Erogenous Mirror: le persone toccano le aree del corpo del loro partner che rispecchiano le parti del loro corpo che amano essere toccate

0
87

Un nuovo studio sul ruolo del tatto e dello sguardo nel piacere sessuale , condotto dalla Bangor University e dalla Royal Holloway, University of London, ha scoperto che istigiamo una mossa speculare durante le interazioni sessuali toccando i nostri partner dove vogliamo essere toccati.

Questo effetto che è stato definito come lo “specchio erogene”, rivela che ci piace toccare le aree del corpo dei nostri partner che rispecchiano le parti del nostro corpo che a noi stessi piace aver toccato.

Lo studio, pubblicato su Archives of Sexual Behaviour, mostra come durante le interazioni sessuali trattiamo il corpo dell’altra persona come il nostro e i confini tra sé e il partner sono sfocati.

In passato, trarre piacere dall’atto di toccare e guardare durante le interazioni sessuali è stato ampiamente ignorato negli studi accademici. Questo studio ha ora messo in dubbio il modo in cui alle persone piaceva guardare e toccare in una relazione sessuale.

Un ampio campione di individui, che rappresentano una vasta gamma di età, sesso  e orientamento sessuale, ha completato un questionario chiedendo loro di valutare i livelli di eccitazione di diverse parti del corpo in una serie di scenari diversi; quando hanno toccato e sono stati toccati da un partner; e quando guardavano o venivano guardati dal loro partner.

La dottoressa Lara Maister, della School of Psychology dell’Università di Bangor, autrice principale dello studio, ha dichiarato:

“Abbiamo scoperto che le persone mostrano un riflesso molto chiaro nelle loro preferenze per le diverse parti del corpo; si divertivano a toccare le aree del corpo del loro partner che corrispondevano alle aree che a loro piacevano specificamente essere toccate sui loro stessi corpi “.

“Questo valeva anche per i luoghi ‘bizzarri’, come le orecchie; se ti piace avere le orecchie toccate, è più probabile che ti piaccia anche toccare le orecchie del tuo partner “.

I ricercatori hanno scoperto una forte correlazione tra le valutazioni del tatto e dello sguardo; le parti del corpo su cui alle persone piaceva essere toccate erano strettamente allineate a quelle che a loro piacevano essere guardate.

Il professor Manos Tsakiris, del Dipartimento di Psicologia della Royal Holloway, ha aggiunto: “Guardare o guardare è una parte importante dell’interazione sessuale e quando il nostro partner guarda una certa parte del nostro corpo, possiamo anticipare e immaginare di essere toccato lì.

“Suggerisce che lo sguardo e l’anticipazione del tatto giocano un ruolo importante nelle interazioni sessuali. 

C’erano anche alcune notevoli differenze tra uomini e donne. 

I risultati hanno mostrato che gli uomini trovano aree apertamente sessuali, come i genitali e i capezzoli, più eccitanti sul corpo dei loro partner che sul loro; in altre parole, preferiscono toccare e guardare il corpo del loro partner piuttosto che essere toccati e guardati.

Per queste aree, al contrario, le donne hanno riferito di aver trovato generalmente più eccitante per il proprio corpo essere toccato che toccare quello del proprio partner.

La ricerca ha anche trovato differenze tra uomini e donne nell’indice di piacere reciproco; un punteggio che mappa se l’eccitazione che otteniamo toccando un’area del corpo del nostro partner è superiore, inferiore o simile all’eccitazione provata dal partner quando lo tocchiamo su quella stessa area.

Può dirci come, a livello di gruppo, la nostra preferenza per toccare le parti del corpo del nostro partner si allinea con il punto in cui gli piace che le tocchiamo.

Per un sottoinsieme del campione, che era eterosessuale (82% degli intervistati), gli uomini avevano in media un punteggio di piacere reciproco più alto rispetto alle donne; hanno mostrato un maggiore allineamento tra il punto in cui amavano toccare le donne e quello in cui alle donne piaceva essere toccate.

Le donne, in media, hanno mostrato un allineamento inferiore tra dove gli piaceva toccare gli uomini e dove gli uomini piacevano essere toccati.

In altre parole, gli uomini tendevano a godere di toccare i corpi delle donne in luoghi dove anche le donne amavano essere toccate. Al contrario, le aree del corpo di un uomo che alle donne piaceva toccare non corrispondevano necessariamente alle preferenze degli uomini.

Per gli intervistati eterosessuali, sebbene gli uomini abbiano mostrato un allineamento generale più elevato con le donne rispetto al contrario, queste interessanti differenze di genere nell’indice di piacere reciproco differivano tra le parti del corpo.

Ad esempio, gli uomini hanno tratto più piacere dal toccare il seno e il fondoschiena delle donne e meno piacere dal toccare aree sensuali come la nuca e le spalle, rispetto alle donne tipicamente toccate in quelle aree.

Quando le donne hanno toccato gli uomini, è emerso un modello diverso. Quando le donne hanno toccato il petto e la parte superiore delle braccia degli uomini, hanno riferito di essere più eccitate rispetto agli uomini durante l’esperienza; al contrario, riferivano meno eccitazione degli uomini quando gli toccavano i piedi e le gambe.

Le differenze tra uomini e donne nel sottogruppo eterosessuale del campione sono state riscontrate anche guardando un partner, oltre a toccarlo.

Quando gli uomini guardavano negli occhi di una donna, questo sguardo aumentava i livelli di eccitazione delle donne molto più fortemente di quanto non facesse l’uomo.

Al contrario, gli uomini erano molto eccitati quando una donna guardava i suoi genitali, ma le donne al contrario non li trovavano così eccitanti da guardare.

Lara ha spiegato: “Questi risultati ci insegnano la mutualità e la reciprocità dell’interazione sessuale; il modo in cui i partner si allineano rispetto alle aree del corpo del loro partner che amano toccare e guardare, rispetto alle aree su cui il loro partner vuole che si concentrino.

“Per gli eterosessuali, scoprire che le preferenze degli uomini, in media, erano più allineate alle preferenze delle donne che viceversa, era intrigante, ma può essere spiegato da una prospettiva evolutiva”.

Nel complesso, questo studio rivela che, quando si tratta di accarezzare e guardare durante le interazioni sessuali, possiamo trattare i corpi del nostro partner come specchi dei nostri desideri.

Evidenzia anche interessanti somiglianze e differenze tra uomini e donne quando si tratta dell’eccitazione provocata dal toccare e guardare le diverse parti del corpo.

Attraverso il calcolo di un indice di piacere reciproco, lo studio mostra inoltre che se i partner sono ben assortiti in termini di eccitazione quando uno tocca l’altro dipende da diverse cose, incluso il nostro genere, gli orientamenti sessuali e le parti del corpo su cui ci si concentra.


Il tocco è un mezzo potente per suscitare l’eccitazione sessuale. Qui, stabiliamo l’organizzazione topografica delle regioni corporee che innescano l’eccitazione sessuale soggettiva negli esseri umani.

A un totale di partecipanti sono state mostrate immagini di corpi dello stesso sesso e del sesso opposto e gli è stato chiesto di colorare le regioni corporee il cui contatto loro o membri del sesso opposto avrebbero vissuto come eccitanti sessualmente mentre si masturbavano o facevano sesso con un partner.

Le risultanti mappe delle zone erogene (EZM) hanno rivelato che l’intero corpo era sensibile al contatto sessuale, con punti caldi erogeni costituiti da genitali, seni e ano.

L’area EZM era più ampia durante il sesso con un partner rispetto alla masturbazione, ed era anche dipendente dal desiderio sessuale e dai livelli di interesse eterosessuale e omosessuale.

Concludiamo che la stimolazione tattile di praticamente tutte le regioni del corpo può innescare l’eccitazione sessuale. L’estensione delle zone erogene mentre si fa sesso con un partner può riflettere il ruolo del contatto nel mantenimento dei legami di coppia riproduttiva.

Il tocco è un mezzo potente per suscitare l’eccitazione sessuale, e sia la carezza affettuosa del proprio partner che l’auto-stimolazione dei genitali sono in grado di innescare potenti risposte di eccitazione sessuale. L’eccitazione sessuale promuove il comportamento sessuale tramite meccanismi fisiologici periferici e centrali, oltre che emotivi e motivazionali (Janssen, 2011).

Sebbene le risposte di eccitazione sessuale umana possano essere innescate da segnali visivi e uditivi, sono anche guidate dalla stimolazione tattile dei genitali (Steers, 2000; Walen & Roth, 1987). Ciò presumibilmente deriva dalle proiezioni sensoriali iniziali dei genitali esterni che trasmettono molteplici qualità sensoriali al talamo sensoriale, alla materia grigia periacqueduttale e ai siti ipotalamici che governano le funzioni sessuali (Dean & Lue, 2005; Hubscher & Johnson, 2003; Martin-Alguacil, Schober, Kow, & Pfaff, 2006), nonché da ulteriori interazioni tra questi centri di trasmissione e i siti corticali somatosensoriali (S1) che rappresentano i genitali e i circuiti neurali che governano l’elaborazione dell’eccitazione e della ricompensa (Georgiadis et al., 2006; Georgiadis, Reinders, Paans, Renken, e Kortekaas, 2009; Komisaruk e Whipple, 2005). Di conseguenza, la stimolazione genitale,

Tuttavia, paradossalmente, è stato anche scoperto che la stimolazione tattile delle regioni corporee senza apparente connessione con i genitali, come seno e capezzoli, scatena l’eccitazione sessuale (Levin e Meston, 2006; Turnbull, Lovett, Chaldecott e Lucas, 2014) e di conseguenza i partner umani si accarezzano anche i corpi gli uni degli altri in regioni al di fuori dei genitali durante l’interazione sessuale.

Insieme ai genitali, tali regioni sono spesso chiamate zone erogene a causa della loro capacità di innescare l’eccitazione sessuale (Turnbull, et al., 2014). Anche se la sensibilità tattile e nocicettiva di diverse regioni del corpo è ben compresa (Ackerley, Carlsson, Wester, Olausson, & Backlund Wasling, 2014; Mancini et al., 2014), la disposizione topografica quantitativa così come le funzioni delle zone erogene umane sono rimaste irrisolto.

Inoltre, il ruolo funzionale delle proprietà di attivazione dell’eccitazione delle aree non genitali è scarsamente compreso.

Se il contatto sessuale serve solo una funzione generale di modulazione dell’eccitazione, si potrebbe ipotizzare che i modelli di contatto siano focalizzati sui genitali ed essere concordi durante la masturbazione e mentre si fa sesso con un partner, perché toccare i genitali innesca le risposte di eccitazione più potenti (Turnbull, et al., 2014).

Tuttavia, se toccare il corpo durante l’interazione sessuale con un partner svolge anche funzioni estranee all’eccitazione sessuale, si potrebbe ipotizzare che gli schemi di contatto siano

diverso quando si fa sesso con un partner rispetto alla masturbazione. Infatti, gli esseri umani (Jones e Yarbrough, 1985; Willis e Briggs, 1992) ei primati non umani usano il contatto per mantenere le relazioni sociali (Dunbar, 2010); quindi, è possibile che i partner che fanno sesso possano estendere carezze anche alle rispettive regioni non genitali per promuovere il legame di coppia a lungo termine oltre a innescare e mantenere l’eccitazione sessuale.

Inoltre, le differenze di sesso nelle zone erogene umane sono rimaste sotto specificate e, oltre alle differenze banali derivanti dall’anatomia, la capacità della stimolazione tattile di diverse regioni corporee nell’innescare l’eccitazione sessuale nei maschi e nelle femmine non è ben compresa.

Infine, toccare sessualmente un partner può innescare e mantenere la sua eccitazione sessuale, preparando così fisicamente il partner alla copulazione e promuovendo il comportamento sessuale.

La compatibilità sessuale con il partner contribuisce in modo significativo alla soddisfazione e alla motivazione sessuale (Hurlbert, Apt, Hurlbert e Pierce, 2000).

Anche la scarsa comunicazione riguardo alle questioni sessuali gioca un ruolo chiave (Purnine & Carey, 1997) ed è prevalente tra le coppie in cui la partner femminile ha problemi di orgasmo (Kelly, Strassberg e Turner, 2006). È quindi interessante scoprire se le percezioni degli uomini e delle donne delle reciproche zone erogene corrispondono.

Nel presente studio riveliamo una topografia spaziale ad alta risoluzione delle zone erogene umane e la loro relazione con la sensibilità tattile e nocicettiva utilizzando un nuovo strumento di autovalutazione basato su computer.

Ai partecipanti sono stati mostrati corpi nudi dello stesso sesso e gli è stato chiesto di colorare le regioni di cui provano il contatto come sessualmente eccitanti quando si masturbano o fanno sesso con un partner, risultando in mappe delle zone erogene (EZM). Per attingere alla conoscenza sugli EZM del sesso opposto, i partecipanti hanno anche ripetuto i compiti con corpi di sesso opposto.

DISCUSSIONE

I nostri risultati rivelano per la prima volta l’organizzazione topografica specifica del sesso e del comportamento sessuale delle zone erogene nell’uomo. Mostriamo che l’intera pelle funge da organo sessuale somatosensoriale sia per i maschi che per le femmine, in particolare quando si fa sesso con un partner.

Sebbene gli hotspot erogene si trovassero sulle zone erogene centrali dei genitali, le zone erogene si estendevano praticamente ovunque nel corpo formando un insieme di regioni erogene estese con la seconda più alta capacità di attivazione dell’eccitazione nel seno e nei capezzoli, nell’ano, nei glutei e nelle cosce interne .

L’area corporea totale che ha attivato l’eccitazione sessuale era significativamente più piccola durante la masturbazione rispetto al sesso con un partner. Nel complesso, questi risultati evidenziano l’importanza della sensazione tattile delle aree non genitali nella modulazione dell’eccitazione sessuale e suggeriscono che il nucleo e le zone erogene estese possono svolgere diverse funzioni nel comportamento sessuale e nella modulazione dell’eccitazione.

Mappe del nucleo e delle zone erogene estese negli uomini e nelle donne
La nostra scoperta principale è stata che toccare praticamente tutte le aree coperte dalla pelle del corpo può innescare l’eccitazione sessuale quando viene toccato dal partner, con una media del 37% dell’area totale del corpo che è in grado di innescare l’eccitazione sessuale al tatto. Anche i maschi e le femmine hanno valutato le reciproche EZM in modo simile (media r = 0,79).

L’area totale delle zone erogene era più ampia nelle femmine rispetto ai maschi, indice di una maggiore sensibilità tattile al contatto sessuale. Ciò concorda con il lavoro precedente che utilizzava il vibro-tattile (Gescheider, Bolanowski, Hall, Hoffman e Verrillo, 1994) e la stimolazione nocicettiva (Fillingim e Maixner, 1995), che punta verso una maggiore sensibilità nelle femmine rispetto ai maschi.

Gli hotspot erogeni che sono più coerentemente associati all’eccitazione sessuale e anche frequentati per primi erano focalizzati sui genitali. Sono stati osservati picchi EZM significativi anche nell’area del torace, del collo, dei glutei, dell’ano e della bocca (vedere il Video S-1 per le mappe t con soglia dinamica) ma anche in alcune altre regioni come schiena, coscia e stinco che hanno dolore basso e sensibilità tattile (Ackerley, et al., 2014; Mancini, et al., 2014).

Tuttavia, la correlazione degli EZM con le mappe della sensibilità tattile e nocicettiva ha evidenziato che la capacità di una regione di innescare l’eccitazione sessuale al tocco era principalmente – ma non completamente – determinata dalla sua sensibilità tattile e che la sensibilità tattile su tutto il corpo viene sfruttata solo quando si fa sesso con un Partner2.

Tuttavia, gli EZM avevano poca somiglianza con l’organizzazione somatosensoriale del corpo nelle cortecce somatosensoriali (Penfield & Boldrey, 1937; Ruben et al., 2001), con le regioni la cui rappresentazione è vicina ai genitali nell’S1 non essendo significativamente più inclini a innescare eccitazione sessuale rispetto a quelli più distanti.

Pertanto, è improbabile che l’attivazione parziale della rappresentazione S1 dei genitali mediante stimolazione ad aree adiacenti possa guidare la risposta di eccitazione (vedere anche Turnbull, et al., 2014).
Tuttavia, è necessaria una comprensione più completa dell’organizzazione somatotopica dei genitali maschili e femminili e delle zone erogene in SI e SII per comprendere il ruolo delle regioni extragenitali nell’innescare l’eccitazione sessuale.

Gli EZM erano invarianti a fattori demografici come l’età e l’istruzione. Tuttavia, il desiderio sessuale e l’interesse omosessuale ed eterosessuale sono emersi come predittori coerenti per l’area EZM totale durante la masturbazione o il sesso con un partner, suggerendo un collegamento diretto tra il desiderio sessuale e la dimensione del campo sessualmente ricettivo del corpo.

Questi effetti concordano con la proposta generale che l’attrazione sessuale verso partner dello stesso sesso e di sesso opposto sia associata al desiderio sessuale (Lippa, 2006).

Funzioni sessuali e sociali delle zone erogene estese

Sebbene gli EZM per la condizione di masturbazione coprissero praticamente tutto il corpo tranne la parte inferiore delle gambe, il contatto era considerato eccitante sessualmente in aree significativamente più grandi mentre si faceva sesso con un partner piuttosto che masturbarsi (Fig 4).

Le uniche regioni che hanno innescato in modo più coerente l’eccitazione sessuale mediante l’auto-stimolazione rispetto alla stimolazione da parte del partner erano i genitali e l’ano maschile (ma vedere Schober, Meyer-Bahlburg e Dolezal, 2009 per risultati opposti).

La masturbazione si verifica frequentemente sia nei primati umani che non umani anche quando esistono opportunità di copulazione (Ford & Beach, 1951; Oliver & Hyde, 1993) e la masturbazione maschile (che porta all’eiaculazione e allo spreco di sperma) in una varietà di specie è stata proposta per aumentare lo sperma si adatta senza aumentare il numero di spermatozoi nel tratto femminile (Baker & Bellis, 1993).

In questo contesto, diversi obiettivi della masturbazione rispetto al sesso con il partner potrebbero spiegare questa differenza: la stimolazione delle regioni sessualmente più sensibili durante la masturbazione sarebbe un modo efficace per ottenere il rilascio sessuale, poiché nessuna energia in eccesso viene sprecata per stimolare le persone sessualmente meno sensibili regioni. Ciò, tuttavia, solleva la questione del perché le aree, apparentemente meno sensibili dal punto di vista sessuale, al di fuori dei genitali vengono stimolate durante il sesso con un partner.
La ragione della mancanza di stimolazione tattile auto-prodotta al di fuori dei genitali potrebbe essere che la sensazione di tocco auto-prodotto è semplicemente attenuata.

Un modello avanzato che incorpora le azioni motorie predice le loro conseguenze sensoriali e porta all’attenuazione sensoriale della stimolazione tattile autoprodotta nelle cortecce somatosensoriali e insulari (vedi recensione in Blakemore, Wolpert e Frith, 2000). Tale attenuazione può attenuare le risposte di eccitazione innescate dall’auto-tocco, abbassando di conseguenza la motivazione dell’incentivo per il contatto extragenitale durante la masturbazione.

Mentre tale attenuazione per l’auto-stimolazione sembra verificarsi quasi ovunque nel corpo, era marcatamente assente nella regione genitale e i partecipanti hanno costantemente riportato valutazioni di eccitazione più elevate per il tocco sui genitali nella masturbazione rispetto al sesso con il partner.

Diversi modelli di attenuazione del modello in avanti tra le regioni SI che rappresentano i genitali rispetto ad altre regioni corporee potrebbero spiegare l’accresciuta sensibilità per l’auto-toccarsi sui genitali, al fine di consentire l’autostimolazione potenzialmente aumentando l’adattamento riproduttivo (Baker & Bellis, 1993).

Tuttavia, l’attenuazione del modello in avanti non spiega perché gli esseri umani sperimentano l’eccitazione sessuale quando i loro partner toccano regioni corporee meno sensibili sessualmente mentre fanno sesso insieme. Dal punto di vista del dispendio energetico, sarebbe utile limitare il contatto reciproco alle regioni genitali mentre si fa sesso anche con un partner.

Una possibile spiegazione è che stimolare queste aree toccando promuove aspetti non sessuali della partnership, come il legame di coppia. Prove abbondanti suggeriscono che sia gli umani (Jones e Yarbrough, 1985; Willis e Briggs, 1992) che i primati non umani usano il contatto sociale o la cura per rafforzare le strutture sociali (Dunbar, 2010).

Il lavoro traslazionale mostra che il lento accarezzare la pelle pelosa (ma non glabra) stimola le fibre c-tattili non mielinizzate (CTF) a conduzione lenta, proiettando successivamente cortecce insulari (ma non somatosensoriali) e possibilmente fornendo il percorso sensoriale per il contatto emotivo e affiliativo ( Loken, Wessberg, Morrison, McGlone e Olausson, 2009; Olausson et al., 2002).

Il contatto di affiliazione e la stimolazione del CTF possono supportare il mantenimento e l’instaurazione di relazioni a lungo termine anche negli esseri umani (Dunbar, 2010). In linea con ciò, il contatto intimo è tipicamente limitato alle sole relazioni più strette (Jones & Yarbrough, 1985; Willis & Briggs, 1992) e la qualità e la quantità del contatto sociale è positivamente associata alla soddisfazione relazionale nelle coppie (Hertenstein, Verkamp, ​​Kerestes , E Holmes, 2006).

Poiché i recettori c-tattili non sono stati trovati nei genitali, è improbabile che questo percorso svolga un ruolo nell’attivazione dell’eccitazione toccando i genitali (Liu et al., 2007). Proponiamo quindi che toccare le regioni glabre non genitali durante l’interazione sessuale con un partner possa svolgere una doppia funzione: stimolare le afferenze mieliniche a conduzione rapida proiettate a S1 e attraverso l’interazione con i circuiti di eccitazione talamici serve a innescare l’eccitazione sessuale, mentre la stimolazione simultanea di i CTF a conduzione lenta potrebbero promuovere l’affiliazione e il legame di coppia a lungo termine tra i partner.



Figura 1. Acquisizione dati con lo strumento emBODY.
Figura 2. Mappe delle zone erogene umane durante la masturbazione e il sesso con un partner. I dati hanno una soglia ap <.05, FDR corretto. La barra dei colori indica l’intervallo della statistica t in un test campione.
Figura 3. Mappe di sensibilità tattile e nocicettiva media per maschi e femmine. I dati vengono visualizzati su una scala arbitraria [0, 1] e vengono trasformati in radice quadrata per visualizzare meglio la variazione regionale nella coda inferiore della distribuzione.
Figura 4. Contrasti di sottrazione per le zone erogene nel partner rispetto alla condizione di masturbazione. Il contorno bianco mostra le regioni in cui il contrasto opposto (masturbazione contro partner) era significativo. I dati sono limitati a p <.05, FDR corretto. La barra dei colori indica l’intervallo della statistica t in un test di campioni accoppiati.
Figura 5. Effetti del sesso dei partecipanti e del tipo di tocco (masturbazione vs. sesso con il partner) sull’area totale delle zone erogene nel corpo maschile e femminile, in media tra le superfici ventrale e dorsale. Le barre di errore mostrano gli errori standard della media. Le condizioni di contatto con lettere diverse sono significativamente diverse a p <.05 e gli asterischi indicano condizioni con differenze di sesso significative a p <.05. Tutti i confronti multipli sono corretti da Bonferroni.

Tabella 1 . Caratteristiche dei partecipanti.

Maschi (n = 176) Femmine (n = 528)

 MSDMSDp -value
Età (anni)28.058.2625.115.56***
Sposato (%)35.00 27.00 ns.
Conviventi (%)20.00 26.00 ns.
In una relazione (%)29.00 36.00 ns.
Non in relazione (%)16.00 11.00 ns.
Esercizio (ore / settimana)3.032.123.232.23ns.
Attrattività fisica (1-10)6.901.366.901.51ns.
Attrattività sessuale (1-10)6.391.686.661.70ns.
Soddisfazione relazionale (1-7)3.812.924.292.78*
Desiderio sessuale (1-9)5.531.355.161.39**
Attività sessuale (1-9)4.031.103.761.02**
Vendi l’omosessualità (1-7)0.420.970.780.94**
Vendi eterosessualità (1-7)3.231.222.851.00***

Nota. *** = p <.001, ** = p <.01, * = p <.05 in due campioni t-test o test delle proporzioni per variabili categoriali tra maschi e femmine.

Tabella 2. Correlazioni di Pearson tra EZM stimate da partecipanti maschi e femmine.


Fonte:
Bangor University

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.