I suffissi e prefissi nei linguaggi sono legati a differenti cognizioni umane

0
81

I ricercatori linguistici utilizzano un ampio corpo di ricerca sull’inglese e altre lingue occidentali per formulare ipotesi generali sulle tendenze nel linguaggio umano, inclusa un’apparente preferenza universale per i suffissi (p. Es., Less, abile, ment) rispetto ai prefissi (p. Es. ).

Poiché gli scienziati psicologici riconoscono il potente legame tra linguaggio e cognizione, la tendenza dei suffissi a dominare il linguaggio umano può riflettere un tratto universale di come pensiamo ed elaboriamo il mondo che ci circonda.

Tuttavia, una nuova ricerca pubblicata sulla rivista  Psychological Science  rivela che anche se molte popolazioni preferiscono i suffissi nello stesso modo in cui lo fanno gli anglofoni, altri no, compresi i parlanti della lingua bantu africana Kîîtharaka.

Questa scoperta inaspettata sfida l’idea che le lingue occidentali siano sufficienti quando si studia la lingua e la sua connessione con la scienza psicologica.

“L’ipotesi originale che gli esseri umani generalmente preferiscono i suffissi ha molto senso intuitivo, almeno per noi anglofoni”, ha detto Alexander Martin, ricercatore linguistico presso l’Università di Edimburgo e autore principale dell’articolo. “Siamo rimasti sorpresi, quindi, di vedere quanto le due popolazioni [di lingua inglese e di lingua kîîtharaka] differissero nettamente a questo riguardo”.

Per la loro ricerca, Martin ei suoi colleghi hanno studiato le caratteristiche delle parole specifiche tra le due popolazioni: una la cui lingua si basa più frequentemente sui suffissi (51 di lingua inglese) e l’altra la cui lingua si basa maggiormente sui prefissi (72 persone che parlano Kîîtharaka).

Ai partecipanti è stata presentata una sequenza di forme o sillabe seguita da due sequenze aggiuntive. È stato quindi chiesto loro di identificare la sequenza più simile alla sequenza originale. Sulla base dei loro risultati, i ricercatori sono stati in grado di identificare quali parti di sequenze i relatori consideravano più importanti e quindi con meno probabilità di essere modificate.

Gli anglofoni consideravano l’inizio delle parole più importante, una caratteristica della lingua che riflette l’uso dei suffissi in inglese. I parlanti kîîtharaka, tuttavia, erano inclini a considerare i finali come più importanti, optando per selezionare sequenze che alteravano l’inizio delle parole.

“Questa scoperta ha davvero messo in discussione una precedente affermazione sul linguaggio umano”, ha detto Martin. “Ha dimostrato che l’abbondanza di suffissi nelle lingue del mondo potrebbe non essere semplicemente un riflesso della percezione umana generale.”

Una preferenza per i prefissi rispetto ai suffissi da parte di alcuni parlanti della lingua ha implicazioni più ampie rispetto alla diversa cognizione umana. Potrebbe essere un segno che la ricerca linguistica non è stata esaustiva in passato.

“L’importante da portare a casa qui è che se vogliamo capire in che modo il linguaggio è modellato dalle caratteristiche universali della cognizione o percezione umana, dobbiamo guardare a un campione diversificato di esseri umani”, ha detto Martin

Mentre chi parla inglese e altre lingue occidentali preferisce usare suffissi più che prefissi, un nuovo studio rivela che questa preferenza non è così universale come si pensava una volta. Questi risultati sottolineano la necessità di popolazioni più diversificate nella ricerca linguistica e possono far luce sulla cognizione umana. Credito: APS

La preferenza STRANA per i suffissi

Ricerche precedenti hanno stabilito che gli anglofoni favoriscono l’inizio delle parole. Ciò si riflette nella struttura dell’inglese: quando si modifica una parola per cambiarne il significato, l’inglese tende ad aggiungere suffissi. Ad esempio, i suffissi comuni nella lingua inglese includono “-wise”, che potresti aggiungere alla fine di “clock” o “like “o” -al “, che spesso segue” incidente “o” finzione “.

Questi studi linguistici passati, tuttavia, si sono concentrati prevalentemente sulle popolazioni occidentali, istruite, industrializzate, ricche e democratiche (WEIRD). Tali studi hanno concluso che i suffissi sono generalmente preferiti ai prefissi.

Martin e i suoi colleghi hanno osservato che tale ricerca esclude le popolazioni che non rientrano nelle categorie “WEIRD” e le conclusioni tratte da esse potrebbero quindi non essere rappresentative della cognizione umana universale.

Il nesso tra linguaggio e cognizione

“Il modo in cui il cervello umano percepisce ed elabora il mondo che lo circonda influisce sul linguaggio, ma non tutte le caratteristiche del linguaggio ne sono un riflesso diretto”, ha affermato Martin. “Ad esempio, anche il modo in cui utilizziamo il linguaggio, come per la comunicazione, può influire sui modelli linguistici”.

Le conclusioni dello studio illuminano ulteriormente la relazione tra cognizione umana e sistemi e modelli linguistici. Tuttavia, Martin ha messo in guardia dal presumere che lingue diverse debbano significare percezioni del mondo drasticamente diverse.

“Quando guardiamo chi parla altre lingue, specialmente chi parla lingue che non sono state studiate a fondo, siamo in grado di capire che abbiamo visto il mondo attraverso una lente di parte. Questo è qualcosa a cui pensiamo che gli psicologi dovrebbero preoccuparsi “, ha detto.


La grande domanda psicologica nella teoria evoluzionistica rimane perplessa e senza risposta oggi come durante la vita di Darwin: come può l’Homo sapiens essere biologicamente così simile ad altre specie animali e tuttavia cognitivamente1 così diverso?

Nel 21 ° secolo, c’è stata una marea di libri e articoli su questo argomento. In particolare, sono state formulate diverse ipotesi concrete sulla “scimmia consapevole” riguardante l’emergere di

(i) lingua,

(ii) utilizzo degli strumenti e

(iii) cooperazione sociale.

Questi sono i comportamenti in cui la cognizione umana sembra essere più eccezionale e di conseguenza che hanno ricevuto la maggiore considerazione da molte generazioni di studiosi (ad esempio, Pasternak, 2007). Attraverso una combinazione di intuizione concettuale e ingegnosità sperimentale, sono stati compiuti progressi significativi nello specificare ciò che è veramente insolito nella cognizione alla base di tali abilità – e in effetti quali aspetti sono comuni ad altre specie animali.

Le controversie sono numerose, ma uno dei maggiori ostacoli nella valutazione di ipotesi riguardanti la mente umana risiede nel fatto che le capacità cognitive umane sono sbocciate in comportamenti così complessi che i talenti cognitivi “fondamentali” sono tutt’altro che ovvi.

Nella tradizione riduzionista delle scienze naturali, la ricerca delle origini si è di conseguenza concentrata sui fenomeni semplificati – negli animali, nei bambini e, soprattutto, nelle dimensioni ridotte della scienza cognitiva di laboratorio.

Due strategie di ricerca sono diventate dominanti. Il primo si occupa delle differenze nella cognizione attualmente esistente tra adulti umani, neonati umani e varie specie animali, in particolare primati. I confronti tra le specie in particolare sono notoriamente difficili, ma potenzialmente forniscono un mezzo per valutare il comportamento umano da un punto di vista non antropocentrico.

La seconda strategia è lo studio del record evolutivo. Per quanto scarse e intrinsecamente aleatorie possano essere le scoperte della paleoantropologia, i fossili hanno l’estremo merito di fornire una sequenza cronologica inequivocabile dei principali eventi nella storia evolutiva della nostra specie (vedi Appendice: La linea temporale dell’evoluzione umana).

Sia l’approccio sperimentale che quello storico si sono dimostrati inestimabili, ma, qualunque siano le intuizioni ottenute, la maggior parte dei ricercatori si aspetta che la spiegazione della cognizione umana sarà coerente con i processi noti dell’evoluzione biologica.

A tale riguardo, è interessante che ci sia accordo tra tre dei pensatori moderni più incisivi sull’evoluzione cognitiva di H. sapiens riguardo al passaggio dalla mentalità premoderna a quella moderna.

Cioè, Donald (2001), Corballis (2011) e Tomasello (2014) hanno notato separatamente che, in accordo con la teoria evolutiva convenzionale, il cervello dei Primate avrebbe potuto subire al massimo un solo importante “ricablaggio” nella transizione dalla scimmia alla cognizione umana nel tempo relativamente breve che ci separa dai nostri antenati premoderni.

Quel rivoluzionario ricablaggio potrebbe essere stato guidato dalla costruzione di strumenti innovativi circa due milioni di anni fa, dall’invenzione del linguaggio durante una crisi di sopravvivenza dell’era glaciale, o forse dall’emergere della cooperazione sociale nella savana africana poiché i nostri antenati avevano bisogno dell’aiuto reciproco per cacciare insieme.

In alternativa, l’evoluzione della “consapevolezza” umana potrebbe avere le sue origini in un tipo più complesso di processo associativo che è stato poi sfruttato nello sviluppo dei nostri vari talenti cognitivi. Diverse ipotesi plausibili di questo tipo sono state avanzate, spesso con un focus sulle capacità di creazione e utilizzo di strumenti (Klein e Edgar, 2002; Corballis, 2011; Stringer, 2012; Tattersall, 2012; Suddendorf, 2013), a volte con un concentrarsi sul linguaggio (Bickerton, 1990; Jackendoff, 2002; Berwick e Chomsky, 2016) o sulla parola (Jaynes, 1976; Lieberman, 2007), e talvolta con un’enfasi sulla cooperazione sociale (Deacon, 1997; Tomasello, 1999, 2014; Whiten , 1999; Saxe et al., 2004; Wrangham, 2009; Dunbar, 2016).

Non sorprende che i linguisti abbiano enfatizzato l’importanza suprema del linguaggio nell’emergere di tutti i tipi di comportamento tipicamente umano. Senza almeno un linguaggio rudimentale, si chiedono, che tipo di creazione di strumenti e comportamenti di gruppo ci si può realisticamente aspettare che si siano verificati tra i nostri antenati scimmieschi?

Al contrario, gli psicologi dello sviluppo e gli esperti di comportamento animale tendono a vedere il comportamento sociale intrinsecamente cooperativo di H. sapiens come il segno distintivo della nostra specie. Se, in tempi di crisi, i nostri primi antenati arrivarono a entrare in empatia gli uni con gli altri ed erano inclini a trovare soluzioni collettive ai problemi collettivi, allora il comportamento cooperativo potrebbe aver preceduto e motivato il successivo sviluppo di strumenti e linguaggio.

E, pur riconoscendo l’importanza sia del linguaggio che della cooperazione sociale, i paleoantropologi sottolineano comprensibilmente la lunga storia della produzione e dell’uso di strumenti – e la cronologia inequivocabile dei manufatti materiali. Nello specifico, il record storico sugli strumenti risale a 2 ∼ 3 milioni di anni fa, mentre le prove tangibili dell’attività sociale e del linguaggio cooperativo sono tenui per tutti i fenomeni risalenti a più di 100.000 anni fa.

La maggior parte degli studiosi sull’evoluzione umana sosterrebbe ovviamente lo sviluppo sinergico di tutte e tre queste (e forse altre) abilità umane fondamentali (ad esempio, Deacon, 1997; Tattersall, 1998) – ciascuna contribuendo al progresso delle altre. Ma la sequenza degli eventi evolutivi e la precisa natura del “ricablaggio” del cervello umano rimangono del tutto speculative (espansione corticale? Aggiunta di elaborazione sensoriale cross-modale?

l’emergere della specializzazione emisferica? lo sviluppo di circuiti neuronali per sostenere la logica booleana? eccetera.). Sia che venissero utilizzate per la prima volta nella creazione di strumenti, nel linguaggio o nell’organizzazione sociale, una volta stabilito un nuovo talento, le nuove capacità del cervello umano appena cablato avrebbero potuto essere applicate in modo diverso a varie modalità per ampliare il kit di strumenti cognitivi (Mithen, 1996, 2005) di H. sapiens.

L’ipotesi alternativa al “ricablaggio rivoluzionario una volta sola” del cervello umano è la possibilità piuttosto poco parsimoniosa di mutazioni successive che hanno facilitato separatamente il linguaggio, l’uso di strumenti, la cooperazione sociale, il pensiero simbolico, il riconoscimento facciale, il lancio, la cucina, la danza, la musica, l’arte e così via – senza un reale collegamento tra questi talenti umani.

In effetti sono stati compiuti sforzi per enumerare gli “universali” della cognizione umana (ad esempio, Brown, 1991), ma Tattersall (2007), p. 134 lo ha notato

“Il problema con tali elenchi è che non possono mai essere completi; c’è sempre qualcos’altro da aggiungere … E nessuna di queste caratteristiche di per sé specifica qualcosa sulla condizione umana; semplicemente non possiamo sapere quale di loro, se ce n’è uno, è l’attributo umano “chiave”, quello che è stato preso di mira dalla selezione naturale passata “.

Nel saggio che segue, riassumo le ragioni per pensare che cinque degli “universali” della cognizione umana che altri hanno precedentemente identificato, enfatizzato e descritto esplicitamente come “triadici” hanno effettivamente una triade cognitiva al centro. Non viene fatto alcun tentativo per delimitare i nostri talenti triadici a questi cinque fenomeni da soli, ma sono, per consenso, probabilmente i più distinti e, inoltre, i talenti che i ricercatori interessati alla cognizione animale hanno più difficoltà a relazionarsi con i talenti in piena regola di H. sapiens.

Nel contesto dei tipi di saggi pubblicati su Frontiers in Psychology, il presente saggio è chiaramente un pezzo di “Opinione” – nel tentativo di riunire cinque sottocampi altamente controversi della psicologia umana all’interno di una nuova ipotesi triadica. Allo stesso tempo, tuttavia, si può dire che le prove che indicano l’importanza delle triadi cognitive sono già state presentate da altri per spiegare l’insolito della cognizione umana separatamente in ciascuno di questi sottocampi.

A tale riguardo, il presente saggio può essere visto come una “Revisione” delle idee correnti nella cognizione umana – con, per essere sicuri, un’enfasi sulle opinioni di supporto di altri che si sono concentrati sulle triadi percettive / cognitive nel linguaggio, strumento- making, cooperazione sociale, arte e musica.

Sebbene non sia a conoscenza di alcun lavoro accademico che abbia argomentato esplicitamente contro l’ipotesi triadica, la stragrande maggioranza delle teorie sull’evoluzione della cognizione umana non si concentra sulle “triadi” – e, a tale riguardo, il presente lavoro rappresenta una personale “opinione ”Che può o non può resistere alla prova del tempo. In ogni caso, potrebbe ispirare un ulteriore dibattito sul tema “Ciò che ci rende umani”.

Qui, descrivo la visione che la rivoluzione “una tantum” nella cognizione umana è stata l’emergere dell’elaborazione neuronale triadica – o la capacità di gestire le relazioni tra tre elementi di informazione contemporaneamente (Cook, 2012), distinti da associazioni diadiche, cioè semplici correlazioni binarie.

Per definizione, la cognizione triadica include sia l’elaborazione trimodale (dove, ad esempio, le informazioni visive, somatosensoriali e uditive vengono utilizzate per l’esecuzione del compito) sia l’elaborazione unimodale (dove, ad esempio, diversi tipi distinti di segnali visivi: occlusione, ombre e prospettiva linee: ciascuna fornisce informazioni per la comprensione della profondità visiva). Detto come tale, il “trattamento triadico” è piuttosto vago e necessita di spiegazioni concrete.

Fortunatamente, l’elaborazione sensoriale polimodale (multisensoriale, cross-modale) è diventata un robusto campo di ricerca empirica (p. Es., Calvert et al., 2004; Murray e Wallace, 2012; Plaisier e Kappers, 2016) e le relazioni tra i segnali rilevanti in compiti percettivi semplificati possono spesso essere specificati in esperimenti di laboratorio e conclusioni tratte riguardo alla rilevanza dell’elaborazione diadica rispetto a quella triadica.

È fondamentale per una corretta comprensione della cognizione triadica distinguere tra la semplice numerosità dei segnali percettivi / cognitivi, da un lato, e la complessità delle relazioni tra questi segnali, dall’altro.

Nelle versioni precedenti dell’ipotesi triadica (ad esempio, Cook, 2012), non ho tentato una definizione generale di “threeness” partendo dal presupposto che la definizione fosse autoevidente. Spinto dai commenti dei revisori, tuttavia, concludo ora che la “triade” nella cognizione triadica può e deve essere definita come le tre relazioni inerenti a qualsiasi insieme di tre elementi.

La numerosità dei segnali stessi non è il problema, ma la ricerca sulla memoria a breve termine (ad esempio, Jonides et al., 2008), il “chunking” (ad esempio, Cowan, 2001) e il loro sviluppo nei primi anni di vita (ad esempio, Oakes e Bauer, 2007) indica chiaramente il coinvolgimento della numerosità e delle relazioni causali tra gli elementi della memoria nello sviluppo cognitivo.

Detto questo, un’inevitabile confusione nella discussione delle operazioni cognitive che coinvolgono un piccolo numero di elementi, tuttavia, è il fatto che – a differenza di tutti gli altri insiemi – ci sono precisamente tre relazioni tra tre elementi, mentre c’è una sola relazione tra due elementi, già 6 relazioni tra quattro elementi, 15 tra cinque elementi e così via.

In altre parole, non sorgono problemi combinando “elementi” e “relazioni” nel caso di tre, ma differenze importanti sorgono con qualsiasi numerosità diversa da tre. Per la discussione che segue, le etichette più convenienti sono quelle che indicano la numerosità dei segnali (diadica vs. triadica, ecc.), Ma la complessità cognitiva deriva dal numero di relazioni distinguibili tra i segnali.

Nel nostro lavoro sulla musicologia empirica (Cook, 2002, 2009, 2017; Cook e Fujisawa, 2006; Cook et al., 2006; Cook e Hayashi, 2008; Fujisawa e Cook, 2011) e l’estetica visiva (Cook et al. , 2002, 2008a, b; Hayashi et al., 2007; Cook, 2012), abbiamo manipolato il più semplice degli stimoli uditivi e visivi e abbiamo scoperto che c’è un drammatico balzo nella complessità percepita quando ci si sposta specificamente da due a tre sensoriali segnali.

Al contrario, c’è una tendenza verso una maggiore complessità nella transizione da tre a quattro segnali o da quattro a cinque segnali (ecc.), Ma è statisticamente raramente significativo. In una parola, c’è qualcosa di speciale nella “profondità” uditiva o visiva di armonie o immagini contenenti tre toni o oggetti (ben posizionati) rispetto a solo due.

Costruire ricorsivamente sulla triade percettiva aggiungendo ulteriori segnali uditivi o visivi arricchisce all’infinito (intrigante ed esteticamente piacevole), ma il salto dalla “sensazione all’arte” sembra iniziare al passaggio dalla percezione di 1 correlazione isolata (inerente a 2 segnali ) alla percezione delle 3 relazioni (tra 3 spunti).

Avendo trovato nei nostri dati indicazioni empiriche dell’importanza dei processi specificamente triadici, siamo tornati alla letteratura (inizialmente, sulla numerosità degli stimoli) in altri campi in cui l ‘”unicità” umana è stata un’affermazione tradizionale (anche se alquanto dubbia).

Nel tenere traccia dei principali eventi evolutivi che hanno portato dalla mentalità dei nostri antenati simili agli scimpanzé circa 7 milioni di anni fa alla mente umana di oggi, è diventato evidente che altri sono incappati in simili “salti” cognitivi – a volte usando le etichette di “triadico” vs. associazioni “diadiche”, ma, più comunemente, notando semplicemente l’esplosione intrinseca della “complessità” man mano che i segnali sensoriali proliferano.

Le ipotesi sul numero di processi percettivi / cognitivi che possono essere tenuti contemporaneamente “in mente” sono necessariamente controverse2, ma attraenti per la loro semplicità concettuale e la conseguente testabilità empirica. In effetti, l’ipotesi della cognizione triadica è sia “radicale” (nel pretendere di identificare le funzioni cognitive alla base del passaggio da H. sapiens pre-moderno a moderno) e anche sorprendentemente “conservativa” (in quanto vincolata da scoperte consolidate in psicologia percettiva e cognitiva).

Sebbene permangano diverse lacune di questioni inesplorate, l’ipotesi di base dell’elaborazione triadica può essere facilmente compresa nei seguenti cinque titoli. Possono esserci effettivamente altri regni cognitivi fondamentali in cui le capacità umane sono qualitativamente diverse (danza, cucina, sport?), Ma i seguenti sono ben documentati nella letteratura sull’evoluzione umana.

linguaggio

La triade cognitiva che si trova al cuore della moderna teoria linguistica è la “frase” – sostenuta sin dagli anni ’50 da Noam Chomsky sotto forma di “grammatica trasformazionale” (1965) [in seguito chiamata “grammatica della struttura della frase guidata dalla testa” (Pollard e Sag, 1994) in riconoscimento del ruolo centrale della rotazione della testa]. Si noti che l’ultima incarnazione della grammatica trasformazionale è ora etichettata come “programma minimalista” (Boeckx, 2006), ed è un tentativo di ridurre le strutture delle frasi triadiche a più funzioni diadiche di “unione”.

Sono d’accordo sia con Bickerton (2014) che con Tomasello (2014) che l’enfasi sulla “fusione” diadica è una possibile espressione alternativa della struttura della frase, ma è forse una confusione inutile che sminuisce più di 50 anni di teoria linguistica basata sulla struttura della frase .

Sebbene spiegazioni coerenti dei principi linguistici possano derivare dal meccanismo di unione diadica o dalla struttura della frase triadica, l’enfasi tradizionale sulla struttura della frase facilita notevolmente una spiegazione della generalità dei meccanismi triadici nella cognizione “superiore” di H. sapiens.

In entrambi i casi, una teoria coerente della sintassi è già stata costruita sull’intuizione linguistica che ogni frase (frase nominale, frase verbale, frase preposizionale, ecc.) Comporta la “fusione” di due parole attraverso una “testa” di collegamento (Figura Figura55).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è fpsyg-09-01060-g005.jpg
FIGURA 5 Le
frasi sono triadi cognitive costituite da coppie di parole pronunciate (in rosso) unite da una “testa” non detta. A sinistra è mostrata la struttura di una frase nominale che include uno specificatore, un complemento e un nome (ad esempio, “una bella melodia”). Sulla destra è mostrata la struttura della frase ricorsiva di un’intera frase (ad esempio, “Klaus ha nutrito Nadia”) con gli specificatori opzionali “(S)” omessi. Le frecce indicano le possibili rotazioni della frase.

Il compito che tutti gli utenti della lingua devono affrontare ripetutamente durante la produzione o l’ascolto di un discorso è quello di determinare il significato unico che corrisponde a una combinazione specifica di parole organizzate in tali frasi discrete. Gli anglofoni prestano attenzione principalmente all’ordine delle parole all’interno e tra le frasi.

In altre lingue, i prefissi e i suffissi delle parole e il loro accordo tra le parti del discorso possono essere più importanti dell’ordine delle parole, ma in tutte le lingue devono essere seguite regole di sintassi comparabili per indicare le relazioni tra parole organizzate in frasi con specifiche – normalmente unico – significati.

Come ha notato Bickerton (1990, p. 59), gli esseri umani “hanno una sorta di modello o modello di come deve essere una frase. Non solo una frase nominale: qualsiasi tipo di frase. La cosa notevole è che frasi di ogni tipo … sono costruite allo stesso modo. Una frase è composta da tre parti. “

Ciò che Bickerton chiama la frase “modello” è la triade cognitiva fondamentale su cui è costruito tutto il linguaggio. Senza strutture triadiche, noi (e tutte le specie animali) abbiamo solo una zuppa amorfa di associazioni senza possibilità di codificare o decodificare una causalità precisa.

Comprendendo il significato di due nomi e un verbo (ad esempio, Figura 5, a destra), sappiamo immediatamente dei tipi di eventi che potrebbero essere trasmessi attraverso tale linguaggio, ma senza familiarità con le regole arbitrarie dell’ordinamento delle frasi, lo facciamo non so chi ha fatto cosa a chi. Le associazioni diadiche non sono sufficienti per spiegare la causalità.

Nelle frasi triadiche, le parole sono necessariamente collegate due alla volta in una sequenza temporale (a causa dell’ordinamento lineare richiesto dalla parola), ma la capacità umana di comprendere la “suddivisione” delle unità lessicali in frasi è ancora un profondo mistero.

Secondo Chomsky (2000), le capacità linguistiche sono cablate e “istintive” come vedere la profondità in un’immagine piatta o ascoltare il suono emotivo di una semplice melodia.

È interessante notare che l’assegnazione dell’ordine delle parole pronunciate in ogni frase non è chiaramente programmata, ma appresa: lingua per lingua, individuo per individuo, frase per frase (Evans, 2014). Come la maggior parte delle persone sa dall’esperienza di studio delle lingue straniere, la sequenza di parole nelle frasi è tanto arbitraria quanto l’ordine lineare momentaneo visto, ad esempio, in un cellulare Calder (Figura 6).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è fpsyg-09-01060-g006.jpg
FIGURA 6
A seconda delle regole arbitrarie delle diverse comunità linguistiche, lo stesso significato può essere tradotto in una lingua straniera ruotando frasi (NP1, NP2, VP1, VP2, ecc.) Attorno alle loro teste, come un mobile che si attorciglia liberamente nello spazio. Le sostituzioni lessicali seriali normalmente non saranno sufficienti per la traduzione, ma le sostituzioni lessicali più le rotazioni delle frasi avranno spesso successo. Qui, una frase inglese può essere trasformata in tedesco ruotando la frase VP2 e il tedesco in giapponese ruotando ulteriormente la frase VP1.

In altre parole, mentre la capacità di “chunking” frasale può essere innata, la sintassi non è certamente istintiva a livello di ordine delle parole.

Infatti, nelle ∼6000 lingue del mondo, ogni possibile sequenza di soggetto (S), verbo (V) e oggetto (O) viene utilizzata come struttura predefinita. La maggior parte (90%) inizia con soggetti (SOV e SVO), ma i linguaggi iniziali dei verbi (VSO e VOS) non sono rari (lingue hawaiane e celtiche) e sono note anche frasi che iniziano per impostazione predefinita con oggetti diretti (Carnie e Guilfoyle, 2000 ).

Per una data lingua, ci sono spesso sequenze corrette in modo univoco, ma la sequenza “corretta” è generalmente diversa, ad esempio, in tedesco, inglese e giapponese – e tradotta l’una nell’altra per mezzo della rotazione delle frasi.

Ciò che rimane costante in tutte le lingue è la presenza di unità frasali che possono essere organizzate ricorsivamente in frasi su scala più grande e, infine, frasi intere.

Con regole di sequenziamento concordate localmente, le singole frasi hanno un ordine temporale “corretto” o “errato” per trasmettere un significato specifico, ma possono essere ruotate a piacimento per concordare con le regole di sequenziamento di altre lingue per produrre, ancora una volta, significative frasi con semantica univoca.

Spostare un aggettivo dalla sua posizione prima di un sostantivo (come in inglese) a dopo (come in thailandese), o trapiantare un verbo dalla sua posizione iniziale in inglese alla sua posizione finale in giapponese o latino può sembrare “innaturale” per chi parla inglese, ma questi sono precisamente i tipi di regole sintattiche che ogni bambino assorbe da una comunità linguistica e che presto le padroneggia.

A causa di tale variabilità sintattica, la traduzione di successo richiede quindi più di una sostituzione uno a uno delle parole con i loro equivalenti lessicali in una lingua straniera.

Il compito sintattico più impegnativo (per gli studenti di una seconda lingua) è ruotare i rami in un albero linguistico in modo che lo stesso significato sia trasmesso in una lingua diversa, spesso utilizzando una sequenza radicalmente diversa di parole pronunciate (Figura 6).

A che punto sono le altre specie nella loro comprensione del linguaggio?

Sorprendentemente, gli scimpanzé possono imparare il significato di diverse centinaia di simboli arbitrari (Savage-Rumbaugh et al., 2001) e gli uccelli minori sono fonetici sorprendentemente capaci (Pepperberg, 1999).

Ma queste specie possono imparare la sintassi e, in particolare, rilevano il significato semantico della struttura della frase? Il dibattito accademico è lungi dall’essere risolto, ma c’è una questione su cui i dati empirici sono chiari.

L’analisi delle “espressioni” degli scimpanzé sia ​​nelle lingue con firma manuale che nelle comunicazioni con simboli da tastiera ha indicato che le frasi non ripetitive di tre parole sono una rarità (Terrace, 1979; Pinker, 1994). Associazioni diadiche? Sì.

Schemi triadici? No. Sia la semantica che la fonetica non sono al di là delle capacità cognitive di varie specie, ma una barriera cognitiva sorge presto nel regno della sintassi, dove l’ordinamento sequenziale di tre elementi gioca un ruolo importante.

A differenza dei bambini umani (che passano rapidamente da parole isolate a frasi di due, tre e più parole), gli animali procedono verso associazioni diadiche senza un ordine sequenziale intrinseco e la loro ripetizione. Non riuscendo a cogliere i principi triadici della struttura delle frasi – attraverso i quali la causalità, distinta dalla semplice correlazione, può essere trasmessa – le strutture linguistiche grammaticalmente “complesse” rimangono una sfida per tutte le specie tranne H. sapiens.

Appendice: la linea temporale dell’evoluzione umana

Uno scenario plausibile per la sequenza di eventi che hanno portato alla conoscenza dell’Homo sapiens moderno   è mostrato  nell’Appendice  A1A1  e può essere riassunto come “I sette passi verso la modernità”. Sebbene le date precise non siano note e mancino molti dettagli, queste sette fasi sono pienamente coerenti con la cronologia della documentazione fossile empirica.

FIGURA A1

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è fpsyg-09-01060-g00A1.jpg

Almeno sei sottospecie dei nostri primi antenati dall’Africa e dal Medio Oriente sono ben rappresentate nella documentazione sui fossili. Collettivamente, mostrano un notevole aumento delle dimensioni del cervello dallo scimpanzé (400 cc) al moderno  Homo sapiens  (1400 cc) – per un periodo di 7 milioni di anni. Durante quel periodo, nessun altro mammifero africano ha mostrato  aumenti comparabili nelle dimensioni del cervello ! Particolarmente difficile da spiegare per i paleontologi è l’era conosciuta come “il noioso milione di anni”.

Questo era il periodo in cui l’espansione del cervello umano era più vigorosa e tuttavia i cambiamenti nella struttura degli strumenti di pietra osservati nella transizione dal toolkit di Oldowan a quello di Acheuleano erano estremamente modesti. Strumenti complessi (costituiti da due o più componenti) non si trovano se non molto più tardi, ma un cambiamento degno di nota nell’emergere degli strumenti acheuleani fu l’istituzione della dominanza cerebrale.

Questo sviluppo è dedotto dall’analisi microscopica dei colpi balistici necessari per produrre strumenti, e indica che i nostri antenati che hanno realizzato le asce a mano acheuleane erano destrimani ( McManus, 2002 ). Nella misura in cui tale fabbricazione di utensili comporta un allenamento motorio prolungato per la rimozione appropriata dei fiocchi dal nucleo, è inconcepibile che i produttori di ascia a mano abbiano alternato la mano sinistra e la mano destra.

L’allenamento di una mano (e della corteccia motoria e premotoria dell’emisfero cerebrale controlaterale) sarebbe stata una sfida sufficiente senza il compito aggiuntivo di raggiungere l’ambidestria. A questo proposito, è probabile che “il noioso milione di anni” sia stato un periodo di consolidamento del dominio dell’emisfero cerebrale sinistro, ovvero l’organizzazione delle funzioni motorie esecutive in  un  emisfero, mentre liberava l’altro emisfero per specializzarsi in altri. compiti (figura adattata da  Oppenheimer, 2003 , p. 17).

I sette passi verso la modernità:

(Fase 0) Cambiamento climatico

Durante una serie di ere glaciali che hanno colpito l’Europa settentrionale circa 7–8 milioni di anni fa, i nostri antenati primati nell’Africa centrale / orientale hanno sperimentato condizioni aride che hanno trasformato abbondanti giungle in boschi e savane meno abbondanti. La scarsità di alberi da frutto ha reso impossibile la loro normale esistenza arborea e la dieta vegetariana e ha portato a:

(Fase 1) Locomozione bipede

Essendo intrinsecamente più lento della locomozione quadrupede, l’ominide bipede,  Australopithecine , si è trovato in svantaggio rispetto ai carnivori predatori ( Tattersall, 2002 , p. 15). Nonostante fossero un po ‘più lenti, quegli antenati cacciatori / raccoglitori prosperarono, probabilmente come conseguenza dei vantaggi senza precedenti di:

(Passaggio 2) Mani abili

In contrasto con i cambiamenti radicali nel bacino e nella colonna vertebrale che erano necessari per il bipedismo, la documentazione fossile mostra solo piccoli cambiamenti nella morfologia delle mani di  Homo habilis , poiché le mani stesse erano utilizzate, in effetti, come strumenti ( Oppenheimer, 2003 ). Gli arti che in precedenza erano stati utilizzati principalmente per l’agilità della giungla potevano ora essere impiegati per nuovi scopi: trasportare e manipolare oggetti. La destrezza delle mani con potenti pollici opponibili è stata infine sfruttata nell’invenzione di:

(Passaggio 3) Strumenti di pietra semplici

I primi strumenti del cosiddetto tipo Oldowan mostrano poco più di un bordo affilato, ma questo è stato sufficiente per raccogliere la carne e le pelli della megafauna ( Stringer, 2012 ). A seguito della diversità comportamentale implicita dal semplice utilizzo di strumenti, la migliore nutrizione fornita dal consumo di carne ha consentito enormi aumenti del volume cerebrale ( Wrangham, 2009 ;  Herculano-Houzel, 2016 ). Avere molti più neuroni nel sistema nervoso centrale era certamente utile nel consentire una maggiore complessità cognitiva, ma il vero significato risiedeva in:

(Passaggio 4) L’espansione della neocorteccia

Questo periodo di ingrandimento del cervello si è verificato in un momento in cui c’erano pochi cambiamenti nella morfologia degli strumenti, un periodo soprannominato dai paleoantropologi “il noioso milione di anni”. L’era prolungata della stagnazione comportamentale è stata notata per la prima volta da  Jelinek (1977) , ma da allora è stata approvata da  Tattersall (2002 ,  2012 ), p. 104, p. 42,  Coolidge e Wynn (2009) , pagg. 155–156,  Stringer (2012) , p. 244 e  Suddendorf (2013) , pag. 253.

L’enigma è che è difficile capire come non sarebbero  stati sviluppati nuovi strumenti  (data la tecnologia di base degli utensili in pietra già consolidata di martello e anima), e tuttavia non c’erano essenzialmente innovazioni tecnologiche durante questo millennio di millenni. Oppenheimer (2003) , p. 23 ha affermato che l’evento di mutazione più significativo mai accaduto nell’evoluzione  dell’Homo sapiens  si è verificato all’avvento dell’era Oldowan – un cambiamento evolutivo che ha prodotto l’allargamento del cervello, in generale, e l’espansione della neocorteccia cerebrale, in particolare.

Mentre i paleoantropologi hanno notato che sorprendentemente pochi nuovi comportamenti hanno accompagnato l’aumento del volume del cervello, c’è stato comunque un notevole cambiamento nella morfologia del cervello che da allora ha influenzato tutta l’evoluzione umana successiva ( Zaidel e Iacoboni, 2003 ). Cioè, il passaggio dagli strumenti Oldowan agli strumenti Acheulean è stato accompagnato dall’emergere di:

(Passaggio 5) Dominanza cerebrale laterale e manualità

Si noti che uno strumento Oldowan può essere creato con un semplice 1 ∼ 6 colpi balistici su una pietra centrale, mentre l’ascia a mano Acheuleana non può essere prodotta con meno di 50 colpi (e probabilmente molti di più) di forza, forza e orientamento simili a siti appropriati sul nucleo.

La   conclusione qualitativa tratta da una così semplice   scoperta quantitativa è che i creatori di strumenti acheuleani erano necessariamente “manipolati”, non ambidestri, a causa della necessità di addestrare una mano.

La creazione di assi manuali alternando la mano sinistra e la mano destra avrebbe richiesto il doppio del tempo per allenare la corteccia motoria di entrambi gli emisferi, mentre l’uso coerente di una mano sarebbe stato più efficiente, sia oggi che 2 milioni di anni fa.

Il “noioso milione di anni” può quindi essere stato “noioso” dal punto di vista comportamentale, ma nondimeno un periodo durante il quale si è consolidata la specializzazione di un emisfero cerebrale per la dominanza motoria nella creazione specifica di strumenti ( Frost, 1980 ).

Da sola, la preferenza a livello di specie per usare la mano destra quando si colpisce una pietra centrale per produrre scaglie a spigoli vivi potrebbe aver avuto poca importanza per l’evoluzione umana, ma è stata seguita l’era prolungata del dominio motorio della mano destra (emisfero sinistro) di:

(Passaggio 6) Specializzazione cerebrale laterale

La dominanza motoria unilaterale era importante per l’allenamento della mano favorita nelle capacità motorie necessarie per la produzione di strumenti di pietra, ma particolarmente degna di nota è stata la liberazione della   corteccia motoria controlaterale dall’allenamento delle capacità motorie. Quella libertà ha reso possibile la specializzazione della neocorteccia frontale dell’emisfero destro per altre forme di cognizione ( Jaynes, 1976 ;  Cook, 1986 ;  Hugdahl e Westerhausen, 2010 ).

I primi talenti dell’emisfero cerebrale “non dominante” avrebbero incluso la comprensione dei vincoli geometrici visuospaziali della creazione di un’ascia acheuleana e il mantenimento di un’immagine visiva del prodotto previsto “in mente” – talenti che ricordano le moderne abilità dell’emisfero destro. Avendo così sviluppato un meccanismo neuronale a doppio controllo per la costruzione di strumenti, l’  Homo sapiens  con cervelli funzionalmente lateralizzati ha successivamente adattato l’architettura a doppio controllo nel comportamento motorio supremo della nostra specie:

(Passaggio 7) Lingua parlata

Nel cervello umano moderno, l’aspetto più inequivocabile dell’asimmetria cerebrale funzionale è quello che si trova per la parola. Sebbene la dominanza mista sia spesso trovata per la percezione del linguaggio, la semantica e la prosodia, la necessità di un controllo esecutivo unilaterale sull’output motorio (discorso) rimane intransigente: il 97% dei destrimani e l’80% dei mancini mostrano un controllo motorio unilaterale sul organi di parola ( Warrington e Pratt, 1973 ).

Al contrario, l’assenza di dominanza funzionale unilaterale durante il discorso è associata alla balbuzie (p. Es.,  Watkins et al., 2008 ). Il significato della dominanza emisferica e della specializzazione lateralizzata praticamente per ogni altro aspetto della psicologia umana rimane controverso ( Hugdahl e Westerhausen, 2010 ;  Ocklenburg et al., 2016 ), ma l’attivazione asimmetrica degli emisferi cerebrali durante la produzione del linguaggio è la regola piuttosto che la eccezione in  Homo sapiens .

Ci sono poche indicazioni nella documentazione fossile riguardo precisamente quando il linguaggio è emerso, ma si ritiene improbabile che abbia preceduto la costruzione di semplici strumenti maneggiati. Ciò che ciò implica è che arte, scienza e tecnologia sono sbocciate in tutto il mondo nel periodo straordinariamente breve di due o tremila anni dopo l’emergere della precisa sequenzializzazione di comandi motori unilaterali sia per la parola che per la costruzione di strumenti.

Questi sette passaggi che portano alla cognizione moderna possono essere brevemente indicati come segue:

Il passaggio 1 ha liberato le mani dalle faccende di locomozione.

La fase 2 è stata l’emergere di mani abili in grado di manipolare le materie prime disponibili di pietra, legno, pelli animali e fibre vegetali.

Il passaggio 3 era il guadagno nutrizionale che gli strumenti primitivi rendevano possibile mangiando carne.

Il passaggio 4 è stato il successivo ingrandimento del cervello, producendo regioni relativamente ampie di corteccia di associazione polimodale.

Il passaggio 5 è stato l’inizio dell’attività manuale pesantemente ripetitiva della produzione di utensili in pietra che richiedeva l’addestramento di una mano dominante (emisfero cerebrale) per le funzioni motorie esecutive.

Il passaggio 6 è stato l’emergere di specializzazioni dell’emisfero non dominante (destro) che non erano correlate alle capacità motorie, ma erano rilevanti per l’elaborazione cognitiva delle informazioni affettive e visuospaziali.

E il passaggio 7 è stato lo sviluppo delle funzioni cognitive duali della lingua parlata nell’emisfero sinistro e l’elaborazione contestuale nell’emisfero destro ( Geschwind, 1965 ). È questa combinazione di capacità esecutive insieme a funzioni paralinguistiche, affettive e contestuali che sono oggi considerate l’essenza dell ‘”intelligenza” umana.


Ulteriori informazioni:  Alexander Martin et al, Revisiting the Suffixing Preference: Native-Language Affixation Patterns Influence Perception of Sequences,  Psychological Science  (2020). DOI: 10.1177 / 0956797620931108

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.