Netanyahu: “pressioni correnti” impedire liquidazione progetti di costruzione

0
1103

Le tensioni tra Israele e Palestina sulla costruzione di un nuovo insediamento in Cisgiordania hanno raggiunto nuovi livelli di tensione, sulla scia dei recenti attacchi terroristici, e costretto Netanyahu ad allontanarsi da mire espansionistiche.

Sulla scia di numerosi attacchi mortali che ha dato il via ad una nuova ondata di violenze tra israeliani e palestinesi , gli Stati Uniti hanno fatto pressioni su Benjamin Netanyahu per sospendere un piano per la costruzione di un nuovo insediamento ebraico in Cisgiordania.
Martedì sera, leader dei coloni israeliani hanno detto che la costruzione degli insediamenti supplementare sarebbe stato messo in attesa per il momento.
“Non abbiamo detto che non c’è nessun edificio e c’è un blocco. Abbiamo detto che c’è un problema di approvazione nella costruzione per le pressioni attuali”,- lo ha detto il presidente del consiglio di Yesha Avi Roeh.
L’incontro tra Netanyahu e leader del Consiglio Yesha è stata seguita da un presunto ultimatum da parte degli Stati Uniti che avrebbero posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, sostenendo che gli insediamenti in Cisgiordania erano illegali.
Il Consiglio Yesha è un’organizzazione ombrello dei consigli comunali di insediamenti ebraici in Cisgiordania.
La politica estera del primo ministro è diretto a prevenire le critiche delle Nazioni Unite su questioni delicate (come presunte violazioni dei diritti umani), piuttosto che ottenere il sostegno dei cittadini israeliani sulle sue attività nei territori occupati.

Mercoledì scorso Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha chiesto un’indagine “rapida e trasparente” sui recenti scontri mortali tra i funzionari della sicurezza israeliani e civili palestinesi per stabilire “se l’uso della forza è proporzionale”.
Secondo alcune fonti, che hanno accettato di parlare a condizione di anonimato, Israele apprezza la sponsorizzazione degli Stati Uniti molto più di quanto non faccia con le sue costruzioni per l’insediamento in Cisgiordania.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.