GRAVE STRAPPO dell’ UNESCO: Muro Occidentale di Gerusalemme è parte di moschea al-Aqsa

0
1983

Israele sta lavorando per contrastare un progetto di risoluzione dell’UNESCO che dichiara che il Muro Occidentale di Gerusalemme – il luogo più sacro del giudaismo – appartenga al complesso di al-Aqsa Mosque.
Il progetto di testo da votare il Mercoledì a Parigi, afferma che l’UNESCO “, afferma che la Buraq Plaza è una parte integrante di al-Aqsa Mosque / al-Haram al-Sharif.”
L’Ambasciatore israeliano presso l’UNESCO Carmel Shama Hacohen ha chiamato la risoluzione “una islamizzazione totale” di un sito che è venerato sia da ebrei e musulmani.
Il progetto di risoluzione di sei pagine – presentata da Egitto, Tunisia, Algeria, Marocco, Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti per conto dell’Autorità palestinese  al comitato esecutivo dell’UNESCO Comitato – condanna ampiamente le azioni israeliane a Gerusalemme, in Cisgiordania, ed a Gaza.

In nessun momento la risoluzione menziona il legame storico tra ebrei e Gerusalemme, che risale ai tempi biblici.
Né alcun riferimento sul Monte del Tempio e il Muro Occidentale, che faceva parte del muro di sostegno re Erode costruito per il Monte del Tempio più di 2.000 anni fa. Essa si basa  esclusivamente su nomi arabi per i luoghi santi sopra ed intorno al Monte del Tempio.

Il vice ministro degli Esteri Tzipi Hotovely ha aggiunto che la risoluzione è un tentativo da parte dei palestinesi di riscrivere la storia, cancellando uno dei fondamenti essenziali del giudaismo.

In passato, la United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization ha approvato risoluzioni di condanna sulle azioni israeliane a Gerusalemme , ma nessuno di questi testi ha tentato di riclassificare il Muro del Pianto.

I palestinesi si aspettano di avere una maggioranza automatica tra i 58 Stati membri del Comitato esecutivo dell’Unesco per una risoluzione anti-israeliana e su gran parte  di Gerusalemme e il Monte del Tempio, Hacohen lo ha detto al Jerusalem Post in un’intervista da Parigi.
L’ambasciatore ha aggiunto che non crede che esista un concreto supporto per riclassificare il Muro Occidentale, come parte di un luogo di culto musulmano.

La risoluzione non può riuscire a meno che la linea sulla Buraq Plaza sia rimossa, ha aggiunto.

“Per scollegare il popolo ebraico dal Muro del Pianto è un passo troppo, anche per le nazioni che sono i più anti-israeliano”, lo ha detto Hacohen.
Egli ha osservato che “i tempi sono anche altamente problematici, dal momento che la questione del Monte del Tempio ha già scatenato la violenza palestinese contro cittadini ebrei d’Israele”.

I palestinesi hanno accusato Israele di tentare di violare lo status quo sul Monte del Tempio, che è sotto la custodia della setta religiosa Waqf musulmana e la monarchia giordana.

Israele ha respinto tutte queste affermazioni e ha insistito che si è impegnata a mantenere lo status quo.

A parte la questione del Muro Occidentale, l’UNESCO condanna esclusivamente le azioni israeliane sul Monte del Tempio, Hacohen lo ha detto.
“Si dà un timbro di autenticità alla violenza palestinese contro Israele.”
Le prove dei video israeliani mostrano come le forze di sicurezza erano state attaccate dai palestinesi sul Monte del Tempio, e non hanno influenzato li racconti internazionali che sostengono che Israele sia responsabile per la situazione.

Il progetto del testo, “deplora l’assalto continuo di al-Aqsa Mosque / al-Haram al-Sharif dagli estremisti di destra israeliani e invita Israele, potenza occupante a prendere le misure necessarie per prevenire gli abusi e provocatorie che violano la santità e l’integrità di al Moschea -Aksa “.

“denigra le violazioni israeline, gli abusi, lavori e scavi sul Monte del Tempio, tra cui” il gran numero di arresti e feriti tra i fedeli musulmani “.

Se l’UNESCO approvasse la risoluzione che Israele sta danneggiando i fedeli musulmani “, aggiungerebbe solo più benzina sul fuoco”, lo ha detto Hacohen, avvertendo che “entrambe le parti pagheranno nel sangue per quella decisione.”

Tra i 58 paesi del  comitato esecutivo dell’UNESCO ci sono gli Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Italia, Spagna e Francia.
I piani statunitensi sono  di opporsi alla risoluzione, ma alcuni degli europei stanno lavorando per modificare il testo, con un occhio di sostegno, Hacohen lo ha dichiarato apertamente.

Ciò che è necessario ora, ha aggiunto, “è un messaggio tranquillizzante dell’UNESCO.”

Nel 2011 Conferenza generale dell’UNESCO è diventato il primo organismo delle Nazioni Unite ad accettare la “Palestina” come Stato membro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.