Settore high-tech resiliente in Israele nel mezzo del conflitto: un’analisi completa

0
33

A otto mesi dall’inizio della guerra di Israele contro l’organizzazione terroristica Hamas a Gaza, il settore high-tech del Paese sta dimostrando le sue caratteristiche di resilienza e innovazione, continuando ad attrarre investimenti e riallineandosi alla realtà attuale. Nonostante le circostanze difficili, il settore ha mostrato notevole stabilità e crescita, sottolineando l’adattabilità e la forza dell’innovazione israeliana.

Un nuovo rapporto approfondito della Israel Innovation Authority (IIA) , l’organo governativo dedicato alla promozione del settore high-tech sulla scena globale, fornisce un’analisi dettagliata delle prestazioni del settore nel contesto del conflitto in corso. Il rapporto “Stato del settore high-tech in Israele nel 2024” rivela che il settore non si trova nella terribile situazione temuta dai leader del settore all’inizio della guerra, scatenata dall’attacco di Hamas al sud di Israele il 7 ottobre 2023.

Assaf Kovo, economista capo dell’IIA, evidenzia i risultati del rapporto, sottolineando che, nonostante l’instabilità politica sulle riforme giudiziarie proposte e la guerra nell’ultimo trimestre del 2023, l’alta tecnologia israeliana è riuscita a crescere. Il rapporto, che ha intervistato centinaia di membri del settore, presenta una prospettiva generalmente positiva, che riflette la resilienza del settore.

La tecnologia militare prospera in tempo di guerra

Un campo che ha prosperato notevolmente durante il conflitto è quello della tecnologia militare. Israele ha dimostrato la sua abilità tecnologica nel respingere numerosi attacchi aerei di Hamas e dei suoi alleati, tra cui Hezbollah in Libano, gli Houthi nello Yemen e l’Iran. Ad aprile, l’Iran ha lanciato un attacco senza precedenti contro Israele con 300 missili, quasi tutti intercettati a mezz’aria, dimostrando l’efficacia del sistema di difesa missilistico israeliano.

Yair Shani, amministratore delegato della Sigma Investment House, ha sottolineato l’importanza di questa dimostrazione tecnologica, sottolineando che costituisce un’eccellente promozione per le società di difesa israeliane. Il successo della tecnologia di difesa israeliana ha stimolato nuove collaborazioni estere, con paesi desiderosi di acquisire innovazioni israeliane. Accordi degni di nota includono la vendita della tecnologia anti-drone di Sentrycs a diverse basi militari europee e un contratto da 50 milioni di dollari per il nuovo sistema di difesa aerea di Elbit, Red Sky.

Il Regno Unito ha inoltre riconosciuto il valore della tecnologia israeliana, comprese le capacità di Sentrycs, nel suo Catalogo delle apparecchiature di sicurezza dell’Autorità nazionale di protezione e sicurezza (NPSA CSE). Inoltre, Israel Aerospace Industries (IAI) ha lanciato un centro di innovazione in Virginia per espandere le proprie attività commerciali negli Stati Uniti, consolidando ulteriormente la presenza tecnologica globale di Israele.

Risposte strategiche e sostegno del governo

La relativa stabilità del settore high-tech israeliano è in parte dovuta alle misure proattive adottate dai leader del settore e dal governo. L’IIA, ad esempio, ha reso disponibili fondi governativi alle startup con piste brevi e significative risorse tecnologiche o commerciali per aiutarle ad affrontare il periodo di guerra. Questo sostegno mirava a garantire che queste società potessero garantire investimenti privati ​​una volta terminato il conflitto.

Altri sforzi per sostenere il settore includono iniziative di OurCrowd, la più grande piattaforma di investimento online di Israele, che ha lanciato l’Israel Resilience Fund nel novembre 2023. Alla fine di marzo, il fondo aveva ricevuto oltre 17 milioni di dollari in impegni e mirava a investire in circa 40 società. Anche VC 97212 Ventures, con sede a New York, ha chiuso un fondo da 20 milioni di dollari per investimenti in startup israeliane nella fase di pre-seed o seed.

Tendenze degli investimenti e dati finanziari

Nonostante il calo degli investimenti dall’inizio del 2023, Kovo sottolinea che i livelli di raccolta fondi per i primi cinque mesi del 2024 sono paragonabili a quelli del 2018 e 2019. Il significativo boom degli investimenti del 2021 e 2022 è considerato un’anomalia, con i livelli attuali che si allineano più da vicino con andamenti storici. Solo nel maggio 2024, il settore ha raccolto 1,46 miliardi di dollari, portando il finanziamento totale per l’anno a 4,1 miliardi di dollari, a sette mesi dalla fine.

Il boom degli investimenti del 2021 e del 2022 dovrebbe in realtà essere visto come un’anomalia, spiega. Anche se sembra che negli ultimi 18 mesi si sia verificato un massiccio calo degli investimenti, si può tracciare più o meno una linea retta dai livelli di investimento del 2017 a oggi, con un picco molto visibile negli anni del boom.

Sfide occupazionali e dati sulla forza lavoro

Tuttavia, il rapporto IIA evidenzia anche preoccupazioni sull’occupazione nel settore. Sebbene l’industria abbia impiegato altre 10.000 persone nel 2023, l’aumento del 2,6% ha appena superato la crescita della popolazione, sollevando potenziali segnali d’allarme per una futura espansione. Kovo riconosce che le aziende erano più ottimiste riguardo alla crescita della forza lavoro in Israele e all’estero nel novembre 2023, ma gli atteggiamenti sono cambiati con il persistere del conflitto nel secondo trimestre del 2024. Nonostante ciò, la tendenza delle assunzioni rimane positiva, anche se più lenta.

L’industria high-tech è fondamentale per l’economia israeliana, contribuendo con quasi il 20% del PIL del paese e il 53% delle sue esportazioni nel 2023. Il rapporto dell’IIA sottolinea la necessità di maggiori investimenti pubblici per garantire la resilienza del settore contro le sfide future. Il presidente dell’IIA Alon Stopel e il presidente Dror Bin sottolineano che il budget del governo israeliano per la ricerca e lo sviluppo è relativamente basso, con la maggior parte degli investimenti provenienti da fonti non governative, comprese parti significative dall’estero.

Investimenti pubblici e allocazione strategica

Stopel sottolinea l’importanza di rafforzare la resilienza del settore high-tech attraverso diverse integrazioni di bilancio, compreso il sostegno del governo, per affrontare i fallimenti del mercato e ridurre la dipendenza dagli investimenti esterni. Bin celebra la resilienza del settore ma avverte che l’elevata dipendenza dagli investimenti esteri richiede una rivalutazione dell’allocazione delle risorse.

Nonostante le numerose sfide nel 2023, l’alta tecnologia israeliana ha continuato a crescere, ma il successo passato non garantisce la stabilità futura. Il conflitto in corso e l’instabilità politica rappresentano ostacoli significativi, ma l’adattabilità e l’innovazione del settore offrono speranza per una resilienza e una crescita continue. La performance del settore nonostante le avversità sottolinea lo spirito duraturo dell’innovazione israeliana e il suo ruolo vitale nell’economia del paese.

Crescita del settore high-tech in mezzo al conflitto

La resilienza del settore high-tech israeliano nel contesto del conflitto in corso è una testimonianza della sua forza fondamentale e della sua adattabilità. Le misure proattive adottate sia dal governo che dagli enti del settore privato sono state cruciali per mantenere la stabilità e la crescita. L’allocazione strategica dei fondi governativi da parte dell’IIA alle startup con asset significativi ha assicurato che queste aziende potessero resistere alla tempesta e continuare le loro operazioni nonostante la guerra.

L’Israel Resilience Fund di OurCrowd e il fondo di investimento 97212 Ventures sono ottimi esempi di come il settore privato si sta intensificando per sostenere l’ecosistema high-tech. Queste iniziative non solo hanno fornito il capitale tanto necessario, ma hanno anche dimostrato la continua fiducia degli investitori nel potenziale delle startup israeliane. Gli impegni sostanziali verso questi fondi sottolineano la fiducia nella sostenibilità a lungo termine e nella capacità di innovazione del settore high-tech israeliano.

Progressi tecnologici e collaborazioni globali

I progressi tecnologici messi in mostra durante il conflitto hanno ulteriormente consolidato la reputazione di Israele come leader globale nella tecnologia di difesa. L’intercettazione riuscita dell’attacco di 300 missili da parte dell’Iran è una chiara dimostrazione delle avanzate capacità di difesa missilistica di Israele. Questa abilità tecnologica non è passata inosservata, portando ad un crescente interesse da parte di nazioni straniere per le tecnologie di difesa israeliane.

La tecnologia anti-drone di Sentrycs e il sistema di difesa aerea Red Sky di Elbit sono esempi notevoli di innovazioni israeliane che stanno guadagnando terreno sulla scena globale. L’inclusione della tecnologia Sentrycs nel CSE NPSA del Regno Unito evidenzia i rigorosi standard rispettati dalle aziende israeliane e la loro capacità di fornire soluzioni all’avanguardia per le sfide della sicurezza.

Contributi economici e dati sull’export

Il contributo del settore high-tech all’economia israeliana non può essere sopravvalutato. Nel 2023, il settore rappresentava quasi il 20% del PIL del paese, pari a circa 92,2 miliardi di dollari. Inoltre, rappresentava il 53% delle esportazioni israeliane, per un valore di 73,5 miliardi di dollari. Queste cifre evidenziano il ruolo fondamentale del settore nel guidare la crescita economica e nel mantenere il vantaggio competitivo di Israele nel mercato globale.

Tendenze degli investimenti e dati finanziari

Le tendenze degli investimenti nel settore high-tech hanno mostrato resilienza nonostante il contesto difficile. Il finanziamento totale raccolto nei primi cinque mesi del 2024 ammonta a 4,1 miliardi di dollari, di cui 1,46 miliardi raccolti solo nel mese di maggio. Questo livello di investimenti è paragonabile agli anni precedenti al boom, indicando un ritorno a una crescita costante dopo l’anomalia dell’impennata degli investimenti del 2021-2022.

Forza lavoro e sfide occupazionali

Anche l’occupazione nel settore high-tech ha dovuto affrontare sfide a causa del conflitto in corso. Sebbene l’industria abbia aggiunto 10.000 posti di lavoro nel 2023, il tasso di crescita ha appena superato la crescita della popolazione, sollevando preoccupazioni sulla futura espansione. L’ottimismo iniziale sulla crescita della forza lavoro nel novembre 2023 ha lasciato il posto ad atteggiamenti più cauti man mano che il conflitto è proseguito fino al 2024.

Nonostante queste sfide, la tendenza delle assunzioni rimane positiva. Il settore continua ad essere un importante datore di lavoro, con quasi 400.000 persone che lavorano in ruoli ad alta tecnologia. Tuttavia, il tasso di crescita più lento sottolinea la necessità di iniziative strategiche per attrarre e trattenere i talenti nel settore.

Investimenti pubblici e allocazione strategica

Il rapporto dell’IIA sottolinea l’importanza di aumentare gli investimenti pubblici nel settore high-tech per garantirne la continua resilienza. Il budget pubblico relativamente basso per la ricerca e lo sviluppo richiede una maggiore attenzione all’allocazione strategica delle risorse per affrontare i fallimenti del mercato e ridurre la dipendenza dagli investimenti esterni. L’appello di Stopel e Bin per diversi aumenti di bilancio, compreso il sostegno del governo, evidenzia la necessità di un approccio coordinato per sostenere la crescita del settore.

Prospettive future e considerazioni strategiche

Guardando al futuro, il successo futuro del settore high-tech dipenderà dalla sua capacità di affrontare le sfide attuali e di sfruttare i propri punti di forza nell’innovazione e nell’adattabilità. La performance del settore durante il conflitto sottolinea la sua resilienza fondamentale, ma una crescita sostenuta richiederà investimenti continui, sia da parte del governo che da fonti private.

L’elevata dipendenza dagli investimenti esteri richiede una rivalutazione del modo in cui Israele indirizza le proprie risorse a sostegno del settore high-tech. Le iniziative strategiche per potenziare gli investimenti interni e promuovere un ambiente favorevole all’innovazione saranno cruciali per mantenere il vantaggio competitivo di Israele.

L’alta tecnologia israeliana a un bivio

Il rapporto annuale 2024 dell’Autorità per l’Innovazione evidenzia la congiuntura critica in cui si trova attualmente l’alta tecnologia israeliana. Negli ultimi dieci anni, in particolare a partire dal 2018, si è assistito a un’impennata significativa degli investimenti nelle startup e a un notevole afflusso di nuovi dipendenti nel settore high-tech. Questo periodo ha visto l’alta tecnologia consolidare il proprio ruolo come principale motore di crescita dell’economia israeliana, contribuendo in media per il 40% alla crescita economica della nazione dal 2018. Inoltre, l’alta tecnologia ha svolto un ruolo cruciale nel guidare la crescita del PIL durante la fase economica. crisi quando l’economia israeliana nel suo complesso si trovava ad affrontare la stagnazione. I contributi del settore sono in gran parte attribuiti all’espansione dell’occupazione ad alta tecnologia, caratterizzata da salari elevati che aumentano le entrate fiscali, migliorano la produzione settoriale, migliorano la bilancia dei pagamenti nazionale attraverso l’aumento delle esportazioni e altro ancora.

Tuttavia, la traiettoria di crescita del settore ha incontrato notevoli ostacoli dal 2022 a causa delle tendenze macroeconomiche globali. Sebbene queste tendenze abbiano influenzato anche altri poli di innovazione globale, la situazione in Israele è stata esacerbata dalle circostanze locali che continuano a incidere sul settore high-tech. Il bivio che l’alta tecnologia israeliana si trova ad affrontare riguarda la direzione che prenderà per andare avanti: riprenderà la sua traiettoria di crescita, ristagnerà come è successo dopo la bolla delle dot-com, o entrerà in un periodo di ridimensionamento?

Immagine: High-Tech israeliano in numeri – riferimento alla fonte – https://innovationisrael.org.il/en/report/introduction-and-main-points-2/

Nonostante alcuni indicatori positivi, come la continua crescita della produzione high-tech e delle esportazioni nel 2023, diversi indici chiave hanno mostrato segnali preoccupanti. La crescita dell’occupazione nel settore high-tech è rallentata ad appena il 2,6% nel 2023, appena al di sopra del tasso di crescita naturale della popolazione israeliana. Si tratta di un parametro fondamentale, poiché l’occupazione ad alta tecnologia ha un impatto significativo sulle entrate statali derivanti dalla tassazione e sulla crescita complessiva del PIL. Altri indici relativi all’attività commerciale nel settore high-tech, come la raccolta fondi di startup e gli investimenti in capitale di rischio, sono tornati ai livelli del 2018 o precedenti. In particolare, la raccolta fondi delle startup nel 2023 è diminuita del 55%, un calo più marcato di quello osservato negli hub statunitensi ed europei.

I sondaggi condotti dall’Autorità per l’Innovazione tra le aziende high-tech e i fondi di venture capital rivelano crescenti preoccupazioni in seguito agli eventi del 7 ottobre. Oltre un terzo delle startup attualmente in cerca di finanziamenti prevede di raccogliere capitali a valutazioni significativamente inferiori rispetto a quelle attuali (Down Round). Questo sentimento si riflette nelle attività commerciali di queste aziende, con segnalazioni di rallentamenti nelle operazioni commerciali, ritardi nello sviluppo dei prodotti e obiettivi non raggiunti dal 7 ottobre. Inoltre, le startup israeliane hanno ridimensionato i loro piani di assunzione per il prossimo anno, con la maggior parte delle riduzioni previste. nelle assunzioni domestiche.

La centralità dell’alta tecnologia per l’economia israeliana è eccezionale su scala globale. Il contributo del settore all’economia israeliana è simile al ruolo delle risorse naturali nei paesi che dipendono da materie prime come petrolio o gas. Il capitale umano nell’alta tecnologia è quindi considerato la “risorsa naturale di Israele” e l’occupazione nell’alta tecnologia influenza direttamente l’attività economica e la crescita dell’intera economia. Finché l’occupazione ad alta tecnologia crescerà più velocemente della popolazione, il settore continuerà ad esercitare un’influenza positiva sull’economia.

L’importanza dell’alta tecnologia è particolarmente pronunciata durante i periodi di aumento del fabbisogno di finanziamenti statali, sia militari che civili. I contributi fiscali del settore sono vitali in questo momento, rendendo cruciale il mantenimento di elevati livelli di attività economica. Si prevede che l’Autorità per l’Innovazione e l’economista capo del Ministero delle Finanze rilasceranno un rapporto entro la fine dell’anno sul contributo del settore high-tech alle entrate statali derivanti dalla tassazione, dettagliando l’impatto dei dipendenti high-tech e delle società commerciali sulle entrate statali.

Nonostante l’importanza dell’alta tecnologia, il settore si trova ad affrontare sfide crescenti. L’alta tecnologia israeliana dipende fortemente da fattori multinazionali, tra cui investitori startup, società multinazionali, clienti di aziende israeliane, affiliazioni di ricerca internazionali e catene di approvvigionamento, comprese quelle per le industrie della difesa. Il danno alla reputazione di Israele dovuto alla situazione attuale mette a rischio vari indici di attività, come si è visto nel recente abbassamento del rating creditizio di Israele, che riflette le preoccupazioni degli investitori stranieri sul futuro dell’economia israeliana.

Considerata l’importanza dell’alta tecnologia e le sue sfide attuali, oltre alla crescente concorrenza globale nell’innovazione, c’è un urgente bisogno di una politica statale per evitare che il settore regredisca verso una tendenza negativa che potrebbe danneggiare l’intera economia, come accaduto all’inizio degli anni 2000. Il successo passato non garantisce il successo futuro e la dipendenza del settore dal capitale e dalla reputazione deve essere salvaguardata.

Nonostante la centralità del settore, gli investimenti statali nell’alta tecnologia israeliana sono inferiori rispetto ad altri hub globali come Stati Uniti, Regno Unito e Corea del Sud. L’elevata dipendenza dagli investimenti esteri e la mancanza di una significativa rete di sicurezza locale fanno sì che il settore possa trovarsi in difficoltà durante i periodi di crisi. La politica statale deve gestire le aspettative del mercato e ripristinare la reputazione di Israele come destinazione attraente per gli investitori high-tech. La crescita a lungo termine richiede investimenti in un’istruzione di qualità per tutti i gruppi di popolazione a livello nazionale e nelle diverse fasi del percorso formativo e professionale.

Per affrontare alcune di queste sfide, l’Autorità per l’Innovazione ha introdotto diversi programmi, tra cui il programma “Fast Track” per le aziende con piste corte e il lancio dei fondi Startup e “Yozma 2.0”. L’Autorità per l’Innovazione continua a sviluppare soluzioni per soddisfare le esigenze dell’alta tecnologia israeliana.

In conclusione, il settore high-tech israeliano ha dimostrato notevole resilienza e adattabilità nel conflitto in corso con Hamas. Le misure proattive adottate dal governo e dagli enti del settore privato sono state determinanti nel mantenimento della stabilità e della crescita. I progressi tecnologici del settore e le collaborazioni globali hanno ulteriormente consolidato la reputazione di Israele come leader nell’innovazione.

Nonostante le sfide poste dal conflitto e dall’instabilità politica, il settore high-tech continua a essere un motore significativo della crescita economica e una componente fondamentale dell’economia israeliana. Il futuro successo del settore dipenderà dagli investimenti strategici, sia da parte del governo che da fonti private, e da una continua attenzione all’innovazione e all’adattabilità.

La resilienza del settore high-tech israeliano nonostante le avversità sottolinea lo spirito duraturo dell’innovazione israeliana e il suo ruolo vitale nell’economia del paese. Sfruttando i propri punti di forza e affrontando le sfide future, il settore può continuare a prosperare e contribuire alla prosperità economica di Israele.


Copyright di debuglies.com
Non è consentita la riproduzione anche parziale dei contenuti senza previa autorizzazione – Riproduzione riservata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.