Perché il vaccino COVID-19 di AstraZeneca può causare coaguli di sangue pericolosi per la vita?

0
160

La scoperta, fatta in un paio di rapporti pubblicati online venerdì sul New England Journal of Medicine, potrebbe essere la chiave per il lancio globale del vaccino AstraZeneca, aiutando a sviluppare trattamenti efficaci per l’effetto collaterale e fornendo indizi su come perfezionare il vaccino e risolvere il problema, dicono gli esperti.

Ma potrebbe anche ostacolare gli sforzi per ottenere l’approvazione del vaccino negli Stati Uniti, dove sono già disponibili tre vaccini.

Il vaccino AstraZeneca sembra indurre alcune persone a sviluppare anticorpi che prendono di mira una proteina nel corpo umano chiamata fattore piastrinico 4 (PF4), che spinge le piastrine in azione e attiva una cascata di coagulazione, ha spiegato il coautore del rapporto, il dottor Theodore Warkentin, un professore. di patologia e medicina molecolare presso la McMaster University in Ontario, Canada.

“È un anticorpo che in qualche modo è innescato dal vaccino, e in alcune circostanze questo si traduce in un’insolita coagulazione del sangue”, ha detto Warkentin.

Il fenomeno è simile a un raro effetto collaterale del farmaco causato dall’eparina che fluidifica il sangue, chiamata trombocitopenia indotta da eparina, ha detto Warkentin.

Gli effetti collaterali della coagulazione del vaccino sono così rari che l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito hanno entrambe deciso di mantenerlo sul mercato, concludendo che i suoi benefici superano i rischi, ha osservato AstraZeneca in una dichiarazione.

Tuttavia, l’etichetta del vaccino verrà aggiornata per elencare la coagulazione del sangue come un potenziale effetto collaterale estremamente raro.

“AstraZeneca ha collaborato attivamente con le autorità di regolamentazione per implementare queste modifiche alle informazioni sul prodotto e sta già lavorando per comprendere i singoli casi, l’epidemiologia e i possibili meccanismi che potrebbero spiegare questi eventi estremamente rari”, afferma la dichiarazione dell’azienda.

A partire dal 4 aprile, l’EMA aveva ricevuto segnalazioni di 169 casi di coagulazione cerebrale e 53 casi di coagulazione addominale su circa 34 milioni di dosi di AstraZeneca somministrate in tutta Europa, secondo Reuters.

Nel Regno Unito, 19 persone sono morte per gravi coaguli di sangue legati al vaccino, ha riferito la CNN.

I casi di coagulazione rispecchiano quelli a volte attivati ​​dall’eparina che fluidifica il sangue

Due dei tre vaccini COVID-19 distribuiti negli Stati Uniti – Pfizer e Moderna – non hanno mostrato alcun effetto collaterale di questo tipo. Ma venerdì, i regolatori europei dei farmaci hanno detto che stanno esaminando i rapporti di rari coaguli di sangue in quattro persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson.

Dei quattro casi, tre si sono verificati negli Stati Uniti durante il lancio del vaccino e una persona era morta, e il quarto caso è stato segnalato in uno studio clinico, ha riferito la CNBC.

Uno dei nuovi rapporti sul vaccino AstraZeneca si concentra su 11 pazienti in Germania e Austria che hanno sviluppato gravi problemi di coagulazione dopo aver ricevuto il vaccino, mentre l’altro ha esaminato i casi di cinque operatori sanitari di età compresa tra 32 e 54 anni che hanno sviluppato l’effetto collaterale.

I test hanno rivelato che tutti i pazienti avevano sviluppato complessi di coagulazione del sangue PF4 simili a quelli causati dall’eparina, anche se nessuno aveva ricevuto il fluidificante del sangue.

Queste nuove scoperte non danno ancora ai medici alcun indizio su chi potrebbe ammalarsi di coagulazione eccessiva dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca , ha osservato il dottor William Schaffner, professore di malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, nel Tennessee.

“Finora si è concentrato sui gruppi di età più giovane, ma non possiamo stabilire in anticipo chi siano queste persone. Quindi, la domanda sarà mentre andiamo avanti nelle politiche pubbliche in tutto il mondo, come gestirai questo vaccino? ” Schaffner ha detto.

Ma i risultati potrebbero aiutare a guidare il trattamento delle persone che sviluppano sintomi simili alla trombocitopenia indotta da eparina, ha detto Warkentin.

“Se qualcuno sviluppa sintomi cinque o più giorni dopo il vaccino, mal di testa o sintomi neurologici, o dolore anormale o mancanza di respiro, allora il destinatario del vaccino saprebbe che dovrebbe consultare un medico”, ha detto Warkentin. “Altrettanto importante, i medici che valutano il paziente saprebbero come cercarlo.”

Potrebbe già essere disponibile un trattamento, basato su come i medici trattano un tipo ancora più raro di trombocitopenia indotta da eparina, ha detto Warkentin.

L’eparina di solito colpisce direttamente PF4 per causare la coagulazione, ma in alcuni casi il farmaco promuove una risposta autoimmune che colpisce la proteina importante, ha detto Warkentin.

I medici trattano la trombocitopenia autoimmune indotta da eparina somministrando alte dosi di immunoglobulina EV, essenzialmente inondando il corpo con anticorpi sani per soffocare il segnale prodotto dal farmaco, ha detto Warkentin.

Futuro del vaccino AstraZeneca incerto

“Stiamo raccomandando che quando un medico riconosce un tale paziente con questa nuova condizione, chiamata trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino, venga trattato non solo con anticoagulanti ma con questa immunoglobulina endovenosa ad alto dosaggio”, ha detto Warkentin.

Ora che AstraZeneca sa cosa sta succedendo per causare l’effetto collaterale della coagulazione, ha anche l’opportunità di rivedere la composizione del vaccino e il modo in cui è prodotto per capire cosa sta succedendo, ha detto Warkentin.

“Potrebbe esserci un modo per capire cosa potrebbe essere e forse un modo per modificare il vaccino per renderlo più sicuro”, ha osservato Warkentin.

Questi rapporti, ha detto Schaffner, “implicano il vaccino come un iniziatore immunitario di un evento molto raro che crea anticorpi che coinvolgono le piastrine, quei minuscoli elementi nel flusso sanguigno che causano la coagulazione”.

I ministeri della salute di tutto il mondo ora dovranno valutare queste informazioni rispetto ai rischi posti dal COVID-19, ha spiegato Schaffner.

“Questo è particolarmente toccante perché questo vaccino è molto poco costoso, può essere prodotto in grandi quantità e può essere gestito in una normale catena del freddo. In realtà è stato inizialmente pubblicizzato e ha anticipato che questo sarebbe forse il principale vaccino utilizzato in molti paesi in via di sviluppo “, ha detto Schaffner. “Penso che molti ministri della salute ora abbiano un’analisi costi / benefici che verrà intrapresa”.

AstraZeneca si stava preparando a chiedere un’autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti per il suo vaccino, ma questa notizia getta un’ombra su questi sforzi, ha aggiunto Schaffner.

“Non ho sentito nulla in contrario, ma devi chiederti se la società desidera passare attraverso quel processo”, ha detto. “Qui negli Stati Uniti sembra che abbiamo, con i nostri tre vaccini soggetti a un’autorizzazione per l’uso di emergenza, una quantità sufficiente di vaccino al momento. In alcune parti del paese, abbiamo un’offerta di vaccini che supera la domanda di vaccino. La necessità di un quarto vaccino è diminuita enormemente “.

Anche il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale statunitense di allergie e malattie infettive, ha messo in dubbio le prospettive del vaccino AstraZeneca qui negli Stati Uniti.

“Abbiamo già stipulato un contratto per un numero sufficiente di vaccini, da Moderna e da Pfizer e da [Johnson & Johnson]”, ha detto Fauci alla CNN. “Non esiste alcun piano per iniziare immediatamente a utilizzare AstraZeneca [vaccino] anche se viene approvato tramite l’EUA [autorizzazione all’uso di emergenza], cosa che potrebbe benissimo.”


Ci sono state segnalazioni recenti di emorragia, coaguli di sangue e trombocitopenia in seguito alla somministrazione di vaccini CoViD-19 che hanno sollevato preoccupazioni sulla sicurezza dei vaccini genetici per le persone con disturbi della coagulazione preesistenti o per coloro che assumono determinati farmaci. Ciò aveva anche portato alla sospensione temporanea del vaccino Oxford / AZ CoViD in un certo numero di paesi in tutta Europa [1]. Di conseguenza, l’Autorità di regolamentazione per la medicina e la sanità, Regno Unito (MHRA) e l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno avviato una rigorosa revisione scientifica dei dati di farmacovigilanza e delle prove disponibili per valutare la potenziale associazione del vaccino a recenti eventi trombotici.

MHRA ha confermato il 18 marzo 2021 che l’evidenza non suggerisce che i coaguli di sangue siano causati dal vaccino COVID-19 AstraZeneca e ha assicurato che i benefici del vaccino nella prevenzione del COVID-19 superano di gran lunga i rischi trombotici e le persone dovrebbero continuare a prendere il vaccino quando offerto [2].

La Medicine and Healthcare Regulatory Authority (MHRA) ha inoltre affermato che la trombosi della vena sinusale insieme a trombocitopenia è stata segnalata in meno di una persona su un milione finora vaccinata nel Regno Unito, può verificarsi naturalmente e che un’associazione causale con il vaccino non potrebbe essere stabilito. Tuttavia, continueranno a monitorare la situazione e, come misura precauzionale, avvisano che chiunque abbia un mal di testa che dura più di 4 giorni dopo la vaccinazione, o lividi oltre il sito di vaccinazione, dovrebbe consultare un medico.

EMA d’altra parte ha anche indagato sugli eventi e ha concluso il 18 marzo 2021 che il vaccino può essere associato a casi molto rari di coaguli di sangue associati a trombocitopenia con o senza sanguinamento, inclusi rari casi di coaguli nei vasi che drenano sangue dal cervello. “[3]. L’EMA ha affermato che un nesso causale con il vaccino “non è dimostrato ma possibile” e merita ulteriori analisi. Tuttavia, hanno anche rassicurato sul fatto che i benefici di avere un vaccino CoViD superano ancora i rischi nonostante un possibile collegamento ai rari coaguli di sangue con basse piastrine. Hanno anche assicurato un monitoraggio continuo della situazione e un’ulteriore revisione del rischio trombotico con altri vaccini CoViD.

L’EMA ha inoltre adottato misure aggiuntive per includere informazioni sui rischi di trombosi nel riassunto delle caratteristiche del prodotto (RCP) del vaccino e negli opuscoli informativi del prodotto. Inoltre, l’EMA ha avvertito i pazienti e gli operatori sanitari di essere vigili. L’EMA ha anche pubblicato un elenco esteso di sintomi che, se trovati persistenti oltre i 3 giorni dalla vaccinazione, i pazienti dovrebbero cercare una pronta assistenza medica. L’elenco dei sintomi includeva mancanza di respiro, dolore al petto o allo stomaco, gonfiore o freddo a un braccio o una gamba, mal di testa grave o in peggioramento o visione offuscata, sanguinamento persistente, piccoli lividi multipli, macchie rossastre o violacee o vesciche di sangue sotto la pelle. L’EMA ha esortato gli operatori sanitari a prestare attenzione al potenziale rischio di tromboembolia negli individui vaccinati.

Ci sono segnalazioni di anticorpi presenti in pazienti con CoViD-19 che attivano le piastrine [4] e pazienti con trombocitopenia dopo la vaccinazione CoViD hanno mostrato una risposta favorevole alle terapie dirette alla trombocitopenia immunitaria (corticosteroidi e IVIG) [5]. Abbiamo proposto un probabile meccanismo il 15 marzo 2020 secondo cui i vaccini genetici CoViD-19 possono infettare direttamente piastrine e megacariociti innescando la traduzione dell’mRNA e la conseguente sintesi proteica di picco intracellulare. Ciò può potenzialmente provocare una risposta autoimmune contro piastrine e megacariociti con conseguente fagocitosi reticoloendoteliale e lisi diretta delle cellule T CD8 + [6]. La conseguente trombocitopenia può portare a emorragie interne e coaguli di sangue spontanei. Il 19 marzo 2020, scienziati di Oslo hanno identificato un anticorpo da individui vaccinati che sospettano essere responsabili dell’attacco delle piastrine e della causa di recenti eventi trombotici [7]. Questa scoperta supporta anche la nostra ipotesi [6] che i vaccini genetici CoViD possano avere un ruolo diretto nello stimolare la risposta autoimmune contro le piastrine che possono manifestarsi clinicamente in trombocitopenia, emorragia e coaguli di sangue.

I vaccini sono una delle grandi scoperte in medicina che ha migliorato notevolmente l’aspettativa di vita. Tuttavia, i vaccini genetici sono nuovi e la loro valutazione della sicurezza a lungo termine è una chiave per identificare gruppi di soggetti potenzialmente controindicati, ad esempio pazienti con anamnesi di malattie del sangue, trombocitopenia pregressa o attuale o condizioni immunologiche preesistenti.

La farmacovigilanza può svolgere un ruolo chiave nella diagnosi precoce di eventi avversi potenzialmente gravi. La recente esperienza con Pandemrix ha sollevato questioni fondamentali sull’approccio normativo alla farmacovigilanza. Ci ricorda il dovere delle agenzie di sanità pubblica di mettere in guardia il pubblico sui possibili danni dei vaccini, il livello di dettagli di cui il pubblico dovrebbe essere a conoscenza, chi dovrebbe fornire le informazioni al pubblico e se la fornitura di tali informazioni sia proattiva o passivo [8]. I primi segni di effetti collaterali rari durante la farmacovigilanza che possono portare a gravi esiti avversi non dovrebbero mai essere ignorati solo sulla base delle statistiche di prevalenza, ma richiedono indagini scientifiche approfondite e correlazione clinica per escludere un potenziale nesso causale. Pertanto,

LINK DI RIFERIMENTO: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7988638/


Maggiori informazioni:  I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno di più sui  vaccini COVID-19 .

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.