Palestinesi : Media – l’Odio è alimentato da bambini

0
1321

Quando Media è usato per avvelenare un’intera generazione
L’attuale ondata di attacchi terroristici da parte dei palestinesi contro gli israeliani ha visto i terroristi più giovani autori di attacchi lancinanti orribili.

Martedì a Gerusalemme, su un treno della città, due cugini, di età compresa tra 12 e 13, hanno accoltellato una guardia di sicurezza nella parte superiore del corpo.
Un attacco precedente nello stesso quartiere da palestinesi di 13 e 15 anni ha lasciato un ragazzo di 13 anni, in condizioni critiche e un uomo ferito.

Uno dei principali fattori che determinano che questi bambini e adolescenti possano perpetrare tali attacchi raccapriccianti è un flusso incessante di incitamento dei media palestinesi e delle piattaforme dei social-media.

L’odio è alimentato ad un bambino palestinese con il latte di sua madre.

La televisione mostra le scuole dell’infanzia che insegnano l’aspirazione di crescere fino a diventare un terrorista; canzoni di successo volte a bambini incoraggiano l’uso di “mannaie e coltelli”; scuole superiori e gli eventi sportivi sono chiamati dopo i terroristi.

La morte è glorificato come l’ultima “vita” in “paradiso”.

Il Middle East Media Research Institute (MEMRI) ha documentato un campione di questo incitamento dei palestinese sui social media in un recente rapporto.
Le seguenti  immagini sono solo alcune di quelle che sono apparse sulle pagine di Facebook e Twitter palestinesi:

Su un conto semplicemente chiamato Stab, l’immagine seguente è apparso con la didascalia: “Insegnate ai vostri figli ad amare la Palestina e prendete i coltelli, Oh popolo della Palestina
La prossima generazione sarà la generazione di accoltellamenti e macellazione.”.


Questa figura appare sotto l’hashtag #SlaughtertheJew:

Questa è un immagine Facebook sotto l’hashtag #TheKnifeIntifada:

Una altro hashtag, #TheThirdIntifada, dice:

“My little girl rebelling and rising up”

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.