Anonymous blocca il Sito del primo ministro Giapponese – protesta contro la caccia alla balena

0
1145
Images from the LAMAVE (large marine vertebrate project) whale shark research in the Bohol sea, Philippines

Anonymous blocca il Sito del primo ministro Giapponese – protesta contro la caccia alla balena
All’inizio di quest’anno abbiamo segnalato che Anonymous ha preso di mira il sito web dell’aeroporto giapponese contro la strage di delfini nel paese – Gli attacchi informatici sono stati condotti sotto la bandiera di OpKillingBay.

Ora, gruppo Anonymous ha attaccato il sito web del primo ministro giapponese “Shinzo Abe” in segno di protesta per la ripresa della caccia alle balene dal 1 ° dicembre in Giappone.

La caccia alle balene è stata proibita negli ultimi tre decenni ed è consentito solo cacciare la balena per scopi di ricerca.
Il Giappone sfrutta questo ragionamento e dà la caccia balene su base regolare. Anche se, nel 2014 delle Nazioni Unite hanno vietato ogni tipo di attività ai centri di ricerca in tutto il paese, ma ancora una volta la caccia delle balene è iniziata.

Il sito web del primo ministro (s-abe.or.jp) è stato in parte ripristinato e le autorità stanno indagando i danni apporati al sito dopo l’attacco, il capo di gabinetto Yoshihide Suga lo ha detto in un briefing.

Un paio di settimane fa, Anonymous ha condotto un massiccio attacco informatico al governo d’Islanda e chiuso l’accesso del pubblico a quasi ogni sito del governo islandese contro la strage delle balene nel paese.

Nel mese di settembre, lo stesso gruppo di hacker ha bloccato il sito della città di Taiji nella prefettura di Wakayama per protestare contro la caccia della città ai delfini e la loro conservazione.

Anonymous si è dedicata a proteggere i diritti degli animali in tutto il mondo.
In passato, gli hacktivisti sono andati contro siti web di abusi sugli animali oltre che contro i forumsui maltrattamento di animali del mondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.