Uno studio ha dimostrato che la pornografia peggiora la funzione erettile

0
68

Uno studio ha dimostrato che la quantità di porno che un uomo guarda è legata a una funzione erettile peggiore.

Guardare il porno è anche associato a una maggiore insoddisfazione per il sesso “normale”, con solo il 65% degli intervistati che valuta il sesso con un partner per essere più stimolante del porno. Questo lavoro è presentato al Congresso virtuale della EAU.

La pornografia è sempre più disponibile su Internet dal 2007. Ciò ha portato a un rapido utilizzo, ma ci sono poche informazioni su come un aumento dell’uso del porno possa influenzare la funzione erettile.

Ricercatori provenienti da Belgio, Danimarca e Regno Unito hanno creato un questionario online, che è stato pubblicizzato principalmente per uomini in Belgio e Danimarca attraverso social media, poster e volantini. 3.267 uomini hanno risposto alle 118 domande, rispondendo a domande sulla masturbazione, la frequenza della visione del porno e l’attività sessuale con i partner.

Il questionario si concentrava sugli uomini che avevano fatto sesso nelle quattro settimane precedenti, il che consentiva al team di mettere in relazione l’effetto della visione del porno sull’attività sessuale.

Il questionario comprendeva le domande sulla funzione erettile standard e le indagini sulla salute sessuale.

Il capo ricercatore, il professor Gunter de Win dell’Università di Anversa e l’University Hospital Antwerp di Anversa, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che c’era una vasta gamma di risposte.

Nel nostro campione, gli uomini guardano un bel po ‘di porno, in media circa 70 minuti a settimana, normalmente tra 5 e 15 minuti alla volta, con ovviamente alcuni che guardano molto poco e altri che guardano molto, molto di più. “

Hanno anche scoperto che circa il 23% degli uomini sotto i 35 anni che hanno risposto al sondaggio avevano un certo livello di disfunzione erettile quando facevano sesso con un partner. Il professor de Win ha dichiarato: “Questa cifra è stata superiore a quanto ci aspettassimo.

Abbiamo scoperto che c’era una relazione molto significativa tra il tempo trascorso a guardare il porno e la crescente difficoltà con la funzione erettile con un partner, come indicato dalla funzione erettile e dai punteggi di salute sessuale.

Le persone che guardano più porno hanno anche ottenuto punteggi alti nelle scale della dipendenza da porno. Dobbiamo capire cosa significa e cosa non significa questo lavoro.

 È un questionario piuttosto che una sperimentazione clinica e potrebbe essere che le persone che hanno risposto non siano completamente rappresentative dell’intera popolazione maschile.

Tuttavia, il lavoro è stato progettato per smentire qualsiasi relazione tra pornografia e disfunzione erettile e, data la grande dimensione del campione, possiamo essere abbastanza sicuri dei risultati. “

Ha continuato, “Abbiamo scoperto che il 90% degli uomini avanza rapidamente per guardare le scene pornografiche più eccitanti Non c’è dubbio che il porno condiziona il nostro modo di vedere il sesso; nel nostro sondaggio, solo il 65% degli uomini ha ritenuto che il sesso con un partner fosse più eccitante del guardare il porno.

Inoltre, il 20% ha ritenuto di dover guardare un porno più estremo per ottenere lo stesso livello di eccitazione di prima. Crediamo che i problemi di disfunzione erettile associati al porno derivino da questa mancanza di eccitazione.

Il nostro prossimo passo in questa ricerca per identificare quali fattori portano alla disfunzione erettile e condurre uno studio simile sugli effetti del porno sulle donne. 

Nel frattempo, crediamo che i medici che si occupano di disfunzione erettile dovrebbero anche chiedere di guardare la pornografia. “

Il professor Maarten Albersen dell’Università di Lovanio, in Belgio, che non è stato coinvolto nella conduzione dello studio, ha dichiarato: “Questo è uno studio interessante del Prof. De Win e dei suoi colleghi. Il campione consisteva principalmente di uomini più giovani reclutati tramite social media e poster, il che potrebbe risultare in un campione distorto verso tassi di consumo di porno online più elevati.

Tutto sommato, lo studio solleva interessanti spunti, nel fatto che il consumo di pornografia da parte degli uomini può portare a una compromissione della funzione erettile e / o alla soddisfazione o alla fiducia sessuale durante il rapporto sessuale.

Come dice il professor De Win, l’ipotesi corrente è che il tipo di porno guardato possa diventare più esplicito nel tempo e il sesso del partner potrebbe non portare allo stesso livello di eccitazione del materiale pornografico.

Lo studio contribuisce a un dibattito in corso sull’argomento; gli esperti hanno sottolineato che il porno può avere effetti sia positivi che negativi e potrebbe, ad esempio, essere utilizzato come aiuto nel trattamento delle disfunzioni sessuali, quindi questa è un’area controversa e le ultime parole non sono state dette su questo argomento. “


La letteratura esistente fornisce una serie di descrizioni variabili del termine pornografia. Secondo il Rapporto finale della Commissione sulla pornografia del procuratore generale, può essere definito come qualsiasi materiale prevalentemente sessualmente esplicito e destinato principalmente a fini di eccitazione sessuale [1].

Attualmente, la pornografia rappresenta un’importante iniziativa economica [2,3]. 

Il suo più grande sviluppo è avvenuto insieme all’emergere delle tecnologie informatiche e all’espansione di Internet [4,5].

A causa di un alto senso di anonimato e di accesso quasi illimitato, Internet è diventato il mezzo più importante di diffusione di contenuti pornografici (noto come pornografia online), in particolare sotto forma di immagini e video [6,7].

La facilità, la forza dell’eccitazione e la diversità con cui la pornografia può essere raggiunta online indica che può funzionare come uno stimolo soprannaturale [8].

Secondo vari studi epidemiologici, un numero relativamente elevato di adulti è stato esposto alla pornografia [9,10,11,12]. Recenti sondaggi rappresentativi dimostrano che nei paesi sviluppati con accesso illimitato a Internet, come gli Stati Uniti e l’Australia, la maggioranza degli uomini (64-70%) e circa. un quarto / terzo (23–33%) delle donne usa la pornografia [13,14].

Tuttavia, il numero di utenti di pornografia è anche relativamente elevato nei paesi in via di sviluppo: recenti sondaggi hanno dimostrato che oltre la metà degli studenti in Etiopia e Bangladesh sono stati esposti ad esso [11,15].

L’ampio uso della pornografia è anche supportato dai dati forniti da Pornhub, uno dei più grandi siti Web pornografici online, che indicano chiaramente che sono principalmente gli uomini a essere associati a contenuti di questo tipo (74%) e che il numero di visitatori di i siti pornografici stanno crescendo di anno in anno (Figura 1).

Alcuni uomini si occupano di pornografia su base regolare e quotidiana [16]. Allo stesso tempo, la percentuale di donne interessate a utilizzare questo tipo di contenuti è in crescita [17]. Il servizio Pornhub è di solito visitato da giovani di età inferiore ai 34 anni dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dall’India.

Un problema emergente e non ancora pienamente valutato è il contatto involontario da messaggi pubblicitari o di posta elettronica di spam che a volte possono essere difficili da evitare [18].

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è jcm-08-00914-g001.jpg

Sebbene l’interesse per i contenuti pornografici possa essere parzialmente considerato come un elemento naturale nello sviluppo dell’esperienza sessuale nei giovani, la molteplicità e la diversità dei materiali pornografici online disponibili nonché la difficoltà di limitare l’accesso ad essi portano a una domanda sui potenziali effetti del consumo di pornografia.

Vi è un costante aumento del numero di studi che riguardano la prevalenza, i modelli, i risultati e vari altri aspetti relativi all’uso della pornografia come chiaramente indicato da una ricerca sistematica di articoli in lingua inglese indicizzati nel database PubMed / Medline, un termine chiave “pornografia” produce 142 articoli pubblicati nel periodo 1980-1989, 238 articoli nel 1990-1999, 524 articoli nel 2000–2009 e ben 949 articoli nel 2010–2018.

Tuttavia, nonostante il continuo interesse per lo studio di vari aspetti dell’uso della pornografia, esistono numerosi problemi irrisolti riguardo alla natura e all’entità di questi effetti.

Ad esempio, alcune indagini dimostrano che la pornografia potrebbe inserirsi nel quadro della dipendenza attraverso meccanismi simili ai composti chimici [19,20] sebbene esistano controversie al riguardo [21,22,23,24].

Una dipendenza dalla pornografia non è riconosciuta nelle classificazioni DSM-5 e ICD-11 (sebbene quest’ultima specifichi una categoria diagnostica di Disturbo comportamentale sessuale compulsivo sotto disturbi del controllo degli impulsi che può essere utilizzato per diagnosticare l’uso problematico della pornografia), vari studi si riferiscono ad esso piuttosto come “dipendenza da pornografia auto-percepita” [12,16,25,26,27], e alcuni modelli alternativi basati su incongruenza morale, compulsività o impulsività sono stati proposti anche per descrivere l’uso problematico della pornografia [21,28,29].

Se la pornografia possa essere associata a cambiamenti nelle funzioni sessuali è anche un argomento aperto a un’ampia discussione.

Tuttavia, esistono numerosi fattori di rischio riconosciuti per la disfunzione sessuale che comprendono condizioni mediche, abuso di sostanze, uso di farmaci, nonché fattori culturali e sociali [30] che sono difficili da affrontare negli studi incentrati esclusivamente sull’uso della pornografia.

Nella popolazione generale, le disfunzioni sessuali più frequentemente identificate includono l’eiaculazione precoce e la disfunzione erettile negli uomini e il desiderio e la disfunzione dell’eccitazione nelle donne [31], e una serie di studi hanno mirato a valutare le potenziali associazioni tra il verificarsi di questi effetti e la pornografia uso.

Allo stesso tempo, i potenziali effetti dell’uso della pornografia sono oggetto di una serie di discussioni non accademiche e alcune opinioni espresse pubblicamente al riguardo sembrano essere guidate politicamente e ideologicamente.

Tutto sommato, ciò crea la necessità di valutare criticamente le prove esistenti, delineare i limiti e le carenze dello studio e di evidenziare le prospettive di ricerca future nel campo dell’uso della pornografia e delle sue associazioni con la funzione sessuale.

Lo scopo di questo documento era di rivedere gli studi trasversali e longitudinali, nonché i casi clinici su potenziali associazioni tra l’uso della pornografia e disfunzioni sessuali, vale a dire disfunzione erettile, eiaculazione ritardata e diminuzione del desiderio e della soddisfazione sessuale.

Queste condizioni sono tra le disfunzioni sessuali più spesso identificate negli uomini e nelle donne [30,31,32]. Sia la ricerca quantitativa (indirizzata alla frequenza d’uso) sia quella qualitativa (indirizzata ai modelli d’uso) sono state prese in considerazione poiché questi due approcci si completano a vicenda nella comprensione della natura complessa dei fattori associati alla pornografia [33,34].

A tale scopo, è stata effettuata una ricerca sistematica di ricerche originali pubblicate dal 2000 su riviste peer-reviewed utilizzando il database PubMed / Medline e Scopus e mediante la ricerca manuale di elenchi di riferimento da documenti identificati. Vengono inoltre delineati i limiti degli studi condotti e le prospettive di ricerca future.

Eiaculazione ritardata

L’eiaculazione ritardata descrive una disfunzione sessuale che si verifica negli uomini, manifestata dal tempo prolungato richiesto per eiaculare o completa incapacità di raggiungerlo. A causa della complessità dei fattori psicosessuali e psicosociali che contribuiscono alla sua patogenesi, non esistono metodi di trattamento universali [35].

Le sue potenziali cause includono, tra le tante, frequenti masturbazioni e il verificarsi di significative discrepanze tra rapporti sessuali reali con un partner e fantasia sessuale preferita durante la masturbazione [35,36].

Sia la masturbazione che la fantasia sessuale sono spesso associate all’uso della pornografia, quindi la sua potenziale relazione con l’inizio dell’eiaculazione ritardata è ipoteticamente plausibile. 

Una ricerca sistematica con termini chiave “pornografia ed eiaculazione” e “pornografia ed eiaculazione ritardata” ha identificato cinque documenti originali, tra cui tre studi trasversali e due casi studio.

Il primo studio per affrontare il potenziale impatto dell’uso della pornografia sulla disfunzione eiaculatoria è stato condotto su un gruppo di 115 uomini ipersessuali, prevalentemente eterosessuali (età media 41 anni, intervallo 19-76 anni) [37].

Come riportato, una percentuale relativamente significativa di soggetti (23,5%; n = 27) si è masturbata cronicamente (almeno 1 ora / giorno o> 7 ore / settimana), di solito durante la visione di pornografia. 

Rispetto ad altri soggetti, questo particolare gruppo era caratterizzato da un livello di ansia più elevato ed era meno probabile che instaurasse relazioni con i partner o che perseverasse in essi, anche se fossero stati stabiliti.

Questi soggetti frequentemente (19/27; 71%) hanno riportato che alcune disfunzioni sessuali con eiaculazione ritardata sono state segnalate più spesso (in oltre il 30% dei casi).

 Vi sono, tuttavia, una serie di limitazioni a questo studio nel contesto della comprensione del ruolo potenziale della pornografia in caso di eiaculazione ritardata:

(1) includeva solo soggetti maschi ipersessuali che rappresentano un gruppo che generalmente si masturba e guarda spesso pornografia [38], e non è noto come questi risultati possano essere rappresentativi della popolazione generale;

(2) l’insorgenza di eiaculazione ritardata può derivare esclusivamente dalla masturbazione frequente o soggetti con eiaculazione ritardata possono tendere a masturbarsi più spesso – in entrambi i casi, l’uso della pornografia può rimanere non correlato;

(3) non è stato stabilito se l’uso della pornografia in soggetti ipersessuali che affrontano l’eiaculazione ritardata abbia preceduto problemi con questa disfunzione sessuale, quindi il suo ruolo come fattore causale nell’eiaculazione ritardata non può essere stabilito.

Altri due studi trasversali su soggetti giovani non supportano la potenziale esistenza di una relazione tra l’uso della pornografia e l’eiaculazione ritardata. Il primo di loro ha intervistato gli studenti italiani che frequentavano l’ultimo anno di scuola superiore (n = 1492; età compresa tra 18 e 19 anni) che spesso ammettevano di usare la pornografia (78%, compreso l’8% che la utilizzava su base giornaliera) e hanno osservato che i problemi di eiaculazione erano riportato nell’1% dei sondaggi, indipendentemente dalla frequenza del consumo di pornografia [39].

Nel secondo studio, sono stati analizzati due campioni su larga scala di uomini eterosessuali (di età compresa tra 18 e 40 anni) provenienti da tre paesi europei, Croazia, Norvegia e Portogallo (n = 3948) e, come dimostrato utilizzando la regressione logistica multivariata, nessun dato significativo è stata rilevata un’associazione tra l’eiaculazione ritardata e la pornografia [40].

Oltre agli studi trasversali, Park et al. [41] e Blair [36] hanno riportato casi in cui l’eiaculazione ritardata sembrava in qualche modo correlata all’uso della pornografia. Il primo rapporto descriveva un caso di un uomo di 20 anni senza disturbi cronici o mentali che utilizzava la pornografia per un lungo periodo ad alta frequenza (1-2 volte al giorno), raggiungendo gradualmente contenuti che si discostavano progressivamente dal standard.

Ha anche ammesso di usare una vagina artificiale che presumibilmente gli ha permesso di raggiungere l’orgasmo molto più velocemente. Ha riportato da sé la difficoltà di mantenere un’erezione ed eiaculare durante la masturbazione e il rapporto sessuale, il che ha contribuito a disturbare le relazioni con la sua fidanzata.

Come sottolineano gli autori, nonostante il fatto che l’uomo provasse un’attrazione fisica e mentale per il suo partner, preferì usare un giocattolo erotico più stimolante (vagina artificiale).

Gli autori suggeriscono che un uso eccessivo della pornografia potrebbe innescare cambiamenti nei percorsi nervosi responsabili del desiderio e dell’erezione sessuali, nonché cambiamenti nel funzionamento del sistema di ricompensa, e successivamente ha causato eiaculazione ritardata [41].

Questi suggerimenti, tuttavia, rimangono puramente speculativi in ​​quanto non sono state fornite prove per giustificarli. Come rilevato, l’eiaculazione ritardata è stata completamente risolta dopo la cessazione dell’uso della pornografia online e la qualità delle relazioni con i partner è stata migliorata. Tuttavia, l’uso della vagina artificiale è stato contemporaneamente sospeso.

Resta quindi da stabilire se l’eiaculazione ritardata fosse in qualche modo correlata all’uso della pornografia, della vagina artificiale o di entrambi.

Il caso riportato da Blair [36] includeva un maschio di 19 anni che non riusciva a ottenere l’eiaculazione durante la penetrazione sessuale. L’uomo ha iniziato a usare contenuti pornografici all’età di 12 anni; un anno dopo, lo usava regolarmente e all’età di 15 anni iniziò a cercare contenuti sempre più tematici (raffiguranti la cosiddetta schiavitù e gli atti di dominio).

La cessazione della pornografia e i consigli per evitare la masturbazione usando una presa salda e il passaggio a uno stile più delicato di stimolazione del pene sono stati segnalati come una terapia efficace che consente al soggetto di raggiungere l’orgasmo durante un rapporto sessuale [36].

Pertanto, anche questo caso non può essere utilizzato come unica prova per compromissione dell’eiaculazione indotta dalla pornografia in quanto potrebbe anche derivare dalla desensibilizzazione del pene, una conseguenza della frequente masturbazione.

Alcuni studi hanno riportato che la frequenza e lo stile della masturbazione, in particolare il cosiddetto modello “idiosincratico” che a causa della velocità, della pressione e della durata è difficile da replicare da un partner, può essere una predisposizione per l’eiaculazione ritardata [42,43,44 ]. Pertanto, la misura in cui l’uso della pornografia può contribuire a tale fenomeno rimane poco chiara.

In sintesi, attualmente non ci sono prove che esista un’associazione tra l’uso della pornografia e l’eiaculazione ritardata e nessuna indicazione che l’uso della pornografia possa essere una causa di questa disfunzione sessuale. 

Tuttavia, la valutazione al riguardo si basa solo su studi trasversali e casi clinici. Sono pertanto necessarie ricerche future, in particolare studi di coorte più estesi e osservazioni caso-controllo.

Disfunzione erettile 

La disfunzione erettile è definita come un’incapacità cronica di mantenere un’erezione che impedisce l’introduzione del pene nella vagina. Le cause più comuni includono l’età, il diabete, la depressione, le malattie cardiovascolari e neurologiche, i fattori psicogeni selezionati (inclusi lo stress e l’abuso di sostanze psicoattive) e l’uso di farmaci selezionati [45].

Considerando che alcuni studi hanno indicato una correlazione significativa tra ipersessualità e problemi con la funzione erettile [46], è plausibile che alcune associazioni al riguardo possano esistere anche per l’uso della pornografia.

Una ricerca sistematica con termini chiave “pornografia e disfunzione erettile”, “pornografia e funzione erettile” e “pornografia ed erezione” ha identificato un totale di sette articoli che comprendevano complessivamente due casi clinici [41], sei studi trasversali [28,39 , 40,47,48,49] e uno studio longitudinale [28].

Due casi interessanti sono stati presentati da Park et al. [41]. Nel primo, è stato descritto un uomo di 40 anni con difficoltà a mantenere l’erezione e raggiungere l’orgasmo.

Durante il periodo precedente lo studio aveva intrapreso intensamente la masturbazione associata al frequente uso della pornografia online, che è stato segnalato per essere associato a una quantità crescente di tempo necessario per raggiungere l’orgasmo.

Aveva anche iniziato a vedere sua moglie diventare gradualmente meno attraente sessualmente. I suoi parametri fisici (incluso lo stato dei genitali) erano in buone condizioni. 

Il paziente è stato informato che le sue disfunzioni avrebbero potuto derivare da un aumento della stimolazione sessuale, una frequente masturbazione e un cambiamento nella soglia di stimolazione a causa dell’esposizione a forti contenuti pornografici.

L’uomo, tuttavia, non è stato in grado di astenersi dalla masturbazione e dalla visione della pornografia e non ha avviato il trattamento [41]. Un altro caso descritto dagli stessi autori riguarda un uomo di 24 anni che stava abusando di alcol e antidepressivi e aveva tentato il suicidio.

Ha anche riferito di utilizzare la pornografia online con una frequenza stimata in 5 ore al giorno durante i 6 mesi precedenti il ​​trattamento. Ha sperimentato un interesse sessuale indebolito per sua moglie, che si è manifestato nella sua incapacità di mantenere l’erezione e la preferenza a guardare la pornografia, durante la quale non ha avuto problemi di erezione.

Dopo aver sospeso l’uso della pornografia, secondo la raccomandazione del terapeuta, la sua disfunzione erettile è scomparsa [41]. Entrambi questi casi sono complicati da variabili confondenti e non si vede alcuna relazione casuale tra l’uso della pornografia e la disfunzione erettile.

Nel primo, non è possibile separare i potenziali effetti del frequente uso della pornografia e dell’eccessiva masturbazione, anche se si dovrebbe notare che questi due fenomeni possono spesso essere altamente correlati negli uomini [50].

Il secondo caso è complicato dalla storia psichiatrica (uso di antidepressivi e tentativo di suicidio), nonché dall’abuso di alcol segnalato che è esso stesso una causa comune di disfunzioni sessuali come il ritardo erettile [51].

Come riscontrato in uno studio osservazionale pilota condotto nel 2006 su un piccolo gruppo di giovani uomini adulti (n = 25; età media 29 anni), quasi la metà di essi (n = 12) non ha mostrato segni di eccitazione sessuale, comprese le erezioni mentre si guarda un film erotico (rigidità del pene <5%; e 0% in otto soggetti) [47].

Queste osservazioni sono state inizialmente associate a un livello potenzialmente elevato di esposizione a contenuti pornografici, riducendo la reattività agli stimoli sessuali associati alla presentazione del sesso in un’edizione più standard (sesso alla vaniglia).

Nella seconda fase dello studio, un numero maggiore di uomini è stato reclutato (n = 80) ed esposto a film erotici più lunghi e diversificati. Il 19% di loro (n = 15) non ha risposto sessualmente.

Sembrava che il rischio di disfunzione sessuale aumentasse insieme al numero di film pornografici che erano stati visti dagli intervistati durante l’anno precedente [47].

Nel 2016 è stato condotto un altro studio su una gamma più ampia su un gruppo di 434 uomini (età media 29,5 anni, intervallo 18-72). Utilizzando il questionario International Index of Erectile Function, sono state valutate la capacità di raggiungere l’erezione e l’orgasmo, il grado di desiderio sessuale, la soddisfazione nei rapporti sessuali e la soddisfazione sessuale generale in 276 soggetti che avevano avuto rapporti sessuali durante l’ultimo mese.

Lo studio ha concluso che il comportamento sessuale online problematico (definito come uso compulsivo, persistente e incontrollato di contenuti pornografici) era un fattore predittivo significativo di un basso livello di erezione [49].

A sua volta, lo studio che ha esaminato gli studenti delle scuole superiori italiane (n = 1429; età 18-19 anni) non ha dimostrato che i problemi di erezione sono stati più frequentemente ammessi dagli adolescenti che guardano pornografia, indipendentemente dalla frequenza auto-segnalata del suo utilizzo [39].

Uno studio trasversale condotto su due campioni su larga scala di uomini eterosessuali (di età compresa tra 18 e 40 anni): il primo nel 2011 su uomini eterosessuali croati, norvegesi e portoghesi (n = 2727) e il secondo nel 2014 su un altro campione di Gli uomini croati (n = 1211) hanno identificato una relazione positiva tra l’uso della pornografia e la disfunzione erettile nel primo sottogruppo di individui dalla Croazia sebbene l’effetto fosse piccolo e non confermato in altri gruppi [40].

Un altro studio ha riferito che invece della disfunzione erettile, l’uso della pornografia in 280 uomini eterosessuali (età media 23 anni) era correlato positivamente con l’eccitazione sessuale che è stata auto-segnalata durante la visione di stimoli visivi in ​​laboratorio [48].

Inoltre, i soggetti che indicano un maggiore consumo di pornografia hanno anche riportato un maggiore desiderio di comportamenti sessuali solitari e associati. Tuttavia, questo studio aveva una serie di limitazioni: un alto numero di individui monogami (che possono essere più esplorativi sessualmente, in particolare se giovani), una frequenza piuttosto limitata di uso della pornografia nel gruppo studiato (gli individui sono stati divisi in tre gruppi usando la pornografia 0 , 1–2 e> 2 ore settimanali, ma la frequenza massima è rimasta non dichiarata) e un periodo sconosciuto di utilizzo della pornografia negli individui indagati prima dello studio.

Lo studio più recente condotto da Grubbs e Gola [28] ha riportato un’associazione positiva tra disfunzione erettile auto-segnalata e uso problematico di pornografia auto-riferito ma non semplice uso di pornografia in un campione trasversale di 147 uomini universitari (età media 20 anni) negli Stati Uniti e in un campione di 433 uomini (età media 33 anni) abbinati alle norme demografiche di questo paese.

Lo studio longitudinale a quattro onde di un anno basato su questi due campioni, completato in tutti e quattro i punti temporali da 117 partecipanti e con due dati puntuali raccolti per 278 soggetti, ha anche scoperto che l’uso della pornografia di base e l’uso problematico della pornografia erano positivamente associato a potenziale disfunzione erettile.

Tuttavia, il modello di crescita latente ha indicato che nessuna variabile di base è servita da fattore predittivo della traiettoria del funzionamento erettile nel tempo. Sebbene questi risultati supportino l’esistenza di un’associazione tra disfunzione erettile e uso problematico della pornografia, non riescono a mostrare una relazione causale.

È quindi plausibile che gli uomini con disfunzione erettile possano tendere ad usare più pornografia, compresi i modelli che percepiscono come problematici [28].

Finora, ci sono poche o nessuna prova su una relazione causale tra disfunzione erettile e frequenza dell’uso della pornografia. Non si può escludere che i soggetti con disfunzione erettile possano essere più inclini a utilizzare la pornografia più frequentemente.

Si noti che gli studi trasversali e longitudinali effettuati finora si basano esclusivamente su dati auto-riportati che introducono una limitazione significativa. Alcune ricerche indicano chiaramente che la prevalenza dell’autodichiarazione della disfunzione erettile può variare considerevolmente dalla prevalenza identificata da metodi oggettivi come l’indice internazionale della funzione erettile nella misura in cui la prima potrebbe essere inaffidabile nel valutare la reale presenza di questa disfunzione sessuale [52].

È necessaria un’ulteriore esplorazione longitudinale delle associazioni tra disfunzione erettile e uso della pornografia che includerebbe individui di diversa età e con vari usi di base della pornografia e impieghi una diversa metodologia che comprende misure fisiologiche e rapporti dei partner.

Cambiamenti nel desiderio sessuale
Dal punto di vista delle scienze biologiche, il termine libido è usato per descrivere il desiderio sessuale, un tratto controllato dal sistema nervoso centrale associato al desiderio sessuale e desidera impegnarsi in attività sessuali [53].

Come sottolineato, non dovrebbe essere confuso con l’eccitazione sessuale che si manifesta fisiologicamente e potrebbe non essere sempre correlata positivamente con il desiderio sessuale [54].

Detto questo, si può ipotizzare se l’uso della pornografia aumenta o diminuisce la libido e se la frequenza e la durata del consumo di pornografia possono modificare tali risposte.

Si possono anche considerare diverse risposte nei maschi e nelle femmine a causa dei diversi ruoli sessuali e dell’attività neuronale differenziata sessualmente in risposta a stimoli sessuali [55].

Per esplorarlo, è stata effettuata una ricerca sistematica di studi originali con i termini chiave “pornografia e libido” e “pornografia e desiderio sessuale”.

Sono stati identificati un totale di cinque articoli associati a questo argomento che includevano studi trasversali [39,40,50,56,57].

Carvalheira, Træen e Stulhofer [50] hanno analizzato la relazione tra la masturbazione e l’uso della pornografia e del desiderio sessuale in un gruppo di uomini eterosessuali europei (età media 40 anni, intervallo 21-73) che avevano segnalato un problema di riduzione del desiderio sessuale ( n = 596).

Come rilevato, oltre la metà dei soggetti studiati che avevano sperimentato una significativa riduzione della libido entro sei mesi prima dell’esame erano coinvolti con materiale pornografico almeno una volta alla settimana.

Lo studio ha inoltre scoperto che la frequenza dell’uso della masturbazione e della pornografia è fortemente correlata negli uomini con ridotto desiderio sessuale.

Va notato che la natura trasversale di questo studio non consente di stabilire alcuna causa tra consumo di pornografia e riduzione della libido e che l’interpretazione dei dati ottenuti sia anche limitata dalla mancanza di un gruppo di controllo costituito da uomini senza sesso disfunzioni.

Sebbene sia generalmente un’osservazione interessante o addirittura controintuitiva che gli uomini con una libido compromessa possano guardare più pornografia e masturbarsi spesso, è importante evidenziare che gli uomini con desiderio sessuale inferiore (contrariamente alle donne con libido inferiore) tendono ad aumentare la frequenza della masturbazione in un modo non correlato al consumo di pornografia [58,59]. 

Considerando l’alta accessibilità della pornografia online, non sorprende che gli uomini che tendono a masturbarsi spesso costituiranno anche un gruppo che la utilizza come stimoli sessuali.

Osservazioni trasversali negli studenti italiani che hanno frequentato l’ultimo anno di scuola superiore (n = 1492, di età compresa tra 18 e 19 anni) hanno indicato che ben il 78% di loro ha ammesso di utilizzare contenuti pornografici, con l’8% che indica di farlo su base giornaliera .

Una diminuzione del desiderio sessuale è stata segnalata dal 10% degli utenti di pornografia e sembrava aumentare con la frequenza dei consumi: tra gli studenti esposti almeno una volta alla settimana, rappresentava il 16%, mentre nel caso di quelli esposti meno spesso era 6%; i non utenti non lo hanno segnalato affatto [39].

I risultati di Carvalheira, Træen e Stulhofer [50] e Pizzol, Beroldo e Foresta [39] non sono stati confermati in un ampio studio che comprendeva campioni su larga scala di uomini eterosessuali (18-40 anni di età) provenienti da Croazia, Norvegia e Portogallo (n = 3948) e applicazione della regressione logistica multivariata [40].

A sua volta, uno studio sulle donne (n = 754; età 18 = 76 anni) ha riferito che le persone coinvolte in una relazione a lungo termine che usano la pornografia più frequentemente possono rivelare un maggiore desiderio sessuale verso i loro partner e segnalare un desiderio più elevato di varietà sessuale [ 56].

Questa è una constatazione relativamente importante che indica la potenziale differenza nei modelli di uso della pornografia tra uomini e donne, anche se si dovrebbe notare che la natura trasversale dello studio non implica una causalità.

Resta da esplorare se esiste un aumento della libido indotto dalla pornografia nelle donne o donne con un desiderio sessuale più elevato sono anche più aperte a guardare la pornografia più frequentemente.

Inoltre, il potenziale ruolo del partner sessuale (in termini di desiderio e soddisfazione sessuale) e la soddisfazione di una relazione possono rappresentare importanti fattori per l’inclusione nelle analisi multivariate condotte in futuro. 

È interessante notare che un recente sondaggio trasversale di 240 coppie eterosessuali impegnate (età media di maschi e femmine rispettivamente di 35 e 33 anni) ha confermato la correlazione positiva dell’uso della pornografia da parte delle donne con il loro desiderio sessuale, ma ha anche trovato una relazione simile ma più debole negli uomini [57].

La ricerca neurobiologica indica che l’effetto potenzialmente negativo dell’uso della pornografia a lungo termine sul desiderio sessuale può derivare da cambiamenti nella capacità di risposta del sistema di ricompensa agli stimoli sessuali, preferibilmente più attivi a seguito di stimoli associati alla pornografia rispetto a rapporti sessuali reali [60 , 61].

Tuttavia, gli studi osservazionali non forniscono dati coerenti a supporto dell’ipotesi che l’uso della pornografia sia un fattore causale per una diminuzione del desiderio sessuale e piuttosto forniscono un’osservazione contraddittoria per quanto riguarda l’esistenza e la direzione delle correlazioni tra l’uso della pornografia e la libido.

Queste contraddizioni possono potenzialmente derivare dalla complessa natura del desiderio sessuale negli uomini e nelle donne, che è influenzata da una serie di fattori biologici, psicologici, relazionali, sessuali e culturali [62,63].

Considerando che alcuni studi hanno riportato che i soggetti con maggiore noia sessuale e bassa libido possono tendere a masturbarsi più frequentemente [50], è importante chiarire il ruolo che l’uso della pornografia e la masturbazione associata alla pornografia possono svolgere nel soddisfare il bisogno di gratificazione sessuale.

Ulteriori studi trasversali, nonché indagini prospettiche che controllano questi fattori sono necessari per trarre alcune conclusioni finali sulla relazione tra uso della pornografia e livello del desiderio sessuale.

Riferimenti

1. McManus M. Final Report of the Attorney General’s Commission on Pornography. Rutledge Hill Press; Nashville, TN, USA: 1986. [Google Scholar]

2. Wilkinson E. The diverse economies of online pornography: From paranoid readings to post-capitalist futures. Sexualities. 2017;20:981–998. doi: 10.1177/1363460716675141. [CrossRef] [Google Scholar]

3. Cannatelli B.L., Smith B.R., Sydow A. Entrepreneurship in the controversial economy: Toward a research agenda. J. Bus. Ethics. 2019;155:837–851. doi: 10.1007/s10551-017-3482-x. [CrossRef] [Google Scholar]

4. Paasonen S. The SAGE Handbook of Web History, Niels Brügger, Ian Milligan and Megan Ankerson. Sage Publications; Thousand Oaks, CA, USA: 2018. Online Porn; pp. 551–563. [Google Scholar]

5. D’Orlando F. The demand for pornography. J. Happiness Stud. 2011;12:51–75. doi: 10.1007/s10902-009-9175-0. [CrossRef] [Google Scholar]

6. Cooper A., Putnam D.E., Planchon L.S., Boies S.C. Online sexual compulsivity: Getting tangled in the net. Sex. Addict. Compulsivity. 1999;6:79–104. doi: 10.1080/10720169908400182. [CrossRef] [Google Scholar]

7. Boies S.C., Cooper A., Osborne C.S. Variations in internet-related problems and psychosocial functioning in online sexual activities: Implications for social and sexual development of young adults. Cyberpsychol. Behav. 2004;7:207–230. doi: 10.1089/109493104323024474. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

8. Goodwin B.C., Browne M., Rockloff M. Measuring preference for supernormal over natural rewards: A two-dimensional anticipatory pleasure scale. Evolut. Psychol. 2015 doi: 10.1177/1474704915613914. [CrossRef] [Google Scholar]

9. Habesha T., Aderaw Z., Lakew S. Assessment of exposure to sexually explicit materials and factors associated with exposure among preparatory school youths in Hawassa City, Southern Ethiopia: A cross-sectional institution based survey. Reprod. Health. 2015;12:86. doi: 10.1186/s12978-015-0068-x. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

10. Peter J., Valkenburg P.M. Adolescents and pornography: A review of 20 years of research. J. Sex Res. 2016;53:509–531. doi: 10.1080/00224499.2016.1143441. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

11. Chowdhury M.R.H.K., Chowdhury M.R.K., Kabir R., Perera N.K.P., Kader M. Does the addiction in online pornography affect the behavioral pattern of undergrad private university students in Bangladesh? Int. J. Health Sci. 2018;12:67–74. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

12. Dwulit A.D., Rzymski P. Prevalence, Patterns and Self-Perceived Effects of Pornography Consumption in Polish University Students: A Cross-Sectional Study. Int. J. Environ. Res. Public Health. 2019;16:1861. doi: 10.3390/ijerph16101861. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

13. Rissel C., Richters J., De Visser R.O., Mckee A., Yeung A., Rissel C., Caruana T. A profile of pornography users in Australia: Findings from the second Australian study of health and relationships. J. Sex Res. 2016;54:227–240. doi: 10.1080/00224499.2016.1191597. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

14. Grubbs J.B., Kraus S.W., Perry S.L. Self-reported addiction to pornography in a nationally representative sample: The roles of use habits, religiousness, and moral incongruence. J. Behav. Addict. 2018;8:88–93. doi: 10.1556/2006.7.2018.134. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

15. Abrha K., Worku A., Lerebo W., Berhane Y. Sexting and high sexual risk-taking behaviours among school youth in northern Ethiopia: Estimating using prevalence ratio. BMJ Sex. Reprod. Health. 2019 doi: 10.1136/bmjsrh-2018-200085. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

16. Duffy A., Dawson D.L., das Nair R. Pornography addiction in adults: A systematic review of definitions and reported impact. J. Sex. Med. 2016;13:760–777. doi: 10.1016/j.jsxm.2016.03.002. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

17. Wright P.J., Bae S., Funk M. United States women and pornography through four decades: Exposure, attitudes, behaviors, individual differences. Arch. Sex. Behav. 2013;42:1131–1144. doi: 10.1007/s10508-013-0116-y. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

18. Flood M. Exposure to pornography among youth in Australia. J. Sociol. 2007;43:45–60. doi: 10.1177/1440783307073934. [CrossRef] [Google Scholar]

19. Brand M., Young K.S., Laier C., Wölfling K., Potenza M.N. Integrating psychological and neurobiological considerations regarding the development and maintenance of specific Internet-use disorders: An Interaction of Person-Affect-Cognition-Execution (I-PACE) model. Neurosci. Biobehav. Rev. 2016;71:252–266. doi: 10.1016/j.neubiorev.2016.08.033. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

20. Gola M., Wordecha M., Marchewka A., Sescousse G. Visual sexual stimuli—Cue or reward? A perspective for interpreting brain imaging findings on human sexual behaviors. Front. Hum. Neurosci. 2016;10:1–7. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

21. Ley D., Prause N., Finn P. The Emperor has no clothes: A review of the “pornography addiction” model. Curr. Sex. Health Rep. 2014;6:94–105. doi: 10.1007/s11930-014-0016-8. [CrossRef] [Google Scholar]

22. Love T., Laier C., Brand M., Hatch L., Hajela R. Neuroscience of Internet pornography addiction: A review and update. Behav. Sci. 2015;5:388–433. doi: 10.3390/bs5030388. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

23. de Alarcón R., de la Iglesia J.I., Casado N.M., Montejo A.L. Online Porn Addiction: What We Know and What We Don’t—A Systematic Review. J. Clin. Med. 2019;8:91. doi: 10.3390/jcm8010091. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

24. Kraus S.W., Voon V., Potenza M.N. Should compulsive sexual behavior be considered an addiction? Addiction. 2016;111:2097–2106. doi: 10.1111/add.13297. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

25. Bradley D.F., Grubbs J.B., Uzdavines A., Exline J.J., Pargament K.I. Perceived addiction to internet pornography among religious believers and nonbelievers. Sex. Addict. Compulsivity. 2016;23:225–243. doi: 10.1080/10720162.2016.1162237. [CrossRef] [Google Scholar]

26. Grubbs J.B., Perry S.L. Moral incongruence and pornography use: A critical review and integration. J. Sex Res. 2018;7:1–9. doi: 10.1080/00224499.2018.1427204. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

27. Sniewski L., Farvid P., Carter P. The assessment and treatment of adult heterosexual men with self-perceived problematic pornography use: A review. Addict. Behav. 2018;77:217–224. doi: 10.1016/j.addbeh.2017.10.010. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

28. Grubbs J.B., Gola M. Is pornography use related to erectile functioning? Results from cross-sectional and latent growth curve analyses. J. Sex. Med. 2019;16:111–125. doi: 10.1016/j.jsxm.2018.11.004. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

29. Bőthe B., Tóth-Király I., Potenza M.N., Griffiths M.D., Orosz G., Demetrovics Z. Revisiting the role of impulsivity and compulsivity in problematic sexual behaviors. J. Sex Res. 2019;56:166–179. doi: 10.1080/00224499.2018.1480744. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

30. McCabe M.P., Sharlip I.D., Lewis R., Atalla E., Balon R., Fisher A.D., Segraves R.T. Risk factors for sexual dysfunction among women and men: A consensus statement from the fourth international consultation on sexual medicine 2015. J. Sex. Med. 2015;13:153–167. doi: 10.1016/j.jsxm.2015.12.015. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

31. McCabe M.P., Sharlip I.D., Atalla E., Balon R., Fisher A.D., Laumann E., Lee S.W., Lewis R., Segraves R.T. Definitions of sexual dysfunctions in women and men: A consensus statement from the fourth international consultation on sexual medicine. J. Sex. Med. 2016;13:135–143. doi: 10.1016/j.jsxm.2015.12.019. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

32. Di Sante S., Mollaioli D., Gravina G.L., Ciocca G., Limoncin E., Carosa E., Lenzi A., Jannini E.A. Epidemiology of delayed ejaculation. Transl. Androl. Urol. 2016;5:541–548. doi: 10.21037/tau.2016.05.10. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

33. Gola M., Lewczuk K., Skorko M. What matters: Quantity or quality of pornography use? Psychological and behavioral factors of seeking treatment for problematic pornography use. J. Sex. Med. 2016;13:815–824. doi: 10.1016/j.jsxm.2016.02.169. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

34. Lewczuk K., Szmyd J., Skorko M., Gola M. Treatment seeking for problematic pornography use among women. J. Behav. Addict. 2017;6:445–456. doi: 10.1556/2006.6.2017.063. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

35. Abdel-Hamid I.A., Ali O.I. Delayed ejaculation: Pathophysiology, diagnosis, and treatment. World J. Men’s Health. 2018;36:22–40. doi: 10.5534/wjmh.17051. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

36. Blair L. How difficult is it to treat delayed ejaculation within a short-term psychosexual model? A case study comparison. Sex. Relatsh. Ther. 2018;33:298–308. doi: 10.1080/14681994.2017.1365121. [CrossRef] [Google Scholar]

37. Sutton K.S., Stratton N., Pytyck J., Kolla N.J., Cantor J.M. Patient characteristics by type of hypersexuality referral: A quantitative chart review of 115 consecutive male cases. J. Sex Marital Ther. 2015;41:563–580. doi: 10.1080/0092623X.2014.935539. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

38. Öberg K.G., Hallberg J., Kaldo V., Dhejne C., Arver S. Hypersexual disorder according to the hypersexual disorder screening inventory in help-seeking Swedish men and women with self-identified hypersexual behavior. Sex. Med. 2017;5:e229–e236. doi: 10.1016/j.esxm.2017.08.001. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

39. Pizzol D., Bertoldo A., Foresta C. Adolescents and web porn: A new era of sexuality. Int. J. Adolesc. Med. Health. 2016;28:169–173. doi: 10.1515/ijamh-2015-0003. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

40. Landripet I., Stulhofer A. Is pornography use associated with sexual difficulties and dysfunctions among younger heterosexual men? J. Sex. Med. 2015;12:1136–1139. doi: 10.1111/jsm.12853. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

41. Park B.Y., Wilson G., Berger J., Christman M., Reina B., Bishop F., Klam W.P., Doan A.P. Is internet pornography causing sexual dysfunctions? A review with clinical reports. Behav. Sci. 2016;6:3. doi: 10.3390/bs6030017. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

42. Perelman M.A., Rowland D.L. Retarded ejaculation. World J. Urol. 2006;24:645–652. doi: 10.1007/s00345-006-0127-6. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

43. Perelman M.A. Psychosexual therapy for delayed ejaculation based on the sexual tipping point model. Transl. Androl. Urol. 2016;5:563–575. doi: 10.21037/tau.2016.07.05. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

44. Bronner G., Ben-Zion I.Z. Unusual masturbatory practice as an etiological factor in the diagnosis and treatment of sexual dysfunction in young men. J. Sex. Med. 2014;11:1798–1806. doi: 10.1111/jsm.12501. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

45. Mobley D.F., Khera M., Baum N. Recent advances in the treatment of erectile dysfunction. Postgrad. Med. J. 2017;93:679–685. doi: 10.1136/postgradmedj-2016-134073. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

46. Klein V., Jurin T., Briken P., Štulhofer A. Erectile dysfunction, boredom, and hypersexuality among coupled men from two European countries. J. Sex. Med. 2015;12:2160–2167. doi: 10.1111/jsm.13019. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

47. Janssen E., Bancroft J. The Dual-control model: The role of sexual inhibition excitation in sexual arousal and behavior. In: Janssen E., editor. The Psychophysiology of Sex. Indiana University Press; Bloomington, IN, USA: 2006. pp. 197–222. [Google Scholar]

48. Prause N., Pfaus J. Viewing sexual stimuli associated with greater sexual responsiveness, not erectile dysfunction. Sex. Med. 2015;3:90–98. doi: 10.1002/sm2.58. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

49. Wéry A., Billieux J. Online sexual activities: An exploratory study of problematic and non-problematic usage patterns in a sample of men. Comput. Hum. Behav. 2016;56:257–266. doi: 10.1016/j.chb.2015.11.046. [CrossRef] [Google Scholar]

50. Carvalheira A., Træen B., Stulhofer A. Masturbation and pornography use among coupled heterosexual men with decreased sexual desire: How many roles of masturbation? J. Sex Marital Ther. 2015;41:626–635. doi: 10.1080/0092623X.2014.958790. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

51. Arackal B.S., Benegal V. Prevalence of sexual dysfunction in male subjects with alcohol dependence. Indian J. Psychiatry. 2007;49:109–112. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

52. Wu C.J., Hsieh J.T., Lin J.S., Hwang T.I., Jiann B.P., Huang S.T., Wang C.J., Lee S.S., Chiang H.S., Chen K.K., et al. Comparison of prevalence between self-reported erectile dysfunction and erectile dysfunction as defined by five-item International Index of Erectile Function in Taiwanese men older than 40 years. Urology. 2017;69:743–747. doi: 10.1016/j.urology.2006.12.019. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

53. Mark K.P., Lasslo J.A. Maintaining sexual desire in long-term relationships: A systematic review and conceptual model. J. Sex Res. 2018;55:563–581. doi: 10.1080/00224499.2018.1437592. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

54. Santtila P., Wager I., Witting K., Harlaar N., Jern P., Johansson A., Varjonen M., Sandnabba N.K. Discrepancies between sexual desire and sexual activity: Gender differences and associations with relationship satisfaction. J. Sex Marital Ther. 2008;34:31–44. doi: 10.1080/00926230701620548. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

55. Rupp H.A., Wallen K. Sex differences in response to visual sexual stimuli: A review. Arch. Sex. Behav. 2008;37:206–218. doi: 10.1007/s10508-007-9217-9. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

56. Krejcova L., Chovanec M., Weiss P., Klapilova K. Pornography consumption in women and its association with sexual desire and sexual satisfaction. J. Sex. Med. 2017;5(Suppl. 4):e243. [Google Scholar]

57. Willoughby B.J., Leonhardt N.D. Behind closed doors: Individual and joint pornography use among romantic couples. J. Sex Res. 2018 doi: 10.1080/00224499.2018.1541440. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

58. Nutter D.E., Condron M.K. Sexual fantasy and activity patterns of females with inhibited sexual desire versus normal controls. J. Sex Marital Ther. 1983;9:276–282. doi: 10.1080/00926238308410914. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

59. Nutter D.E., Condron M.K. Sexual fantasy and activity patterns of males with inhibited sexual desire and males with erectile dysfunction versus normal controls. J. Sex Marital Ther. 1985;11:91–98. doi: 10.1080/00926238508406074. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

60. Steele V.R., Staley C., Fong T., Prause N. Sexual desire, not hypersexuality, is related to neurophysiological responses elicited by sexual images. Socioaffect. Neurosci. Psychol. 2013;3:20770. doi: 10.3402/snp.v3i0.20770. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

61. Voon V., Mole T.B., Banca P., Porter L., Morris L., Mitchell S., Lapa T.R., Karr J., Harrison N.A., Potenza M.N., et al. Neural correlates of sexual cue reactivity in individuals with and without compulsive sexual behaviours. PLoS ONE. 2014;9:e102419. doi: 10.1371/journal.pone.0102419. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

62. Nimbi F.M., Tripodi F., Rossi R., Navarro-Cremades F., Simonelli C. Male sexual desire: An overview of biological, psychological, sexual, relational, and cultural factors influencing desire. Sex. Med. Rev. 2019 doi: 10.1016/j.sxmr.2018.12.002. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]

63. McCabe M.P., Goldhammer D.L. Demographic and psychological factors related to sexual desire among heterosexual women in a relationship. J. Sex Res. 2012;49:78–87. doi: 10.1080/00224499.2011.569975. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]


More information: Male Sexual Health Questionnaire www.malesexualhealth.be

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.