L’azitromicina antibiotica non è risultata più efficace di un placebo nel prevenire i sintomi di COVID-19 tra i pazienti non ospedalizzati

0
102

Uno studio della UC San Francisco ha scoperto che l’antibiotico azitromicina non era più efficace di un placebo nel prevenire i sintomi di  COVID-19 tra i pazienti non ricoverati  e potrebbe aumentare le loro possibilità di ricovero, nonostante la diffusa prescrizione dell’antibiotico per la malattia.

“Questi risultati non supportano l’uso di routine dell’azitromicina per l’  infezione ambulatoriale da  SARS-CoV-2 “, ha affermato l’autore principale Catherine E. Oldenburg, ScD, MPH, assistente professore presso la UCSF Proctor Foundation. SARS-CoV-2 è il virus che causa il COVID-19.

L’azitromicina, un antibiotico ad ampio spettro, è ampiamente prescritto come trattamento per  COVID-19 negli Stati Uniti  e nel resto del mondo. “L’ipotesi è che abbia proprietà antinfiammatorie che possono aiutare a prevenire la progressione se trattata all’inizio della malattia”, ha detto Oldenburg. “Non abbiamo trovato che questo fosse il caso.”

Lo studio, condotto in collaborazione con la Stanford University, appare il 16 luglio 2021 sul Journal of the American Medical Association.

Lo studio ha incluso 263 partecipanti che sono risultati tutti positivi per  SARS-CoV-2 entro sette  giorni prima di entrare nello studio. Nessuno era ricoverato al momento dell’iscrizione. In un processo di selezione casuale, 171 partecipanti hanno ricevuto una singola dose orale di 1,2 grammi di azitromicina e 92 hanno ricevuto un identico placebo.

Al giorno 14 dello studio, il 50 percento dei partecipanti è rimasto privo di sintomi in entrambi i gruppi. Al giorno 21, cinque dei partecipanti che avevano ricevuto azitromicina erano stati ricoverati in ospedale con gravi sintomi di COVID-19 e nessuno del gruppo placebo era stato ricoverato.

I ricercatori hanno concluso che il trattamento con una singola dose di azitromicina rispetto al placebo non ha comportato una maggiore probabilità di essere senza sintomi.

“La maggior parte degli studi condotti finora con l’azitromicina si è concentrata su pazienti ospedalizzati con una malattia piuttosto grave”, ha affermato Oldenburg. “Il nostro documento è uno dei primi studi controllati con placebo che non mostrano alcun ruolo per l’azitromicina nei pazienti ambulatoriali”.


Identificare i trattamenti che possono essere utilizzati per accelerare il recupero e ridurre i ricoveri ospedalieri dovuti a COVID-19 nella comunità è di fondamentale importanza, in particolare tra gli anziani e le persone con comorbilità, che sono ad alto rischio di esiti avversi.1 Azitromicina, un farmaco ampiamente autorizzato un farmaco disponibile, economico e generalmente sicuro è stato proposto come trattamento per COVID-19, con studi in vitro che suggeriscono attività contro alcuni virus, tra cui SARS-CoV-2.2, 3 L’azitromicina potrebbe aumentare il pH della rete del Golgi e riciclare l’endosoma ,4 che a sua volta potrebbe interferire con l’attività e la replicazione intracellulare di SARS-CoV-2.

Il farmaco potrebbe anche ridurre i livelli dell’enzima furina;4 ciò potrebbe interferire con la capacità di SARS-CoV-2 di entrare nelle cellule, poiché si ritiene che il virus abbia un sito di scissione simile alla furina nella proteina spike.5

La capacità dell’azitromicina di ridurre i livelli di citochine proinfiammatorie, come IL-6,6, potrebbe ridurre la capacità dell’infezione da SARS-CoV-2 di innescare una tempesta di citochine, insieme al danno tissutale associato. Inoltre, alcuni pazienti con malattia respiratoria virale potrebbero sviluppare un’infezione batterica secondaria o presentare una coinfezione batterica, che l’azitromicina potrebbe trattare efficacemente. L’uso di azitromicina nelle cure primarie è aumentato durante la pandemia di COVID-19,7 il che potrebbe contribuire alla resistenza antimicrobica.8

Ricerca nel contesto
Evidenza prima di questo studio

Abbiamo cercato PubMed il 24 gennaio 2021, utilizzando i seguenti termini di ricerca [(studio randomizzato OR) AND (azitromicina OR macrolide) AND (COVID* OR SARS-CoV-2 OR SARS-CoV)], senza restrizioni linguistiche e identificato 243 risultati. L’aggiunta di un filtro per gli studi clinici ha limitato il numero di risultati a 16. Di questi, abbiamo identificato due studi clinici randomizzati con oltre 100 partecipanti che hanno fornito alcuni dati sull’efficacia dell’azitromicina come trattamento per COVID-19 rispetto al trattamento di controllo o alle cure abituali . Ulteriori ricerche di medRxiv e Google Scholar il 24 gennaio 2021, utilizzando termini di ricerca simili senza restrizioni linguistiche, hanno identificato un ulteriore studio clinico randomizzato sull’azitromicina.

Tutti gli studi identificati erano in pazienti ospedalizzati. Un ampio studio randomizzato tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 nel Regno Unito non ha riscontrato differenze nella mortalità a 28 giorni, nella durata della degenza ospedaliera o del trattamento in ospedale o nei ricoveri in unità di terapia intensiva tra 2582 partecipanti assegnati in modo casuale a ricevere azitromicina rispetto a 5181 partecipanti assegnati in modo casuale ricevere le solite cure da solo.

Uno studio randomizzato in Brasile su 675 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 da lieve a moderato non ha riscontrato differenze nello stato clinico di 15 giorni tra i pazienti assegnati in modo casuale a ricevere cure abituali più azitromicina e idrossiclorochina rispetto alle cure abituali più idrossiclorochina, rispetto alle sole cure abituali. Uno studio dello stesso gruppo, tra 447 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 grave, ha scoperto che i pazienti assegnati in modo casuale ad azitromicina più idrossiclorochina, rispetto alla sola idrossiclorochina, avevano uno stato clinico più scarso a 15 giorni, sebbene i risultati fossero più simili tra i due gruppi. entro 29 giorni. Non abbiamo identificato studi clinici randomizzati sull’azitromicina come trattamento per COVID-19 nella comunità.

Valore aggiunto di questo studio

Tutti e tre gli studi clinici randomizzati che abbiamo identificato erano in contesti ospedalieri e solo uno ha valutato l’azitromicina come terapia autonoma per COVID-19. A nostra conoscenza, PRINCIPLE è il primo studio randomizzato a valutare l’efficacia e la sicurezza dell’azitromicina come trattamento autonomo per i pazienti con COVID-19 nella comunità. Abbiamo scoperto che l’azitromicina non ha migliorato sostanzialmente il tempo di recupero e ha trovato poche prove di un effetto sui ricoveri in ospedale, se utilizzata nella comunità per il trattamento di COVID-19.

Implicazioni di tutte le prove disponibili

Presi insieme, i nostri risultati e le prove fino ad oggi suggeriscono che l’azitromicina non è un trattamento sufficientemente efficace da giustificare l’uso di routine per il trattamento di COVID-19, né nella comunità né negli ospedali.

Studi randomizzati hanno scoperto che l’azitromicina non è un trattamento efficace per i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, da sola o in combinazione con idrossiclorochina.9, 10, 11 Tuttavia, vi è una scarsità di prove sull’efficacia dell’azitromicina per trattamento del sospetto COVID-19 nella comunità, dove un trattamento precoce potrebbe accelerare il recupero e prevenire i ricoveri ospedalieri. Abbiamo mirato a valutare l’efficacia dell’azitromicina nel trattamento del COVID-19 nello studio PRINCIPIO (PRINCIPLE) di uno studio randomizzato sulla piattaforma di interventi contro COVID-19 negli anziani.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7972318/


Maggiori informazioni:  Catherine E. Oldenburg et al, Effetto dell’azitromicina orale vs placebo sui sintomi di COVID-19 in pazienti ambulatoriali con infezione da SARS-CoV-2,  JAMA  (2021). DOI: 10.1001/jama.2021.11517

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.