Tensioni crescenti: il programma nucleare iraniano solleva preoccupazioni globali e sfide diplomatiche

0
63

Il programma nucleare iraniano ha continuato a intensificarsi nel corso del 2023 e del 2024, presentando una sfida complessa per gli sforzi globali di non proliferazione e per la sicurezza regionale. Nel corso del 2023, l’Iran non solo ha mantenuto, ma ha aumentato la sua produzione di uranio arricchito al 60%, un livello che riduce notevolmente i tempi di estrazione dell’uranio per uso militare. Nonostante le pressioni internazionali, Teheran ha ampliato la sua capacità di arricchire l’uranio migliorando l’efficienza della sua tecnologia delle centrifughe, in particolare con le centrifughe IR-6, che sono significativamente più efficienti rispetto ai modelli precedenti.

Questa escalation avviene in un contesto di ridotta trasparenza con gli organismi di monitoraggio internazionali. Dall’inizio del 2021, l’Iran ha limitato l’accesso dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ai suoi siti nucleari, complicando gli sforzi per monitorare il suo programma e verificare il rispetto degli accordi internazionali. L’AIEA ha ripetutamente espresso preoccupazione per l’incapacità di mantenere una sorveglianza continua, che impedisce la sua capacità di garantire che il programma nucleare iraniano rimanga puramente pacifico (Stato).

In risposta a questi sviluppi, ci sono state richieste internazionali a Teheran di ripristinare l’accesso dell’AIEA e di fornire dati più completi sulle sue attività nucleari. Questi appelli sono in linea con i suggerimenti per impegni diplomatici volti a frenare i progressi nucleari dell’Iran attraverso quadri di monitoraggio ripristinati e rafforzati. In particolare, il direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi ha sottolineato la necessità che l’Iran consenta la reinstallazione delle apparecchiature di monitoraggio e accetti ispezioni più rigorose per stabilire nuovi inventari di base per un futuro accordo sul nucleare.

Guardando al futuro, la situazione rimane tesa con rischi significativi di un’ulteriore escalation. La comunità internazionale, in particolare i paesi P4+1 (Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Germania), continua a sostenere soluzioni diplomatiche per affrontare le sfide poste dal programma nucleare iraniano.

Tuttavia, il percorso verso un accordo globale che soddisfi tutte le parti coinvolte è irto di complessità geopolitiche e interessi nazionali divergenti (Arms Control Association). Nel frattempo, le mosse strategiche dell’Iran nel suo programma nucleare rimarranno probabilmente una questione centrale nelle discussioni globali sulla non proliferazione nucleare, mentre il mondo osserva da vicino come si evolve la diplomazia di fronte a queste sfide attuali.

Accelerare le ambizioni: l’avanzamento del programma missilistico iraniano e le implicazioni dell’armamento nucleare

Il programma missilistico iraniano ha visto progressi significativi negli ultimi anni, contrassegnati da rapidi sviluppi sia nelle capacità che nella portata del suo arsenale missilistico. Questi progressi sono guidati non solo dal desiderio dell’Iran di rafforzare la sua abilità militare convenzionale, ma anche dalle sue aspirazioni a sviluppare e schierare potenzialmente armi nucleari. Questa analisi dettagliata esplora le molteplici componenti del programma missilistico iraniano, le sue intersezioni con le ambizioni nucleari della nazione e le implicazioni più ampie di questi sviluppi sulle dinamiche di sicurezza regionali e globali.

Contesto storico ed evoluzione

L’evoluzione del programma missilistico iraniano risale alla guerra Iran-Iraq degli anni ’80, durante la quale l’Iran riconobbe per la prima volta l’importanza strategica di possedere una solida capacità missilistica. Nel dopoguerra, l’Iran ha intrapreso un ambizioso programma di sviluppo missilistico, inizialmente basandosi su tecnologia straniera, principalmente dalla Corea del Nord e dalla Cina. Tuttavia, nel corso dei decenni, l’Iran ha significativamente “indigenizzato” la sua produzione missilistica, acquisendo la capacità di produrre missili a livello nazionale.

Capacità attuali

A partire dal 2024, l’Iran vanta un arsenale missilistico diversificato che comprende missili balistici a corto raggio (SRBM), missili balistici a medio raggio (MRBM) e missili da crociera, ciascuno progettato per colpire diverse minacce e soddisfare diversi obiettivi strategici. Alcuni dei sistemi più importanti includono:

Shahab-3: miglioramenti e ruolo strategico

Il missile balistico a medio raggio Shahab-3 (MRBM) rimane una pietra angolare della forza missilistica iraniana. Con un raggio operativo di circa 2.000 chilometri, questo missile è in grado di colpire località in gran parte del Medio Oriente, compreso Israele. Secondo l’opinione dei giudici, la portata e le capacità dello Shahab-3 lo rendono un elemento fondamentale nelle dinamiche di potere regionali, in grado di influenzare sia la pianificazione militare strategica che i negoziati diplomatici nella regione.

Nel corso degli anni, lo Shahab-3 ha visto sostanziali aggiornamenti volti ad aumentarne la precisione e la capacità di carico utile. Questi miglioramenti non sono semplicemente miglioramenti tecnici, ma servono anche come potenziamenti strategici che aumentano l’efficacia e l’affidabilità del missile come deterrente. L’opinione dei giudici rileva che tali progressi potrebbero potenzialmente intensificare le tensioni nelle regioni in cui le rivalità geopolitiche sono pronunciate, rendendo necessario un approccio equilibrato ai dialoghi sulla sicurezza regionale.

Sejjil: progresso tecnologico ed efficienza di implementazione

Il missile Sejjil rappresenta un significativo passo avanti nella tecnologia all’interno dell’arsenale iraniano, essendo un MRBM a combustibile solido. Questo design segna un miglioramento sostanziale rispetto alla vecchia serie Shahab a combustibile liquido. Uno dei vantaggi fondamentali del Sejjil, come notato dall’opinione dei giudici, è la sua capacità di schieramento più rapida e la ridotta vulnerabilità al rilevamento e agli attacchi preventivi. Questi attributi migliorano la capacità dell’Iran di mantenere una credibile capacità di secondo attacco, che è centrale nella sua dottrina di deterrenza strategica.

La gittata del Sejjil, paragonabile a quella dello Shahab-3, gli consente di coprire un’area geografica simile. Tuttavia, la transizione alla tecnologia dei combustibili solidi riflette l’intento strategico dell’Iran di sviluppare una forza missilistica più resiliente e reattiva, come evidenziato nel parere dei giudici. Questo sviluppo potrebbe alterare il calcolo strategico degli stati vicini e potrebbe influenzare i futuri impegni militari e i negoziati sul controllo degli armamenti.

Qiam: precisione e uso tattico

Il missile Qiam, un missile balistico a corto raggio con una gittata di circa 800 chilometri, è progettato per colpire con precisione, rendendolo particolarmente adatto a colpire obiettivi strategici all’interno della regione. L’opinione dei giudici sottolinea che il design e le capacità del Qiam riflettono un adattamento tattico alla guerra contemporanea, dove la precisione e la capacità di ingaggiare rapidamente gli obiettivi sono fondamentali.

Le capacità di precisione del Qiam ne aumentano l’utilità nei conflitti in cui le vittime civili e le ricadute politiche derivanti da danni collaterali rappresentano preoccupazioni significative. Questo sistema missilistico consente attacchi più mirati, riducendo potenzialmente escalation regionali più ampie e allineandosi agli standard legali internazionali relativi alla condotta della guerra.

A questi missili si aggiunge una flotta crescente di veicoli aerei senza pilota (UAV) e missili da crociera, che migliorano la capacità dell’Iran di condurre sorveglianza e attacchi mirati su distanze più lunghe e con maggiore discrezione.

Aspirazioni e sfide nucleari

La potenziale progressione dell’Iran verso l’armamento nucleare è oggetto di preoccupazioni e speculazioni a livello internazionale. Nonostante l’insistenza pubblica dell’Iran sulla natura pacifica del suo programma nucleare, le sue attività di arricchimento e i modelli di sviluppo missilistico suggeriscono un potenziale a duplice uso che potrebbe essere orientato verso l’armamento.

L’aspetto più controverso del programma nucleare iraniano è la sua capacità di arricchimento dell’uranio. Le attività di arricchimento sono state notevolmente intensificate, soprattutto dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) nel 2018. Gli attuali livelli di arricchimento superano di gran lunga quelli concordati nel JCPOA, con l’Iran che accumula uranio arricchito a livelli più vicini alle armi -grade in condizioni di ridotta trasparenza con organismi di controllo internazionali.

Scenari futuri

Guardando al futuro, potrebbero verificarsi diversi scenari in base alle attività missilistiche e nucleari dell’Iran:

  • Continuazione della traiettoria attuale : l’Iran potrebbe continuare ad espandere le sue capacità missilistiche insieme a progressi incrementali nel suo programma nucleare. Questo scenario probabilmente mantiene lo status quo, ma mantiene la regione in tensione riguardo alle intenzioni ultime dell’Iran.
  • Passaggio alla militarizzazione : se l’Iran dovesse decidere di potenziare le sue capacità nucleari, potrebbe potenzialmente raggiungere lo status di dotato di armi nucleari. Questo scenario modificherebbe drasticamente il panorama della sicurezza regionale, innescando forse una corsa agli armamenti nucleari in Medio Oriente.
  • Risoluzione diplomatica : una rivitalizzazione degli sforzi diplomatici che porti al ritorno dell’Iran al rispetto del JCPOA, o un nuovo accordo, potrebbe vedere un ritiro dei suoi programmi nucleari e missilistici. Questo scenario richiederebbe concessioni sostanziali sia da parte dell’Iran che della comunità internazionale, in particolare degli Stati Uniti.

Ciascuno di questi scenari comporta profonde implicazioni legali e politiche. Una mossa verso l’armamento nucleare da parte dell’Iran violerebbe il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP), di cui l’Iran è firmatario. Un’azione del genere scatenerebbe probabilmente una cascata di sanzioni internazionali e una severa risposta da parte delle potenze globali, compresi possibili interventi militari.

Al contrario, una soluzione diplomatica richiederebbe di navigare in paesaggi politici complessi, sia a livello nazionale in Iran che a livello internazionale, in particolare con gli Stati Uniti e altre potenze significative dell’Unione Europea. L’atto di bilanciamento implica il desiderio dell’Iran di alleggerire le sanzioni contro la richiesta occidentale di trasparenza e conformità nelle attività nucleari e missilistiche dell’Iran.

L’esame dettagliato delle capacità missilistiche dell’Iran nel 2024, visto attraverso la lente del parere della Corte internazionale di giustizia, sottolinea la complessa interazione tra progressi tecnologici e obiettivi militari strategici. Ciascun sistema missilistico nell’arsenale iraniano svolge ruoli strategici specifici, rafforzando collettivamente le capacità di deterrenza regionale dell’Iran. L’opinione dei giudici riflette ulteriormente le implicazioni più ampie di questi sviluppi, evidenziando le preoccupazioni legate alla stabilità regionale, alle dinamiche della corsa agli armamenti e all’adesione alle norme legali internazionali nella condotta della guerra. Mentre l’Iran continua a far avanzare la sua tecnologia missilistica, la comunità internazionale deve considerare questi fattori negli impegni diplomatici e nelle discussioni sulla sicurezza.

Capacità missilistiche dell’Iran e implicazioni regionali: una panoramica analitica

Panoramica dell’arsenale missilistico iraniano

Il programma missilistico iraniano è il più ampio e diversificato del Medio Oriente, riflettendo l’enfasi strategica del paese sullo sviluppo di una formidabile minaccia convenzionale attraverso la tecnologia missilistica. Secondo le dichiarazioni del generale Kenneth McKenzie del comando centrale degli Stati Uniti nel 2022, l’Iran possiede oltre 3.000 missili balistici, una cifra che esclude in particolare la sua forza missilistica da crociera per attacco terrestre in rapida espansione. Questo sostanziale arsenale sottolinea l’impegno dell’Iran a rafforzare la propria influenza militare regionale e le capacità di deterrenza.

Progressi nella tecnologia missilistica

Negli ultimi dieci anni, l’Iran ha ottenuto progressi significativi nella precisione e nell’accuratezza dei suoi missili. Questi miglioramenti hanno trasformato la sua forza missilistica in una minaccia convenzionale sempre più potente. L’attenzione al miglioramento della precisione dei missili è particolarmente cruciale, poiché aumenta l’efficacia dei missili nel colpire risorse militari ed economiche strategiche, alterando potenzialmente le dinamiche della sicurezza regionale.

Nel 2015, l’Iran ha riconosciuto pubblicamente un limite autoimposto alla portata dei suoi missili a 2.000 chilometri. Questa gamma è strategicamente significativa in quanto copre gran parte del Medio Oriente, compreso tutto Israele, l’Arabia Saudita e altri avversari regionali. Tuttavia, questa limitazione non è vincolante e l’Iran conserva la capacità di estendere la gittata dei suoi missili, come dimostrato dal dispiegamento del missile Khorramshahr. Il Khorramshahr, che potrebbe potenzialmente raggiungere una gittata più lunga con una testata più leggera, evidenzia la natura flessibile della strategia missilistica iraniana.

Transizione ai missili a combustibile solido

Inizialmente dipendente dai missili a propellente liquido, l’Iran ha progressivamente spostato la sua attenzione verso lo sviluppo di missili a propellente solido. Questa transizione è strategica, poiché migliora l’affidabilità, la reattività e la sopravvivenza della sua forza missilistica. I missili a combustibile solido possono essere lanciati più rapidamente e sono meno vulnerabili al rilevamento pre-lancio, fornendo così all’Iran una capacità di secondo attacco più credibile.

Preoccupazioni internazionali e implicazioni legali

La capacità di molti missili iraniani di trasportare potenzialmente carichi nucleari è una preoccupazione internazionale di lunga data. La risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che invita l’Iran a non intraprendere alcuna attività relativa ai missili balistici progettati per essere in grado di trasportare armi nucleari, riflette queste preoccupazioni. Sebbene le restrizioni di questa risoluzione siano scadute nell’ottobre 2023, il continuo sviluppo da parte dell’Iran di missili in grado di trasportare testate nucleari e veicoli di lancio spaziale che utilizzino tecnologie simili rimane una questione critica per gli sforzi globali di non proliferazione.

Sicurezza regionale e schieramenti missilistici

L’uso di missili in combattimento da parte dell’Iran dal 2017, incluso il notevole attacco con missili balistici alle basi irachene che ospitano le forze statunitensi nel 2020, illustra il ruolo operativo della sua forza missilistica nei conflitti regionali. Inoltre, il trasferimento di missili da parte dell’Iran a delegati come i ribelli Houthi dello Yemen, che li hanno usati contro obiettivi civili in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, nonché per molestare la navigazione commerciale nel Mar Rosso, complica ulteriormente il panorama della sicurezza regionale. Le accuse secondo cui l’Iran sta considerando la vendita di missili alla Russia sottolineano le dimensioni geopolitiche del programma missilistico iraniano.

NomeTipo[5]Portata massimaCarico utilePropulsioneCEP[6]Stato
Shahab-1 (Scud B)SRBMfino a 300 km770-1.000 chilogrammicombustibile liquido, monostadio~500 mschierato
Shahab-2 (Scud C)SRBM~500 km~700 chilogrammicombustibile liquido, monostadio 700 mschierato
Qiam-1 ,  Qiam-1 (mod.) ]SRBM700-800 chilometri650 chilogrammicombustibile liquido, monostadio<500 m[7]schierato
Fateh-110  (compresi  Khalij Fars  e  Hormuz ] )SRBM300 km~450 chilogrammicombustibile solido, monostadio100 metri[10]schierato
Fateh-313SRBM500 km350 chilogrammicombustibile solido, monostadio10-30 metri[11] schierato
Consiglio-500SRBM500 kmsconosciutocombustibile solido, monostadio30 metritestato
Zolfaghar  (incluso  Zolfaghar Basir 12 ] )SRBM700 km450-600 chilogrammicombustibile solido, monostadio10-30 mt[13] schierato
SvelareSRBM1.000 km450-600 chilogrammicombustibile solido, monostadio10-30 mt[14] schierato
Shahab-3MRBM1.300 km750-1.000 chilogrammicombustibile liquido, monostadio~3kmschierato
GhadrMRBM1.600 km~750 chilogrammicombustibile liquido, monostadio300 mschierato
MadriMRBM1.800 km~750 chilogrammicombustibile liquido, monostadio<500 mschierato
Khorramshahr-1 ,  -2 e  -4  (BM-25/Musudan)MRBM[15]2.000-3.000 km750-1.500 chilogrammicombustibile liquido, monostadio30 metrischierato
Fattah-1 16 ]MRBM1.400 kmsconosciutocombustibile solido, monostadio[17]sconosciutotestato
Haj QassemMRBM1.400 km500 chilogrammicombustibile solido, monostadiosconosciutoschierato
Kheibar ShekanMRBM1.450 km450-600 chilogrammicombustibile solido, monostadiosconosciutoschierato
SejjilMRBM2.000 km~750 chilogrammicombustibile solido, due stadisconosciutoschierato
Soumar (Kh-55)LACMsconosciuto[18]sconosciutomotore turboventilatoreN / Aeventualmente schierato
HoveizehLACM1.350 kmsconosciutomotore a turbogettoN / Aeventualmente schierato
Oh AlìLACM700 kmsconosciutomotore a turbogettoN / Atestato
Pavé 19 ]LACM1.650 kmsconosciutomotore a turbogetto[20]N / Aschierato
ZaffiroSLV2.100 chilometri[21]500-750kg[21]combustibile liquido, due stadiN / Apensionato
SimorghSLV4.000-6.000 km[21]500-750kg[21]combustibile liquido, due stadiN / Aoperativo
QasedSLV2.200 chilometri[21]1.000 kg[21]1° stadio liquido; 2° e 3° stadio solidiN / Aoperativo
ZuljanahSLV4.000-5.000 km[21]1.000 kg[21]1° e 2° stadio solido, 3° stadio liquidoN / Atestato
Ghaem-100SLV3.000-4.000 km[21]1.000 kg[21]combustibile solido, tre stadiN / Aoperativo

Note a piè di pagina:

  • [1] Stimare in modo indipendente le dimensioni dell’arsenale missilistico iraniano è difficile, data la scarsità di informazioni affidabili relative alle quantità di missili in dotazione. L’aeronautica americana e alcune organizzazioni non governative hanno rilasciato stime in passato, ma queste mancano di specificità e di solito stimano solo il numero di lanciatori, non i missili stessi, poiché i lanciatori sono, in linea di principio, più facili da tracciare e contare. Vedi “2020 Ballistic and Cruise Missile Threat”, US National Air and Space Intelligence Center, pp. 21, 25, gennaio 2020, disponibile su https://irp.fas.org/threat/missile/bm-2020.pdf.
  • [2] La precisione è la capacità di un’arma di colpire il punto in cui è mirata; la precisione è la capacità dell’utente di puntare l’arma nella posizione reale del bersaglio desiderato e di essere sufficientemente preciso da colpirlo. La precisione tiene quindi conto delle capacità di acquisizione e tracciamento del bersaglio. Ad esempio, lo sviluppo da parte dell’Iran di droni di sorveglianza capaci è servito a migliorare la precisione delle sue forze missilistiche.
  • [3] I missili possono essere classificati a seconda che siano a combustibile liquido o solido. Un motore missilistico a combustibile liquido generalmente può produrre più spinta per libbra di carburante rispetto a un motore a razzo solido, ma è più complesso e può richiedere molte parti mobili e lavorate con precisione. Alcuni tipi di missili a propellente liquido devono essere riforniti anche nel sito di lancio, il che li rende più facili da individuare e distruggere per un avversario. I motori a razzo solido sono relativamente economici e più facili da mantenere e immagazzinare. Il combustibile solido consente anche un lancio più rapido. I missili a propellente solido sono quindi generalmente meno vulnerabili in combattimento. Gli ingegneri iraniani non sembrano avere i mezzi per progettare e costruire da zero un motore a combustibile liquido, ma possiedono tale capacità per i motori a combustibile solido. La capacità di costruire nuovi sistemi su misura per le esigenze militari dell’Iran, oltre ai vantaggi operativi, aiuta a spiegare la crescente preferenza dell’Iran per i missili a combustibile solido.
  • [4] La tabella non include missili o razzi di artiglieria con una portata massima inferiore a 300 km, missili che sono stati visualizzati solo come modelli, missili terra-aria o missili da crociera antinave. Né include derivati, varianti o copie rinominate dei missili iraniani che sono stati utilizzati dai rappresentanti regionali dell’Iran, come gli Houthi. Le capacità di questi missili possono essere meglio valutate facendo riferimento ai missili iraniani su cui sono modellati. Ad esempio, il missile balistico Burkan-2H degli Houthi somiglia molto al Qiam-1 iraniano. Allo stesso modo, il Rezvan iraniano sembra essere una copia dello Houthi Zulfiqar, a sua volta un Qiam modificato.
  • [5] I missili balistici possono essere suddivisi in cinque classi in base alla portata: a corto raggio (meno di 300 km), a corto raggio (da 300 a 1.000 km), a medio raggio (da 1.000 a 3.000 km), a raggio intermedio (3.000 fino a 5.500 km) ed intercontinentale (oltre 5.500 km). L’arsenale di missili balistici iraniani è composto principalmente da missili balistici a corto raggio (SRBM) e missili balistici a medio raggio (MRBM), sebbene si sospetti qualche lavoro su missili a lungo raggio. I veicoli di lancio spaziale (SLV) sono progettati per lanciare i satelliti in orbita ma potrebbero potenzialmente essere riconfigurati come missili balistici a causa delle loro caratteristiche simili. I missili da crociera da attacco terrestre (LACM) funzionano essenzialmente come aerei senza pilota e non volano su una traiettoria balistica, ponendo così una sfida ai sistemi di difesa missilistica.
  • [6] La precisione dei missili è comunemente misurata mediante l’errore circolare probabile (CEP): il raggio entro il quale, in media, atterrerà la metà di tutti i missili lanciati. Ad esempio, dato un missile con un CEP di dieci metri, se ne venissero lanciati cento contro un bersaglio, in media cinquanta atterrerebbero entro dieci metri dal bersaglio.
  • [7] Sebbene il Qiam originale avesse probabilmente un CEP di diverse centinaia di metri, una versione modificata con un veicolo di rientro sterzante ha probabilmente migliorato questo valore. Le prove suggeriscono che proprio questa versione più recente era tra i missili utilizzati nell’attacco del gennaio 2020 contro le forze statunitensi in Iraq.
  • [8] Il Qiam-1 modificato è stato chiamato Qiam-2 da alcuni analisti indipendenti, ma non da fonti ufficiali iraniane.
  • [9] Il Khalij Fars è la variante antinave del Fateh-110, mentre l’Hormuz è la variante anti-radar.
  • [10] Secondo quanto riferito, l’Iran ha sviluppato un kit di guida per il Fateh-110 che, una volta collegato, può ridurre il suo CEP a 30 metri o meno.
  • [11] Basato sul suo probabile utilizzo nell’attacco con missili balistici del gennaio 2020 contro le forze statunitensi e sulle valutazioni dei danni di tale attacco.
  • [12] Lo Zolfaghar Basir è la variante antinave dello Zolfaghar.
  • [13] Basato sul suo probabile utilizzo nell’attacco con missili balistici del gennaio 2020 contro le forze statunitensi e sulle valutazioni dei danni di tale attacco. Anche sulla base di valutazioni simili a seguito dell’esercitazione militare del Grande Profeta 17 nel dicembre 2021.
  • [14] Basandosi sul suo utilizzo nell’esercitazione militare del Grande Profeta 17, si suggerisce che abbia una precisione simile a quella dello Zolfaghar.
  • [15] L’Iran ha mostrato almeno quattro diverse varianti del missile Khorramshahr, ciascuna potenzialmente con le proprie specifiche in termini di portata, dimensione della testata e precisione. L’Iran ha costantemente affermato che il missile ha una portata massima di 2.000 km e una testata con una massa di 1.500 kg o superiore. Francia, Germania e Regno Unito hanno tuttavia affermato nel 2019 che una variante del missile ha un cono le cui dimensioni limiterebbero la massa della testata a circa 750 kg. Hanno inoltre affermato che il modello di un tale missile fissa la sua portata a circa 3.000 km, il che lo classificherebbe come un missile balistico a raggio intermedio (IRBM). Vedi “Lettera datata 25 marzo 2019 dei Rappresentanti permanenti di Francia, Germania e Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord alle Nazioni Unite indirizzata al Segretario generale”, Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, S/2019/270, marzo 27, 2019, disponibile all’indirizzo https://www.undocs.org/S/2019/270. 
  • [16] L’Iran ha classificato il Fattah-1 come un missile “ipersonico”. I missili ipersonici sono tipicamente definiti non solo dalla loro capacità di raggiungere velocità superiori a Mach 5, ma anche dalla loro capacità di mantenere tali velocità effettuando manovre significative all’interno dell’atmosfera durante il volo. Sebbene il missile Fattah possa corrispondere a questa descrizione, è in gran parte una classe a parte in termini di come riesce a raggiungere questo obiettivo: i due principali tipi di missili ipersonici in fase di sviluppo in tutto il mondo sono gli alianti ipersonici e i missili da crociera ipersonici, e il Fattah, un missile balistico con un motore a razzo extra solido nel suo veicolo di rientro, non lo è né l’uno né l’altro.
  • [17] Il missile Fattah-1 è costituito da un grande razzo booster solido (derivato dal progetto Kheibar Shekan) più un piccolo motore a razzo solido situato all’interno del veicolo di rientro per le manovre terminali. Quest’ultimo è un sistema di propulsione post-boost e questi non vengono tradizionalmente conteggiati come “fasi”. Il Minuteman III, ad esempio, è considerato un missile a tre stadi anche se è composto da tre motori a razzo a propellente solido più un veicolo post-boost a propellente liquido. Quindi, Fattah può essere considerato un missile a stadio singolo.
  • [18] Nel 2001, l’Iran ha acquisito illecitamente sei missili da crociera Kh-55 lanciati dall’aria di fabbricazione sovietica, che hanno una gittata fino a 2.500 km. Nel 2012, un funzionario iraniano affermò che la prossima copia iraniana del Kh-55, modificata per avere un booster a razzo solido per il lancio da terra, avrebbe una portata superiore a 2.000 km. Nel 2019, tuttavia, un funzionario ha affermato che la portata del missile era di soli 700 km. Non ci sono prove sufficienti per verificare nessuna delle affermazioni, ma è improbabile che l’Iran sia riuscito a decodificare con successo un motore turbofan con le capacità di eguagliare quelle del tipo sovietico originale.
  • [19] Paveh è il nome iraniano del missile che i ribelli Houthi dello Yemen hanno mostrato come Quds. A quanto pare, i due tipi di missili sono identici. Il Quds, chiamato anche missile “351” da varie fonti, è stato utilizzato nell’attacco del settembre 2019 alle strutture dell’Arabia Saudita, molto prima che l’Iran riconoscesse di avere il missile nel proprio arsenale. Sebbene gli Houthi abbiano rivendicato la responsabilità di quell’attacco, il gruppo di esperti delle Nazioni Unite sullo Yemen ha presentato prove in un rapporto del 2020 che i componenti del missile sono stati fabbricati in Iran e che l’attacco non avrebbe potuto essere lanciato dal territorio controllato dagli Houthi. Gli Houthi hanno mostrato diverse varianti del Quds.
  • [20] Basato su somiglianze visive con il Quds-1.
  • [21] Stima se riconfigurato come missile balistico.

Dentro i segreti nucleari dell’Iran: la rivelazione di Netanyahu sulla ricerca segreta di armi nucleari da parte del Progetto Amad

Il 30 aprile 2018, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rilasciato un annuncio significativo da parte del ministero della Difesa di Tel Aviv, affermando di svelare prove conclusive del programma segreto di armi nucleari dell’Iran. La presentazione di Netanyahu mirava a dimostrare che l’Iran aveva continuamente ingannato la comunità internazionale riguardo alle sue ambizioni nucleari, evidenziando in particolare le discrepanze tra le dichiarazioni pubbliche dell’Iran e le attività segrete che egli sosteneva fossero in corso.

Rivelazioni e accuse chiave di Netanyahu

Netanyahu ha rivelato quelli che ha descritto come “i file nucleari segreti dell’Iran”, che secondo quanto riferito includevano 55.000 pagine e 183 CD di materiale ottenuto da una località clandestina nel distretto di Shorabad a Teheran. Questo luogo, secondo Netanyahu, dall’esterno sembrava essere un magazzino fatiscente ma ospitava segretamente enormi archivi del programma nucleare iraniano. Ha affermato che questi file contenevano una serie di prove incriminanti, come documenti, grafici, presentazioni, progetti, foto e video, che collettivamente dimostravano che l’Iran aveva perseguito un programma completo per progettare, costruire e testare armi nucleari nell’ambito del Progetto Amad.

Le affermazioni sul progetto Amad

Il progetto Amad, presentato da Netanyahu, è stato descritto come lo sforzo organizzato dell’Iran per creare armi nucleari, con piani specifici per progettare, produrre e testare cinque testate, ciascuna con una resa di dieci chilotoni di TNT, adatte al lancio tramite missili balistici. La documentazione del Progetto Amad avrebbe delineato tutti i componenti necessari per lo sviluppo di armi nucleari:

  • Progettazione di armi nucleari : comprese simulazioni e progetti che descrivono in dettaglio l’uso dell’uranio arricchito nei nuclei delle armi.
  • Sviluppo di nuclei nucleari : prova dei processi per la fusione di nuclei metallici necessari per un dispositivo nucleare.
  • Costruzione di sistemi di implosione nucleare : fotografie e descrizioni di dispositivi di misurazione per implosioni nucleari.
  • Preparazione dei test nucleari : mappe che mostrano potenziali siti di test nucleari nell’Iran orientale.
  • Integrazione di armi nucleari sui missili : progetti per il montaggio di carichi nucleari sui missili Shahab-3, che indicano progressi nella tecnologia missilistica per aumentarne la portata.

Implicazioni internazionali e diplomatiche

La rivelazione di Netanyahu è stata programmata per influenzare l’imminente decisione degli Stati Uniti sul piano d’azione globale congiunto (JCPOA), suggerendo che l’accordo nucleare fosse fondato sulla disinformazione fornita dall’Iran. Ha sostenuto che l’accordo non è riuscito a risolvere tre preoccupazioni critiche: capacità illimitate di arricchimento in futuro, sviluppo missilistico e sforzi non divulgati di armamento nucleare.

Critiche e Controversie

Nonostante la presentazione drammatica, la risposta internazionale è stata mista. I critici hanno sostenuto che gran parte delle prove presentate da Netanyahu si riferivano ad attività precedenti all’accordo nucleare del 2015, e quindi non indicavano necessariamente violazioni del JCPOA. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) aveva precedentemente valutato che l’Iran aveva cessato il suo programma organizzato di armi nucleari nel 2003. I critici hanno anche notato che il JCPOA era specificamente progettato per prevenire le possibilità evidenziate da Netanyahu, attraverso un rigoroso monitoraggio e restrizioni sulle capacità nucleari dell’Iran.

Le ambizioni nucleari dell’Iran: svelare la duplice natura dell’arricchimento dell’uranio di Teheran

Il programma nucleare iraniano rimane una delle questioni più controverse nel campo della sicurezza globale, suscitando preoccupazioni a livello internazionale riguardo al potenziale di proliferazione nucleare. Dall’inizio degli anni 2000, Teheran ha sviluppato notevoli capacità nucleari, evidenziate dalla costruzione di impianti di arricchimento dell’uranio con centrifughe a gas. Questi impianti hanno alimentato preoccupazioni diffuse a causa della loro capacità di arricchire il gas esafluoruro di uranio (UF6) sia in uranio a basso arricchimento (LEU), adatto per reattori nucleari, sia in uranio altamente arricchito (HEU), che può essere utilizzato per produrre armi nucleari. .

Le basi della preoccupazione: arricchimento della centrifuga a gas

Il nucleo delle preoccupazioni sulla proliferazione deriva dalla natura della tecnologia delle centrifughe a gas, che l’Iran ha ampiamente utilizzato. Facendo girare il gas UF6 ad alta velocità, queste centrifughe aumentano la concentrazione dell’isotopo di uranio-235 (U-235), essenziale per applicazioni nucleari sia civili che militari. Teheran insiste che i suoi progetti di arricchimento mirano esclusivamente alla produzione di combustibile nucleare per scopi pacifici, un’affermazione accolta con scetticismo da molti sulla scena globale.

JCPOA: un quadro di restrizione e monitoraggio

Il Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) del 2015 ha segnato un significativo tentativo internazionale di frenare le capacità nucleari dell’Iran in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Nell’ambito del JCPOA, l’Iran ha accettato di attuare rigorose limitazioni al suo programma nucleare e di aderire a un rigoroso regime di monitoraggio e rendicontazione supervisionato dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). Queste misure sono state progettate per estendere il tempo necessario all’Iran per produrre HEU sufficiente per un’arma nucleare, un intervallo spesso definito “tempo di breakout”.

Il ritiro degli Stati Uniti e la risposta dell’Iran

Il panorama della politica nucleare iraniana ha subito un drastico cambiamento con l’annuncio dell’allora presidente Donald Trump nel maggio 2018 secondo cui gli Stati Uniti avrebbero cessato la loro partecipazione al JCPOA. A seguito di questa decisione, l’Iran ha iniziato a prendere le distanze dagli obblighi dell’accordo, superando gradualmente i limiti imposti dal JCPOA, come verificato dall’AIEA a partire da luglio 2019. Questa espansione delle attività di arricchimento ha ridotto significativamente i tempi di breakout, riaccendendo i timori internazionali di un imminente Iran dotato di armi nucleari.

La prospettiva dell’intelligence

Nonostante questi sviluppi, le valutazioni ufficiali degli Stati Uniti hanno costantemente sostenuto che l’Iran aveva interrotto il suo programma di armi nucleari alla fine del 2003 e da allora non lo ha più ripreso. Secondo queste valutazioni e i rapporti dell’AIEA, l’obiettivo del programma interrotto era lo sviluppo di un’arma nucleare di tipo implosivo su misura per il missile balistico iraniano Shahab-3. La valutazione annuale della minaccia della comunità di intelligence statunitense del 2024 ha confermato che l’Iran non si è impegnato in attività chiave di sviluppo di armi nucleari necessarie per produrre un ordigno nucleare testabile.

Il ruolo delle salvaguardie dell’AIEA

I meccanismi di monitoraggio rafforzati del JCPOA si aggiungono agli impegni esistenti dell’Iran nell’ambito dell’accordo globale di salvaguardia dell’AIEA. Queste misure di salvaguardia sono fondamentali affinché la comunità internazionale possa individuare qualsiasi diversione di materiale nucleare da attività pacifiche e identificare eventuali attività o materiali nucleari non dichiarati. L’accordo obbliga l’Iran a dichiarare tutti i materiali e gli impianti nucleari rilevanti, consentendo le ispezioni dell’AIEA e il monitoraggio continuo.

Assicurazione e sorveglianza

Sia prima che dopo l’attuazione del JCPOA nel gennaio 2016, l’AIEA e le agenzie di intelligence statunitensi hanno espresso fiducia nella loro capacità di individuare eventuali tentativi iraniani di scoppio nucleare, sia attraverso strutture monitorate che possibili siti clandestini. Questa capacità di sorveglianza è fondamentale per fornire una garanzia globale sul rispetto da parte dell’Iran dei suoi impegni nucleari.

Esplorare le tempistiche e le implicazioni dello sviluppo delle armi nucleari dell’Iran

La possibilità per l’Iran di sviluppare armi nucleari è stata una preoccupazione significativa per la comunità globale, soprattutto date le complessità coinvolte nella produzione di materiale fissile e nella costruzione di un ordigno nucleare. Comprendere queste tempistiche è fondamentale per valutare i rischi e le strategie di risposta internazionali.

Produzione di materiale fissile: un equilibrio delicato

La produzione di uranio altamente arricchito (HEU) è fondamentale per lo sviluppo delle armi nucleari. L’HEU, contenente tipicamente circa il 90% di uranio-235 (U-235), è necessario per il nucleo di un dispositivo nucleare di tipo implosivo. Il tempo necessario per produrre quantità sufficienti di HEU dipende da diversi fattori, tra cui la capacità di arricchimento di un programma nucleare e le caratteristiche della riserva di esafluoruro di uranio (UF6) utilizzata nel processo di arricchimento.

Per scopi pacifici, l’uranio a basso arricchimento (LEU), che contiene meno del 5% di U-235, viene utilizzato nei reattori nucleari, mentre i reattori di ricerca possono utilizzare uranio arricchito al 20% di U-235. Il salto dall’arricchimento dell’uranio per usi civili alla produzione di uranio per uso militare è significativo e attentamente monitorato dagli organismi internazionali.

Il ruolo del JCPOA nel prolungare i tempi di breakout

Il Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) ha svolto un ruolo fondamentale nel prolungare il tempo di sfondamento dell’Iran, il tempo necessario per produrre abbastanza uranio utilizzabile per un’arma nucleare. Nell’ambito del JCPOA, le capacità di arricchimento dell’Iran erano fortemente limitate. L’Iran era tenuto a mantenere le sue scorte di uranio a non più di 300 chilogrammi di UF6 arricchito al 3,67% di U-235, equivalenti a 202,8 chilogrammi di uranio. Questa restrizione mirava a garantire che, utilizzando le sue strutture dichiarate, l’Iran avrebbe bisogno di almeno un anno per produrre abbastanza HEU per una singola arma nucleare, una tempistica che doveva rimanere in vigore per almeno dieci anni dopo l’attuazione dell’accordo.

Sviluppi post-JCPOA e aumento dei rischi

Tuttavia, con il ritiro degli Stati Uniti dal JCPOA nel 2018 e il successivo superamento dei limiti dell’accordo da parte dell’Iran, la situazione è diventata sempre più complessa. L’Iran non solo ha ampliato il numero delle sue centrifughe, ma ha anche aumentato la massa e il livello di arricchimento delle sue scorte di uranio oltre i limiti imposti dal JCPOA. Il paese ha arricchito l’uranio fino a livelli del 60% di U-235, significativamente più vicini al 90% richiesto per i materiali destinati alle armi.

Le azioni dell’Iran includono lo svolgimento di attività di ricerca e sviluppo proibite relative alla tecnologia delle centrifughe, il coinvolgimento nella produzione illecita di uranio metallico e l’installazione di nuove centrifughe. Queste attività sono state documentate in numerosi rapporti dell’AIEA, evidenziando il ritmo accelerato con cui l’Iran potrebbe potenzialmente produrre HEU.

Implicazioni della produzione accelerata di materiale fissile

L’accumulo di uranio arricchito a questi livelli comporta un grave rischio di proliferazione. Funzionari statunitensi hanno indicato che l’Iran possiede ora abbastanza materiale fissile che, se ulteriormente arricchito, potrebbe essere sufficiente per produrre diverse armi nucleari. Questo sviluppo riduce significativamente i tempi di breakout e aumenta l’urgenza degli sforzi diplomatici internazionali per affrontare e mitigare questi rischi.

Le tempistiche in evoluzione della capacità nucleare dell’Iran: approfondimenti dall’intelligence statunitense e valutazioni militari

L’espansione dell’arricchimento dell’uranio in Iran è stata al centro delle discussioni sulla sicurezza globale, soprattutto con le recenti stime che riducono significativamente i tempi entro i quali Teheran potrebbe produrre uranio altamente arricchito (HEU) per uso militare. Questi sviluppi hanno sollevato notevoli preoccupazioni circa le intenzioni e le capacità nucleari dell’Iran.

Arricchimento accelerato e tempistiche ridotte

Secondo un rapporto del Dipartimento di Stato dell’aprile 2021, i progressi dell’Iran nelle attività di arricchimento dell’uranio gli hanno consentito di arricchire l’uranio più rapidamente e a livelli più elevati. Questo miglioramento sia in termini di velocità che di efficienza è attribuito all’implementazione di una tecnologia di centrifuga più avanzata. Entro marzo 2022, le stime del governo degli Stati Uniti suggerivano che l’Iran avrebbe potuto produrre abbastanza HEU per armi nucleari in appena una settimana. Questa stima è stata ulteriormente sottolineata dalla testimonianza del presidente dei capi di stato maggiore congiunti, Mark Milley, durante un’audizione della sottocommissione per la difesa per gli stanziamenti della Camera il 23 marzo 2023. Il generale Milley ha indicato che l’Iran potrebbe produrre questa quantità di HEU in circa 10-15 giorni, segnando una significativa riduzione dei tempi di breakout.

Impatto della conformità al JCPOA sulla produzione di materiale fissile

Il JCPOA, progettato per estendere il tempo di breakout dell’Iran, impone severe restrizioni al programma nucleare iraniano. Se Teheran dovesse riprendere il pieno rispetto dei suoi obblighi JCPOA, il tempo per produrre materiale fissile sufficiente per un’arma nucleare aumenterebbe ma rimarrebbe inferiore a un anno. Questo scenario riflette l’esperienza maturata dall’Iran e i vantaggi tecnologici derivanti dall’utilizzo di centrifughe più sofisticate, che migliorano la sua efficienza di arricchimento.

Eric Brewer, ex funzionario del National Intelligence Council, ha elaborato questo punto in una pubblicazione dell’ottobre 2021 del Center for Strategic and International Studies. Ha osservato che senza le centrifughe avanzate attualmente in uso, l’Iran probabilmente farebbe affidamento su centrifughe di prima generazione meno efficienti per qualsiasi tentativo di evasione. Questo cambiamento tecnologico sottolinea un significativo miglioramento della capacità nucleare dell’Iran, riducendo il tempo necessario per un potenziale armamento.

Funzionalità di monitoraggio e rilevamento

Nonostante i tempi ridotti, la probabilità che l’Iran effettui un tentativo di breakout nelle condizioni attuali è considerata “improbabile” secondo Brewer. Le disposizioni di monitoraggio del JCPOA svolgono un ruolo cruciale in questa valutazione. Queste disposizioni, che includono ispezioni e sorveglianza rigorose da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), permetterebbero quasi certamente agli Stati Uniti e ai suoi partner di rilevare qualsiasi mossa improvvisa dell’Iran verso l’armamento. Questa capacità di rilevamento funge da deterrente significativo contro un tentativo di evasione segreta, fornendo una finestra critica per la risposta internazionale e una potenziale riduzione della tensione.

Comprendere le complessità del processo di armamento nucleare dell’Iran

Il percorso dell’Iran verso lo sviluppo potenziale di un’arma nucleare coinvolge complessi processi tecnici e scientifici che vanno oltre la semplice produzione di materiale fissile. Il processo di armamento, che comprende la progettazione e l’assemblaggio di un ordigno nucleare, presenta una serie di sfide e tempistiche.

Cronologia per l’armamento

Una volta conclusi i negoziati sul JCPOA, la comunità dell’intelligence statunitense ha stimato che, a parte la produzione di materiale fissile, l’Iran avrebbe bisogno di circa un anno per completare le fasi necessarie per la produzione di un’arma nucleare. Questa stima si basava sul presupposto che l’Iran potesse lavorare contemporaneamente sulla produzione di materiale fissile e sull’armamento. Secondo un funzionario del Dipartimento di Stato in una comunicazione dell’aprile 2022, questa sequenza temporale considerava le lacune conoscitive dell’Iran e rappresentava il percorso ragionevole più rapido per l’Iran per ottenere l’armamento.

In valutazioni più recenti, inclusa una testimonianza del presidente dei capi di stato maggiore congiunti, Mark Milley, nel marzo 2023, è stato suggerito che l’Iran avrebbe bisogno di diversi mesi per produrre una vera arma nucleare una volta che avesse avuto il materiale fissile necessario. Le specifiche delle ipotesi alla base di questa stima non sono state completamente divulgate, indicando una certa incertezza o variabilità nelle valutazioni dell’intelligence.

Sfide tecniche nell’armamento

La costruzione di un’arma nucleare di tipo implosivo, del tipo ritenuto rientrante nelle capacità di progettazione dell’Iran, richiede un’ingegneria sofisticata. Secondo l’Office of Technology Assessment, questo progetto utilizza un guscio di esplosivi chimici che circondano il materiale nucleare. Gli esplosivi devono essere fatti esplodere quasi simultaneamente in più punti per comprimere rapidamente e uniformemente il materiale nucleare in una massa supercritica, avviando una reazione nucleare a catena sostenuta.

Capacità e limitazioni attuali

I rapporti dell’AIEA indicano che l’Iran non possiede ancora un progetto valido di arma nucleare o un adeguato sistema di detonazione esplosiva. Ciò indica significative barriere tecniche che l’Iran dovrebbe superare per ottenere un’arma nucleare funzionale. Inoltre, l’esperienza di Teheran nella produzione di uranio metallico, in particolare metallo HEU per armi, è limitata. Il processo prevede la fusione e la lavorazione dell’HEU in componenti adatti per un nucleo nucleare, che richiedono elevati livelli di precisione e capacità tecnologica.

Implicazioni degli sforzi di armamento

Lo sviluppo di un’arma nucleare coinvolge numerose fasi, dall’arricchimento dell’uranio e dalla produzione del metallo alla progettazione dell’arma e ai test sugli esplosivi. Ogni fase non solo richiede tecnologia avanzata e competenze scientifiche, ma pone anche diversi livelli di sfida e rischio. La preoccupazione della comunità internazionale non riguarda solo l’arricchimento dell’uranio da parte dell’Iran a livelli di livello militare, ma anche il suo potenziale di avanzare attraverso queste fasi successive di sviluppo delle armi.

Il processo di armamento nucleare dell’Iran è caratterizzato da notevoli ostacoli tecnici e tempi lunghi. Gli sforzi di monitoraggio e intelligence globale si concentrano non solo sulle attività di arricchimento ma anche sulla capacità dell’Iran di far avanzare la ricerca sull’armamento. Queste intuizioni sono cruciali per formulare risposte e strategie internazionali per impedire all’Iran di sviluppare un’arma nucleare, sottolineando l’importanza di una vigilanza continua e di un monitoraggio rigoroso nell’ambito di accordi internazionali come il JCPOA. Le dinamiche delle ambizioni e delle capacità nucleari dell’Iran richiedono un approccio globale per comprendere e affrontare i rischi di proliferazione associati al suo programma nucleare.

Analisi del rapporto di verifica e monitoraggio dell’AIEA in Iran – febbraio 2024

In un aggiornamento critico fornito dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) il 26 febbraio 2024, l’attenzione della comunità internazionale è stata attirata sul programma nucleare iraniano alla luce del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) e della risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. (2015). Questo rapporto, “Verifica e monitoraggio nella Repubblica islamica dell’Iran”, fornisce una revisione completa delle attività nucleari dell’Iran, concentrandosi in particolare sulle sue capacità di arricchimento dell’uranio e sulle sue scorte. I risultati sollevano preoccupazioni significative sulle potenziali capacità di armamento nucleare dell’Iran e sulle sue implicazioni per la sicurezza globale.

Capacità di produzione di uranio migliorate

Secondo l’ultimo rapporto trimestrale dell’AIEA, c’è stato un notevole aumento della capacità dell’Iran di produrre uranio per uso militare (WGU). Rispetto al precedente rapporto del novembre 2023, l’Iran ha rafforzato sia le sue scorte di uranio arricchito che la sua capacità di arricchimento dell’uranio. Questi sviluppi hanno consentito all’Iran di produrre potenzialmente WGU sufficienti per un arsenale di armi nucleari in un arco di tempo considerevolmente breve.

A febbraio 2024, i calcoli basati sulle scorte e sulle capacità attuali suggeriscono che l’Iran potrebbe produrre circa 25 chilogrammi di WGU – la quantità stimata necessaria per un’arma nucleare – in soli sette giorni. Questa proiezione presuppone l’uso dedicato di quattro cascate centrifughe avanzate e una maggiore efficienza attraverso un dosaggio delle code più elevato. La capacità di produrre abbastanza WGU per sette armi nucleari in un mese, e potenzialmente fino a 13 in cinque mesi, sottolinea un significativo balzo in avanti nel potenziale nucleare dell’Iran.

Scorte e tassi di produzione

Lo stock totale netto di uranio arricchito, compresi tutti i livelli di arricchimento e le forme chimiche, è aumentato di 1.038,7 chilogrammi (kg), passando da 4.486,8 kg a 5.525,5 kg di massa di uranio (massa U). In particolare, le scorte dell’Iran di uranio altamente arricchito (HEU) al 60% sono state registrate a 121,5 kg (massa U) al 10 febbraio 2024. Ciò rappresenta una diminuzione di 6,8 kg dall’ottobre 2023, attribuita al downblending di alcuni dei Dal 60% di HEU al 20% di uranio arricchito. Il tasso di produzione complessivo del 60% di HEU è più che raddoppiato, da 2,9 kg a 7,1 kg al mese, posizionando l’Iran a produrre circa 87 kg all’anno se questo tasso verrà mantenuto.

Flessibilità operativa e attività non dichiarate

Il rapporto dell’AIEA fa luce anche sugli aspetti operativi degli impianti di arricchimento dell’Iran, in particolare sulle cascate centrifughe avanzate interconnesse presso l’impianto pilota di arricchimento del carburante (PFEP) e l’impianto di arricchimento del carburante Fordow (FFEP). Queste strutture hanno dimostrato un elevato grado di flessibilità operativa, che è stato motivo di contesa e preoccupazione. In particolare, è stato scoperto che la cascata della centrifuga IR-6, che può essere facilmente modificata per cambiare modalità operative, arricchisce l’uranio a livelli superiori a quelli dichiarati. Nel gennaio 2023, nel punto di campionamento dei prodotti di questa cascata sono state rilevate quasi l’84% di particelle HEU, indicando una deviazione significativa dalle operazioni dichiarate.

Implicazioni per la sicurezza globale

I risultati del rapporto dell’AIEA del febbraio 2024 sono allarmanti, con gravi implicazioni per la pace e la sicurezza internazionali. L’aumento del ritmo e del volume dell’arricchimento dell’uranio dell’Iran, insieme alle discrepanze operative negli impianti di arricchimento, pongono sfide al quadro normativo internazionale progettato per prevenire la proliferazione nucleare. La possibilità per l’Iran di produrre quantità significative di WGU in un breve periodo aumenta l’urgenza dell’impegno diplomatico e la potenziale rivalutazione delle strategie internazionali riguardanti le ambizioni nucleari dell’Iran.

Preoccupazioni continue: le attività di arricchimento dell’Iran e le salvaguardie dell’AIEA

Il rapporto tecnico dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) sul programma nucleare iraniano ha preso una svolta preoccupante con il suo ultimo rapporto datato 26 febbraio 2024. Questo rapporto, sebbene più breve e meno dettagliato dei precedenti, continua a evidenziare problemi significativi nell’arricchimento dell’uranio iraniano. attività, in particolare presso l’impianto di fabbricazione di piastre di combustibile di Esfahan (FPFP) e altri importanti impianti nucleari come Natanz e Fordow.

Deposito e misure di salvaguardia dell’uranio arricchito a Esfahan

Un punto critico di preoccupazione rilevato nel rapporto dell’AIEA è la gestione e lo stoccaggio dell’uranio arricchito presso l’impianto di fabbricazione di piastre di combustibile di Esfahan (FPFP). In precedenza, era stato riferito che l’Iran immagazzinava la maggior parte del suo uranio arricchito al 20% e del 60% di uranio altamente arricchito (HEU) a Esfahan. Il FPFP mantiene inoltre la capacità di produrre uranio metallico arricchito, un componente cruciale per la produzione di armi nucleari.

Lo stoccaggio di materiale sensibile alla proliferazione in un sito come FPFP, che potrebbe non essere sottoposto a un monitoraggio così rigoroso come altre strutture come Natanz o Fordow, pone rischi significativi. Questo accordo richiede l’attuazione di misure di salvaguardia più solide da parte dell’AIEA, tra cui una maggiore presenza di ispettori e una migliore sorveglianza tramite telecamere a distanza. L’apparente mancanza di una rendicontazione dettagliata su queste misure di salvaguardia nel rapporto del febbraio 2024 è allarmante, così come lo è la violazione degli impegni del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) da parte dell’Iran.

Aggiornamenti sulle scorte di uranio arricchito e sui tassi di produzione

Al 10 febbraio 2024, le scorte iraniane di uranio arricchito al 20% sono state stimate dall’AIEA a 712,2 chilogrammi (kg) di massa di uranio, che si traduce in 1.053,6 kg di massa di esafluoruro di uranio (massa esagonale). Ciò rappresenta un notevole aumento rispetto ai livelli precedenti, che ammontavano a 567,1 kg. Inoltre, l’Iran conserva anche 31 kg di uranio al 20% in altre forme chimiche.

Il tasso di produzione di uranio arricchito al 20% presso l’impianto di arricchimento del combustibile Fordow (FFEP) è rimasto stabile, con circa 13,5 kg (massa U) o 20 kg (massa esagonale) prodotti mensilmente. Una parte significativa dell’aumento delle scorte di uranio arricchito al 20% dell’Iran deriva dalla riduzione del 60% di HEU per produrre 97,9 kg di uranio arricchito al 20%.

Distribuzione avanzata della centrifuga

Il rapporto sottolinea inoltre un significativo incremento nello spiegamento di centrifughe avanzate da parte dell’Iran. Dopo un periodo di rallentamento da febbraio 2023 a novembre 2023, durante l’ultimo periodo di riferimento l’Iran ha installato sei nuove centrifughe a cascata avanzate. Il numero totale di centrifughe avanzate si avvicina ora a 7400, impiegate principalmente a Natanz e Fordow, con l’impianto di arricchimento di combustibile di Natanz (FEP) che ospita tutte le cascate di centrifughe previste, in attesa di eventuali future modifiche alla progettazione da parte dell’Iran.

In totale, comprese le centrifughe IR-1 più vecchie installate presso FEP e FFEP, il numero di centrifughe installate si avvicina a 14.600. È fondamentale notare che, sebbene molte di queste centrifughe avanzate siano utilizzate, non tutte stanno attualmente arricchendo l’uranio. Le centrifughe IR-1, sebbene numerose, sono significativamente meno efficienti nell’arricchire l’uranio rispetto alle loro controparti avanzate.

Implicazioni e risposta internazionale

I recenti risultati del rapporto dell’AIEA, in particolare riguardo alle capacità potenziate dell’Iran e allo spiegamento strategico di centrifughe avanzate, combinati con strutture di stoccaggio non sufficientemente monitorate, rappresentano una sfida complessa per gli sforzi internazionali di non proliferazione nucleare. La comunità internazionale, in particolare le parti del JCPOA, devono rivalutare le proprie strategie e intensificare gli sforzi diplomatici e di monitoraggio per garantire il rispetto e prevenire l’escalation in una potenziale crisi nucleare.

Questa situazione sottolinea la necessità di un approccio internazionale solido, trasparente e cooperativo per affrontare le preoccupazioni sollevate nell’ultimo rapporto dell’AIEA, garantendo che lo sviluppo nucleare sia strettamente per scopi pacifici e all’interno dei quadri concordati del diritto internazionale.

Ulteriori sviluppi nel programma nucleare iraniano: progressi limitati e maggiori rischi

L’ultimo rapporto dell’AIEA rivela un mix di stagnazione e sottili progressi nel programma nucleare iraniano, con implicazioni significative per la stabilità regionale e gli sforzi internazionali di non proliferazione nucleare. Nonostante un certo aumento delle capacità di arricchimento, ci sono lacune critiche nell’implementazione di nuove tecnologie e strutture, insieme a una riduzione strategica della trasparenza e della cooperazione con gli sforzi di monitoraggio internazionali.

Stato delle cascate delle centrifughe e capacità di arricchimento

L’Iran ha mantenuto le sue attuali operazioni presso l’impianto di arricchimento del carburante Fordow (FFEP) senza installare ulteriori cascate centrifughe avanzate. Attualmente, la FFEP gestisce sei cascate di centrifughe IR-1 e due cascate IR-6. È prevista l’installazione di un massimo di altre 14 centrifughe a cascata IR-6, il che suggerisce una potenziale espansione futura delle capacità di arricchimento. Tuttavia, secondo l’ultimo rapporto, queste installazioni non sono state avviate.

La capacità operativa totale di arricchimento dell’Iran è stimata in circa 19.800 unità di lavoro separativo (SWU) all’anno, considerando solo quelle cascate che stanno arricchendo attivamente l’uranio. È interessante notare che l’Iran non ha ancora utilizzato la sua capacità di arricchimento completamente installata presso l’impianto di arricchimento di carburante di Natanz (FEP), che potrebbe raggiungere circa 34.500 SWU/anno se pienamente operativo.

Scorte e utilizzo di uranio a basso arricchimento

Le scorte iraniane di quasi il 5% di uranio a basso arricchimento (LEU) sono cresciute di 178,8 kg fino a 2.396,8 kg (massa U), o 3.545,6 kg (massa esagonale). Il tasso di produzione di quasi il 5% LEU al FEP rimane coerente, con l’Iran che continua a utilizzare l’uranio naturale come materia prima. Nonostante questo aumento, l’Iran non ha dato priorità allo stoccaggio di questo materiale per scopi pacifici, come il combustibile per i reattori nucleari. Invece, le scorte vengono ampiamente utilizzate per produrre circa il 20% e il 60% di uranio arricchito, sollevando interrogativi sulle intenzioni civili dichiarate dietro le attività di arricchimento dell’Iran.

Progetti in fase di stallo e trasparenza ridotta

Il rapporto dell’AIEA evidenzia un preoccupante ritardo nella messa in servizio del reattore di Arak, ora ribattezzato Khondab Heavy Water Research Reactor (KHRR), o IR-20. Nonostante le precedenti aspettative di mettere in servizio il reattore nel 2023 e di iniziare le operazioni nel 2024, i lavori di costruzione sono in corso senza aggiornamenti recenti forniti dall’Iran.

Inoltre, sono trascorsi tre anni da quando l’Iran ha cessato di applicare provvisoriamente il suo Protocollo aggiuntivo, che ha limitato in modo significativo la capacità dell’AIEA di condurre ispezioni e verificare in modo completo le attività nucleari dell’Iran. La mancanza di nuove installazioni di sorveglianza e il rifiuto dell’Iran di condividere dati o filmati provenienti dai dispositivi di monitoraggio aggravano questo problema. Questa posizione non solo limita la capacità operativa dell’AIEA ma manipola anche strategicamente il flusso di informazioni, subordinatamente alla revoca delle sanzioni.

Rischi potenziali e incertezze future

L’assenza di monitoraggio e sorveglianza efficaci dal giugno 2022 ha portato l’AIEA a esprimere preoccupazione sulla sua capacità di verificare se l’Iran ha dirottato o potrebbe dirottare centrifughe avanzate per scopi non divulgati. Il potenziale accumulo di una scorta segreta di centrifughe avanzate, possibilmente da utilizzare in impianti di arricchimento clandestini o durante uno scenario di fuga, rappresenta un rischio significativo. Inoltre, la capacità dimostrata dell’Iran di trasferire segretamente le attrezzature di produzione suggerisce la possibilità di ulteriori siti di produzione di centrifughe non dichiarati, complicando i futuri sforzi di verifica e aggiungendo uno strato di incertezza alle ambizioni nucleari dell’Iran.

Rapporto allarmante dell’AIEA sugli sviluppi del programma nucleare iraniano

Le recenti valutazioni dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) sul programma nucleare iraniano dipingono un quadro preoccupante delle potenziali escalation e delle sfide nel monitoraggio delle attività nucleari di Teheran. Il rapporto sottolinea diverse questioni critiche che hanno esacerbato le difficoltà nel garantire che il programma nucleare iraniano sia esclusivamente per scopi pacifici.

Smantellamento delle infrastrutture di sorveglianza e monitoraggio

Il rapporto dell’AIEA evidenzia una battuta d’arresto significativa dovuta alla decisione dell’Iran di smantellare tutte le attrezzature installate dall’agenzia che facevano parte del quadro di sorveglianza e monitoraggio nell’ambito del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA). Questa decisione ha gravi ripercussioni sulla capacità dell’agenzia di monitorare le attività nucleari dell’Iran e, per estensione, di assicurare alla comunità internazionale la loro natura non militare. La perdita di questa infrastruttura di sorveglianza è stata descritta come avente “implicazioni dannose” per i processi di verifica che sostengono la fiducia internazionale nel programma nucleare iraniano.

Perdita di continuità della conoscenza

Un aspetto critico delle recenti scoperte dell’AIEA è la perdita di continuità delle conoscenze riguardo ai componenti essenziali del programma nucleare iraniano, tra cui la produzione e l’inventario di centrifughe, rotori, soffietti, acqua pesante e concentrato di minerale di uranio (UOC). Questa interruzione rappresenta un rischio significativo in quanto ostacola la capacità dell’AIEA di tracciare e verificare gli elementi necessari per le applicazioni sia civili che potenziali militari della tecnologia nucleare.

Centrifughe avanzate e il rischio di arricchimento nascosto

Il rapporto esprime crescente preoccupazione per la potenziale installazione da parte dell’Iran di centrifughe avanzate in un sito non dichiarato, in particolare perché le scorte di uranio altamente arricchito (HEU) al 60% continuano a crescere. La possibilità che l’Iran possa rapidamente arricchire questo HEU fino a livelli di livello militare utilizzando un piccolo numero di centrifughe a cascata avanzate è particolarmente allarmante. Lo scenario delineato dall’AIEA prevede la diversione dell’HEU salvaguardato e il suo successivo arricchimento a livello militare utilizzando tre o quattro cascate di centrifughe avanzate fabbricate e dispiegate segretamente. Questo metodo aumenta la prospettiva che l’Iran raggiunga una rapida capacità di breakout, ulteriormente complicata dalle incertezze sul numero esatto di centrifughe avanzate prodotte e potenzialmente nascoste.

Figura 1. Numero totale di centrifughe avanzate installate in tutti e tre gli impianti di arricchimento. Secondo quanto riferito, sei cascate di centrifughe IR-4 sono state aggiunte a Natanz durante questo rapporto trimestrale. Come si può vedere, l’installazione delle centrifughe ha subito un’accelerazione nell’ultimo trimestre, dopo incrementi relativamente piccoli per gran parte del 2023.

Violazioni irrisolte delle garanzie e capacità di monitoraggio ridotte

Ad aggravare questi problemi c’è il continuo rifiuto dell’Iran di affrontare le violazioni delle garanzie in sospeso, che mina in modo significativo la capacità dell’AIEA di monitorare il sempre più complesso programma nucleare iraniano. Questo rifiuto, unito alle dimensioni irrisolte del programma iraniano che potrebbe riguardare lo sviluppo di armi nucleari, rende straordinariamente difficile per l’AIEA individuare qualsiasi diversione di materiali, attrezzature e capacità nucleari verso strutture non dichiarate. La capacità dell’agenzia di monitorare e verificare efficacemente le attività nucleari dell’Iran è cruciale non solo per la stabilità regionale ma anche per l’integrità dei regimi globali di non proliferazione.

Scorte di uranio arricchito al Natanz FEP (28 ottobre 2023-9 febbraio 2024)
ParametroValore
Durata del periodo di riferimento105 giorni
Totale UF6 arricchito1440 chilogrammi
Livello di arricchimentoFino al 5% di U-235
Massa totale di uranio (UF6)973,4 chilogrammi
Tasso di produzione medio mensile278,1 kg di massa U
Tasso medio di produzione giornalieraMassa U di 9,3 kg
Medie del periodo di riferimento precedente
– Tasso di produzione mensile268,5 kg di massa U
– Tasso di produzione giornaliera9 kg di massa U
Materiale per mangimiUranio naturale
Confronto con il periodo precedenteLeggero aumento dei ritmi di produzione
Elementi del fluoroIgnorato nel calcolo della massa totale dell’uranio

Questa tabella suddivide le scorte di uranio arricchito presso Natanz FEP, inclusi i tassi di produzione, la durata del periodo di riferimento, il livello di arricchimento e i confronti con il periodo di riferimento precedente. Menziona anche la materia prima e il metodo di calcolo della massa totale dell’uranio.

Scorte di uranio arricchito al FFEP (28 ottobre 2023 – 9 febbraio 2024)
ParametroValore
Durata del periodo di riferimento28 ottobre 2023 – 9 febbraio 2024
Produzione di uranio arricchito al 60%.23,5 kg (massa esagonale), 15,9 kg massa U
Tasso di produzione medio giornaliero0,15 kg (massa U)
Tasso di produzione medio mensile4,5 kg (massa U)
Confronto con il periodo precedentePiù del doppio
Annualmente (a questo ritmo)81,7 kg (massa esagonale), 55,2 kg (massa U)
Produzione di uranio arricchito al 20%.69,9 kg (massa esagonale), 47,3 kg massa U
Tasso di produzione medio giornaliero0,67 kg (massa esagonale), 0,45 kg (massa U)
Tasso di produzione medio mensile20 kg (massa esagonale), 13,5 kg (massa U)
Annualmente (a questo ritmo)243 kg (massa esagonale), 164,3 kg (massa U)
Uranio arricchito al 2% accumulato775 kg (massa esagonale), 523,9 kg (massa U)

Questa tabella delinea le scorte di uranio arricchito presso il FFEP, compresi i tassi di produzione, la durata e l’uranio accumulato nelle code derivanti dalla produzione di uranio arricchito al 60% e al 20%.

Scorte di uranio arricchito al PFEP (28 ottobre 2023 – 9 febbraio 2024)
ParametroValore
Durata del periodo di riferimento28 ottobre 2023 – 9 febbraio 2024
Produzione di uranio arricchito al 60%.13,5 kg (massa esagonale), 9,1 kg (massa U)
Fino al 5% di produzione LEU165,2 kg (massa esagonale), 111,7 kg (massa U)
Fino al 2% di produzione di uranio arricchito254,7 kg (massa esagonale), 172,2 kg (massa U)
Tassi di produzione di uranio arricchito del 60%.Mensile: 3,9 kg (massa esagonale), 2,6 kg (massa U)
Giornaliero: 129 grammi (massa esagonale), 87 grammi (massa U)
Confronto con il periodo precedenteTasso di produzione tre volte superiore per il 60% di uranio
Annualmente (PFEP, utilizzando cascate avanzate)46,9 kg (massa esagonale), 31,7 kg (massa U)
Produzione Combinata (FFEP + PFEP)Mensile: 7,1 kg (massa U), 10,6 kg (massa esagonale)
Annualmente: 128,6 kg (massa esagonale), 86,9 kg (massa U)
Uranio arricchito al 60% misto con LEU al 2%.31,8 kg (massa U) misti, 66,4 kg (massa U) di 2% LEU
Prodotto vicino al 20% di uranio arricchito97,9 kg (massa U)

Questa tabella fornisce una ripartizione dettagliata delle scorte di uranio arricchito presso il PFEP, compresi i tassi di produzione, i confronti con i periodi precedenti e la produzione combinata di FFEP e PFEP. Menziona anche la miscelazione di diversi livelli di uranio arricchito e la produzione di circa il 20% di uranio arricchito.

Scorte di uranio arricchito: stime aggiuntive
ParametroValore
Importi aggiuntivi di LEU361 kg (massa U)
Livelli di arricchimento non specificati31 kg fino al 20% di uranio arricchito, 2 kg fino al 60% HEU
Uranio arricchito vicino al 20%.31 kg (massa U)
– Gruppi di carburante e aste22,7 kg (massa U)
– Obiettivi2,8 kg
– Caricamento del nocciolo del reattore1,5 kg (rimosso dalla scorta, scopo poco chiaro)
Alimentazione delle scorte vicino al 5% LEUMassa esagonale 912,1 kg (massa U 616,6 kg)
Tassi di alimentazioneFordow: 8,7 kg di massa esagonale al giorno, 5,9 kg di massa U
– Aumento della velocità di avanzamentoCirca un terzo in più rispetto al periodo precedente
Mangime scaricato al FFEPMassa esagonale da 5,2 kg (massa U da 3,5 kg)
Alimenta le linee di ricerca e sviluppo del PFEPMassa esagonale 433,4 kg (massa U 293 kg)
– Tasso di alimentazione medio giornaliero4,1 kg di massa esagonale, 2,8 kg di massa U al giorno
Calcolo delle scorteUltimo periodo: 2218,1 kg Massa U, FEP: 973,4 kg, PFEP: 111,7 kg
– Mangime sottratto909,6 kg di massa U
– Feed scaricato aggiunto di nuovoMassa U di 3,5 kg
Totale nuove scorte (stimato)2397,1 kg di massa U
Scorte segnalate dall’AIEA2396,8 kg di massa U (vicino al 5% LEU in forma UF6)

Questa tabella presenta informazioni dettagliate su ulteriori stime delle scorte di uranio arricchito, compresi i tassi di alimentazione, il carico del nocciolo del reattore e i calcoli delle scorte. Confronta inoltre le scorte stimate con le scorte dichiarate dall’AIEA.

Panoramica delle scorte di uranio arricchito
ParametroValore
Stock complessivo netto di uranio arricchito (massa U)Aumentato di 1038,7 kg da 4486,8 kg a 5525,5 kg
Aumento delle scorte LEU vicine al 2% (UF6).716,8 kg (massa U)
Aumento delle scorte LEU (UF6) vicino al 5%.178,7 kg (massa U)
Aumento delle scorte di uranio arricchito vicino al 20%.145,1 kg (massa U) da 567,1 kg a 712,2 kg
Diminuzione delle scorte di uranio arricchito vicina al 60%.6,8 kg (massa U) da 128,3 kg a 121,5 kg
Operazioni PFEP (28 ottobre 2023-9 febbraio 2024)
ParametroValore
Immettere nelle linee 4 e 6 (5% LEU)433,4 kg (massa esagonale)
Conversione in uranio arricchito al 60%.13,5 kg (massa esagonale), 3,1% del mangime
Conversione di nuovo all’uranio arricchito al 5%.165,5 kg (massa esagonale), 38% del mangime
Code arricchite fino al 2%254,7 kg (massa esagonale), 59% del mangime

Questa tabella fornisce una panoramica dettagliata delle scorte di uranio arricchito, compresi i cambiamenti nei livelli delle scorte e nelle operazioni presso il PFEP durante il periodo di riferimento specificato. Suddivide gli aumenti e le diminuzioni dei diversi livelli di uranio arricchito ed evidenzia le operazioni e i tassi di conversione del PFEP.

Tabella 1. Inventari di uranio arricchito*, incluso meno del 5%, fino al 20% e fino al 60% di uranio arricchito (tutte le quantità nella massa di uranio)
Forma chimica12 febbraio 202313 maggio 202318 agosto 202328 ottobre 202310 febbraio 2024
UF6 (kg)34024384.83441.34130.75164.5
Ossidi di uranio e loro prodotti intermedi (kg)215.3207,5206.9205.6203.6
Uranio in gruppi di combustibile, barre e bersagli (kg)58.459,55454.152.6
Uranio in rottami liquidi e solidi (kg)85.192,793,3796,4104.8
Totali parziali del livello di arricchimento     
Uranio arricchito fino al 5% (kg) ma più del 2%.1324.51340.21950.92218.12396.8
Uranio arricchito fino al 2% (kg)1555.32459.68331217.21934
Uranio arricchito fino al 20% (kg)434.7470,9535,8567.1712.2
Uranio arricchito fino al 60% (kg)87,5114.1121.6128.3121,5
Uranio in forme chimiche diverse dall’UF6 con livello di arricchimento non specificato (kg) (di cui 31 kg fino al 20% LEU e 2 kg fino al 60% HEU)358,8359,7354.4356.1361
Totali di uranio arricchito nell’UF6, <5 % (kg)2879.83799.82783.93435.34330.8
Totali di uranio arricchito nell’UF6, di cui circa il 20% e circa il 60% (kg)34024384.83441.34130.75164.5
Totali di uranio arricchito in tutte le forme chimiche, <5% <20% e <60% arricchito3760.84744.53795.64486.85525.5

* Questi totali non includono le scorte non divulgate di uranio arricchito esentate dalla Commissione congiunta JCPOA.

Capacità di arricchimento

Impianto di arricchimento di carburante di Natanz (FEP)

Secondo i rapporti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), a partire dal 24 febbraio 2024, l’ impianto di arricchimento di combustibile di Natanz (FEP) in Iran ha installato un numero significativo di centrifughe di vari modelli. Ecco una ripartizione dettagliata della situazione attuale relativa alla capacità di arricchimento dell’Iran presso il FEP di Natanz:

Centrifughe installate :

  • Centrifughe IR-1 : sono installate 36 cascate.
  • Centrifughe IR-2m : sono installate 21 cascate.
  • Centrifughe IR-4 : si è verificato un aumento significativo da sei cascate durante il periodo di riferimento precedente a 12 cascate.
  • Centrifughe IR-6 : sono installate tre cascate.
  • Il numero totale di centrifughe avanzate installate presso la FEP è di circa 6264, di cui 3654 sono centrifughe IR-2m.

Centrifughe di arricchimento :

  • Centrifughe IR-1 : 36 cascate si stanno arricchendo attivamente.
  • Centrifughe IR-2m : Nove cascate si stanno arricchendo.
  • Centrifughe IR-4 : tre cascate si stanno arricchendo.
  • Centrifughe IR-6 : tre cascate si stanno arricchendo.
  • Si segnala che la capacità complessiva delle centrifughe attualmente in arricchimento è significativamente inferiore a quelle installate, con diverse cascate installate ma non attive nei processi di arricchimento.

Sfide e osservazioni :

  • Accessibilità dei dati : dal febbraio 2021, l’Iran ha limitato l’accesso dell’AIEA ai dati e alle registrazioni delle apparecchiature di monitoraggio, in particolare per quanto riguarda le centrifughe IR-1 che si ritiene provengano da scorte smantellate piuttosto che da unità di nuova produzione.
  • Domande sulla produzione : il rapido dispiegamento dell’IR-4 e lo stato delle centrifughe IR-2m installate tra settembre 2022 e febbraio 2023 sollevano interrogativi sul fatto che queste unità siano state di nuova produzione o prelevate da scorte nascoste. Il tasso di installazione suggerisce una potenziale pre-produzione prima del giorno di attuazione del JCPOA nel 2016, cosa che l’Iran non aveva dichiarato.

Espansione futura :

  • L’Iran ha in programma di commissionare fino a otto unità di arricchimento nell’edificio B1000 a Natanz, che replicherebbero il progetto dell’edificio A1000 con ciascuna unità in grado di contenere 18 cascate. Tuttavia, le specifiche riguardanti il ​​numero e il tipo di centrifughe da installare rimangono non specificate.

Problemi di monitoraggio e conformità :

  • L’AIEA ha notato difficoltà nel monitoraggio a causa della decisione dell’Iran, nel giugno 2022, di rimuovere tutte le apparecchiature di monitoraggio e sorveglianza relative al JCPOA, che incide gravemente sulla capacità dell’AIEA di verificare le attività e mantenere la continuità delle conoscenze relative al programma nucleare iraniano.

Violazione degli accordi internazionali :

  • È stato notato che l’Iran viola il Codice modificato 3.1, che richiede la notifica anticipata di nuovi impianti nucleari, non fornendo informazioni tempestive sulle attività di costruzione, come il nuovo reattore IR-360.

Questa panoramica evidenzia la natura dinamica e complessa del monitoraggio delle attività nucleari dell’Iran, in particolare con la fluttuazione degli stati operativi e di conformità presso il FEP di Natanz.

L’impianto di arricchimento del carburante Fordow (FFEP)

L’impianto di arricchimento del carburante Fordow (FFEP) in Iran ha mantenuto una configurazione coerente di centrifughe, senza nuove installazioni oltre a quanto precedentemente riportato. Ecco una panoramica dell’attuale distribuzione delle centrifughe e delle attività di arricchimento presso il FFEP:

Configurazione della centrifuga :

  • Centrifughe IR-1 : 1044 centrifughe IR-1 sono installate su tre serie di due cascate interconnesse.
  • Centrifughe IR-6 : sono operative due cascate interconnesse costituite da 166 centrifughe IR-6.

Attività di arricchimento :

  • Le cascate IR-1 interconnesse vengono utilizzate per produrre uranio arricchito al 20% da un massimo del 5% di uranio a basso arricchimento (LEU).
  • Le cascate IR-6 interconnesse vengono utilizzate per la produzione di uranio ad alto arricchimento (HEU), mirando specificamente a livelli di arricchimento fino al 60% da un’alimentazione LEU del 5%.

Sviluppi significativi nella produzione di HEU :

  • Inizio della produzione : il 22 novembre 2022, l’Iran ha iniziato a utilizzare le due cascate IR-6 per produrre esafluoruro di uranio (UF6) arricchito fino al 60%.
  • Aggiustamenti operativi : inizialmente, queste cascate funzionavano come un unico set senza sottotitoli modificati per l’ultima fase di arricchimento. Tuttavia, i cambiamenti sono stati notati nel gennaio 2023 a seguito di un’ispezione senza preavviso, quando l’Iran ha utilizzato brevemente una configurazione operativa modificata, per poi tornare indietro nell’estate 2023 e riprendere nuovamente la configurazione modificata nel dicembre 2023.

Sviluppi infrastrutturali :

  • Nonostante i piani per installare fino a 14 cascate aggiuntive, non sono state installate nuove centrifughe IR-6 o IR-1. Secondo gli ultimi rapporti, i preparativi per l’infrastruttura per otto nuove cascate erano in corso.

Sfide di conformità e monitoraggio :

  • I cambiamenti operativi dell’Iran e il livello di produzione di HEU hanno sollevato preoccupazioni riguardo al rispetto degli accordi internazionali e alla possibilità di raggiungere livelli di arricchimento più vicini all’uranio per uso militare (che in genere supera il 90% dell’U-235).

La stabilità del numero delle centrifughe al FFEP contrasta con la natura dinamica delle strategie operative e con le potenziali implicazioni degli elevati livelli di arricchimento presi di mira. Questi sviluppi sono fondamentali nel contesto del monitoraggio internazionale e delle più ampie tensioni geopolitiche che circondano il programma nucleare iraniano.

L’impianto pilota di arricchimento del carburante (PFEP) a Natanz sta subendo cambiamenti significativi poiché l’Iran espande le sue attività di ricerca e sviluppo in una nuova sezione sotterranea dell’edificio A1000. Questa nuova area mira a migliorare ulteriormente le capacità dell’Iran nell’arricchimento dell’uranio utilizzando centrifughe avanzate. Ecco una ripartizione dettagliata dello stato attuale e delle attività del PFEP:

Nuovo PFEP sotterraneo

  • Infrastrutture : l’Iran ha iniziato a trasferire la sua ricerca e sviluppo sull’arricchimento in un’area segregata dell’edificio A1000, dove prevede di creare sei delle 18 linee di ricerca e sviluppo (AF). Quest’area potrebbe potenzialmente contenere fino a 174 centrifughe IR-4 o IR-6 in varie configurazioni.
  • Installazione di centrifughe : dal 23 gennaio 2024, le centrifughe sono state installate in tre linee:
    • Linea A: 20 centrifughe IR-4
    • Linea B: 20 ​​centrifughe IR-6
    • Linea C: 20 centrifughe IR-6
  • Arricchimento : lo scopo dichiarato è quello di accumulare il prodotto di uranio arricchito fino al 5% di LEU derivante da queste attività.

Produzione del 60% di HEU :

  • Linee operative : le linee 4, 5 e 6 del PFEP sono cruciali per la produzione di uranio arricchito al 60%.
  • Configurazione e output :
    • Le linee 4 e 6 sono interconnesse, utilizzando rispettivamente le centrifughe IR-4 e IR-6, per arricchire fino al 60% di HEU da un massimo del 5% di LEU.
    • La linea 5 viene utilizzata per arricchire nuovamente le code delle linee 4 e 6 fino a quasi il 5% LEU, contribuendo a ottimizzare l’uso dei materiali e a ridurre gli sprechi.

Capacità di produzione :

  • La produzione stimata di arricchimento su scala produttiva per le cascate IR-4 e IR-6 nelle linee 4 e 6 è di circa 600 unità di lavoro separative (SWU) all’anno ciascuna. Se combinate, queste linee hanno una produzione stimata di 1200 SWU all’anno, equivalenti a circa 1330 centrifughe IR-1.

Altre linee :

  • Linea 1 : impegnata nella produzione di uranio arricchito fino al 2% di U-235 utilizzando una cascata di 18 centrifughe IR-1 e 94 centrifughe IR-2m.
  • Linee 2 e 3 : queste linee continuano ad accumulare uranio arricchito fino al 2%, utilizzando una miscela di tipi di centrifughe in cascate da piccole a intermedie.

Test e verifica :

  • Varie altre centrifughe singole attraverso lo spettro dei modelli IR vengono testate con UF6 naturale ma attualmente non accumulano uranio arricchito.

Questi sviluppi al PFEP rappresentano una significativa espansione delle capacità di arricchimento dell’Iran e indicano una potenziale disponibilità per un aumento della produzione o una rapida capacità di breakout, se necessario. L’attenzione su modelli avanzati di centrifughe come IR-4 e IR-6 nei ruoli di ricerca, sviluppo e produzione sottolinea i progressi tecnici che l’Iran sta perseguendo nel suo programma nucleare.

Capacità delle centrifughe per l’arricchimento dell’uranio

Capacità di arricchimento attuale :

  • La capacità operativa totale di arricchimento delle centrifughe che arricchiscono attivamente l’uranio è stimata in 19.830 unità di lavoro separativo (SWU) all’anno. Questa cifra rappresenta l’equivalente di circa 22.030 centrifughe IR-1.

Capacità potenziale di arricchimento :

  • Se si includessero le centrifughe installate ma non ancora ad arricchimento, la capacità di arricchimento aumenterebbe significativamente del 74%, raggiungendo circa 34.500 UFS all’anno. Ciò evidenzia una sostanziale capacità di riserva che potrebbe essere attivata.

Cascate di centrifughe avanzate :

  • L’Iran ha altre 15 centrifughe a cascata avanzate installate nelle sue strutture, che non sono attualmente utilizzate per arricchire l’uranio secondo l’ultimo periodo di riferimento. Questa capacità inutilizzata potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nei futuri piani di arricchimento o nelle emergenze.

Calcoli di breakout :

  • Ai fini dei calcoli – stimando la velocità con cui un paese potrebbe produrre uranio per uso militare (WGU) – le cifre considerano le centrifughe attualmente installate. Tuttavia, esclude molte delle centrifughe avanzate dell’impianto pilota di arricchimento del carburante (PFEP), ad eccezione di quelle che fanno parte di cascate su scala di produzione. Questa esclusione si basa sulla valutazione che queste centrifughe avanzate non contribuirebbero in modo significativo alla rapida produzione di WGU sufficiente per un esplosivo nucleare, soprattutto quando si inizia con uranio arricchito fino al 5% o vicino al 20%.

Questa differenziazione delle capacità indica una strategia a più livelli nell’approccio dell’Iran all’arricchimento, mantenendo una significativa capacità latente e preparandosi allo stesso tempo per un potenziale rapido aumento della produzione di uranio arricchito. Questa riserva strategica di capacità di arricchimento, attualmente non utilizzata ma prontamente disponibile, sottolinea le complessità e le sfide nel monitoraggio e nella gestione dei rischi di proliferazione nucleare.

Tabella 2. Quantità di centrifughe di arricchimento e capacità di arricchimento
 Numero di centrifughe di arricchimentoCapacità di arricchimento in SWU/anno 
Equivalente IR-1
Natanz FEP878015,116,79
Fordow137621402370
PFEP fuori terra Natanz*70325902870
Linee 1, 2 e 3Vedi testo  
Linee 4, 5 e 6Vedi testo  
Natanz PFEP sotterraneo   
N/A (non ancora arricchente)
Totale10,859519,8322,03

* I valori per le righe 1, 2 e 3 del PFEP sono stime approssimative basate sull’uso di valori stimati e misurati per la produzione separativa di queste centrifughe in cascata, come ricavato dalle informazioni dell’AIEA e dell’Iran

Praticare il breakout producendo uranio altamente arricchito: un’analisi approfondita delle ambizioni e delle capacità nucleari dell’Iran

Il programma nucleare iraniano è stato a lungo un punto focale delle preoccupazioni sulla sicurezza globale, dato il suo potenziale di alterare gli equilibri di potere in Medio Oriente e oltre. Questo articolo approfondisce gli aspetti critici delle attività di arricchimento dell’uranio dell’Iran, in particolare la sua produzione di uranio altamente arricchito (HEU) a livelli significativamente più vicini all’uranio per armi (WGU).

L’arricchimento dell’Iran al 60% di HEU: stato attuale e implicazioni

Durante gli ultimi periodi di monitoraggio, l’Iran ha continuato a produrre uranio arricchito al 60%, un livello che non solo non ha precedenti al di fuori dei programmi sugli armamenti, ma riduce anche significativamente le barriere tecniche per ottenere materiale di qualità militare. Questo livello di arricchimento ha consentito all’Iran di accumulare oltre tre quantità significative di HEU, un termine tecnico utilizzato dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) per denotare una quantità di materiale nucleare che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per produrre un ordigno esplosivo nucleare.

L’importanza di questo sviluppo non può essere sopravvalutata. Circa 40 chilogrammi di massa di uranio arricchita a questo livello sono sufficienti per produrre un ordigno nucleare, secondo gli standard stabiliti da vari organi di vigilanza nucleare. Ciò è in netto contrasto con i 25 chilogrammi di uranio arricchito al 90% tradizionalmente riconosciuti come quantità sufficiente per lo stesso scopo.

Aspetti tecnici e contesto storico

Il processo di arricchimento adottato dall’Iran segue una traiettoria che ricorda il metodo della rete AQ Khan, che fu determinante nella proliferazione della tecnologia nucleare diversi decenni fa. Il metodo AQ Khan prevede un aumento graduale dell’arricchimento dell’uranio: partendo dall’uranio naturale arricchito al 4-5%, poi al 20%, poi al 60% e infine al 90%. L’approccio dell’Iran, tuttavia, ha mostrato una potenziale semplificazione di questo processo. I rapporti indicano che l’Iran ha sperimentato il passaggio diretto dal 5% al ​​60% di uranio arricchito, aggirando i passaggi intermedi e accelerando così il processo di arricchimento.

Inoltre, l’Iran ha innovato nella gestione fisica dell’esafluoruro di uranio (UF6), la forma gassosa dell’uranio utilizzata nel processo di arricchimento. Tradizionalmente, il gas UF6 deve essere solidificato e quindi rigassificato in ogni fase del processo di arricchimento. Attività recenti suggeriscono che l’Iran sta testando metodi per trasferire il gas UF6 direttamente tra centrifughe in fasi diverse, aumentando potenzialmente l’efficienza del processo di arricchimento.

Operazioni segrete e supervisione internazionale

Nel novembre 2021, l’AIEA ha segnalato attività insolite presso l’impianto pilota di arricchimento di carburante (PFEP) dell’Iran, dove l’Iran ha immesso una quantità significativa del suo uranio arricchito, quasi al 20%, in centrifughe avanzate. Il rapporto indicava che l’Iran non stava accumulando uranio arricchito ai livelli previsti, suggerendo una possibile diversione del materiale verso attività segrete. Queste attività potrebbero includere il raggiungimento di livelli di arricchimento fino al 90%, o il livello di armi, sebbene questo non sia stato esplicitamente dettagliato nei rapporti a causa della natura segreta delle operazioni.

Implicazioni strategiche e risposta globale

La capacità dell’Iran di arricchire l’uranio al 60% e forse anche di più rappresenta una sfida significativa per gli sforzi di non proliferazione a livello globale. Riduce il “breakout time”, il tempo necessario a un paese per produrre materiale fissile sufficiente per un’arma nucleare. Questo sviluppo ha stimolato una rinnovata attenzione internazionale sulle intenzioni e sulle capacità nucleari dell’Iran, con le principali potenze che valutano le loro opzioni strategiche in risposta.

Annullare la conoscenza e i progressi tecnologici raggiunti dall’Iran nell’arricchimento nucleare è praticamente impossibile. Ciò pone un dilemma per la diplomazia internazionale e richiede un approccio robusto, sfumato e proattivo per garantire che il programma nucleare iraniano non si trasformi in un programma militare.

Il continuo arricchimento dell’uranio al 60% e la sperimentazione di operazioni centrifughe avanzate da parte dell’Iran segnano una fase significativa nel suo programma nucleare. Questi sviluppi non solo evidenziano i progressi tecnici nell’ambito dell’infrastruttura nucleare iraniana, ma sottolineano anche l’urgente necessità di un controllo e di un impegno internazionale efficaci. Mentre l’Iran si avvicina alla capacità di produrre armi nucleari, la comunità internazionale deve rispondere con un approccio equilibrato che affronti non solo i rischi nucleari ma anche le tensioni politiche sottostanti che alimentano questa ambizione nucleare.

Trasferimento di uranio arricchito al 20% e HEU al 60% da Natanz a Esfahan: monitoraggio e implicazioni

Il programma nucleare iraniano continua a sollevare notevoli preoccupazioni tra gli osservatori internazionali e i politici, in particolare per quanto riguarda la gestione e il trasferimento dell’uranio arricchito. Questo articolo esamina il trasferimento del 20% di uranio arricchito e del 60% di uranio altamente arricchito (HEU) dagli impianti di Natanz e Fordow all’impianto di fabbricazione di piastre di combustibile (FPFP) a Esfahan, un componente chiave dell’infrastruttura nucleare iraniana.

Trasferimenti storici e recenti

Storicamente, l’Iran ha trasferito uranio arricchito sotto forma di esafluoruro di uranio al FPFP di Esfahan, apparentemente per la produzione di obiettivi HEU per il Tehran Research Reactor (TRR). Questi trasferimenti sono stati documentati in vari rapporti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). Tuttavia, recenti rapporti dell’AIEA hanno omesso dettagli su eventuali ulteriori trasferimenti o sullo stato attuale delle scorte esistenti di uranio arricchito al 20% e al 60% a Esfahan. La mancanza di informazioni o chiarimenti sul motivo per cui questi dettagli sono stati omessi solleva preoccupazioni sulla trasparenza e sulla conformità.

Dettagli del trasferimento e verifiche dell’AIEA

La verifica dettagliata dell’AIEA sui trasferimenti di uranio arricchito fornisce dati critici:

  • Nel gennaio 2022, 23,3 kg (massa U) di uranio arricchito al 60% sono stati trasferiti al FPFP.
  • Entro ottobre 2022, nell’area di stoccaggio FPFP sono stati verificati un totale di 53 kg (massa U) pari al 60% di HEU.
  • Nel 2023 si sono verificati numerosi trasferimenti significativi, con l’AIEA che ha verificato 100,52 kg di uranio arricchito al 60% presso il FPFP entro agosto.

Il FPFP ha ricevuto anche una notevole quantità di uranio arricchito al 20%, per un totale di 454,64 kg verificati entro maggio 2023. La gestione e lo stoccaggio di queste quantità significative di uranio arricchito sottolineano l’importanza fondamentale di robusti meccanismi di monitoraggio.

Misure di salvaguardia e problemi di sicurezza

Lo stoccaggio di grandi quantità di materiale sensibile alla proliferazione presso il FPFP richiede maggiori salvaguardie da parte dell’AIEA per individuare e prevenire qualsiasi diversione verso attività segrete di arricchimento. Tutele efficaci includerebbero visite intensificate degli ispettori, verifiche d’inventario più frequenti e una sorveglianza continua delle telecamere. Nonostante queste esigenze, la recente mancanza di rapporti dettagliati da parte dell’AIEA sull’attuazione di tali misure di salvaguardia al FPFP è un’evidente omissione che deve essere affrontata per garantire la conformità agli standard internazionali.

Implicazioni sulle politiche e violazioni del JCPOA

La presenza di queste scorte di uranio arricchito a Esfahan, in particolare delle scorte di uranio arricchito al 60%, costituisce una violazione del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA). Secondo i termini del JCPOA, l’Iran ha accettato di limitare le sue scorte di uranio arricchito a 300 kg fino al 3,67% di uranio arricchito e di non arricchire l’uranio oltre questo livello. Le notevoli quantità di uranio arricchito al 20 e al 60% presenti presso il FPFP non solo violano queste disposizioni, ma rappresentano anche una sfida significativa al regime di non proliferazione.

Il trasferimento e lo stoccaggio in corso di uranio arricchito presso il FPFP iraniano evidenzia diverse questioni critiche relative alla non proliferazione e alla trasparenza nucleare. La comunità internazionale, in particolare l’AIEA, deve garantire che l’Iran rispetti i suoi impegni nell’ambito del JCPOA e di altri accordi internazionali. Un monitoraggio attento, un reporting completo e solide garanzie sono essenziali per prevenire la diversione di questi materiali verso programmi di sviluppo di armi nucleari potenzialmente segreti. Con l’evolversi della situazione, rimane imperativo per le potenze globali affrontare queste sfide attraverso i canali diplomatici e garantire che il programma nucleare iraniano rimanga esclusivamente per scopi pacifici.

Attuali stime di breakout: una panoramica delle capacità di rapido arricchimento dell’Iran

Il programma nucleare iraniano ha raggiunto una fase critica, in particolare in termini di capacità di produrre rapidamente uranio utilizzabile per armi (WGU). Questo articolo esplora lo stato attuale delle installazioni centrifughe dell’Iran, le sue scorte di uranio altamente arricchito (HEU) e le implicazioni che questi sviluppi hanno per il potenziale scoppio nucleare dell’Iran.

Espansione delle capacità delle centrifughe

Durante l’ultimo periodo di riferimento, l’Iran ha aumentato significativamente la propria capacità di centrifughe, con l’installazione di circa 1000 centrifughe IR-4 presso l’impianto di arricchimento di carburante (FEP). Questa espansione è notevole perché migliora la capacità dell’Iran di arricchire l’uranio con efficienza più elevata. La centrifuga IR-4, più avanzata rispetto ai suoi predecessori, consente un arricchimento più rapido, il che significa che l’Iran può produrre uranio per uso militare a un ritmo più veloce.

Sfide di sorveglianza e monitoraggio

Una preoccupazione significativa è che l’Iran non consente più all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di monitorare la produzione e l’assemblaggio di centrifughe avanzate. Questa restrizione limita gravemente la capacità dell’AIEA di accertare l’intera portata delle capacità centrifughe dell’Iran e potenzialmente consente all’Iran di accumulare segretamente centrifughe avanzate. Questa mancanza di trasparenza è allarmante poiché impedisce alla comunità internazionale di monitorare accuratamente le attività di arricchimento dell’Iran.

Timeline di breakout e potenziale di arricchimento

Si stima che il calendario formale del breakout nucleare dell’Iran sia pari a zero. Con le sue attuali scorte di uranio arricchito al 60%, l’Iran ha abbastanza HEU per creare potenzialmente tre esplosivi nucleari. La capacità di arricchire rapidamente questo 60% di HEU in WGU è particolarmente preoccupante. Utilizzando le centrifughe a cascata avanzate già installate presso il PFEP e il FFEP, l’Iran potrebbe arricchire il suo uranio HEU dal 60% al 90% per armi nel giro di poche settimane.

A seconda del dosaggio scelto – 5 o 20% di uranio arricchito – l’Iran potrebbe utilizzare diverse strategie per ottimizzare la produzione di WGU. Ad esempio, con un dosaggio del 20% delle code, l’Iran potrebbe produrre circa 70 kg di WGU in tre settimane e circa 80 kg con un dosaggio del 5%. In uno scenario che privilegia la velocità, l’Iran potrebbe produrre i primi 25 kg di WGU necessari per un’arma in circa sette giorni.

Potenziale cumulativo dell’arma

Si stima che nell’arco di un mese, utilizzando le sue scorte combinate di uranio arricchito al 20% e al 60%, l’Iran sarà in grado di produrre abbastanza WGU per un massimo di sette armi nucleari. Questa capacità aumenta ogni mese che passa, con la produzione potenziale di nove armi nucleari in due mesi, 11 in tre mesi e fino a 13 entro il quinto mese.

Implicazioni strategiche e di sicurezza

Queste capacità rappresentano un significativo aumento della potenziale minaccia nucleare dell’Iran. La rapidità con cui l’Iran potrebbe potenzialmente dotarsi di un arsenale nucleare rappresenta una sfida formidabile per gli sforzi di sicurezza globale e di non proliferazione. Inoltre, il contesto storico delle ambizioni nucleari dell’Iran, in particolare la cessazione e il successivo camuffamento del Piano Amad nel 2003, sottolinea la lungimiranza strategica dietro l’attuale posizione nucleare dell’Iran.

Le potenziate installazioni di centrifughe dell’Iran e le sue scorte di HEU lo mettono nella posizione di condurre potenzialmente una rapida esplosione nucleare. Questa situazione richiede una risposta internazionale forte e coordinata per garantire la trasparenza, il rispetto degli accordi internazionali e per dissuadere l’Iran dal passare alla produzione di uranio per uso militare. La comunità internazionale deve dare priorità alle misure diplomatiche, tecnologiche e strategiche per monitorare e mitigare questo significativo rischio nucleare.

La produzione di uranio metallico arricchito rimane bloccata, discrepanza di materiali nucleari nell’impianto di conversione dell’uranio

La comunità internazionale rimane in massima allerta riguardo alle capacità nucleari dell’Iran, in particolare per quanto riguarda la produzione di uranio metallico, un materiale essenziale per le armi nucleari. Questa analisi fornisce uno sguardo approfondito alle attività dell’Iran relative alla produzione di uranio metallico e alle relative discrepanze di materiale nucleare osservate nei suoi impianti.

Arresto della produzione di uranio metallico

Secondo i rapporti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) relativi agli ultimi nove periodi di riferimento, l’Iran non ha ripreso la produzione di uranio metallico presso il suo impianto di fabbricazione di piastre di combustibile di Esfahan (FPFP). Nonostante ciò, la capacità di produrre uranio metallico nell’impianto rimane intatta. Questa capacità solleva preoccupazioni a causa della potenziale natura a duplice uso dell’uranio metallico, in particolare quando arricchito.

Contesto e preoccupazioni

L’annuncio dell’Iran nel dicembre 2020 della sua intenzione di iniziare a produrre uranio metallico, comprese versioni arricchite fino al 20%, ha suscitato notevole allarme tra gli osservatori internazionali. Questa preoccupazione è amplificata dalla mancanza di un chiaro bisogno civile di tale uranio metallico, suggerendo che lo sviluppo potrebbe servire a rafforzare le capacità di armi nucleari dell’Iran. Storicamente, nell’ambito del Piano Amad prima del 2003, l’Iran era attivamente impegnato nella costruzione di impianti per la metallurgia dell’uranio e nella sperimentazione di materiali surrogati per l’uranio per armi (WGU).

Recenti sviluppi nella produzione di uranio metallico

Il 2 febbraio 2021, l’Iran ha avviato la produzione di uranio metallico utilizzando uranio naturale in esperimenti di laboratorio presso l’FPFP di Esfahan. Questo sviluppo è progredito fino alla produzione di uranio metallico arricchito da esafluoruro di uranio arricchito al 20% (UF6). Entro agosto 2021, l’AIEA ha verificato la produzione di 200 grammi di uranio metallico arricchito, che è stato successivamente formato in 430 grammi di siliciuro di uranio per un potenziale utilizzo nel combustibile al siliciuro per il reattore di ricerca di Teheran (TRR).

Nonostante questi sviluppi, non ci sono state nuove introduzioni di elementi combustibili siliciuri nel TRR dal maggio 2023, suggerendo una pausa o uno spostamento dell’attenzione nelle attività di produzione dell’uranio metallico dell’Iran.

Installazioni in stallo e preparazione delle apparecchiature

I rapporti dell’AIEA evidenziano che mentre l’installazione delle apparecchiature per la conversione dell’UF6 arricchito in tetrafluoruro di uranio (UF4) presso il FPFP era quasi completata all’inizio del 2022, l’impianto non è stato ancora testato con materiale nucleare. Questo ritardo si estende al vicino impianto di conversione dell’uranio (UCF) a Esfahan, dove, nonostante la disponibilità a operare con uranio impoverito o naturale dall’inizio del 2024, nessun materiale nucleare è stato introdotto per la produzione.

Implicazioni per la non proliferazione nucleare

L’apparente disponibilità degli impianti per la produzione di uranio metallico, combinata con la mancanza di una produzione in corso, presenta uno scenario complesso per gli organismi di monitoraggio internazionali. La capacità di riprendere rapidamente la produzione, in particolare di uranio metallico arricchito, potrebbe ridurre significativamente i tempi di transizione dell’Iran verso un’arma nucleare se i decisori di Teheran scegliessero di perseguire questa strada.

Le capacità di produzione di uranio metallico dell’Iran, combinate con le discrepanze e i ritardi nei test operativi negli impianti chiave, sottolineano la necessità fondamentale di una vigilanza continua e di un solido monitoraggio da parte dell’AIEA. Con l’evolversi della situazione, è imperativo che la comunità internazionale mantenga la pressione sull’Iran affinché rispetti i suoi impegni di non proliferazione nucleare e garantisca la trasparenza nelle sue attività nucleari. La natura a duplice uso dell’uranio metallico e il potenziale di rapidi cambiamenti nella strategia nucleare iraniana richiedono un approccio proattivo per prevenire qualsiasi escalation verso l’arma nucleare.

Reattore ad acqua pesante e Khondab (Arak): sviluppi e sfide di monitoraggio

Le attività nucleari dell’Iran vanno oltre l’arricchimento dell’uranio e comprendono sviluppi significativi nella produzione di acqua pesante e nella costruzione di reattori. Questo articolo fornisce una panoramica del recente stato dell’impianto iraniano di produzione di acqua pesante (HWPP) e del reattore di ricerca sull’acqua pesante di Khondab (KHRR), evidenziando le sfide affrontate nel monitoraggio e le potenziali implicazioni per la proliferazione nucleare.

Impianto di produzione di acqua pesante (HWPP)

Dal febbraio 2021, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha segnalato riduzioni significative delle sue capacità di monitoraggio presso l’HWPP iraniano. La situazione è peggiorata ulteriormente nel giugno 2022, quando l’Iran ha rimosso le apparecchiature FLUM (Flow-rate Unattended Monitoring), ponendo di fatto fine al controllo diretto dell’impianto da parte dell’AIEA. Questa mancanza di capacità di monitoraggio ha sollevato preoccupazioni circa la produzione e l’inventario non dichiarati di acqua pesante in Iran, che è cruciale per alcuni tipi di reattori nucleari in grado di produrre plutonio adatto per le armi.

Nonostante queste sfide, l’AIEA ha utilizzato immagini satellitari commerciali per valutare il funzionamento dell’HWPP. Il suo rapporto del febbraio 2024 includeva una valutazione secondo cui l’impianto aveva continuato a funzionare per tutto il periodo di riferimento. Tuttavia, senza strumenti di monitoraggio diretto, l’esatta scala della produzione e l’attuale inventario dell’acqua pesante rimangono incerti.

Reattore di ricerca sull’acqua pesante Khondab (KHRR)

Il KHRR, precedentemente noto come reattore Arak o IR-40, è stato un punto focale dei negoziati internazionali a causa del suo potenziale di produzione di plutonio. Nell’ambito del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA), l’Iran ha accettato di riprogettare il reattore per limitare la sua capacità di produzione di plutonio. I recenti sviluppi, come riportato dall’AIEA nel febbraio 2024, indicano che sono in corso lavori di costruzione civile su tutti i piani del reattore.

Nel maggio 2023, l’Iran ha fornito al KHRR un questionario sulle informazioni di progettazione (DIQ) aggiornato, confermando che la potenza del reattore, l’arricchimento del combustibile e la progettazione del nucleo sono in linea con i requisiti del JCPOA. Questi sviluppi suggeriscono progressi nel riorientare il reattore verso scopi di ricerca e nella riduzione del suo potenziale per la produzione di plutonio per uso militare.

Ritardi nei progetti e lacune nella comunicazione

Nonostante i progressi nella riprogettazione del reattore, non ci sono stati aggiornamenti significativi rispetto al precedente rapporto dell’AIEA. L’Iran aveva inizialmente informato l’AIEA dei suoi piani per mettere in servizio il reattore e il circuito primario nel 2023 utilizzando gruppi di combustibile fittizi IR-20, con inizio operativo previsto nel 2024. Tuttavia, nessun aggiornamento formale è stato comunicato all’AIEA riguardo a questi piani, portando alle incertezze sulla tempistica e sullo stato attuale della messa in servizio del reattore.

Implicazioni per la non proliferazione

La mancanza di trasparenza e il ridotto monitoraggio dell’AIEA nei principali impianti nucleari dell’Iran pongono sfide significative agli sforzi della comunità internazionale volti a garantire la natura pacifica del programma nucleare iraniano. L’operazione in corso dell’HWPP e la costruzione del KHRR senza una supervisione internazionale globale potrebbero consentire all’Iran di far avanzare le sue capacità nucleari in modi che potrebbero contravvenire ai suoi impegni internazionali.

Gli sviluppi presso l’HWPP e il KHRR iraniani sottolineano la complessità del monitoraggio e della verifica delle attività nucleari nel paese. La comunità internazionale, in particolare l’AIEA, deve continuare a cercare modi per ripristinare solidi meccanismi di monitoraggio e garantire la trasparenza. Nel frattempo, gli sforzi diplomatici devono essere intensificati per riportare l’Iran al pieno rispetto dei suoi obblighi nucleari internazionali per prevenire ogni potenziale rischio di proliferazione.


Risorse:

  • https://crsreports.congress.gov
  • https://www.armscontrol.org
  • https://www.eeas.europa.eu/eeas/nuclear-agreement-%E2%80%93-jcpoa_en
  • https://www.gov.uk/government/news/statement-on-iranian-nuclear-steps-reported-by-the-iaea?utm_medium=email&utm_campaign=govuk-notifications-topic&utm_source=2f47a885-843f-4f0e-b89d- 7c0e6285e3cc&utm_content=immediatamente.
  • https://isis-online.org/isis-reports/detail/shahid-mahallati-temporary-plant-for-manufacturing-nuclear-weapon-cores/8.

Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.