servizio di volo Russia/Bielorussia stabilisce un controllo su articoli prodotti all’estero che sono: (i) il prodotto diretto di determinati software o tecnologie di origine statunitense soggetti all’EAR; o (ii) prodotto da determinate piante o dai loro principali componenti che sono essi stessi il prodotto diretto di certa origine statunitense – software o tecnologia soggetti all’EAR. Questo controllo si applica quando è noto che l’articolo prodotto all’estero è destinato alla Russia o alla Bielorussia o sarà incorporato o utilizzato nella produzione o nello sviluppo di qualsiasi parte, componente o attrezzatura prodotta o destinata alla Russia o alla Bielorussia” Dipartimento degli Stati Uniti del Commercio e della BRI Scheda informativa sulle norme di Russia e Bielorussia.


Nel giugno 2023, è stato annunciato che gli Stati Uniti e i loro partner dell’iniziativa Five Eye – Australia, Canada, Nuova Zelanda e Regno Unito – formalizzeranno il coordinamento e la condivisione delle informazioni sull’applicazione dei controlli sulle esportazioni per limitare l’accesso della Russia alle tecnologie. Inoltre gli Stati Uniti hanno istituito un quadro di controlli sulle esportazioni dei partner alleati contro Russia e Bielorussia, che comprende 38 giurisdizioni come gli Stati membri dell’UE, il Regno Unito e Taiwan. Secondo il Supplemento n. 3 alla Parte 746, i paesi elencati si sono impegnati ad attuare controlli sulle esportazioni sostanzialmente simili su Russia e Bielorussia ai sensi delle loro leggi nazionali e sono di conseguenza esclusi da determinati requisiti dei controlli sulle esportazioni statunitensi.

Unione Europea

Nell’UE, le norme sul controllo delle esportazioni sono fornite sia dalla legislazione dell’UE che dalle normative degli Stati membri stipulate a livello nazionale. Le norme sul controllo delle esportazioni vengono applicate a livello nazionale, il che comporta alcune variazioni nella loro applicazione pratica. Il quadro generale per i controlli sulle esportazioni di prodotti a duplice uso nell’UE è previsto dal regolamento UE sui prodotti a duplice uso. Stabilisce norme a livello dell’UE che sono direttamente applicabili in tutti gli Stati membri dell’UE, compresi i controlli sui prodotti a duplice uso specificatamente elencati e rispetto alle esportazioni relative all’uso finale controllato, nonché disposizioni generali per la concessione di licenze di esportazione individuali e globali (“ autorizzazioni”). Per quanto riguarda l’applicazione, il regolamento sul duplice uso impone agli Stati membri di adottare misure adeguate per garantire un’adeguata applicazione, comprese sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive. I controlli sulle esportazioni in relazione ai prodotti militari sono controllati individualmente dagli Stati membri dell’UE. Esiste un elenco militare comune dell’UE, adottato ogni anno dal Consiglio, ai sensi della posizione comune 2008/944/PESC del Consiglio che definisce norme comuni che disciplinano il controllo delle esportazioni di tecnologia e attrezzature militari. Tuttavia, questo elenco non è vincolante ed è di competenza degli Stati membri legiferare sui controlli nazionali sulle esportazioni militari.

Restrizioni specifiche all’esportazione per quanto riguarda la Russia sono stabilite dal Regolamento (UE) n. 833/2014 del Consiglio, che stabilisce restrizioni sulla vendita, fornitura, trasferimento o esportazione di un gran numero di articoli elencati a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità o corpo in Russia o per l’uso in Russia. I beni coperti includono: beni a duplice uso elencati nell’allegato I del regolamento (UE) n. 2021/821 del Parlamento europeo e del Consiglio (regolamento UE a duplice uso); articoli connessi all’energia elencati nell’allegato II del regolamento (UE) n. 833/2014 del Consiglio; elementi “che potrebbero contribuire al miglioramento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del settore della difesa e della sicurezza” elencati nell’allegato VII del regolamento (UE) n. 833/2014 del Consiglio; prodotti da utilizzare nella raffinazione del petrolio e nella liquefazione del gas naturale elencati nell’allegato X del presente regolamento; articoli destinati all’uso nell’industria aeronautica o spaziale elencati nell’allegato XI del presente regolamento; elementi di navigazione marittima e di radiocomunicazione elencati nell’allegato XVI del presente regolamento; beni di lusso elencati nell’allegato XVIII del presente regolamento (articoli di valore superiore a 300 EUR ciascuno); carburante per aerei e additivi per carburanti elencati nell’allegato XX del presente regolamento; un ampio elenco di elementi “che potrebbero contribuire in particolare al rafforzamento delle capacità industriali russe” elencati nell’allegato XXIII del presente regolamento; banconote denominate in qualsiasi valuta ufficiale di uno Stato membro dell’UE; e armi da fuoco, loro parti e componenti essenziali e munizioni elencate nell’allegato I del regolamento (UE) n. 258/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio (regolamento UE sulle armi da fuoco) e armi da fuoco e altre armi elencate nell’allegato XXXV del Consiglio Regolamento (UE) n. 833/2014.

Sono inoltre espressamente vietati (i) la fornitura di assistenza tecnica, servizi di intermediazione e altri servizi, (ii) la fornitura di finanziamenti o assistenza finanziaria e (iii) la vendita, la concessione di licenze o il trasferimento in qualsiasi altro modo di diritti di proprietà intellettuale o segreti commerciali. nonché la concessione dei diritti di accesso o riutilizzo di qualsiasi materiale o informazione protetta mediante diritti di proprietà intellettuale o che costituisce segreti commerciali, relativa agli elementi elencati a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità o organismo in Russia o per l’uso in Russia. Inoltre, è vietato fornire assistenza tecnica, servizi di intermediazione e finanziamenti o assistenza finanziaria relativi ai beni e alla tecnologia elencati nell’elenco comune delle attrezzature militari dell’UE. L’UE ha stabilito le disposizioni relative alla proprietà intellettuale delle entità o delle persone dell’UE nel contesto del regime di controllo delle esportazioni russo con il suo 11° pacchetto di sanzioni, adottato nel giugno 2023.

Regno Unito

Il regime di controllo delle esportazioni del Regno Unito comprende l’ Export Control Act del 2002 e l’ Export Control Order del 2008 . A causa del ritiro del Regno Unito dall’UE, il regolamento (CE) n. 428/2009 del Consiglio è diventato normativa ai sensi della legge sul ritiro dell’UE del 2018, mentre il regolamento dell’UE sui prodotti a duplice uso si applica all’esportazione, all’intermediazione, all’assistenza tecnica, al transito e al trasferimento di beni a duplice uso. utilizzare articoli dal Regno Unito. La legislazione del Regno Unito limita l’esportazione, la fornitura, la consegna o la messa a disposizione degli articoli elencati a o per l’uso in Russia o a una persona “legata alla Russia”. Gli articoli rilevanti includono: beni militari elencati nell’Allegato 2 dell’Ordine sul controllo delle esportazioni del 2008; beni per la difesa e la sicurezza secondo l’Allegato 3C del Regolamento sulle sanzioni contro la Russia 2019; beni e tecnologie a duplice uso elencati nel regolamento (CE) n. 428/2009 del Consiglio del 5 maggio 2009; beni e tecnologie del settore critico elencati nell’Allegato 2A dei Regolamenti sulle sanzioni russe; articoli aeronautici e spaziali secondo l’Allegato 2C del Regolamento sulle sanzioni russe; beni e tecnologie per la raffinazione del petrolio secondo la Tabella 2D dei regolamenti sulle sanzioni russe; informatica quantistica e beni e tecnologie di materiali avanzati elencati nell’Allegato 2E delle normative sulle sanzioni russe; articoli legati all’energia secondo la Parte 2 dell’Allegato 3 dei Regolamenti sulle sanzioni russe; beni di lusso elencati nell’Allegato 3A dei Regolamenti sulle sanzioni contro la Russia; articoli identificati come “dipendenza dal G7 e altri beni dell’elenco dei beni”, secondo l’Allegato 3E dei Regolamenti sulle sanzioni contro la Russia.

Il 13 dicembre 2022, l’Unità congiunta per il controllo delle esportazioni del Regno Unito ha pubblicato un codice di condotta di conformità per le licenze di esportazione. Il codice è volontario e intende fornire indicazioni sulle migliori pratiche su come sviluppare procedure di conformità del controllo delle esportazioni. Delinea i seguenti passaggi pratici: impegno alla conformità; nominare il personale responsabile; informare e formare il personale; sviluppare procedure di compliance aziendale; gestire richieste o ordini sospetti; tenuta dei registri; disposizione per gli audit.

Il Dipartimento per le imprese e il commercio ha pubblicato linee guida relative ai rischi di elusione delle sanzioni commerciali del Regno Unito. Si sottolinea che gli esportatori dovrebbero condurre “una forte due diligence sulle controparti […] in relazione alle sanzioni” e, per i contratti in corso, ripetere la due diligence “a intervalli per garantire che il rischio non sia cambiato”. La guida elenca anche esempi di “indicatori chiave di rischio”, basati su cliente, prodotto e ubicazione, e indica che gli esportatori dovrebbero adattare le procedure di due diligence e conformità considerando i rischi identificati.

Appendice 2: Definizione di “Beni Battlefield” e “Componenti critici”

Codici HS inclusi in “beni da campo di battaglia”

Livello 1 (4)

8542.31Circuiti integrati elettronici: processori e dispositivi di controllo, anche combinati con memorie, convertitori, circuiti logici, amplificatori, circuiti di orologio e temporizzazione o altri circuiti
8542.32Circuiti integrati elettronici: Memorie
8542.33Circuiti integrati elettronici: Amplificatori
8542.39Circuiti integrati elettronici: Altro

Livello 2 (5)

8517.62Macchine per la ricezione, la conversione e la trasmissione o la rigenerazione di voce, immagini o altri dati, compresi apparecchi di commutazione e di instradamento
8526.91Apparecchi di aiuto alla radionavigazione
8532.21Altri condensatori fissi: condensatori al tantalio
8532.24Altri condensatori fissi: Dielettrico ceramico, multistrato
8548,00Parti elettriche di macchine o apparecchi, non nominate né comprese altrove nel capitolo 85

Livello 3.A (16)

8471,50Unità di trasformazione diverse da quelle delle sottovoci 8471.41 o 8471.49, anche contenenti nello stesso alloggiamento uno o due dei seguenti tipi di unità: unità di deposito, unità di entrata, unità di uscita
8504.40Convertitori statici
8517.69Altri apparecchi per la trasmissione o la ricezione di voce, immagini o altri dati, compresi apparecchi per la comunicazione in una rete cablata o senza fili
8525.89Altre telecamere, fotocamere digitali e videocamere
8529.10Antenne e riflettori aerei di ogni genere; parti adatte per l’uso con esso
8529,90Altre parti riconoscibili come destinate, esclusivamente o principalmente, agli apparecchi delle voci da 8524 a 8528
8536.69Spine e prese per una tensione non superiore a 1 000 V
8536,90Apparecchi elettrici per la commutazione di circuiti elettrici o per la realizzazione di collegamenti con o in circuiti elettrici, con tensione non superiore a 1 000 V (escl. fusibili, interruttori automatici ed altri apparecchi di protezione dei circuiti elettrici, relè ed altri interruttori, portalampade, spine e prese)
8541.10Diodi diversi dai diodi fotosensibili o emettitori di luce (LED)
8541.21Transistor diversi dai transistor fotosensibili con velocità di dissipazione inferiore a 1 W
8541.29Altri transistor, diversi dai transistor fotosensibili
8541.30Tiristori, diac e triac (escl. dispositivi a semiconduttore fotosensibili)
8541.49Dispositivi fotosensibili a semiconduttore (escl. generatori e celle fotovoltaiche)
8541.51Altri dispositivi a semiconduttore: trasduttori basati su semiconduttori
8541.59Altri dispositivi a semiconduttore
8541.60Cristalli piezoelettrici montati

Livello 3.B (9)

8482.10Cuscinetti a sfera
8482.20Cuscinetti a rulli conici, compresi i gruppi cono e rullo conico
8482.30Cuscinetti orientabili a rulli
8482,50Altri cuscinetti a rulli cilindrici, compresi gruppi di gabbia e rulli
8807.30Altre parti di aeroplani, elicotteri o velivoli senza pilota
9013.10Mirini telescopici da montare sulle armi; periscopi; telescopi destinati a formare parti di macchine, apparecchi, strumenti o apparecchi di questo capitolo o della sezione XV
9013.80Altri dispositivi, apparecchi e strumenti ottici
9014.20Strumenti ed apparecchi per la navigazione aeronautica o spaziale (escluse bussole).
9014.80Altri strumenti ed apparecchi di navigazione

Livello 4 (11)

8471.80Unità per macchine automatiche per l’elaborazione dell’informazione (escl. unità di elaborazione, unità di input o output e unità di memorizzazione)
8486.10Macchine e apparecchi per la fabbricazione di bocce o wafer
8486.20Macchine e apparecchi per la fabbricazione di dispositivi a semiconduttore o di circuiti elettronici integrati
8486.40Macchine e apparecchi specificati nella nota 11(C) di questo capitolo
8434,00Circuiti stampati
8543.20Generatori di segnali
9027,50Altri strumenti e apparecchi che utilizzano radiazioni ottiche (ultraviolette, visibili, infrarosse)
9030.20Oscilloscopi e oscillografi
9030.32Multimetri con dispositivo di registrazione
9030.39Strumenti e apparecchi per la misura o il controllo della tensione, della corrente, della resistenza o della potenza elettrica, con dispositivo di registrazione
9030.82Strumenti e apparecchi per la misurazione o il controllo di wafer o dispositivi a semiconduttore

Codici HS inclusi in “componenti critici”

Componenti e attrezzature automobilistiche (83)

840710000384112100098412298909850131000085111000098708705009
840721100084118100018412310009850132000885113000088708709909
840721910084118100088412390009850133000885114000088708803509
840721990084119100018412808009850134000085115000088708805509
840729000084119100028412904008850140200485118000088708809909
840732100084119100088412908009850140200985119000098708913509
840734300984119900198479899707850140800987081090098708919909
840820990784119900918479907000850151000187082990098708923509
840890650084119900988501101001850151000987083091098708939009
840890670084122120028501101009850152200187083099098708943509
840991000884122120098501109100850152200987084050098708949909
840999000984122180088501109300850152300087084091098708999309
841111000184122920098501109900850161700087084099098708999709
84111230098412298109850120000985016200008708509909 

Cuscinetti e alberi di trasmissione (31)

848210100984825000098483105000848340210084834090008483908909
84821090018482800009848310950084834023088483502000 
84821090088482990000848320000084834025008483508000 
84822000098483102108848330320984834029008483602000 
84823000098483102509848330380984834030098483608000 
84824000098483102909848330800784834059008483908100 

Apparecchiature per le comunicazioni (80)

851718000085219000098523499900852380930085269200088529106500
851761000285232100008523511000852380990085271399008529106901
851761000885232915058523519101852550000085271900008529106909
851762000285232915098523519109852560000985272120098529108000
851762000385232931028523519300852581910085272159098529109500
851762000985232939018523519900852581990085272198008529902002
851769900085232939088523529001852589190085272900098529906502
851770900985234190008523529009852589300085279119008529906508
851771110085234925008523591000852589910985279135008529906509
851771150085234939008523599101852589990085279199008529909600
85177119008523494500852359910985261000018527921000 
85177900018523495100852359930085261000098527990000 
85177900098523495900852359990085269120008529101100 

Componenti informatici (15)

84714100008471703000847170800084719000008473308000
84715000008471705000847170980084733020028473502000
84717020008471707000847180000084733020088473508000

Droni (5)

88062200018806920001880720000088073000008807900009

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (159)

850410200085049092008532100000853610500085367000048544190009
850410800085049098008532210000853610900085369001008544200000
850421000085051100008532220000853620100785369010008544300002
850422900085051910008532230000853620900785369085008544300003
850423000985051990008532240000853630200085371010008544300007
850431210985052000008532250000853630400085371091008544421000
850431290985059020098532290000853630800085371098008544429003
850431800185061011008532300000853641100085371099008544429007
850431800785061018018532900000853641900085372092008544429009
850432000285061018098533100000853649000085372098008544492000
850432000985061091008533210000853650040085381000008544499101
850433000985061098098533290000853650060085389012008544499108
850434000085064000008533310000853650070085389092008544499309
850440300485065010008533390000853650110985389099018544499501
850440300885065030008533401000853650150985389099088544499509
850440300985065090008533409000853650190485402080008544499900
850440550085066000008533900000853650190685407100018544601000
850440830085068080008534001100853650800885407100098544609009
850440850085071020038534001900853661100085408100008544700000
850440870085072020008534009000853661900085408900008545110089
850440900085072080018535100000853669100085432000008545200009
850440910085072080088535210000853669300085434000008545909000
850450200085073020098535290000853669900285437030088548009000
850450950085075000008535302000853669900885437080008549990000
85049006008507600000853540000085367000018543709000 
85049011008507800001853590000885367000028543900000 
85049017008507800009853610100085367000038544119000 

Apparecchiature e sensori di navigazione (62)

900211000090148000009025804000902680200090303200099032102000
900219000090149000009025808000902680800090303310009032108100
900220000090151010009025900003902690000090303391009032108900
900290000990151090009025900008902750000090303399009032200000
901320000090153090009026102100902910000990303900099032810000
901380000090154010009026102900902920310990304000009032890000
901390000090159000009026108100902920380990308200009032900000
90141000009025118000902610890090299000099030840009 
90142020099025192000902620200090301000009030893000 
90142080019025198009902620400090302010009030899009 
90142080099025802000902620800090303100009030908500 

Semiconduttori (37)

854110000185414100048541490000854231901085423261008542399090
854110000985414100068541510000854231909085423269008542900000
85412100008541410007854159000085423210008542327500 
85412900008541410008854160000085423231008542329000 
85413000098541410009854190000085423239008542339000 
85414100018541420000854231100185423245008542391000 
85414100028541430000854231100985423255008542399010 

Altri componenti 13)

84862090099024809000903180340090318098009031908500
8486901000902490000090318038009031902000 
8486909008903149900090318091009031903000 

Appendice 3 – SINTESI DELLE DINAMICHE SULLE DIVERSE FASI DELLA CATENA DI FORNITURA

Importazioni russe nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese produttore

Merci del campo di battaglia

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina3.60044,6%
2stati Uniti2.23727,7%
3Taiwan6127,6%
4Germania2593,2%
5Hong Kong1812,2%
6Svizzera1702,1%
7Giappone1331,6%
8Malaysia1221,5%
9Corea del Sud760,9%
10Olanda750,9%

Componenti critici

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina9.15741,2%
2stati Uniti3.35315,1%
3Taiwan1.0374,7%
4Germania8133,7%
5Giappone5152,3%
6Corea del Sud4502,0%
7Hong Kong3091,4%
8Svizzera3001,4%
9Malaysia1530,7%
10India1510,7%

Importazioni russe nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese di origine

Merci del campo di battaglia

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina5.52863,1%
2Taiwan6998,0%
3Malaysia5135,8%
4stati Uniti3754,3%
5Vietnam2192,5%
6Germania1481,7%
7Corea del Sud1201,4%
8Tailandia1031,2%
9Filippine991,1%
10Hong Kong991,1%

Componenti critici

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina13.04358,7%
2Taiwan1.1185,0%
3Germania8653,9%
4stati Uniti8363,8%
5Malaysia6763,0%
6Corea del Sud6623,0%
7Tacchino5272,4%
8Giappone4692,1%
9Italia4602,1%
10Vietnam4021,8%

Importazioni russe nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese del venditore

Merci del campo di battaglia

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina3.32838,0%
2Hong Kong2.70630,9%
3Tacchino6046,9%
4Emirati Arabi Uniti2933,3%
5Svizzera1862,1%
6Serbia1711,9%
7Repubblica Slovacca1381,6%
8Taiwan1151,3%
9Repubblica del Kirghizistan981,1%
10Tailandia780,9%

Componenti critici

RangoPaeseValoreCondividere
1Cina8.65138,9%
2Hong Kong4.02418,1%
3Tacchino,8708,4%
4Emirati Arabi Uniti9324,2%
5Corea del Sud5032,3%
6Serbia3901,8%
7Svizzera3881,7%
8Repubblica del Kirghizistan3051,4%
9Germania2881,3%
10Italia2581,2%

Importazioni russe nel periodo gennaio-ottobre 2023 per paese di spedizione

Merci del campo di battaglia

RangoPaeseValoreCondividere 
1Cina4.66553,2% 
2Hong Kong1.99222,7% 
 3Tacchino4655,3%
 4Emirati Arabi Uniti4425,0%
 5Tailandia2152,5%
 6Maldive1221,4%
 7Malaysia1051,2%
 8Taiwan1001,1%
 9India800,9%
 10Corea del Sud750,8%

Componenti critici

RangoPaeseValoreCondividere 
1Cina11.91653,8% 
2Hong Kong2.85312,9% 
 3Tacchino1.8248,2%
 4Emirati Arabi Uniti8163,7%
 5Corea del Sud5502,5%
 6Tailandia3391,5%
 7Germania2931,3%
 8India2581,2%
 9Polonia2511,1%
 10Maldive2501,1%

Appendice 4: Sottoinsieme di società da analizzare nella Sezione II.4.

Società (società madre)PaeseSocietà (società madre)Paese
Actel (tecnologia dei microchip)NOIElettronica DeltaTaiwan
Tecnologie presentiNOITecnologia DeyuanCina
ADLINKTaiwanElettronica DFRobotCina
Microdispositivi avanzatiNOIDigi InternazionaleNOI
Sistemi monolitici avanzatiNOIElettronica DMPTaiwan
Internazionale di tecnologia avanzataNOIIndustrie di Dragon CityH.Kong
AimtecCanadaDinalogicoNetherl.
Alfa RparLettoniaDynatronNOI
AlinxCinaEaton CorporationIrlanda
Tutti i sensoriNOIEbm-papstGermania
Allegro MicrosistemiNOIEPCOS (TDK Corporation)Giappone
Memoria dell’AlleanzaNOIEpson (Seiko Epson)Giappone
Altera Corporation (Intel Corporation)NOIElettronica E-TechH.Kong
Amphenol Aerospaziale (Amphenol)NOIDispositivi EudynaNOI
AmpleoneNetherl.Elettronica EverlightTaiwan
Comunicazione estesaTaiwanFairchild Semiconductor (Onsemi)NOI
Dispositivi analogiciNOIFedele Collegamento IndustrialeTaiwan
Anaren (Tecnologie TTM)NOISistemi FLIR (Teledyne Technologies)NOI
Anderson ElettronicaNOISemiconduttore su scala libera (NXP)Netherl.
ApacerTaiwanFujitsuGiappone
Apem (IDEC Corporation)GiapponeSocietà FutabaGiappone
Microtecnologia ApexNOIDispositivi tecnologici futuri Int.UK
ATMEL (tecnologia dei microchip)NOIGennum CorporationCanada
AXICOMSvizzera.Elettronica GLEADCina
Comunicazioni Axis (Canon)GiapponeGlenairGermania
BCD Semiconductor (Diodes Incorp.)NOIGlobalSatWorldComTaiwan
Soluzioni Bel Power (Bel Fuse)NOIElettronica GolledgeUK
BolyminTaiwanSistemi GreenliantNOI
BombardiereCanadaGuangzhou Kexin Ind. (Kexin Elettr.)Cina
BournsNOIGumstix (Altium)NOI
Broadcom CorporationNOIElettronica HALONOI
Burr Brown (Texas Instruments)NOIHartingGermania
C&K (Littelfuse)NOIGNSS emisferico (CNH Industrial)UK
CADDOCKNOIHirose ElettricoGiappone
CanoneGiapponeHitachiTaiwan
Semiconduttore catalizzatoreNOIImpresa zingaraTaiwan
CervozTaiwanRCD HiTecNOI
CirocommTaiwanHittite Microwave Corp. (Sviluppo analogico)NOI
Chiara (Littelfuse)NOICircuiti integrati HoltNOI
Microcircuiti LMCUKHoneywell InternazionaleNOI
CoilcraftNOIHongfaCina
Coiltronics (Eaton Corporation)IrlandaHewlett PackardNOI
ConnflyTaiwanIC-HausGermania
Sistemi Cortina (tecnologia Marvel)NOIGruppo IEITaiwan
Società CTSNOIiFlightCina
Semiconduttore di Cypress (Infineon)GermaniaCondensatore dell’Illinois (Cornell Dubilier)NOI
Società (società madre)PaeseSocietà (società madre)Paese
Inchange Azienda di semiconduttoriCinaNuova radio giapponese (Nishinbo)Giappone
Tecnologie InfineonGermaniaSemiconduttore del New JerseyNOI
Sistemi a Circuito Integrato (Renesas)GiapponeNexperie (Wingtech)Cina
Tecnologia del dispositivo integrato. (Renesas)GiapponeCandela NGKGiappone
Soluzioni integrate in silicioNOINic Components CorporationNOI
Intel CorporationNOINICOMATICOFrancia
Raddrizzatore internazionale (Infineon)GermaniaNihon Dempa KogyoGiappone
ISSI (Soluzioni integrate di silicio)NOINippon (NEC)Giappone
IXYS (Littelfuse)NOITecnologie NLTNOI
JST ElettronicaSingaporeNumonyx (tecnologia micron)NOI
Componenti elettronici Kemet (Yageo)TaiwanNVE CorporationNOI
Kingston Technology CorporationNOINvidiaNOI
KodenshiGiapponeSemiconduttori NXPNetherl.
KyoceraGiapponeOMRONGiappone
LantronixNOITutti loroNOI
Semiconduttore reticolareNOIPanasonicGiappone
L-comNOIElettronica di puntaGermania
LG CorporationCoreaPhilipsNetherl.
Elettronica LigitekTaiwanContatto della FeniceGermania
LINAKDanimarcaPicor Corporation (Vicor)NOI
Tecnologia lineareNOISistemi planari (Leyard)Cina
Tecnologia Lite-OnTaiwanTecnologia PLX (Broadcom)NOI
LittelfuseNOIPMC-Sierra (tecnologia dei microchip)NOI
MACOMNOITecnologia Power MateNOI
MacronixTaiwanElettronica a impulsi (Yageo)Taiwan
Marvell Semiconduttore (Marvell)NOIQingdao Thundsea Marine Tech.Cina
Maxim Integrated (dispositivi analogici)NOIQorvoNOI
Tecnologie MaxwellNOIQST CorporationCina
Elettronica al mercurioNOIQuectelCina
Industrie MerrimacNOIQuintechGermania
MichelinFranciaRamtron Internazionale (Infineon)Germania
Semisecondo Micrel. (Tecnologia del microchip.)NOILampone PiUK
Microcristallo (Gruppo Swatch)Svizzera.RealtekTaiwan
Tecnologia dei microchipNOIRenesas ElettronicaGiappone
Tecnologia micronNOIMicro dispositivi RF (Qorvo)NOI
MikroTikLettoniaMicroonde RicciCorea
Mini-circuitiNOIRIFCina
Mitsubishi Electric (Mitsubishi)GiapponeTecnologie RN2Corea
Elettronica Molex (Koch Industries)NOIElettronica di RochesterNOI
BuongiornoCinaRogers CorporationNOI
Mouser Electronics TTI)NOISemiconduttore ROHMGiappone
MurataGiapponeRotax (Bombardiere)Canada
Tecnologia NanyaTaiwanRuncamH.Kong
Semisecondo nazionale. (Istruz. Texas)NOISafeNet (Thales)Francia
Dispositivi digitali NelsonH.KongzafferanoFrancia
NetSolNOISAMSUNGCorea
NetzerIsraeleSanDiskNOI
Nuovi CentriTaiwanSawtek (Qorvo)NOI
Società (società madre)PaeseSocietà (società madre)Paese
Sistemi di alimentazione dello ScorpioneH.KongTaleteFrancia
Semelab (TT Electronics)UKThinki SemiconduttoreCina
Comp.semiconduttori Ind. (Onsemi)NOITi Automotive (sistemi fluidi TI)UK
SemtechNOIIndustria elettronica dei gettoniTaiwan
Tecnologia Silex (Murata)GiapponeTOREXGiappone
Laboratori di silicioNOIToshibaGiappone
Sistema di rilevamento del silicioUKTP-LinkCina
Tecnologia di stoccaggio del silicio. (Tecnologia del microchip.)NOITraceSvizzera.
SIMComCinaTrascendereTaiwan
Sipex CorporationNOISemiconduttore TriQuint (Qorvo)NOI
Sirena MicrodevicesNOITT ElettronicaUK
Soluzioni SkyworksNOITecnologie TTMNOI
Partecipazioni globali SMARTKirghiso R.Tyco ElettronicaSvizzera.
Società SMCGiapponeU-bloxSvizzera.
Soluzioni con diodi SMCCinaUIYCina
SMSC (tecnologia dei microchip)NOIUn semiconduttoreTaiwan
SonitronBelgioTecnologie unisonicheTaiwan
SonyGiapponeVbsemiTaiwan
Souriau (Eaton Corporation)IrlandaVincitoreNOI
Espansione (Infineon Technologies)GermaniaVishayNOI
STMicroelettronicaSvizzera.VisionhitechCorea
Società SumidaGiapponeMoltiplicatori di tensioneNOI
SwitronicTaiwanWeigaoCina
sinoceanoTaiwanWinbondTaiwan
Tecnologia Tai-SawTaiwanWIZnetIndia
TSMCTaiwanVelocità del lupoNOI
TallysmanNOIElettronica vincenteTaiwan
TaoglasIrlandaElettronica WürthGermania
Società TDKGiapponeXilinx (Microdispositivi avanzati)NOI
Connettività TESvizzera.Potenza XPSingapore
TechWell CorporationNOIYageoTaiwan
TelpodPoloniaYXCCina
TengfeiCinaComunicazioni ZNOI
Strumenti texaniNOIZilog (Littelfuse)NOI

Copyright di debuglies.com
La riproduzione anche parziale di questo documento è vietata senza il consenso esplicito di debuglies.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.