L’uso di sigarette elettroniche è associato a un rischio più elevato di fumo di sigaretta tra gli adolescenti

0
84

Il fumo di sigaretta rimane una delle principali cause prevenibili di morbilità e mortalità negli Stati Uniti. E mentre il fumo di sigaretta negli adolescenti è diminuito negli ultimi decenni, l’uso di sigarette elettroniche presenta un nuovo rischio per il disturbo da uso di nicotina.

Un nuovo studio, pubblicato il 9 novembre sulla rivista Pediatrics, rileva che l’ uso di sigarette elettroniche è associato a un rischio più elevato di fumare sigarette tra gli adolescenti che non avevano alcuna intenzione di iniziare il fumo convenzionale.

Questi risultati hanno forti implicazioni per la pratica e la politica, dicono i ricercatori.

“La ricerca ci sta dimostrando che gli utenti adolescenti di sigarette elettroniche che progrediscono nel fumo di sigaretta non sono semplicemente quelli che avrebbero finito per fumare comunque”, afferma Olusegun Owotomo, MD, Ph.D., MPH, l’autore principale dello studio e un pediatrico residente al Children’s National Hospital. “Il nostro studio mostra che le sigarette elettroniche possono predisporre gli adolescenti al fumo di sigaretta, anche quando non hanno alcuna intenzione di farlo”.

In uno dei primi studi rappresentativi a livello nazionale guidati dalla teoria per identificare quali consumatori adolescenti di sigarette elettroniche sono maggiormente a rischio di progredire al fumo di sigaretta , i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 8.000 adolescenti statunitensi, di età compresa tra 12 e 17 anni, che non avevano mai fumato.

I dati sono stati raccolti dallo studio Population Assessment of Tobacco and Health (PATH), uno studio di coorte prospettico collaborativo di NIH e FDA sull’uso del tabacco a livello nazionale, dal 2014-2016.

Tra gli adolescenti che non intendevano fumare sigarette in futuro, quelli che usavano sigarette elettroniche avevano una probabilità quattro volte maggiore di iniziare a fumare sigarette un anno dopo rispetto a coloro che non usavano sigarette elettroniche.

L’uso di sigarette elettroniche costituisce un fattore di rischio relativamente nuovo per il disturbo da uso di nicotina tra gli adolescenti statunitensi. Uno studio del 2019 dei Centers for Diseases Control and Prevention ha rilevato che il 28% degli studenti delle scuole superiori e l’11% degli studenti delle scuole medie erano attuali consumatori di sigarette elettroniche.

Con la recente comparsa di prodotti per sigarette elettroniche più nuovi e potenzialmente altamente avvincenti , gli adolescenti che usano sigarette elettroniche corrono un rischio maggiore di sviluppare disturbi da uso di nicotina e progredire a fumare sigarette convenzionali.

“L’astinenza dalle sigarette elettroniche può proteggere gli adolescenti dal diventare futuri fumatori e dovrebbe essere inquadrata come una strategia di prevenzione del fumo da parte di tutte le parti interessate”, afferma il dott. Owotomo.

“I pediatri sono nella posizione migliore per educare i pazienti e le famiglie sulle conseguenze cliniche e psicosociali dell’uso di sigarette elettroniche e dovrebbero sostenere campagne educative e sforzi di sensibilizzazione volti a scoraggiare l’uso di sigarette elettroniche da parte degli adolescenti”.


La tendenza generale del fumo di sigaretta elettronica tra gli adolescenti (scuola media [10-14 anni] e scuola superiore [14-18 anni]) è più alta che nella popolazione adulta. Il numero degli attuali consumatori adolescenti di sigarette elettroniche ha registrato una tendenza al rialzo da quando le sigarette elettroniche sono arrivate per la prima volta negli Stati Uniti [1–3].

Secondo un rapporto US Health and Human Services nel 2017, si è verificato un aumento non lineare per l’uso corrente delle sigarette elettroniche tra gli studenti delle scuole superiori dall’1,5 all’11,3% tra il 2011 e il 2017. Nel caso degli studenti delle scuole medie, l’attuale uso di sigarette elettroniche ha mostrato una progressione verso l’alto dallo 0,6 al 4,3% tra il 2011 e il 2017 [4].

Il rapporto del 2018 National Youth Tobacco Survey (NYTS) ha affermato che 3,6 milioni di adolescenti negli Stati Uniti stanno attualmente utilizzando sigarette elettroniche e l’uso di sigarette elettroniche è aumentato drasticamente, soprattutto negli ultimi anni (dal 2017 al 2018) [5].

La figura 1 illustra la cronologia dell’introduzione di sigarette elettroniche negli Stati Uniti e la figura 2 mostra l ‘”aumento allarmante” del numero di utenti di sigarette elettroniche delle scuole medie e superiori dal 2017 al 2018. Nell’anno 2018, la CNN ha chiamato e-sigarette un “Teen Epidemic” in un notiziario.

Il problema dell’uso di sigarette elettroniche da parte degli adolescenti è diventato una grande preoccupazione, ed è quindi importante indagare sull’adozione di sostituti elettronici da parte degli adolescenti [3].

Questo articolo ha esaminato la percezione delle sigarette elettroniche e approfondisce i motivi per cui le sigarette elettroniche sono diventate popolari tra gli utenti, in particolare gli adolescenti.

Un file esterno che contiene un'immagine, illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è 12889_2020_9572_Fig1_HTML.jpg
Fig.1 – Cronologia delle sigarette elettroniche (sigarette elettroniche)
Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione e così via. Il nome dell'oggetto è 12889_2020_9572_Fig2_HTML.jpg
Fig. 2 – Andamento dell’uso di sigarette elettroniche tra gli adolescenti degli Stati Uniti nell’anno 2017-2018

Breve storia delle sigarette elettroniche
Un farmacista cinese di nome Hon Lik, in associazione con la società Dragon Holding, ha inventato le sigarette elettroniche, che hanno chiamato Ruyan, che significa “fumo come”. La morte di suo padre, che era un forte fumatore e morì di cancro ai polmoni, lo spinse a sviluppare un’alternativa meno dannosa alle sigarette elettroniche.

Le sigarette elettroniche sono entrate sul mercato nel 2003 e sono state brevettate a livello internazionale nel 2007. Le sigarette elettroniche sono entrate nel mercato statunitense nello stesso anno e da allora hanno guadagnato popolarità sia tra i fumatori di sigarette che tra i non fumatori (Fig. (Fig. .11).

Dati relativi all’andamento del fumo di sigaretta elettronica nel corso degli anni negli adulti e nei giovani adulti
Popolazione adulta (> 25 anni)
Tra gli adulti statunitensi, il numero di utenti di sigarette elettroniche è aumentato dall’1,8% nel 2009 al 3,4% nel 2010 [6]. L’uso di questi prodotti ha continuato ad aumentare nel 2011 con il 5,8% degli adulti statunitensi che ha riferito di aver utilizzato sigarette elettroniche in quell’anno [6]. I dati del National Center for Health Statistics (NCHS) nel 2015 hanno mostrato che il 3,7% della popolazione adulta degli Stati Uniti era attualmente fumatori di sigarette elettroniche.

Secondo il National Health Interview Survey degli Stati Uniti nel 2017, circa il 2,8% della popolazione adulta degli Stati Uniti era attualmente fumatori di sigarette elettroniche. Secondo Reuters Health, un adulto statunitense su 20 ha provato le sigarette elettroniche. Attualmente, circa 10,8 milioni di adulti americani usano sigarette elettroniche [7].

Pertanto, è interessante notare che il numero degli attuali fumatori adulti di sigarette elettroniche ha mostrato una tendenza al rialzo dal 2010 al 2014 [8], seguita da un calo nel 2017 [9].

Popolazione di giovani adulti (18-25 anni)
Secondo il National Health Survey, la percentuale di giovani adulti che usano sigarette elettroniche quotidianamente o alcuni giorni è aumentata dal 2,4% nel 2012 al 2013 al 5,2% nel 2015. Inoltre, il 40% dei i giovani adulti che usano sigarette elettroniche ogni giorno o alcuni giorni non sono mai stati fumatori prima di provare le sigarette elettroniche.

Rispetto agli adulti di età pari o superiore a 25 anni, i giovani adulti (18-25 anni) hanno maggiori probabilità di provare le sigarette elettroniche e dichiarare di aver utilizzato sigarette elettroniche negli ultimi 30 giorni. Quindi, possiamo vedere un aumento del numero di utenti di sigarette elettroniche nel corso degli anni tra i giovani adulti di età compresa tra 18 e 24 anni.

Descrizione delle sigarette elettroniche e come variano dalle sigarette elettroniche La
ricerca ha fornito prove sostanziali che il controllo della dipendenza da nicotina è benefico per la salute dei fumatori indipendentemente dall’età. Nel corso degli anni, i programmi e gli interventi per il controllo del tabacco hanno dimostrato molto successo nel diminuire l’inizio nei non fumatori e la cessazione nei fumatori. Tuttavia, molte sigarette elettroniche invertono questo successo nella cessazione del fumo.

Le sigarette elettroniche sono popolari dispositivi a batteria utilizzati come alternativa alle sigarette elettroniche. I dispositivi per sigarette elettroniche producono aerosol (nebbia gassosa) da un liquido contenente nicotina (liquido elettronico) e un elemento riscaldante.

L’utente quindi inala l’aerosol attraverso la bocca e i polmoni da cui viene assorbito nel flusso sanguigno e l’aerosol rimanente viene espirato. Per questo dispositivo vengono utilizzati molti termini comuni diversi dalle sigarette elettroniche, come Juul (assomiglia a un’unità flash USB), vaporizzatore elettronico, vaporizzatori, sistemi elettronici di rilascio della nicotina (FINE) e narghilè elettronici.

Le sigarette elettroniche sono disponibili in diverse forme, tra cui penne e sigarette regolari, dispositivo tascabile portatile, vaporizzatore a penna e box mod. Esistono due tipi principali di sigarette elettroniche: (1) usa e getta e (2) modelli a cartuccia. Il tipo usa e getta è un’alternativa economica per i principianti. D’altra parte, i modelli a cartuccia sono ricaricabili e contengono cartucce che possono essere ricaricate o sostituite.

Le sigarette elettroniche differiscono dalle sigarette C per il design di base, la natura del fumo e il modo in cui viene prodotto il vapore. I componenti di base delle sigarette elettroniche includono un generatore di aerosol, un sensore di flusso, una batteria e un’area di stoccaggio della soluzione contenente nicotina. L’efficacia delle sigarette elettroniche come sistema di rilascio della nicotina può essere controllata con parti intercambiabili, consentendo agli utenti di modificare il carattere dell’aerosol erogato modificando il voltaggio [10].

Le sigarette elettroniche producono una sostanza / nebbia gassosa a una temperatura inferiore al suo punto di combustione riscaldando il liquido nella cartuccia, che consiste di nicotina, glicole propilenico, glicerolo o una miscela di acqua, aroma e altre sostanze tossiche .

La ricerca ha indicato la presenza di tracce di composti tossici, vale a dire nitrosammine specifiche del tabacco (TSNA), composti carbonilici [11] e idrocarburi policiclici aromatici (IPA) [12] negli e-liquidi o aerosol di alcuni prodotti disponibili in commercio sebbene la maggior parte sia stata trovata a livelli molto inferiori rispetto al fumo di sigaretta elettronica.

D’altra parte, le sigarette C producono fumo bruciando il tabacco con il fuoco. Questo fumo è costituito da agenti cancerogeni riconosciuti, come il composto carbonilico, la formaldeide, i composti organici, come il benzene, le nitrosammine specifiche del tabacco, i radicali liberi, i gas tossici e i metalli pesanti. Ci sono più di 7000 sostanze chimiche presenti nel fumo di sigaretta c, di cui 70 sono state riconosciute come cancerogene [13, 14].

Cosa rende le sigarette elettroniche più popolari delle sigarette elettroniche?
Ragioni per la scelta e percezione delle sigarette elettroniche tra gli utenti adolescenti e adulti
Secondo la ricerca, vari motivi sono stati riportati da utenti regolari di sigarette elettroniche e utenti occasionali per cui le sigarette elettroniche potrebbero essere più attraenti delle normali sigarette combustibili.

La curiosità, la cessazione del fumo, i benefici per la salute e l’uso da parte di un amico o di un familiare erano alcuni motivi comuni oltre ad altri, come il costo, la facile disponibilità e la comodità d’uso per iniziare a usare la sigaretta elettronica. Secondo uno studio [15], in cui sono state elencate le ragioni (auto-riferite) per provare le sigarette elettroniche da parte degli adolescenti, la curiosità è stata la ragione principale seguita da buoni sapori, uso da parte di amici e familiari e infine dal basso costo.

Nello studio, alcuni utenti hanno affermato di aver provato le sigarette elettroniche perché pensavano che fossero più sane delle sigarette normali, ma solo il 5,9% ha cercato di usarle come mezzo per smettere di fumare regolarmente. In un altro studio [16] che ha esplorato le ragioni del fumo di sigaretta elettronica da parte degli adulti, la ragione più spesso riportata è stata la cessazione del fumo seguita dai benefici per la salute delle sigarette elettroniche rispetto alle sigarette elettroniche. Tuttavia, lo studio evidenzia che l’attrattiva delle sigarette elettroniche si estendeva oltre la cessazione del fumo. Alcuni altri motivi sono descritti successivamente.

Conveniente
Il costo medio di un pacchetto di sigarette elettroniche negli Stati Uniti nel 2015 è stato di $ 7,26; quindi, il costo medio per fumare sigarette elettroniche al ritmo di un pacchetto al giorno per un anno è stato pari a $ 2650 [17]. D’altra parte, il costo medio per fumare sigarette elettroniche (modelli a cartuccia) alla stessa tariffa era di circa $ 1000. Inoltre, l’e-liquid è ancora più economico da usare con un costo medio di $ 511 all’anno. Pertanto, le sigarette elettroniche sono molto più convenienti rispetto alle sigarette elettroniche.

Le
sigarette elettroniche a più gusti sono disponibili in più di cento gusti, il che le rende molto attraenti, soprattutto per le giovani generazioni. La disponibilità di aromi come zucchero filato, cannella, cioccolato, vaniglia, gomma da masticare e menta li rende desiderabili da tutti.

Secondo la ricerca [18], queste varie scelte di sapore rendono le sigarette elettroniche più attraenti per gli adolescenti rispetto alle sigarette elettroniche al gusto di tabacco. Inoltre, sapori diversi portano all’inizio del fumo [19] e alla progressione del fumo mascherando il gusto aspro dei prodotti del tabacco, che è particolarmente attraente per i giovani consumatori [20]. Le sigarette elettroniche al gusto di caramelle, frutta e mentolo attraggono maggiormente gli adolescenti rispetto alle sigarette elettroniche al gusto di tabacco [21].

Impatto dei social media Anche i
social media hanno una grande influenza sui giovani e hanno portato alla ribalta questi dispositivi elettronici. Molti siti web e appassionati del web promuovono le sigarette elettroniche, sostenendo che sono meno dannose delle sigarette combustibili e marchiandole come un’alternativa più sana. Nel 2012, il marchio di sigarette “Blu” è stato acquistato dalla Lorillard Tobacco Company, che ha iniziato a trasmettere spot pubblicitari con celebrità che usano sigarette elettroniche.

Il senso della moda e della freddezza rappresentato dalle modelle che fumano sigarette elettroniche ha anche una grande influenza sulle menti giovani. Le grandi aziende produttrici di tabacco hanno lavorato con organizzazioni, come l’associazione delle sigarette elettroniche, i sostenitori dell’associazione delle alternative senza fumo e Vapers International Inc., per ritardare o eliminare la legislazione volta a limitare l’uso e le vendite di sigarette elettroniche [22].

Facilità di accessibilità e utilizzo
Le sigarette elettroniche sono disponibili per l’acquisto online con la facilità di un clic e possono essere ampiamente viste nei chioschi dei centri commerciali, che è un luogo comune in cui gli adolescenti trascorrono gran parte del loro tempo libero. Questa facilità di acquisto e disponibilità ha reso le sigarette elettroniche facilmente accessibili ai giovani studenti. Tuttavia, questi vaporizzatori sono facili da usare ovunque perché non lasciano il forte odore di tabacco e sono facili da nascondere agli adulti.

Kralikova e colleghi hanno scoperto che alcune persone usano le sigarette elettroniche perché sono autorizzate a usarle in luoghi in cui è proibito l’uso di sigarette elettroniche [23]. In un recente studio osservazionale, è emersa una potenziale preoccupazione a causa del posizionamento di sigarette elettroniche vicino a prodotti apprezzati dai bambini nei negozi.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) ha chiesto un intervento federale immediato per limitare la commercializzazione e la vendita di sigarette elettroniche ai giovani nella sua dichiarazione politica “Sigarette elettroniche e dispositivi simili” che è stata pubblicata nel febbraio 2019. L’AAP raccomanda inoltre che le sigarette elettroniche siano incorporate nelle attuali leggi e ordinanze senza tabacco, come indicato nella dichiarazione politica AAP: Le sigarette elettroniche necessitano di normative più severe per impedire l’accesso e l’uso da parte dei giovani [24].

Tuttavia, la vera domanda rimane: le sigarette elettroniche sono una fuga dal tabacco o una trappola alla nicotina? Ulteriori ricerche sono essenziali per stabilire una relazione temporale tra il fumo di sigaretta elettronica e sigaretta elettronica. Le sigarette elettroniche possono essere un aiuto utile per smettere di fumare sigarette elettroniche o la loro praticità d’uso e altri fattori favorevoli attirano più giovani non fumatori a provare ad adottare sigarette elettroniche per poi passare al fumo di sigaretta regolare?

Percezioni comuni sulle sigarette elettroniche negli utenti
Si sa molto poco sulle percezioni, sui rischi o sui benefici comuni associati all’uso delle sigarette elettroniche. È molto importante fornire agli utenti le giuste conoscenze sugli effetti di questi nuovi sistemi di rilascio della nicotina. Gli utenti possono pensare che fumare sigarette elettroniche in qualche modo riduca gli effetti nocivi del tabacco rispetto alle sigarette elettroniche; tuttavia, potrebbero non comprendere appieno gli effetti complessivi del fumo di sigarette elettroniche.

Vari studi indicano il potenziale uso improprio delle sigarette elettroniche come punto di ingresso nell’uso regolare del tabacco.

Secondo uno studio, il 9,3% degli attuali utenti di sigarette elettroniche nel 2012 ha riferito di non aver mai fumato sigarette elettroniche [25]. Pertanto, è chiaro che il monitoraggio delle tendenze nelle percezioni degli utenti della nocività assoluta e relativa dei prodotti del tabacco può fornire un avvertimento precoce della crescente accettabilità e dell’uso a lungo termine delle sigarette elettroniche. Secondo vari studi, esistono alcune percezioni riguardanti l’uso delle sigarette elettroniche in particolare e relative alle sigarette elettroniche:

Gli utenti adolescenti credono che le sigarette elettroniche siano meno dannose del fumo di sigaretta elettronica indipendentemente dalla loro precedente storia di fumo, mentre altri ritengono che la sigaretta elettronica sia dannosa a seconda della dose o della frequenza di utilizzo [26]. Nello stesso studio, alcuni utenti ritengono di poter controllare gli effetti negativi delle sigarette elettroniche e smettere di fumare prima di diventare tossicodipendenti. Poiché le sigarette elettroniche sono percepite come meno dannose, molti fumatori usano le sigarette elettroniche per motivi mirati, come smettere di fumare regolarmente.

Uno studio che includeva studenti dal 9 ° al 12 ° grado della California (età media 16 anni) ha evidenziato alcune delle percezioni comuni tra gli utenti di questa fascia di età. Lo studio ha rilevato che il 19,05% dei partecipanti credeva che le sigarette elettroniche contenessero acqua, il 3,03% credeva che le sigarette elettroniche non fossero tabacco, il 40,00% credeva che le sigarette elettroniche fossero utili per smettere di fumare e il 43,13% credeva che fossero più sicure delle sigarette elettroniche. -sigarette [27]. Nel complesso, i partecipanti ritengono che sia accettabile utilizzare le sigarette elettroniche sia all’interno che all’esterno.

Una delle percezioni molto comuni tra gli adulti è che la loro assunzione giornaliera di caffeina dal bere caffè è paragonabile alla quantità di nicotina che inalano dalle sigarette elettroniche. Poiché entrambi questi prodotti sono usati tra gli adulti che lavorano per le stesse ragioni, come sentirsi più energici e vigili e per migliorare la concentrazione, le persone spesso credono erroneamente che i loro effetti sulla salute siano simili [28-30].

La relazione tra caffeina e nicotina è un dibattito in crescita nella comunità della salute pubblica ed è comunemente discussa in termini di proxy delle sostanze, ovvero sigarette elettroniche e caffè. Al momento, manca una ricerca completa che confronti questi due composti.

Effetti delle sigarette elettroniche sulla salute
È importante esplorare la composizione del liquido elettronico utilizzato in questi dispositivi elettronici per comprendere gli effetti delle sigarette elettroniche sulla salute [1–3]. L’ingrediente principale dell’e-liquid è la nicotina, che essenzialmente proviene dal tabacco. Oltre alla nicotina, l’e-liquid ha una base, agenti aromatizzanti e altre sostanze chimiche.

Diversi altri alcaloidi, come la nornicotina, l’anatabina e l’anabasina vengono anche aggiunti indirettamente al liquido tramite l’attività batterica o l’ossidazione durante la lavorazione del tabacco [31].

Molti fattori controllano gli effetti delle sigarette elettroniche sulla salute: (1) fattori esterni (come condizioni climatiche, flusso d’aria, dimensione del particolato, numero di utenti nelle vicinanze); (2) caratteristiche della sigaretta elettronica (come tipo ed età dello strumento di svapo, tensione della batteria, lunghezza del soffio, intervallo tra i soffi); e (3) caratteristiche dell’utente (come età, sesso, esperienza, stato di salute degli utenti) [32, 33].

Le sigarette elettroniche richiedono uno sforzo maggiore per inalare il fumo rispetto a una normale sigaretta C, e la quantità e la densità dell’aerosol diminuiscono con il tempo all’aumentare del numero degli sbuffi. Inoltre, i rapporti dicono che i livelli sierici di nicotina sono eterogenei e variano a seconda dell’utente e del dispositivo [32]. Uno studio su 16 diverse sigarette elettroniche ha riportato che il livello di nicotina nell’aerosol prodotto da 15 sbuffi variava da 0,5 a 15,4 mg. D’altra parte, nel fumo prodotto dalle sigarette convenzionali, i livelli tipici sono da 1,54 a 2,60 mg [34, 35]. In questa sezione, riassumiamo gli effetti generali delle sigarette elettroniche sulla salute.

Effetti fisiologici
Un caso di studio di Polosa et al. affrontare l’impatto sulla salute delle sigarette elettroniche sugli utenti giornalieri di sigarette elettroniche per un periodo di tempo di 3,5 anni che non avevano mai fumato sigarette elettroniche ha evidenziato alcuni risultati chiave [36]. Il gruppo di riferimento era composto da 12 non fumatori con un’età media di 29,7 anni. Lo scopo dello studio era confrontare i risultati di salute tra gli utenti di sigarette elettroniche (in precedenza non fumatori) e un gruppo di non fumatori.

Questo è stato il primo studio (condotto nell’anno 2013) che ha esplorato gli effetti sulla salute di un’esposizione prolungata in un campione che non ha mai fumato sigarette combustibili. Non hanno riscontrato cambiamenti rilevabili nella salute dei polmoni dei non fumatori che hanno fumato sigarette elettroniche regolarmente per quasi quattro anni. Inoltre, non ci sono stati cambiamenti strutturali significativi nei polmoni o nel sistema respiratorio.

Non sono stati inoltre segnalati cambiamenti significativi nella pressione sanguigna sistolica e diastolica (PA) o nella frequenza cardiaca e non sono stati osservati effetti cardiovascolari avversi in quelle sigarette elettroniche fumate regolarmente. La principale limitazione dello studio era la mancanza di follow-up a lungo termine con il campione.

Effetti respiratori
Studi su fumatori sani e fumatori con asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che sono passati alle sigarette elettroniche non hanno mostrato effetti respiratori avversi clinicamente significativi; tuttavia, hanno effettivamente mostrato un cambiamento negli effetti nocivi del tabacco fumato sui polmoni [37].

Inoltre, sono stati riportati miglioramenti sostanziali nelle funzioni respiratorie in un sondaggio su Internet su 201 fumatori che sono passati allo svapo [38]. Questi miglioramenti sono probabilmente attribuibili alla cessazione delle sigarette elettroniche piuttosto che all’uso delle sigarette elettroniche.

Effetti nocivi
I vari rischi per la salute associati all’uso delle sigarette elettroniche sono riassunti nella Fig.4.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione e così via. Il nome dell'oggetto è 12889_2020_9572_Fig4_HTML.jpg
Fig.4 – Rischi per la salute derivanti dall’uso di sigarette elettroniche

Sistema cardiovascolare
Fumare sigarette elettroniche ogni giorno raddoppia il rischio di infarto secondo una ricerca condotta dal Center for Tobacco Research and Educational Center presso l’Università della California di San Francisco (UCSF) nel 2018 [39]. Questo studio ha fornito la prima prova di un sostanziale impatto sulla salute umana dei dispositivi elettronici alla nicotina. Questo nuovo studio con quasi 70.000 persone ha scoperto che l’aumento del rischio di infarto per gli utenti di sigarette elettroniche è simile a uno degli effetti principali delle sigarette elettroniche. Insieme, in coloro che utilizzano quotidianamente sia sigarette elettroniche che sigarette elettroniche, le probabilità aumentano di cinque volte.

Sistema nervoso
La maggior parte degli adolescenti che usano sigarette elettroniche contenenti nicotina non sa che il farmaco può essere dannoso per il loro sviluppo. Numerose prove dimostrano che il cervello dell’adolescente è estremamente sensibile agli effetti della nicotina e che l’età è inversamente correlata all’effetto complessivo della nicotina sul cervello e sul corpo.

La nicotina può interrompere lo sviluppo del cervello, interferire nel funzionamento cognitivo e portare a vari problemi di salute fisica e mentale. Un recente studio sponsorizzato dal National Institute on Drug Abuse ha riportato che i cambiamenti causati dalle sigarette elettroniche nel cervello sono simili a quelli causati da altre fonti di nicotina, come le sigarette C o le pastiglie di nicotina [40]. Tuttavia, rimane sconosciuto se le sigarette elettroniche causino dipendenza allo stesso modo delle sigarette elettroniche.

Apparato respiratorio
È noto che i vapori di glicole e glicerolo utilizzati nei vapori causano irritazione del sistema respiratorio superiore. Inoltre, l’inalazione acuta di nicotina può causare vertigini, nausea e / o vomito. Callahan-Lyon et al. ha valutato le emissioni di particolato delle sigarette elettroniche e delle sigarette elettroniche e ha scoperto che le emissioni di particolato delle sigarette elettroniche superavano leggermente le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ma erano 15 volte inferiori rispetto alle emissioni delle sigarette elettroniche [32].

Sistema immunitario
Un team di ricercatori del North Carolina Chapel Hill ha scoperto che il fumo di sigarette elettroniche ha un effetto maggiore sull’immunità del corpo umano rispetto alle sigarette C tradizionali [41]. Pushalkar et al. [3], hanno valutato la saliva degli utenti di sigarette elettroniche per i cambiamenti nel microbioma orale e hanno riportato una beta-diversità significativamente alterata in (p = 0,006) rispetto ai fumatori di sigarette mai o di tabacco. L’abbondanza di Porphyromonas e Veillonella (p = 0,008) era maggiore tra i vapers. Hanno ulteriormente analizzato la saliva per la risposta immunitaria dell’ospite e hanno trovato alti livelli di interleuchine (IL) -6 e -1β nei consumatori di sigarette elettroniche rispetto ai non consumatori. L’aerosol della sigaretta elettronica può indurre condizioni ipossiche e indurre stress ossidativo che può rendere le cellule epiteliali più suscettibili alle infezioni. Pushalkar et al. [3] utilizzando un modello di infezione in vitro di Leuk-1 precanceroso e linee cellulari maligne esposte all’aerosol di sigaretta elettronica erano più suscettibili all’infezione se esposte ad agenti patogeni orali. P. gingivalis e Fusobacterium nucleatum hanno provocato. Pertanto, le persone che vaporizzano possono avere risposte infiammatorie elevate e sono più suscettibili alle infezioni [3].

Sistema riproduttivo
Il gruppo di New York Langone ha scoperto che fumare sigarette elettroniche potrebbe causare potenziali problemi alla salute riproduttiva degli individui, inclusa la riduzione del numero di spermatozoi nei fumatori maschi [42]. Secondo i Centers for Disease Control (CDC) elevate quantità di nicotina nelle sigarette elettroniche sono anche dannose per lo sviluppo del cervello fetale se usate durante la gravidanza [43].

Rischi di esposizione
La nicotina è prontamente assorbita dalla pelle, dalle mucose, dalle vie aeree e dal tratto gastrointestinale. Le reazioni tossiche sono associate all’esposizione cutanea alla nicotina dopo la fuoriuscita di liquidi contenenti nicotina o il contatto professionale con le foglie di tabacco [44]. Questi possono provocare effetti negativi sulla salute, come convulsioni, lesioni cerebrali anossiche e / o acidosi lattica. Le sigarette elettroniche rappresentano una minaccia di avvelenamento per l’utente e per i non utilizzatori a causa della disponibilità dell’elevato contenuto di nicotina nelle cartucce [45]. L’uso di sigarette elettroniche in ambienti interni può esporre i non utenti a livelli elevati di particelle di nicotina e aerosol. Inoltre, ci sono molte prove che il consumo di alcolici e liquidi elettronici può essere fatale [46, 47].

La nicotina dell’aerosol può rimanere sulle superfici per settimane o mesi e può reagire con l’acido nitroso ambientale (che proviene da apparecchi a gas) per formare TSNA che possono portare all’ingestione cutanea o all’esposizione per inalazione ad agenti cancerogeni [48, 49]. Il contenuto dell’aerosol espirato può contenere proporzioni diverse di componenti nocivi a seconda della tecnica dell’utente o di altri fattori, come temperatura, condizioni meteorologiche e flusso d’aria [50].

Cavità orale
Ci sono state molte segnalazioni riguardanti gli effetti negativi delle sigarette elettroniche sulla salute orale (Fig. 5). Le agenzie di regolamentazione avvertono che gli utenti di sigarette elettroniche possono assorbire concentrazioni più elevate di nicotina e altri composti, come nitrosammine specifiche del tabacco, aldeidi, metalli e composti organici volatili.

Dato che la nicotina è tossica e crea dipendenza, come alternative al tabacco, le sigarette elettroniche possono avere effetti simili sulla salute orale delle sigarette tradizionali. L’interazione della nicotina e di altre sostanze chimiche nell’aerosol prodotto dalle sigarette elettroniche e dal corpo umano avviene prima nella cavità orale, dove ci si aspetta che siano più attive e abbiano potenti effetti sul microbioma orale e sulle cellule epiteliali orali.

Recentemente abbiamo dimostrato che gli aerosol delle sigarette elettroniche alterano i microambienti orali e aumentano l’infiammazione [1–3].

I principali ingredienti presenti nel liquido utilizzato nelle sigarette elettroniche sono glicole propilenico (PG), glicerina vegetale (VG) e nicotina. Il PG è un liquido viscoso e incolore che possiede un sapore leggermente dolce ed è degradato ad acidi acetici e lattici e ad altri composti che sono tutti tossici per lo smalto e i tessuti molli del cavo orale.

Il VG con altri agenti aromatizzanti può aumentare l’adesione microbica allo smalto e promuovere la formazione di biofilm. Inoltre, il PG può portare all’essiccamento dei tessuti con conseguente xerostomia (“bocca secca”) che promuove carie, malattie gengivali e altri problemi di salute orale. Il VG e altri agenti aromatizzanti possono diminuire la durezza dello smalto.

La viscosità dell’e-liquid aumenta la colonizzazione di Streptococcus mutans e porta a una carie dilagante [51].

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione e così via. Il nome dell'oggetto è 12889_2020_9572_Fig5_HTML.jpg
Fig.5 – Effetti dannosi delle sigarette elettroniche sul cavo orale

La nicotina è un noto vasocostrittore e riduce il flusso sanguigno gengivale e influenza la produzione di citochine, la conta dei neutrofili e la funzione delle cellule immunitarie, aumentando così la possibilità di sviluppo di malattie gengivali e perdita dei denti [3]. Sebbene la percentuale di nicotina sia molto inferiore (0,3-1,8%) rispetto a quella dei prodotti del tabacco tradizionali, una cartuccia elettronica (200-400 sbuffi) equivale a fumare due o tre pacchetti di sigarette normali. L’esposizione all’aerosol di sigarette elettroniche rende le cellule epiteliali suscettibili alle infezioni.

Le sigarette elettroniche modulano ulteriormente il microbioma orale per aumentare l’abbondanza di patogeni orali, alterano la risposta dell’ospite e promuovono l’infiammazione [3].

Altri pericoli
Uno dei componenti principali delle sigarette elettroniche è il dispositivo di riscaldamento. Ci sono rapporti che l’esplosione delle batterie al litio utilizzate nelle sigarette elettroniche può essere grave e può causare deturpazione del tessuto orale. A seconda della qualità della batteria e dell’uso frequente del dispositivo, la batteria può surriscaldarsi e causare gravi lesioni.

Queste esplosioni sono solitamente attribuite a una carica impropria del dispositivo ea nessun meccanismo di sicurezza interno [52, 53]. Thombs et al., Hanno riferito che il numero di esplosioni di vaporizzatori negli Stati Uniti è sottostimato [52]. Nel loro studio hanno stimato 2035 esplosioni di sigarette elettroniche e lesioni da ustione negli Stati Uniti, che è più di 40 volte la stima iniziale del governo degli Stati Uniti [52, 53].

Riferimenti

  • 1. Kumar PS, Clark P, Brinkman MC, Saxena D. Novel nicotine delivery systems. Adv Dent Res. 2019;30(1):11–15. doi: 10.1177/0022034519872475. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 2. Kumar P, Geisinger M, DeLong HR, Lipman RD, Araujo MWB. Living under a cloud: electronic cigarettes and the dental patient. J Am Dent Assoc. 2020;151(3):155–158. doi: 10.1016/j.adaj.2020.01.003. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 3. Pushalkar S, Paul B, Li Q, Yang J, Vasconcelos R, Makwana S, Gonzalez JM, Shah S, Xie C, Janal MN, et al. Electronic cigarette aerosol modulates the oral microbiome and increases risk of infection. iScience. 2020;23(3);100884. [PMC free article] [PubMed]
  • 4. Singh T. Tobacco Use Among Middle and High School Students — United States, 2011–2015. 2016. [PubMed] [Google Scholar]
  • 5. Cullen KA, Ambrose BK, Gentzke AS, Apelberg BJ, Jamal A, King BA. Notes from the field: use of electronic cigarettes and any tobacco product among middle and high school students – United States, 2011-2018. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2018;67(45):1276–1277. doi: 10.15585/mmwr.mm6745a5. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 6. King BA, Alam S, Promoff G, Arrazola R, Dube SR. Awareness and ever-use of electronic cigarettes among U.S. adults, 2010-2011. Nicotine Tob Res. 2013;15(9):1623–1627. doi: 10.1093/ntr/ntt013. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 7. Rapaport L. Almost one in every 20 US adults now uses Ecigarettes. 2018. [Google Scholar]
  • 8. McMillen R, Gottlieb M, Whitmore Shaefer R, Winickoff J, Klein J. Trends in electronic cigarette use among U.S. Adults: Use is Increasing in Both Smokers and Nonsmokers. 2014. [PubMed] [Google Scholar]
  • 9. Bao W, Xu G, Lu J, Snetselaar LG, Wallace RB. Changes in electronic cigarette use among adults in the United States, 2014-2016Trends in e-cigarette use among adults in the United States, 2014-2016Letters. JAMA. 2018;319(19):2039–2041. doi: 10.1001/jama.2018.4658. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 10. Brown CJ, Cheng JM. Electronic cigarettes: product characterisation and design considerations. Tobacco Control. 2014;23(suppl 2):ii4–ii10. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2013-051476. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 11. Margham J, McAdam K, Forster M, Liu C, Wright C, Mariner D, Proctor C. Chemical composition of aerosol from an E-cigarette: a quantitative comparison with cigarette smoke. Chem Res Toxicol. 2016;29(10):1662–1678. doi: 10.1021/acs.chemrestox.6b00188. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 12. Schober W, Szendrei K, Matzen W, Osiander-Fuchs H, Heitmann D, Schettgen T, Jörres RA, Fromme H. Use of electronic cigarettes (e-cigarettes) impairs indoor air quality and increases FeNO levels of e-cigarette consumers. Int J Hyg Environ Health. 2014;217(6):628–637. doi: 10.1016/j.ijheh.2013.11.003. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 13. Goniewicz ML, Knysak J, Gawron M, Kosmider L, Sobczak A, Kurek J, Prokopowicz A, Jablonska-Czapla M, Rosik-Dulewska C, Havel C, et al. Levels of selected carcinogens and toxicants in vapour from electronic cigarettes. Tob Control. 2014;23(2):133–139. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2012-050859. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 14. Counts ME, Morton MJ, Laffoon SW, Cox RH, Lipowicz PJ. Smoke composition and predicting relationships for international commercial cigarettes smoked with three machine-smoking conditions. Regul Toxicol Pharmacol. 2005;41(3):185–227. doi: 10.1016/j.yrtph.2004.12.002. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 15. Bold KW, Kong G, Cavallo DA, Camenga DR, Krishnan-Sarin S. Reasons for trying E-cigarettes and risk of continued use. Pediatrics. 2016;138(3):e20160895. doi: 10.1542/peds.2016-0895. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 16. Romijnders KAGJ, van Osch L, de Vries H, Talhout R. Perceptions and reasons regarding E-cigarette use among users and non-users: a narrative literature review. Int J Environ Res Public Health. 2018;15(6):1190. doi: 10.3390/ijerph15061190. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 17. Whaley A. Ecigarettes vs Ccigarettes: A cost analysis. 2018. [Google Scholar]
  • 18. Pepper JK, Ribisl KM, Brewer NT. Adolescents’ interest in trying flavoured e-cigarettes. Tobacco control. 2016;25(Suppl 2):ii62–ii66. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2016-053174. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 19. Carpenter CM, Wayne GF, Pauly JL, Koh HK, Connolly GN. New cigarette brands with flavors that appeal to youth: tobacco marketing strategies. Health Aff. 2005;24(6):1601–1610. doi: 10.1377/hlthaff.24.6.1601. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 20. Ambrose BK, Day HR, Rostron B, Conway KP, Borek N, Hyland A, Villanti AC. Flavored tobacco product use among US youth aged 12-17 years, 2013-2014Flavored tobacco product use among US YouthLetters. JAMA. 2015;314(17):1871–1873. doi: 10.1001/jama.2015.13802. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 21. Pepper JK, Ribisl KM, Brewer NT. Adolescents’ interest in trying flavoured e-cigarettes. Tob Control. 2016;25(Suppl 2):ii62–ii66. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2016-053174. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 22. Noel JK, Rees VW, Connolly GN. Electronic cigarettes: a new ‘tobacco’ industry? Tob Control. 2011;20(1):81. doi: 10.1136/tc.2010.038562. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 23. Kralikova E, Novak J, West O, Kmetova A, Hajek P. Do e-cigarettes have the potential to compete with conventional cigarettes?: a survey of conventional cigarette Smokers’ experiences with e-cigarettes. Chest. 2013;144(5):1609–1614. doi: 10.1378/chest.12-2842. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 24. Pediatrics AAo . AAP policy statement: E-Cigarettes Need Stronger Regulations to Prevent Youth Access and Use. 2019. [Google Scholar]
  • 25. Centers for Disease C Prevention: Notes from the field: electronic cigarette use among middle and high school students – United States, 2011-2012. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2013;62(35):729–730. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 26. Ambrose BK, Rostron BL, Johnson SE, Portnoy DB, Apelberg BJ, Kaufman AR, Choiniere CJ. Perceptions of the relative harm of cigarettes and e-cigarettes among U.S. youth. Am J Prev Med. 2014;47(2 Suppl 1):S53–S60. doi: 10.1016/j.amepre.2014.04.016. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 27. Gorukanti A, Delucchi K, Ling P, Fisher-Travis R, Halpern-Felsher B. Adolescents’ attitudes towards e-cigarette ingredients, safety, addictive properties, social norms, and regulation. Prev Med. 2017;94:65–71. doi: 10.1016/j.ypmed.2016.10.019. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 28. Gomez J. are caffiene and nicotine comparable. 2015. [Google Scholar]
  • 29. HAMILTON R. Nicotine is no worse than your double latte: Vapingcom. 2018. [Google Scholar]
  • 30. Gilbert DG, Dibb WD, Plath LC, Hiyane SG. Effects of nicotine and caffeine, separately and in combination, on EEG topography, mood, heart rate, cortisol, and vigilance. Psychophysiology. 2000;37(5):583–595. doi: 10.1111/1469-8986.3750583. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 31. National Academies of Sciences E, and Medicine; Health and Medicine Division; Board on Population Health and Public Health Practice; Committee on the Review of the Health Effects of Electronic Nicotine Delivery Systems . Public Health Consequences of E-Cigarettes. In: KL EDL, Stratton K, editors. Toxicology of E-Cigarette Constituents. Volume 5, edn. Washington (DC): National Academies Press (US); 2018. [Google Scholar]
  • 32. Callahan-Lyon P. Electronic cigarettes: human health effects. Tobacco Control. 2014;23(suppl 2):ii36. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2013-051470. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 33. Etter J-F, Bullen C, Flouris AD, Laugesen M, Eissenberg T. Electronic nicotine delivery systems: a research agenda. Tob Control. 2011;20(3):243–248. doi: 10.1136/tc.2010.042168. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 34. Goniewicz ML, Kuma T, Gawron M, Knysak J, Kosmider L. Nicotine levels in electronic cigarettes. Nicotine Tob Res. 2012;15(1):158–166. doi: 10.1093/ntr/nts103. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 35. Djordjevic MV, Stellman SD, Zang E. Doses of nicotine and lung carcinogens delivered to cigarette smokers. JNCI. 2000;92(2):106–111. doi: 10.1093/jnci/92.2.106. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 36. Polosa R, Cibella F, Caponnetto P, Maglia M, Prosperini U, Russo C, Tashkin D. Health impact of E-cigarettes: a prospective 3.5-year study of regular daily users who have never smoked. Scie Rep. 2017;7(1):13825. doi: 10.1038/s41598-017-14043-2. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 37. Morjaria JB, Mondati E, Polosa R. E-cigarettes in patients with COPD: current perspectives. Int J Chron Obstruct Pulmon Dis. 2017;12:3203–3210. doi: 10.2147/COPD.S135323. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 38. Gucht DV, Adriaens K, Baeyens F. Online Vape shop customers who use E-cigarettes report abstinence from smoking and improved quality of life, but a substantial minority still have Vaping-related health concerns. Int J Environ Res Public Health. 2017;14(7):798. doi: 10.3390/ijerph14070798. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 39. Fernandez E. Risk of heart attacks is double for daily E-Cigarette users. 2018;(08):411476. https://www.ucsf.edu/news/2018/08/411476/risk-heart-attacks-double-daily-e-cigarette-users.
  • 40. Abuse NIod . Study shows e-cigarettes affect brain similarly to other nicotine sources. 2018. [Google Scholar]
  • 41. Clapp PW, Pawlak EA, Lackey JT, Keating JE, Reeber SL, Glish GL, Jaspers I. Flavored e-cigarette liquids and cinnamaldehyde impair respiratory innate immune cell function. Am J Physiol Lung Cell Mol Physiol. 2017;313(2):L278–L292. doi: 10.1152/ajplung.00452.2016. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 42. Raloff J. vaping may threaten brain, immunity and more. 2016. [Google Scholar]
  • 43. Whittington JR, Simmons PM, Phillips AM, Gammill SK, Cen R, Magann EF, Cardenas VM. The use of electronic cigarettes in pregnancy: a review of the literature. Obstet Gynecol Surv. 2018;73(9):544–549. doi: 10.1097/OGX.0000000000000595. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 44. Prevention Cfdca . Ingestion of cigarettes and cigarette butts by children–Rhode Island, January 1994–July 1996. 1997. [Google Scholar]
  • 45. Ordonez JE, Kleinschmidt KC, Forrester MB. Electronic cigarette exposures reported to Texas poison centers. Nicotine Tob Res. 2015;17(2):209–211. doi: 10.1093/ntr/ntu223. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 46. Zilker TR. 2013 Annual meeting of the north American congress of Clinical Toxicology (NACCT) 2013. [Google Scholar]
  • 47. Schipper EM, de Graaff LC, Koch BC, et al. A new challenge: suicide attempt using nicotine fillings for electronic cigarettes. Br J Clin Pharmacol. 2014;78(6):1469-71. 10.1111/bcp.12495. [PMC free article] [PubMed]
  • 48. Riker CA, Lee K, Darville A, Hahn EJ. E-cigarettes: promise or peril? Nurs Clin N Am. 2012;47(1):159–171. doi: 10.1016/j.cnur.2011.10.002. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 49. Kuschner WG, Reddy S, Mehrotra N, Paintal HS. Electronic cigarettes and thirdhand tobacco smoke: two emerging health care challenges for the primary care provider. Int J Gen Med. 2011;4:115–120. doi: 10.2147/IJGM.S16908. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 50. Schripp T, Markewitz D, Uhde E, Salthammer T. Does e-cigarette consumption cause passive vaping? Indoor Air. 2013;23(1):25–31. doi: 10.1111/j.1600-0668.2012.00792.x. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 51. Kim SA, Smith S, Beauchamp C, Song Y, Chiang M, Giuseppetti A, Frukhtbeyn S, Shaffer I, Wilhide J, Routkevitch D, et al. Cariogenic potential of sweet flavors in electronic-cigarette liquids. PLoS One. 2018;13(9):e0203717. doi: 10.1371/journal.pone.0203717. [PMC free article] [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 52. Rossheim ME, Livingston MD, Soule EK, Zeraye HA, Thombs DL. Electronic cigarette explosion and burn injuries, US emergency departments 2015-2017. Tob Control. 2019;28(4):472–474. doi: 10.1136/tobaccocontrol-2018-054518. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 53. Katz MG, Russell KW. Injury from E-cigarette explosion. N Engl J Med. 2019;380(25):2460. doi: 10.1056/NEJMicm1813769. [PubMed] [CrossRef] [Google Scholar]
  • 54. Kim JJ. The FDA ecigarette regulations on public heath. 2018. [Google Scholar]55. Johnston LD. Monitoring the Future national survey results on drug use 1975–2018: Overview, key findings on adolescent drug use. 2019. [Google Scholar]

Journal information: Pediatrics

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.