La minaccia incombente dei droni autonomi nella guerra moderna

0
44

Il regno della guerra moderna sta subendo una trasformazione significativa, guidata dalla rapida evoluzione della tecnologia dei droni. Al centro di questa trasformazione c’è l’emergere di droni autonomi, che rappresentano una nuova frontiera nelle capacità militari. Questo sviluppo non rappresenta semplicemente un progresso incrementale, ma un cambiamento di paradigma con profonde implicazioni sia per gli ambienti di combattimento che per quelli civili.

Droni autonomi: la prossima frontiera

L’iniziativa dell’aeronautica degli Stati Uniti di integrare droni autonomi come gregari nelle operazioni degli aerei da combattimento è una testimonianza dei progressi nella tecnologia dei droni. Con l’intenzione di intensificare la sperimentazione del volo autonomo nel 2024, l’Air Force mira a schierare questi droni insieme agli F-35 e ai futuri aerei da combattimento. Si prevede che questi aerei da combattimento collaborativi (CCA) svolgeranno una miriade di missioni, dal colpire obiettivi alla guerra elettronica, evidenziando l’utilità multiforme dei droni nella guerra moderna. L’ambizioso obiettivo di mettere in campo una grande flotta di questi droni sottolinea il passaggio strategico verso l’integrazione di capacità autonome su scala significativa.

L’ascesa dei droni militari sul mercato di massa

L’impatto dei droni del mercato di massa, come il Bayraktar TB2, sulla guerra non può essere sopravvalutato. Questi droni hanno democratizzato il combattimento aereo, rendendo le capacità avanzate accessibili a una gamma più ampia di attori. La capacità del TB2 di condurre attacchi a lungo raggio e la sua efficacia operativa hanno dimostrato il valore strategico dei droni. Questo cambiamento ha messo in discussione i paradigmi militari tradizionali, sottolineando il ruolo della tecnologia nel livellare il campo di gioco. L’evoluzione della guerra con i droni sottolinea la transizione dal dominio convenzionale a una forma di potere militare più dispersa e accessibile.

Droni sciame autonomi: un punto di svolta

Lo sviluppo di droni sciami autonomi segna un passo avanti significativo nella strategia militare. Questi droni, in grado di operare in unità coese, offrono una combinazione di adattabilità, efficienza e profondità strategica mai vista prima. Il loro potenziale di dominare gli scenari di combattimento e fungere da deterrente riflette i vantaggi strategici derivanti dallo sfruttamento delle capacità collettive dell’IA. Le dimensioni psicologiche e tattiche dello spiegamento di droni a sciame potrebbero ridefinire la natura degli scontri, rendendoli un elemento critico delle future operazioni militari.

Considerazioni etiche e strategiche

L’avvento dei droni autonomi e dell’intelligenza artificiale in guerra solleva complesse questioni etiche e strategiche. La delega del processo decisionale alle macchine, in particolare negli scenari di vita o di morte, richiede un attento esame delle implicazioni etiche. Inoltre, il potenziale di queste tecnologie di alterare il panorama strategico richiede una comprensione articolata del loro impatto sulle dinamiche della sicurezza globale. L’integrazione dei droni autonomi nelle strategie militari pone sia opportunità che sfide, che richiedono una governance e una supervisione ponderate.

La traiettoria della guerra con i droni è chiara: i droni autonomi sono destinati a svolgere un ruolo fondamentale nel futuro delle operazioni militari. Le implicazioni di questo cambiamento sono di vasta portata e toccano dimensioni strategiche, etiche e operative. Poiché la tecnologia continua ad evolversi, il panorama militare e geopolitico verrà senza dubbio rimodellato di conseguenza. La sfida sta nell’affrontare questo nuovo terreno, garantendo che i progressi nella tecnologia dei droni siano sfruttati in modo responsabile ed efficace per migliorare la sicurezza e la stabilità in un mondo sempre più complesso.

L’ascesa dei droni autonomi e il riconoscimento automatico dei bersagli nella guerra moderna

Il panorama della guerra moderna si sta evolvendo rapidamente con l’integrazione di droni autonomi e sistemi avanzati di riconoscimento automatico dei bersagli (ATR), segnando un cambiamento significativo nel modo in cui le operazioni militari vengono condotte sia dentro che fuori dal campo di battaglia. Questi progressi tecnologici non solo migliorano le capacità operative, ma sollevano anche importanti considerazioni etiche e strategiche.

Droni autonomi nelle operazioni militari

L’iniziativa dell’aeronautica americana di sviluppare una flotta di gregari di droni in grado di volare autonomamente insieme a aerei da combattimento pilotati, come gli F-35, è una testimonianza del ruolo significativo che si prevede che i droni autonomi svolgeranno nei futuri scenari di combattimento. Questi aerei da combattimento collaborativi (CCA) sono stati progettati per una varietà di missioni, tra cui sorveglianza, colpire obiettivi nemici, guerra elettronica e agire come esche. Con l’intenzione di mettere in campo questi droni nel prossimo futuro, l’Air Force sta attivamente ricercando e testando capacità e tattiche di volo autonome per garantire una perfetta integrazione nelle operazioni dello squadrone. Questo sforzo fa parte di un movimento più ampio verso l’utilizzo di sistemi autonomi per migliorare l’efficacia e la sicurezza delle operazioni militari.

Progressi nel riconoscimento automatico del bersaglio

La tecnologia di riconoscimento automatico dei bersagli è in prima linea nella trasformazione degli impegni militari, guidata dagli sviluppi dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale. BAE Systems si è aggiudicata un importante contratto con l’Air Force Research Laboratory per lo sviluppo di software di apprendimento automatico per ATR come parte del programma Multi-Sensor Exploitation for Tactical Autonomy (META). Questo programma mira a fornire una consapevolezza situazionale avanzata e consentire il rilevamento, il tracciamento, l’identificazione e la comprensione con elevata sicurezza delle intenzioni degli obiettivi mobili in ambienti contestati. Integrando l’elaborazione adattativa all’ambiente, questa tecnologia cerca di ridurre al minimo i falsi allarmi e migliorare l’affidabilità del riconoscimento del bersaglio in scenari operativi complessi.

L’impatto trasformativo dell’ATR

La tecnologia ATR è destinata a rivoluzionare l’analisi della difesa consentendo l’identificazione di modelli, tendenze e anomalie in grandi quantità di dati generati dalle applicazioni di intelligenza artificiale. Questa capacità migliorerà le strategie operative, le tattiche e la preparazione militare, offrendo un vantaggio significativo nel riconoscere e rispondere alle minacce in modo più efficace. Tuttavia, l’adozione dell’ATR presenta anche delle sfide, tra cui garantire l’accuratezza e l’affidabilità di questi sistemi per prevenire falsi positivi o negativi e affrontare le vulnerabilità della sicurezza informatica.

Considerazioni etiche e strategiche

L’ascesa dei droni autonomi e della tecnologia ATR porta in primo piano importanti questioni etiche e strategiche, in particolare per quanto riguarda il ruolo del giudizio umano nelle decisioni di combattimento e le implicazioni del distanziamento degli attori umani dal campo di battaglia. È necessario un attento equilibrio tra lo sfruttamento dei progressi tecnologici per l’efficienza operativa e il mantenimento della responsabilità e degli standard etici nelle operazioni militari.

Man mano che i droni autonomi e la tecnologia ATR continuano ad evolversi, promettono di trasformare in modo significativo la natura della guerra, offrendo capacità migliorate e introducendo anche nuove sfide. Il successo dell’integrazione di queste tecnologie dipenderà dall’affrontare considerazioni etiche, garantendo l’affidabilità e la sicurezza dei sistemi e sviluppando quadri strategici che sfruttino i loro vantaggi mitigando al tempo stesso i rischi. Il futuro della guerra moderna dipenderà sempre più dalla capacità di adattarsi e integrare queste tecnologie all’avanguardia nella strategia e nelle operazioni militari.

Ridefinire la guerra: l’ascesa dei droni da guerra dotati di intelligenza artificiale nella moderna tecnologia militare

Il regno dei droni militari è in rapida evoluzione, con l’integrazione dell’intelligenza artificiale (AI) che spinge queste macchine in prima linea nella guerra moderna. Tra i droni da guerra dotati di intelligenza artificiale più avanzati e potenzialmente pericolosi, alcuni si distinguono per le loro capacità, portata operativa, autonomia e potenziale di collaborazione con l’intelligenza artificiale che potrebbe amplificare ulteriormente il loro livello di minaccia sul campo di battaglia.

Droni da guerra avanzati dotati di intelligenza artificiale

BayraktarTB2 :

Questo drone di fabbricazione turca ha dimostrato una notevole efficacia in vari conflitti, dimostrando la capacità di operare in modo autonomo e di effettuare attacchi di precisione. Il suo successo sul campo di battaglia evidenzia l’utilità strategica dei droni a media altitudine e lunga durata (MALE).

Criteri di base delle prestazioni di volo

  • Altitudine operativa di 18.000 piedi
  • Tempo di trasmissione massimo di 27 ore
  • Controllo di volo completamente automatico e 3 sistemi di pilota automatico ridondanti (tripla ridondante)
  • Funzionalità di atterraggio e decollo completamente automatiche senza dipendenza dai sistemi di terra
  • Navigazione con Sensor Fusion interno senza dipendenza dal GPS
  • Altitudine massima di 25.000 piedi

Funzionalità avanzate

  • Navigazione completamente automatica e funzione di tracciamento del percorso
  • Decollo e atterraggio automatici precisi con la fusione dei sensori integrata
  • Funzionalità di taxi e parcheggio completamente automatica
  • Supporto per modalità di volo semi-autonome
  • Applicazione di fusione dei sensori con tolleranza agli errori e 3 ridondanti
  • Sistema YKI a ridondanza incrociata
  • Unità servoattuatori ridondanti uniche
  • Unità batteria ridondanti uniche al litio

Specifiche tecniche

  • Portata di comunicazione : <300 km
  • Viaggio – Velocità massima : 70 nodi – 120 nodi
  • Capacità di carico utile: 150 kg
  • Carico utile – ISR : radar EO/IR/LD commutabile o AESA multiuso
  • Carico utile – Munizioni : 4 munizioni intelligenti a guida laser
  • Capacità/tipo carburante : 300 litri/benzina
  • Decollo e atterraggio : traccia (automatico)
  • Peso massimo al decollo : 700 kg
  • Resistenza : 27 ore
  • Apertura alare: 12 mt.
  • Altezza : 2,2 mt.
  • Lunghezza : 6,5 mt.
  • Tipo di spinta : motore a iniezione a combustione interna da 105 Hp
  • Operativo – Altitudine massima : 18.000 piedi – 25.000 piedi

L’integrazione delle munizioni indigene “Roketsan MAM-L e MAM-C” e la capacità di svolgere con successo missioni di intelligence, sorveglianza aerea persistente e ricognizione (ISR), hanno reso il sistema una piattaforma indispensabile nelle operazioni. L’UAV armato Bayraktar TB2 è una piattaforma multiuso in quanto può eseguire l’acquisizione del bersaglio utilizzando il designatore laser di bordo. È anche in grado di eliminare l’obiettivo utilizzando il suo carico utile costituito da quattro munizioni intelligenti. Bayraktar TB2 è un sistema che offre tutte le soluzioni all’avanguardia necessarie per effettuare colpi di precisione chirurgica prevenendo danni diffusi alle aree vicine. Queste caratteristiche garantiscono la sicurezza civile come priorità di primo ordine.

SISTEMA DI TRASMISSIONE E BACKUP DELLE IMMAGINI IN TEMPO REALE

Baykar Real Time Imagery Transmission System (BGAM) fornisce soluzioni di trasmissione ed elaborazione di immagini in tempo reale al settore della difesa. BGAM consente a più utenti di monitorare contemporaneamente trasmissioni in diretta ad alta risoluzione e senza ritardi. BGAM è un’applicazione basata sul Web che consente agli utenti di guardare le trasmissioni in diretta in modo sicuro sulla rete o su tablet utilizzando l’applicazione mobile tramite Internet.

Il sistema memorizza automaticamente tutte le immagini trasmesse in file di 30 minuti. Durante il monitoraggio delle immagini dal vivo, gli utenti possono prendere appunti multi-tag sul sistema. I tag e le etichette salvate faciliteranno, in un secondo momento, la ricerca attraverso i video in archivio. In modo simile, sulla base di queste note, è possibile creare un registro della missione e poi esportarlo. I file archiviati possono essere filtrati per data e per metadati.

Per ragioni di sicurezza, il sistema rigenera automaticamente le password temporanee per proteggere l’accesso alle immagini trasmesse e archiviate in diretta. Il nome utente o la filigrana delle informazioni sul dispositivo vengono visualizzati su tutti i file video live e archiviati.

Facoltativamente, è possibile integrare un software incorporato nel sistema di trasmissione delle immagini consentendo la trasmissione in tempo reale ai dispositivi mobili che utilizzano Windows. Il trasferimento dei dati dalla rete altamente protetta ai dispositivi mobili è protetto mediante l’adozione del metodo di crittografia end-to-end (chiamato anche modello di diodo dati).

Stazione di controllo a terra

  • Sistemi radiofonici
  • Sistemi di conversazione interna
  • Velocità di lavoro della torre regolabile
  • Consolle pilota
  • Console operatore del carico utile
  • Console di sfruttamento delle immagini
  • Armadi di tipo rack
  • Sistemi di alimentazione, filtri
  • Unità di alimentazione
  • Due unità di climatizzazione di tipo militare
  • Sistema di filtraggio NBC
  • Caratteristiche del rifugio ACE-III con specifiche NATO

Stazione di controllo a terra

TB2 utilizza bande triple per il controllo LOS e la trasmissione video.

La stazione mobile di controllo a terra Baykar (Mobile GCS) garantisce il controllo remoto della piattaforma Bayraktar TB2 dalle basi avanzate, lontano dai centri di comando centrali. Le potenti antenne di comunicazione del Mobile GCS ampliano il raggio di missione consentendo agli UAV Bayraktar TB2 di decollare e atterrare da/verso le loro posizioni attuali.

Coerentemente con gli standard dei rifugi NATO ACE III, il GCS mobile comprende una piattaforma aerea ad azionamento idraulico che può essere sollevata fino a 12 m, sistemi di antenne ad orientamento automatico e un potente camion che fornisce mobilità a tutti questi componenti con stabilizzatori idraulici. Il Mobile GCS è il design di Baykar. È dotato di sensori e valvole di controllo all’avanguardia che ne consentono l’installazione in sicurezza in un breve periodo di tempo.

Sukhoi S-70 Okhotnik-B :

L’ingresso della Russia nei droni da combattimento stealth, progettati per lavorare a fianco di caccia con equipaggio come il Su-57, rappresenta un passo avanti nell’integrazione dei sistemi senza pilota con la tradizionale potenza aerea. Le sue capacità suggeriscono un futuro in cui droni e aerei con equipaggio operano di concerto per raggiungere obiettivi strategici.

Scheda tecnica del Sukhoi S-70

CaratteristicaDescrizione
Motore– Due motori turbofan Saturn AL-41F1
– Spinta: fino a 32.000 libbre ciascuno
– Elevata affidabilità ed efficienza
– Lunga aspettativa di vita
Avionica– Suite avionica avanzata
– Potenti sistemi radar e di guerra elettronica
– Sistemi di comunicazione avanzati
– Portata di rilevamento radar: fino a 400 km
– Sistemi di guerra elettronica per disservizi e jamming
Sistemi d’arma– Missili aria-aria: R-73, R-77
– Portata missilistica: fino a 300 km
– Cannone da 30 mm per combattimenti a distanza ravvicinata
Funzionalità invisibili– Firma radar ridotta al minimo
– Forma dell’aereo attentamente progettata per ridurre l’RCS
– Rivestimenti e materiali che assorbono i radar
– Ridotta traccia termica dei motori
Manovrabilità– Controlli di volo avanzati
– Motore di spinta vettoriale
– Elevata agilità e manovrabilità

Descrizione:

Il Sukhoi S-70 è un aereo da caccia di quinta generazione altamente avanzato noto per le sue formidabili caratteristiche tecniche che lo rendono un formidabile contendente nel combattimento aereo. Queste caratteristiche tecniche sono evidenziate di seguito:

  • Motore : L’S-70 è equipaggiato con due potenti motori turbofan Saturn AL-41F1, ciascuno in grado di produrre fino a 32.000 libbre di spinta. Questi motori sono noti per la loro affidabilità ed efficienza, con una lunga aspettativa di vita, garantendo prestazioni sostenute in vari scenari operativi.
  • Avionica : l’aereo vanta una suite avionica avanzata, inclusi radar all’avanguardia e sistemi di guerra elettronica. Il suo sistema radar ha un raggio di rilevamento impressionante fino a 400 km, consentendogli di identificare e tracciare bersagli a distanze considerevoli. I sistemi di guerra elettronica sono progettati per interrompere e disturbare le comunicazioni nemiche in modo efficace.
  • Sistemi d’arma : l’S-70 può essere armato con missili aria-aria come gli altamente manovrabili R-73 e R-77, che possono colpire bersagli fino a 300 km di distanza. Nelle situazioni di combattimento a distanza ravvicinata, l’aereo è dotato di un potente cannone da 30 mm per un ingaggio preciso.
  • Caratteristiche stealth : L’S-70 incorpora tecnologie stealth per ridurre al minimo la sua firma radar, rendendo difficile il rilevamento da parte dei sistemi radar nemici. Il design aerodinamico riduce la sezione trasversale del radar, mentre i rivestimenti e i materiali che assorbono il radar ne riducono ulteriormente la firma radar. Inoltre, i motori dell’aereo sono progettati per ridurre al minimo la loro traccia termica, rendendolo meno vulnerabile ai missili a ricerca di calore. Anche le emissioni elettromagnetiche delle armi e dei sistemi avionici vengono ridotte, contribuendo alle sue capacità invisibili.
  • Manovrabilità : i controlli di volo avanzati dell’S-70 e il motore di vettorizzazione della spinta gli consentono di eseguire virate strette e manovre complesse con elevata efficienza. Questa eccezionale manovrabilità è particolarmente vantaggiosa negli scenari di combattimento aereo, dove l’agilità e la velocità sono cruciali.

Capacità operative:

Il Sukhoi S-70 è progettato principalmente per il combattimento aria-aria, il che lo rende un aereo da caccia altamente capace. I suoi sistemi d’arma avanzati, inclusi i missili R-73, R-77 e un potente cannone da 30 mm, gli conferiscono un vantaggio nell’ingaggio e nella neutralizzazione delle minacce nemiche. L’ampio raggio di rilevamento del sistema radar e le capacità di guerra elettronica consentono all’S-70 di ingaggiare e rilevare aerei nemici su distanze estese. La sua eccezionale manovrabilità migliora ulteriormente la sua efficacia nel combattimento aereo, garantendogli la possibilità di sconfiggere gli avversari con agilità e velocità.

Prospettive:

Nonostante sia stato introdotto nel 2020, il Sukhoi S-70 ha già mostrato un potenziale significativo e ha raccolto un notevole interesse da parte di potenziali acquirenti in tutto il mondo. Si prevede che rimarrà un elemento centrale della strategia militare russa, con piani per l’aumento della produzione e il dispiegamento in più paesi man mano che la sua popolarità crescerà. È probabile che le capacità del velivolo migliorino nel tempo, con la possibilità di aggiornamenti nelle sue capacità stealth, avionica, sensori, radar e sistemi di guerra elettronica per tenere il passo con le tecnologie in evoluzione e i potenziali avversari.

XQ-58A Valchiria :

Un drone abilitato all’intelligenza artificiale sviluppato dall’aeronautica americana, il Valkyrie rappresenta un passaggio verso droni autonomi in grado di svolgere vari ruoli, dalla ricognizione alla funzione di esca a supporto dei jet con equipaggio. Il suo potenziale per le operazioni a sciame potrebbe ridefinire le strategie di combattimento aereo.

UAS tattico Kratos Unmanned Aerial Systems (KUAS).

Modello UASXQ-58A Valchiria
ScopoVeicolo aereo da combattimento senza pilota furtivo
OrigineSviluppato da Kratos Unmanned Aerial Systems (KUAS)
PanoramicaL’XQ-58A Valkyrie è un UAS tattico all’avanguardia e a basso costo, che rivoluziona il paradigma tecnologico degli UAS tattici. Progettata e costruita da Kratos Unmanned Aerial Systems, la Valkyrie svolge molteplici ruoli operativi, tra cui un fedele gregario, operazioni con UAS singoli e capacità di sciame. È progettato per operazioni di Manned-Unmanned Teaming (MUM-T) in ambienti contestati.
Caratteristiche principali– Design invisibile per una firma radar ridotta
– UAV tattico ad alte prestazioni e sopravvissuto
– Capace di voli a lungo raggio a velocità subsoniche elevate
– Configurazioni versatili del kit di missione e capacità delle armi
– Pre-dispiegamento e funzionamento remoto senza dipendenza dalla pista
Operativo– Progettato per funzionare insieme agli aerei da caccia con equipaggio
Capacità– Fornisce una soluzione economica e a basso costo/peso
– Adatto a varie applicazioni del Dipartimento della Difesa
– Consente il supporto elettronico autonomo alle piattaforme con equipaggio
– Supporta piattaforme abilitate all’intelligenza artificiale per pattuglie aeree da combattimento
Stato della produzioneAttualmente in produzione a Oklahoma City
Classe di costoRientra nella classe di costo attribuibile come definita dalla NDAA
Attributi unici– Interrompe la traiettoria crescente dei costi degli aerei tatticamente rilevanti
– Migliora la flessibilità operativa e l’utilità per il combattente statunitense
– Comprovata efficacia come deterrente contro avversari vicini
– Dimostra il potenziale delle piattaforme abilitate all’intelligenza artificiale in MUM-T

Descrizione:

Con l’aumento dei costi di acquisizione di velivoli tattici e l’emergere di avversari quasi alla pari, Kratos Unmanned Aerial Systems (KUAS) è stato un pioniere nello sviluppo di sistemi aerei senza pilota (UAS) riutilizzabili e assegnabili per l’uso in Manned-Unmanned Teaming (MUM). -T) operazioni in ambienti contestati. Sfruttando la sua esperienza in bersagli aerei subscala ad alte prestazioni, KUAS ha progettato, sviluppato e dimostrato l’XQ-58A Valkyrie, il primo UAS attrattibile appositamente costruito.

L’XQ-58A Valkyrie rappresenta un approccio rivoluzionario alla tecnologia tattica UAS. Questo veicolo aereo da combattimento senza pilota furtivo è stato inizialmente sviluppato e costruito da Kratos e dimostrato all’aeronautica degli Stati Uniti come parte del programma Low-Cost Attritable Strike Demonstrator. Rientra nel portafoglio di progetti LCAAT (Low-Cost Attritable Aircraft Technology) del Laboratorio di ricerca dell’USAF, con l’obiettivo di fornire una soluzione economica e significativamente più bassa in termini di costo/peso per operazioni di scorta o gregario senza pilota insieme ad aerei da caccia con equipaggio in scenari di combattimento.

L’XQ-58A Valkyrie di Kratos, operativo dal 2019 ed attualmente in produzione a Oklahoma City, vanta capacità ad alte prestazioni, capacità di sopravvivenza e capacità di condurre voli a lungo raggio a velocità subsoniche elevate. Può fungere da fedele gregario, operare individualmente o funzionare come parte di uno sciame. La sua convenienza, le capacità a lungo raggio, le velocità subsoniche elevate, la manovrabilità e le configurazioni flessibili dei kit di missione, insieme alla possibilità di trasportare armi letali dal vano bombe interno e dalle stazioni alari, forniscono ampia flessibilità per vari clienti del Dipartimento della Difesa.

Inoltre, l’XQ-58A svolge un ruolo cruciale nel convalidare l’efficacia del supporto elettronico autonomo per le piattaforme con equipaggio e nel dimostrare il potenziale delle piattaforme abilitate all’intelligenza artificiale per aumentare le pattuglie aeree da combattimento. La sua capacità di essere pre-schierato e gestito a distanza, indipendentemente da piste o aeroporti, funge da deterrente significativo contro avversari vicini e offre la massima flessibilità operativa e utilità al combattente statunitense.

Inoltre, gli approcci produttivi utilizzati per il Valkyrie si sono evoluti rispetto ai droni bersaglio a prezzi accessibili di Kratos, garantendo che rientri ben nella classe di costo attribuibile, come definita dal National Defense Authorization Act (NDAA) del 2024 approvato dalla Camera. Questa classificazione lo distingue ulteriormente come un fattore abilitante per il raggiungimento degli obiettivi della missione di massa del Dipartimento della Difesa. L’XQ-58A Valkyrie rappresenta una soluzione all’avanguardia per la guerra moderna, incarnando innovazione, convenienza e prestazioni superiori nel panorama tattico degli UAS.

Droni Gremlin :

Proposti dalla società di difesa statunitense Kratos, questi droni possono essere lanciati da una “nave madre”, completare le missioni e poi tornare per il rifornimento e il riarmo mentre sono ancora in aria. Questo concetto introduce un nuovo livello di flessibilità e persistenza nelle operazioni dei droni, consentendo un impegno continuo senza la necessità di supporto a terra.

Il concetto di droni “fedeli gregario”, che operano autonomamente o sotto il controllo del pilota, è stato perseguito da Stati Uniti e Gran Bretagna, con l’obiettivo di costruire 1.000 di questi velivoli. Questi droni sono destinati a integrare i caccia con equipaggio, offrendo maggiore flessibilità e potenza di fuoco. Questa iniziativa evidenzia un approccio strategico al teaming uomo-macchina, sottolineando l’integrazione dell’intelligenza artificiale nel supportare i compiti militari tradizionali.

Il progetto X-61A Gremlin rappresenta un significativo passo avanti nella tecnologia e nella strategia dei aerei senza pilota, sotto gli auspici della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA). Questo ambizioso programma, che prenderà il volo per la prima volta nel novembre 2019, è in prima linea nell’evoluzione delle tattiche militari e del progresso tecnologico. Sviluppato in collaborazione tra Kratos Defense & Security Solutions e Dynetics, Inc., una consociata interamente controllata da Leidos, l’X-61A Gremlin Unmanned Aerial Vehicle (UAV) è una testimonianza dello spirito innovativo che guida le moderne strategie di difesa.

Il programma Gremlins si distingue per il suo approccio rivoluzionario allo spiegamento e al recupero dei sistemi aerei senza pilota (UAS). Tradizionalmente, gli UAV vengono lanciati e recuperati da terra, limitandone la portata operativa e la flessibilità. L’iniziativa Gremlins, tuttavia, cerca di superare queste limitazioni consentendo il lancio e il recupero in volo di gruppi di UAS. Questo metodo non solo espande le capacità operative degli UAV, ma ne migliora anche il valore strategico consentendo un rapido dispiegamento e recupero, riducendo significativamente i tempi di consegna tra le missioni.

L’obiettivo principale del programma Gremlins è dimostrare la fattibilità e l’efficienza del lancio e del recupero di sciami di UAV da aerei militari esistenti, compresi grandi aerei da trasporto come il C-130 e potenzialmente da caccia e altre piccole piattaforme ad ala fissa. Questa capacità promette di rivoluzionare il modo in cui viene condotta la guerra aerea, offrendo flessibilità ed efficienza senza precedenti nell’uso di sistemi senza pilota per una varietà di missioni, che vanno dalla ricognizione e sorveglianza alla guerra elettronica e alle operazioni in rete.

L’innovativo processo di recupero è un segno distintivo del programma Gremlins. Dopo aver completato le missioni designate, i droni Gremlin vengono recuperati a mezz’aria da un aereo da trasporto C-130, utilizzando una tecnica che minimizza l’esposizione dei droni ad ambienti ostili e riduce l’impronta logistica delle operazioni UAV. Dopo il recupero, i Gremlins vengono trasportati alla base, dove vengono rapidamente ristrutturati e preparati per la loro prossima missione. Questa capacità di risposta rapida sottolinea l’enfasi del programma sulla riutilizzabilità e sull’efficienza operativa, stabilendo un nuovo standard per la sostenibilità delle missioni UAV.

Lo sviluppo e i voli di successo dell’X-61A Gremlin sono il culmine di un’ampia ricerca e collaborazione tra DARPA, Kratos e Dynetics. Questa partnership sfrutta i punti di forza di ciascuna organizzazione, combinando l’approccio visionario della DARPA alle tecnologie di difesa con l’esperienza di Kratos nello sviluppo di UAV e le capacità di Dynetics nell’integrazione e nell’ingegneria dei sistemi. Il risultato è un programma che non solo dimostra la fattibilità tecnica, ma ha anche il potenziale per rimodellare i paradigmi tattici e strategici nella guerra aerea.

Man mano che il programma Gremlins avanza, continua ad attirare l’attenzione per il suo potenziale nel fornire all’esercito americano un vantaggio tattico significativo. La capacità di schierare e recuperare sciami di UAV da piattaforme aeree offre un livello di flessibilità e reattività che non ha eguali nelle tradizionali operazioni UAV. Questa capacità, combinata con l’efficienza operativa ottenuta attraverso una rapida turnaround e la riutilizzabilità della missione, posiziona il programma Gremlins come una componente critica della futura strategia militare.

Inoltre, l’esplorazione del Pentagono di droni e navi-sciame alimentati dall’intelligenza artificiale sottolinea il potenziale dei sistemi autonomi nell’esecuzione di missioni senza comunicazione diretta, mitigando così i rischi associati alla guerra elettronica e ai disturbi. Questo sviluppo indica la crescente importanza dell’intelligenza artificiale nel migliorare le capacità operative dei droni militari, rendendoli più resilienti e adattabili a scenari di combattimento complessi.

Questi progressi suggeriscono un futuro in cui la guerra si affiderà sempre più a droni autonomi, capaci di processi decisionali e operazioni sofisticati senza intervento umano. I conflitti in corso e le strategie militari riflettono una tendenza a sfruttare l’intelligenza artificiale per ottenere vantaggi strategici, sottolineando il ruolo chiave della tecnologia nel plasmare le guerre del futuro.

Collaborazione emergente con i droni IA

Il concetto di collaborazione con i droni attraverso l’intelligenza artificiale rappresenta un punto di svolta nella strategia militare. Questa collaborazione non riguarda semplicemente la comunicazione tra droni tra loro, ma la formazione di una rete coesa e adattiva in grado di eseguire compiti complessi con un intervento umano minimo.

  • Tattiche di sciame : la collaborazione dell’intelligenza artificiale può portare a droni che operano in sciami che possono decidere autonomamente le traiettorie di volo, la selezione dei bersagli e le strategie di attacco. Questo livello di collaborazione potrebbe rendere gli sciami altamente efficienti nello schiacciare le difese nemiche, fornendo vantaggi tattici significativi.
  • Apprendimento adattivo : i futuri droni potrebbero condividere esperienze e imparare da ogni incontro, adattando le loro strategie in tempo reale. Ad esempio, se un drone in uno sciame identifica un metodo di attacco più efficace, potrebbe condividere immediatamente queste informazioni con l’intero sciame, migliorando l’efficacia degli scontri successivi.
  • Comando decentralizzato : a differenza delle gerarchie militari tradizionali, gli sciami di droni potrebbero operare sotto una struttura di comando decentralizzata, dove le decisioni vengono prese al volo sulla base dell’intelligenza collettiva. Ciò potrebbe renderli imprevedibili e difficili da contrastare.
  • Operazioni integrate : i droni IA potrebbero integrarsi perfettamente con le unità con equipaggio, offrendo supporto, sorveglianza e capacità di combattimento senza richiedere il controllo diretto. Ciò potrebbe estendere la portata operativa delle forze militari, consentendo un dispiegamento più preciso e strategico delle risorse.

Una visione per il drone da guerra più pericoloso

Il drone da guerra più pericoloso del futuro potrebbe essere quello che combina azione furtiva, collaborazione con l’intelligenza artificiale e capacità autonome. Immagina un drone, o meglio ancora, uno sciame di droni, in grado di condurre ricognizioni, identificare obiettivi e interagire con un input umano minimo o nullo. Tali droni sarebbero dotati di una tecnologia stealth avanzata, che li renderebbe difficili da rilevare e intercettare.

Questi droni potrebbero operare in ambienti contestati, utilizzando l’intelligenza artificiale per navigare, comunicare in modo sicuro e prendere decisioni strategiche. Il potenziale dell’intelligenza artificiale di elaborare informazioni e adattarsi a situazioni di combattimento dinamiche supera di gran lunga le capacità umane, consentendo a questi droni di eseguire manovre e strategie complesse a velocità irraggiungibili dai sistemi controllati dall’uomo.

Inoltre, l’integrazione di strumenti di guerra informatica in questi droni potrebbe consentire loro di interrompere le comunicazioni e le difese nemiche, migliorandone ulteriormente l’efficacia. La combinazione di autonomia, intelligenza e potenza di fuoco rende questa visione dei droni dotati di intelligenza artificiale una sfida formidabile per qualsiasi sistema di difesa.

Con il progresso della tecnologia, le considerazioni etiche e legali diventeranno sempre più importanti. L’impiego di droni altamente autonomi solleva interrogativi sulla responsabilità, sul potenziale di danni collaterali non intenzionali e sul rischio di una corsa agli armamenti nei sistemi d’arma autonomi. Affrontare queste sfide richiederà la cooperazione internazionale e lo sviluppo di solidi quadri normativi per garantire che l’uso dell’intelligenza artificiale in guerra rimanga sotto la supervisione umana e sia conforme al diritto internazionale.

L’evoluzione dei droni dotati di IA rappresenta un cambiamento significativo nella natura della guerra, con droni IA collaborativi che offrono capacità senza precedenti. I droni più pericolosi del futuro saranno probabilmente quelli in grado di operare autonomamente, adattarsi a situazioni mutevoli ed eseguire strategie coordinate con altri droni, il tutto riducendo al minimo la loro visibilità alle difese nemiche.

L’utilizzo da parte dell’Ucraina di droni di fascia bassa dotati di intelligenza artificiale: un momento cruciale nella guerra moderna

Il conflitto in corso in Ucraina è diventato un punto di svolta significativo nel campo della guerra moderna, dimostrando il ruolo fondamentale dei droni di fascia bassa dotati di intelligenza artificiale. L’annuncio del presidente Volodymyr Zelenskyy secondo cui l’Ucraina mira a produrre un milione di droni per le sue forze armate entro il 2024 sottolinea l’impegno della nazione a sfruttare queste tecnologie avanzate. Questa iniziativa evidenzia l’urgente necessità di superare le sfide burocratiche e logistiche per garantire l’efficace dispiegamento degli UAV sul campo di battaglia.

L’escalation della guerra dei droni in Ucraina è stata enorme, trasformando i droni da una tecnologia nascente a un elemento cruciale della strategia militare. Questo conflitto ha messo in luce il vasto potenziale dell’intelligenza artificiale per potenziare le capacità dei droni, rendendoli più autonomi ed efficaci nel rilevare, classificare e coinvolgere obiettivi. L’integrazione della tecnologia avanzata di riconoscimento automatico del bersaglio (ATR) in questi droni significa un profondo cambiamento nelle tattiche di guerra, spostandosi verso sistemi più autonomi e intelligenti in grado di modellare il corso dei conflitti.

I droni ucraini guidati dall’intelligenza artificiale stanno rendendo il conflitto molto più mortale per le forze avversarie, illustrando l’impatto tangibile di queste tecnologie sul campo di battaglia. Gli sforzi per contrastare i disturbi e migliorare l’autonomia dei droni attraverso algoritmi di intelligenza artificiale dimostrano gli approcci innovativi adottati. Aziende come Twist Robotics sono in prima linea nello sviluppo di soluzioni IA che consentono ai droni di continuare le loro missioni anche in caso di interruzione del segnale, dimostrando la natura dinamica della guerra moderna in cui la tecnologia si evolve continuamente per affrontare le sfide emergenti.

La guerra è effettivamente diventata un laboratorio vivente per la guerra basata sull’intelligenza artificiale, testando e perfezionando l’uso di sistemi potenziati dall’intelligenza artificiale in situazioni di combattimento in tempo reale. Dai sistemi aerei alle navi autonome e ai droni sottomarini, il conflitto mostra uno scenario futuro in cui la guerra sarà sempre più interconnessa e guidata dai dati. L’uso estensivo dell’intelligenza artificiale per l’analisi dei dati sul campo di battaglia sta rimodellando la raccolta di informazioni, offrendo vantaggi strategici e tattici precedentemente irraggiungibili.

L’emergere di droni guidati dall’intelligenza artificiale, come il “Saker Scout”, esemplifica ulteriormente l’uso innovativo della tecnologia da parte dell’Ucraina. Queste macchine autonome possono identificare e attaccare un’ampia gamma di obiettivi militari, dimostrando le capacità avanzate in fase di sviluppo e dispiegamento. Integrati con i sistemi di intelligence dell’Ucraina, questi droni rappresentano un passo avanti significativo verso il raggiungimento di una “catena della morte” più efficiente e mortale nelle operazioni di combattimento, segnando una nuova era di guerra in cui le armi autonome svolgono un ruolo fondamentale.

Mentre l’Ucraina continua ad ampliare i confini della guerra con i droni e della tecnologia dell’intelligenza artificiale, le implicazioni globali di questi sviluppi sono profonde. Il conflitto non solo mette alla prova i limiti dell’attuale tecnologia militare, ma pone anche le basi per la guerra futura, dove i sistemi autonomi e basati sull’intelligenza artificiale potrebbero dominare. La sfida per le nazioni e i politici è adattarsi a questi rapidi cambiamenti, riconoscendo che il futuro dei conflitti e della sicurezza sarà strettamente legato ai progressi nella tecnologia dei droni e nell’intelligenza artificiale.

Tagliare il legame cambia il gioco: l’evoluzione dei droni autonomi nella guerra moderna

Il panorama della guerra moderna sta subendo un cambiamento epocale con l’avvento dei droni autonomi, che segna uno sviluppo fondamentale nella tecnologia militare. L’emergere di droni in grado di operare dinamicamente sul campo di battaglia ha democratizzato gli attacchi guidati con precisione e a distanza, rendendo sofisticati strumenti di guerra accessibili a uno spettro più ampio di attori. Questi sviluppi hanno rivoluzionato la sorveglianza e la ricognizione, introducendo approcci innovativi alla raccolta e all’analisi dei dati sul campo di battaglia.

Una pietra miliare fondamentale in questa evoluzione è la transizione verso la rimozione degli esseri umani dal ciclo di controllo, che apre una vasta frontiera di possibilità e preoccupazioni. Il tradizionale controllo man-in-the-loop (MITL) , pur garantendo la supervisione umana, limita le capacità operative dei droni, soprattutto quando si ingaggiano bersagli dinamici a distanze estese. I droni autonomi dotati di sensori avanzati e hardware e software basati sull’intelligenza artificiale possono selezionare e ingaggiare obiettivi in ​​modo indipendente, superando così queste limitazioni.

L’uso di droni sciami autonomi rappresenta un nuovo volto della guerra, sottolineando il profondo impatto dell’intelligenza artificiale sulla strategia militare. Questi droni operano di concerto, sfruttando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per rispondere rapidamente alle mutevoli condizioni del campo di battaglia. Le implicazioni vanno oltre i vantaggi tattici, poiché gli sciami autonomi pongono anche sfide strategiche ed etiche. L’integrazione dell’intelligenza artificiale nei droni ne migliora l’efficacia nella raccolta di informazioni, nella sorveglianza e negli attacchi di precisione, offrendo uno sguardo al futuro della guerra in cui la superiorità tecnologica si traduce direttamente in dominio strategico.

Tuttavia, l’impiego di droni autonomi solleva importanti questioni legali ed etiche, in particolare per quanto riguarda il rispetto del diritto internazionale umanitario (DIU) e dei principi di necessità, proporzionalità, discriminazione e precauzione. Le discussioni e i dibattiti in corso sulla regolamentazione dei sistemi di armi letali autonome (LAWS) evidenziano la complessità di garantire che i futuri attacchi con droni siano conformi ai quadri giuridici stabiliti. La resistenza delle grandi potenze ai nuovi trattati che regolano le LEGGI sottolinea le sfide nel raggiungimento del consenso internazionale sulla governance delle tecnologie di guerra autonome.

Il concetto di sciami di droni e lo sviluppo di droni autonomi assistiti dall’intelligenza artificiale, come i test condotti negli Stati Uniti e nel Regno Unito di droni di grandi dimensioni a lungo raggio su portaerei, riflettono la traiettoria innovativa delle applicazioni militari. Questi sviluppi sottolineano il potenziale dei droni di “imparare come fanno”, condividendo informazioni tattiche all’interno di una flotta e persino sacrificandosi per proteggere i caccia con equipaggio. I progressi nella tecnologia anti-droni e lo spiegamento strategico di sciami di droni in zone di conflitto come l’Ucraina illustrano le dinamiche in evoluzione della guerra dei droni, dove la quantità e la capacità di operare come collettivo migliorano l’efficienza operativa.

Poiché le capacità dei droni autonomi continuano ad espandersi, la necessità di solidi quadri di governance e considerazioni etiche diventa sempre più fondamentale. La transizione verso la guerra autonoma richiede un’attenta riflessione per garantire l’uso responsabile e sicuro di queste tecnologie, tutelandosi da conseguenze indesiderate e abbracciando al tempo stesso i vantaggi strategici che offrono. Il futuro dei conflitti e della sicurezza è indelebilmente legato ai progressi nella tecnologia dei droni e nell’intelligenza artificiale, ponendo sia opportunità che sfide per i politici, i leader militari e la comunità globale in generale.

Stessa forma, nuova funzione: l’evoluzione dei droni autonomi nella guerra moderna

Il regno della guerra moderna sta subendo una trasformazione significativa, guidata dai rapidi progressi nella tecnologia dei droni. L’avanguardia di questo cambiamento è segnata dall’introduzione di droni autonomi, come i droni kamikaze a lungo raggio, che hanno alterato radicalmente le dinamiche degli scontri militari. Questi sviluppi segnano un allontanamento dalle tattiche di guerra tradizionali, offrendo vantaggi strategici e ponendo nuove sfide agli strateghi militari di tutto il mondo.

A partire dal 2024, l’aeronautica americana è pronta ad accelerare la sperimentazione del volo autonomo, pianificando di integrare gregari di droni, noti come aerei da combattimento collaborativi (CCA), per operare insieme a caccia con equipaggio come gli F-35. Queste CCA sono progettate per svolgere varie missioni, dal colpire obiettivi alla conduzione di sorveglianza, senza il controllo umano diretto. L’iniziativa mira ad espandere la flotta oltre i 1.000 droni inizialmente previsti, evidenziando la crescente dipendenza da sistemi autonomi nelle operazioni militari.

L’impatto dei droni militari del mercato di massa, come il Bayraktar TB2 di fabbricazione turca e i droni Shahed-136 di progettazione iraniana, è stato profondo. Questi droni hanno dimostrato la loro efficacia in varie zone di conflitto, inclusa l’Ucraina, dove sono stati utilizzati per condurre attacchi di precisione e raccolta di informazioni. I droni Shahed-136, in particolare, sono stati utilizzati dalla Russia in una campagna terroristica contro i civili ucraini, dimostrando la capacità dei droni di operare autonomamente e di prendere di mira punti fissi. Nonostante il loro costo relativamente basso, le implicazioni economiche e strategiche dello schieramento di tali droni sono significative, soprattutto se si considerano le disparità di costo nell’intercettazione di questi droni con sistemi missilistici più costosi.

L’ascesa dei droni sciami autonomi rappresenta una nuova era nella guerra, con il potenziale di ridefinire la strategia militare attraverso l’uso di gruppi di droni altamente coordinati ed efficienti. Questi droni, potenziati dall’intelligenza artificiale e dalla tecnologia spaziale, offrono una risposta dinamica alle condizioni in evoluzione del campo di battaglia e rappresentano un potente deterrente contro potenziali aggressioni. Il dispiegamento di droni autonomi nei recenti conflitti, come in Ucraina, ha fornito preziose informazioni sul loro potenziale di trasformazione, sottolineando il passaggio a tecnologie militari più agili ed economicamente vantaggiose.

L’avventura di Eric Schmidt nella tecnologia militare basata sull’intelligenza artificiale con White Stork esemplifica gli sviluppi all’avanguardia in questo campo. White Stork mira a produrre in serie droni “kamikaze” abilitati all’intelligenza artificiale in grado di mirare visivamente in modo autonomo, una mossa che potrebbe alterare in modo significativo il panorama della tecnologia militare e delle strategie di combattimento. Il coinvolgimento di Schmidt nella tecnologia della difesa, insieme ai suoi estesi tour delle fabbriche e dei poligoni di prova in Ucraina, segnala un profondo impegno nel far avanzare le capacità militari attraverso l’innovazione.

Poiché la tecnologia dei droni autonomi continua ad evolversi, le implicazioni strategiche ed etiche del loro utilizzo nella guerra moderna diventano sempre più complesse. L’integrazione dell’intelligenza artificiale nelle operazioni dei droni offre vantaggi senza precedenti in termini di efficienza operativa ed efficacia di combattimento. Tuttavia, solleva anche questioni critiche riguardanti la governance e la regolamentazione dei sistemi d’arma autonomi per garantirne un uso responsabile e sicuro sul campo di battaglia. I progressi nella tecnologia dei droni sottolineano la necessità di un approccio globale alla strategia militare, che bilanci l’innovazione tecnologica con considerazioni etiche e legali in un panorama bellico in continua evoluzione.

Insegnato a uccidere: l’ascesa dei droni autonomi con precisione mortale

Il panorama militare è sull’orlo di un’era di trasformazione, segnata dalla rapida integrazione di droni autonomi in grado di eseguire missioni con una precisione senza precedenti. Questi sistemi avanzati, sfruttando le ultime novità in fatto di intelligenza artificiale e apprendimento automatico, stanno rimodellando la natura della guerra, introducendo capacità che un tempo erano il regno della fantascienza.

Nel 2024, l’aeronautica americana è destinata a intensificare la sperimentazione con tecnologie autonome, pianificando test di volo per gregari di droni o aerei da combattimento collaborativi (CCA) , progettati per accompagnare aerei da combattimento con equipaggio come gli F-35. Questi droni svolgeranno una varietà di ruoli, dalla sorveglianza al colpire obiettivi, incarnando il passaggio verso un campo di battaglia più automatizzato. L’iniziativa, Project VENOM, mira a integrare software autonomo nei caccia F-16, gettando le basi per il funzionamento senza interruzioni delle CCA all’interno degli squadroni da combattimento.

I progressi tecnologici che facilitano questo salto non si limitano agli sforzi militari statunitensi in tutto il mondo che stanno spingendo oltre i limiti, con droni come Chengdu Wing Loong-3 e Bayraktar Kizilelma che guidano la carica nelle capacità autonome. Questi droni sono attrezzati per trasportare carichi utili significativi ed eseguire missioni complesse in modo autonomo, segnalando uno spostamento verso droni che possono operare indipendentemente dal controllo umano diretto.

Al centro di questa evoluzione c’è l’applicazione dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico su vari sistemi autonomi, incluso il notevole Progetto Valkyrie che coinvolge il drone XQ-58A Valkyrie. Questo progetto mostra il potenziale dei droni per eseguire ricognizioni e impegnarsi in combattimenti in modo autonomo, sotto la supervisione di piloti umani. Tali sviluppi indicano un futuro in cui i droni non saranno solo strumenti supplementari ma componenti integrali della strategia militare, in grado di adattarsi ad ambienti di combattimento dinamici.

Tuttavia, l’emergere di questi sistemi autonomi solleva profonde questioni etiche e strategiche. Il processo decisionale, tradizionalmente di competenza di operatori umani, viene gradualmente trasferito agli algoritmi, rendendo necessario un esame rigoroso delle implicazioni morali della guerra autonoma. Man mano che i droni guidati dall’intelligenza artificiale diventano sempre più diffusi sul campo di battaglia, la distinzione tra il processo decisionale dell’uomo e quello della macchina diventa sempre più sfumata, spingendo a una rivalutazione delle attuali pratiche e politiche militari.

Mentre il mondo affronta questa nuova era di guerra, l’integrazione dei droni autonomi promette di ridefinire le strategie di combattimento, offrendo opportunità e sfide senza precedenti. I progressi nella tecnologia dei droni non solo migliorano le capacità militari, ma richiedono anche un approccio ponderato al loro impiego, garantendo che le considerazioni etiche siano in prima linea in questo salto tecnologico in avanti.

Un obiettivo più difficile: la sfida di difendersi dai droni autonomi

L’ascesa dei droni autonomi rappresenta un cambiamento significativo sia nell’impegno militare che nei paradigmi di sicurezza interna. Questi droni, liberi dai vincoli della supervisione umana diretta e in grado di condurre operazioni in modo indipendente, rappresentano una sfida ricca di sfumature per le strategie di difesa in tutto il mondo.

Le recenti discussioni tra i legislatori statunitensi hanno amplificato le preoccupazioni sulle capacità del Pentagono di contrastare efficacemente le minacce dei droni. Un gruppo bipartisan del Comitato per i servizi armati della Camera, a seguito di un attacco in Giordania che ha provocato la morte di tre soldati americani, ha sollevato dubbi sull’adeguatezza delle attuali tecnologie anti-droni. C’è una crescente richiesta di migliori misure di protezione della forza e di una rapida acquisizione di sistemi antidroni avanzati per affrontare la minaccia in evoluzione posta dai sistemi senza pilota, soprattutto sulla scia di quasi 200 attacchi negli ultimi tre anni.

L’esercito americano sta lavorando attivamente per migliorare l’addestramento e le capacità antidroni. L’istituzione della Joint Counter-UAS University a Fort Sill è un passo fondamentale verso la preparazione dei combattenti di guerra in tutti i settori per identificare, segnalare e reagire alle minacce dei droni. Questa iniziativa fa parte di una strategia più ampia per integrare l’addestramento anti-UAS in varie esercitazioni e protocolli operativi, con un’enfasi sulle minacce attuali e future.

Inoltre, l’Ufficio antidroni del Pentagono si sta preparando per una dimostrazione nel giugno 2024, concentrandosi sulla neutralizzazione degli sciami di aerei senza pilota. Si prevede che questa dimostrazione esplorerà un approccio di difesa a più livelli utilizzando capacità di guerra elettronica, microonde ad alta potenza e intercettori cinetici. L’ufficio ha già condotto diverse dimostrazioni volte a perfezionare gli intercettori a basso collaterale e a valutare i sistemi a microonde ad alta potenza per le operazioni anti-UAS.

Anche l’aeronautica americana sta portando avanti i piani per testare le capacità di volo autonomo dei gregari dei droni nel 2024. Questi aerei da combattimento collaborativi, destinati a operare insieme agli aerei da combattimento con equipaggio, rappresentano uno spostamento verso l’integrazione di sistemi autonomi nelle operazioni militari quotidiane. Questa iniziativa, insieme al Progetto VENOM, mira a esplorare i potenziali vantaggi del volo autonomo e a sviluppare tattiche per incorporare questi sistemi nelle strategie degli squadroni.

Gli sforzi della Marina degli Stati Uniti per mettere in campo droni sciami autonomi per le operazioni marittime evidenziano ulteriormente la spinta militare verso l’adozione di sistemi senza pilota. L’iniziativa Production-Ready, Inexpensive, Maritime Expeditionary (PRIME) mira a schierare piccoli veicoli di superficie senza pilota (sUSV) in grado di operare autonomamente in acque contestate, segnando un progresso significativo nelle capacità navali.

Questi sviluppi sottolineano un approccio sfaccettato per affrontare la complessa sfida della difesa dai droni autonomi. Poiché questi sistemi diventano sempre più diffusi negli scenari di guerra moderna e di sicurezza interna, l’imperativo di soluzioni di difesa innovative non è mai stato così chiaro. L’evoluzione della tecnologia dei droni, unita allo spostamento strategico verso operazioni autonome, richiede una risposta proattiva e dinamica per garantire la sicurezza in un panorama delle minacce in continua evoluzione.

Il grande dibattito sulla moralità: l’ascesa dei droni autonomi in guerra

L’ascesa dei droni autonomi in guerra ha acceso un complesso dibattito morale ed etico, sfidando le norme stabilite e sollecitando la richiesta di quadri normativi. Questo dibattito comprende l’equilibrio tra i progressi tecnologici e i principi del diritto internazionale umanitario (DIU) , la necessità della supervisione umana e le implicazioni dell’impiego di sistemi di armi letali autonome (LAWS) che possono funzionare senza intervento umano.

Le Nazioni Unite, guidate dal Segretario generale António Guterres, hanno rappresentato una piattaforma significativa per queste discussioni. Una proposta per uno strumento giuridicamente vincolante per vietare le LEGGI prive di un significativo controllo umano sottolinea l’urgenza di affrontare queste sfide all’interno di un quadro giuridico internazionale. Tuttavia, grandi potenze come Stati Uniti, Russia e India hanno sostenuto che le norme esistenti sul diritto internazionale umanitario sono sufficienti, indicando una divisione su come affrontare la governance di queste tecnologie.

Le preoccupazioni etiche non si limitano al rispetto della legge, ma si estendono alla natura stessa della guerra. Le armi autonome potrebbero alterare radicalmente le dinamiche del conflitto, sollevando interrogativi sulla capacità di discriminare tra combattenti e non combattenti e di prendere decisioni proporzionate nel vivo della battaglia. La possibilità che questi sistemi agiscano in modi imprevedibili o al di fuori dell’ambito della loro programmazione aggiunge uno strato di rischio, evocando il timore di una versione militare di un “flash crash” causato da interazioni autonome.

Esperti di istituzioni come il Center for a New American Security (CNAS) sono intervenuti nel dibattito, sottolineando l’importanza delle considerazioni etiche accanto agli obblighi legali. Suggeriscono che mentre le LEGGI possono offrire vantaggi operativi, come la riduzione del rischio di crimini di guerra commessi da esseri umani sotto stress, la mancanza di empatia e giudizio morale inerente alle macchine pone significativi dilemmi etici.

Il discorso sulle LEGGI tocca anche i principi dello jus in bello, o giustizia in guerra, con particolare riguardo ai principi di distinzione e proporzionalità. La dipendenza dagli algoritmi per la selezione dei bersagli solleva preoccupazioni circa la capacità delle LEGGI di distinguere accuratamente tra combattenti e civili in ambienti complessi, portando potenzialmente a livelli inaccettabili di danni collaterali e vittime civili.

Mentre il mondo è alle prese con queste tecnologie emergenti, il consenso tende verso la necessità di mantenere un certo grado di controllo umano sui processi decisionali letali. Ciò non solo garantisce il rispetto del diritto internazionale, ma mantiene anche una bussola morale nella guerra, un aspetto che potrebbe mancare ai sistemi puramente autonomi. Il dibattito in corso e le misure normative proposte riflettono uno sforzo collettivo per navigare nel campo minato etico rappresentato dalle LEGGI, con l’obiettivo di salvaguardare i principi umanitari anche se la natura della guerra si evolve con i progressi tecnologici.


Copyright by debuglies.com

La riproduzione anche parziale dei contenuti non è acconsentita senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.