COVID-19: la TC polmonare può predire altri problemi neurologici che potrebbero presentarsi alla risonanza magnetica cerebrale

0
120

Dopo la pandemia, i ricercatori hanno scoperto i modi in cui COVID-19 ha un impatto su altre parti del corpo, oltre ai polmoni.

Ora, per la prima volta, è stata trovata una correlazione visiva tra la gravità della malattia nei polmoni utilizzando scansioni TC e la gravità degli effetti sul cervello del paziente, utilizzando scansioni MRI. Questa ricerca è stata pubblicata sull’American Journal of Neuroradiology.

Verrà presentato al 59 ° meeting annuale dell’American Society of Neuroradiology (ASNR) ed è stato anche selezionato come semifinalista per il Cornelius Dyke Award di quell’organizzazione.

I risultati mostrano che esaminando le scansioni TC del polmone di pazienti con diagnosi di COVID-19 , i medici potrebbero essere in grado di prevedere quanto male sperimenteranno altri problemi neurologici che potrebbero manifestarsi alla risonanza magnetica cerebrale, aiutando a migliorare i risultati dei pazienti e identificare i sintomi per trattamento precedente.

L’imaging TC può rilevare la malattia nei polmoni meglio di una risonanza magnetica, un’altra tecnica di imaging medico.

Tuttavia, la risonanza magnetica può rilevare molti problemi nel cervello, in particolare nei pazienti COVID-19, che non possono essere rilevati sulle immagini TC.

“Abbiamo visto pazienti con COVID-19 soffrire di ictus , emorragie cerebrali e altri disturbi che colpiscono il cervello”, afferma l’autore principale Abdelkader Mahammedi, MD, assistente professore di radiologia presso l’Università di Cincinnati e neuroradiologo della UC Health.

“Quindi, stiamo scoprendo, attraverso le esperienze dei pazienti, che i sintomi neurologici sono correlati a quelli con malattie respiratorie più gravi; tuttavia, sono state disponibili poche informazioni sull’identificazione di potenziali associazioni tra anomalie di imaging nel cervello e nei polmoni nei pazienti COVID-19.

“L’imaging serve come prova per i medici, confermando come si sta formando una malattia e con quale gravità e aiuta a prendere le decisioni finali sulla cura di un paziente.”

In questo studio, che è stato condotto non solo presso l’UC, ma anche presso grandi istituzioni in Spagna, Italia e Brasile, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche e le immagini dei pazienti COVID-19 ospitalizzati dal 3 marzo al 25 giugno 2020. Pazienti che erano con diagnosi di COVID-19, sono stati inclusi problemi neurologici con esperienza e che avevano immagini sia polmonari che cerebrali disponibili.

Su 135 pazienti COVID-19 con scansioni polmonari TC anormali e sintomi neurologici, 49, o 36%, hanno anche sviluppato scansioni cerebrali anormali e avevano maggiori probabilità di manifestare sintomi di ictus.

Mahammedi afferma che questo studio aiuterà i medici a classificare i pazienti, in base alla gravità della malattia riscontrata nelle loro scansioni TC, in gruppi con maggiori probabilità di sviluppare anomalie di imaging cerebrale. Aggiunge che questa correlazione potrebbe essere importante per l’implementazione di terapie, in particolare nella prevenzione dell’ictus, per migliorare i risultati nei pazienti con COVID-19.

“Questi risultati sono importanti perché dimostrano ulteriormente che una grave malattia polmonare da COVID-19 potrebbe significare gravi complicazioni cerebrali, e abbiamo l’imaging per dimostrarlo”, afferma Mahammedi, che è anche membro dell’UC Gardner Neuroscience Institute.

“Sono necessari futuri studi più ampi per aiutarci a capire meglio il legame, ma per ora, speriamo che questi risultati possano essere utilizzati per aiutare a prevedere le cure e garantire che i pazienti abbiano i migliori risultati”.


In questa mini-revisione, ci proponiamo di riassumere alcuni dei risultati di imaging più comuni osservati nei pazienti con COVID-19. Tuttavia, è importante tenere presente che l’esatta relazione con SARS-CoV-2 non è stata ancora completamente stabilita. Infatti, mentre le caratteristiche neurologiche associate a COVID-19 offrono una possibile relazione causale o sinergica tra eventi cerebrali e infezione da SARS-CoV-2, eventi casuali (piuttosto che associazione casuale) potrebbero spiegare alcuni di questi risultati di imaging. Infatti, a causa dell’elevata prevalenza del COVID-19 nelle comunità, la co-incidenza dell’infezione con altre malattie è un fenomeno atteso e altamente probabile.

Risultati radiologici

Nella nostra precedente revisione su 20 studi composti da 90 pazienti con sintomi neuro-COVID-19 (tra 116 pazienti con infezione della famiglia del coronavirus) [6], 37 (41%) pazienti avevano normali studi di imaging (TC cerebrale o MRI). Tra coloro che hanno mostrato risultati di neuroimaging anormali (59%), trombosi vascolare, anomalie del segnale corticale, emorragia, sindrome da encefalopatia emorragica posteriore reversibile (PRES), encefalopatia necrotizzante emorragica acuta (ANE), meningite / encefalite ed encefalomielite acuta disseminata (ADEM) sono state le anomalie riportate più comuni [6].

Allo stesso modo, in un recente studio osservazionale [7] su 73 pazienti che presentavano sintomi neurologici, il 41,1% ha dimostrato una risonanza magnetica cerebrale normale. Il restante 58,9% presentava varie anomalie di neuroimaging, inclusi infarti ischemici acuti (23,3%), trombosi venosa cerebrale (1,4%), microemorragie multiple (11,3%), anomalie della perfusione (47,7%), lesioni multifocali della sostanza bianca (5,5%), lesioni basali lesioni dei gangli (5,5%), potenziamento meningeo (4,8%), mielinolisi pontina centrale (4,1%), lesioni indotte da ipossia (4,1%), focolai di diffusione ristretta all’interno del corpo calloso compatibili con lesioni citotossiche del corpo calloso (CLOCC, 4.1 %), PRES (2,7%) e neurite (2,7%).

Gli autori hanno anche scoperto che due modelli di imaging di lesioni multifocali della sostanza bianca e anomalie dei gangli della base (osservati principalmente nei pazienti in terapia intensiva con una malattia più grave) erano correlati in modo più esplicito all’infezione da SARS-CoV-2 stessa piuttosto che alle complicanze della malattia.

In un altro studio osservazionale multicentrico di Kermer et al. su 37 pazienti [8], le anomalie della sostanza bianca più frequenti sono state descritte in tre schemi distinti: anomalie del segnale nel lobo temporale mediale (43%), lesioni iperintense della sostanza bianca multifocali non confluenti su FLAIR e diffusione associata ad emorragie (30% ) e microemorragie della sostanza bianca (24%).

Hanno affermato che le anomalie del segnale del lobo temporale mediale erano simili a quelle riscontrate nell’encefalite virale o autoimmune, per cui i pattern 2 e 3 presentavano microemorragie. Hanno anche scoperto che la presenza di emorragia peggiorerebbe la prognosi in questi pazienti.

Eventi cerebrovascolari

Numerose pubblicazioni hanno già accertato la natura tromboinfiammatoria dell’infezione da SARS-Cov-2 [9,10]. L’elevata produzione di fattori della coagulopatia come fibrinogeno, piastrine, D-dimero e citochine infiammatorie (interleuchina-6), insieme al danno endoteliale capillare, predispongono i pazienti a eventi tromboembolici, portando a ictus, trombosi ed emorragia.

Pertanto, non sorprende che i reperti di imaging correlati all’ictus siano tra le anomalie più frequenti osservate nei pazienti con sintomi neuro-COVID. Reperti quali infarto territoriale acuto / subacuto, focolai ischemici multipli, evidenza di trombo in grandi vasi intra ed extra-cranici, trombo venoso cerebrale complicato da infarti emorragici e microemorragie corticali / subcorticali sono stati riportati frequentemente in vari studi osservazionali [6,11 ].

La precisa fisiopatologia delle microemorragie della sostanza bianca nei pazienti COVID-19 rimane poco chiara. È stato suggerito che potrebbero essere correlati a una disfunzione endoteliale diffusa, secondaria all’invasione virale diretta delle cellule endoteliali (tramite i recettori ACE-2) e alla successiva infiammazione endoteliale.

Sindrome di Guillain-Barré (GBS)

La GBS è stata segnalata come una significativa conseguenza neurologica periferica parainfettiva dell’infezione da SARS-CoV-2, simile ad altri ceppi di coronavirus. Questi pazienti hanno generalmente normali studi di risonanza magnetica del sistema nervoso centrale, sebbene sia stato segnalato frequentemente un aumento post-contrasto nelle radici dei nervi cervicali e lombari [7]. Lo GBS associato a COVID-19 si sviluppa principalmente entro pochi giorni o settimane dall’infezione virale accertata.

Questa relazione temporale riflette un processo immuno-mediato post-infettivo come il meccanismo principalmente responsabile. In una recensione di Caress et al. [12] su 37 casi di GBS associati a COVID-19, l’intervallo di tempo medio tra i sintomi di COVID-19 e l’insorgenza di GBS è stato di 11 giorni.

L’imaging cerebrale era stato eseguito in meno della metà dei pazienti (14/37), che mostravano anomalie dei nervi cranici solo nel 28% di loro. Inoltre, l’imaging della colonna vertebrale è stato ottenuto in 15 casi, con il 40% che mostrava caratteristiche anormali, tra cui aumento della radice, radicolite, aumento della leptomeningea e mielopatia.

Anomalie della perfusione

Si osservano anomalie di perfusione MRI in un gran numero di individui che presentano segni neurologici associati a COVID-19. Queste anomalie potrebbero essere correlate a eventi ipossico-ischemici e convulsioni, o presentarsi come reperto isolato [7]. In Helms et al. studio, ipoperfusione bilaterale frontotemporale, aumento della leptomeningea e anomalie correlate all’ictus sono stati i risultati di neuroimaging più evidenti nei pazienti COVID-19 che presentavano una malattia grave [13].

Sindromi infiammatorie / infettive acute del SNC

Una serie di caratteristiche infiammatorie associate a COVID-19 viene identificata negli esami radiologici, tra cui ADEM post-infettiva, leucoencefalite emorragica acuta, mielite ed encefalite autoimmune. Come accennato in precedenza, la vasculopatia e la coagulopatia indotte da virus, l’invasione diretta del SNC, le reazioni iperinfiammatorie e gli autoanticorpi post-infettivi potrebbero in parte spiegare questi risultati.

In termini di reperti radiologici, in questi pazienti sono state frequentemente riportate iperintensità e / o restrizione di diffusione FLAIR unilaterali nel lobo temporale mediale, simili ai cambiamenti con l’encefalite limbica autoimmune [11]. Risultati di imaging simili sono stati presentati nel concetto di meningite / encefalite in alcune serie di casi [6,14].

Anche la PRES, le anomalie multifocali della sostanza bianca, le lesioni dei gangli della base e il potenziamento leptomeningeo sono state indicate come manifestazioni di neuroimaging rilevanti nel COVID-19 [11,15]. Anche in questo caso il fenomeno simile alla vasculite e le cascate infiammatorie, secondarie ai danni al SNC indotti da COVID-19, sono il probabile meccanismo responsabile di questi risultati [16].

COVID-19 nella PET cerebrale

Le operazioni di medicina nucleare non sono abitualmente utilizzate nei pazienti COVID-19 [17]. Tuttavia, si presume che l’imaging molecolare con FDG PET-CT sia potenzialmente in grado di aggiungere dati preziosi riguardanti le basi fisiopatologiche della malattia [18,19]. In quest’epoca, alcune segnalazioni hanno descritto anomalie metaboliche in pazienti che presentavano manifestazioni neuro-COVID-19. In una serie di casi di Delorme et al. [20] FDG PET-CT cerebrale è stata eseguita in quattro pazienti COVID-19 con possibile encefalite immunitaria.

La PET ha mostrato un modello coerente di anomalie metaboliche in tutti i pazienti: ipometabolismo nella corteccia prefrontale o orbito-frontale e ipermetabolismo nel verme cerebellare. Nessuno di questi pazienti presentava caratteristiche MRI specifiche né anomalie significative del liquido cerebrospinale (CSF). Per quanto riguarda i risultati PET-CT e i risultati PCR SARS-CoV-2 CSF negativi, gli autori hanno suggerito una tempesta di citochine parainfettive o un processo immuno-mediato piuttosto che un meccanismo di neuroinvasione diretta.

Altri casi clinici hanno pubblicato risultati simili. Grimaldi et al. [21], hanno dimostrato un ipometabolismo corticale diffuso, associato a ipermetabolismo putaminico e del cervelletto nell’encefalite autoimmune concomitante con infezione da SARS-CoV-2. In un altro caso di studio, l’anosmia di COVID-19 è stata valutata utilizzando FDG PET-CT.

Hanno trovato ipometabolismo della corteccia orbitofrontale sinistra in un paziente COVID-19, che rappresenta con anosmia isolata persistente [22]. Questi risultati, insieme ai normali dati morfologici sulla risonanza magnetica, potrebbero suggerire una ridotta attività neuronale e alterazioni funzionali nei pazienti neuro-COVID-19. Tuttavia, ulteriori studi (in particolare utilizzando la risonanza magnetica funzionale BOLD) sono ancora necessari a questo riguardo prima di trarre una conclusione definitiva.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7686796/


Ulteriori informazioni:  A. Mahammedi et al, Correlazione di imaging cerebrale e polmonare in pazienti con COVID-19: la gravità della malattia polmonare potrebbe riflettere la prevalenza di anomalie acute sulla neuroimaging? Uno studio osservazionale multicentrico globale,  American Journal of Neuroradiology  (2021). DOI: 10.3174 / ajnr.A7072

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.