COVID-19: un numero significativo di pazienti soffre anche di perdita di appetito, nausea, vomito e diarrea

0
280

Febbre, tosse e mancanza di respiro sono i classici sintomi di COVID-19 , ma potrebbero esserci sintomi gastrointestinali, come nausea e diarrea, che si stanno perdendo, secondo un nuovo studio della Stanford Medicine.

I ricercatori hanno scoperto che, oltre ai sintomi respiratori superiori, un numero significativo di malati con il nuovo virus soffriva anche di perdita di appetito, nausea, vomito e diarrea.

Lo studio, uno dei primi su pazienti statunitensi con coronavirus, è stato pubblicato online il 10 aprile in  Gastroenterologia . 

I ricercatori di gastroenterologia George Cholankeril, MD, e Alexander Podboy, MD, condividono la paternità principale. Aijaz Ahmed, MD, professore di gastroenterologia ed epatologia, è l’autore senior.

” Probabilmente COVID-19 non è solo sintomi respiratori come una tosse”, ha detto Podboy.

“Un terzo dei pazienti che abbiamo studiato presentava sintomi gastrointestinali. È possibile che ci manchi una parte significativa di pazienti malati di coronavirus a causa delle nostre attuali strategie di test incentrate sui soli sintomi respiratori. “

Situazione unica

Quando la pandemia di coronavirus colpì la Baia di San Francisco all’inizio di marzo, gli ospedali iniziarono a cancellare gli interventi chirurgici elettivi e rimandare le visite dei pazienti senza emergenza per fare spazio a un’ondata di pazienti con coronavirus.

Con le loro cliniche chiuse e altri progetti in sospeso, un gruppo di colleghi di gastroenterologia ha avuto il tempo di lavorare insieme su un progetto, ha detto Podboy.

“George ha riconosciuto presto che, poiché Stanford è stato tra i primi ospedali a ricevere pazienti COVID-19 negli Stati Uniti, qualsiasi tipo di esperienza iniziale sarebbe importante”, ha detto.

“Eravamo in una posizione unica per esaminare questo argomento di sintomi gastrointestinali tra i pazienti con coronavirus a Stanford.”

I ricercatori erano a conoscenza di un corpus crescente di ricerche provenienti dalla Cina e da Singapore che hanno mostrato una prevalenza dei sintomi gastrointestinali nei pazienti COVID-19 , ma non sono riusciti a trovare dati sull’argomento da pazienti negli Stati Uniti.

Decisero di condurre il proprio studio esaminando i grafici del primo gruppo di pazienti trattati per il virus presso la Stanford Health Care.

Risultati dello studio

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da 116 pazienti che sono risultati positivi al coronavirus presso Stanford Health Care dal 4 al 24 marzo. La maggior parte è stata curata e rilasciata da un pronto soccorso di un ospedale o da una clinica.

Un totale di 33 sono stati ricoverati in ospedale, otto dei quali in un’unità di terapia intensiva.

L’età media dei pazienti era di 50 anni e il 53% di essi erano uomini. Nel gruppo è stata segnalata una sola morte.

I sintomi gastrointestinali sono stati segnalati dal 31,9% dei pazienti.

La maggior parte di quel gruppo ha descritto i sintomi come lievi.

Il 22% ha dichiarato di aver sperimentato perdita di appetito, il 22% aveva nausea e vomito e il 12% aveva diarrea, secondo lo studio.

“Abbiamo anche notato che il 40% dei pazienti presentava livelli elevati di un enzima epatico anormale e che quelli con livelli elevati richiedevano un maggiore ricovero”, ha affermato Cholankeril.

Test consigliato

I ricercatori suggeriscono che mentre questi dati sono precoci e provenienti da una sola istituzione, i risultati aumentano la possibilità che anche le persone esposte al coronavirus che presentano sintomi gastrointestinali – non solo quelli con sintomi respiratori – dovrebbero essere testate.

“Nella nostra attuale coorte di pazienti, tutti i pazienti avevano sintomi respiratori prima dello sviluppo di sintomi gastrointestinali”, ha detto Podboy.

“Nessun paziente presentava sintomi gastrointestinali prima dello sviluppo di sintomi respiratori o come unica manifestazione di COVID-19″.

Ha aggiunto: “Tuttavia, potrebbe essere un prodotto di chi stavamo testando. Attualmente, i test sono offerti solo per pazienti che soddisfano criteri specifici, criteri che spesso richiedono la presenza di sintomi polmonari. “

I ricercatori hanno in programma di studiare il ruolo dei sintomi gastrointestinali nella COVID-19 e le loro implicazioni sulla gravità della malattia e sugli esiti del ricovero, ha affermato Cholankeril. Hanno anche in programma di continuare a lavorare in gruppo.

“Avevamo sei colleghi che lavoravano insieme e siamo stati in grado di esaminare queste classifiche abbastanza rapidamente”, ha detto Cholankeril.

“È stata una straordinaria collaborazione tra colleghi poter unire le forze per studiare questa nuova malattia. Pensiamo che guardando i pazienti qui a Stanford, possa aiutare a migliorare la nostra comprensione di questa malattia emergente “.

Altri co-autori di Stanford sono riceratori di gastroenterologia Vasiliki Aivaliotis, MD, Branden Tarlow, MD, PhD, Edward Pham, MD, PhD e Sean Spencer, MD, PhD; studioso di ricerca Donghee Kim, MD, PhD; e Ann Hsing, PhD, professore di medicina presso il Centro di prevenzione e ricerca di Stanford.

Finanziamento:  lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health (concessione T32DK007056


Meccanismi di coinvolgimento del tratto gastrointestinale

Le prove di precedenti studi sulla SARS hanno indicato che il coronavirus ha un tropismo nel tratto gastrointestinale. 

L’RNA SARS-CoV potrebbe essere prontamente rilevato nei campioni di feci dei pazienti con SARS 34 e la microscopia elettronica su campioni di biopsia e autopsia ha mostrato repliche virali attive nell’intestino tenue e crasso 22.

Allo stesso modo, l’infezione enterica potrebbe verificarsi con MERS-CoV, poiché le cellule epiteliali intestinali umane erano altamente sensibili al virus e potevano sostenere una replicazione virale robusta 35. Questo tropismo gastrointestinale può spiegare la frequente insorgenza di diarrea nell’infezione da coronavirus. 

Questa fonte fecale può portare alla trasmissione del fomito, specialmente quando gli aerosol infettivi vengono generati dal pennacchio del water 36.

Sebbene a una frequenza inferiore rispetto alla SARS, alcuni pazienti con Covid-19 sviluppano diarrea durante il decorso della malattia.

 Ciò suggerisce il possibile tropismo di SARS-CoV-2 al tratto gastrointestinale.

Le sequenze del genoma hanno mostrato che SARS-CoV-2 ha condiviso l’identità della sequenza del 79,6% con SARS-CoV, sia codificando che esprimendo le glicoproteine ​​di picco (S) che potrebbero legarsi al recettore di ingresso ACE2 per entrare nelle cellule umane 37-39. 

Il dominio di legame del recettore su SARS-CoV-2 potrebbe legarsi all’ACE2 umano con elevata affinità, correlando con l’efficiente diffusione del virus tra gli umani 40, 41.

Mentre l’ACE2 è altamente espresso nelle cellule alveolari di tipo II (AT2) nei polmoni, il recettore è anche abbondantemente espresso nel tratto gastrointestinale, specialmente nell’intestino tenue e crasso 7, 8.

Nel citoplasma dello stomaco è stata visualizzata la colorazione delle proteine ​​virocapidiche virali , epitelio duodenale e rettale 27.

Questi dati hanno fornito preziose informazioni sull’ingresso mediato dal recettore nelle cellule ospiti e hanno fornito le basi per la sua possibile via di trasmissione attraverso i contenuti fecali.

Implicazioni per la cura del paziente e il controllo delle infezioni

Il tropismo di SARS-CoV-2 nel tratto gastrointestinale, la sua rilevazione positiva nelle feci e i sintomi gastrointestinali associati, hanno importanti implicazioni sia per la cura del paziente che per il controllo delle infezioni.

 I medici devono essere attenti alla sintomatologia gastrointestinale di Covid-19, specialmente perché possono verificarsi prima dell’inizio della piressia e dei sintomi respiratori.

Ancora più importante, diversi studi hanno dimostrato la presenza di RNA virale nelle feci o nei tamponi anale / rettale dei pazienti di Covid-19 2-6. In uno studio che ha valutato 73 pazienti Covid-19, 39 (53,4%) sono risultati positivi all’RNA SARS-CoV-2 nelle feci, con una durata delle feci positive da 1 a 12 giorni. 

Piuttosto preoccupante, 17 (23,3%) pazienti sono rimasti positivi con RNA virale delle feci dopo aver mostrato negativo nei loro campioni respiratori 7.

In un altro studio che ha seguito 10 pazienti pediatrici e valutato i loro tamponi rinofaringei e rettali, otto bambini sono stati costantemente testati positivi sui tamponi rettali anche dopo la clearance nasofaringea del virus 3.

Inoltre, due bambini hanno avuto tamponi rettali positivi, nonostante dopo l’autorizzazione con due tamponi rettali negativi consecutivi separati da almeno 24 ore di distanza l’una dall’altra 31.

Contrariamente al valore della soglia del ciclo (Ct) di 36-38 nel campione di feci del giorno 7 della malattia dal primo Caso US 4, i valori longitudinali di Ct nei pazienti pediatrici erano per lo più inferiori a 35 3.

Ciò ha suggerito che lo spargimento virale dal tratto gastrointestinale può essere abbondante e può durare a lungo dopo la risoluzione dei sintomi clinici. In effetti, uno studio precedente sulla SARS-CoV indicava che l’RNA virale poteva ancora essere rilevato dopo 30 giorni nelle feci dei pazienti con SARS 42.

Tuttavia, la dinamica virale di SARS-CoV-2 nel tratto gastrointestinale non è nota e potrebbe non seguire quella di SARS-CoV osservata nel tratto respiratorio 25, 43.

L’implicazione immediata di questi dati è certamente sull’infettività della malattia. Un recente studio ambientale ha suggerito che SARS-CoV-2 potrebbe rimanere praticabile negli aerosol per ore e rimanere stabile su plastica e acciaio inossidabile per almeno 72 ore 44.

Mentre sono necessari ulteriori studi per dimostrare la sua competenza nella replicazione, la sua abbondanza nelle feci e la stabilità nell’ambiente porterebbero il SARS-CoV-2 favorevolmente a diffondersi tra gli ospiti umani.

Questa fonte fecale può portare alla trasmissione virale, specialmente quando si generano aerosol, come nel caso dell’epidemia causata dai fumi di servizi igienici ad Amoy Garden durante le epidemie di SARS a Hong Kong 36.

Il coinvolgimento gastrointestinale di Covid-19 richiederebbe la necessità di prendere in considerazione diverse politiche cliniche, come l’incorporazione del test del tampone rettale prima di dimettere i pazienti 45, nonché la nostra preparazione per i dispositivi di protezione individuale in ambito endoscopico 46, 47. Queste considerazioni saranno importante nella nostra battaglia contro Covid-19.

Riferimenti

[1] Gu J, Han B, Wang J. COVID-19: manifestazioni gastrointestinali e potenziale trasmissione fecale-orale. Gastroenterologia. 2020.
[2] Zhang W, Du RH, Li B, et al. Indagine molecolare e sierologica su pazienti infetti 2019-nCoV: implicazioni di molteplici vie di spargimento. I microbi emergenti infettano. 2020; 9: 386-9.
[3] Xu Y, Li X, Zhu B, et al. Caratteristiche dell’infezione pediatrica SARS-CoV-2 e potenziale evidenza di spargimento virale fecale persistente. Medicina naturale. 2020.
[4] Holshue ML, DeBolt C, Lindquist S, et al. Primo caso del romanzo Coronavirus 2019 negli Stati Uniti. N Engl J Med. 2020; 382: 929-36.
[5] Tang A, Tong ZD, Wang HL, et al. Rilevazione di un nuovo coronavirus mediante RT-PCR in campioni di feci di un bambino asintomatico, Cina. Emerg Infect Dis. 2020; 26.
[6] Young BE, Ong SWX, Kalimuddin S, et al. Caratteristiche epidemiologiche e decorso clinico dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2 a Singapore. JAMA. 2020.
[7] Xiao F, Tang M, Zheng X, Liu Y, Li X, Shan H. Evidenza di infezione gastrointestinale di SARS-CoV-2. Gastroenterologia. 2020.
[8] Harmer D, Gilbert M, Borman R, Clark KL. Profilazione quantitativa dell’espressione dell’mRNA di ACE 2, un nuovo omologo dell’enzima di conversione dell’angiotensina. FEBS Lett. 2002; 532: 107-10.
[9] Chan JF, Yuan S, Kok KH, et al. Un cluster familiare di polmonite associato al nuovo coronavirus del 2019 che indica la trasmissione da persona a persona: uno studio di un cluster familiare. Lancetta. 2020; 395: 514-23.
[10] Guan WJ, Ni ZY, Hu Y, et al. Caratteristiche cliniche della malattia di Coronavirus 2019 in Cina. N Engl J Med. Il 2020.
[11] Chen N, Zhou M, Dong X, et al. Caratteristiche epidemiologiche e cliniche di 99 casi della polmonite da coronavirus del 2019 a Wuhan, in Cina: uno studio descrittivo. Lancetta. 2020; 395: 507-13.
[12] Huang C, Wang Y, Li X, et al. Caratteristiche cliniche dei pazienti infetti dal nuovo coronavirus del 2019 a Wuhan, in Cina. Lancetta. 2020; 395: 497-506.
[13] Liu K, Fang YY, Deng Y, et al. Caratteristiche cliniche di nuovi casi di coronavirus negli ospedali terziari nella provincia di Hubei. Chin Med J (inglese). 2020.
[14] Lu X, Zhang L, Du H, et al. Infezione SARS-CoV-2 nei bambini. N Engl J Med. 2020.
[15] Shi H, Han X, Jiang N, et al. Risultati radiologici di 81 pazienti con polmonite COVID-19 a Wuhan, Cina: uno studio descrittivo. Lancet Infect Dis. Il 2020.
[16] Wang D, Hu B, Hu C, et al. Caratteristiche cliniche di 138 pazienti ricoverati con polmonite infetta da coronavirus nel 2019 a Wuhan, in Cina. JAMA. 2020.
[17] Xu XW, Wu XX, Jiang XG, et al. Risultati clinici in un gruppo di pazienti infetti dal romanzo coronavirus 2019 (SARS-Cov-2) al di fuori di Wuhan, Cina: serie di casi retrospettivi. BMJ. 2020; 368: m606.
[18] Yang X, Yu Y, Xu J, et al. Decorso clinico ed esiti di pazienti in condizioni critiche con polmonite SARS-CoV-2 a Wuhan, Cina: uno studio osservazionale centrato, retrospettivo. Lancet Respir Med. 2020.
[19] Zhou F, Yu T, Du R, et al. Decorso clinico e fattori di rischio per la mortalità dei pazienti adulti con COVID-19 a Wuhan, Cina: uno studio di coorte retrospettivo. Lancetta. Il 2020.
[20] Zhang JJ, Dong X, Cao YY, et al. Caratteristiche cliniche di 140 pazienti infetti da SARS-CoV-2 a Wuhan, in Cina. Allergia. 2020.
[21] Lee N, Hui D, Wu A, et al. Un grave focolaio di grave sindrome respiratoria acuta a Hong Kong. N Engl J Med. 2003; 348: 1986-94.

[22] Leung WK, To KF, Chan PK, et al. Coinvolgimento enterico di infezione da coronavirus associata a sindrome respiratoria acuta grave. Gastroenterologia. 2003; 125: 1011-7.
[23] Cheng VC, Hung IF, Tang BS, et al. La replicazione virale nel rinofaringe è associata a diarrea nei pazienti con sindrome respiratoria acuta grave. Clin Infect Dis. 2004; 38: 467-75.
[24] Liu CL, Lu YT, Peng MJ, et al. Caratteristiche cliniche e di laboratorio della sindrome respiratoria acuta grave di fronte all’insorgenza della febbre. Il petto. 2004; 126: 509-17.
[25] Peiris JS, Chu CM, Cheng VC, et al. Progressione clinica e carica virale in un focolaio di polmonite SARS associata a coronavirus: uno studio prospettico. Lancetta. 2003; 361: 1767-72.
[26] Chan JF, Lau SK, a KK, Cheng VC, Woo PC, Yuen KY. Sindrome respiratoria del Medio Oriente coronavirus: un altro betacoronavirus zoonotico che causa la malattia simile alla SARS. Clin Microbiol Rev. 2015; 28: 465-522.
[27] Zhao D, Yao F, Wang L, et al. Uno studio comparativo sulle caratteristiche cliniche della polmonite COVID-19 ad altre polmoniti. Clin Infect Dis. 2020.
[28] Zhang C, Shi L, Wang FS. Lesione epatica in COVID-19: gestione e sfide.
Lancetta Gastroenterol Hepatol. 2020.
[29] Xu L, Liu J, Lu M, Yang D, Zheng X. Lesioni al fegato durante infezioni da coronavirus umano ad alta patogenicità. Fegato int. 2020.
[30] Xu Z, Shi L, Wang Y, et al. Reperti patologici di COVID-19 associati a sindrome da distress respiratorio acuto. Lancet Respir Med. Il 2020.
[31] Ding Y, He L, Zhang Q, et al. Distribuzione d’organo del coronavirus associato alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS) (SARS-CoV) nei pazienti con SARS: implicazioni per patogenesi e vie di trasmissione del virus. J Pathol. 2004; 203: 622-30.
[32] Hamming I, Timens W, Bulthuis ML, Lely AT, Navis G, van Goor H. Distribuzione tissutale della proteina ACE2, il recettore funzionale del coronavirus SARS. Un primo passo per comprendere la patogenesi della SARS. J Pathol. 2004; 203: 631-7.
[33] Tan YJ, Fielding BC, Goh PY, et al. La sovraespressione di 7a, una proteina codificata specificamente dalla coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave, induce l’apoptosi attraverso una via dipendente dalla caspasi. J Virol. 2004; 78: 14043-7.
[34] Hung IF, Cheng VC, Wu AK, et al. Cariche virali in campioni clinici e manifestazioni SARS. Emerg Infect Dis. 2004; 10: 1550-7.
[35] Zhou J, Li C, Zhao G, et al. Il tratto intestinale umano funge da via di infezione alternativa per il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente. Sci Adv. 2017; 3: eaao4966.
[36] Yu IT, Li Y, Wong TW, et al. Evidenza di trasmissione nell’aria del virus della sindrome respiratoria acuta grave. N Engl J Med. 2004; 350: 1731-9.
[37] Zhou P, Yang XL, Wang XG, et al. Un focolaio di polmonite associato a un nuovo coronavirus di probabile origine pipistrello. Natura. 2020; 579: 270-3.
[38] Hoffmann M, Kleine-Weber H, Schroeder S, et al. L’ingresso cellulare SARS-CoV-2 dipende da ACE2 e TMPRSS2 ed è bloccato da un inibitore della proteasi clinicamente testato. Cellula. Il 2020.
[39] Lu R, Zhao X, Li J, et al. Caratterizzazione genomica ed epidemiologia del nuovo coronavirus del 2019: implicazioni per le origini dei virus e il legame con i recettori. Lancetta. 2020; 395: 565- 74.
[40] Walls AC, Park YJ, Tortorici MA, Wall A, McGuire AT, Veesler D. Struttura, funzione e antigenicità della glicoproteina Spike SARS-CoV-2. Cellula. 2020.
[41] Wrapp D, Wang N, Corbett KS, et al. Struttura Cryo-EM del picco 2019-nCoV nella conformazione di prefusione. Scienza. 2020; 367: 1260-3.
[42] Chan KH, Poon LL, Cheng VC, et al. Rilevazione di coronavirus SARS in pazienti con sospetta SARS. Emerg Infect Dis. 2004; 10: 294-9.

[43] Zou L, Ruan F, Huang M, et al. Carico virale SARS-CoV-2 in campioni respiratori superiori di pazienti infetti. N Engl J Med. 2020; 382: 1177-9.
[44] van Doremalen N, Bushmaker T, Morris DH, et al. Aerosol e stabilità superficiale di SARS-CoV-2 rispetto a SARS-CoV-1. N Engl J Med. 2020.
[45] Yeo C, Kaushal S, Yeo D. Coinvolgimento enterico di coronavirus: è possibile la trasmissione fecale-orale di SARS-CoV-2? Lancetta Gastroenterol Hepatol. 2020; 5: 335-7.
[46] Repici A, Maselli R, Colombo M, et al. Focolaio di coronavirus (COVID-19): cosa dovrebbe sapere il dipartimento di endoscopia. Gastrointest Endosc. 2020.
[47] Repici A, Maselli R, Colombo M, et al. Focolaio di coronavirus (COVID-19): cosa dovrebbe sapere il dipartimento di endoscopia. Endoscopia gastrointestinale.


Fonte:
Stanford

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.