COVID-19: I fluidificanti del sangue hanno ridotto il rischio di ospedalizzazione del 43%

0
65

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università del Minnesota-USA e dell’Università di Basilea-Svizzera ha scoperto che i pazienti ambulatoriali con COVID-19 che assumevano anticoagulanti ambulatoriali al momento della diagnosi hanno avuto un rischio di ricovero in ospedale ridotto del 43%.

Lo studio si è concentrato su pazienti positivi al COVID-19 che stavano assumendo farmaci di classe anticoagulante – tra cui warfarin, un anticoagulante orale diretto o DOAC (come apixaban, rivaroxaban, dabigatran, edoxaban) ed enoxaparina negli immediati 90 giorni prima della diagnosi di COVID-19.

Lo studio ha coinvolto un totale di 6195 pazienti, 598 sono stati immediatamente ricoverati e 5597 sono stati trattati ambulatorialmente.

Il tasso di mortalità complessivo è stato del 2•8% (n = 175 decessi). Tra i pazienti ricoverati, la mortalità ospedaliera è stata del 13%. Tra i 5597 pazienti COVID-19 inizialmente trattati ambulatorialmente, 160 (2,9%) erano in terapia anticoagulante e 331 sono stati infine ricoverati (5,9%).

In un’analisi multivariata, l’uso ambulatoriale di anticoagulanti era associato a una riduzione del 43% del rischio di ricovero ospedaliero, HR (95% CI = 0,57, 0,38-0,86), p = 0,007, ma non era associato a mortalità, HR (95% CI = 0,57, 0,38-0,86) =0,88, 0,50 – 1,52), p = 0,64. I pazienti ricoverati che non erano in terapia anticoagulante (prima o dopo il ricovero in ospedale) avevano un aumento del rischio di mortalità, HR (95% CI = 2,26, 1,17-4,37), p = 0,015.

Quindi, i risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti ambulatoriali con COVID-19 che erano in terapia anticoagulante ambulatoriale al momento della diagnosi hanno avuto un rischio di ospedalizzazione ridotto del 43%.

La mancata somministrazione di anticoagulanti al momento del ricovero o il mantenimento dell’anticoagulazione ambulatoriale nei pazienti ospedalizzati con COVID-19 è stato associato ad un aumento del rischio di mortalità.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer review: EClinical Medicine di Lancet.

link di riferimento: https://www.thelancet.com/journals/eclinm/article/PIIS2589-5370(21)00419-3/fulltext

entrando nello specifico della ricerca….

La fisiopatologia dell’ipercoagulabilità in COVID-19 è compresa in modo incompleto. Tuttavia, l’aumento del rischio di eventi tromboembolici è probabilmente correlato ai tradizionali fattori di rischio e ai meccanismi esclusivi di COVID-19, come aumento dell’infiammazione, ipossia e infiammazione dell’endotelio [[9],[10]].

Il legame di SARS-CoV-2 alla cellula ospite bersaglio genera il rilascio di citochine infiammatorie, promuovendo la migrazione delle cellule immunitarie al sito del danno tissutale [[11]]. Queste cellule immunitarie attivate aggravano il danno endoteliale attraverso un aumento della perdita vascolare e la formazione di micro trombi [[12],[13]].

I tassi di mortalità più elevati osservati tra i pazienti COVID-19 con D-dimeri elevati possono essere correlati a questi meccanismi [[7],[14],[15]].


Gli anticoagulanti sono indicati nei pazienti con tromboembolia venosa e fibrillazione atriale con la durata minima di tre mesi per tromboembolia venosa provocata [[16],[17]]. Abbiamo deciso di studiare l’impatto dell’anticoagulazione ambulatoriale persistente (OPAC) sul rischio di esiti avversi nel contesto del COVID-19.

Uno studio italiano retrospettivo che ha coinvolto settanta pazienti anziani ha scoperto che l’anticoagulazione ambulatoriale era associata a una ridotta mortalità da COVID-19 [[18]]. In uno studio non controllato dagli Stati Uniti, un centinaio di pazienti in terapia anticoagulante ambulatoriale presentavano complicanze trombotiche inferiori e una malattia meno grave quando è stato diagnosticato il COVID-19 [[19]].

Mentre alcuni studi hanno esplorato il ruolo dell’anticoagulazione ambulatoriale, la maggior parte si è concentrata sulle strategie anticoagulanti ospedaliere per ridurre gli eventi trombotici e la mortalità. Ad esempio, in uno studio su 4389 pazienti ospedalizzati con COVID-19 negli Stati Uniti, l’anticoagulazione ha ridotto la mortalità e l’intubazione in ospedale, sebbene non vi fosse alcuna differenza statisticamente significativa negli esiti dei pazienti con strategie profilattiche rispetto a quelle terapeutiche anticoagulanti [[20]].

In un altro studio retrospettivo su 395 pazienti ricoverati COVID-19 a New York City che richiedevano ventilazione meccanica, la mortalità ospedaliera era del 29% per quelli trattati con anticoagulanti terapeutici rispetto al 62% per coloro che non avevano ricevuto alcun anticoagulante [[21]]. In uno studio cinese monocentrico su pazienti COVID-19 ospedalizzati, 99 su 449 sono stati trattati con eparina a basso peso molecolare a dose profilattica.

Il trattamento con eparina non è stato associato alla mortalità complessiva; tuttavia, il trattamento con eparina era associato a un minor rischio di morte tra i pazienti con elevato D-dimero o un elevato punteggio di coagulopatia indotta da sepsi [[22]].

Pochi studi hanno esaminato l’impatto dell’inizio dell’anticoagulazione stratificato per il rischio in base alla gravità della malattia utilizzando età, sesso, condizioni di comorbidità, segni vitali e valore del D-dimero tra i pazienti ospedalizzati con COVID-19 nonostante il loro uso diffuso [23, 24, 25 , 26, 27, 28].

A tal fine, i migliori risultati dei pazienti ospedalizzati con COVID-19 in terapia anticoagulante hanno negato le precedenti preoccupazioni nella comunità scientifica per la coagulopatia intravascolare disseminata (CID) che erano state segnalate in precedenza nella pandemia [[29]]. Questo documento ha definito l’anticoagulazione ospedaliera (IPAC) come l’inizio dell’anticoagulazione per la profilassi, l’aumento della dose profilattica o terapeutica, o la continuazione dell’anticoagulazione ambulatoriale.

Per esplorare ulteriormente l’impatto dell’anticoagulazione sugli esiti di COVID-19 , abbiamo sfruttato i dati di un ampio campione di pazienti adulti COVID-19 provenienti da un singolo sistema ospedaliero nel Midwest superiore.

Sulla base dei migliori risultati tra i pazienti ospedalizzati esposti all’anticoagulazione, abbiamo ipotizzato che l’anticoagulazione ambulatoriale (OPAC) sarebbe associata a un ridotto rischio di ricovero ospedaliero e mortalità tra i pazienti in terapia anticoagulante prima della diagnosi di COVID-19 rispetto ai pazienti che non lo erano. 

Abbiamo anche ipotizzato che l’IPAC ridurrebbe il rischio di mortalità tra i pazienti ricoverati rispetto ai pazienti che non sono in terapia anticoagulante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.