Vaccino COVID-19: terze dosi Vs booster – qual è la differenza?

0
68

I termini “terza dose” e “richiamo” sono spesso scambiati casualmente, ma ci sono importanti differenze tra i due.

Per maggiore chiarezza, Jodie Guest, professore e vicepresidente del dipartimento di epidemiologia presso la Rollins School of Public Health di Emory, ha parlato con Carlos del Rio, illustre professore di medicina presso la Emory School of Medicine e professore di salute globale ed epidemiologia presso la Rollins School of Salute pubblica.

Questa conversazione fa parte di una serie di video online ospitata da Guest, che guida anche l’Emory COVID-19 Outbreak Response Team, rispondendo alle domande relative alla pandemia di COVID-19.

Credito: Emory University

D: Qual è la differenza tra una terza dose e un richiamo?

R: Una terza dose in una serie di vaccinazioni mRNA è approvata solo per le persone con un sistema immunitario gravemente indebolito che non ha mai ricevuto una protezione completa dalle prime due dosi di vaccino. Le terze dosi per questi individui sono state approvate sotto l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) dalla FDA il 12 agosto.

Un colpo di richiamo è una dose aggiuntiva che può essere somministrata dopo che la protezione immunitaria completa è diminuita nel tempo. A differenza delle terze dosi, i dati sui richiami non sono ancora stati esaminati dalla FDA o dal CDC. La FDA prevede di iniziare a rivedere questi dati il ​​17 settembre.

D: Chi ha bisogno di una terza dose di vaccino mRNA?

R: La FDA e il CDC Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) hanno identificato un gruppo molto limitato di persone che dovrebbero ricevere una terza dose di vaccino mRNA. Le terze dosi sono raccomandate per le persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, come i pazienti che ricevono un trapianto di organi, che stanno ricevendo la chemioterapia o che stanno assumendo farmaci immunosoppressori. Gli individui in queste categorie sono ora idonei a ricevere una terza dose di vaccino mRNA.

D: Perché le persone nelle categorie immunocompromesse hanno bisogno di una terza dose?

R: Gli individui di queste categorie richiedono una terza dose perché non producono risposte immunitarie adeguate dopo le prime due dosi. “Qualcuno come me che non è immunodepresso avrà una risposta del 100% dopo due dosi”, afferma del Rio.

“Ma qualcuno che è gravemente immunodepresso, come un ricevente di trapianto, può avere solo una risposta del 60% dopo due dosi. Dare la terza dose è un modo per portarli dove avrebbero dovuto essere se non fossero stati immunodepressi”.

I dati hanno mostrato che circa il 55% di coloro che ricevono una terza dose raggiunge il livello di risposta immunitaria che una persona non immunocompromessa otterrebbe con due dosi. “Pertanto, si raccomanda che i pazienti immunodepressi continuino a comportarsi come se non fossero stati vaccinati, perché non si sa se sono stati completamente protetti o meno”, afferma del Rio.

Queste persone dovrebbero continuare a praticare abitudini sane come indossare maschere negli spazi interni pubblici, lavarsi accuratamente le mani e allontanarsi in sicurezza.

D: Dopo quanto tempo è disponibile la terza dose dopo le prime due?

R: La FDA raccomanda agli individui immunocompromessi di attendere almeno 28 giorni dopo la somministrazione della seconda dose prima di ricevere la terza dose in una serie di vaccinazioni mRNA.

D: È accettabile un vaccino mRNA per la terza dose, indipendentemente dalle prime due?

R: La FDA ha autorizzato solo terze dosi dello stesso produttore delle prime due dosi, come tre dosi di Pfizer o tre dosi di Moderna. Questo perché non sono stati ancora condotti studi su terze dosi di diversi produttori. 

“Ciò non significa che non si possa usare un vaccino diverso, ma il problema è che semplicemente non disponiamo di dati per formulare tale raccomandazione”, afferma del Rio.

D: Le persone nella categoria degli immunodepressi che hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson hanno bisogno di una dose aggiuntiva?

R: A differenza di Pfizer e Moderna, il vaccino Johnson & Johnson non è un vaccino mRNA. Poiché il vaccino Johnson & Johnson è diventato disponibile negli Stati Uniti dopo i vaccini mRNA, del Rio afferma che è improbabile che molti pazienti immunodepressi lo abbiano ricevuto. “La grande maggioranza delle persone che hanno ottenuto Johnson & Johnson sono adulti sani”, afferma.

Tuttavia, i ricercatori continuano a studiare la risposta immunitaria al vaccino Johnson & Johnson e del Rio affermano che alcuni studi suggeriscono che una seconda dose potrebbe fornire un’immunità aggiuntiva.

D: Perché potremmo aver bisogno di una dose di richiamo per i vaccini mRNA?

R: È possibile somministrare una vaccinazione di richiamo quando l’immunità derivante da una serie di vaccinazioni iniziali è diminuita. Ad esempio, molti giovani adulti ricevono colpi di richiamo per il morbillo perché l’immunità dalla vaccinazione iniziale nella prima infanzia diminuisce nel tempo.

Del Rio afferma che i dati di laboratorio per i vaccini mRNA COVID-19 suggeriscono un progressivo declino della protezione anticorpale nel tempo, ma che è anche importante ricordare che questi vaccini sono efficaci in ciò per cui sono stati progettati: prevenire malattie gravi.

“C’è una diminuzione dell’immunità contro la prevenzione delle infezioni, ma non contro la prevenzione delle malattie gravi”, dice.

D: Quando saranno disponibili i richiami per i vaccini mRNA?

R: La FDA non ha approvato i richiami per i vaccini mRNA, ma inizierà a rivedere i dati per i richiami il 17 settembre. Secondo Guest, c’è una forte domanda di richiami nelle comunità della Georgia.

“Ero a un grande evento di vaccinazione domenica e ho ricevuto molte richieste per il richiamo”, dice. “È chiaro che c’è il desiderio di ottenere questo booster, ma non c’è un messaggio davvero chiaro su chi può ottenerlo o meno”.

Mentre la FDA e il CDC non hanno ancora esaminato i dati sui richiami, del Rio sottolinea che i colpi di richiamo non aiuteranno a porre fine alla pandemia. Come il vaccino antinfluenzale, i vaccini per il COVID-19 prevengono malattie gravi, non la trasmissione della malattia.

“Dico alle persone che il richiamo di cui ho bisogno è che coloro che non sono vaccinati inizino a farsi vaccinare”, dice. Somministrare richiami a coloro che sono già vaccinati “equivale a gettare un giubbotto di salvataggio in acqua a persone che lo hanno già”, mentre gli individui non vaccinati non hanno giubbotti di salvataggio e “stanno effettivamente annegando”.

D: Ci libereremo mai del COVID-19?

R: Negli Stati Uniti ora ci sono oltre 1.000 morti ogni giorno a causa di COVID-19. “Il livello endemico è ciò che dovremmo aspettarci di vivere andando avanti; attualmente, non siamo neanche lontanamente vicini a questo”, afferma Guest.

“Vogliamo ridurre le malattie gravi e la morte a livelli accettabili”, afferma del Rio. “Ridurre i decessi a meno di 100 al giorno sarebbe un livello accettabile di mortalità, equivalente al numero di morti che abbiamo con l’influenza. 

Se andiamo laggiù, raggiungeremo un livello di endemicità con cui penso che sarebbe giusto convivere perché gli ospedali non sarebbero sopraffatti e non avremmo una situazione di crisi”.

“In questo momento, abbiamo tutti un ruolo da svolgere per proteggerci a vicenda, in particolare per proteggere i nostri bambini più piccoli che non hanno ancora accesso ai vaccini”, sottolinea Guest. “Continua a stare al sicuro, trova la strada per un vaccino se non sei ancora stato vaccinato, indossa la maschera quando sei in casa o in mezzo alla folla e mantieni le distanze l’uno dall’altro se sei in una popolazione non vaccinata”.


Il rapido sviluppo di vaccini efficaci contro la SARS-CoV-2 e il loro impiego nella popolazione generale si è dimostrato una strategia di grande successo per ridurre la trasmissione e il carico di malattie.

In Israele, una rapida campagna di vaccinazione ha portato a vaccinare completamente più della metà della popolazione entro la fine di marzo 20211.

Di conseguenza, l’incidenza di COVID-19 è scesa da ≈ 900 casi per milione al giorno a metà gennaio 2021 a meno di 2 casi per milione al giorno entro giugno 2021 1.

Tuttavia, l’emergere di nuove varianti di preoccupazione (VOC), e in particolare la variante Delta, ha portato a una recente recrudescenza dell’infezione in Israele sia nell’infezione che nella malattia grave 2.

Ci sono diverse possibili cause per gli alti livelli di trasmissione della variante Delta, tra cui l’aumento dell’infettività della variante Delta 3, la diminuzione dell’immunità provocata dal vaccino 2,4 e l’aumentata evasione immunitaria da parte della variante 5, le ultime due delle quali contribuiscono direttamente ad una diminuzione dell’efficacia del vaccino.

L’analisi dei dati israeliani sull’epidemia del Delta ha indicato una forte diminuzione dell’immunità. Nel tentativo di affrontare la sfida presentata dalla variante Delta e ridurre il carico sul sistema sanitario, le autorità israeliane hanno approvato la somministrazione di una dose di richiamo, prima alle popolazioni ad alto rischio, il 12 luglio 2021, e poi all’intera 60 + popolazione, il 30 luglio 2021.

Gli studi iniziali hanno suggerito che una dose di richiamo BNT162b2, cioè una dose aggiuntiva somministrata a individui che hanno precedentemente ricevuto due dosi di vaccino BNT162b2, aumenta i livelli di neutralizzazione anticorpale ∼10 volte, in media, rispetto ai livelli raggiunti dopo la seconda dose6.

Si pensa che un aumento del titolo di neutralizzazione possa portare a una maggiore protezione contro le infezioni e le malattie gravi 7. Tuttavia, in termini di efficacia nel mondo reale, l’entità di tale effetto rimane poco chiara.

Qui, utilizziamo i dati iniziali del database del Ministero della Salute israeliano (MOH) sull’incidenza di infezioni confermate e malattie gravi tra due coorti di individui di età superiore ai 60 anni: quelli che hanno ricevuto solo due dosi di vaccino e quelli che hanno ricevuto un’ulteriore dose di richiamo. Usiamo i dati per quantificare l’effetto protettivo che la dose di richiamo fornisce contro infezioni confermate e malattie gravi.

Non si prevede che la protezione ottenuta dalla vaccinazione di richiamo raggiunga la sua capacità massima immediatamente dopo la vaccinazione, ma che si accumuli nella settimana successiva alla vaccinazione 8,9. 

Allo stesso tempo, durante i primi giorni dopo la vaccinazione, sono attesi cambiamenti comportamentali significativi nella popolazione vaccinata di richiamo (Figura S1 nell’Appendice Supplementare).

Uno di questi cambiamenti previsti è l’ulteriore prevenzione dell’esposizione a un rischio eccessivo fino a quando la dose di richiamo non diventa efficace.

Un altro cambiamento previsto è un tasso ridotto di test per COVID-19 nel momento in cui si riceve il richiamo, come dimostrato nella Figura S2 (Appendice supplementare). Inoltre, abbiamo analizzato le infezioni confermate da COVID-19 in base alla data del test PCR positivo e il test viene eseguito solo alcuni giorni dopo l’esposizione.

Per tutti questi motivi è preferibile valutare l’effetto del richiamo solo dopo che sia trascorso un periodo sufficiente dalla sua somministrazione.

Figura S1.
Figura S1.
Uno schema concettuale che dimostra le possibili dinamiche di fondo dei risultati in Figura 2.
Figura S2.
Figura S2.
La tariffa giornaliera dei test per persona in funzione del tempo relativo alla somministrazione della dose di richiamo. Una diminuzione del tasso di test è osservabile subito dopo la somministrazione del richiamo, probabilmente riflettendo cambiamenti comportamentali transitori nel comportamento di ricerca di assistenza o di prevenzione del rischio.

link di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.27.21262679v1.full-text


riferimento: Fornito da Emory University

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.