COVID-19: i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) non portano a tassi di morte più elevati

0
151

Secondo un nuovo studio osservazionale su oltre 72.000 persone, l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, non porta a tassi più elevati di morte o malattie gravi nei pazienti ricoverati con COVID-19. nel Regno Unito pubblicato sulla rivista The Lancet Rheumatology.

I FANS sono trattamenti comuni per il dolore acuto e le malattie reumatologiche come l’artrite reumatoide e l’osteoartrosi. All’inizio della pandemia, si è discusso se l’uso di tali farmaci aumentasse la gravità del COVID-19, il che ha portato a richieste urgenti di indagini tra FANS e COVID-19.

Lo studio ISARIC CCP-UK (International Severe Acute Respiratory and Emerging Infection Consortium Clinical Characterization Protocol United Kingdom), che è il più grande del suo genere, fornisce una chiara evidenza che l’uso continuato dei FANS nei pazienti con COVID-19 è sicuro.

Nello studio, circa un terzo dei pazienti (30,4%. 1.279 su 4.211) che avevano assunto FANS prima del ricovero ospedaliero per COVID-19 è deceduto, un tasso simile (31,3%. 21.256 su 67.968) nei pazienti che avevano non ha preso FANS. Nei pazienti con malattia reumatologica, l’uso di FANS non ha aumentato la mortalità.

Il professor Ewen Harrison, dell’Università di Edimburgo e autore principale dello studio, ha dichiarato: “I FANS sono comunemente usati per trattare le persone in tutto il mondo per una serie di condizioni, da dolori e dolori minori a condizioni croniche come l’artrite e le malattie cardiovascolari .

Molte persone si affidano a loro per poter svolgere le loro attività quotidiane. Quando la pandemia è iniziata più di un anno fa, dovevamo essere sicuri che questi farmaci comuni non avrebbero portato a esiti peggiori nelle persone con COVID-19 . Ora abbiamo una chiara evidenza che i FANS sono sicuri da usare nei pazienti con COVID-19, il che dovrebbe rassicurare sia i medici che i pazienti sul fatto che possono continuare a essere utilizzati nello stesso modo di prima dell’inizio della pandemia “.

Lo studio ha raccolto dati sui farmaci che i pazienti erano stati prescritti, stavano attualmente assumendo o avevano assunto entro 14 giorni prima del ricovero in ospedale, nonché informazioni demografiche e anamnesi. La coorte dello studio includeva pazienti con infezione da COVID-19 confermata o altamente sospetta, ricoverati in 255 strutture sanitarie in Inghilterra, Scozia e Galles, tra gennaio e agosto 2020. Dei 72.179 pazienti eleggibili per lo studio, il 5,8% (4.211) aveva assunto FANS prima del ricovero

Sono state utilizzate analisi di modellizzazione per stimare gli effetti dei FANS assunti prima del ricovero in ospedale sui tassi di mortalità in ospedale, gravità della malattia, ricovero in terapia intensiva, necessità di ventilazione invasiva o non invasiva, uso di ossigeno supplementare o sviluppo di danno renale acuto, che sono stati quindi confrontati con pazienti che non avevano assunto FANS.

Coloro che assumevano FANS non avevano più probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva, avevano bisogno di ventilazione invasiva o non invasiva o richiedevano ossigeno.

Gli autori hanno notato alcune limitazioni allo studio. Nonostante sia il più grande studio prospettico in corso sui pazienti ricoverati in ospedale, rappresenta solo il 60% dei pazienti ospedalizzati nel Regno Unito nel periodo dello studio e non ha incluso pazienti con COVID-19 grave che non sono stati ricoverati.

Tuttavia, ci si aspetterebbe che la maggior parte dei pazienti con COVID-19 grave sarebbe stata ricoverata in ospedale e quindi inclusa nello studio, hanno detto gli autori. Lo studio non ha determinato se i pazienti continuassero a ricevere FANS mentre erano in ospedale, quindi gli autori non possono formulare raccomandazioni al riguardo.

Inoltre, lo studio non è stato in grado di rilevare per quanto tempo i pazienti hanno assunto i FANS prima del ricovero in ospedale e se sono stati presi per condizioni a lungo termine o per alleviare i sintomi a breve termine. Nel Regno Unito, l’ibuprofene è il FANS più comunemente usato, quindi non è chiaro se i risultati di questo studio siano generalizzabili ad altri paesi in cui altri FANS sono usati più frequentemente.

Ulteriori analisi effettuate hanno suggerito che altri FANS diversi dall’ibuprofene avevano un profilo di sicurezza simile a quello dell’ibuprofene.

Ulteriori ricerche e studi clinici possono aiutare a stabilire definitivamente se i FANS sono sicuri in diverse popolazioni e se i loro effetti antinfiammatori hanno un impatto sui pazienti con COVID-19.


L’ibuprofene è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) comunemente usato durante qualsiasi infezione accompagnata da febbre. È un efficace antipiretico e analgesico ed è disponibile al banco (OTC). Il paracetamolo e l’ibuprofene sono i due antipiretici più ampiamente utilizzati [1].

L’ibuprofene è scomparso dagli scaffali delle farmacie quando sono state annunciate misure di quarantena per combattere la pandemia di coronavirus (COVID-19) del 2019, che ha portato a carenze globali di ibuprofene [2]. Tuttavia, qualche tempo dopo sono circolate informazioni sulle notizie che dicevano che l’ibuprofene dovrebbe essere evitato in quanto potrebbe peggiorare i sintomi del COVID-19 [3-5].

La preoccupazione per l’ibuprofene nei media durante l’epidemia di COVID-19 è stata alimentata dal ministro della Salute francese, che ha condiviso sui social media che i FANS, compreso l’ibuprofene, potrebbero peggiorare le infezioni da COVID-19 [6]. Questo si basava esclusivamente sull’osservazione e non è mai stato fatto alcun riferimento a dati pubblicati. Tali opinioni sono influenzate dal bias dell’indicazione poiché i pazienti di solito passano all’ibuprofene e ad altri FANS quando i loro sintomi peggiorano.

Poco dopo, una corrispondenza pubblicata su Lancet ha posto la teoria che a causa della porta di ingresso di COVID-19, che si lega alle loro cellule bersaglio attraverso l’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2), alcuni farmaci che sovraregolano l’espressione di ACE2, dando l’ibuprofene, ad esempio, può facilitare l’infezione da COVID-19 [7].

Successivamente, molte agenzie sanitarie hanno condiviso dichiarazioni che riportavano che la preoccupazione per l’ibuprofene e altri FANS non aveva prove concrete a sostegno delle raccomandazioni per evitare il suo uso nei pazienti con infezione da COVID-19 o nella popolazione generale per minimizzare il rischio di trasmissione [8-11 ].

Tuttavia, la teoria e l’osservazione meritano ulteriori ricerche. L’ACE2 svolge un ruolo importante nell’ingresso del virus nelle cellule ed è anche un importante mediatore nel sistema renina-angiotensina, che è importante nel meccanismo di più farmaci, non solo l’ibuprofene [12]. Nella ricerca di letteratura relativa agli effetti che ibuprofene o FANS possono avere direttamente su ACE2, è stato trovato un solo studio sugli animali.

Questo studio è stato condotto su ratti diabetici e ha riportato un aumento dell’ACE2 nel tessuto cardiaco dopo il trattamento con ibuprofene [13]; tuttavia, un effetto simile non può essere facilmente estrapolato a pazienti umani non diabetici o tessuto polmonare.

Tuttavia, se qualcuna di queste speculazioni e osservazioni secondo cui l’ibuprofene peggiora i sintomi o aumenta il rischio di trasmissione è vera, le implicazioni per i sistemi sanitari potrebbero essere enormi a causa del suo ampio uso da banco non solo nel contesto della febbre associata a COVID-19 ma anche nei pazienti che lo usano cronicamente per il dolore [14, 15].

Le implicazioni della paura pubblica sulla base di poche prove cliniche potrebbero essere che i pazienti con dolore cronico passano dai FANS ad alternative come gli oppioidi, il che potrebbe peggiorare l’epidemia di oppioidi. In alternativa, se vengono utilizzate dosi più elevate di paracetamolo per evitare i FANS, può verificarsi un aumento dei casi di danno epatico.

Al contrario, alcuni studi sugli animali hanno dimostrato che ACE2 svolge un ruolo critico nel danno polmonare indotto da virus, mostrando una sopravvivenza peggiore nei topi knockout per ACE2, e hanno proposto un potenziale beneficio di ACE2 attraverso la rimozione dell’angiotensina II nel danno polmonare mediato da virus [16, 17].

Questo probabilmente significa che la sovraregolazione di ACE2 potrebbe essere utile. In effetti, l’ACE2 ricombinante sembra migliorare il danno polmonare in uno studio di fase II che coinvolge pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) [18].

Con le osservazioni teoriche e aneddotiche e le gravi implicazioni insieme alle teorie del beneficio, lo scopo del nostro studio era di fornire una valutazione dei risultati nei pazienti con infezione da COVID-19 che assumevano ibuprofene o altri FANS, sia in modo acuto che / o cronico, che è essenziale per escludere qualsiasi problema di sicurezza del farmaco e determinare se le condizioni di comorbilità e l’età confondono questa associazione. Inoltre, i risultati potrebbero costituire un percorso per studiare ulteriormente se la sovraregolazione di ACE2 abbia un valido potenziale terapeutico.

link di riferimento: https: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7604230/


Ulteriori informazioni:  Thomas M Drake et al, Uso di farmaci antinfiammatori non steroidei e risultati di COVID-19 nella coorte ISARIC Clinical Characterization Protocol UK: uno studio di coorte prospettico abbinato,  The Lancet Rheumatology  (2021). DOI: 10.1016 / S2665-9913 (21) 00104-1

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.