Il consumo regolare di caffè è associato a un rischio significativamente più basso di aritmie

0
123

Il consumo regolare di caffè è associato a un rischio significativamente più basso di aritmie, secondo uno studio presentato di recente nell’ambito dell’incontro online della Heart Rhythm Society: HRS 2020 Science.

Eun-Jeong Kim, MD, dell’Università della California a San Francisco, e colleghi hanno studiato l’associazione tra consumo abituale di caffeina e rischio di aritmia tra 357.022 partecipanti alla Biobanca britannica.

I ricercatori hanno scoperto che durante 5,25 anni di follow-up, sono state diagnosticate 8.159 aritmie incidenti (6.999 fibrillazione atriale o flutter atriale, 890 tachicardia sopraventricolare, 459 tachicardia ventricolare e 385 complesso ventricolare prematuro).

Il consumo di caffè era associato a un rischio significativamente più basso di aritmia (rapporti di rischio: da una a due tazze, 0,90; da tre a quattro tazze, 0,86; cinque tazze o più, 0,85) rispetto a nessun consumo.

Ogni tazza di caffè giornaliera aggiuntiva era associata a una minore incidenza di aritmia (hazard ratio, 0,96). Ad eccezione dei complessi ventricolari prematuri, è stata osservata una riduzione dell’incidenza dell’aritmia per ciascun sottotipo.

“I risultati dovrebbero rassicurare pazienti e medici dei bassi rischi associati al consumo regolare di caffè e speriamo che incoraggerà i fornitori a lavorare direttamente con i pazienti per determinare e personalizzare i loro specifici fattori di stile di vita, incluso il consumo di caffeina”, ha affermato Kim in una nota.


Poiché la fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più comune negli Stati Uniti, è importante studiare i fattori dietetici e ambientali che contribuiscono al rischio di sviluppo della fibrillazione atriale.

Gli stimolanti, come le bevande contenenti caffeina, sono stati implicati come potenziali fattori di rischio per lo sviluppo di aritmie. Il caffè, forse la bevanda con caffeina più popolare in tutto il mondo, viene consumato quotidianamente da una grande parte degli americani, che bevono in media 3 tazze al giorno.1, 2

Per la maggior parte, il fascino del caffè può essere guidato da un presunto beneficio cognitivo e fisico, ritenuto attribuibile alla caffeina, sebbene un insieme complesso di ingredienti componga questa bevanda.

In questo numero del Journal of American Heart Association (JAHA), Bodar et al presentano un interessante studio che dimostra che un moderato consumo di caffè nel PHS (Physicians ‘Health Study) è stato associato a una moderata diminuzione del rischio di sviluppo fibrillazione atriale.3

Questa popolazione di studio ha rappresentato una grande coorte (n = 18 960) e ha mostrato in modo interessante un effetto dose-risposta, con 1-3 tazze di caffè al giorno che mostrano una diminuzione del rischio di fibrillazione atriale senza alcun impatto con il locatore o con quantità maggiori di caffè.

Caratteristiche farmacologiche del caffè e della caffeina Gli
effetti fisiologici del caffè hanno mostrato un effetto cardiovascolare protettivo. È stato riportato che la caffeina è un inibitore non selettivo dei recettori dell’adenosina A1 e A2A, 4 che riduce la capacità dell’adenosina di abbreviare i potenziali di azione atriale e quindi diminuisce la propensione a innescare la fibrillazione atriale.

Inoltre, i componenti del caffè, inclusi caffeina e polifenoli, hanno proprietà antiossidanti che possono potenzialmente aiutare a proteggere dal rimodellamento atriale avverso.5 In generale, è stato dimostrato che gli antiossidanti nel caffè migliorano la salute cardiovascolare migliorando i profili lipidici e la pressione sanguigna.6, 7

Collettivamente, questi risultati suggeriscono che il caffè e i componenti che compongono il caffè possono essere utili per la salute cardiovascolare e aritmogena.

Studi precedenti Esplorazione del legame tra fibrillazione atriale e caffeina
Studi precedenti hanno esplorato il rischio di fibrillazione atriale con assunzione di stimolanti, come la caffeina, riportando risultati incoerenti.

Bodar e coautori3 rilevano che lo studio sanitario globale della California del Nord e lo studio danese sulla dieta e il cancro hanno dimostrato una riduzione analoga della frequenza della fibrillazione atriale con il caffè, sebbene, rispetto allo studio attuale, la quantità di caffè richiesta per vedere un effetto benefico fosse maggiore in entrambi gli studi.8, 9 Al contrario, il WHS (Women’s Health Study) e un ampio studio di Wilhelmsen et al. hanno mostrato un rischio maggiore di fibrillazione atriale con quantità moderate di consumo di caffè (1-4 tazze al giorno) .10, 11

Ancora più importante, i pazienti in questi ultimi studi avevano più fattori di rischio cardiovascolare, tra cui l’uso di tabacco, ipertensione e diabete mellito. Nel consorzio giapponese della coorte, il consumo di caffè fino a 5 tazze al giorno ha ridotto la mortalità generale negli uomini e nelle donne, con una riduzione della mortalità specifica per malattia, inclusa la malattia cardiaca, ma non in caso di morte correlata al cancro.12

L’attuale analisi esamina il PHS, che era uno studio in 2 parti inizialmente composto da 22 071 medici maschi statunitensi randomizzati in doppio cieco su aspirina e beta carotene.3

La seconda parte di questo studio consisteva in 14 641 medici maschi statunitensi randomizzati a diverse vitamine. I punti di forza consolidati dei dati raccolti attraverso il PHS includono ampie dimensioni del campione e granularità dei dati raccolti, che possono essere utilizzati per esaminare altre domande.

Gli autori sono stati in grado di quantificare la quantità di assunzione giornaliera di caffeina riportata per costruire un impatto dose-risposta. I fattori di rischio tradizionali per la fibrillazione atriale, come ipertensione, diabete mellito e malattia vascolare, erano ben rappresentati in questo studio e adattati nel tentativo di isolare l’effetto della caffeina sul rischio di fibrillazione atriale.

Complessivamente, i risultati riportati da Bodar et al3 sono coerenti con gli altri citati studi sulla grande popolazione e con i dati traslazionali. Il contrasto con altri studi può essere causato dalle differenze sottostanti riguardo al sesso e ai fattori di rischio cardiovascolare.

Non è chiaro se questi risultati variabili siano causati da una differenza sessuale, da diverse formulazioni di caffè in diversi studi o da variazioni nella relazione dietetica. Un problema con il presente studio e studi simili è che i partecipanti dovevano ricordare la loro assunzione di caffè, che potrebbe non essere sempre stata accurata.

Inoltre, i partecipanti segnalano anche episodi di fibrillazione atriale che potrebbero aver perso episodi subclinici. Infine, il PHS è arricchito per individui generalmente sani, quindi è difficile sapere se

Questi risultati sono generalizzabili per i nostri pazienti, che possono, in media, avere diverse abitudini di salute. Infine, questi studi non sono stati progettati specificamente per esaminare l’impatto del caffè sulla fibrillazione atriale.

Riferimenti

1. Reyes CM, Cornelis MC. Caffeine in the diet: country‐level consumption and guidelines. Nutrients. 2018;10:1772. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

2. Fulgoni VL III, Keast DR, Lieberman HR. Trends in intake and sources of caffeine in the diets of US adults: 2001‐2010. Am J Clin Nutr. 2015;101:1081–1087. [PubMed] [Google Scholar]

3. Bodar VCJ, Gaziano J, Albert C, Djousse L. Coffee Consumption and Risk of Atrial Fibrillation in the Physicians’ Health Study. J Am Heart Assoc. 2019;8:e011346 DOI: 10.1161/JAHA.118.011346. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

4. Conlay LA, Conant JA, deBros F, Wurtman R. Caffeine alters plasma adenosine levels. Nature. 1997;389:136. [PubMed] [Google Scholar]

5. Metro D, Cernaro V, Santoro D, Papa M, Buemi M, Benvenga S, Manasseri L. Beneficial effects of oral pure caffeine on oxidative stress. J Clin Transl Endocrinol. 2017;10:22–27. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

6. Martinez‐Lopez S, Sarria B, Mateos R, Bravo‐Clemente L. Moderate consumption of a soluble green/roasted coffee rich in caffeoylquinic acids reduces cardiovascular risk markers: results from a randomized, cross‐over, controlled trial in healthy and hypercholesterolemic subjects. Eur J Nutr. 2019;58:865–878. [PubMed] [Google Scholar]

7. Uto‐Kondo H, Ayaori M, Ogura M, Nakaya K, Ito M, Suzuki A, Takiguchi S, Yakushiji E, Terao Y, Ozasa H, Hisada T, Sasaki M, Ohsuzu F, Ikewaki K. Coffee consumption enhances high‐density lipoprotein‐mediated cholesterol efflux in macrophages. Circ Res. 2010;106:779–787. [PubMed] [Google Scholar]

8. Klatsky AL, Hasan AS, Armstrong MA, Udaltsova N, Morton C. Coffee, caffeine, and risk of hospitalization for arrhythmias. Perm J. 2011;15:19–25. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

9. Mostofsky E, Johansen MB, Lundbye‐Christensen S, Tjonneland A, Mittleman MA, Overvad K. Risk of atrial fibrillation associated with coffee intake: findings from the Danish Diet, Cancer, and Health study. Eur J Prev Cardiol. 2016;23:922–930. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

10. Conen D, Chiuve SE, Everett BM, Zhang SM, Buring JE, Albert CM. Caffeine consumption and incident atrial fibrillation in women. Am J Clin Nutr. 2010;92:509–514. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

11. Wilhelmsen L, Rosengren A, Lappas G. Hospitalizations for atrial fibrillation in the general male population: morbidity and risk factors. J Intern Med. 2001;250:382–389. [PubMed] [Google Scholar]

12. Abe SK, Saito E, Sawada N, Tsugane S, Ito H, Lin Y, Tamakoshi A, Sado J, Kitamura Y, Tsuji I, Nagata C, Sadakane A, Shimazu T, Mizoue T, Matsuo K, Naito M, Tanaka K, Inoue M; Research Group for the Development and Evaluation of Cancer Prevention Strategies in Japan . Coffee consumption and mortality in Japanese men and women: a pooled analysis of eight population‐based cohort studies in Japan (Japan Cohort Consortium). Prev Med. 2019;123:270–277. [PubMed] [Google Scholar]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.