CloudFlare : Proteggere siti ISIS non è reato….CEO nega accuse di Anonymous

0
1359

Quando il business … supera le regole del buon senso….

CloudFlare ha scelto di rispettare le regole contrattuali dei suoi servizi e proteggere anche coloro che UCCIDONO IMPUNEMENTE!….TUTTO IL RESTO SONO CHIACCHERE

In una reazione agli attacchi di Parigi di Venerdì scorso, Anonymous ha dichiarato una guerra contro l’ISIS e Lunedi  sono stati rintracciati i siti collegati con l’ISIS  ed hackerati i loro account dei social media – un grande mezzo per diffondere il loro falso ideologico e scegliere i loro simpatizzanti che vogliono diffondere tali idee.

Mentre combatteva questa guerra, ieri Anonymous ha pubblicato un elenco di più di un centinaio di utenti di account Twitter utilizzati per sostenere l’ ISIS o altri simpatizzanti.
Anonymous ha inoltre affermato di aver rimosso più di 8800 account Twitter di sospetti simpatizzanti IS (precedentemente ISIS / ISIL) .

Tuttavia, durante questo processo di censura e caccia ai conti relativi all’ISIS, Anonymous ha scoperto che il cosiddetto Stato islamico utilizza CloudFlare per la tutela dei suoi siti da attacchi DDoS.

CloudFlare è un servizio che protegge siti online, diventando un proxy tra i server e il visitatore.
Inoltre, garantisce la connessione più veloce del visitatore con il server del sito web proteggendolo contro gli attacchi DDoS dal web.

Anonymous ha detto che CloudFlare sta fornendo un servizio ai siti dell’ IS e la trovo estremamente vergognoso, mentre Matteo Prince il CEO e co-fondatore di CloudFlare ha detto “Anonymous sono i nostri clienti e noi non li  censuriamo.”

Ptince ha inoltre affermato che ospitare un sito web su rete CloudFlare non significa accettare e credere nel loro contenuto dato che ci sono milioni di pagine nella cache del server di inCloudFlare.
Egli ha anche detto che è un po ‘ironico che Anonymous stia spingendoli ad abbandonare il sito web dal server CloudFlare.

In passato, Anonymous ha incolpato CloudFlare per la protezione di siti legati al terrorismo già nell’ aprile 2015 durante la prima fase di OpISIS.

CloudFlare è stato anche accusato di proteggere siti web di abusi animali x-rated durante OpBeast di Anonymous.

Questo Martedì, Prince ha detto a Register “Ho visto  un Twitter che diceva che sono arrabbiato con noi.
Vorrei suggerire che questo era l’analisi di ragazzi – è difficile prenderla sul serio.
Anonymous utilizza anche CloudFlare per alcuni dei loro siti, nonostante esistano  pressioni fatte da parte di alcuni ambienti su di noi per mettere i siti di Anonymous offline. ”

Durante il suo discorso, Prince ha detto che se i poliziotti con i documenti legali per chiudere un sito venissero a San Francisco e gli chiedessero di farlo, solo allora è pronto a collaborare.
Secondo il signor Matteo Prince, questa volta è Anonymous che ha chiesto di chiudere un sito web, la prossima volta potrebbe essere che qualcun altrovoglia chiedere la stessa cosa su un altro sito web a causa della loro risentimento personale.
Le cose non funzionano in questo modo.

Prince ha anche ricordato un altro caso del genere  pochi anni fa, quando un hacker ha rubato e pubblicato le informazioni sui file delle imposte di Prince sul CloudFlare , ma per serietà non è stato chiuso, infatti in seguito il sito è stato sequestrato dai funzionari degli Stati Uniti come anche l’hacker che ha anche inviato i dati personali di Michelle Obama ed il capo del FBI.
Prince ha dichiarato che capisce molto chiaramente che gli attentati di Parigi sono stati uno degli episodi più tristi di sempre, ma ha detto che dobbiamo imparare dagli errori dell’America.

Ha spiegato: “I miei amici europei sono stati molto veloci a criticare gli Stati Uniti post-11/9 a causa del Patriot Act. C’erano un sacco di persone che hanno detto che non ci si può fidare di qualsiasi impresa di tecnologia degli Stati Uniti  a causa di queste censure. Ho la sensazione che l’Europa ora avrà la sua scelta reazionaria, altrimenti le imprese dell’UE non saranno più attendibile. “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.