I ricercatori hanno sviluppato un esame rapido del sangue che potrebbe confermare se una persona è stata vaccinata

0
121

Una sfida alla riapertura della società è identificare chi è stato vaccinato per SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19.

Un team di ricercatori della Johns Hopkins ha sviluppato un rapido esame del sangue che potrebbe confermare che una persona è stata vaccinata mentre aspetta di salire a bordo di un aereo o di partecipare a un evento sportivo.

Il loro test anticorpale COVID-19 è simile a quello utilizzato a casa per determinare il gruppo sanguigno, in cui l’utente si punge un dito e mette una goccia di sangue su una carta. Una proteina di fusione sviluppata dal team di ricerca è alloggiata sulla carta e rileva gli anticorpi COVID-19, minuscole proteine ​​nel sangue che il sistema immunitario produce per “ricordare” gli incontri virali e fornire immunità a future infezioni.

I risultati vengono restituiti in meno di cinque minuti, più velocemente degli attuali test a flusso laterale per rilevare gli anticorpi al punto di cura, fornendo anche potenzialmente un risultato più chiaro.

Robert Kruse, MD, Ph.D., che ha creato l’analisi del sangue, afferma che potrebbe essere utilizzato per confermare la vaccinazione di una persona invece di dover mostrare una tessera vaccinale.

“Se un’azienda utilizza il sistema d’onore per le vaccinazioni, ora potrebbe testare le persone in loco”, afferma.

Kruse è l’autore principale di un articolo pubblicato online all’inizio di questo mese che riportava i risultati del test su 400 campioni di sangue, metà dei quali provenivano da precedenti pazienti COVID-19.

Il test ha identificato correttamente gli anticorpi in pazienti precedentemente infetti l’87,5% delle volte, un tasso leggermente superiore rispetto ai test ELISA eseguiti negli ospedali che richiedono ore per essere eseguiti. Il documento è in fase di peer review.

Dimostrazione della prova. 
Credito: Robert Kruse


Il test utilizza l’emoagglutinazione, in cui il grado di aggregazione dei globuli rossi rivela la concentrazione di anticorpi. Kruse, un medico residente presso la Johns Hopkins University School of Medicine, ha affermato che i risultati dell’emoagglutinazione potrebbero far sapere alle persone se hanno ancora protezione mesi dopo aver ricevuto il vaccino o se hanno bisogno di una vaccinazione di richiamo.

Il grado di emoagglutinazione è anche correlato con i livelli di anticorpi neutralizzanti nei pazienti, che proteggono dall’infezione virale.

I pazienti immunocompromessi, che gli studi hanno dimostrato non sempre rispondono al vaccino COVID-19, potrebbero testare il loro livello di anticorpi e vedere se il vaccino funziona per loro, afferma Yuting Huang, MD, Ph.D., coautore di Kruse e ricercatore presso la Johns Hopkins e capo residente di medicina interna presso l’Università del Maryland Medical Center Midtown Campus.

Kruse e Huang hanno sviluppato il test nel laboratorio di Zack Z. Wang, Ph.D., professore associato presso la Johns Hopkins nella Divisione di Ematologia. Kruse afferma che la ricerca è un esempio della “rete Hopkins in arrivo”: i colleghi in patologia hanno collegato Kruse e Huang con i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health che avevano già campioni di pazienti e risultati dei test che stavano usando per il loro COVID- 19 studi , che consentono la collaborazione e la condivisione dei dati.

“Se quei laboratori che hanno collaborato non avessero avuto quei campioni, non avremmo davvero saputo quanto bene funzionasse”, afferma Kruse.

Johns Hopkins Technology Ventures sta cercando la protezione del brevetto per la tecnologia, che è disponibile per la licenza. I creatori del test stanno cercando un collaboratore del settore per produrre le carte e hanno richiesto un finanziamento tramite la Maryland Innovation Initiative di TEDCO per assistere nella commercializzazione della sua ricerca.


La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto su quasi tutti gli aspetti della salute e della società. La portata e la velocità con cui l’infezione da SARS-CoV-2 si è diffusa, ha introdotto una miriade di sfide. All’inizio, i test sono stati identificati come fondamentali per far fronte alla crisi sanitaria globale.

I test sono necessari sia per la diagnosi di coloro che sono attivamente infetti, ma anche per il monitoraggio di coloro che sono guariti. Quest’ultimo è sempre più importante per la sorveglianza immunitaria, che a sua volta ha una serie di applicazioni che vanno dall’accertamento della diffusione della vaccinazione durante i viaggi. Ciò ha portato a un’impennata nello sviluppo e nella commercializzazione di test sierologici SARS-CoV-2 per monitorare lo sviluppo di anticorpi.

Gli anticorpi conferiscono protezione nella stragrande maggioranza (>90%) degli individui sieropositivi, con l’avvertenza che la longevità di tali anticorpi deve ancora essere determinata.1 Inoltre, molti dei vaccini SARS-CoV-2 approvati in uso conferiscono alti livelli di protezione contro SARS-CoV-2 provocando una vivace risposta umorale

La presenza di anticorpi è stata anche la base per terapie selezionate come il plasma convalescente COVID-19 (CCP)3 e gli anticorpi monoclonali contro COVID-19.4

La determinazione dello stato sierologico è predittiva della risposta al trattamento con queste terapie. Ad esempio, è stato riscontrato che coloro che sono sieronegativi alla diagnosi hanno una diminuzione significativa del tasso di ospedalizzazione in seguito alla terapia con anticorpi monoclonali; al contrario, i pazienti sieropositivi non beneficiano in modo significativo della terapia con anticorpi monoclonali.4 Allo stesso modo, il CCP sembra essere particolarmente vantaggioso quando vengono fornite unità ad alto titolo all’inizio del decorso della malattia.5,6

Studi recenti hanno dimostrato che gli individui che si sono ripresi da COVID-19 possono richiedere solo una singola dose di vaccino per conferire una protezione comparabile agli individui naïve dopo aver ricevuto due dosi di vaccino.7 La modifica della politica vaccinale esistente di conseguenza potrebbe ridurre la quantità totale di dosi di vaccino necessario per ottenere l’immunità di gregge. Tuttavia, sarebbe necessario un metodo rapido per lo screening degli anticorpi negli individui (cioè per confermare una precedente infezione).

Ad oggi, i test rapidi per gli anticorpi SARS-CoV-2 approvati con l’autorizzazione all’uso di emergenza sono test a flusso laterale, le cui caratteristiche di prestazione sono state molto variabili.8 Inoltre, i test a flusso laterale non offrono alcun dato quantitativo sui livelli di anticorpi; questi ultimi sono importanti data l’ampia gamma di risposte anticorpali, in particolare a seguito di una lieve infezione da SARS-CoV-2

Abbiamo cercato di sviluppare un test point-of-care per il rilevamento degli anticorpi SARS-CoV-2 basato sull’emoagglutinazione, sfruttando una piattaforma di test che è già utilizzata di routine nel point-of-care per la determinazione dei gruppi sanguigni. 

Lavoro precedente che ha dimostrato la prova del concetto per il rilevamento dell’anticorpo SARS-CoV-2 basato sull’emoagglutinazione, ma che richiede un tempo di incubazione di un’ora e il pipettaggio in una piastra a 96 pozzetti.10,11

Abbiamo anche cercato di determinare se il test potesse produrre un lettura semiquantitativa dei livelli anticorpali tra i pazienti guariti da COVID-19 in pochi minuti, il che rappresenterebbe il primo test sierologico rapido SARS-CoV-2 a farlo.

collegamento di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.05.01.21256452v1.full


Ulteriori informazioni:  Robert L. Kruse et al, un test semiquantitativo basato sull’emoagglutinazione per la determinazione al punto di cura dei livelli di anticorpi SARS-CoV-2,  medRxiv  (2021). DOI: 10.1101/2021.05.01.21256452

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.