L’antidepressivo fluvoxamina sembra prevenire il peggioramento delle infezioni da COVID-19

0
82

L’antidepressivo fluvoxamina sembra prevenire il peggioramento delle infezioni da COVID-19 e può aiutare a tenere i pazienti fuori dall’ospedale…. lo suggerisce uno studio basato sulla ricerca della University of Virginia School of Medicine.

La sperimentazione clinica, condotta dalla Washington University School of Medicine di St.Louis, ha confrontato la fluvoxamina con un placebo in 152 pazienti ambulatoriali adulti infettati dal coronavirus.

Nessuno dei partecipanti che hanno ricevuto fluvoxamina ha subito un “deterioramento clinico” dopo 15 giorni, mentre sei pazienti che hanno ricevuto il placebo lo hanno fatto.

Di questi sei, quattro sono stati ricoverati in ospedale, per periodi che vanno da quattro a 21 giorni. Uno era su un ventilatore per 10 giorni.

Sebbene la dimensione dello studio fosse piccola, i ricercatori affermano che i risultati sono statisticamente significativi e che la fluvoxamina merita ulteriori studi come trattamento COVID-19. Hanno in programma di lanciare una prova più ampia nelle prossime settimane.

“I pazienti che hanno assunto fluvoxamina non hanno sviluppato gravi difficoltà respiratorie o hanno richiesto il ricovero in ospedale per problemi con la funzione polmonare”, ha detto Eric J. Lenze, MD, della Washington University School of Medicine.

“La maggior parte dei trattamenti sperimentali per COVID-19 sono stati rivolti ai pazienti più malati, ma è anche importante trovare terapie che impediscano ai pazienti di ammalarsi abbastanza da richiedere ossigeno supplementare o da dover andare in ospedale.

Il nostro studio suggerisce che la fluvoxamina può aiutare a riempire quella nicchia “.

Fluvoxamina e COVID-19

I ricercatori della Washington University hanno lanciato lo studio randomizzato in doppio cieco basato su una scoperta di Alban Gaultier, PhD, della UVA e dell’ex studente laureato Dorian A Rosen, PhD. Gaultier e Rosen hanno scoperto l’anno scorso che la fluvoxamina può fermare l’infiammazione mortale nota come sepsi, in cui la risposta immunitaria sfugge al controllo.

Il farmaco, hanno determinato, ha ridotto la produzione di citochine, che sono state collegate a “tempeste di citochine” potenzialmente mortali che si ritiene si verifichino nei casi gravi di COVID-19.

Questa connessione ha spinto il team della Washington University a indagare sulla possibilità che la fluvoxamina potesse avere un effetto protettivo per i pazienti con COVID-19.

Forse, hanno pensato, il farmaco potrebbe aiutare a prevenire le reazioni eccessive del sistema immunitario innescate da questo strano nuovo coronavirus. E il loro lavoro suggerisce che potrebbe.

“Poiché livelli elevati di citochine sono stati associati alla gravità del COVID-19 , testare la fluvoxamina in uno studio clinico ha avuto molto senso per noi”, ha affermato Gaultier, del Dipartimento di neuroscienze UVA e del suo Centro per l’immunologia cerebrale e la Glia (BIG).

“Non siamo ancora chiari sulla modalità di azione della fluvoxamina contro SARS-CoV-2 , ma la ricerca è in corso per trovare la risposta”.

Il team della Washington University ha notato che una recente ricerca ha sollevato dubbi sul fatto che le citochine stiano davvero giocando un ruolo importante nelle morti per COVID-19.

In caso contrario, dicono i ricercatori, la fluvoxamina potrebbe avere effetti benefici da qualche altro meccanismo non ancora compreso.

“Ci sono diversi modi in cui questo farmaco potrebbe funzionare per aiutare i pazienti COVID-19, ma pensiamo che molto probabilmente potrebbe interagire con il recettore sigma-1 per ridurre la produzione di molecole infiammatorie”, ha detto Angela M Reiersen, MD della Washington University. “Ricerche passate hanno dimostrato che la fluvoxamina può ridurre l’infiammazione nei modelli animali di sepsi e potrebbe fare qualcosa di simile nei nostri pazienti”.

I ricercatori hanno sottolineato che c’erano diversi limiti alla loro ricerca. Oltre alle sue ridotte dimensioni, lo studio è stato ostacolato da altri fattori, incluso il fatto che il 20% dei partecipanti ha smesso di rispondere ai sondaggi durante i 15 giorni di prova.

(I ricercatori hanno stabilito che nessuno di quei partecipanti richiedeva il ricovero in ospedale o le visite al pronto soccorso, ma non potevano escludere che i partecipanti cercassero cure altrove, ad esempio presso le cliniche di pronto soccorso).

A causa di queste limitazioni, i ricercatori affermano che i risultati dello studio non dovrebbero essere trattati come una misura dell’efficacia della fluvoxamina contro COVID-19, ma come un indicatore incoraggiante che il farmaco merita ulteriori test.

“Se uno studio clinico più ampio (fase III) confermasse i risultati, la fluvoxamina sarebbe un trattamento perfetto per i pazienti COVID di nuova diagnosi”, ha detto Gaultier. “La fluvoxamina non è un farmaco sperimentale, è economico e sicuro e potrebbe essere disponibile come prima linea di difesa per alleggerire gli ospedali che sono sopraffatti dalla crisi sanitaria COVID”.


Stress associato a COVID-19

La pandemia di COVID-19 ha dimostrato di colpire le persone fisicamente e psicologicamente [13]. Lo stress, l’ansia e la depressione associati avevano dimostrato di essere responsabili di una parte nella patogenesi di COVID-19 [14], [15].

Lo stress è definito come il processo attraverso il quale i requisiti ambientali trasformano l’adattabilità dell’organismo, portando a cambiamenti psicologici e biologici [14]. Le evidenze cliniche hanno dimostrato un’associazione tra specifici disturbi dell’umore, causati da stress prolungato o cronico e la disregolazione immunitaria [15], [16], [17].

Uno studio condotto su pazienti COVID-19 aveva riportato che i casi gravi sono causati da un malfunzionamento o da una carenza del sistema immunitario [18].

La disregolazione immunitaria è una conseguenza dell’aumento del cortisolo, l’ormone dello stress e della riduzione della serotonina [19]. Questa disregolazione ormonale potrebbe favorire l’inizio e la progressione dell’infezione [20].

Inoltre, le condizioni di stress associate all’infezione avevano dimostrato di causare un aumento dei livelli del mediatore infiammatorio IL-6 che causa una diminuzione del numero e dell’attività dei linfociti T citotossici e delle cellule natural killer (NK) [21], [ 22].

Inoltre, la depressione risultante dovuta allo stress prolungato è stata trovata associata a livelli sierici più elevati di IL-6 e fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α) [22], catecolamine, cellule T inibitorie e istamina [14].

La diminuzione del numero di linfociti, monociti, eosinofili e basofili associati alla depressione ha dimostrato di partecipare maggiormente alla soppressione della risposta immunitaria [23], [24].

Queste elevate citochine infiammatorie avevano anche dimostrato di precipitare depressione e infiammazioni a molti organi, in particolare ai polmoni, che è una condizione grave e una delle principali cause di mortalità nel COVID-19.

Ruolo della serotonina nella regolazione dell’immunità e della resistenza alle infezioni

La serotonina (5-HT) è un neurotrasmettitore e immunomodulatore. Migliora l’umore ed è anche responsabile della sensazione di felicità e calma. Si è scoperto che la 5-HT regola le risposte immunitarie innate e adattive.

Inoltre, ha dimostrato di svolgere ruoli importanti nella funzione cerebrale, nell’emostasi, nel sonno, nella regolazione dell’umore, nei comportamenti e nello stato psicologico. Ha anche ruoli importanti in molti diversi tessuti periferici, nel sistema nervoso centrale (SNC) e nelle cellule immunitarie [25], [26]. La diminuzione dei livelli di 5-HT è una delle principali cause di sintomi simili alla depressione [27]

Condizioni patologiche e fisiologiche possono influenzare il ruolo della serotonina nel regolare adeguatamente la risposta immunitaria [28]. Molte ricerche avevano concluso che i livelli elevati di serotonina svolgono un ruolo vitale nell’immunità contro le infezioni virali [29], [30].

D’altra parte, livelli ridotti di 5-HT avevano mostrato una correlazione con la suscettibilità alle infezioni batteriche [27].

COVID-19 aveva dimostrato di aumentare i livelli di citochine pro-infiammatorie [31]. Questi livelli elevati hanno dimostrato di aumentare il tasso di metabolismo della serotonina a causa dell’attivazione dell’enzima indoleamina-2,3-diossigenasi (IDO) che metabolizza il triptofano, che è il precursore della serotonina [32].

Inoltre, studi avevano riportato che i livelli elevati di proteina C-reattiva (PCR) avevano dimostrato di essere collegati a sintomi simili alla depressione [33], [34], [35].

Dichiarazione di ipotesi

In generale, si trova che gli antidepressivi aumentano la risposta del sistema immunitario inibendo i fattori pro-infiammatori, in particolare CRP, TNF-α, IL-1β e IL-6 [36]. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono usati come antidepressivi e ansiolitici manipolando la serotonina nel cervello.

Gli SSRI aumentano la serotonina vietandone la ricaptazione nella cellula presinaptica, quindi aumentando il livello di serotonina all’interno della fessura sinaptica per legare il recettore postsinaptico [37].

Gli SSRI hanno dimostrato un ruolo efficace nell’alleviare i sintomi di stress e ansia, il che migliora il ruolo dell’immunità nell’affrontare le infezioni. Questa classe aveva dimostrato di prevenire l’aumento dei livelli di citochine che causa depressione [38], [39], [40], [41].

Inoltre, l’uso di SSRI aveva ridotto la fatica indotta da endotossine [39]. L’effetto antibatterico in vitro e la modulazione dell’attività antibiotica sono stati anche associati all’uso di SSRI [42], [43], [44].

Nei pazienti COVID-19, gli SSRI possono aiutare a ostacolare la sindrome da rilascio di citochine che è responsabile dell’aggravamento della progressione della malattia e del conseguente aumento del TNFα [45]. Uno studio aveva riportato il ruolo efficace degli SSRI nella broncopneumopatia cronica ostruttiva grave in cui è stato osservato un aumento significativo della saturazione di ossigeno dei pazienti [46].

Pertanto, la famiglia degli SSRI può aiutare a controllare i sintomi dei pazienti COVID-19 a causa della sua potente attività antinfiammatoria segnalata in diversi disturbi infiammatori [39], [47]

Proprietà antiossidanti e anticoagulanti degli SSRI

Molte ricerche avevano riportato l’elevata efficacia terapeutica degli SSRI attraverso l’inversione del danno ossidativo mediante il potenziamento protettivo dello stato antiossidante a seguito di un declino indotto dallo stress [48]. Ha mostrato un significativo effetto inibitorio sulla produzione di ossido nitrico (NO) in modo dose-dipendente [49]. Di conseguenza, gli SSRI avevano mostrato proprietà antinfiammatorie e analgesiche [50].

Gli SSRI hanno mostrato proprietà anticoagulanti [51] rendendoli un’opzione promettente per i pazienti COVID-19 che soffrono principalmente di trombosi venosa e arteriosa che è la principale causa di mortalità.

Proprietà antivirali degli SSRI

Dato l’elevato potenziale replicativo di COVID-19, è possibile che l’altissimo carico virale nel polmone porti a una grande risposta infiammatoria che è fatale. Fortunatamente, si è scoperto che l’SSRI ha effetti antivirali oltre ad essere uno stabilizzatore dell’umore.

Uno studio brevettuale aveva riportato l’efficacia del trattamento con SSRI nel ridurre l’espressione di chemochine e citochine nelle cellule infette e, quindi, ha un ruolo nella lotta alle infezioni [52]. Gli SSRI avevano dimostrato di potenziare la potenza antivirale di alcuni antivirali [53].

Gli SSRI avevano riportato una sottoregolazione del recettore e dei corecettori dell’HIV [54], un’attività ridotta del virus Ebola [55] e una ridotta replicazione virale del Coxsackievirus B4 [56] con il loro uso accanto all’antivirale.

Quale SSRI utilizzeremo e perché?

La sertralina è un membro degli SSRI che è fortemente suggerito come una scelta terapeutica favorevole per i pazienti COVID-19 perché ha un ampio indice terapeutico e una minima attività anticolinergica che la rendono un’opzione sicura per i pazienti anziani o quelli con disturbi cardiovascolari sottostanti [57].

La sertralina ha avuto forti effetti anti-infiammatori attraverso la diminuzione e la regolazione delle citochine pro-infiammatorie [58], [59]. Aveva aumentato significativamente l’attività degli antibiotici con alcuni ceppi resistenti di S. aureus, E. Coli e P. aeruginosa. Pertanto, la sertralina è un agente modificante la resistenza se usata in combinazione con gli antibiotici [44].

Anche la sertralina aveva riportato un’efficacia antivirale [60] se usata efficacemente nel ridurre l’infiammazione polmonare indotta dall’influenza e nell’abbassare il tasso di mortalità se combinata con oseltamivir in un modello murino [53].

Per quanto riguarda la tempistica ideale per iniziare la sertralina, sarebbe consigliabile iniziare quando i sintomi respiratori iniziassero a peggiorare o, in altre parole, prima dell’insorgenza del danno polmonare acuto che precede l’insorgenza della polmonite fatale.

Conclusioni

In questa ipotesi, avevamo bisogno di aumentare il ruolo efficace della serotonina nell’attivazione delle cellule T e nel potenziamento del sistema immunitario nei pazienti COVID-19. Questo può mostrare un’elevata utilità per i soggetti vulnerabili e il personale medico che sono costantemente esposti a stanchezza, stress, ansia e depressione causati dalla pandemia di COVID-19 e hanno dimostrato di distruggere l’immunità contro qualsiasi attacco virale.

L’SSRI avrebbe un ruolo importante nell’infezione da COVID-19 attraverso il trattamento dell’ansia e dello stress e l’aumento del numero e della funzione delle cellule immunitarie. La sindrome da rilascio di citochine nel COVID-19 dovrebbe essere migliorata dall’uso di sertralina che riduce i livelli di IL-6 e IL-10.

Inoltre, suggeriamo che la sertralina possa esibire un effetto antivirale contro COVID-19 ma con meccanismo d’azione sconosciuto. Riteniamo che la comprensione del meccanismo di arresto della replicazione virale sarebbe un’importante area di ricerca che potrebbe avvantaggiare il campo scientifico.

Si consiglia di somministrare sertralina a casi moderati di pazienti COVID-19 come profilassi contro sintomi polmonari letali e dovrebbe essere utilizzata come terapia adiuvante ai farmaci utilizzati nel protocollo di trattamento COVID-19.

Questa ipotesi di ricerca fornirebbe un grande vantaggio nell’accelerare il recupero e ridurre i tassi di mortalità nei pazienti COVID-19. Inoltre, se l’uso della sertralina si rivelasse efficace nel prevenire l’ARDS associata, il suo utilizzo globale sarebbe estremamente vantaggioso per l’umanità. Inoltre, è sicuro, tollerabile e altamente conveniente.

Riferimenti

  • 1. Lu H., Stratton C.W., Tang Y.W. Outbreak of pneumonia of unknown etiology in Wuhan, China: the mystery and the miracle. J Med Virol. 2020;92:401–402. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 2. Liu Y., Gayle A.A., Wilder-Smith A., Rocklov J. The reproductive number of COVID-19 is higher compared to SARS coronavirus. J Travel Med. 2020;27 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 3. Coronavirus outbreak creating extra stress and anxiety for people with mental health problems, warns charity. https://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/coronavirus-stress-mental-health-problems-anxiety-covid-19-a9401061.html. [Last accessed on 11th July 2020].
  • 4. Cao W., Fang Z., Hou G. The psychological impact of the COVID-19 epidemic on college students in China. J Psychiatr Res. 2020;112934 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 5. Ozdin S., Bayrak O.S. Levels and predictors of anxiety, depression and health anxiety during COVID-19 pandemic in Turkish society: The importance of gender. Int J Soc Psychiatry. 2020;20764020927051 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 6. Ruan Q., Yang K., Wang W., Jiang L., Song J. Clinical predictors of mortality due to COVID-19 based on an analysis of data of 150 patients from Wuhan. China. Intensive Care Med. 2020;46:846–848. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 7. Guan W.J., Ni Z.Y., Hu Y. Clinical Characteristics of Coronavirus Disease 2019 in China. N Engl J Med. 2020;382:1708–1720. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 8. Danzi G.B., Loffi M., Galeazzi G., Gherbesi E. Acute pulmonary embolism and COVID-19 pneumonia: a random association? Eur Heart J. 2020;41 1858-1858. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 9. Xie Y., Wang X., Yang P. COVID-19 complicated by acute pulmonary embolism. Radiol Cardiothorac Imaging. 2020;2(2) e200067. [Google Scholar]
  • 10. McGonagle D., Sharif K., O’Regan A., Bridgewood C. Interleukin-6 use in COVID-19 pneumonia related macrophage activation syndrome. Autoimmun Rev. 2020;102537 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 11. WHO. Coronavirus Overview. https://www.who.int/health-topics/coronavirus#tab=tab_1. [Last accessed on 11th July 2020].
  • 12. WHO. Coronavirus disease (COVID-19) advice for the public. https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public. [Last accessed on 11th July 2020].
  • 13. Wang C., Pan R., Wan X. Immediate psychological responses and associated factors during the initial stage of the 2019 coronavirus disease (COVID-19) epidemic among the general population in China. Int J Environ Res. 2020;17:1729. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 14. Salleh M.R. Life event, stress and illness. MJMS. 2008;15:9. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 15. Jones K.A., Thomsen C. The role of the innate immune system in psychiatric disorders. Mol Cell Neurosci. 2013;53:52–62. [PubMed] [Google Scholar]
  • 16. Kiecolt-Glaser J.K., McGuire L., Robles T.F., Glaser R. Psychoneuroimmunology: Psychological influences on immune function and health. J Consult Clin Psychol. 2002;70:537. [PubMed] [Google Scholar]
  • 17. Spiegel D., Giese-Davis J. Depression and cancer: mechanisms and disease progression. World J Biol Psychia. 2003;54:269–282. [PubMed] [Google Scholar]
  • 18. Giamarellos-Bourboulis E.J., Netea M.G., Rovina N. Complex Immune Dysregulation in COVID-19 Patients with Severe Respiratory Failure. Cell Host Microbe. 2020;27(992–1000) [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 19. aan ht Rot M., Mathew S.J., Charney D.S. Neurobiological mechanisms in major depressive disorder. CMAJ. 2009;180:305–313. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 20. Godbout J.P., Glaser R. Stress-induced immune dysregulation: implications for wound healing, infectious disease and cancer. J Neuroimmune Pharmacol. 2006;1:421–427. [PubMed] [Google Scholar]
  • 21. Reiche E.M.V., Nunes S.O.V., Morimoto H.K. Stress, depression, the immune system, and cancer. Lancet Oncol. 2004;5:617–625. [PubMed] [Google Scholar]
  • 22. Zorrilla E.P., Luborsky L., McKay J.R. The relationship of depression and stressors to immunological assays: a meta-analytic review. Brain Behav Immun. 2001;15:199–226. [PubMed] [Google Scholar]
  • 23. Qin C., Zhou L., Hu Z. Dysregulation of immune response in patients with COVID-19 in Wuhan, China. Clin Infect Dis. 2020:ciaa248. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 24. Guo Y.R., Cao Q.D., Hong Z.S. The origin, transmission and clinical therapies on coronavirus disease 2019 (COVID-19) outbreak – an update on the status. Mil Med Res. 2020;7:11. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 25. Kubera M., Maes M., Kenis G., Kim Y.K., Lason W. Effects of serotonin and serotonergic agonists and antagonists on the production of tumor necrosis factor alpha and interleukin-6. Psychiatry Res. 2005;134:251–258. [PubMed] [Google Scholar]
  • 26. Wan M., Ding L., Wang D., Han J., Gao P. Serotonin: A Potent Immune Cell Modulator in Autoimmune Diseases. Front Immunol. 2020;11:186. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 27. Schuff-Werner P., Splettstoesser W. Tryptophan, Serotonin, and Melatonin. Springer; 1999. Antioxidative properties of serotonin and the bactericidal function of polymorphonuclear phagocytes; pp. 321–325. [PubMed] [Google Scholar]
  • 28. Mössner R., Lesch K.-P.J.B. behavior, and immunity. Role of serotonin in the immune system and in neuroimmune interactions. Brain Behav Immun. 1998;12:249–271. [PubMed] [Google Scholar]
  • 29. Dursun S., Reveley M.J.M.h. Serotonin hypothesis of psychiatric disorders during HIV infection. Am J Psychiatry. 1995;44:263–267. [PubMed] [Google Scholar]
  • 30. Bliznakov E. Serotonin and its precursors as modulators of the immunological responsiveness in mice. J Med. 1980;11:81. [PubMed] [Google Scholar]
  • 31. Conti P., Ronconi G., Caraffa A. Induction of pro-inflammatory cytokines (IL-1 and IL-6) and lung inflammation by Coronavirus-19 (COVI-19 or SARS-CoV-2): anti-inflammatory strategies. J Biol Regul Homeost Agents. 2020;34:1. [PubMed] [Google Scholar]
  • 32. Myint A.M., Kim Y.K. Cytokine–serotonin interaction through IDO: a neurodegeneration hypothesis of depression. Med Hypotheses. 2003;61:519–525. [PubMed] [Google Scholar]
  • 33. Frommberger U.H., Bauer J., Haselbauer P. Interleukin-6-(IL-6) plasma levels in depression and schizophrenia: comparison between the acute state and after remission. Eur Arch Psychiatry Clin Neurosci. 1997;247:228–233. [PubMed] [Google Scholar]
  • 34. Monje F.J., Cabatic M., Divisch I. Constant darkness induces IL-6-dependent depression-like behavior through the NF-κB signaling pathway. J Neurosci. 2011;31:9075–9083. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 35. Howren M.B., Lamkin D.M., Suls J. Associations of depression with C-reactive protein, IL-1, and IL-6: a meta-analysis. Psychosom Med. 2009;71:171–186. [PubMed] [Google Scholar]
  • 36. Eyre H.A., Lavretsky H., Kartika J., Qassim A., Baune B.T. Modulatory Effects of Antidepressant Classes on the Innate and Adaptive Immune System in Depression. Pharmacopsychiatry. 2016;49:85–96. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 37. Leonard B. SSRI differentiation: pharmacology and pharmacokinetics. Hum Psychopharmacol. 1995;10:S149–S158. [PubMed] [Google Scholar]
  • 38. Wilson D.R., Warise L. Cytokines and their role in depression. Biomed Rep. 2008;44:285–289. [PubMed] [Google Scholar]
  • 39. Hannestad J., DellaGioia N., Ortiz N., Pittman B., Bhagwagar Z.J.B. behavior, and immunity. Citalopram reduces endotoxin-induced fatigue. Brain Behav Immun. 2011;25:256–259. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 40. Rizzo SS, Neal S, Hughes Z, et al. Evidence for sustained elevation of IL-6 in the CNS as a key contributor of depressive-like phenotypes. 2012;2:e199-e199. [PMC free article] [PubMed]
  • 41. Wang L., Wang R., Liu L., Qiao D., Baldwin D.S., Hou R. Effects of SSRIs on peripheral inflammatory markers in patients with major depressive disorder: A systematic review and meta-analysis. Brain Behav Immun. 2019;79:24–38. [PubMed] [Google Scholar]
  • 42. Karine de Sousa A., Rocha J.E., Goncalves de Souza T., Sampaio de Freitas T., Ribeiro-Filho J., Melo Coutinho H.D. New roles of fluoxetine in pharmacology: Antibacterial effect and modulation of antibiotic activity. Microb Pathog. 2018;123:368–371. [PubMed] [Google Scholar]
  • 43. Munoz-Bellido J.L., Munoz-Criado S., Garcia-Rodriguez J.A. Antimicrobial activity of psychotropic drugs: selective serotonin reuptake inhibitors. Int J Antimicrob Agents. 2000;14:177–180. [PubMed] [Google Scholar]
  • 44. Ayaz M., Subhan F., Ahmed J. Sertraline enhances the activity of antimicrobial agents against pathogens of clinical relevance. J Biol Res (Thessalon) 2015;22:4. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 45. Roumestan C., Michel A., Bichon F. Anti-inflammatory properties of desipramine and fluoxetine. Respir Res. 2007;8:35. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 46. Perna G., Cogo R., Bellodi L. Selective serotonin re-uptake inhibitors beyond psychiatry: Are they useful in the treatment of severe, chronic, obstructive pulmonary disease? Depress Anxiety. 2004;20:203–204. [PubMed] [Google Scholar]
  • 47. Sacre S., Medghalchi M., Gregory B., Brennan F., Williams R. Fluoxetine and citalopram exhibit potent antiinflammatory activity in human and murine models of rheumatoid arthritis and inhibit toll-like receptors. Arthritis Rheum. 2010;62:683–693. [PubMed] [Google Scholar]
  • 48. Zafir A, Banu N. Antioxidant potential of fluoxetine in comparison to Curcuma longa in restraint-stressed rats. 2007;572:23-31. [PubMed]
  • 49. Hashioka S., Klegeris A., Monji A. Antidepressants inhibit interferon-gamma-induced microglial production of IL-6 and nitric oxide. Exp Neurol. 2007;206:33–42. [PubMed] [Google Scholar]
  • 50. Abdel-Salam O.M., Nofal S.M., El-Shenawy S.M. Evaluation of the anti-inflammatory and anti-nociceptive effects of different antidepressants in the rat. Pharmacol Res. 2003;48:157–165. [PubMed] [Google Scholar]
  • 51. Halperin D., Reber G. Influence of antidepressants on hemostasis. Dialogues Clin Neurosci. 2007;9:47–59. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 52. Sharma G, Altmeyer R, Pendharker V, Chen Y, Foley M, Compositions and methods for treating viral infections, Google Patents; 2010.
  • 53. Sharma G., Champalal Sharma D., Hwei Fen L. Reduction of influenza virus-induced lung inflammation and mortality in animals treated with a phosophodisestrase-4 inhibitor and a selective serotonin reuptake inhibitor. Emerg Microbes Infect. 2013;2 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 54. Greeson J.M., Gettes D.R., Spitsin S. The Selective Serotonin Reuptake Inhibitor Citalopram Decreases HIV Receptor and Coreceptor Expression in Immune Cells. Biol Psychiatry. 2016;80:33. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]
  • 55. Johansen L.M., DeWald L.E., Shoemaker C.J. A screen of approved drugs and molecular probes identifies therapeutics with anti–Ebola virus activity. Sci Transl Med. 2015 7:290ra289-290ra289. [PubMed] [Google Scholar]
  • 56. Alidjinou E.K., Sané F., Bertin A., Caloone D., Hober D. Persistent infection of human pancreatic cells with Coxsackievirus B4 is cured by fluoxetine. Antiviral Res. 2015;116:51–54. [PubMed] [Google Scholar]
  • 57. Murdoch D., Sertraline McTavish D. A review of its pharmacodynamic and pharmacokinetic properties, and therapeutic potential in depression and obsessive-compulsive disorder. Drugs. 1992;44:604–624. [PubMed] [Google Scholar]
  • 58. Tynan R.J., Weidenhofer J., Hinwood M., Cairns M.J., Day T.A., Walker F.R. A comparative examination of the anti-inflammatory effects of SSRI and SNRI antidepressants on LPS stimulated microglia. Brain Behav Immun. 2012;26:469–479. [PubMed] [Google Scholar]
  • 59. Lu Y., Xu X., Jiang T. Sertraline ameliorates inflammation in CUMS mice and inhibits TNF-alpha-induced inflammation in microglia cells. Int Immunopharmacol. 2019;67:119–128. [PubMed] [Google Scholar]
  • 60. Kouznetsova J., Sun W., Martinez-Romero C. Identification of 53 compounds that block Ebola virus-like particle entry via a repurposing screen of approved drugs. Emerg Microbes Infect. 2014;3 [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

Funding: The clinical trial was supported by the Taylor Family Institute for Innovative Psychiatric Treatment at Washington University and the COVID-19 Early Treatment Fund. Additional support was provided by the Center for Brain Research in Mood Disorders at Washington University, the Bantly Foundation and National Institutes of Health grant UL1TR002345.

Source: University of Virginia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.