L’aspirazione della Turchia di aderire ai BRICS: plasmare il futuro dei paesaggi economici e politici globali

0
75

La creazione dei BRICS nel 2009 ha segnato un cambiamento significativo nel panorama economico e politico globale. Questa piattaforma di cooperazione ha riunito cinque delle maggiori economie emergenti del mondo: Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa . Nel corso degli anni, i BRICS si sono evoluti in un’alleanza formidabile, sfidando il dominio delle potenze tradizionali come il G7. La recente espansione dei BRICS, prevista per il 1° gennaio 2024, per includere Egitto, Etiopia, Iran ed Emirati Arabi Uniti, sottolinea la sua crescente influenza e ambizione.

L’aspirazione della Turchia ad aderire ai BRICS è una testimonianza dell’attrattiva del blocco e del suo potenziale di rimodellare le dinamiche globali. Il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha espresso questo desiderio durante un evento presso il Centro per la Cina e la Globalizzazione (CCG) a Pechino, evidenziando il vivo interesse della Turchia per gli sviluppi all’interno dei BRICS. “Certamente vorremmo diventare membri dei BRICS. Quindi vedremo come andrà quest’anno”, ha rimarcato Fidan, come riportato dal quotidiano South China Morning Post.

L’espansione dei BRICS non è solo un gesto simbolico; è una mossa strategica che riflette il mutevole equilibrio del potere economico. Nel 2022, i BRICS hanno sovraperformato il G7 in termini di PIL, e le previsioni suggeriscono che le economie BRICS rappresenteranno oltre il 50% del PIL globale entro il 2030. Questa impressionante traiettoria di crescita posiziona i BRICS come un attore cruciale nell’economia globale.

Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato l’importanza dei BRICS e dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) nel mondo multipolare emergente. Queste organizzazioni stanno diventando pilastri fondamentali nella promozione di un ordine globale più equilibrato e diversificato. Gli esperti economici sottolineano che i BRICS stanno anche guidando la de-dollarizzazione dell’economia globale. I membri di questo blocco utilizzano sempre più le valute nazionali nelle loro relazioni commerciali. Ad esempio, il 90% degli accordi tra aziende russe e cinesi vengono ora effettuati in rubli e yuan, riducendo la loro dipendenza dal dollaro statunitense.

La recente inclusione di Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti nei BRICS, trasformandoli in BRICS+, segna una pietra miliare significativa nell’evoluzione del blocco. Questa espansione non solo rafforza il peso economico dei BRICS, ma riunisce anche un gruppo eterogeneo di paesi con interessi e obiettivi condivisi.

La Russia ha accolto con favore l’interesse della Turchia ad aderire ai BRICS. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato: “Naturalmente tutti accogliamo con favore questo crescente interesse per i BRICS da parte dei nostri stati vicini, compresi i nostri importanti partner come la Turchia. Naturalmente, il tema di questo interesse sarà all’ordine del giorno del vertice BRICS, che sarà presieduto dalla Russia”. Peskov ha riconosciuto che, sebbene i BRICS potrebbero non soddisfare pienamente le aspettative di tutti i paesi che esprimono interesse, il blocco è desideroso di promuovere contatti ed espandere la propria portata.


APPENDICE 1 – Espansione dei BRICS: un cambiamento trasformativo nel potere economico globale

L’espansione dei BRICS, originariamente formati nel 2009 con Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, per includere ora Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita, Argentina ed Emirati Arabi Uniti a partire dal 1° gennaio 2024, segna un cambiamento strategico del potere economico globale. Questa mossa non è solo simbolica, ma riflette le mutevoli dinamiche dell’economia globale, dove i mercati emergenti stanno svolgendo un ruolo sempre più centrale.

Performance economica e proiezioni

Nel 2022, i BRICS hanno sovraperformato il G7 in termini di PIL. Il PIL complessivo dei paesi BRICS originari ammontava a 27,7 trilioni di dollari, pari al 26% del PIL globale. Con l’aggiunta dei nuovi membri, si prevede che questa cifra salirà a 30,8 trilioni di dollari, che rappresenterebbero il 29,3% del PIL globale. Questo è ancora inferiore al PIL totale del G7 di 45,9 trilioni di dollari, ma il divario si sta riducendo poiché le nazioni BRICS continuano a crescere a ritmi impressionanti.

Le previsioni suggeriscono che entro il 2030 le economie BRICS rappresenteranno oltre il 50% del PIL globale. Questa traiettoria di crescita è guidata in gran parte dalle robuste performance economiche di Cina e India. Si prevede che il PIL della Cina, adeguato alla parità di potere d’acquisto (PPA), raggiungerà i 33.000 miliardi di dollari entro il 2023, rendendola la più grande economia in termini di PPA. Si prevede che l’India, seguendo un percorso simile, raggiungerà un PIL di 13mila miliardi di dollari entro lo stesso anno.

Principali parametri economici

PIL (nominale e PPA)

  • Cina : PIL nominale – 19,4 trilioni di dollari, PIL PPA – 33 trilioni di dollari
  • India : PIL nominale – 3,7 trilioni di dollari, PIL PPP – 13 trilioni di dollari
  • Brasile : PIL nominale – 2,1 trilioni di dollari, PIL PPP – 4 trilioni di dollari
  • Russia : PIL nominale – 2,1 trilioni di dollari, PIL PPP – 5 trilioni di dollari
  • Sudafrica : PIL nominale – 0,4 trilioni di dollari, PIL PPA – 1 trilione di dollari
  • Arabia Saudita : PIL nominale – 1,1 trilioni di dollari, PIL PPA – Non specificato
  • Iran : PIL nominale – 368 miliardi di dollari, PIL PPA – Non specificato
  • Etiopia : PIL nominale – 156 miliardi di dollari, PIL PPA – Non specificato
  • Egitto : PIL nominale – 387 miliardi di dollari, PIL PPP – Non specificato
  • Argentina : PIL nominale – 641 miliardi di dollari, PIL PPA – Non specificato
  • Emirati Arabi Uniti : PIL nominale – 499 miliardi di dollari, PIL PPP – Non specificato

Popolazione e distribuzione delle risorse

I BRICS rappresentano una parte significativa della popolazione mondiale, in particolare con l’aggiunta di paesi come l’Etiopia e l’Egitto. La popolazione complessiva dei BRICS ammonta oggi a circa 3,7 miliardi di persone, ovvero il 46% della popolazione mondiale. Questo peso demografico conferisce ai BRICS una notevole influenza negli affari economici e politici globali.

Inoltre, il blocco BRICS allargato controlla una quota significativa delle risorse naturali globali. Con l’Arabia Saudita e l’Iran al loro fianco, i paesi BRICS rappresentano ora il 43,1% della produzione globale di petrolio. Si tratta di un aumento sostanziale rispetto alla quota del 20,4% prima dell’espansione. Tale controllo sulla produzione petrolifera potrebbe avere implicazioni di vasta portata per i mercati e il commercio energetico globale.

Iniziative strategiche e de-dollarizzazione

Una delle iniziative strategiche chiave dei BRICS è il movimento verso la de-dollarizzazione. Il blocco utilizza sempre più le valute nazionali per gli accordi commerciali per ridurre la dipendenza dal dollaro USA. Ad esempio, l’80% del commercio tra Russia e Cina viene ora condotto in rubli o yuan. È probabile che questa tendenza continui man mano che i BRICS si espandono e si integrano ulteriormente.

I BRICS stanno anche esplorando la possibilità di creare una valuta comune per facilitare il commercio e gli investimenti all’interno del blocco. Sebbene si tratti di un obiettivo a lungo termine e presenti sfide significative, la spinta verso una maggiore integrazione finanziaria è chiara.

Sviluppo tecnologico e infrastrutturale

I paesi BRICS si stanno concentrando sull’innovazione tecnologica e sullo sviluppo delle infrastrutture come motori chiave della crescita economica. La Nuova Banca per lo Sviluppo (NDB), istituita dai BRICS, ha finanziato numerosi progetti volti a migliorare le infrastrutture, potenziare la connettività e promuovere lo sviluppo sostenibile nei paesi membri. Gli investimenti della NDB nell’energia rinnovabile, nelle infrastrutture digitali e nello sviluppo urbano sono allineati con gli obiettivi economici e di sviluppo più ampi del blocco.

Prospettive future

Il futuro dei BRICS sembra promettente poiché continua ad espandere e rafforzare la propria influenza economica e politica. L’aggiunta di nuovi membri porta nuove opportunità e sfide. Paesi come l’Arabia Saudita, con le sue vaste riserve petrolifere, e l’Etiopia, con il suo significativo potenziale di crescita, aggiungono nuove dimensioni al panorama economico dei BRICS.

Tuttavia, l’integrazione di queste diverse economie in un blocco coeso richiederà di affrontare diverse sfide geopolitiche ed economiche. Questioni come le barriere commerciali, le differenze politiche e i conflitti regionali dovranno essere gestite in modo efficace per sfruttare appieno il potenziale dei BRICS allargati.

In conclusione, l’espansione dei BRICS segna un cambiamento significativo nell’ordine economico globale. Con il loro crescente peso economico, le iniziative strategiche e l’attenzione allo sviluppo sostenibile, i BRICS sono ben posizionati per svolgere un ruolo fondamentale nel plasmare il futuro dell’economia e della politica globale. Mentre il blocco continua a crescere ed evolversi, la sua influenza sulla scena globale è destinata ad aumentare, sfidando il tradizionale dominio delle potenze occidentali e promuovendo un mondo più equilibrato e multipolare.

Tabella dello schema dettagliato

MetricoTotale BRICS (pre-espansione)Totale BRICS (post-espansione)G7 totale
PIL (nominale, trilioni di dollari)$ 27,7$ 30,8$ 45,9
PIL (PPP, trilioni di dollari)$ 56,0$ 56,0 +$ 52,4
Quota del PIL globale (nominale)26%29,3%43%
Quota del PIL globale (PPA)31,67%36%30,31%
Popolazione (miliardi)3.243.70,75
Quota della popolazione globale40%46%10%
Produzione di petrolio (migliaia di barili/giorno)20,4% del globale43,1% del globaleNon specificato
Principali contribuenti (PIL nominale, trilioni di dollari)Cina: $ 19,4, India: $ 3,7Arabia Saudita: $ 1,1, Egitto: $ 0,387Stati Uniti: $ 26,9, Giappone: $ 4,4

Questa tabella evidenzia i parametri significativi che sottolineano l’impatto trasformativo dell’espansione dei BRICS sul panorama economico globale. I dati e le proiezioni indicano una solida traiettoria di crescita per i BRICS, posizionandoli come un attore chiave nell’economia globale per il prossimo futuro.


L’espansione dei BRICS e le sue iniziative strategiche si inseriscono in un contesto di significativi cambiamenti geopolitici ed economici. La crescente attenzione del blocco alla de-dollarizzazione è una risposta alle mutevoli dinamiche del commercio e della finanza globale. Riducendo la loro dipendenza dal dollaro USA, i membri BRICS mirano a rafforzare la loro sovranità economica e mitigare i rischi associati alle fluttuazioni valutarie e alle tensioni geopolitiche.

Inoltre, l’espansione dei BRICS per includere paesi di diverse regioni riflette una tendenza più ampia verso la multipolarità. L’inclusione delle nazioni mediorientali e africane apporta nuove dimensioni ai BRICS, consentendo loro di affrontare una gamma più ampia di questioni e sfide. Questa diversità migliora anche la capacità del blocco di influenzare la politica globale e promuovere un ordine internazionale più inclusivo ed equo.

L’importanza strategica dei BRICS è ulteriormente sottolineata dal suo ruolo nel promuovere lo sviluppo delle infrastrutture e gli investimenti. La Nuova Banca per lo Sviluppo (NDB) , istituita dai BRICS, è stata determinante nel finanziare progetti che promuovono lo sviluppo sostenibile e la crescita economica. L’attenzione della banca su infrastrutture, energie rinnovabili e sviluppo urbano è in linea con le priorità dei suoi Stati membri e contribuisce all’agenda di sviluppo generale del Sud del mondo.

Negli ultimi anni, i BRICS hanno anche intensificato i propri sforzi per rafforzare la cooperazione nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione. Il blocco riconosce che il progresso tecnologico è cruciale per la crescita economica e la competitività. Le iniziative di collaborazione in settori quali l’economia digitale, l’intelligenza artificiale e la biotecnologia mirano a sfruttare il potenziale collettivo dei paesi BRICS per guidare l’innovazione e creare nuove opportunità economiche.

Inoltre, i BRICS sono sempre più visti come una piattaforma per il dialogo politico e la cooperazione. Il blocco fornisce un forum in cui i suoi membri possono discutere e coordinare le loro posizioni su questioni internazionali chiave, che vanno dal cambiamento climatico e dallo sviluppo sostenibile alla sicurezza globale e alle riforme di governance. Presentando un fronte unito su questi temi, i BRICS mirano ad amplificare la propria voce nei processi decisionali globali e a promuovere un ordine mondiale più equilibrato e giusto.

L’espansione dei BRICS ha implicazioni anche per i mercati energetici globali. L’inclusione dei principali paesi produttori di petrolio come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti aggiunge un peso significativo all’influenza dei BRICS nel settore energetico. Questo sviluppo potrebbe portare a un maggiore coordinamento tra i membri BRICS sulle politiche e iniziative energetiche, rimodellando potenzialmente le dinamiche energetiche globali.

Poiché i BRICS continuano a crescere ed evolversi, è probabile che il loro impatto sul panorama economico e politico globale aumenti. L’enfasi posta dal blocco sulla cooperazione, sull’inclusività e sullo sviluppo sostenibile lo posiziona come un motore chiave del cambiamento nel 21° secolo. Promuovendo la collaborazione tra alcune delle economie più grandi e dinamiche del mondo, i BRICS contribuiscono alla creazione di un mondo più multipolare, equo e prospero.

In conclusione, la creazione e l’espansione dei BRICS rappresentano un cambiamento significativo nell’ordine globale. La crescente influenza economica, le iniziative strategiche e l’impegno per la de-dollarizzazione del blocco sottolineano il suo ruolo di attore chiave nel plasmare il futuro della governance globale e dello sviluppo economico. Man mano che sempre più paesi esprimono interesse ad aderire ai BRICS, il potenziale del blocco di guidare un cambiamento positivo e promuovere un sistema internazionale più equilibrato e inclusivo continuerà a crescere.


Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.