La paralisi del sonno potrebbe essere trattata utilizzando una tecnica di meditazione-rilassamento

0
68

La paralisi del sonno – una condizione pensata per spiegare una serie di esperienze misteriose tra cui presunti casi di rapimenti alieni e visite notturne demoniache – potrebbe essere trattata utilizzando una tecnica di meditazione-rilassamento, suggerisce uno studio pilota pubblicato oggi.

La paralisi del sonno è uno stato che coinvolge la paralisi dei muscoli scheletrici che si verifica all’inizio del sonno o appena prima del risveglio.

Mentre è temporaneamente immobilizzato, l’individuo è acutamente consapevole di ciò che lo circonda. 

Le persone che sperimentano il fenomeno spesso riferiscono di essere state terrorizzate da pericolosi intrusi in camera da letto, spesso cercando spiegazioni soprannaturali come fantasmi, demoni e persino rapimenti alieni.

Non sorprende che possa essere un’esperienza terrificante.

Fino a una persona su cinque sperimenta la paralisi del sonno , che può essere innescata dalla privazione del sonno ed è più frequente in condizioni psichiatriche come il disturbo da stress post-traumatico.

È comune anche nella narcolessia, un disturbo del sonno che comporta un’eccessiva sonnolenza diurna e un’improvvisa perdita del controllo muscolare.

Nonostante la condizione sia nota da tempo, ad oggi non ci sono trattamenti empiricamente basati o studi clinici pubblicati per la condizione.

Oggi, sulla rivista  Frontiers in Neurology , un team di ricercatori riporta uno studio pilota sulla terapia di meditazione-rilassamento che ha coinvolto 10 pazienti con narcolessia, tutti affetti da paralisi del sonno.

La terapia è stata originariamente sviluppata dal Dr. Baland Jalal del Dipartimento di Psichiatria, Università di Cambridge.

The current study was led by Dr. Jalal and conducted in collaboration with Dr. Giuseppe Plazzi’s group at the Department of Biomedical and Neuromotor Sciences, University of Bologna/IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, Italy.

La terapia insegna ai pazienti a seguire quattro passaggi durante un episodio:

1.Rivalutazione del significato dell’attacco – ricordando a se stessi che l’esperienza è comune, benigna e temporanea e che le allucinazioni sono un tipico sottoprodotto del sogno

2. Allontanamento psicologico ed emotivo – ricordando a se stessi che non c’è motivo di avere paura o preoccuparsi e che paura e preoccupazione non faranno che peggiorare l’episodio

3. Meditazione focalizzata verso l’interno – focalizzando la loro attenzione verso l’interno su un oggetto positivo emotivamente coinvolgente (come il ricordo di una persona cara o di un evento, un inno / preghiera, Dio)

4. Rilassamento muscolare: rilassare i muscoli, evitare di controllare la respirazione e in nessun caso tentare di muoversi

I partecipanti sono stati istruiti a tenere un diario giornaliero per quattro settimane per valutare la comparsa, la durata e le emozioni della paralisi del sonno. 

Complessivamente, tra i 10 pazienti, due terzi dei casi (66%) hanno riportato allucinazioni, spesso al risveglio dal sonno (51%) e meno frequentemente dopo essersi addormentati (14%) come valutato durante le prime quattro settimane.

Dopo le quattro settimane, sei partecipanti hanno completato i questionari sull’umore / ansia e sono state insegnate le tecniche di terapia e istruite a provarle durante la veglia ordinaria, due volte a settimana per 15 minuti. Il trattamento è durato otto settimane.

Nelle prime quattro settimane dello studio, i partecipanti al gruppo di meditazione-rilassamento hanno sperimentato la paralisi del sonno in media 14 volte in 11 giorni.

Il disturbo segnalato causato dalle loro allucinazioni da paralisi del sonno è stato di 7,3 (valutato su una scala di dieci punti con punteggi più alti che indicano una maggiore gravità).

Nell’ultimo mese di terapia, il numero di giorni con paralisi del sonno è sceso a 5,5 (-50%) e il numero totale di episodi è sceso a 6,5 ​​(-54%). C’era anche una notevole tendenza alla riduzione del disturbo causato da allucinazioni con valutazioni che scendevano da 7,3 a 4,8.

Un gruppo di controllo di quattro partecipanti ha seguito la stessa procedura, tranne i partecipanti impegnati nella respirazione profonda invece della terapia, prendendo respiri profondi lenti, contando ripetutamente da uno a dieci.

Nel gruppo di controllo, il numero di giorni con paralisi del sonno (4,3 al mese all’inizio) è rimasto invariato, così come il numero totale di episodi (4,5 al mese inizialmente).

Anche il disturbo causato dalle allucinazioni è rimasto invariato (valutato 4 durante le prime quattro settimane).

“Sebbene il nostro studio abbia coinvolto solo un piccolo numero di pazienti, possiamo essere cautamente ottimisti sul suo successo”, ha affermato il dott. Jalal.

“La terapia di meditazione-rilassamento ha portato a un drastico calo del numero di volte in cui i pazienti hanno sperimentato la paralisi del sonno, e quando lo hanno fatto, tendevano a trovare le allucinazioni notoriamente terrorizzanti meno inquietanti. Sperimentare qualcosa di meno inquietante come la paralisi del sonno è un passo nella giusta direzione “.

Se i ricercatori sono in grado di replicare le loro scoperte in un numero maggiore di persone – comprese quelle della popolazione generale, non affette da narcolessia – allora questo potrebbe offrire un trattamento relativamente semplice che potrebbe essere fornito online o tramite uno smartphone per aiutare i pazienti a far fronte a la condizione.

“So in prima persona quanto possa essere terrificante la paralisi del sonno, avendola sperimentata molte volte”, ha detto il dottor Jalal.

“Ma per alcune persone, la paura che può instillare in loro può essere estremamente spiacevole e andare a letto, che dovrebbe essere un’esperienza rilassante, può diventare irto di terrore. Questo è ciò che mi ha motivato a ideare questo intervento “.


La paralisi del sonno (SP) è una condizione comune che colpisce circa il 7,6% della popolazione generale durante la loro vita [1].

Gli episodi si verificano durante l’inizio del sonno o durante l’offset e comportano una grave paralisi motoria associata alla piena consapevolezza della situazione.

Sebbene la fisiopatologia della SP non sia ben compresa, la presenza di SP è correlata a una desincronia nell’architettura del sonno REM (rapid eye movement) [2,3,4].

Nella polisonnografia, questo stato è contrassegnato da un EEG alfa abbondante o da un pattern misto di onde alfa e onde lente a bassa tensione e dalla persistenza dell’atonia muscolare [5].

La paralisi corporea durante SP è innescata dal ponte e dal midollo ventromediale che inibiscono i motoneuroni durante il sonno REM dall’acido γ-amminobutirrico e dalla glicina [2].

La SP è solitamente accompagnata da sensazioni somatiche, come dolore al petto, mancanza di respiro, palpitazioni cardiache, sensazione di soffocamento, sudorazione, tremore, sensazione di testa vuota e nausea. Queste esperienze sono variamente classificate ed etichettate dai ricercatori, ad esempio, sintomi di panico [6], sintomi somatici [7] o sintomi vegetativi [8].

La SP è spesso accompagnata da allucinazioni visive, tattili e uditive [9,10]. Le allucinazioni SP sono comunemente classificate in tre tipi: (1) l ‘”intruso” associato a un senso di presenza minacciosa, (2) l’ “incubo” associato a una sensazione di oppressione al petto e (3) sensazioni corporee insolite come come sensazioni di levitazione e altri tipi di OBE (esperienze extracorporee) [9].

Le allucinazioni SP hanno generato interpretazioni diverse che variano a seconda della cultura in cui si verificano. In Cina, SP è inteso come “oppressione fantasma” [11].

In Giappone, si pensa che sia causato da una delle divinità buddiste denominate Fudoh-Myohoh (“Kanashibari”) [12]. Negli Stati Uniti, a volte è interpretato come rapimento alieno [13].

In Egitto, è descritto come un attacco dei geni malvagi (cioè i jinn) [14]; in Turchia, come attacco Karabasan (creature simili a spiriti) [15]; a Terranova, come una vecchia strega (“fenomeno della vecchia strega”) [16]; in Italia, come attacco di pandafeche (streghe e creature feline) [17]; in Sud Africa, come attacco dei Thokoloshe [18]; in Brasile, come una megera con le unghie lunghe che calpesta il petto (“Pisadeira”) [19]; e in Cambogia, come un attacco di un fantasma, con SP chiamato “il fantasma ti spinge giù” [6]. Queste spiegazioni culturali di SP possono influenzare la frequenza e la gravità degli episodi di SP.

SP è spesso associato ad ansia grave [1,9,20,21,22] e le interpretazioni culturali di SP (p. Es., Come esperienza soprannaturale) sembrano esacerbarne la gravità.

In Egitto, dove la SP è considerata un’esperienza soprannaturale, il 50% degli intervistati ha riferito di aver paura della morte.

Tuttavia, a Demark, dove SP è interpretato come un fenomeno psicologico, solo il 17% ha riportato tali paure [23]. Pertanto, le basi geografiche e culturali della SP possono avere effetti diversi nelle diverse culture.

SP è più comune nelle persone con narcolessia e altri disturbi psichiatrici, specialmente in quelli con disturbi d’ansia come disturbi di panico (tra il 20,8% e il 30,6%) [24], fobie sociali (22,2%) [24] o disturbi d’ansia generalizzati ( 15,8%) [24].

Alcuni studi mostrano una maggiore incidenza di SP nelle persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) [14,25], 67% in un campione cambogiano [6]. La ricerca indica anche che la depressione è fortemente associata alla SP in un modello predittivo multiplo [26] e che le persone che soffrono di SP hanno sintomi di depressione più elevati rispetto alle persone che non hanno mai sperimentato SP [27,28].

Sharpless et al., 2010, trovano una correlazione significativa tra i sintomi della depressione e la SP paurosa ricorrente [29]. La posizione del corpo durante l’inizio del sonno sembra rilevante in quanto SP è più comune quando si dorme in posizione supina [9].

Inoltre, i tassi di prevalenza di SP sono significativamente più alti nella popolazione studentesca (28,3%) rispetto alla popolazione generale (7,6%) [1]. La SP che si manifesta indipendentemente dai disturbi del sonno viene definita paralisi del sonno isolata [30].

La classificazione della classificazione internazionale dei disturbi del sonno (ICSD) distingueva la paralisi del sonno isolata ricorrente (RISP) dalla paralisi del sonno regolare, inserendola nel gruppo delle parasonnie legate alla fase del sonno REM [31].

Inoltre, nell’ultima versione della classificazione internazionale delle malattie (ICD-11), il RISP è stato definito e classificato con il codice 7B01.1 [32]. Nella quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), RISP non è incluso, sebbene possa essere contrassegnato con 307.40 (disturbo sonno-veglia non specificato) o 307.49 (altri disturbi sonno-veglia specificati) [33].

Ad oggi, nessuno studio pubblicato ha esaminato la SP in Polonia.

Lo scopo del presente studio è valutare (1) la prevalenza di SP in una popolazione studentesca polacca, (2) l’insorgenza di sintomi somatici e clinici correlati a SP e (3) i fattori che contribuiscono all’insorgenza di sintomi somatici e clinici sintomi tra gli sperimentatori di SP.

Frequenza di insorgenza e sintomatologia di SP
Tra i 439 studenti, 140 individui (31,89%; IC 95%: 27,5-36,3%) hanno sperimentato almeno un episodio di SP nella loro vita.

I 140 studenti che hanno sperimentato SP ((SP +) 31,89%) e i restanti 299 studenti che non hanno sperimentato SP ((SP−) 68,11%) non differivano in modo significativo in termini di età o sesso. Per un confronto delle caratteristiche demografiche degli utenti che hanno sperimentato SP e di coloro che non hanno sperimentato la SP, vedere la Tabella 1.

Tra le persone che hanno sofferto di SP, il 77% (n = 108) ha sperimentato almeno un episodio nell’ultimo anno, il 34% (n = 47) l’ha sperimentato 4 volte o più nell’ultimo anno, il 29% (n = 41 ) almeno una volta nell’ultimo mese.

Nel gruppo SP +, il 93% (n = 130; IC 95%: 87,6-96,7%) ha riferito di aver avuto paura durante il corso dell’SP e il 46% (n = 64; IC 95%: 36,7-53,3%) ha sentito paura di morte.

La maggior parte degli intervistati, il 66% (n = 92; IC 95%: 57,8-73,7%), ha confermato il verificarsi di allucinazioni indotte da SP che coinvolgono diverse modalità sensoriali (Tabella 2). Il novantaquattro percento (n = 132) di coloro che avevano SP (n = 140; IC 95%: 90,4-98,2%), ha sperimentato almeno un tipo di sintomo somatico (Tabella 3).

Tabella 1

Caratteristiche demografiche dei partecipanti.

Tipo di campioneN% Donne ( n )% Male (n)Età
M  ( SD )RNG
SP +14031.4 (103)33.3 (37)22 (3.92)18–50
No SP29968.6 (225)76.7 (74)22 (4.36)18–50

Nota. SP + = partecipanti con almeno un episodio di SP nella vita; No SP = individui che non hanno sperimentato SP.

Tavolo 2

La frequenza di insorgenza di allucinazioni durante la paralisi del sonno (SP) nel gruppo di studenti studiato.

Tipo di allucinazioniVisivouditorioToccareOlfattivo
N% (95% CI)N% (95% CI)N% (95% CI)N% (95% CI)
Gruppo SP +5237
(29.0–45.3)
4431
(23.6–39.2)
3525
(17.7–32.3)
32
(−0.29–4.6)

Nota. SP + = partecipanti con almeno un episodio di SP nella vita; N = numero di responder; 95% CI = 95% intervallo di confidenza.

Tabella 3

La frequenza di insorgenza di sintomi somatici durante SP nel gruppo di studenti studiato.

Tipo di campioneGruppo SP +Femmine SP +Maschi SP +Differenze tra femmine e maschi
N% (95% CI)N%N%
Almeno un sintomo13294 (57.8–73.7)97943595p> 0,05
Pressione sul petto7251 (43.0–59.8)53511951
Incapace di respirare5135 (28.4–44.5)41401027
Dolore / fastidio al torace5439 (30.4–46.7)41401335
Sensazione di soffocamento1813 (7.2–18.5)161625
Nausea, sofferenza addominale75 (1.4–8.7)5525
Sensazione di vertigini, instabilità4431 (23.6–39.2)34331027
Sudorazione7151 (42.3–59.1)53511849
Tremando / agitazione5136 (28.4–44.5)36351541
Palpitazioni10676 (68.5–82.9)80782670
Brividi o vampate di calore4834 (26.3–42.2)38371027

Nota. SP + = partecipanti con almeno un episodio di SP nella vita; N = numero di responder; 95% CI = 95% intervallo di confidenza; p  =  p -value

La relazione tra SP e la gravità dei sintomi di ansia

La gravità dei sintomi di ansia, l’insorgenza di PTSD e la tendenza a preoccuparsi non differivano tra i malati di SP e gli individui che non avevano sperimentato SP (p> 0,05). Tra i maschi che hanno sperimentato SP 4 o più volte, la gravità dei sintomi di STAI era maggiore rispetto ai maschi che hanno sperimentato SP meno di 4 volte (p <0,05). È interessante notare che questa correlazione non è stata trovata tra le donne che soffrono di SP; il numero di episodi non era correlato alla gravità dei sintomi di ansia (p> 0,05).

La relazione tra la frequenza di SP e le variabili dello stile di vita

Non c’era correlazione tra il numero di episodi di SP sperimentati e le variabili dello stile di vita come l’indice di massa corporea (BMI), la quantità di caffè consumata, il numero di sigarette fumate o il tempo trascorso in attività fisica (p> 0,05).

Tuttavia, la frequenza SP e la durata del sonno hanno rivelato differenze di genere significative. Tra i maschi, la quantità di tempo dedicata al sonno durante l’anno accademico è stata positivamente correlata al numero di episodi di SP nel corso della vita (R = 0,34, p <0,05).

Tra le donne, è stata trovata una correlazione negativa tra la quantità di sonno durante l’anno accademico e il numero di episodi di SP nell’ultimo anno (R = −0,24, p <0,05) e i tassi di vita di SP (R = −0,20, p < 0.05).

La posizione del corpo durante l’inizio del sonno ha avuto qualche effetto. Il cinquantaquattro percento dei soggetti ha sperimentato SP mentre dormiva sulla schiena (n = 75). Solo l’8% l’ha sperimentato dormendo a pancia in giù (n = 11) e il 38,5% ha affermato che la posizione del sonno non era importante (n = 54).

Tra le donne, il 51,5% (n = 53; IC 95%: 42,6–62,4%) ha sperimentato SP mentre dorme sulla schiena, 9,7% sullo stomaco (n = 10; IC 95%: 4,0–15,8%); tra i maschi il 59,5% sulla schiena (n = 22; 95% CI: 41,4-76,3%) e sullo stomaco 2,7% (n = 1; 95% CI: −3,0–9,0%). Tuttavia, queste differenze non erano statisticamente significative.

È stata registrata anche la posizione del corpo durante l’offset del sonno. Analisi post hoc hanno rivelato che quei soggetti che affermavano che la posizione del sonno non era importante hanno sperimentato più episodi di SP rispetto ai soggetti che dormivano sulla schiena. Le differenze sono rimaste significative anche dopo un aggiustamento di Bonferroni (Z = 2,99, p = 0,0085).

Fattori che influenzano la gravità dei sintomi somatici e psicopatologici nelle persone con SP

Tra le donne, il numero di sintomi somatici durante SP era correlato positivamente con il numero di sigarette fumate (R = 0,25, p <0,05) e correlato negativamente con il tempo assegnato al sonno durante l’anno accademico (R = 0,21, p <0,05). Tra i maschi, il numero di tali sintomi somatici sperimentati durante SP era positivamente correlato al numero di sigarette fumate (R = 0,37, p <0,05) e alla quantità di caffè consumato (R = 0,45, p <0,05). Tuttavia, esaminando specificamente le allucinazioni, non c’era alcuna relazione tra il numero di allucinazioni correlate a SP e le variabili dello stile di vita (la quantità di sonno, le bevande al caffè consumate, le sigarette fumate).

È stata trovata un’associazione positiva tra i sintomi somatici e la gravità dei sintomi di PTSD (R = 0,20, p <0,05). La correlazione tra i fattori di rischio SP legati allo stile di vita e il numero di sintomi SP per tutti i partecipanti allo studio è mostrata nella Tabella S1.

La gravità dei sintomi somatici era anche associata a sintomi di ansia.

Le persone che hanno paura della morte durante SP avevano una maggiore gravità dei sintomi somatici rispetto alle persone che non avevano paura della morte (p <0,05).

Tuttavia, l’esperienza di allucinazioni visive non era associata alla paura della morte o alla gravità di altri sintomi correlati all’ansia (p> 0,05).

  1. Discussione Il
    nostro studio è il primo del suo genere a valutare la prevalenza di SP in Polonia. Con questo studio, abbiamo cercato di definire meglio la sintomatologia di SP e di valutare i possibili fattori causali che influenzano la frequenza e la gravità degli episodi di SP. Abbiamo analizzato una popolazione studentesca perché la ricerca attuale rivela che SP si verifica significativamente più frequentemente nella popolazione studentesca rispetto alla popolazione generale.

Abbiamo scoperto che la frequenza degli episodi di SP nella popolazione studentesca di Lublino, in Polonia, è del 32% ed è leggermente superiore al tasso medio di prevalenza di SP nel mondo che è stimato al 28,3% [1].

Inoltre, il 34% dei soggetti nel nostro studio ha sperimentato SP almeno quattro volte nell’ultimo anno, il che soddisfa i criteri della paralisi del sonno isolata ricorrente (RISP) [45]. La prevalenza di episodi di SP per le popolazioni studentesche di tutto il mondo varia in una certa misura.

La più alta prevalenza di SP è stata registrata in Perù, dove il 55,8% degli studenti ha sperimentato almeno un episodio di SP [46]; in Canada, il 29-41,9% degli studenti ha sperimentato SP [9,47]; in Giappone, 38,9–43% [12,13,14,15,16,17,18,19,20,21,22,23,24,25,26,27,28,29,30,31,32, 33,34,35,36,37,38,39,40,41,42,43,44,45,46,47]; in Egitto, 43% [25]; in Nigeria, 26,2–44,2% [48,49]; in Kuwait, 28,8%; in Sudan, 29,9% [50]; e negli USA, 24,5–25% [50,51].

Nonostante le significative differenze ambientali, economiche, sociali e culturali tra questi paesi, la prevalenza di SP rimane significativamente più alta nella popolazione studentesca rispetto alla popolazione generale.

In Europa, solo uno studio ha stimato la prevalenza di SP in un gruppo di studenti. Ricerche precedenti rivelano che il 19,9% degli studenti irlandesi ha sperimentato SP almeno una volta [52]. Il nostro studio rivela che il 32% degli studenti polacchi ha sperimentato SP almeno una volta, una cifra significativamente più alta. Ciò è sorprendente data la vicinanza geografica e la somiglianza culturale condivisa tra Irlanda e Polonia.

Il nostro studio ha confermato che la SP è associata a sentimenti di intensa paura. Il 93% dei partecipanti allo studio ha riferito di aver sperimentato paura durante la SP e il 46% ha riferito una paura specifica della morte.

Il risultato più simile è stato ottenuto in uno studio canadese in cui il 90% dei partecipanti ha riportato ansia [21]. Per fare un confronto, in Irlanda, la paura è stata segnalata dall’82% e la paura della morte dal 39,8% [52].

Negli Stati Uniti, il Paradis et al. studio ha riportato che oltre il 50% degli intervistati ha provato paura e il 52% ha avuto paura della morte [51]. Nello studio Sharpless e Grom, il 75,64% ha provato paura [20]. Molti altri studi confermano che la SP è accompagnata da estrema paura [6,22,53,54,55,56].

I partecipanti al nostro studio hanno riportato sia la presenza di sintomi somatici che allucinazioni psicologiche. Gli intervistati hanno riportato allucinazioni sia ipnagogiche che ipnopompiche, cioè allucinazioni prima di addormentarsi e prima di svegliarsi.

L’incidenza di eventuali allucinazioni è stata del 66%. I tipi più comuni di allucinazioni erano visive, il 37%. Questo risultato è in linea con risultati simili riportati in Irlanda, 53%; nella Repubblica Ceca, l’11%; e in Nigeria, 32,6% [48,52,57].

Nel nostro studio, i sintomi riportati erano dominati da sensazioni fisiche al 92% rispetto al 66% di allucinazioni. Il sintomo somatico più frequentemente riportato è stata la sensazione di cuore che batte più velocemente (76% degli intervistati).

Altri studi hanno anche riportato la presenza di sintomi come sensazione di pressione [9,21,29,51], difficoltà respiratorie, dolore, sensazione di testa vuota e vertigini [21], soffocamento, intorpidimento, vibrazione, formicolio e sensazione di intorpidimento [29].

Hinton et al. 2005, ha descritto la presenza di molteplici sintomi somatici come palpitazioni e mancanza di respiro durante la paralisi del sonno tra i rifugiati cambogiani che includono tassi estremamente elevati di panico [6,53].

Nella maggior parte degli studi condotti in tutto il mondo, l’attenzione si è concentrata principalmente sulle allucinazioni e ha ampiamente omesso la sintomatologia fisica della SP. Il questionario che abbiamo usato conteneva 12 domande sui sintomi somatici che possono accompagnare la SP.

Nel Waterloo Unusual Sleep Experiences Questionnaire VIIIa [58] comunemente usato, la sensazione di pressione sul petto è stata classificata come un tipo di allucinazione codificato come SP- “incubus” [58].

Il tipo “incubus” si riferisce a sensazioni di pressione sul petto, mancanza di respiro o l’impressione che una creatura sia seduta sul petto della persona che sta sperimentando SP [9].

Non c’è consenso sulla classificazione della pressione toracica come un tipo di allucinazione psicologica o sintomo fisico associato a stress o respirazione alterata durante SP [9,47,51,53].

Secondo il modello di paralisi del sonno “panico-allucinazione (PH)” di Jalal, le esperienze somatiche durante SP, come difficoltà respiratorie o costrizione toracica, possono essere correlate a interruzioni della fase del sonno REM: ipossia; ipercapnia; occlusione delle vie aeree; e respirazione rapida e superficiale [7].

La presenza di questi sintomi in combinazione con la paralisi del corpo durante SP può portare ad un aumento della paura e della paura per la propria vita. Lo stress associato all’esperienza di queste emozioni negative può innescare la cosiddetta “reazione di lotta o fuga” dell’amigdala ed esacerbare i sentimenti di panico [7].

Quando si tenta di muovere gli arti durante un episodio di SP, in assenza di soppressione del feedback propriocettivo, ci può essere un aumento della sensazione di tensione e pressione corporea e persino dolore e contrazione degli arti [59].

Inoltre, i sintomi somatici correlati all’SP si verificano anche durante gli attacchi di panico e sono inclusi nei criteri ICD-11 per questa diagnosi [32]. Pertanto, questi fattori combinati dipingono un quadro complicato delle allucinazioni correlate a SP come forse sia psicologiche che somatiche.

Tra gli studenti intervistati, il 52% di loro ha sentito una pressione sul petto durante SP. In Irlanda, questa percentuale era vicina al 48% [52]. Negli studi condotti fuori dall’Europa, la frequenza di questo sintomo era inferiore, ad esempio, Kuwait, 19,2%; Sudan, 20,7%; Canada, 28,9% [50]; e Giappone, 19,7% [47]. Alcuni fattori comuni all’Europa, o almeno comuni alla Polonia e all’Irlanda, possono contribuire a questo, ma non è chiaro se possa essere un fattore culturale o dovuto a qualche altro elemento.

Il fattore più importante che abbiamo notato rispetto alla prevalenza di SP è stata la durata del sonno. Questa relazione ha una forma abbastanza diversa per entrambi i sessi. Per le donne, abbiamo osservato una correlazione negativa tra avere SP e il numero di ore di sonno durante l’anno accademico, mentre negli uomini la correlazione era positiva.

La nostra ricerca è in linea con i risultati di altri autori [54,59,60,61], che hanno dimostrato che tra gli adolescenti giapponesi, la prevalenza di SP era maggiore in coloro che dormivano meno di 5 ore o più di 9 ore ogni 24 ore periodo [60].

La relazione tra il verificarsi di SP e la durata del sonno non è chiara. Secondo alcuni ricercatori, la durata del sonno e l’SP non sono correlati [62,63,64]. A causa di risultati incoerenti su questo argomento, sono necessari ulteriori studi per esplorare possibili fattori predisponenti.

Altre ricerche sottolineano i fattori predisponenti per SP: scarsa valutazione soggettiva della qualità del sonno [54,59,60,61,64,65], privazione del sonno [5], sintomi di insonnia [26,66], sonnellini durante il giorno [54, 59,60].

Un altro fattore importante che influenza il decorso della SP è la posizione del corpo. La nostra ricerca conferma che la posizione del corpo sdraiato sulla schiena favorisce l’insorgenza di SP [67,68]. In uno studio condotto da Spanos et al. (1995), ben il 70% degli studenti ha riferito di aver sperimentato SP quando giaceva sulla schiena [69].

I risultati di Fukuda et al. (1998) hanno mostrato che il 58% degli studenti canadesi e l’84% dei giapponesi hanno sperimentato SP in posizione sulla schiena, mentre nell’intera popolazione studiata il 4% dei canadesi e il 41% dei giapponesi hanno dichiarato di dormire normalmente sulla schiena [47] .

La relazione tra sintomi di ansia correlati a SP e sintomi di stress post-traumatico dimostrato in studi precedenti non è stata confermata nel nostro studio. Nella maggior parte dei casi studiando SP e ansia o sintomi da stress post-traumatico, la ricerca si è concentrata su pazienti psichiatrici, la maggior parte dei quali viveva in paesi con differenze culturali significative rispetto alla Polonia [6,53,55].

La forte relazione tra PTSD e sintomi di ansia è stata dimostrata tra i rifugiati cambogiani che sono stati trattati in cliniche psichiatriche e tra i pazienti di ospedali psichiatrici in Cina e negli Stati Uniti [6,53,55].

In Cambogia, tra i pazienti psichiatrici, la prevalenza di SP è alta, con il 49% che ha sperimentato SP nell’ultimo anno, con il verificarsi del fenomeno quasi sempre attribuito all’azione di esseri soprannaturali come fantasmi e demoni [6,14, 53].

Qui, le differenze culturali significative possono entrare in gioco come in Polonia, e SP è per lo più interpretato come una condizione causata da stress, stanchezza, scarsa igiene del sonno e altri fattori dello stile di vita, non come un fenomeno culturale.

Negli studi condotti da Jalal e colleghi tra studenti egiziani che soffrivano di SP, la gravità dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico, dei sintomi di ansia e la tendenza a preoccuparsi erano più alti rispetto ai coetanei che non lo sperimentavano [25].

Tra i partecipanti allo studio, l’11% ha spiegato il fenomeno della SP come un attacco genico. Nella popolazione generale di questo paese, ben il 41% ha interpretato il fenomeno come l’effetto del genio [15].

Nel nostro studio, gli uomini che hanno sperimentato SP quattro o più volte hanno avuto una maggiore gravità dei sintomi di ansia sulla scala STAI, rispetto agli uomini che hanno sperimentato SP meno di 4 volte (p <0,05). Ciò suggerisce che gli alti livelli di ansia come tratto possono essere un fattore di rischio per il verificarsi di episodi di SP tra gli uomini.

La maggiore gravità dei sintomi di ansia era associata a un maggior numero di sintomi somatici presenti durante SP. Inoltre, è stata dimostrata anche tra i partecipanti una relazione positiva tra i sintomi somatici e la gravità dei sintomi di PTSD misurata dalla scala PLC-5. I risultati da noi ottenuti suggeriscono una relazione tra sintomi di ansia e sintomi di PTSD e il decorso e l’insorgenza di SP.

Il decorso della SP e la gravità dei sintomi somatici possono essere influenzati dal fumo di sigaretta e dal consumo di bevande contenenti caffeina. Il fumo di sigaretta è associato a una maggiore incidenza di SP [60]. Tuttavia, altri studi non confermano questa relazione [54,64] e l’influenza della caffeina sulla frequenza di SP è stata esclusa dagli studi attuali [61].

Inoltre, la nostra ricerca getta nuova luce su questo problema. Fino ad ora, l’influenza di queste sostanze psicoattive sulla gravità dei sintomi di SP non è stata ancora studiata. La nostra scoperta sembra essere degna di considerazione perché la nicotina [70,71,72] e la caffeina [73] hanno un effetto negativo sulla qualità del sonno.

Altre variabili dello stile di vita dovrebbero essere studiate in futuro, specialmente nei paesi in cui la SP è interpretata come causata da problemi di stile di vita piuttosto che da forze soprannaturali. Inoltre, studi che coinvolgono analisi genetiche, neurofisiologiche e neuropsicologiche in diverse popolazioni potrebbero essere utili per distinguere ulteriormente tra i possibili fattori.

I limiti di questo studio includono la limitazione del campione agli studenti universitari della provincia di Lublino e la dipendenza dalle sole misure di autovalutazione online. Va tenuto presente che i malati di SP erano più disposti a rispondere al sondaggio rispetto alle persone che non hanno sperimentato questo fenomeno.

Ciò potrebbe avere un impatto sulla prevalenza di SP tra gli studenti polacchi. Lo studio aveva una selezione limitata di fattori causali. Partiamo dal presupposto che ci siano altri fattori di rischio che influenzano l’insorgenza di SP nella popolazione studentesca polacca.

In futuro, sarebbe ragionevole prendere in considerazione altri potenziali fattori causali siano essi comportamentali (p. Es., Sonnellini durante il giorno, farmaci), psicologici (p. Es., Capacità di affrontare lo stress, qualità del sonno) o sintomi di disturbi cronici (p. Es., Narcolessia, depressione ). Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i fattori di rischio per SP nella popolazione polacca.

I risultati del nostro studio indicano che una percentuale significativa di studenti sperimenta paralisi del sonno isolate ricorrenti e che questo fenomeno è associato a grande paura e disagio fisico, che possono ulteriormente esacerbare tale ansia.

Episodi di SP frequenti e ricorrenti possono ridurre significativamente la qualità della vita delle persone che li sperimentano e possono anche avere un impatto negativo sulla vita degli studenti. La portata del fenomeno emerso dallo studio richiede un’analisi più approfondita.

Inoltre, sembra che la consapevolezza scientifica su questo disturbo non sia ampiamente diffusa in Polonia. Non ci sono forme di terapia disponibili basate sull’evidenza (cioè supportate empiricamente) per le persone che soffrono di SP. Pertanto, dovrebbero essere incoraggiate ulteriori ricerche sulla SP, inclusa la determinazione dell’efficacia delle forme di terapia disponibili (ad esempio, Jalal, 2016, 2017) [7,74].

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7277803/


Ulteriori informazioni: Jalal, B et al. Meditazione-rilassamento (terapia RM) per la paralisi del sonno: uno studio pilota in pazienti con narcolessia. Frontiere in Neurologia; 12 agosto 2020; DOI: 10.3389 / fneur.2020.00922

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.