La variante Delta AY12 del COVID-19 si sta diffondendo rapidamente in India e l’AY3 è in grado di infettare i vaccinati

0
116

L’INSACOG o il consorzio India SARS-CoV-2 Genome riportano la prevalenza della sottolinea variante Delta AY12 in India che è stata collegata a un’ondata di COVID-19 in Israele.

È interessante notare che la variante Delta (B.1.617.2) ha “dato alla luce” diverse sottolinee o varianti o sottospecie di seconda generazione che portano la maggior parte delle sue mutazioni caratteristiche ma sono diverse in altri modi.  

Ad oggi, sono state identificate un totale di 27 varianti di Delta di seconda generazione di cui 22 hanno assegnato i nomi da AY1 a 22 e un’altra come AY3.1 e le altre 4 sono ancora in fase di studio.
 
Uno di questi sottolignaggi, chiamato Delta AY.12, ha tutte le caratteristiche mutazioni Delta tranne una.
 
È stato riferito che il picco dei casi in Israele è preoccupante perché è un paese con quasi il 60% dei suoi adulti completamente vaccinati e riferisce che l’efficacia del vaccino Pfizer in quel paese è significativamente inferiore a quella emersa dagli studi clinici.
 
La variante Delta, la variante di preoccupazione più diffusa in India, viene “riclassificata” in un altro sottogenere che è stato associato a un gran numero di casi in Israele, il consorzio India SARS-CoV-2 Genome (INSACOG), che tiene traccia delle varianti emergenti, ha affermato in un rapporto lunedì.
 
Il rapporto INSACOG ha osservato: “La riclassificazione è principalmente per assistere la micro-epidemiologia e non si basa sull’acquisizione di mutazioni significative. Pertanto, attualmente non è noto se AY.12 sia clinicamente diverso da Delta. Non si notano nuove mutazioni preoccupanti nella proteina spike (S). Tuttavia, la sua rapida crescita in Israele significa che dovrebbe essere esaminata ulteriormente”.
 
Il dott. Anurag Agrawal, direttore del CSIR-Istituto di genomica e biologia integrativa, ha dichiarato a Thailand Medical News: “La variante Delta, a causa della sua preponderanza nei casi di coronavirus a livello globale, ha diversi sotto-lignaggi, che rendono necessario riclassificarli in quanto non lo farebbe. rendere il nome ingombrante.

Un gran numero di casi in Israele è stato collegato all’AA.12. In India ci sono diversi microlignaggi e alcuni di loro sono AY.12. Dobbiamo aspettare e vedere quanto sia significativo questo micro-lignaggio nel guidare le infezioni in India. Ma per ora ha esattamente la stessa classificazione di rischio, né più né meno, di Delta”.
 
Secondo l’INSACOG, si prevede che una riclassificazione dettagliata e completa e una stima della prevalenza dell’AA.12 in India richiederanno del tempo. “Dal momento che la definizione dell’AA.12 è incoerente, i numeri finali richiederanno del tempo. L’analisi dell’AA.12 verrà aggiunta al portale (un sito Web pubblico), insieme ad altri nuovi lignaggi, una volta che ci sarà un maggiore consenso”, ha osservato il loro rapporto.
 
Ad oggi, secondo INSACOG, sono stati sequenziati circa 70.000 campioni di coronavirus per la loro struttura genomica, di cui 50.000 sono stati assegnati a vari ceppi. Circa il 60% di questi è costituito da varianti internazionali di preoccupazione o interesse (VoC o VoI) che sono monitorate a livello globale e collegate a epidemie, nonché a casi di scoperta di vaccini e reinfezione.
 
All’interno di questi VoC, la variante Delta comprende il 70% dei campioni. I casi Delta plus, in cui AY.12 è incluso d, solo il numero 67, anche se si prevede che questo aumenterà dopo la riclassificazione.
 
Sebbene la traiettoria complessiva dei casi giornalieri in India sia in ribasso, mercoledì il Kerala ha segnalato quasi 31.000 casi, il che rappresenta quasi tutto il carico di lavoro dell’India.
 
Alcuni ricercatori indiani affermano che il sottolignaggio AY.12 ha acquisito la giusta configurazione per diventare più trasmissibile, ma questa affermazione merita comunque ulteriori studi.
 
AY3 Più potente in termini di infezioni rivoluzionarie?
 
In un altro sviluppo, un team di ricerca del VA Boston Healthcare System, della Boston University School of Medicine e della Harvard Medical School ha espresso preoccupazione per la sottolinea AY3 della variante Delta dopo che è stato scoperto che la trasmissione della variante Delta AY.3 potrebbe verificarsi tra persone completamente vaccinate anche in un ambiente controllato di un reparto medico-chirurgico ospedaliero.
 

Il team di studio ha affermato: “Resta da determinare se la discendenza della variante Delta AY.3 sia più trasmissibile della variante Delta B.1.617.2. I nostri risultati sollevano la preoccupazione che senza una più rigorosa mitigazione del rischio, la trasmissione nosocomiale (originaria in un ospedale) della variante Delta e delle sottolinee Delta si verificherà più frequentemente rispetto alle varianti precedenti e meno trasmissibili, anche nelle persone vaccinate. 
 
I risultati dello studio sono stati pubblicati su un server di prestampa e sono attualmente in fase di revisione paritaria. https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.05.21261562v1
 
Mentre i cosiddetti “esperti” affermano che le sottolinee Delta sono state create esclusivamente per scopi epidemiologici e per monitorare la diffusione dei cluster e non c’è motivo di allarmarsi, il fatto è che ognuna di queste sottolinee possiede mutazioni, delezioni ecc. che stanno mostrando caratteristiche diverse in termini di fitness virale, trasmissibilità, virulenza fino alla patogenesi. Ulteriori studi dettagliati sono attualmente in corso e tra qualche settimana dovremmo avere dati pubblicati più concreti sull’unicità di ciascuno di questi sottolignaggi.


Trasmissibilità: come si diffonde da un host all’altro? Con quanta facilità si diffonde?
Cosa sappiamo?

SARS-CoV-2 si trasmette facilmente tra gli esseri umani, principalmente attraverso il contatto ravvicinato e la trasmissione di aerosol. 34, 88, 323, 541

  • All’8/12/2021, il COVID-19 ha causato almeno 205.368.850 infezioni e 4.334.088 decessi a livello globale.390 Negli Stati Uniti sono stati confermati 36.305.005 casi e 619.098 decessi390. I casi32, 569 e i decessi sono sottostimati.379, 582, 730, 834
  • SARS-CoV-2 può diffondersi tramite aerosol o trasmissione “per via aerea”315 oltre 1,8 m in determinate situazioni823 come spazi chiusi con ventilazione inadeguata.126 Si ritiene che il rischio di infezione da fomiti (ad es. valuta)758 sia basso.346 Trasmissione verticale è raro.751 La trasmissione nosocomiale (ospedaliera) è sottostimata e guidata da eventi di superdiffusione.501

Almeno sei varianti (Delta, Gamma, Alpha, Beta, Kappa, Eta) hanno velocità di trasmissione più elevate rispetto al lignaggio SARS-CoV-2 originale e non variante. 105

  • La variante Delta (B.1.617.2) è altamente trasmissibile, con un R0 stimato di 5-9. 105, 525 Questo è molto più alto del SARS-CoV-2 wild-type (R0 =da 2.2 a 3.1).513, 593, 660, 839, 868 Al 31/07/2021, la variante Delta (e le sottovarianti AY.1, AY.2 e AY.3) rappresentano oltre il 93% dei nuovi casi sequenziati negli Stati Uniti.121 I bassi tassi di vaccinazione facilitano la trasmissione di COVID-19.407
  • I tassi di attacco secondario della variante Delta nelle famiglie possono raggiungere il 53%,216 e possono essere più alti negli individui di età inferiore a 10,27 anni Le prime prove suggeriscono che la variante Delta si diffonde rapidamente nelle scuole.759
  • La variante Delta può portare a una maggiore carica virale (copie RNA) negli individui infetti rispetto a quelli con SARS-CoV-2 wild-type o altre varianti.392 È stata trovata la carica virale (copie RNA) degli individui vaccinati con infezione da variante Delta. essere simili a individui infetti e non vaccinati in diversi studi,90, 659 suggerendo che i casi di rottura possono essere ugualmente in grado di trasmettersi ad altri (sebbene il virus infettivo non sia stato misurato direttamente in questi studi).
  • I focolai della variante Delta possono verificarsi anche in aree con un uso appropriato di DPI e alti livelli di vaccinazione.354

I vaccini COVID-19 riducono i tassi di trasmissione di circa il 54% (intervallo 38-66%). 694

  • La vaccinazione fornisce protezione agli individui non infetti riducendo la carica virale753 e la trasmissione.340, 530

La quantità di virus infettivo emessa da un individuo infetto non è chiara, ma appare molto variabile.

  • Il respiro esalato può emettere 105-107 copie del genoma all’ora.506 I tassi di emissione individuali variano sostanzialmente.723, 854 La vocalizzazione forte (p. es., cantare, gridare) è stata associata a un maggiore rischio di trasmissione indoor.724
  • Carichi virali più elevati nei pazienti COVID-19 comportano tassi di attacco secondario più elevati, con un tasso del 12% con carichi virali inferiori a 106 copie del genoma/mL (tampone nasofaringeo) e del 24% con carichi virali superiori a 1010 copie del genoma virale/mL. 519 Carichi virali più elevati sono stati anche associati a cluster SARS-CoV-2 più grandi433 e ad un aumento del rischio di trasmissione indoor.69

Gli individui asintomatici o presintomatici possono trasmettere SARS-CoV-2 649 e svolgere un ruolo importante nella crescita di nuovi casi. 466

  • Gli individui sono infettivi per 1-3 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi.41, 809 Pre-sintomatica74, 423, 719, 736, 847, 871 o asintomatica50, 372, 504 i pazienti possono trasmettere SARS-CoV-2.491 La maggior parte della trasmissione si verifica prima che i sintomi inizino463 e entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi,319 come dimostrato da casi di studio146 e modelli.756
  • Gli individui asintomatici trasmettono SARS-CoV-2 meno spesso rispetto agli individui sintomatici,64, 96, 744 causando dal 66% 463 all’83% 552 casi secondari in meno, potenzialmente a causa di una minore carica virale.170

Il rischio di infezione è particolarmente elevato all’interno 56 mentre la trasmissione all’aperto è rara. 97

  • SARS-CoV-2 può essere diffuso tramite conversazione ed espirazione11, 462, 682, 725 in aree interne come ristoranti271, 471 o uffici.267 I cluster sono spesso associati a grandi raduni al chiuso,448, 594 inclusi bar,681 ristoranti,860 e palestre.141, 454
  • In un esperimento in un concerto tenutosi quando la prevalenza nella comunità era bassa, la trasmissione di COVID-19 è stata inibita attraverso l’uso di ventilazione naturale, test rapidi COVID-19 (Panbio Ag, Abbott), mascheramento universale N95 e controlli della temperatura.653

La trasmissione familiare è rapida, 18 e i contatti familiari diffondono l’infezione più dei contatti casuali della comunità. 562

  • Il tasso di attacco secondario di SARS-CoV-2 è in media del 24%176, ma più alto per i casi indice sintomatici, i coniugi dei casi indice e gli adulti.509 Un’elevata carica virale può aumentare il rischio di trasmissione.406
  • In un focolaio della variante Delta, la trasmissione si è verificata nel 46% delle famiglie, con l’80-100% di quei membri della famiglia che sono diventati malato, con conseguente tasso di attacco secondario del 53%.216

Gli eventi di superdiffusione (SSE) sembrano comuni nella trasmissione di SARS-CoV-2 e possono essere cruciali per il controllo della diffusione.

  • La maggior parte delle nuove infezioni proviene da pochi individui infetti (parametro di sovradispersione k = 0,2-0,5).17, 239, 443, 447, 796, 870

Le velocità di trasmissione sul trasporto pubblico non sono chiare ma sembrano basse, 301 in particolare sugli aerei. 591

  • Diversi studi hanno identificato una trasmissione plausibile sugli aeroplani49, 154, 357, 412, 548 nonostante lo screening pre-partenza.739 La ricerca con traccianti fluorescenti sugli aerei commerciali suggerisce un basso rischio di trasmissione di aerosol o di superficie durante i voli,707 pur lasciando i posti intermedi aperto può ridurre l’esposizione agli aerosol.209 Le epidemie sono state anche collegate a treni368 e autobus.503

L’infezione nei bambini è sottovalutata, 224, 762 e i bambini di qualsiasi età possono acquisire e trasmettere l’infezione. 721 Ci sono alcune prove che i bambini più piccoli (<10-15) sono meno suscettibili 384 , 452 e meno infettivi 463 rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. 302

  • I bambini sembrano trasmettere SARS-CoV-2 meno spesso degli adulti, sebbene pochi studi lo abbiano affrontato direttamente.292 I bambini sembrano avere concentrazioni inferiori di RNA virale170 e virus infettivo rispetto agli adulti.98

La trasmissione nelle scuole è generalmente bassa,284, 362, 398, 846, 877 segue l’incidenza della comunità130, 312, 722 e può essere mitigata.300

Cosa abbiamo bisogno di sapere?

Abbiamo bisogno di conoscere il contributo relativo delle diverse vie di trasmissione e l’effetto di nuove varianti.

  • Qual è il tasso di emissione di particelle infettive durante la respirazione, la conversazione, la tosse, il canto o l’esercizio (per tutte le varianti)?
  • Alcune varianti sono più trasmissibili in diverse sottopopolazioni o classi di età (ad es. bambini)?193

Quanto sono importanti le condizioni meteorologiche per la trasmissione di SARS-CoV-2?507

Genomica: come si confronta l’agente patogeno con i ceppi precedenti?
Cosa sappiamo?

Le prove attuali suggeriscono che SARS-CoV-2 accumula mutazioni a una velocità simile a quella di altri coronavirus.

  • Analisi genomiche preliminari che sono emersi i primi casi umani di SARS-CoV-2 tra il 19/10/2019 – 17/12/2019.35, 57, 638
  • Il tasso di mutazione stimato per SARS-CoV-2 è 6×10-4 nucleotidi per genoma all’anno.782
  • Ridurre le infezioni è fondamentale per ridurre l’emergere di nuove varianti.754
  • Esistono tracker statunitensi per le varianti SARS-CoV-2116 e le mutazioni che sono alla base di esse.441
  • I pazienti immunodepressi sono una possibile fonte di varianti virali a causa della replicazione prolungata del virus all’interno di un singolo ospite.12
  • L’OMS ha applicato nomi diversi alle principali varianti di SARS-CoV-2 utilizzando lettere greche.822
  • B.1.1.7 (20I/501Y.V1) (VOC202012/01) (Alpha) – La variante B.1.1.7 (Alpha) è associata a una velocità di trasmissione superiore del 50-75% rispetto al virus wild-type,185, 789 potenzialmente dovuto a cariche virali più elevate dei pazienti,102, 280, 413 tassi più elevati di malattia sintomatica,6 e un periodo infettivo più lungo.231 Contiene diverse mutazioni della proteina Spike (delezione HV 69-70, N501Y, N493K).639
  • Attualmente non ci sono preoccupazioni relative all’efficacia dei vaccini Pfizer/BioNTech545, 844 o Moderna,840 e il vaccino AstraZeneca/Oxford sembra mostrare efficacia contro B.1.1.7 (sebbene inferiore all’efficacia contro SARS-CoV-non variante). 2).237 Il siero di pazienti con variante SARS-CoV-2 non B.1.1.7 può neutralizzare il virus B.1.1.7.618
  • La mutazione E484K è apparsa indipendentemente in diversi individui con la variante B.1.1.7 nel Regno Unito320 e negli Stati Uniti.516
  • B.1.617.2 (Delta) – Variante preoccupante824 inizialmente identificata in India nel gennaio 2021, contenente diverse mutazioni preoccupanti (E484Q e L452R).704 La variante è stata documentata in California e nel Regno Unito.348 La ricerca iniziale suggerisce che questa variante è più trasmissibile825 e più virulento849 rispetto a SARS-CoV-2 non variante.
  • Resiste alla neutralizzazione da parte di alcuni anticorpi monoclonali360 ed è più resistente agli anticorpi derivati ​​dal vaccino rispetto a SARS-CoV-2 non variante; il siero di pazienti a cui sono stati somministrati vaccini mRNA è stato in grado di neutralizzare il lignaggio B.1.617.1 (Kappa).228
  • B.1.617.2 contiene 13 sottolinee di cui quattro monitorate negli Stati Uniti: AY.1, AY.2, AY.3, AY.3.1.576 AY.1 e AY.2 possiedono una mutazione preoccupante in K417N che è presente anche nelle varianti B.1.351 (Beta) e P.1 (Gamma).441 Questa mutazione ha dimostrato di influenzare il legame dell’anticorpo di classe I314, 521 e ridurre l’affinità di legame ad ACE2, ma fornisce stabilità al legame di ACE2 in presenza di E484K mutazione.521, 728
  • B.1.351 (20H/501Y.V2) (Beta) – Identificata per la prima volta in Sudafrica nel dicembre 2020747 con mutazioni notevoli N501Y, E484K e K417N.575 Questa variante è resistente alla neutralizzazione da plasma convalescente e sieri di vaccinazione.797 Studi preliminari da Moderna,841 Johnson e Johnson,230 AstraZeneca,544 e Novavax572 suggeriscono una risposta vaccinale inferiore a questa variante, sebbene il vaccino Pfizer/BioNTech sembri generare capacità neutralizzanti in laboratorio487 e sperimentazioni umane.616
  • Il siero convalescente di pazienti con infezione da B.1.351 mostra un’elevata capacità di neutralizzazione contro virus non varianti
  • La variante B.1.351 è parzialmente resistente all’anticorpo monoclonale casirivimab ed è completamente resistente a bamlanivimab.359
  • Il confronto della gravità e della mortalità della variante Beta rispetto alla variante Alpha ha rilevato che la Beta aveva una maggiore prevalenza di malattie gravi, un maggiore avanzamento alla malattia critica e un tasso di mortalità più elevato.14 Confronto dei casi in Sudafrica dalla prima alla seconda ondata, quando la variante Beta è diventata prevalente, ha riscontrato un aumento dei tassi di ospedalizzazione e mortalità, anche se parte dell’aumento della mortalità potrebbe essere dovuto all’aumento della pressione sul sistema sanitario.387
  • P.1 (20J/501Y.V3) (Gamma) – Identificato per la prima volta in Brasile,249 contiene varie mutazioni tra cui K417N, E484K e N501Y.249
  • Si stima che la variante sia 1,7-2,4 volte più trasmissibile rispetto a SARS-CoV-2,250 . non variante
  • Si stima che l’infezione precedente con SARS-CoV-2 non variante fornisca solo il 54-79% di protezione contro l’infezione con la variante P.1,250 potenzialmente spiegando la rinascita di COVID-19 a Manaus, in Brasile, dopo una grande epidemia iniziale.100 , 674
  • Parzialmente resistente all’anticorpo monoclonale casirivimab ed è completamente resistente a bamlanivimab.359
  • Sembra meno resistente alla neutralizzazione rispetto alla variante B.1.351 nonostante tre mutazioni critiche condivise (E484K, K417N/T e N501Y), suggerendo che le mutazioni RBD non sono l’unico fattore che influenza la fuga immunitaria della variante.202
  • L’analisi preliminare suggerisce che questa variante porta ad un aumento della mortalità negli individui più giovani, in particolare quelli di età compresa tra 20 e 29,196 anni
  • La mutazione H655Y, che è stata osservata nei primi isolati umani, è associata alla resistenza agli anticorpi umani,55 ed è emersa in modelli animali sperimentali di infezione da SARS-CoV-2.82, 244 Studi sperimentali sul visone hanno rilevato un aumento dell’ingresso e della trasmissione delle cellule virali. , e la suscettibilità dell’ospite con questa mutazione.244
  • C.37 (variante Lambda) – Studi in vitro suggeriscono che due singole mutazioni (T76I, L452Q) rendono la variante Lambda più infettiva del virus wild-type, mentre una mutazione per delezione (RSYLTPGD246-253N) aumenta la resistenza anticorpale.417

B.1.429 (Epsilon) ([CAL.20C (20C/S:452R)] [GH/452R.V1 (B.1.429+B.1.427)]) – La mutazione L452R563 localizzata sulla proteina Spike è stata segnalata per la prima volta in Danimarca384 e è aumentato in prevalenza in California.163 Il lignaggio B.1.429 è più trasmissibile e porta a una malattia più grave rispetto a SARS-CoV-2.509 non variante ed è parzialmente resistente agli anticorpi.192, 775

Cosa abbiamo bisogno di sapere?

Dobbiamo identificare le differenze di trasmissibilità o gravità causate da diverse mutazioni e varianti di SARS-CoV-2.

  • Quali sono i meccanismi che guidano la resistenza delle varianti alla neutralizzazione da parte del sistema immunitario?
  • In che modo le varianti influenzano la probabilità di reinfezione o coinfezione?
  • In che modo la vaccinazione influenzerà la prevalenza e il vantaggio competitivo delle varianti di SARS-CoV-2 attuali e future?

Quanto sono prevalenti le coinfezioni con più ceppi e qual è la loro progressione clinica?

. . . . .

reference link : DHS SCIENCE AND TECHNOLOGY – Master Question List forCOVID-19 (caused by SARS-CoV-2)Monthly Report 13 August 2021


Questo studio osservazionale ha incluso tutte le persone con diagnosi di infezioni da SARS-CoV-2 presso il VA Boston Healthcare System (VABHS) dall’11 marzo 2021 al 31 luglio 2021, comprese quelle testate per sorveglianza, ammissione, sintomi e come parte di un indagine sull’epidemia nel luglio 2021.

L’infezione da SARS-CoV-2 è stata diagnosticata mediante reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (PCR) (Cefeide). Le varianti sono state identificate da MassARRAY SARS-CoV-2 Variant Panel (36-plex PCR, Agena BioScience) per la maggior parte dei casi innovativi dopo il giugno 2021 Il sequenziamento genomico virale è stato eseguito dal Jackson Laboratory.

Discussione La
trasmissione criptica della variante Delta si è verificata tra pazienti ricoverati asintomatici e vaccinati in un singolo reparto di degenza. La fonte potrebbe essere stata un paziente la cui infezione è insorta dopo i test di pre-ricovero da un’esposizione pre-test o da una successiva esposizione ospedaliera che non è stata identificata nonostante un’ampia ricerca di contatti. L’infezione si è diffusa tra i pazienti vaccinati e si è estesa a un personale sanitario vaccinato e a un familiare vaccinato in visita.

Questo cluster potrebbe non essere stato scoperto tranne che per un test di dimissione di routine che ha attivato la tracciabilità dei contatti di follow-up, perché la maggior parte dei pazienti era asintomatica al momento della diagnosi e alcuni pazienti sono stati dimessi prima della scoperta dell’epidemia. Queste osservazioni contrastano con un rapporto secondo cui le persone non vaccinate erano l’unica fonte di infezioni esplosive negli operatori sanitari con la variante Alpha.8

L’elevata carica virale aumenta il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2;14 pertanto, l’elevata carica virale della variante Delta nelle persone vaccinate asintomatiche probabilmente aumenta il rischio di trasmissione nosocomiale. Poiché il periodo di incubazione per l’infezione da SARS-CoV-2 è di 2-14 giorni, lo screening per l’infezione da SARS-COV-2, anche il giorno del ricovero, non rileverà alcuna infezione derivante dall’esposizione il giorno prima del ricovero o molte infezioni derivanti da precedenti esposizioni.

Pertanto, l’uso di test sensibili15 per la sorveglianza post-ricovero dei pazienti ricoverati, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, può essere necessario per prevenire l’infezione nosocomiale durante le ondate di varianti altamente trasmissibili.

Sebbene i rapporti abbiano identificato la trasmissione dal personale sanitario ai pazienti come una via importante per l’infezione nosocomiale da SARS-CoV-2,16,17 qui, è probabile che la trasmissione si sia verificata tra i pazienti e dai pazienti all’unico personale sanitario infetto e a un visitatore. Da notare che l’infezione ha risparmiato tutti tranne uno dei 168 operatori sanitari esposti a pazienti infetti.

Quella trasmissione era principalmente tra i pazienti e non tra i pazienti e il personale sanitario, forse rifletteva il fatto che il personale sanitario indossava maschere chirurgiche e i pazienti no. Quindi, nonostante l’elevata carica virale dei loro pazienti, il mascheramento combinato con la vaccinazione potrebbe aver protetto gli operatori sanitari durante questo focolaio. L’incoraggiamento del mascheramento del paziente potrebbe ridurre ulteriormente l’infezione della variante Delta nosocomiale.

I nostri risultati supportano una crescente letteratura secondo cui la vaccinazione non impedisce lo sviluppo di un’elevata carica virale nel rinofaringe di persone infette dalla variante Delta o la propensione alla trasmissione asintomatica,10,11 in contrasto con i risultati con varianti precedenti.6-9 Brown et al. . al. 11 ha recentemente descritto la trasmissione comunitaria della variante Delta B.1.617.2 in una coorte di persone prevalentemente vaccinate che si sono riunite smascherate in spazi chiusi.

L’elevata carica virale non differiva tra persone vaccinate e non vaccinate. In quello studio, il sequenziamento ha identificato la variante Delta (B.1.617.2) nell’89% dei casi e il sottolignaggio Delta AY.3 solo nell’1%. Nello studio attuale, il sequenziamento ha identificato il sottolignaggio Delta AY.3 4 di 4 casi. Le nostre osservazioni indicano che la trasmissione del sottolignaggio variante Delta AY.3 può verificarsi tra le persone vaccinate anche nell’ambiente più controllato di un reparto medico-chirurgico ospedaliero.

Resta da determinare se il lignaggio della variante Delta AY.3 sia più trasmissibile rispetto alla variante Delta B.1.617.2. I nostri risultati sollevano la preoccupazione che senza una più rigorosa mitigazione del rischio, la trasmissione nosocomiale della variante Delta e dei sottolineaggi Delta si verificherà più frequentemente rispetto alle varianti precedenti e meno trasmissibili, anche nelle persone vaccinate.

Questo studio osservazionale ha diversi limiti. L’epidemia ha coinvolto un piccolo numero di individui. L’assenza del sequenziamento completo del genoma virale su tutti gli 8 casi ha impedito una chiara identificazione della fonte e della traiettoria della trasmissione virale.

Un caso non è stato digitato per identificare positivamente la variante Delta. Infine, sebbene i dati dimostrino che l’infezione asintomatica e la trasmissione della variante Delta possono verificarsi nelle persone vaccinate, questo studio non affronta il rischio relativo per l’infezione della variante Delta nelle persone vaccinate rispetto a quelle non vaccinate.

link di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.05.21261562v1.full-text

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.