La cannabis colpisce la memoria di lavoro degli adolescenti e il suo effetto deleterio è più pronunciato nelle ragazze

0
101

L’uso precoce della cannabis influisce sulla memoria di lavoro degli adolescenti, ma il suo effetto deleterio è più pronunciato nelle ragazze, mettendo a rischio il loro successo accademico e la loro memoria quando raggiungono l’età adulta.

Questi sono i risultati di uno studio condotto da Sima Noorbakhsh del CHU Sainte-Justine Research Center, sotto la direzione della professoressa Patricia Conrod del Dipartimento di Psichiatria e Addictology dell’Università di Montréal.

Questo lavoro è oggetto di un articolo scientifico pubblicato all’inizio di aprile sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience.

Uno studio di cinque anni

Fatto in collaborazione con il personale direttivo e docente di 31 scuole superiori nell’area della Grande Montreal, il progetto di ricerca consisteva nell’utilizzare sondaggi e vari test neuropsicologici per valutare l’impatto del consumo di cannabis e alcol sulla memoria e sulle prestazioni cognitive di 3.826 studenti.

“Le loro risposte, ottenute su base annuale, sono state raccolte in un periodo di cinque anni, consentendo ai ricercatori di seguire una coorte di studenti dall’inizio alla fine dei loro studi delle scuole superiori”, ha detto Conrod.

Oltre ai sondaggi per determinare l’evoluzione del consumo di droga tra i giovani, sono stati utilizzati test neuropsicologici per misurare la loro memoria di lavoro, ricordare la memoria, il ragionamento percettivo e il controllo inibitorio.

Le ragazze sono più colpite

Nel complesso, i sondaggi hanno mostrato un graduale aumento dell’uso di alcol e marijuana dai gradi 1 a 5 tra i ragazzi e le ragazze.

I test neuropsicologici hanno dimostrato che il consumo di alcol non è associato a una significativa riduzione delle prestazioni cognitive e mnemoniche, tuttavia non è questo il caso dell’uso di cannabis.

In effetti, i risultati hanno rivelato una diminuzione delle prestazioni sia nei ragazzi che nelle ragazze durante i test, nonché un effetto più dannoso sulla memoria di lavoro tra coloro che hanno usato la cannabis presto, all’inizio del liceo.

Cosa spiega questa differenza?

“La memoria di lavoro, che implica la capacità di elaborare e archiviare informazioni in un breve periodo di tempo, è correlata alla corteccia prefrontale”, ha risposto Conrod. “Questa è l’ultima regione del cervello a svilupparsi negli adolescenti, ma questo sviluppo si verifica prima nelle ragazze che nei ragazzi.”

“Diversi studi hanno dimostrato che l’uso precoce della marijuana influisce sulla maturazione della corteccia prefrontale e i nostri risultati li confermano: le ragazze che riferiscono di usare cannabis nella prima adolescenza mostrano un deficit nella memoria di lavoro entro la fine del liceo rispetto alle ragazze che hanno usato in seguito. ”

Prevenire l’uso precoce

Lo studio rivela anche che esiste una differenza di genere nelle conseguenze negative dell’uso precoce di cannabis sullo sviluppo del cervello e, in particolare, nell’area relativa alla memoria di lavoro.

I dati raccolti da Noorbakhsh e Conrod mostrano anche che quando raggiunsero il Grado 5, cioè prima dell’età adulta, “quasi l’80% dei partecipanti ha riferito di aver usato cannabis”, scrivono i ricercatori.

“Più del 10% delle ragazze canadesi di età pari o superiore a 15 anni ha usato marijuana nell’ultimo anno, secondo i dati di Statistics Canada 2018, e sappiamo che gli studenti che fumano cannabis hanno una probabilità 2,3 volte maggiore di abbandonare la scuola rispetto a quelli che non farlo “, disse Conrod.

Inoltre, ci sono prove che l’uso regolare di cannabis ha effetti a lungo termine sulla capacità di attenzione e sulla memoria, nonché sulle prestazioni accademiche, ha aggiunto.

“Anche se la legge che vieta l’uso della marijuana prima dei 18-21 anni in Quebec è una buona cosa, non cambia il comportamento degli adolescenti”, ha detto.

“Dobbiamo prevenire meglio il suo uso precoce attraverso strategie che coinvolgeranno genitori, scuole e dipartimenti di sanità pubblica, attraverso interventi che mireranno e raggiungeranno i giovani, perché è in gioco la loro salute mentale a lungo termine”.

Un caso tipico nella situazione di consulenza nel sistema sanitario pubblico tedesco è un giovane adulto che è stato inviato dal centro per l’impiego e che ha bisogno di sostegno dopo aver interrotto la sua prima istruzione perché sentiva che questo non gli andava bene e che falliva durante la seconda istruzione perché era sopraffatto dalle condizioni e dai requisiti richiesti dal formatore.

Il giovane adulto sembra sfocato, la sua memoria è imprecisa, in particolare la memoria a breve termine, e l’affetto è indifferente e un po ‘confuso. L’intelligenza è nel range normale. È stato riferito che ha una mancanza nella struttura quotidiana.

Un’esplorazione più profonda mostra che ha iniziato a usare la cannabis, prima come giunture di marijuana, poi come dab, con 15 anni a scuola. Con 17 anni, ha interrotto la scuola e ha iniziato l’istruzione.

Questo è un esempio molto tipico visto oggi spesso in varie situazioni di consulenza. La cannabis con i suoi vari preparati viene spesso utilizzata dagli adolescenti. In uno studio trasversale comprendente tutti gli alunni delle decime classi di una contea della Germania orientale, è stato riscontrato che il 25% degli alunni con un’età media di 16 anni utilizzava cannabis [1].

Una prevalenza simile è stata segnalata da altri: a Francoforte, in Germania, il 35% degli alunni ha avuto esperienza con il consumo di cannabis [2], e in tutta la Germania il rapporto 2016 della Bundesregierung mostra il 3,1% di droghe illegali nel gruppo di persone di età compresa tra 18 e 20 anni e il 23% di cannabis [3].

In Francia il 24% degli alunni della nona elementare [4], il 40,5% dei ragazzi e delle ragazze dai 15 ai 16 anni nel Regno Unito [5], il 36% dei ragazzi e il 38% delle ragazze degli adolescenti nella Repubblica ceca , Il 28% dei ragazzi e il 25% delle ragazze adolescenti in Slovacchia e il 28% dei ragazzi e il 20% delle ragazze adolescenti in Polonia [6] hanno consumato cannabis.

Il modo più comune di somministrazione è il fumo. In questo caso, l’effetto massimo si verifica dopo circa 15 minuti e dura circa 1 ora. Se somministrato per via orale, l’assorbimento è più lento e l’effetto inizia con ritardo.

Oltre a ciò, esiste un campo crescente per l’uso e la valutazione delle indicazioni dei cannabinoidi in medicina (vedi [7]). Questo dovrebbe essere chiaramente separato dall ‘”abuso”, che è l’argomento della presente recensione sugli effetti dell’abuso di cannabis negli adolescenti e negli adulti.

Secondo i dati attuali, nei paesi dell’Europa centrale circa 1/4 o 1/3 degli adolescenti consumano cannabis.

La frequenza di consumo non è esattamente nota. Tuttavia, secondo i dati del Drogenbeauftragte der Bundesregierung 2019, l’1,2% degli adolescenti (12-17 anni) consuma regolarmente, il 3,1% ha consumato almeno una volta negli ultimi 30 giorni e l’8,0% ha consumato almeno una volta negli ultimi 12 mesi [8].

Nei giovani di età compresa tra 18 e 25 anni, il 5,9% consuma regolarmente, il 9,2% negli ultimi 30 giorni e il 22,0% negli ultimi 12 mesi. I dati per gli adulti di età compresa tra 18 e 59 anni erano rispettivamente dell’1,2, 3,4 e 8,3% [8]. Una questione importante in questo contesto è se l’esposizione alla cannabis nell’adolescenza può differire dagli effetti dell’esposizione in età adulta.

Nella popolazione tedesca di giovani adulti (18–25 anni), la prevalenza nel consumo di cannabis è di circa il 33% [3]. Nella popolazione adulta dai 18 ai 59 anni, questa prevalenza è del 30,2% [3].

Tuttavia, vi sono prove crescenti che i cannabinoidi influenzano il cervello dell’adulto e dell’adolescente in diversi modi: nei giovani, l’uso di cannabinoidi provoca deficit neuropsicologici di lunga durata [9] che non sono o sono meno pronunciati negli adulti [10, 11].

In un’altra indagine, gli autori hanno concluso che la durata dell’uso (piuttosto che la frequenza) può essere il fattore principale che contribuisce ai deficit cognitivi [12], mentre altri hanno dimostrato che l’inizio precoce dell’uso di cannabis è associato a deficit neuropsicologici [13]. L’obiettivo della presente revisione è discutere i meccanismi che possono essere alla base di questi effetti e differenze.

A tale scopo, la letteratura dal 1960 al 2019 (database PubMed) è stata studiata per le parole chiave “cannabis”, “marijuana”, “hashish”, “tetraidrocannabinolo”, “cannabidiolo”, “endocannabinoidi”, “adolescente” e “adulto” “.

Inoltre, sono stati inclusi rapporti sulle droghe provenienti da Germania e Paesi Bassi. Inoltre, il database IUPHAR è stato controllato per “recettore dei cannabinoidi”, “CB1”, “CB2” e “endocannabinoidi”.

Recettori della cannabis

I cannabinoidi agiscono tipicamente sui recettori della cannabis (CB). I principali recettori della cannabis CB1 e CB2 appartengono al gruppo dei recettori accoppiati a proteine ​​G (GPCR) e possono essere attivati ​​da endocannabinoidi endogeni, fitocannabinoidi o cannabinoidi sintetici [14].

Il CB1, codificato dal gene CNR1, è tipicamente accoppiato all’attività CA che sopprime Gi / o e alla formazione di cAMP, ma può passare a Gs o Gq [15]. Il sottotipo CB1 è espresso nel cervello (massima espressione nel bulbo olfattivo, ippocampo, gangli della base e cervelletto), nel sistema nervoso periferico (principalmente espresso nei terminali del nervo simpatico) e nei tessuti periferici come l’intestino, il cuore, il fegato, la riproduzione sistema, sistema immunitario e vie respiratorie in modo specifico per regione [15-18].

Gli agonisti non selettivi del CB1 sono HU-210, CP55940 e WIN55212-2 [19], gli agonisti selettivi del CB1 sono arachidonil-2-cloroetilammide, arachidonilciclopropilamide, O-1812 e R – (+) – etanandamide [20-23] , mentre il tetraidrocannabinolo (THC) agisce come un agonista parziale [19, 20]. Rimonabant e AM6545 sono usati come antagonisti al CB1 [19, 24].

Il secondo tipo di recettore della cannabis, il CB2, codificato dal gene CNR2, è anche un GPCR ed è tipicamente accoppiato a Gi / o. Gli agonisti di questo recettore sono HU-210, CP55940 e WIN55212-2 [19] e gli antagonisti sono SR144528 e AM-630 [25, 26]. Come nel CB1, il THC agisce come agonista parziale nel CB2 [19].

Il sottotipo CB2 è espresso in organi periferici con funzione immunitaria, come milza, tonsille, timo e cellule come macrofagi e leucociti. Il CB2 è presente anche nelle microglia e nelle strutture vascolari. Inoltre, il CB2 è espresso nei polmoni, nei testicoli e nel sistema nervoso centrale [27].

Oltre ai recettori CB1 CB1 e CB2, altre proteine ​​del recettore sono state identificate come possibili target per il sistema endocannabinoide come CPR55, GPR119 e il potenziale recettore transitorio vanilloide 1 (TRPV1) [14].

Mentre i recettori, il loro accoppiamento, i possibili agonisti e antagonisti sono stati caratterizzati, la funzione fisiologica o persino patofisiologica dei recettori dei cannabinoidi è ancora oggetto di discussione.

Farmacologicamente, i cannabinoidi sono usati a causa delle loro proprietà antinocicezione, antinfiammatoria, anticonvulsivante e antiemetica (ad es. Nella medicina del cancro) [15]. I mediatori fisiologici di CB1 e CB2 comprendono N-arachidonoil-etanolamina (AEA, anandamide) e 2-arachidonoylgylcerol (2-AG), che sono derivati ​​dell’acido arachidonico (vedi Fig. 1).

/WebMaterial/ShowPic/1207839
Fig. 1.
Struttura chimica degli endocannabinoidi (2-arachidonil glicerolo e anandamide) e dei fitocannabinoidi (tetraidrocannabinolo e cannabidiolo).


Fisiologicamente, il sistema endocannabinoide svolge un ruolo nel cervello nella depressione a breve e lungo termine a sinapsi eccitatorie e inibitorie da meccanismi di feedback negativo sul rilascio di neurotrasmettitori [28, 29].

L’auto-inibizione mediata dal CB1 è stata descritta nei neuroni dell’area CA1 nell’ippocampo e negli interneuroni neocorticali e in alcuni neuroni piramidali (per la revisione, vedere [15]). Nel cervello, la segnalazione endocannabinoide è stata considerata coinvolta nella regolazione del sonno, nella reazione alla ricompensa, nel controllo dell’ansia, nel controllo dell’appetito, nella neuroprotezione e nello sviluppo neurale.

Nel sistema cardiovascolare, l’inotropia negativa e la vasodilatazione sono state associate ai cannabinoidi. Nel tratto gastrointestinale, la motilità e le funzioni enteroendocrine sembrano essere influenzate [15].

Inoltre, gli endocannabinoidi possono agire come effettori immunomodulatori [30]. Pertanto, il CB2 è il recettore dei cannabinoidi che è principalmente espresso dalle cellule immunitarie e che alla stimolazione sembra inibire le attività migratorie delle cellule immunitarie [31].

Patofisiologicamente, è stato suggerito che un sistema endocannabinoide iperattivo può contribuire allo sviluppo del diabete mellito [32]. È stato anche suggerito un coinvolgimento del sistema endocannabinoide nella patogenesi della schizofrenia [33].

Inoltre, è stato discusso che la disfunzione del sistema endocannabinoide è coinvolta nella malattia renale [34] e nella fibrosi epatica [35]. È stato suggerito che l’attivazione del CB1 da parte degli endocannabinoidi sia coinvolta nei processi cardiovascolari proinfiammatori e nell’aterosclerosi, mentre la stimolazione del CB2 sembra essere protettiva [31]. Inoltre, è stato dimostrato che gli antagonisti del CB1 e gli agonisti del CB2 possono proteggere dalla nefropatia diabetica [31].

I cannabinoidi esogeni provengono principalmente da prodotti vegetali a base di Cannabis sativa come hashish e marijuana. La cannabis sativa contiene diversi fitocannabinoidi con THC e cannabidiolo (CBD) tra i più importanti (vedi Fig. 1).

Infine, è farmacologicamente importante discriminare i cannabinoidi endogeni ed esogeni, poiché il THC agisce come agonista parziale [19, 20], il che significa che in presenza di endocannabinoidi endogeni (agonisti) può antagonizzare o attenuare gli effetti degli endocannabinoidi, mentre in assenza di stimolazione endocannabinoide funziona piuttosto in modo agonistico. Inoltre, questo è influenzato dalla densità del recettore. Pertanto, l’effetto risultante del THC può anche dipendere dal contesto della stimolazione endogena del sistema cannabinoide.

Cambiamenti nella composizione e nella composizione dei preparati di cannabis / marijuana
Negli ultimi 20-30 anni, la composizione dei prodotti a base di cannabis è cambiata a causa del fatto che la cannabis viene coltivata nelle porte e che i ceppi vengono coltivati ​​con diversi contenuti di THC e CBD e rapporti THC: CBD [36, 37] (Tabella 1).

Pertanto, è stato scoperto in un ampio studio europeo in campioni provenienti da 28 paesi dell’UE, Norvegia e Turchia che dal 2006 al 2016 il contenuto di THC nella resina e nella cannabis a base di erbe è aumentato dall’8,14 al 17,22% e dal 5,0 al 10,22%, rispettivamente [38 ].

Uno sviluppo analogo è stato riscontrato in campioni provenienti dalla Francia per un periodo di 25 anni che va dal 1992 al 2015 [39]. Aumenti comparabili del contenuto di THC nella resina sono stati riscontrati in Danimarca dal 2000 (media: 8,3%) al 2017 (media: 25,3%) con un aumento del rapporto THC: CBD da 1,4 nel 2008 a 4,4 nel 2017 [40].

/WebMaterial/ShowPic/1207841
Tabella 1.
Cambiamenti nella composizione di marijuana e hashish (vedere [36-44])

È interessante notare che nei Paesi Bassi il contenuto di THC è rimasto pressoché inalterato (contenuto di THC in resina: tra il 16 e il 17% durante il periodo compreso tra il 2005 e il 2015) [41]. Tuttavia, ciò significa che nei Paesi Bassi il contenuto di resina THC nel 2005 era del 16% nella gamma, che è stato raggiunto in altri paesi europei nel 2016.

A seconda della selezione genetica, delle condizioni di riproduzione, della coltivazione all’aperto o in porta, ecc., Il contenuto di alcuni cannabinoidi nelle erbe varia [42]. Questi dati mostrano che è importante definire i termini “cannabis”, “marijuana”, “hashish”, ecc. In termini di contenuto di THC e rapporto CBD: THC e di tenere conto delle modifiche apportate a questa composizione negli ultimi decenni [ 36-44] (vedi tabella 1). I dati di studi precedenti potrebbero non essere direttamente confrontabili con studi più recenti a causa della composizione alterata dei preparati.

Effetti neuronali dell’abuso di cannabis ed effetti speciali negli adolescenti
Il cervello si sviluppa continuamente fino all’età di circa 25 anni [45]. Le nuove tecnologie di risonanza magnetica hanno rivelato che dalla nascita alla prima età adulta, ci sono processi di trasformazione riguardanti la materia grigia e bianca.

In linea di principio, il processo nell’adolescenza può essere descritto come una riduzione della sostanza grigia ridondante e un aumento della sostanza bianca [46-48]. Con la nascita e l’infanzia, c’è un’enorme formazione di nuove sinapsi, in particolare nella corteccia.

Successivamente, viene osservato un processo di potatura con l’eliminazione delle connessioni inutilizzate o ridondanti e il miglioramento delle sinapsi utilizzate. Questo dal punto di vista istologico fa parte del processo di apprendimento, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia del cervello.

Durante questo processo, molti neuroni vengono persi, quindi l’adulto ha circa il 41% in meno di neuroni rispetto al neonato [49]. Una maggiore perdita di sostanza grigia nella corteccia prefrontale mediale è stata riscontrata nei tossicodipendenti, in particolare in coloro che hanno utilizzato più farmaci [50].

Il cervello, tuttavia, non matura contemporaneamente in tutte le regioni: regioni più rudimentali, come quelle che consentono il movimento e le funzioni somatosensoriali e l’elaborazione generale delle informazioni, maturano prima (durante l’infanzia), mentre altre sono coinvolte nel controllo degli impulsi, nella pianificazione strategica o il comportamento sociale matura più tardi nell’adolescenza insieme alla maturazione della corteccia prefrontale [47].

Il processo totale può essere considerato come un “processo geneticamente strutturato di consolidamento di hub di reti anatomiche” [51]. Infine, il processo di aumento delle connessioni della sostanza bianca ed eliminazione della materia grigia ridondante porta ad un aumento del funzionamento cognitivo [46, 48, 52].

Nel loro insieme, ciò significa che il cervello dell’adolescente è una struttura “in ricostruzione” con complessi processi neurofisiologici di formazione della rete. Ciò può rendere il cervello dell’adolescente più soggetto a danni da abuso di sostanze rispetto al cervello adulto e può comportare una diversa compromissione.

È stato dimostrato che la cannabis porta a livelli circolanti più bassi di fattore neurotrofico (BDNF) derivato dal cervello nei consumatori di cannabis fisicamente attivi [53]. In un altro studio, l’uso cronico di cannabis ha portato a livelli sierici inferiori del fattore di crescita nervosa (NGF) [54], mentre il BDNF non è stato alterato in questo gruppo.

La connessione tra fattori neurotrofici come BDNF e NGF sembra ancora più complessa, se si prendono in considerazione i pazienti che soffrono di psicosi come la schizofrenia: nei pazienti schizofrenici, l’assunzione cronica di cannabis porta a livelli elevati di NGF [55]. Anche i pazienti schizofrenici che usano cannabis hanno mostrato livelli elevati di BDNF [56].

È interessante notare che gli stessi autori hanno osservato la normalizzazione dei livelli di NGF dopo un efficace trattamento antipsicotico [57]. È stato scoperto che l’NGF è elevato in risposta a malattie infiammatorie del cervello come la sclerosi multipla o il lupus eritematoso sistemico [58-60] e quindi può essere indicativo di insufficienza neuronale.

D’altra parte, NGF non è solo un bersaglio della segnalazione dei cannabinoidi, ma anche NGF può regolare i meccanismi molecolari per la segnalazione endocannabinoide di 2-arachidonoil glicerolo attraverso i recettori della tropomiosina chinasi A (recettore NGF) [61].

NGF ha dimostrato di sensibilizzare il potenziale recettore transitorio vanilloide 1 (TRPV1). L’attivazione del recettore CB1 da parte dell’agonista CB1 arachidonil-2′-cloroetilammide ha inibito la fosforilazione di AKT indotta da NGF e la sensibilizzazione di TRPV1 almeno parzialmente attenuando la segnalazione PI2 indotta da NGF [62]. Al momento non è chiaro come un agonista parziale come il THC [20] agisca in presenza di endocannabinoidi agonisti endogeni. Questa potrebbe essere un’area interessante di ricerche future.

Pertanto, il sistema endocannabinoide è importante per la plasticità sinaptica a breve e lungo termine in diverse regioni del cervello, comprese quelle coinvolte nel controllo dell’appetito, nell’apprendimento e nella selezione dell’azione [63].

Si potrebbe ipotizzare che un agonista parziale possa influenzare la plasticità delle sinapsi regolata da endocannabinoidi. Nel loro insieme, esiste una complessa interazione tra endocannabinoidi endogeni (agonistici), NGF, BDNF ed esogeni (agonisti parziali) THC [19, 20] e cannabidiolo [20].

Effetti a lungo termine dell’abuso di cannabis negli adulti e negli adolescenti
Dalle considerazioni di cui sopra, si potrebbe immaginare che l’uso regolare precoce della cannabis nell’adolescenza possa avere un impatto sulle funzioni cerebrali o cognitive.

In effetti, è stato riscontrato in 21 consumatori di cannabis ad esordio adolescenziale che l’apprendimento verbale era più lento in questo gruppo entro 12 ore dall’uso della cannabis [64]. Inoltre, una deregolamentazione del percorso BDNF è risultata essere la conseguenza dell’uso di marijuana nell’adolescenza [65].

Tuttavia, altri ricercatori non hanno trovato un effetto dell’uso di cannabis da parte degli adolescenti sulle caratteristiche strutturali del cervello in età adulta [66]. D’altra parte, il rischio per lo sviluppo di psicosi aumenta con la frequenza dell’uso di THC [67].

L’uso di cannabis nell’adolescenza, in particolare nel caso di utenti pesanti, è noto per essere correlato a un funzionamento cognitivo compromesso [68], un basso livello di istruzione [69, 70] e problemi educativi [71] che portano a conseguenze socioeconomiche.

Inoltre, il consumo precoce di cannabis è associato a un reddito inferiore e a un minore impegno lavorativo nella prima età adulta [72-74]. In uno studio svedese condotto su 42.240 giovani uomini, di cui l’8,8% (3.734) ha riferito di aver usato la cannabis a 18 anni, è stato riscontrato un aumento del rischio relativo di disoccupazione in seguito o di assistenza sociale [75] .

Sebbene ciò sia stato messo in ombra dai confondenti come la separazione dei genitori, l’associazione tra l’uso precoce di cannabis e il risultato sociale negativo è rimasta significativa dopo l’adeguamento per i confondenti.

Tuttavia, una possibile spiegazione è anche che sia l’uso di cannabis che il corso della vita avverso sono causati da fattori sociali o genetici sottostanti ancora sconosciuti. Quindi, Daniel et al. [76] hanno trovato prove deboli che lo svantaggio infantile è associato al successivo uso di cannabis.

Il rischio di diventare dipendenti dalla cannabis dipende anche dall’età del primo utilizzo. Pertanto, il 9-10% delle persone che iniziano a usare la cannabis svilupperà dipendenza. Se l’uso è iniziato nell’adolescenza, questa percentuale è aumentata al 16-17%. Gli utenti giornalieri mostrano dipendenza nel 25-50% [77].

Il THC può agire in alcuni sistemi come antagonista del CB1 [19, 20] e – paradossalmente – in altri come agonista. Ciò è attribuibile alle sue caratteristiche farmacologiche come agonista parziale e, pertanto, dipende dall’attivazione concomitante del sistema da parte di altri cannabinoidi endogeni, dalla densità del recettore e dalle possibili limitazioni della via del segnale post-recettore [33]. Pertanto, il THC non sta semplicemente imitando o modulando gli effetti degli endocannabinoidi [19, 20], ma piuttosto evoca un’interazione complessa.

Nel consumatore di cannabis a lungo termine, sono state rilevate variazioni strutturali con volumi ridotti mediante tecniche di neuroimaging in aree cerebrali ricche di CB1 come ippocampo, parahippocampo e talamo [78].

Anche nei consumatori adolescenti di cannabis cronica sono stati osservati cambiamenti strutturali con perdita di materia grigia nella corteccia temporale mediale, nel parahippocampo, nell’insula e nella corteccia orbitofrontale [79] e alterazioni nell’amigdala e nell’ippocampo [77, 80]. In particolare, la connettività funzionale tra i neuroni è prevalentemente compromessa quando gli utenti iniziano nell’adolescenza [81, 82].

Per quanto riguarda l’astinenza, è stato riscontrato che la cessazione dell’abuso di cannabis non ha portato al pieno recupero dei deficit cognitivi nei consumatori con esordio nell’adolescenza. Ciò indica che l’uso precoce di cannabis (nell’adolescenza) può comportare una maggiore perdita di prestazioni cognitive [83, 84]. Tuttavia, ciò deve essere discusso con cura a causa di possibili confusioni dallo status socioeconomico [85].

Tuttavia, lo studio di Meier et al. [83] hanno mostrato per uno studio di coorte alla nascita di 1.037 persone dalla nascita (1972/1973) fino all’età di 38 anni che le persone che hanno usato persistentemente la cannabis hanno mostrato un declino neuropsicologico che era più evidente in quelle persone che hanno iniziato a consumare cannabis durante l’adolescenza.

È importante sottolineare che questi autori hanno anche dimostrato che la cessazione del consumo di cannabis non ha ripristinato completamente i deficit [83]. L’uso iniziale è stato associato in altri studi con deficit della memoria episodica, fluidità verbale e funzionamento esecutivo [86-88].

Problemi psicologici come disturbi del sonno, sintomi (ipo) maniacali, comportamento compulsivo, depressione, ansia, ostilità o psicotismo sono stati osservati come più comuni se si usano cannabinoidi sintetici rispetto ai cannabinoidi naturali [89].

Inoltre, Crane e collaboratori [90, 91] hanno riferito sullo sfondo di una precedente maturazione del cervello femminile e delle differenze di genere nelle densità regionali di CB1 che i deficit nella memoria negli studi sui ratti erano più pronunciati nei ratti maschi.

Suppongono che anche gli ormoni ovarici possano migliorare l’associazione tra consumo di cannabis e stimoli correlati alla cannabis. Nell’uomo, questi autori hanno trovato differenze legate al genere nelle associazioni tra l’età di inizio del consumo di cannabis e i deficit neuropsicologici [91].

Oltre agli studi sull’uomo, esistono anche esperimenti su animali che supportano un effetto negativo della cannabis nell’adolescenza sullo sviluppo a lungo termine: nei ratti femmine, il blocco dei recettori CB1 dalla prima alla tarda adolescenza sembra prevenire l’insorgenza di potature nelle sinapsi glutamatergiche [92] .

Altri ricercatori hanno scoperto che l’esposizione dell’adolescente al THC nei ratti di sesso femminile ha comportato un compromesso riconoscimento di nuovi oggetti e una riduzione del comportamento sociale attivo insieme a cambiamenti delle modificazioni selettive dell’istone (H3K9me3) nella corteccia prefrontale che influenzano l’espressione dei geni coinvolti nella plasticità sinaptica [93].

È interessante notare che alcune aree del cervello sembrano reagire in modo diverso all’esposizione al THC nell’adolescente: quindi, nelle frazioni post-sinaptiche ippocampali il THC ha aumentato l’espressione della subunità del recettore NMDA GluN2B e delle subunità AMPA GluA1 e GluA2 e ha indotto uno stato neuroinfiammatorio persistente con TNF potenziato , iNOS e COX2, mentre queste alterazioni non erano rilevabili nella corteccia prefrontale [94].

A ulteriore supporto di questi studi, l’esposizione cronica a vari agonisti dei cannabinoidi come il THC durante l’adolescenza, ma non durante l’età adulta, nei ratti di entrambi i sessi ha mostrato di indurre alterazioni a lungo termine nella memoria di lavoro [95-97]. L’esposizione al THC ha inoltre compromesso l’apprendimento degli adolescenti nei ratti maschi [98].

Altri studi sugli animali hanno mostrato che l’esposizione al THC nei ratti adolescenti ha alterato nella corteccia prefrontale quelle reti geniche, che sono correlate all’organizzazione citoscheletrica, alla morfogenesi cellulare e allo sviluppo dendritico [99]. Inoltre, il THC ha causato una potatura precoce delle spine dendritiche nella prima età adulta [99].

In un altro studio sui ratti, tuttavia, il THC durante l’adolescenza non ha prodotto forti alterazioni nel comportamento degli adulti dopo un periodo di astinenza, pertanto gli autori hanno concluso che gli effetti avversi, associati all’uso di cannabis da parte degli adolescenti, potrebbero essere dovuti a concomitanti non cannabinoidi del consumo di cannabis [100].

D’altra parte, nei ratti è stato anche dimostrato che l’esposizione dell’adolescente al THC inverte le normali correlazioni tra gli endocannabinoidi anandamide e il 2-arachidonoglicerolo nel nucleo accumbens (negativo) e nella corteccia prefrontale (positiva) [101].

Nel loro insieme, la maggior parte degli studi clinici e sugli animali dimostra che l’esposizione dell’adolescente al THC porta a cambiamenti a lungo termine con compromissione dell’apprendimento e del comportamento sociale basati su cambiamenti nella neurobiologia della corteccia prefrontale, dell’ippocampo e del nucleo accumbens.

References

  1. Dhein S, Schmelmer K, Guenther J, Salameh A. Aspects of methamphetamine abuse in adolescents and young adults in a Thuringian County. Eur Addict Res. 2018;24(2):98–105.External Resources
  2. Werse B, Müller O, Carsten Schell C, Morgenstern C. Drogentrends in Frankfurt am Main. Frankfurt: Centre for Drug Research, Goethe-Universität; 2010. Available from:.External Resources
  3. Die Drogenbeauftragte der Bundesregierung; Bundesministerium für Gesundheit: Drogen und Suchtbericht 2016. Available from: https://www.bundesregierung.de/Content/Infomaterial/BMG/_2902.html.
  4. Beck F, Guignard R, Richard JB. Epidemiological news in cannabis. Rev Prat. 2013 Dec;63(10):1420–4.
  5. Miller PM, Plant M. Drinking, smoking, and illicit drug use among 15 and 16 year olds in the United Kingdom. BMJ. 1996 Aug 17;313(7054):394–7.External Resources
  6. Čecho R, Baška T, Švihrová V, Hudečková H. Legislative norms to control cannabis use in the light of its prevalence in Czech Republic, Poland, Slovakia, and Hungary. Cent Eur J Public Health. 2017 Dec;25(4):261–5.
  7. Grotenhermen F, Müller-Vahl K. The therapeutic potential of cannabis and cannabinoids. Dtsch. Ärzteblatt Int. 2012;109(29–30):495–501.External Resources
  8. Die Drogenbeauftragte der Bundesregierung beim Bundesministerium für Gesundheit: Drogen und Suchtbericht 2019. Available from: https://www.drogenbeauftragte.de/fileadmin/dateien-dba/Drogenbeauftragte/4_Presse/1_Pressemitteilungen/2019/2019_IV.Q/DSB_2019_mj_barr.pdf.
  9. Grant JE, Chamberlain SR, Schreiber L, Odlaug BL. Neuropsychological deficits associated with cannabis use in young adults. Drug Alcohol Depend. 2012;121(1–2):159–62.External Resources
  10. Battisti RA, Roodenrys S, Johnstone SJ, Pesa N, Hermens DF, Solowij N. Chronic cannabis users show altered neurophysiological functioning on Stroop task conflict resolution. Psychopharmacology. 2010;212(4):613–24.External Resources
  11. McKetin R, Parasu P, Cherbuin N, Eramudugolla R, Anstey KJ. A longitudinal examination of the relationship between cannabis use and cognitive function in mid-life adults. Drug Alcohol Depend. 2016;169:134–40.External Resources
  12. Hirst RB, Watson J, S Rosen A, Quittner Z. Perceptions of the cognitive effects of cannabis use: a survey of neuropsychologists’ beliefs. J Clin Exp Neuropsychol. 2019;41(2):133–46.External Resources
  13. Skalski LM, Towe SL, Sikkema KJ, Meade CS. Memory impairment in HIV-infected individuals with early and late initiation of regular marijuana use. AIDS Behav. 2018;22(5):1596–605.External Resources
  14. Di Marzo V, Piscitelli F. The endocannabinoid system and its modulation by phytocannabinoids. Neurotherapeutics. 2015 Oct;12(4):692–8.External Resources
  15. Zou S, Kumar U. Cannabinoid receptors and the endocannabinoid system: signaling and function in the central nervous system. Int J Mol Sci. 2018 Mar 13;19(3):E833.
  16. Bozkurt TE. Endocannabinoid system in the airways. Molecules. 2019 Dec 17;24(24):E4626.External Resources
  17. Oláh A, Szekanecz Z, Bíró T. Targeting cannabinoid signaling in the immune system: “high”-ly exciting questions, possibilities, and challenges. Front Immunol. 2017 Nov 10;8:1487.External Resources
  18. Chiurchiù V, Battistini L, Maccarrone M. Endocannabinoid signalling in innate and adaptive immunity. Immunology. 2015 Mar;144(3):352–64.External Resources
  19. Felder CC, Joyce KE, Briley EM, Mansouri J, Mackie K, Blond O, et al. Comparison of the pharmacology and signal transduction of the human cannabinoid CB1 and CB2 receptors. Mol Pharmacol. 1995;48 (3):443–50.
  20. Pertwee RG. The diverse CB1 and CB2 receptor pharmacology of three plant cannabinoids: delta9-tetrahydrocannabinol, cannabidiol and delta9-tetrahydrocannabivarin. Br J Pharmacol. 2008;153(2):199–215.External Resources
  21. Khanolkar AD, Abadji V, Lin S, Hill WA, Taha G, Abouzid K, et al. Head group analogs of arachidonylethanolamide, the endogenous cannabinoid ligand. J Med Chem. 1996;39(22):4515–9.External Resources
  22. Hillard CJ, Manna S, Greenberg MJ, DiCamelli R, Ross RA, Stevenson LA, et al. Synthesis and characterization of potent and selective agonists of the neuronal cannabinoid receptor (CB1). J Pharmacol Exp Ther. 1999;289(3):1427–33.
  23. Di Marzo V, Bisogno T, De Petrocellis L, Brandi I, Jefferson RG, Winckler RL, et al. Highly selective CB1 cannabinoid receptor ligands and novel CB1/VR1 vanilloid receptor “hybrid” ligands. Biochem Biophys Res Commun. 2001;281: 444–51.External Resources
  24. Bowles NP, Karatsoreos IN, Li X, Vemuri VK, Wood JA, Li Z, et al. A peripheral endocannabinoid mechanism contributes to glucocorticoid-mediated metabolic syndrome. Proc Natl Acad Sci U S A. 2015;112(1):285–90.External Resources
  25. Ross RA, Brockie HC, Stevenson LA, Murphy VL, Templeton F, Makriyannis A, et al. Agonist-inverse agonist characterization at CB1 and CB2 cannabinoid receptors of L759633, L759656 and AM630. Br J Pharmacol. 1999;126:665–72.External Resources
  26. Rinaldi-Carmona M, Barth F, Millan J, Derocq JM, Casellas P, Congy C, et al. SR 144528, the first potent and selective antagonist of the CB2 cannabinoid receptor. J Pharmacol Exp Ther. 1998;284(2):644–50.
  27. Howlett AC, Abood ME. CB(1) and CB(2) receptor pharmacology. Adv Pharmacol. 2017;80:169–206.External Resources
  28. Kano M, Ohno-Shosaku T, Hashimotodani Y, Uchigashima M, Watanabe M. Endocannabinoid-mediated control of synaptic transmission. Physiol Rev. 2009 Jan;89(1):309–80.External Resources
  29. Castillo PE, Younts TJ, Chávez AE, Hashimotodani Y. Endocannabinoid signaling and synaptic function. Neuron. 2012 Oct 4;76(1):70–81.External Resources
  30. Barrie N, Manolios N. The endocannabinoid system in pain and inflammation: its relevance to rheumatic disease. Eur J Rheumatol. 2017 Sep;4(3):210–8.External Resources
  31. Maccarrone M, Bab I, Bíró T, Cabral GA, Dey SK, Di Marzo V, et al. Endocannabinoid signaling at the periphery: 50 years after THC. Trends Pharmacol Sci. 2015 May;36(5):277–96.External Resources
  32. Gruden G, Barutta F, Kunos G, Pacher P. Role of the endocannabinoid system in diabetes and diabetic complications. Br J Pharmacol. 2016 Apr;173(7):1116–27.External Resources
  33. Lu HC, Mackie K. An introduction to the endogenous cannabinoid system. Biol Psychiatry. 2016 Apr 1;79(7):516–25.External Resources
  34. Chua JT, Argueta DA, DiPatrizio NV, Kovesdy CP, Vaziri ND, Kalantar-Zadeh K, et al. Endocannabinoid system and the kidneys: from renal physiology to injury and disease. Cannabis Cannabinoid Res. 2019 Mar 13;4(1):10–20.External Resources
  35. Tam J, Liu J, Mukhopadhyay B, Cinar R, Godlewski G, Kunos G. Endocannabinoids in liver disease. Hepatology. 2011 Jan;53(1):346–55.External Resources
  36. Cascini F, Aiello C, Di Tanna G. Increasing delta-9-tetrahydrocannabinol (Δ-9-THC) content in herbal cannabis over time: systematic review and meta-analysis. Curr Drug Abuse Rev. 2012 Mar;5(1):32–40.
  37. McLaren J, Swift W, Dillon P, Allsop S. Cannabis potency and contamination: a review of the literature. Addiction. 2008 Jul;103(7):1100–9.External Resources
  38. Freeman TP, Groshkova T, Cunningham A, Sedefov R, Griffiths P, Lynskey MT. Increasing potency and price of cannabis in Europe, 2006–16. Addiction. 2019 Jun;114(6):1015–23.External Resources
  39. Dujourdy L, Besacier F. A study of cannabis potency in France over a 25 years period (1992–2016). Forensic Sci Int. 2017 Mar;272:72–80.External Resources
  40. Rømer Thomsen K, Lindholst C, Thylstrup B, Kvamme S, Reitzel LA, Worm-Leonhard M, et al. Changes in the composition of cannabis from 2000–2017 in Denmark: analysis of confiscated samples of cannabis resin. Exp Clin Psychopharmacol. 2019 Aug;27(4):402–11.
  41. Niesink RJ, Rigter S, Koeter MW, Brunt TM. Potency trends of Δ9-tetrahydrocannabinol, cannabidiol and cannabinol in cannabis in the Netherlands: 2005–15. Addiction. 2015 Dec;110(12):1941–50.External Resources
  42. Chandra S, Lata H, ElSohly MA, Walker LA, Potter D. Cannabis cultivation: methodological issues for obtaining medical-grade product. Epilepsy Behav. 2017 May;70(Pt B):302–12.External Resources
  43. ElSohly MA, Mehmedic Z, Foster S, Gon C, Chandra S, Church JC. Changes in cannabis potency over the last 2 decades (1995–2014): analysis of current data in the United States. Biol Psychiatry. 2016;79(7):613–9.External Resources
  44. Rigter S, Bossong M. THC-concentraties in wiet, nederwiet en hasj in Nederlandse coffeeshops (2018–2019). In: Drugs Informatie en Monitoring Systeem (DIMS), Programma Drug Monitoring and Policy. Utrecht: Trimbos-instituut; 2019. p. 2–76.
  45. Lebel C, Beaulieu C. Longitudinal development of human brain wiring continues from childhood into adulthood. J Neurosci. 2011 Jul 27;31(30):10937–47.External Resources
  46. Gogtay N, Giedd JN, Lusk L, Hayashi KM, Greenstein D, Vaituzis AC, et al. Dynamic mapping of human cortical development during childhood through early adulthood. Proc Natl Acad Sci U S A. 2004 May 25;101(21):8174–9.External Resources
  47. Colver A, Longwell S. New understanding of adolescent brain development: relevance to transitional healthcare for young people with long term conditions. Arch Dis Child. 2013 Nov;98(11):902–7.External Resources
  48. Barnea-Goraly N, Menon V, Eckert M, Tamm L, Bammer R, Karchemskiy A, et al. White matter development during childhood and adolescence: a cross-sectional diffusion tensor imaging study. Cereb Cortex. 2005 Dec;15(12):1848–54.External Resources
  49. Abitz M, Nielsen RD, Jonesz EG, Lauren H, Pakkenberg NGB. Excess of neurons in the human newborn mediodorsal thalamus compared with that of the adult. Cereb Cortex. 2007;17: 2573–8.External Resources
  50. Kaag AM, Schulte MHJ, Jansen JM, van Wingen G, Homberg J, van den Brink W, et al. The relation between gray matter volume and the use of alcohol, tobacco, cocaine and cannabis in male polysubstance users. Drug Alcohol Depend. 2018 Jun 1;187:186–94.External Resources
  51. Whitaker KJ, Vértes PE, Romero-Garcia R, Váša F, Moutoussis M, Prabhu G, et al. Adolescence is associated with genomically patterned consolidation of the hubs of the human brain connectome. Proc Natl Acad Sci U S A. 2016 Aug 9;113(32):9105–10.External Resources
  52. Giedd JN, Blumenthal J, Jeffries NO, Castellanos FX, Liu H, Zijdenbos A, et al. Brain development during childhood and adolescence: a longitudinal MRI study. Nat Neurosci. 1999 Oct;2(10):861–3.External Resources
  53. Lisano JK, Kisiolek JN, Smoak P, Phillips KT, Stewart LK. Chronic cannabis use and circulating biomarkers of neural health, stress, and inflammation in physically active individuals. Appl Physiol Nutr Metab. 2019 Jul 18;45(3):258–63.External Resources
  54. Angelucci F, Ricci V, Spalletta G, Pomponi M, Tonioni F, Caltagirone C, et al. Reduced serum concentrations of nerve growth factor, but not brain-derived neurotrophic factor, in chronic cannabis abusers. Eur Neuropsychopharmacol. 2008 Dec;18(12):882–7.External Resources
  55. Jockers-Scherübl MC, Matthies U, Danker-Hopfe H, Lang UE, Mahlberg R, Hellweg R. Chronic cannabis abuse raises nerve growth factor serum concentrations in drug-naive schizophrenic patients. J Psychopharmacol. 2003 Dec;17(4):439–45.External Resources
  56. Jockers-Scherübl MC, Danker-Hopfe H, Mahlberg R, Selig F, Rentzsch J, Schürer F, et al. Brain-derived neurotrophic factor serum concentrations are increased in drug-naive schizophrenic patients with chronic cannabis abuse and multiple substance abuse. Neurosci Lett. 2004 Nov 16;371(1):79–83.External Resources
  57. Jockers-Scherübl MC, Rentzsch J, Danker-Hopfe H, Radzei N, Schürer F, Bahri S, et al. Adequate antipsychotic treatment normalizes serum nerve growth factor concentrations in schizophrenia with and without cannabis or additional substance abuse. Neurosci Lett. 2006 Jun 12;400(3):262–6.External Resources
  58. Bracci-Laudiero L, Aloe L, Levi-Montalcini R, Buttinelli C, Schilter D, Gillessen S, et al. Multiple sclerosis patients express increased levels of b-nerve growth factor in cerebrospinal fluid. Neurosci Lett. 1992;147:9–12.External Resources
  59. Bracci-Laudiero L, Aloe L, Levi-Montalcini R, Galeazzi M, Schilter D, Scully JL, et al. Increased levels of NGF in sera of systemic lupus erythematosus patients. NeuroReport. 1993;4:563–5.External Resources
  60. Aalto K, Korhonen L, Lahdenne P, Pelkonen P, Lindholm D. Nerve growth factor in serum of children with systemic lupus erythematosus is correlated with disease activity. Cytokine. 2002;20:136–9.External Resources
  61. Keimpema E, Tortoriello G, Alpár A, Capsoni S, Arisi I, Calvigioni D, et al. Nerve growth factor scales endocannabinoid signaling by regulating monoacylglycerol lipase turnover in developing cholinergic neurons. Proc Natl Acad Sci U S A. 2013 Jan 29;110(5):1935–40.External Resources
  62. Wang ZY, McDowell T, Wang P, Alvarez R, Gomez T, Bjorling DE. Activation of CB1 inhibits NGF-induced sensitization of TRPV1 in adult mouse afferent neurons. Neuroscience. 2014 Sep 26;277:679–89.External Resources
  63. Augustin SM, Lovinger DM. Functional relevance of endocannabinoid-dependent synaptic plasticity in the central nervous system. ACS Chem Neurosci. 2018 Sep 19;9(9):2146–61.External Resources
  64. Blest-Hopley G, O’Neill A, Wilson R, Giampietro V, Bhattacharyya S. Disrupted parahippocampal and midbrain function underlie slower verbal learning in adolescent-onset regular cannabis use. Psychopharmacology. 2019 Dec 9. Online ahead of print.External Resources
  65. Miguez MJ, Chan W, Espinoza L, Tarter R, Perez C. Marijuana use among adolescents is associated with deleterious alterations in mature BDNF. AIMS Public Health. 2019 Jan 17;6(1):4–14.
  66. Meier MH, Schriber RA, Beardslee J, Hanson J, Pardini D. Associations between adolescent cannabis use frequency and adult brain structure: a prospective study of boys followed to adulthood. Drug Alcohol Depend. 2019 Sep 1;202:191–9.External Resources
  67. Di Forti M, Quattrone D, Freeman TP, Tripoli G, Gayer-Anderson C, Quigley H, et al. The contribution of cannabis use to variation in the incidence of psychotic disorder across Europe (EU-GEI): a multicentre case-control study. Lancet Psychiatry. 2019 May;6(5):427–36.
  68. Harvey MA, Sellman JD, Porter R, Frampton CM. The relationship between non‐acute use of cannabis and cognition. Drug Alcohol Rev. 2007;26:309–19.External Resources
  69. Legleye S, Obradovic I, Janssen E, Spilka S, Le Névzet O, Beck F. Influence of cannabis use trajectories, grade repetition and family background on the school-dropout rate at the age of 17 years in France. Eur J Public Health. 2010;20:157–63.External Resources
  70. Horwood JL, Fergusson DM, Hayatbakhsh MR, Najman JM, Coffey C, Patton GC, et al. Cannabis use and educational achievement: findings from three Australasian cohort studies. Drug Alcohol Depend. 2010;110:247–53.External Resources
  71. Degenhardt L, Coffey C, Carlin JB, Swift W, Moore E, Patton GC. Outcomes of occasional cannabis use in adolescence: 10‐year follow‐up study in Victoria, Australia. Br J Psychiatry. 2010;196:290–5.External Resources
  72. Fergusson DM, Horwood JL, Beautrais AL. Cannabis and educational achievement. Addiction. 2003;98:1681–92.External Resources
  73. Fergusson DM, Boden JM. Cannabis use and later life outcomes. Addiction. 2008;103:969–76.External Resources
  74. Hyggen C. Does smoking cannabis affect work commitment? Addiction. 2012;107:1309–15.External Resources
  75. Danielsson AK, Falkstedt D, Hemmingsson T, Allebeck P, Agardh E. Cannabis use among Swedish men in adolescence and the risk of adverse life course outcomes: results from a 20 year-follow-up study. Addiction. 2015 Nov;110(11):1794–802.External Resources
  76. Daniel JZ, Hickman M, Macleod J, Wiles N, Lingford-Hughes A, Farrell M, et al. Is socioeconomic status in early life associated with drug use? A systematic review of the evidence. Drug Alcohol Rev. 2009 Mar;28(2):142–53.External Resources
  77. Sachs J, McGlade E, Yurgelun-Todd D. Safety and toxicology of cannabinoids. Neurotherapeutics. 2015 Oct;12(4):735–46.External Resources
  78. Schoeler T, Bhattacharyya S. The effect of cannabis use on memory function: an update. Subst Abuse Rehabil. 2013 Jan 23;4:11–27.External Resources
  79. Benbadis SR, Sanchez-Ramos J, Bozorg A, Giarratano M, Kalidas K, Katzin L, et al. Medical marijuana in neurology. Expert Rev Neurother. 2014 Dec;14(12):1453–65.External Resources
  80. McCormick MA, Shekhar A. Review of marijuana use in the adolescent population and implications of its legalization in the United States. J Drug Metabol Toxicol. 2014;5:2.
  81. Volkow ND, Baler RD, Compton WM, Weiss SR. Adverse health effects of marijuana use. N Engl J Med. 2014 Jun 5;370(23):2219–27.External Resources
  82. Zalesky A, Solowij N, Yücel M, Lubman DI, Takagi M, Harding IH, et al. Effect of long-term cannabis use on axonal fibre connectivity. Brain. 2012 Jul;135(Pt 7):2245–55.External Resources
  83. Meier MH, Caspi A, Ambler A, Harrington H, Houts R, Keefe RS, et al. Persistent cannabis users show neuropsychological decline from childhood to midlife. Proc Natl Acad Sci U S A. 2012 Oct 2;109(40):E2657–64.External Resources
  84. James A, James C, Thwaites T. The brain effects of cannabis in healthy adolescents and in adolescents with schizophrenia: a systematic review. Psychiatry Res. 2013 Dec 30;214(3):181–9.External Resources
  85. Rogeberg O. Correlations between cannabis use and IQ change in the Dunedin cohort are consistent with confounding from socioeconomic status. Proc Natl Acad Sci U S A. 2013;110:4251–4.External Resources
  86. Pope HG Jr, Gruber AJ, Hudson JI, Cohane G, Huestis MA, Yurgelun-Todd D. Early-onset cannabis use and cognitive deficits: what is the nature of the association? Drug Alcohol Depend. 2003;69:303–10.External Resources
  87. Gruber SA, Sagar KA, Dahlgren MK, Racine M, Lukas SE. Age of onset of marijuana use and executive function. Psychol Addictive Behav. 2011;26(3):496–506.External Resources
  88. Ehrenreich H, Rinn T, Kunert HJ, Moeller MR, Poser W, Schilling L, et al. Specific attentional dysfunction in adults following early start of cannabis use. Psychopharmacol. 1999;142:295–301.External Resources
  89. Mensen VT, Vreeker A, Nordgren J, Atkinson A, de la Torre R, Farré M, et al. Psychopathological symptoms associated with synthetic cannabinoid use: a comparison with natural cannabis. Psychopharmacology. 2019 Sep;236(9):2677–85.External Resources
  90. Crane NA, Schuster RM, Fusar-Poli P, Gonzalez R. Effects of cannabis on neurocognitive functioning: recent advances, neurodevelopmental influences and sex differences. Neuropsychol Rev. 2013;23:117–37.External Resources
  91. Crane NA, Schuster RM, Mermelstein RJ, Gonzalez R. Neuropsychological sex differences associated with age of initiated use among young adult cannabis users. J Clin Exp Neuropsychol. 2015;37:389–401.External Resources
  92. Rubino T, Prini P, Piscitelli F, Zamberletti E, Trusel M, Melis M, et al. Adolescent exposure to THC in female rats disrupts developmental changes in the prefrontal cortex. Neurobiol Dis. 2015 Jan;73:60–9.External Resources
  93. Prini P, Rusconi F, Zamberletti E, Gabaglio M, Penna F, Fasano M, et al. Adolescent THC exposure in female rats leads to cognitive deficits through a mechanism involving chromatin modifications in the prefrontal cortex. J Psychiatry Neurosci. 2018 Mar;43(2):87–101.External Resources
  94. Zamberletti E, Gabaglio M, Grilli M, Prini P, Catanese A, Pittaluga A, et al. Long-term hippocampal glutamate synapse and astrocyte dysfunctions underlying the altered phenotype induced by adolescent THC treatment in male rats. Pharmacol Res. 2016 Sep;111:459–70.External Resources
  95. Schneider M, Koch M. Chronic pubertal, but not adult chronic cannabinoid treatment impairs sensorimotor gating, recognition memory, and the performance in a progressive ratio task in adult rats. Neuropsychopharmacology. 2003;28(10):1760–89.External Resources
  96. Renard J, Krebs MO, Jay TM, Le Pen G. Long-term cognitive impairments induced by chronic cannabinoid exposure during adolescence in rats: a strain comparison. Psychopharmacology. 2013;225(4):781–90.External Resources
  97. Renard J, Rushlow WJ, Laviolette SR. What can rats tell us about adolescent cannabis exposure? Insights from preclinical research. Can J Psychiatry. 2016 Jun;61(6):328–34.External Resources
  98. Steel RW, Miller JH, Sim DA, Day DJ. Learning impairment by Δ(9)-tetrahydrocannabinol in adolescence is attributable to deficits in chunking. Behav Pharmacol. 2011 Dec;22(8):837–46.External Resources
  99. Miller ML, Chadwick B, Dickstein DL, Purushothaman I, Egervari G, Rahman T, et al. Adolescent exposure to Δ(9)-tetrahydrocannabinol alters the transcriptional trajectory and dendritic architecture of prefrontal pyramidal neurons. Mol Psychiatry. 2019 Apr;24(4):588–600.
  100. Bruijnzeel AW, Knight P, Panunzio S, Xue S, Bruner MM, Wall SC, et al. Effects in rats of adolescent exposure to cannabis smoke or THC on emotional behavior and cognitive function in adulthood. Psychopharmacology. 2019 Sep;236(9):2773–84.External Resources
  101. Ellgren M, Artmann A, Tkalych O, Gupta A, Hansen HS, Hansen SH, et al. Dynamic changes of the endogenous cannabinoid and opioid mesocorticolimbic systems during adolescence: THC effects. Eur Neuropsychopharmacol. 2008 Nov;18(11):826–34.External Resources
  102. Wilson J, Freeman TP, Mackie CJ. Effects of increasing cannabis potency on adolescent health. Lancet Child Adolesc Health. 2019 Feb;3(2):121–8.External Resources

Source:
University of Montreal


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.