COVID-19 – REPORT: classifica delle città europee con i più alti tassi di mortalità per inquinanti atmosferici

0
110

Uno studio sull’impatto sulla salute ha stimato per la prima volta il carico di mortalità attribuibile all’inquinamento atmosferico in più di 1.000 città europee.

Lo studio, pubblicato su  The Lancet Planetary Health , include una classifica delle città europee con i più alti tassi di mortalità attribuibili a ciascuno dei due inquinanti atmosferici studiati: particolato fine (PM2.5) e biossido di azoto (NO 2 ).

Il progetto di ricerca è stato condotto dal Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), in collaborazione con ricercatori dello Swiss Tropical and Public Health Institute (Swiss TPH) e dell’Università di Utrecht.

I risultati mostrano che 51.000 e 900 morti premature potrebbero essere prevenute ogni anno, rispettivamente, se tutte le città analizzate raggiungessero i  livelli di PM2,5 e NO 2 raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Tuttavia, se tutte le città dovessero corrispondere ai livelli di qualità dell’aria della città meno inquinata  nell’elenco, si potrebbero prevenire ancora più morti. 

In particolare, il numero di morti premature che potrebbero essere prevenute ogni anno riducendo le concentrazioni di PM2,5 e NO 2  ai livelli più bassi misurati è rispettivamente di 125.000 e 79.000.

Classifiche di mortalità

Dopo aver stimato le morti premature prevenibili in ciascuna città, il team di ricerca ha classificato le città in base al carico di mortalità per ciascuno dei due inquinanti studiati.

“Abbiamo osservato una grande variabilità nei risultati per le diverse città analizzate”, ha commentato il ricercatore di ISGlobal Sasha Khomenko, autore principale dello studio.

 “I più alti tassi di mortalità attribuibili all’NO 2 , un gas tossico associato principalmente al traffico automobilistico, sono stati trovati nelle grandi città di paesi come Spagna, Belgio, Italia e Francia”.

“Per PM2.5, le città con il più alto carico di mortalità sono state la Pianura Padana, la Polonia meridionale e la Repubblica Ceca orientale. Questo perché il particolato sospeso viene emesso non solo dai veicoli a motore ma anche da altre fonti di combustione, tra cui l’industria, il riscaldamento domestico e la combustione di carbone e legno “, ha aggiunto Khomenko.

“La più alta percentuale di mortalità naturale attribuibile al particolato fine è stata del 15%, nella città di Brescia . Per quanto riguarda il biossido di azoto, la percentuale più alta – fino al 7% di mortalità naturale— –

All’estremo opposto della classifica si trovano le città con i tassi di mortalità più bassi imputabili all’inquinamento atmosferico, posizione privilegiata occupata dalle città del nord Europa sia nella classifica PM2.5 che nella  classifica NO 2 .

“Questo è il primo studio a stimare il carico di mortalità attribuibile all’inquinamento atmosferico a livello di città in Europa”, ha commentato Mark Nieuwenhuijsen, autore senior dello studio e Direttore dell’Iniziativa Urbanistica, Ambiente e Salute presso ISGlobal, un centro supportato da la Fondazione “la Caixa”.

“I nostri risultati supportano le prove che suggeriscono che non esiste una soglia di esposizione sicura al di sotto della quale l’inquinamento atmosferico è innocuo per la salute. Suggeriscono inoltre che la legislazione europea attualmente in vigore non fa abbastanza per proteggere la salute delle persone. Pertanto, i  livelli massimi di NO 2 e PM2,5 consentiti dalla legge dovrebbero essere rivisti.

Ci auguriamo che le autorità locali possano utilizzare questi dati per attuare politiche di pianificazione urbana e dei trasporti volte a migliorare la salute delle persone “.

Hub dati online

Questo studio fa parte del progetto ISGlobal Ranking of Cities ed è il primo di una serie di analisi degli impatti sulla salute di vari fattori ambientali inerenti alla vita urbana, tra cui inquinamento atmosferico, rumore, accesso agli spazi verdi, effetti delle isole di calore, ecc.

Il sito web  http://www.isglobalranking.org  è stato creato come hub per le classifiche e i dati di dettaglio su ciascuna città. Il sito è attualmente disponibile in inglese, spagnolo e catalano. I dati delle altre analisi e classifiche del progetto verranno aggiunti al sito non appena saranno disponibili.

Metodologia

Lo studio ha seguito la metodologia di valutazione quantitativa dell’impatto sulla salute, che confronta i livelli attuali di inquinamento atmosferico nelle città con due scenari controfattuali con una migliore qualità dell’aria. Basandosi su recenti prove scientifiche sulla relazione tra i livelli di inquinamento atmosferico e la mortalità, i ricercatori hanno calcolato l’impatto che entrambi gli scenari di riduzione dell’inquinamento atmosferico avrebbero sul peso della mortalità. 

Tre modelli matematici sono stati combinati per determinare i livelli medi di ogni inquinante in ogni città, prendendo come riferimento i valori del 2015 e confrontandoli con i dati del 2018.

Per eseguire confronti tra città, i ricercatori hanno assegnato un punteggio relativo al carico di mortalità a ciascuna città. I punteggi sono stati calcolati utilizzando un algoritmo che ha preso in considerazione i tassi di mortalità, la percentuale di morti premature annuali prevenibili e gli anni di vita persi per ogni inquinante atmosferico.

Le prime 10 città con il maggior carico di mortalità

Le dieci città con il maggior carico di mortalità attribuibile al PM2.5:

  • 1. Brescia (Italy)
  • 2. Bergamo (Italy)
  • 3. Karvina (Repubblica Ceca)
  • 4. Vicenza (Italy)
  • 5. Slesia Metropolis (Polonia)
  • 6. Ostrava (Repubblica Ceca)
  • 7. Jastrzebie-Zdrój (Polonia)
  • 8. Saronno (Italy)
  • 9. Rybnik (Polonia)
  • 10. Havírov (Repubblica Ceca)

Le dieci città con il maggior carico di mortalità attribuibile a NO 2 :

  • 1. Madrid (area metropolitana) (Spagna)
  • 2. Anversa (Belgio)
  • 3. Turin (Italy)
  • 4. Parigi (area metropolitana) (Francia)
  • 5. Milan (metropolitan area) (Italy)
  • 6. Barcellona (area metropolitana) (Spagna)
  • 7. Mollet del Vallès (Spagna)
  • 8. Bruxelles (Belgio)
  • 9. Herne (Germania)
  • 10. Argenteuil-Bezons (Francia)

Le prime 10 città con il minor carico di mortalità

Le dieci città con il minor carico di mortalità attribuibile al PM2.5:

  • 1. Reykjavík (Islanda)
  • 2. Tromsø (Norvegia)
  • 3. Umeå (Svezia)
  • 4. Oulu (Finlandia)
  • 5. Jyväskylä (Finlandia)
  • Uppsala (Svezia)
  • 7. Trondheim (Norvegia)
  • 8. Lahti (Finlandia)
  • 9. Örebro (Svezia)
  • 10. Tampere (Finlandia)

Le dieci città con il minor carico di mortalità attribuibile a NO 2 :

  • 1. Tromso (Norvegia)
  • 2. Umeå (Svezia)
  • 3. Oulu (Finlandia)
  • 4. Kristiansand (Norvegia)
  • 5. Pula (Croazia)
  • Linköping (Svezia)
  • 7. Galway (Irlanda)
  • 8. Jönköping (Svezia)
  • 9. Alytus (Lituania)
  • 10. Trondheim (Norvegia)

Il mondo è attualmente coinvolto in una crisi sanitaria planetaria, che dovrebbe causare almeno 4,2 milioni di morti quest’anno; quello dell’inquinamento atmosferico. L’aria inquinata è il fattore di rischio ambientale più significativo per la mortalità per tutte le cause. Ha aumentato il rischio di cancro, malattie polmonari e cardiovascolari croniche e ha causato la perdita di almeno 100 milioni di anni di vita aggiustati per la disabilità (DALY) e 225 miliardi di dollari all’anno [1].

Nel bel mezzo della nostra pandemia di coronavirus senza precedenti, la morbilità posta dall’inquinamento atmosferico e il suo impatto sulla nostra situazione attuale non devono essere dimenticati. La mortalità per inquinamento atmosferico, specialmente durante le pandemie, non può essere sottovalutata. La devastante pandemia di influenza spagnola del 1918 ha visto un aumento del 10% della mortalità nelle grandi città con capacità di carbone.

Durante la prima pandemia del secolo in corso, il coronavirus-1 associato alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-1) nel 2003, i pazienti provenienti da aree con elevati indici di inquinamento atmosferico (API) hanno mostrato un aumento del 200% del rischio relativo di morte rispetto a persone provenienti da aree con un API basso [2].

Nonostante ciò, il 91% della popolazione mondiale vive in aree che superano i limiti di qualità dell’aria raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Pertanto, sorge la domanda se ci sarà un impatto dell’inquinamento atmosferico sull’attuale malattia da coronavirus pandemica 2019 (COVID-19)?

Effetto degli inquinanti atmosferici sulla suscettibilità dell’ospite alle infezioni

Gli inquinanti atmosferici aumentano la suscettibilità dell’ospite alle infezioni virali respiratorie aumentando la permeabilità epiteliale ai recettori virali e riducendo la produzione di surfattante [3]. Riducono anche la clearance virale compromettendo la fagocitosi mediata dai macrofagi e la presentazione dell’antigene, l’espressione dei linfociti T sia natural killer che citotossici e consentendo la proliferazione virale, influenzando così negativamente la capacità dell’ospite di rispondere adeguatamente all’infezione.

Inoltre, gli inquinanti atmosferici aumentano la virulenza delle infezioni respiratorie. Il biossido di azoto (NO2) riduce la dose infettiva minima del citomegalovirus murino di un fattore 100 e aumenta l’infettività del rinovirus sovraregolando il suo recettore virale. In Italia, uno studio ha mostrato un aumento della concentrazione ambientale di NO2 correlato ad un aumento delle infezioni respiratorie acute del 4% [3].

L’esposizione all’anidride solforosa (SO2) è stata anche associata ad un aumento delle infezioni influenzali [3]. Il particolato, principalmente un diametro inferiore a 2,5 μm (PM2,5), può ridurre la fagocitosi dei virus, promuovere la loro proliferazione e produrre un significativo stato proinfiammatorio inducendo il rilascio di citochine IL-1, IL-6 e TNF- α dai macrofagi alveolari.

L’infiammazione risultante può portare al peggioramento di morbilità polmonari preesistenti, asma e malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) e aumentare il rischio di malattia cardiaca alterando la funzione autonomica cardiaca e accelerando l’aterosclerosi.

Inoltre, l’esposizione acuta e subcronica al particolato aumenta la regolazione del recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2), che svolge un ruolo fondamentale nell’invasione del virus SARS-CoV-2 nell’epitelio respiratorio [4].

È stato inoltre dimostrato un legame statisticamente significativo tra la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) e l’inquinamento atmosferico sotto forma di PM2,5 e ozono, in particolare negli anziani. Questo è rilevante per COVID-19, dato l’alto tasso di morte per ARDS [5].

Predisposizione per inquinamento atmosferico domestico

Viene spesso trascurato l’impatto dell’inquinamento atmosferico domestico (HAP) sulla suscettibilità alle infezioni respiratorie. L’HAP rappresenta quasi il 16% del carico globale di malattie dovuto all’inquinamento atmosferico, con circa 3,55 milioni di morti nel 2010 e, di conseguenza, il suo impatto non deve essere ignorato. Un terzo del mondo utilizza combustibili solidi per cucinare e riscaldare insieme al fumo di sigaretta concomitante, che può causare infiammazioni epiteliali e predisporre infezioni acute delle basse vie respiratorie.

HAP può causare una disregolazione del rapporto antiossidante: ossidante, riducendo la concentrazione di antiossidanti e promuovendo lo stress ossidativo. L’HAP modifica anche il meccanismo di difesa contro le infezioni polmonari ed è altamente plausibile che questa modifica della flora polmonare naturale possa comportare un aumento del rischio di infezioni polmonari.

Ad esempio, il fumo di sigaretta può aumentare l’adesione dipendente dal recettore di Streptococcus sp. all’epitelio respiratorio. L’entità dell’esposizione all’HAP è anche indissolubilmente legata a uno stato socioeconomico povero e va notato che la distribuzione globale della povertà e dell’HAP sono quasi identiche. Si può postulare che questa esposizione, in particolare nei paesi in via di sviluppo o nei poveri urbani dei paesi ricchi di tutto il mondo, metta le persone ad alto rischio di epidemie più gravi di COVID-19 [6].

Prime prove su COVID-19

Finora, la storia e la scienza si stanno dirigendo verso un immenso impatto potenziale dell’inquinamento atmosferico sulla pandemia COVID-19. Alcuni dei paesi più devastati sono quelli con un indice di qualità dell’aria scadente, come Cina, Nord Italia e New York City. Considerando il Nord Italia, in particolare, Lombardia ed Emilia Romagna sono tra le aree più inquinate d’Europa. La mortalità qui era del 12% rispetto al tasso del 4,5% altrove in Italia [7].

Infatti, in più di 3000 contee degli Stati Uniti, è stato dimostrato che un aumento di 1 μg / m3 di PM (2,5) aumenta la mortalità da COVID-19 dell’8% e nel solo stato di New York del 15% [ 5]. Come le precedenti pandemie, è probabile che esista una correlazione positiva tra gli inquinanti atmosferici e l’incidenza e la mortalità da COVID-19, ma sono necessari ulteriori studi epidemiologici per confermare questa ipotesi.

Uno studio ha recentemente valutato i livelli troposferici di NO2, un indicatore di inquinamento atmosferico, in quattro paesi europei, Italia, Francia, Spagna e Germania. L’esposizione cronica a NO2 è stata collegata a malattie di fondo come l’ipertensione e responsabile della sintesi di citochine proinfiammatorie, che sono collegate all’aumento della mortalità da COVID-19.

Su cinque hotspot di mortalità identificati in Italia e Spagna, che hanno rappresentato il 78% di tutti i decessi, è stato dimostrato che tutti hanno un inquinamento atmosferico concentrato [8]. Inoltre, in Inghilterra, sia la più alta incidenza che i tassi di mortalità si sono verificati intorno a Londra e nelle Midlands, regioni con la più alta concentrazione di inquinanti atmosferici. L’inverso è stato osservato nelle regioni con meno inquinamento atmosferico, dando ulteriore supporto a questa nozione [9].

In effetti, l’RNA di SARS-CoV-2 è stato isolato dal particolato in uno studio condotto a Bergamo, nel nord Italia, suggerendo che il particolato nell’inquinamento atmosferico può persino agire come vettore per la trasmissione di COVID-19. Questo può servire come possibile spiegazione per un maggiore carico di COVID-19 in aree con elevato inquinamento atmosferico, e può anche essere usato come indicatore di recidiva epidemica [10].

Interventi imperativi

Le prove presentate sopra dovrebbero servire da campanello d’allarme per i responsabili delle decisioni desiderosi di sostenere la salute planetaria. È nostra opinione che ci sia una risposta insoddisfacente da parte di molte agenzie ambientali per regolare l’inquinamento atmosferico, in particolare sulla base della crescente evidenza dell’influenza dell’inquinamento atmosferico sulle pandemie del passato, del presente e quasi certamente del futuro.

L’accordo di Parigi, che chiede di limitare l’influenza del cambiamento climatico, sottolinea l’importanza di ridurre l’inquinamento atmosferico come componente cruciale del suo successo. È fondamentale che i paesi a livello globale, ora più che mai, apprezzino l’associazione tra cambiamento climatico e inquinamento atmosferico e riducano gli inquinanti atmosferici attraverso interventi politici aggressivi, non solo per ridurre potenzialmente l’impatto del COVID-19 e migliorare la salute umana, ma anche per limitare il cambiamento climatico.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7458650/


Ulteriori informazioni:  Khomenko S, Cirach M, Pereira-Barboza E, Mueller N, Barrera-Gómez J, Rojas-Rueda D, de Hoogh K, Hoek G, Nieuwenhuijsen M. Mortalità prematura dovuta all’inquinamento atmosferico nelle città europee; un Urban Burden of Disease Assessment. The Lancet Planetary Health , 2021.  https://doi.org/10.1016/S2542-5196(20)30272-2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.