La pillola sperimentale COVID-19 di Merck ha dimezzato i ricoveri e i decessi

0
71

In un potenziale balzo in avanti nella lotta globale contro la pandemia, il produttore farmaceutico Merck ha affermato venerdì che la sua pillola sperimentale per le persone malate di COVID-19 ha ridotto della metà i ricoveri e i decessi.

Se approvato dalle autorità di regolamentazione, sarebbe la prima pillola mostrata per curare il COVID-19, aggiungendo un’arma completamente nuova e facile da usare a un arsenale che include già il vaccino.

La società ha affermato che presto chiederà ai funzionari sanitari negli Stati Uniti e in tutto il mondo di autorizzare l’uso della pillola. Una decisione della Food and Drug Administration degli Stati Uniti potrebbe arrivare entro poche settimane e il farmaco, se ottiene l’ok, potrebbe essere distribuito rapidamente poco dopo.

Tutti gli altri trattamenti COVID-19 ora autorizzati negli Stati Uniti richiedono una flebo o un’iniezione. Una pillola presa a casa, al contrario, allevierebbe la pressione sugli ospedali e potrebbe anche aiutare a frenare le epidemie negli angoli più poveri e remoti del mondo che non hanno accesso alle terapie infusionali più costose.

“Questo ci consentirebbe di trattare molte più persone molto più rapidamente e, confidiamo, in modo molto meno costoso”, ha affermato il dott. William Schaffner, esperto di malattie infettive presso la Vanderbilt University che non è stato coinvolto nella ricerca.

Merck e il suo partner Ridgeback Botherapeutics hanno affermato che i primi risultati hanno mostrato che i pazienti che hanno ricevuto il farmaco, molnupiravir, entro cinque giorni dai sintomi di COVID-19 hanno avuto circa la metà del tasso di ospedalizzazione e morte di quelli che hanno ricevuto una pillola fittizia.

Lo studio ha monitorato 775 adulti con COVID-19 da lieve a moderato che erano considerati ad alto rischio di malattie gravi a causa di problemi di salute come obesità, diabete o malattie cardiache.

I risultati non sono stati esaminati da esperti esterni, la consueta procedura per il controllo di nuove ricerche mediche.

Merck afferma che la pillola COVID-19 riduce il rischio di morte, ospedalizzazione
Questa immagine non datata fornita da Merck & Co. mostra il loro nuovo farmaco antivirale. La società farmaceutica Merck & Co. ha dichiarato venerdì 1 ottobre 2021 che la sua pillola sperimentale COVID-19 ha ridotto della metà i ricoveri e i decessi nelle persone recentemente infettate dal coronavirus e che presto chiederà ai funzionari sanitari negli Stati Uniti e in tutto il mondo autorizzarne l’utilizzo. Credito: Merck & Co. tramite AP

Tra i pazienti che assumevano molnupiravir, il 7,3% è stato ricoverato in ospedale o è deceduto alla fine dei 30 giorni, rispetto al 14,1% di quelli che assumevano la pillola fittizia.

Dopo quel periodo di tempo, non ci sono stati decessi tra coloro che hanno ricevuto il farmaco, rispetto agli otto nel gruppo placebo, secondo Merck.

Il farmaco ha anche dimostrato di essere costantemente efficace contro tutti i ceppi di COVID-19, inclusa la variante delta altamente contagiosa.

Una pillola per trattare efficacemente il COVID-19 è stata a lungo un obiettivo importante e i nuovi risultati hanno rapidamente ottenuto il plauso degli esperti.

“Questo è un risultato fenomenale, voglio dire che è un profondo punto di svolta avere una pillola orale che ha avuto questo tipo di effetto”, ha detto l’ex commissario della Food and Drug Administration (FDA) Scott Gottlieb alla CNBC.

Ogni partecipante allo studio non era vaccinato e aveva almeno una condizione di salute di base che aumentava le possibilità di sviluppare un caso più grave di COVID-19. Alcuni dei fattori di salute più comuni tra i partecipanti includevano l’obesità, il diabete, le malattie cardiache e l’età superiore ai 60 anni. 

Lo studio è stato condotto in più di 170 siti in paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Taiwan e Sud Africa.

“Con questi risultati convincenti, siamo ottimisti sul fatto che il molnupiravir possa diventare un farmaco importante come parte dello sforzo globale per combattere la pandemia e si aggiungerà all’eredità unica di Merck di portare avanti scoperte nelle malattie infettive quando sono più necessarie”, Robert M. Davis, CEO e presidente di Merck, ha dichiarato in una nota.

“Coerentemente con l’impegno incrollabile di Merck per salvare e migliorare vite, continueremo a lavorare con le agenzie di regolamentazione sulle nostre applicazioni e faremo tutto il possibile per portare molnupiravir ai pazienti il ​​più rapidamente possibile”.

“Questo è un risultato fenomenale, voglio dire che è un profondo punto di svolta avere una pillola orale che ha avuto questo tipo di effetto”, ha detto l’ex commissario della Food and Drug Administration (FDA) Scott Gottlieb alla CNBC.

Ogni partecipante allo studio non era vaccinato e aveva almeno una condizione di salute di base che aumentava le possibilità di sviluppare un caso più grave di COVID-19.

Alcuni dei fattori di salute più comuni tra i partecipanti includevano l’obesità, il diabete, le malattie cardiache e l’età superiore ai 60 anni. 

Lo studio è stato condotto in più di 170 siti in paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Taiwan e Sud Africa.

“Con questi risultati convincenti, siamo ottimisti sul fatto che il molnupiravir possa diventare un farmaco importante come parte dello sforzo globale per combattere la pandemia e si aggiungerà all’eredità unica di Merck di portare avanti scoperte nelle malattie infettive quando sono più necessarie”, Robert M. Davis, CEO e presidente di Merck, ha dichiarato in una nota. “Coerentemente con l’impegno incrollabile di Merck per salvare e migliorare vite, continueremo a lavorare con le agenzie di regolamentazione sulle nostre applicazioni e faremo tutto il possibile per portare molnupiravir ai pazienti il ​​più rapidamente possibile”.

I risultati sono stati così forti che un gruppo indipendente di esperti medici che monitoravano lo studio ha raccomandato di interromperlo presto.

I dirigenti dell’azienda hanno dichiarato di voler presentare i dati alla FDA nei prossimi giorni.

Anche con la notizia di un nuovo trattamento potenzialmente efficace, gli esperti hanno sottolineato l’importanza dei vaccini per il controllo della pandemia, dato che aiutano a prevenire la trasmissione e riducono anche la gravità della malattia in coloro che vengono infettati.

Il coordinatore del coronavirus della Casa Bianca Jeff Zients ha affermato che la vaccinazione rimarrà la principale strategia del governo per controllare la pandemia. “Vogliamo prevenire le infezioni, non solo aspettare di curarle quando si verificano”, ha detto.

Il dottor Anthony Fauci, la principale autorità del governo sulle malattie infettive, ha definito i risultati di Merck “un’ottima notizia”.

Merck ha studiato il suo farmaco solo in persone che non erano state vaccinate. Ma i regolatori della FDA potrebbero prendere in considerazione l’autorizzazione per un uso più ampio nei pazienti vaccinati che presentano sintomi di COVID-19 innovativi.

Merck afferma che la pillola COVID-19 riduce il rischio di morte, ospedalizzazione
Questa immagine non datata fornita da Merck & Co. mostra il loro nuovo farmaco antivirale. La società farmaceutica Merck & Co. ha annunciato venerdì 1 ottobre 2021 che la sua pillola sperimentale COVID-19 ha ridotto della metà i ricoveri e i decessi nelle persone recentemente infettate dal coronavirus e che presto avrebbe chiesto ai funzionari sanitari negli Stati Uniti e in tutto il mondo autorizzarne l’uso. Credito: Merck & Co. tramite AP

Andrew Pekosz della Johns Hopkins University ha previsto che vaccini e farmaci antivirali sarebbero stati utilizzati insieme per proteggersi dagli effetti peggiori del COVID-19.

“Questi non dovrebbero essere visti come sostituti della vaccinazione: i due dovrebbero essere visti come due strategie che possono essere utilizzate insieme per ridurre significativamente la malattia grave”, ha affermato Pekosz, specialista in virologia.

I pazienti prendono quattro pillole di molnupiravir due volte al giorno per cinque giorni. Gli effetti collaterali sono stati riportati da entrambi i gruppi nello studio Merck, ma erano leggermente più comuni tra coloro che avevano ricevuto una pillola fittizia. La società non ha specificato i problemi.

I risultati di studi precedenti hanno mostrato che il farmaco non ha beneficiato i pazienti che erano già stati ricoverati in ospedale con una malattia grave. Non è sorprendente, dato che i farmaci antivirali sono più efficaci se usati prima che il virus si diffonda nel corpo.

Gli Stati Uniti hanno approvato un farmaco antivirale, remdesivir, per COVID-19 e hanno consentito l’uso di emergenza di tre terapie anticorpali che aiutano il sistema immunitario a combattere il virus. Ma tutti i farmaci sono costosi e devono essere somministrati per via endovenosa o per iniezione negli ospedali o nelle cliniche, e le forniture sono state aumentate dall’ultima ondata della variante delta.

I farmaci anticorpali hanno dimostrato di ridurre il ricovero e la morte di circa il 70% se somministrati a pazienti ad alto rischio, circa 20 punti percentuali in più rispetto alla pillola di Merck. Ma gli esperti hanno messo in guardia dal confrontare i risultati dei due, data la natura preliminare dei dati di Merck.

Gli esperti di salute, tra cui Fauci, chiedono da tempo una pillola conveniente che i pazienti possano assumere quando compaiono per la prima volta i sintomi di COVID-19, proprio come viene somministrato Tamiflu per aiutare ad accelerare il recupero dall’influenza.

Come altri antivirali, la pillola di Merck agisce interferendo con la capacità del virus di copiare il proprio codice genetico e riprodursi.

Il governo degli Stati Uniti si è impegnato ad acquistare abbastanza pillole per curare 1,7 milioni di persone, supponendo che la FDA autorizzi il farmaco.

Merck ha detto che può produrre pillole per 10 milioni di pazienti entro la fine dell’anno e ha contratti con i governi di tutto il mondo. L’azienda non ha comunicato i prezzi.

Diverse altre aziende, tra cui Pfizer e Roche, stanno studiando farmaci simili e potrebbero riportare risultati nelle prossime settimane e mesi.

Merck aveva pianificato di arruolare più di 1.500 pazienti nel suo studio in fase avanzata prima che il consiglio indipendente lo interrompesse presto. I risultati riportati venerdì includevano pazienti in tutta l’America Latina, Europa e Africa. I dirigenti hanno stimato che il 10% dei pazienti studiati proveniva dagli Stati Uniti


Molnupiravir, il profarmaco dell’analogo ribonucleosidico β-D-N4-idrossicitidina (NHC), viene rapidamente convertito nel plasma in NHC e quindi nella forma attiva 5′-trifosfato dalle chinasi dell’ospite.9

Il 5′-trifosfato attivo funge da substrato competitivo per l’RNA polimerasi RNA-dipendente codificata da virus (RdRp) e, una volta incorporato nell’RNA virale nascente, induce un effetto antivirale tramite l’accumulo di mutazioni che aumentano con ogni ciclo di replicazione virale.9– 11

Gli studi preclinici rivelano un’attività antivirale ad ampio spettro contro i coronavirus, incluso SARS-CoV-2 con un’elevata barriera alla resistenza.12,13 Nei modelli murini umanizzati, il trattamento e la profilassi con molnupiravir hanno ridotto SARS-CoV, SARS-CoV-2, ad alto rischio Coronavirus di pipistrello simili alla SARS e replicazione e patogenesi del virus della sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus (MERS-CoV).14,15

In un modello di furetto SARS-CoV-2, il trattamento con molnupiravir ha completamente bloccato la trasmissione agli animali non trattati, sottolineando che il trattamento precoce potrebbe potenzialmente prevenire la diffusione secondaria di SARS-CoV-2.8

Molnupiravir ha dimostrato di essere sicuro e ben tollerato in uno studio di Fase 1, primo nell’uomo, su volontari sani.9 Riportiamo i risultati di uno studio di Fase 2a, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, multicentrico progettato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l’attività antivirale di molnupiravir somministrato due volte al giorno per 5 giorni nel trattamento di pazienti con COVID-19 da lieve a moderata.

Le ipotesi includevano che molnupiravir ridurrebbe il tempo di eliminazione del virus SARS-CoV-2 nei tamponi nasofaringei e sarebbe sicuro e ben tollerato negli adulti sintomatici con infezione da SARS-CoV-2.

link di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.06.17.21258639v1.full-text

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.