CRISI SALUTE Germania: I Migranti Creano una Crisi della Salute Pubblica

1
1995

Gli ospedali tedeschi sono in allerta per aumentare la sicurezza per proteggere medici e infermieri dagli attacchi violenti da parte dei migranti che sono insoddisfatti con le cure mediche che ricevono.

I critici avvertono che i contribuenti tedeschi finiranno per pagare miliardi di euro per fornire assistenza sanitaria per un’onda infinita di richiedenti asilo.
Questo è in aggiunta ai miliardi di euro già spesi per fornire i nuovi arrivati con il cibo, vestiti e riparo.

Oltre ai costi enormi economici e sociali è in aumento la criminalità, tra cui un’epidemia di stupri, i tedeschi sono ora di fronte al rischio di essere esposti a malattie esotiche – come la tubercolosi.

Circa il 5% dei richiedenti asilo stanno portando germi resistenti.
In numeri reali – circa 75.000 nuovi arrivati hanno malattie altamente infettive. – lo ha affermato il Dr. Jan-Thorsten Gräsner, direttore dell’Istituto per Rescue and Emergency Medicine.

Venti tipi di vaccini ora scarseggiano, e altri 16 non sono più disponibili a tutti.
A causa delle strozzature di produzione, alcuni vaccini non saranno disponibili fino al 2017.

Le donne musulmane si rifiutano di essere trattate da medici di sesso maschile, e molti uomini musulmani si rifiutano di essere trattati da femmine. -lo ha riportato Max Kaplan, direttore della Bavarian Medical Board.

Media tedeschi stanno minimizzando la portata del problema sanitario, a quanto pare per evitare di diffondere la paura o provocare sentimenti anti-immigrati.

L’afflusso di oltre un milione di richiedenti asilo provenienti da Africa, Asia e Medio Oriente sta mettendo pressione senza precedenti sistema sanitario tedesco.

Ospedali, cliniche e pronto soccorso in tutta la Germania vengono riempiti all’inverosimile con i migranti che soffrono malattie di ogni genere, ed il personale medico, tra cui migliaia di volontari,  lamentano il fenomeno del burnout.

Alcune  malattie stanno riapparendo dopo decenni di attività di debellazione.
I funzionari della sanità pubblica tedesca sono ora alla ricerca della febbre emorragica della Crimea-Congo, la difterite, Ebola, l’epatite, l’HIV / AIDS, la malaria, il morbillo, la meningite, la parotite, la poliomielite, la scabbia, il tetano, la tubercolosi, il tifo e la pertosse.
I medici sono  di massima allerta per i focolai di massa di influenza e Norovirus.

Ad aggravare la sfida, decine di migliaia di migranti che arrivano in Germania – in particolare i bambini migranti – non sono stati immunizzati, e medici tedeschi stanno scoprendo che i vaccini necessari non sono prontamente disponibili a causa della mancanza delle forniture.
Alcuni genitori tedeschi sono nel panico perché non ci sono abbastanza vaccini per immunizzare i propri figli.

Molti migranti sono anche affetti da una serie di traumi e malattie mentali.
Secondo la Camera degli Psicoterapeuti Tedeschi  (Bundespsychotherapeutenkammer), almeno la metà di tutti i migranti che arrivano in Germania hanno problemi psicologici, tra cui il disturbo post-traumatico da stress e depressione, e circa il 40% hanno contemplato il suicidio.

Gli ospedali tedeschi sono costretti ad assumere un esercito virtuale di interpreti in modo che i medici possano comunicare con i richiedenti asilo, che parlano decine di lingue, dialetti e varianti.

Molti dicono che il governo tedesco non è riuscito completamente a considerare le conseguenze impreviste conseguenti all’apertura delle porte a tanti migranti.

In un’intervista con Die Welt, il Dr. Michael Melter, il medico capo dell’ospedale universitario di Regensburg, ha detto che i migranti arrivano al suo ospedale con malattie che non ha quasi mai visto in Germania.
“Alcuni dei disturbi sono assenti dalla Germania da più di 20 o 25 anni”, ha detto, “e molti dei miei colleghi più giovani non li  hanno in realtà mai visti.”

Marc Schreiner, direttore delle relazioni internazionali per la Federazione Ospedale tedesca (Deutschen Krankenhausgesellschaft), ha fatto eco alle preoccupazioni di tali diffusioni :

“Nelle cliniche, sta diventando sempre più comune vedere pazienti affetti da malattie che erano considerate debellate in Germania, come la scabbia. Queste malattie devono essere diagnosticate in maniera affidabile, ed è una sfida.”

Schreiner ha detto che in caso di malattie altamente contagiose, compresa la tubercolosi, i pazienti devono essere messi in quarantena, una procedura costosa, i cui costi sono pagati dai contribuenti tedeschi.

Secondo Schreiner, circa il 15% dei migranti appena arrivati richiedono un trattamento medico immediato.
Con 1,5 milioni di richiedenti asilo che dovrebbero arrivare in Germania nel 2015, questo significa che 225.000 i migranti avranno un urgente bisogno di cure mediche.

Siegfried Hasenbein, direttore della Bavarian Hospital Association (Bayerische Krankenhausgesellschaft), stima che nel 2015, tra 25.000 e 30.000 migranti saranno trattati in ospedali bavaresi.
Inoltre, questo anno tra 75.000 e 90.000 migranti riceveranno assistenza ambulatoriale.

Secondo Hasenbein, questi numeri sembrano insignificanti rispetto ai tre milioni di visite in ospedale che normalmente si verificano in Baviera ogni anno.
Il problema sorge dal fatto che la crisi migratoria ha coinvolto il sistema sanitario bavarese in modo non uniforme, con gli ospedali definiti “punti caldi” per i migranti, come il Deggendorf, Ingolstadt e Passau che portano il peso delle cure mediche.

Markus Beier, direttore dell’Associazione bavarese dei medici di famiglia (Bayerischer Hausärzteverband), dice che i medici in zone con grandi concentrazioni di richiedenti asilo sono chiamati tutte le ore del giorno e notte, rendendo impossibile fornire a tutti i pazienti un livello di cura omogeneo e soddisfacente.

Max Kaplan, direttore della Bavarian Medical Board (Bayerische Landesärztekammer), afferma che le sfide connesse con le cure mediche per i migranti sono esacerbate dalle barriere linguistiche e culturali, e che sono “faticose,  richiede tempo e talvolta impossibile da superare.”
Aggiungendo al danno la beffa, dice, molte donne musulmane rifiutano di essere trattate da medici di sesso maschile, e molti uomini musulmani si rifiutano di essere trattati da femmine.

Nel tentativo di prevenire che le malattie si diffondano, Kaplan ha invitato i funzionari della sanità pubblica tedesca per ordinare gli esami medici per tutti i richiedenti asilo presso il punto iniziale di ingresso in Germania, prima di essere inviati in diverse parti del paese.
“Questo è nel migliore interesse dei rifugiati, e anche della popolazione nativa,” ha detto.

In un’intervista 2 novembre con Spiegel TV, Dr. Ralf Mütterlein, il direttore della Clinica Polmonare (Klinik für Lungen- und Bronchialheilkunde) a Parsberg, stima che tra il 8000 e 10.000 richiedenti asilo in Germania hanno la tubercolosi, ma solo una piccola parte si tratta di attualmente in quarantena.

I migranti che vengono presi alla clinica di Mütterlein sono tenuti in quarantena per un massimo di 18 mesi alla volta per evitare la diffusione della malattia per la popolazione in generale.

I costi per i contribuenti tedeschi sono astronomici: tra i 10.000 e 12.000 euro al migrante al mese. Nel corso di 18 mesi, il costo totale supera spesso 200.000 euro a migrante.

Nel frattempo, un rapporto da Die Welt descrive gli sforzi dei funzionari della sanità tedeschi per contenere la diffusione dei cosiddetti germi resistenti:

“I medici sono attualmente in stato di massima allerta, perché con l’arrivo di centinaia di migliaia di rifugiati, le malattie infettive potrebbero entrare nel paese. Questo non è isteria. E ‘semplicemente una sfida il nostro sistema sanitario non ha affrontato per molti decenni.”

Dr. Jan-Thorsten Gräsner, direttore dell’Istituto per Rescue e medicina d’urgenza (Institut für Rettungs- und Notfallmedizin), stima che circa il 5% dei richiedenti asilo stanno portando germi resistenti.

In numeri reali, questo significa circa 75.000 nuovi arrivati con malattie altamente infettive.

Il Robert Koch Institute di Berlino, un ente pubblico fondamentale per la tutela della salute pubblica in Germania, ha consigliato agli operatori sanitari, così come coloro che stanno lavorando come volontari nei rifugi dei rifugiati, di aggiornare le loro vaccinazioni.

Ma l’Istituto Federale per i Vaccini e biofarmaci (Paul-Ehrlich-Institut), un’agenzia del ministero federale della Sanità, ha avvertito che 20 tipi di vaccini sono ora scarseggiano, e altri 16 non sono più disponibili a tutti.

A causa delle strozzature di produzione, alcuni vaccini non saranno disponibili fino al 2017.

Stefan Derix, direttore della Camera dei Farmacisti Nord Reno (Apothekerkammer Nord Reno), ha detto che la carenza di vaccini è dovuto al massiccio afflusso di richiedenti asilo. Ha detto che il Ministero della Salute normalmente effettua gli ordini delle forniture di vaccino con un anno di anticipo, e che nessuno nel governo aveva previsto che la Germania avrebbe preso così tanti migranti durante quest’anno.

Dr. Wolfram Hartmann, presidente dell’Associazione di Colonia professionale dei Pediatri , ha avvertito che molti dei vaccini necessari per immunizzare, sia i bambini tedeschi nativi che i bambini migranti, dalla difterite, la poliomielite, il tetano e pertosse non sono disponibili, né in Germania, né in qualsiasi altro paese europeo.

Ha anche detto che i vaccini di base contro il morbillo, parotite, rosolia e varicella sono scarsi.

A Berlino, la polizia è stata costrette a chiedere scusa per raccomandare che i richiedenti asilo che soffrono di scabbia, una malattia della pelle molto contagiosa, debbano indossare dei bracciali per distinguerli dai migranti che sono sani.

Il piano è stato di fargli indossare bracciali con la lettera maiuscola ‘K’ per Krätze (tedesco per la scabbia); i loro familiari devono invece indossare dei bracciali con la lettera maiuscola ‘A’ per Angehörigen (tedesco per parenti prossimi).

Nel frattempo, i rapporti di emergenze per la salute correlati, in particolare quelli che coinvolgono la tubercolosi, sono diventate un evento quotidiano in Germania.

1 COMMENT

  1. I don’t evsn know the way I stopped up right here, however I assumed thi post was great.
    I do not know who you are however certainly you are going to a well-known blogger if you are not already.

    Cheers!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.