Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) – disturbo bipolare – comportamenti aggressivi possono essere collegati all’assunzione di zucchero

0
47

Una nuova ricerca suggerisce che condizioni come la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), disturbo bipolare e persino comportamenti aggressivi possono essere collegati all’assunzione di zucchero e che possono avere una base evolutiva.

La ricerca, uscita oggi dall’Università del Colorado Anschutz Medical Campus e pubblicata su Evolution and Human Behaviour, presenta un’ipotesi a sostegno di un ruolo del fruttosio, un componente dello zucchero e dello sciroppo di mais ad alto fruttosio , e dell’acido urico (un metabolita del fruttosio), in aumentando il rischio di questi disturbi comportamentali.

“Presentiamo le prove che il fruttosio, abbassando l’energia nelle cellule, innesca una risposta di foraggiamento simile a quella che si verifica nella fame”, ha detto l’autore principale Richard Johnson, MD, professore presso la University of Colorado School of Medicine del CU Anschutz Medical Campus.

Johnson delinea la ricerca che mostra che una risposta al foraggiamento stimola l’assunzione di rischi, l’impulsività, la ricerca di novità, il rapido processo decisionale e l’aggressività per aiutare la sicurezza del cibo come risposta di sopravvivenza.

L’ eccessiva attivazione di questo processo dall’eccessiva assunzione di zucchero può causare comportamenti impulsivi che potrebbero variare dall’ADHD, al disturbo bipolare o persino all’aggressività.

“Sebbene il percorso del fruttosio fosse pensato per aiutare la sopravvivenza, l’assunzione di fruttosio è aumentata alle stelle nel corso dell’ultimo secolo e potrebbe essere in overdrive a causa delle elevate quantità di zucchero presenti nella dieta occidentale attuale”, aggiunge Johnson.

Il documento esamina come un’eccessiva assunzione di fruttosio presente negli zuccheri raffinati e nello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio possa avere un ruolo contributivo nella patogenesi dei disturbi comportamentali associati all’obesità e alla dieta occidentale.

Johnson osserva: “Non incolpiamo il comportamento aggressivo dello zucchero, ma piuttosto notiamo che potrebbe essere un contributore”.

Johnson raccomanda ulteriori studi per indagare il ruolo dello zucchero e dell’acido urico, in particolare con nuovi inibitori del metabolismo del fruttosio all’orizzonte.

“L’identificazione del fruttosio come fattore di rischio non nega l’importanza dei fattori genetici, familiari, fisici, emotivi e ambientali che modellano la salute mentale”, aggiunge.


Il comportamento aggressivo è una delle principali preoccupazioni tra gli adolescenti e causa lesioni [1]. La prevalenza del comportamento aggressivo varia sostanzialmente tra i paesi [2,3]. I dati di uno studio condotto in 79 paesi suggeriscono che la prevalenza di frequenti combattimenti fisici (≥4 volte negli ultimi 12 mesi) è stata del 10,4% nei ragazzi e del 2,7% nelle ragazze [3].

La dieta gioca un ruolo importante nel mantenimento del benessere psicologico [4]. Un modello alimentare occidentale è associato a una maggiore salute mentale e problemi comportamentali. È stato dimostrato che il consumo di bevande analcoliche è associato a problemi di salute mentale [5,6].

Alcuni degli studi precedenti si sono concentrati sull’associazione tra consumo di bevande analcoliche e depressione, ideazione suicidaria tra gli adolescenti [5,6,7].

Sebbene i meccanismi non siano completamente compresi, un’associazione positiva tra il consumo di bibite e questi problemi di salute mentale è stata segnalata sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati [5,6,7].

La maggior parte degli studi ha ipotizzato che l’infiammazione o lo stress ossidativo causato dalle bevande analcoliche media il legame tra consumo di bevande analcoliche e problemi di salute mentale.

Studi precedenti sul consumo e sul comportamento delle bevande analcoliche si sono concentrati in gran parte sull’interiorizzazione del comportamento. Un numero limitato di studi ha esaminato la relazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo tra gli adolescenti [8,9,10]. Nella Youth Risk Behavior Survey negli USA, Solnick et al. hanno scoperto che il consumo di bevande analcoliche era positivamente associato a comportamenti aggressivi [9].

In 26 paesi industrializzati, il consumo di zucchero è positivamente associato a comportamenti a rischio, inclusa la lotta fisica, principalmente a causa di una bevanda zuccherina piuttosto che di dolci [10]. Non è noto se questa associazione esista in altri paesi con cultura e comportamenti alimentari diversi. Comprendere il ruolo delle bevande analcoliche nel carico di lesioni e violenza ha il suo significato per la salute pubblica, poiché la dieta è un fattore modificabile.

Lo scopo dello studio era valutare l’associazione tra consumo di bevande analcoliche e aggressività tra gli adolescenti scolastici di età compresa tra 12 e 15 anni in 64 paesi / regioni che hanno partecipato all’indagine globale sulla salute degli studenti (GSHS) tra il 2007 e il 2016.

Discussione

In questo studio trasversale su un quarto di milione di adolescenti in 64 paesi, il consumo di bevande analcoliche è stato positivamente associato a comportamenti aggressivi in ​​entrambi i sessi. L’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo era più forte tra i non fumatori e quelli con sufficiente attività fisica. Esistono differenze regionali sull’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo. Nello studio è stata osservata una differenza sostanziale nel consumo di bevande analcoliche.

Confronto con studi precedenti

Sebbene risultati comparabili ai nostri risultati relativi a un’associazione positiva tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo siano stati riportati negli Stati Uniti tra i giovani [9], Slovacchia [8] e 26 paesi industrializzati [10], per la prima volta abbiamo classificato più studi da paesi a basso e medio reddito.

Questo ci consente di limitare alcuni degli effetti confondenti comuni nei paesi ad alto reddito (ad esempio, stress e cibo denso ad alta energia). Non sembra esserci alcuna differenza significativa nell’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo in base al reddito a livello nazionale. Tuttavia, c’era una significativa eterogeneità tra i paesi.

L’OR per il comportamento aggressivo associato al consumo di bevande analcoliche variava da 0,86 (IC 95% 0,74-1,01) in Mozambico a 1,43 (IC 95% 1,08-2,89) a Niue. L’eterogeneità non può essere spiegata dal consumo di bevande analcoliche a livello nazionale e dalla prevalenza di comportamenti aggressivi (Figura 1).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è nutrients-12-00694-g001.jpg
Figura 1 Grafico
forestale della meta-analisi del sottogruppo dell’associazione tra consumo di bibite e comportamento aggressivo. Abbreviazione delle regioni: AR (regione africana), EMR (Mediterraneo orientale), RA (regione delle Americhe), SEAR (regione dell’Asia sudorientale) e WPR (regione del Pacifico occidentale). I valori sono odds ratio (OR) e intervallo di confidenza al 95% (CI).

Non è noto se diversi tipi di bevande analcoliche consumate in paesi diversi possano in parte spiegare la differenza. L’uso di tipi di zucchero (p. Es., Sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS) vs saccarosio) per produrre bevande analcoliche può contribuire alla differenza. La differenza di cultura alimentare può anche spiegare l’eterogeneità.

I determinanti genetici svolgono un ruolo critico nel modulare il comportamento aggressivo [13,14,15]. Pertanto, l’eterogeneità osservata nel nostro studio potrebbe essere in parte dovuta alla differenza di background genetico nei diversi paesi. Le prove esistenti suggeriscono che ci sono interazioni tra la genetica e il consumo di bevande zuccherate sui risultati di salute (ad esempio, l’obesità) [16].

La debole associazione positiva tra l’assunzione di frutta e verdura e il comportamento aggressivo è coerente con uno studio degli Stati Uniti [9]. Sono necessari ulteriori studi per chiarire l’associazione tra schemi dietetici generali e comportamento aggressivo. Stili di vita malsani spesso si raggruppano e influenzano il comportamento aggressivo [17].

Vale la pena notare che tra coloro con uno stile di vita sano (p. Es., Non fumatori, non bere alcolici e un’attività fisica sufficiente) nel nostro studio, c’era ancora una forte associazione positiva tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo. È meno probabile che il collegamento sia stato confuso da questi fattori di stile di vita. Analogamente ad altri studi [18,19], abbiamo scoperto che l’obesità, il fumo e il consumo di alcol erano positivamente associati a comportamenti aggressivi.

Potenziali meccanismi

Sebbene restino da studiare i meccanismi esatti che collegano il consumo di bibite e il comportamento aggressivo, si possono fare diverse ipotesi. In primo luogo, un elevato consumo di zucchero può aumentare il livello di stress ossidativo e infiammazione [20].

È stato dimostrato che questi cambiamenti sono associati a problemi di salute mentale [21]. In uno studio sui ratti Wistar, è stato dimostrato che le bibite gassate possono indurre stress ossidativo e alterare l’espressione di alcuni geni associati all’attività cerebrale [22].

In secondo luogo, la bevanda analcolica è una componente importante della dieta occidentale. È stato dimostrato che la dieta occidentale è correlata a problemi di salute mentale e comportamenti esternalizzanti [4]. Il microbiota intestinale è un mediatore per il legame tra la dieta moderna e molte malattie croniche, compresi i problemi di salute mentale [23,24,25].

Diversi fattori possono mediare l’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo. I risultati dello studio HBSC (Health Behaviour in School-Ageed Children) suggeriscono che il nervosismo e l’irritabilità quotidiani hanno mediato l’associazione tra il consumo di bevande analcoliche e il comportamento aggressivo tra gli adolescenti in Slovacchia [8].

Alcune bevande analcoliche contengono caffeina e la caffeina è stata collegata a sonno insufficiente, nervosismo, impulsività e assunzione di rischi nei bambini e negli adolescenti [26]. Nello studio internazionale sull’obesità infantile, lo stile di vita e l’ambiente (ISCOLE) [27] e altri studi [28,29], il consumo di bevande analcoliche è stato collegato a una durata del sonno più breve.

Le prove esistenti suggeriscono che il sonno povero è un fattore di rischio per comportamenti aggressivi [30,31]. Pertanto, il legame tra il consumo di bevande analcoliche potrebbe essere mediato da una breve durata del sonno.

L’elevato consumo di HFC nelle bevande può svolgere un ruolo nell’epidemia di obesità [32]. Uno dei meccanismi proposti si basa sul fatto che il fruttosio viene metabolizzato in modo diverso dal glucosio in modi che favoriscono la lipogenesi de novo, che aumenta il grasso corporeo totale e non stimola la secrezione di insulina né aumenta la produzione di leptina, entrambi segnali afferenti nella regolazione della assunzione di cibo e peso corporeo [32].

Nei nostri dati, il consumo di bevande analcoliche è stato positivamente associato all’obesità. Sebbene lo studio precedente suggerisse che le dimensioni del corpo fossero associate a un comportamento aggressivo, il sovrappeso / l’obesità è improbabile un forte fattore di confusione tra il consumo di bevande analcoliche e il comportamento aggressivo nel presente studio poiché l’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo è stata osservata in tutte le categorie di BMI . Inoltre, con l’aggiustamento per BMI le stime dell’effetto non sono cambiate.

Gruppi di consumo di bevande analcoliche con altri stili di vita malsani, tra cui fumo, alcol e attività sedentaria [33]. Nel nostro studio, l’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo era più forte tra i non fumatori e quelli con sufficiente attività fisica rispetto ai loro omologhi (Tabella 3).

Potrebbe essere che l’associazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo sia stata meno confusa da altri fattori di stile di vita tra quelli con uno stile di vita relativamente sano. Inoltre, potrebbe anche suggerire che gli effetti negativi del consumo di bevande analcoliche non possono essere mitigati semplicemente da altri stili di vita sani (ad esempio, il consumo di frutta e verdura).

Forza e limitazione

Il principale punto di forza del nostro studio è l’elevato numero di partecipanti (n = 263.890) e i metodi completi di raccolta dei dati attraverso un’indagine ben progettata che mira a individuare la possibile correlazione tra fattori di stile di vita e condizioni di salute.

Inoltre, lo studio rappresenta la dimensione globale dei comportamenti, inclusi 64 paesi diversi con culture alimentari, stili di vita e abitudini diverse, che comprendono cinque regioni dell’OMS (ovvero, regione africana, Mediterraneo orientale, regione delle Americhe, regione del sud-est asiatico e Regione del Pacifico).

I risultati coerenti della relazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo nella maggior parte dei paesi sono meno probabili a causa del caso o influenzati da fattori confondenti non misurati. La principale limitazione dello studio è il suo disegno trasversale e la mancanza di misure quantitative del consumo di bibite diverse dalla frequenza di assunzione. Inoltre, variabili confondenti residue non misurate, come lo stato socioeconomico e lo stile genitoriale, potrebbero potenzialmente contribuire alla relazione tra consumo di bevande analcoliche e comportamento aggressivo.

Implicazioni sulla salute pubblica

Il comportamento aggressivo infantile è una delle principali predisposizioni alla delinquenza adolescenziale e successivamente alla violenza degli adulti. Pertanto, la comprensione del suo fattore di rischio può aiutare a diminuire la violenza degli adulti. Nel complesso, il rischio attribuibile alla popolazione di comportamenti aggressivi a causa del consumo di bevande analcoliche può variare notevolmente da paese a paese.

Nei paesi con un elevato consumo di bevande analcoliche, il vantaggio di ridurre il consumo di bevande analcoliche potrebbe essere sostanziale sulla base dello studio. I nostri risultati possono far luce sulle implicazioni pratiche da una prospettiva di salute pubblica nell’aumentare la consapevolezza sulle conseguenze dannose del consumo di bevande analcoliche sui risultati comportamentali e di salute mentale, come il comportamento aggressivo. Questa scoperta iniziale servirà come primo passo per fornire interventi futuri.

In conclusione, il consumo di bevande analcoliche è stato positivamente associato a comportamenti aggressivi indipendentemente da fattori sociodemografici e di stile di vita. Sono necessarie strategie per ridurre il consumo di bibite analcoliche per prevenire lesioni intenzionali legate al comportamento aggressivo tra gli adolescenti. Ulteriori studi potrebbero fornire ulteriori informazioni sui meccanismi molecolari che collegano il consumo di bevande analcoliche e il comportamento aggressivo.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7146469/


Il comportamento aggressivo è stato tradizionalmente definito come un comportamento manifesto con l’intenzione di infliggere danni a un altro individuo1.

Il potenziale di comportamento aggressivo esiste ogni volta che gli interessi di due o più individui sono in conflitto con ampie somiglianze tra le specie, dai topi all’uomo1. Sebbene l’aggressività abbia vantaggi in situazioni competitive per ottenere cibo o difendere territori e compagni dai concorrenti nel regno degli animali selvatici2, è considerata uno dei maggiori problemi sociali nella società umana.

L’Assemblea Mondiale della Sanità ha ufficialmente dichiarato la violenza come un importante problema di salute pubblica nel 1996, e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha pubblicato il primo Rapporto mondiale sulla violenza e la salute nella ref. 3. Inoltre, varie forme di violenza hanno sostenuto costi enormi per il trattamento delle vittime e la riparazione delle infrastrutture.

Pertanto, è importante identificare fattori rilevanti per promuovere o sopprimere comportamenti aggressivi per interventi efficaci, migliorando così la salute pubblica.

I fattori intrinseci che modulano i comportamenti aggressivi possono includere neuropeptidi e neurotrasmettitori, che sono piccole molecole simili a proteine, o messaggeri chimici che regolano la segnalazione neuronale. La vasopressina e l’ossitocina sono spesso identificate come neuropeptidi legati a comportamenti aggressivi. Diversi studi sugli animali hanno dimostrato che l’ossitocina può ridurre l’aggressività4,5, anche se con altri risultati contrastanti6, mentre la vasopressina sembra aumentare l’aggressività maschio-maschio negli uccelli e nei mammiferi7,8.

Inoltre, un ormone glucocorticoide, il cortisolo nell’uomo e il corticosterone nei roditori, è ampiamente studiato come ormone dello stress e un target consolidato nella ricerca di modulatori ormonali dell’aggressività sociale9,10. Oltre ai ruoli del cortisolo nel temperamento e nei comportamenti, orchestra una serie di diversi processi metabolici.

Il cortisolo è noto per promuovere i cambiamenti catabolici nel corpo, quindi, la riduzione del peso corporeo guidata dal cortisolo intensificato è spesso collegata a comportamenti aggressivi negli studi su modelli umani e animali11,12,13,14.

È stato riportato che livelli inferiori di serotonina, un neurotrasmettitore correlato all’umore, inducono impulsività e aggressività15. Recentemente, sono stati studiati i livelli di trascrizione di geni come Mecp2, Adrbk2 e Maoa e alcune firme trascrizionali tra cui la segnalazione NF-kB e MAPK in relazione al comportamento aggressivo16,17,18.

Inoltre, è stato dimostrato che anche i fattori ambientali tra cui lo stato socioeconomico e gli stili di vita influenzano i comportamenti aggressivi11. Tra questi fattori estrinseci, si ritiene che la dieta, una delle necessità quotidiane della vita, determini la spiritualità, il benessere mentale, l’intelligenza e il temperamento, compreso il comportamento antisociale o aggressivo19.

Ad esempio, è stato segnalato che la somministrazione di tirosina, un amminoacido che funge da precursore delle catecolamine e dei neurotrasmettitori, come l’adrenalina e la dopamina, ha portato a un aumento significativo dei punteggi globali dell’umore nell’uomo20.

È stato anche segnalato che la dieta ricca di triptofano aumenta il livello di serotonina e quindi migliora l’umore nelle donne anziane21.

Per quanto riguarda il comportamento cognitivo e l’umore, la caffeina ha migliorato il controllo esecutivo e la memoria di lavoro con una ridotta sensazione di stanchezza22.

Allo stesso modo, lo zucchero ha recentemente attirato l’attenzione a causa dei possibili ruoli nel modulare il comportamento e l’umore, nonché la salute e la malattia.

Gli zuccheri si trovano nella dieta o come componente naturale del cibo o come additivo per cibi e bevande. Sebbene lo zucchero aggiunto aumenti la desiderabilità del cibo dolcificando cibi e bevande, fornisce solo calorie vuote senza valore nutritivo23.

Considerando i potenziali effetti negativi dell’eccessiva assunzione di zucchero, l’OMS ha recentemente suggerito raccomandazioni sull’assunzione di zuccheri liberi negli adulti e nei bambini, con particolare attenzione alla prevenzione e al controllo dell’aumento di peso malsano e della carie dentale24.

L’aumento dell’assunzione di zucchero potrebbe essere attribuito all’aumento del consumo di bevande zuccherate (SSB) 25,26. Numerosi studi recenti hanno riportato che il consumo eccessivo di SSB potrebbe essere correlato a malattie metaboliche come l’obesità, il diabete di tipo 2 e persino i tumori27,28,29,30,31,32.

Sebbene il consumo eccessivo di SSB sia stato ampiamente studiato per associazioni con problemi di salute fisica, i suoi effetti sui cambiamenti comportamentali non sono stati completamente studiati.

L’associazione tra comportamento aggressivo e consumo di zucchero rimane controversa e incoerente.

Uno studio ha riportato che un alto livello di consumo di zucchero era positivamente correlato a comportamenti distruttivi-aggressivi nei bambini iperattivi33.

Altri hanno scoperto che la riduzione dell’assunzione di zucchero potrebbe essere collegata a una minore incidenza di azioni disciplinari formali nei detenuti minorili34,35,36.

Inoltre, negli adolescenti, una relazione tra i livelli di consumo di bevande analcoliche contenenti zucchero e problemi comportamentali è stata trovata in un’indagine trasversale basata sulla popolazione37. Al contrario, nessuna correlazione di questo tipo è stata trovata in uno studio, in cui sono stati valutati comportamenti oppositivi o aggressivi nei bambini in età scolare forniti con una dieta zuccherata38.

La mancanza di studi sistematici sugli animali per esaminare la relazione causale del consumo di zucchero con i problemi comportamentali è in parte attribuibile alla comprensione ancora incompleta degli effetti dell’assunzione di zucchero sull’aggressività.

Nel presente studio, abbiamo mirato a indagare gli effetti dello zucchero sull’aggressione sociale in un modello animale. Abbiamo valutato i comportamenti aggressivi nei topi che hanno consumato una soluzione ad alto contenuto di saccarosio dall’infanzia all’età adulta, con quelli trattati con una soluzione di dolcificante artificiale o acqua naturale.

I livelli di stress e ormoni legati all’aggressività sono stati determinati insieme alle variazioni del peso corporeo. Inoltre, per chiarire i meccanismi molecolari sottostanti dei comportamenti aggressivi indotti dal consumo di saccarosio, abbiamo eseguito analisi del trascrittoma dei tessuti cerebrali.

I risultati dell’analisi del trascrittoma ci hanno spinto a valutare i cambiamenti nel numero di cellule infiammatorie nel sangue periferico utilizzando la citometria a flusso. I risultati mostrano che il consumo eccessivo di soluzione di saccarosio dall’infanzia all’età adulta porta ad un aumento dell’aggressività sociale con risposte pro-infiammatorie nel cervello. Inoltre, i nostri risultati forniscono approfondimenti sulla comprensione dei meccanismi fisiologici e molecolari attraverso i quali lo zucchero svolge un ruolo nel promuovere comportamenti aggressivi.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5385878/


Journal information: Evolution and Human Behavior

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.