L’esposizione regolare alla cannabis può avere un impatto dannoso sulla socialità

0
147

L’esposizione regolare alla cannabis può avere un impatto dannoso sulla socialità. Per alcuni consumatori, gli studi dimostrano che può portare al ritiro e alla riduzione delle interazioni sociali.

Tuttavia, la rete cerebrale e i meccanismi coinvolti in questa relazione non erano chiari fino ad ora.

Per saperne di più sull’argomento, un gruppo guidato dal ricercatore Inserm Giovanni Marsicano presso NeuroCenter Magendie (Inserm / Université de Bordeaux) ha unito le forze con un team spagnolo dell’Università di Salamanca guidato da Juan Bolaños.

Più in generale, il loro lavoro mira a migliorare la nostra conoscenza di come funzionano i recettori dei cannabinoidi (i recettori del cervello che interagiscono con i composti chimici nella cannabis).

Nel loro studio pubblicato sulla rivista Nature, i ricercatori mostrano che dopo l’esposizione alla cannabis , si verificano cambiamenti comportamentali legati alla socievolezza a seguito dell’attivazione di specifici recettori dei cannabinoidi , situati in cellule a forma di stella del sistema nervoso centrale chiamate astrociti.

Recettori e mitocondri dei cannabinoidi

Questi risultati sono il risultato di quasi un decennio di duro lavoro. Nel 2012 Marsicano e il suo team avevano fatto una scoperta sorprendente: i recettori dei cannabinoidi non sono presenti solo sulla membrana cellulare, come si credeva in precedenza.

Alcuni di questi recettori si trovano anche sulla membrana dei mitocondri, gli organelli intracellulari il cui ruolo è quello di fornire alle cellule l’energia di cui hanno bisogno.

Questo nuovo studio arriva dopo che il team ha identificato i recettori dei cannabinoidi situati sulla membrana dei mitocondri all’interno degli astrociti.

Tra le altre funzioni, queste cellule svolgono un ruolo molto importante nel metabolismo energetico del cervello. Catturano il glucosio dal sangue e lo metabolizzano in lattato, che funge da “alimento” per i neuroni.

“Data l’importanza degli astrociti e del consumo di energia per le funzioni cerebrali, volevamo capire il ruolo di questi specifici recettori dei cannabinoidi e le conseguenze per il cervello e il comportamento quando esposti alla cannabis “, spiega Marsicano.

I ricercatori hanno quindi esposto i topi al cannabinoide THC, il principale composto psicoattivo della cannabis. Hanno osservato che l’attivazione persistente dei recettori dei cannabinoidi mitocondriali localizzati negli astrociti ha provocato una cascata di processi molecolari che porta alla disfunzione del metabolismo del glucosio negli astrociti.

Di conseguenza, la capacità degli astrociti di trasformare il glucosio in “cibo” per i neuroni è stata ridotta. In assenza del necessario apporto energetico, il funzionamento dei neuroni è stato compromesso negli animali, con un impatto dannoso sul comportamento. 

In particolare, le interazioni sociali sono diminuite fino a 24 ore dopo l’esposizione al THC.

“Il nostro studio è il primo a dimostrare che il declino della socievolezza talvolta associato all’uso della cannabis è il risultato dell’alterato metabolismo del glucosio nel cervello. Inoltre apre nuove strade di ricerca per trovare soluzioni terapeutiche per alleviare alcuni dei problemi comportamentali derivanti dall’esposizione alla cannabis. 

Inoltre, rivela l’impatto diretto del metabolismo energetico degli astrociti sul comportamento “, afferma Marsicano.

In un momento in cui il dibattito sulla cannabis terapeutica sta tornando alla ribalta, i ricercatori credono anche che questo tipo di lavoro sia necessario per capire meglio come i vari recettori dei cannabinoidi del corpo interagiscono con il farmaco e se qualcuno di essi è particolarmente associato a effetti. 

Tale ricerca consentirebbe di garantire la gestione ottimale dei pazienti che potrebbero aver bisogno di questo tipo di terapia.


Con circa 200 milioni di utenti in tutto il mondo, la cannabis è in testa per quanto riguarda il numero di persone che usano una droga a scopi ricreativi [1]. La crescente popolarità della cannabis ha visto un parallelo aumento dell’interesse pubblico nella sua sicurezza.

L’accumulazione di prove associa l’uso della cannabis a diversi effetti avversi comportamentali, fisiologici e neurali [2], con studi acuti di sfida che implicano una relazione causale per tali associazioni [3].

In effetti, studi sull’impatto a lungo termine della cannabis suggeriscono lo sviluppo di tolleranza [2] e dipendenza [4] su un uso prolungato. Tuttavia, gli effetti dannosi della cannabis sono ancora dibattuti, in particolare la loro gravità e se sono di natura duratura.

È interessante notare che, in una matrice di nove categorie di danno fisico e sociale di droghe sia illecite che legali, la cannabis non ha ottenuto un punteggio tra i primi 10, mentre l’alcol e il tabacco [5]. 

La funzione cognitiva è uno dei domini maggiormente studiati con riferimento al consumo di cannabis, ma anche uno di quelli che generano i risultati più contrastanti, con non tutti gli studi che indicano prestazioni cognitive più scarse in individui altrimenti sani o pazienti con un grave disturbo mentale e persino qualche evidenza di migliori prestazioni nei pazienti con psicosi che usano cannabis [6].

Gli studi sugli effetti della cannabis sulla cognizione condotti negli ultimi cinque decenni hanno progressivamente sviluppato una relazione di natura complessa, in cui entrano in gioco diversi fattori. 

In primo luogo, l’evidenza indica effetti disgregativi non uniformi della cannabis in diversi domini cognitivi [7].

In secondo luogo, il background genetico può determinare una diversa suscettibilità individuale ai disturbi cognitivi indotti dalla cannabis [8,9]. 

In terzo luogo, la cognizione sembra essere il dominio che ha maggiori probabilità di dimostrare tolleranza in caso di esposizione ripetuta, con alcune prove di piena tolleranza che indicano una completa assenza di effetti acuti [2,10,11].

In quarto luogo, la composizione e i modelli d’uso della cannabis svolgono un ruolo rilevante, con entrambe le varietà di cannabis ad alta potenza, vale a dire la cannabis ad alta concentrazione del componente psicoattivo delta-9-tetraidrocannabinolo (Δ9-THC) [12] e un uso frequente di cannabis, ad esempio, ogni giorno [13], essendo associato a disturbi cognitivi più pronunciati, supportando così un effetto collaterale negativo di Δ9-THC.

In quinto luogo, i cannabinoidi sintetici, che agiscono come più potenti agonisti del recettore dei cannabinoidi di tipo 1 rispetto al Δ9-THC, esercitando così una più grave interruzione del sistema endocannabinoide, hanno dimostrato di indurre menomazioni cognitive più evidenti in soggetti sani, che sono indistinguibili da quelli osservati nella psicosi [14].

Infine, l’uso della cannabis nell’adolescenza può portare a gravi deficit cognitivi, a causa del farmaco che interferisce con la maturazione del cervello [15].

Un interessante articolo di revisione aggiornato, “Gli effetti dei cannabinoidi sulle funzioni esecutive: prove della cannabis e dei cannabinoidi sintetici — una revisione sistematica”, pubblicato su Brain Sciences, riunisce diverse linee di ricerca sugli effetti della cannabis sulla cognizione, tra cui prove precliniche contro cliniche, effetti acuti rispetto a lungo termine, esposizione occasionale contro regolare ed cannabinoidi organici contro sintetici [16].

Tale strategia sottolinea l’importanza di interpretare del tutto le prove disponibili, per superare i rischi di interpretare il fenomeno basato solo su dati parziali [17]. 

Altri meriti della revisione sono che applica rigorosi criteri di inclusione in termini di misure di risultato cognitivo, concentrandosi solo su misurazioni oggettive, oltre a districare gli effetti della cannabis su ciascun sottodominio della funzione esecutiva.

Le funzioni cognitive di alto livello invocano combinazioni di diversi processi componenti e vi sono prove che i cambiamenti nel funzionamento cognitivo, ad esempio a causa dell’invecchiamento, hanno maggiori probabilità di essere mascherati quando si utilizzano misure cognitive più generali rispetto all’uso di abilità più specifiche [ 18].

È quindi plausibile che lo stesso accada con riferimento agli effetti del consumo di cannabis. Concentrandosi sulle tre funzioni esecutive fondamentali, attenzione, memoria di lavoro e flessibilità cognitiva, separatamente [19], gli autori fanno un nobile tentativo di affrontare questo potenziale problema.

Inoltre, escludendo gli studi condotti su partecipanti con disturbi psichiatrici o di consumo di sostanze, la revisione ha escluso due importanti argomenti che avrebbero potuto ostacolare le sue conclusioni; vale a dire, la spiegazione alternativa che l’associazione tra cannabis e deficit cognitivi sarebbe guidata dall’uso di altre sostanze o da caratteristiche psicopatologiche coesistenti, rendendo i consumatori di cannabis meno competenti a livello cognitivo [20].

Nella recensione di Cohen e Weinstein, uno per uno, tutte le apparenti incongruenze della letteratura disponibile trovano una possibile spiegazione. L’esposizione ripetuta alla cannabis è più chiaramente associata alla manifestazione di menomazioni della funzione esecutiva.

L’evidenza indica una relazione dose-risposta per l’effetto della cannabis sulle funzioni esecutive, con utenti frequenti e utilizzatori di potenti forme di cannabis che presentano compromissioni cognitive più pronunciate.

L’esposizione ai cannabinoidi sintetici è più chiaramente associata a menomazioni di lunga durata. L’esposizione durante l’adolescenza aumenta la probabilità che tali menomazioni siano più gravi e persistenti in età adulta.

Gli esatti meccanismi alla base degli effetti avversi della cannabis sulla cognizione non sono completamente chiari. Tuttavia, l’implementazione di studi sull’effetto dei cannabinoidi sulla cognizione in un progetto di risonanza magnetica (MRI) può aiutare a comprendere i meccanismi neurobiologici sottostanti [6].

Coerentemente, le prove da studi di risonanza magnetica strutturali esaminati qui supportano un’associazione tra l’uso cronico di cannabis e ridotti volumi di materia grigia nelle regioni cerebrali rilevanti per i processi cognitivi, tra cui l’ippocampo e l’amigdala, con l’estensione di tali alterazioni correlate all’età di esordio, frequenza, e gravità del consumo di cannabis.

Allo stesso modo, gli studi di risonanza magnetica funzionale indicano un’attività cerebrale controversa nelle regioni coinvolte nell’elaborazione di diversi compiti cognitivi in ​​funzione del consumo di cannabis. 

È interessante notare che alcune di queste prove suggeriscono che, durante l’esecuzione di un compito cognitivo, l’attività cerebrale dei consumatori di cannabis potrebbe essere interrotta, anche in assenza di una prestazione comportamentale meno competente, riflettendo un tentativo di sostenere la prestazione reclutando risorse neurali aggiuntive o diverse [21 ].

Ciò fornirebbe un’altra possibile spiegazione dell’assenza dell’effetto cannabis in quegli studi che valutano esclusivamente la componente comportamentale dell’elaborazione cognitiva [22].

Influenzando la funzione quotidiana, la socievolezza e i risultati a lungo termine dei pazienti, le menomazioni cognitive pongono importanti oneri socioeconomici sulla società e sui pazienti stessi, ponendo anche sfide significative per gli operatori sanitari [23].

Come sottolinea Cohen e Weinstein, capire come diversi cannabinoidi possono modulare i processi cognitivi può far luce sui meccanismi neurobiologici che aumentano il rischio di menomazioni cognitive di lunga durata nei normali consumatori di cannabis.

Inoltre, l’uso di cannabis può aumentare il rischio di sviluppare disordini neuropsichiatrici invalidanti, come la psicosi [24], e la disfunzione cognitiva è una caratteristica fondamentale di tali disturbi [23].

È interessante notare che alterazioni degli endocannabinoidi sono state implicate nella fisiopatologia della psicosi, indipendentemente dall’uso di cannabis [25]. Sulla base di queste prove, insieme all’implementazione di terapie riabilitative comportamentali e cognitive per questi pazienti, esiste anche un caso convincente per lo studio del sistema endocannabinoide nello sviluppo di nuovi trattamenti psicofarmacologici [26].

Riferimenti

1. Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina. Gli effetti sulla salute della cannabis e dei cannabinoidi: lo stato attuale delle prove e raccomandazioni per la ricerca. The National Academies Press; Washington, DC, USA: 2017. [ Google Scholar ]

2. Colizzi M., Bhattacharyya S. Uso di cannabis e sviluppo della tolleranza: una revisione sistematica delle prove umane. Neurosci. Biobehav. Rev. 2018; 93: 1–25. doi: 10.1016 / j.neubiorev.2018.07.014. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

3. Colizzi M., Weltens N., McGuire P., Lythgoe D., Williams S., Van Oudenhove L., Bhattacharyya S. Delta-9-tetraidrocannabinolo aumentano i livelli di glutammato striatale in soggetti sani: implicazioni per la psicosi. Mol. Psichiatria. 2019: 1. doi: 10.1038 / s41380-019-0374-8. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

4. Degenhardt L., Ferrari AJ, Calabria B., Hall WD, Norman RE, McGrath JJ, Flaxman AD, Engell RE, Freedman GD, Whiteford HA, et al. L’epidemiologia globale e il contributo dell’uso della cannabis e la dipendenza dall’onere globale della malattia: risultati dello studio GBD 2010. PIÙ UNO. 2013; 8: e76635. doi: 10.1371 / journal.pone.0076635. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

5. Nutt DJ, A King L., Saulsbury W., Blakemore C. Sviluppo di una scala razionale per valutare il danno delle droghe in caso di uso improprio. Lancetta. 2007; 369: 1047-1053. doi: 10.1016 / S0140-6736 (07) 60464-4. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

6. Colizzi M., Bhattacharyya S. Effetti neurocognitivi della cannabis: lezioni apprese da studi sperimentali sull’uomo. Prog. Brain Res. 2018; 242: 179-216. [ PubMed ] [ Google Scholar ]

7. Lovell M., Akhurst J., Padgett C., Garry MI, Matthews A. Risultati cognitivi associati all’uso a lungo termine, regolare e ricreativo di cannabis negli adulti: una meta-analisi. Exp. Clin. Psychopharmacol. 2019 doi: 10.1037 / pha0000326. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

8. Taurisano P., Antonucci LA, Fazio L., Rampino A., Romano R., Porcelli A., Masellis R., Colizzi M., Quarto T., Torretta S., et al. L’attività prefrontale durante la memoria di lavoro è modulata dall’interazione della variazione nei geni codificanti CB1 e COX2 e si correla con la frequenza dell’uso di cannabis. Corteccia. 2016; 81: 231-238. doi: 10.1016 / j.cortex.2016.05.010. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

9. Colizzi M., Fazio L., Ferranti L., Porcelli A., Masellis R., Marvulli D., Bonvino A., Ursini G., Blasi G., Bertolino A. Variazione genetica funzionale del recettore dei cannabinoidi I e l’uso di cannabis interagisce sulla connettività prefrontale e sul comportamento della memoria di lavoro correlata. Neuropsychopharmacology. 2015; 40: 640-649. doi: 10.1038 / npp.2014.213. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

10. Colizzi M., McGuire P., Giampietro V., Williams S., Brammer M., Bhattacharyya S. La precedente esposizione alla cannabis modula gli effetti acuti del delta-9-tetraidrocannabinolo sulla salienza dell’attenzione e sull’elaborazione della paura. Exp. Clin. Psychopharmacol. 2018; 26: 582-598. doi: 10.1037 / pha0000221. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

11. Colizzi M., McGuire P., Giampietro V., Williams SC, Brammer M., Bhattacharyya S. Modulazione degli effetti acuti del delta-9-tetraidrocannabinolo sugli effetti psicotomimetici, cognizione e funzione cerebrale mediante precedente esposizione alla cannabis. Euro. Neuropsychopharmacol. 2018; 28: 850-862. doi: 10.1016 / j.euroneuro.2018.04.003. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

12. Colizzi M., Bhattacharyya S. La composizione della cannabis conta? Effetti differenziali di Delta-9-tetraidrocannabinolo e Cannabidiolo sulla cognizione umana. Curr. Dipendente. Rep. 2017; 4: 62–74. doi: 10.1007 / s40429-017-0142-2. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

13. Meier MH, Caspi A., Ambler A., ​​Harrington H., Houts R., Keefe RSE, McDonald K., Ward A., Poulton R., Moffitt T. I consumatori persistenti di cannabis mostrano un declino neuropsicologico dall’infanzia alla mezza età. Proc. Natl. Acad. Sci. STATI UNITI D’AMERICA. 2012; 109: E2657-E2664. doi: 10.1073 / pnas.1206820109. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

14. Altıntaş M., Inanc L., Oruc GA, Arpacioglu S., Gulec H. Caratteristiche cliniche della psicosi sintetica indotta da cannabinoidi in relazione alla schizofrenia: un’analisi trasversale a centro singolo di pazienti ospedalizzati contemporaneamente. Neuropsychiatr. Dis. Trattare. 2016; 12: 1893-1900. doi: 10.2147 / NDT.S107622. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

15. Hurd YL, Manzoni OJ, Pletnikov MV, Lee FS, Bhattacharyya S., Melis M. Cannabis e il cervello in via di sviluppo: approfondimenti sui suoi effetti di lunga durata. J. Neurosci. 2019; 39: 8250-8258. doi: 10.1523 / JNEUROSCI.1165-19.2019. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

16. Cohen K., Weinstein AM Gli effetti dei cannabinoidi sulle funzioni esecutive: prove della cannabis e dei cannabinoidi sintetici: una revisione sistematica. Brain Sci. 2018; 8: 40. doi: 10.3390 / brainsci8030040. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

17. Loke YK, Price D., Herxheimer A. Revisioni sistematiche degli effetti avversi: quadro per un approccio strutturato. BMC Med. Res. Methodol. 2007; 7: 32. doi: 10.1186 / 1471-2288-7-32. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

18. Harada CN, Love MN, Triebel K. Normale invecchiamento cognitivo. Clin. Geriatr. Med. 2013; 29: 737-752. doi: 10.1016 / j.cger.2013.07.002. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

19. Diamond A. Funzioni esecutive. Annu. Rev. Psychol. 2013; 64: 135-168. doi: 10.1146 / annurev-psych-113011-143750. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

20. Haney M., Evins AE La cannabis provoca, aggrava o migliora i disturbi psichiatrici? Discussione di un dibattito semplificato. Neuropsychopharmacology. 2015; 41: 393-401. doi: 10.1038 / npp.2015.251. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

21. Bossong MG, Jager G., Bhattacharyya S., Allen P. Effetti acuti e non acuti della cannabis sulla funzione della memoria umana: una revisione critica degli studi di neuroimaging. Curr. Pharm. Des. 2014; 20: 2114-2125. doi: 10.2174 / 13816128113199990436. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

22. Papa HG, Gruber AJ, Yurgelun-Todd D. Effetti neuropsicologici residui della cannabis. Curr. Psychiatry Rep. 2001; 3: 507–512. doi: 10.1007 / s11920-001-0045-7. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

23. Stuchlik A., Sumiyoshi T. Deficit cognitivi nella schizofrenia e altri disturbi neuropsichiatrici: convergenza delle prove precliniche e cliniche. Davanti. Behav. Neurosci. 2014; 8: 444. doi: 10.3389 / fnbeh.2014.00444. [ Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

24. Colizzi M., Murray R. Cannabis e psicosi: cosa sappiamo e cosa dovremmo fare? Br. J. Psychiatry. 2018; 212: 195-196. doi: 10.1192 / bjp.2018.1. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

25. Appiah-Kusi E., Wilson R., Colizzi M., Foglia E., Klamerus E., Caldwell A., Bossong MG, McGuire P., Bhattacharyya S. Trauma infantile ed essere a rischio di psicosi sono associati a endocannabinoidi periferici superiori. Psychol. Med. 2019: 1-10. doi: 10.1017 / S0033291719001946. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

26. O’Neill A., Wilson R., Blest-Hopley G., Annibale L., Colizzi M., Brammer M., Giampietro V., Bhattacharyya S. Normalizzazione dell’attività medio-temporale e prefrontale e connettività medio-temporale-striatale, può essere alla base degli effetti antipsicotici del cannabidiolo nella psicosi. Psychol. Med. 2020; 2020: 1-11. doi: 10.1017 / S0033291719003519. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]


Ulteriori informazioni:  Il metabolismo del glucosio collega i mitocondri astrogliali agli effetti dei cannabinoidi,  Natura  (2020). DOI: 10.1038 / s41586-020-2470-y  ,  www.nature.com/articles/s41586-020-2470-y

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.