Francia: primo caso confermato di un neonato infettato nell’utero dalla madre con COVID-19

0
151

I medici in Francia hanno descritto quello che hanno detto essere il primo caso confermato di un neonato infetto nell’utero con COVID-19 dalla madre.

Il bambino, nato a marzo, ha sofferto di gonfiore cerebrale e sintomi neurologici associati al COVID-19 negli adulti , ma da allora si è ripreso, hanno riferito martedì sulla rivista Nature Communications.

Ricerche precedenti avevano indicato la probabile trasmissione del virus dalla madre al feto, ma lo studio offre le prime prove concrete, ha affermato l’autore senior Daniele De Luca, un medico dell’ospedale Antoine Beclere vicino a Parigi.

“Abbiamo dimostrato che la trasmissione dalla madre al feto attraverso la placenta è possibile durante le ultime settimane di gravidanza”, ha detto.

La scorsa settimana, i ricercatori in Italia hanno affermato che i dati su 31 donne in gravidanza ricoverate in ospedale con COVID-19 “hanno fortemente suggerito” che il virus potrebbe essere trasmesso a bambini non ancora nati.

Uno studio JAMA a marzo che riportava un numero simile di pazienti in gravidanza con COVID-19 è giunto a una conclusione simile.

Ma le prove sono rimaste circostanziali.

“È necessario analizzare il sangue materno, il liquido amniotico, il sangue del neonato, la placenta, eccetera”, ha detto De Luca al telefono.

“Ottenere tutti questi campioni durante una pandemia con emergenze ovunque non è stato facile. Questo è il motivo per cui è stato sospettato ma mai dimostrato. “

De Luca e il suo team hanno raccolto questi dati per il caso di una donna incinta sui vent’anni ricoverata nel suo ospedale all’inizio di marzo.

Poiché il bambino è stato partorito con taglio cesareo, tutte le potenziali fonti e serbatoi del virus sono rimasti intatti.

La concentrazione di SARS-CoV-2 , il nome tecnico dato al virus, era più alta nella placenta, i ricercatori hanno scoperto.

“Da lì è passato attraverso il cordone ombelicale al bambino, dove si sviluppa”, ha detto De Luca. “Questo è il percorso di trasmissione.”

Fig. 5
a  L’intensa positività citoplasmatica marrone delle cellule trofoblastiche peri-villo nella placenta del nostro caso (frecce). b ,  c  Due controlli negativi (anticorpo primario, due placentas negative SARS-CoV-2).

‘Cattive notizie’

Il bambino ha iniziato a sviluppare sintomi gravi 24 ore dopo la nascita, tra cui rigidità del corpo, danni alla sostanza bianca nel cervello ed estrema irritabilità.

Ma prima che i medici potessero accontentarsi di un ciclo di trattamento, i sintomi iniziarono a retrocedere. Entro tre settimane, il neonato si era quasi completamente ripreso da solo.

Tre mesi dopo, sua madre non ha sintomi.

“La cattiva notizia è che questo è realmente accaduto e può accadere”, ha detto De Luca. “La buona notizia è che è raro, molto raro rispetto alla popolazione globale.”

Tra le migliaia di bambini nati da madri con COVID-19, non più dell’uno o due percento si sono dimostrati positivi per il virus e ancora meno mostrano sintomi gravi, ha affermato Marian Knight, professore di salute della popolazione materna e infantile all’Università di Oxford che non è stata coinvolta nella ricerca.

Fig. 4
a  Le lesioni macroscopiche della deposizione di fibrina perivillo con infarto, come filamenti irregolari di indurimento giallo-bianco pallido (freccia). b  Lesioni microscopiche di intervillosite caratterizzate da un infiltrato di spazi intermedi costituiti da neutrofili e istiociti (freccia) (colorazione HES, ingrandimento originale × 400). c  L’interillosite con diversi istiociti CD68 positivi (freccia); i neutrofili sono negativi con questo anticorpo anti-macrofagi (immunoistochimica anti-CD68, ingrandimento originale × 400).

“Il messaggio più importante per le donne in gravidanza rimane quello di evitare le infezioni prestando attenzione al lavaggio delle mani e alle misure di allontanamento sociale”, ha affermato.

Altri hanno affermato che il case study ha fatto luce su come il virus passa da madre a figlio.

“Questo rapporto aggiunge conoscenza a un possibile meccanismo di trasferimento al bambino, attraverso la placenta”, ha commentato Andrew Shennan, professore di ostetricia al King’s College di Londra.

“Ma le donne possono essere rassicurate sul fatto che la gravidanza non è un fattore di rischio significativo per loro o per i loro bambini con COVID-19”.


Discussione

Segnaliamo un caso provato di trasmissione transplacentare di SARS-CoV-2 da una donna incinta affetta da COVID-19 durante la gravidanza avanzata alla sua prole. Altri casi di potenziale trasmissione perinatale sono stati recentemente descritti, ma hanno presentato diversi problemi non affrontati.

Ad esempio, alcuni non sono riusciti a rilevare SARS-CoV-2 nei neonati o hanno riportato solo la presenza di anticorpi specifici 1 , 2 , 4 ; altri hanno trovato il virus nei campioni neonati ma la via di trasmissione non era chiara in quanto la placenta, il liquido amniotico e il sangue materno o neonato non erano sistematicamente testati in ogni coppia madre-bambino 3 , 5 , 6 , 11 , 12 .

Una classificazione per la definizione del caso di infezione da SARS-CoV-2 in donne in gravidanza, feti e neonati è stata recentemente rilasciata e suggeriamo di seguirla per caratterizzare i casi di potenziale trasmissione SARS-CoV-2 perinatale.

Secondo questo sistema di classificazione, si considera provata un’infezione congenita neonatale se il virus viene rilevato nel liquido amniotico raccolto prima della rottura delle membrane o nel sangue prelevato all’inizio della vita, quindi il nostro caso si qualifica pienamente come SARS-CoV-2 trasmesso congenitamente infezione, mentre i casi sopra menzionati sarebbero classificati come possibili o addirittura improbabili 13 .

Un altro rapporto recente descrive un caso con risultati simili alla placenta, ma è stato classificato solo come probabile caso di infezione da SARS-CoV-2 congenita, poiché il cordone e il sangue del neonato non avrebbero potuto essere testati 14 .

Entrambi i geni “E” e “S” di SARS-CoV-2 sono stati trovati in ogni singolo campione, quindi sono stati considerati tutti positivi, secondo le raccomandazioni del Centro europeo per il controllo delle malattie ( https: //www.ecdc.europa. eu / it / all-argomenti-z / coronavirus / minacce-e-focolai / covid-19 / supporto di laboratorio / domande ).

Da notare che la carica virale è molto più elevata nel tessuto placentare rispetto al liquido amniotico o al sangue materno: questo suggerisce la presenza del virus nelle cellule della placenta, che è coerente con i risultati dell’infiammazione osservata all’esame istologico.

Infine, le curve RT-PCR dei tamponi nasofaringei neonatali a 3 e 18 giorni di vita sono superiori a quelle del primo giorno (mentre il bambino era completamente isolato in una sala a pressione negativa): questa è anche un’altra conferma che abbiamo osservato un infezione neonatale reale, piuttosto che una contaminazione.

Pertanto, questi risultati suggeriscono che:

(1) si è verificata viremia materna e il virus ha raggiunto la placenta, come dimostrato dall’immunoistochimica;

(2) il virus sta causando una significativa reazione infiammatoria, come dimostrato dall’altissima carica virale, dall’esame istologico e dall’immunoistochimica;

(3) si è verificata viremia neonatale a seguito di infezione della placenta. I nostri risultati sono anche coerenti con un caso di studio che descrive la presenza di virioni nel tessuto placentare, sebbene ciò non abbia riportato né infiammazione della placenta, né infezione fetale / neonatale 15 .

La placenta mostrava segni di infiammazione intermittente acuta e cronica coerente con il grave stato infiammatorio materno sistemico innescato dall’infezione SARS-CoV-2. Poiché la RT-PCR sul tessuto placentare era positiva per SARS-CoV-2 e anche i campioni di sangue materno e neonatale erano positivi, la trasmissione avveniva chiaramente attraverso la placenta.

È interessante notare che le placentas di donne affette da SARS-CoV-1 presentavano risultati patologici simili di intervillosite, con deposizione di fibrina intermittente 16 . L’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) è noto per essere il recettore della SARS-CoV-2 ed è altamente espresso nei tessuti della placenta 17 .

I dati sugli animali mostrano che l’espressione di ACE2 cambia nel tempo nei tessuti fetale / neonatale e raggiunge un picco tra la fine della gestazione e i primi giorni di vita postnatale 17 .

La combinazione di questi dati e i nostri risultati confermano che la trasmissione transplacentare è effettivamente possibile nelle ultime settimane di gravidanza, sebbene non possiamo escludere una possibile trasmissione e conseguenze fetali all’inizio durante la gravidanza, poiché non sono ancora disponibili dati di letteratura definiti.

È interessante notare che abbiamo descritto un caso di infezione congenita associata a manifestazioni neurologiche a seguito di viremia neonatale. Infezioni da SARS-CoV-2 neonatali sospette presentate con sintomi non specifici 4  o polmonite 3 , mentre i sintomi neurologici sono comunemente osservati nei pazienti adulti, soprattutto a causa della risposta infiammatoria 18 , 19 .

Manifestazioni neurologiche precoci sono state osservate anche in un altro neonato nato da madre positiva per SARS-CoV-2, sebbene la trasmissione verticale non sia stata completamente studiata 12 . Al contrario, dopo la viremia, il nostro caso presentava chiaramente sintomi neurologici e risultati infiammatori nel liquido cerebrospinale.

Non c’erano altre infezioni virali o batteriche e tutti gli altri disturbi neonatali che potenzialmente causavano queste manifestazioni cliniche erano esclusi. Neuroimaging indicava costantemente una lesione della sostanza bianca, che può essere causata dall’infiammazione vascolare indotta dall’infezione SARS-CoV-2, poiché immagini simili sono state trovate aneddoticamente in pazienti adulti 20 , 21 .

In conclusione, abbiamo dimostrato che la trasmissione transplacentare dell’infezione da SARS-CoV-2 è possibile durante le ultime settimane di gravidanza. La trasmissione transplacentare può causare infiammazione della placenta e viremia neonatale. Possono anche essere associati sintomi neurologici dovuti a vasculite cerebrale.


Informazioni sul diario: Nature Communications

Cita questo articolo

Vivanti, AJ, Vauloup-Fellous, C., Prevot, S.  et al.  Trasmissione transplacentare di infezione da SARS-CoV-2. Nat Commun  11,  3572 (2020). https://doi.org/10.1038/s41467-020-17436-6

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.