La gotta è un fattore di rischio per le infezioni da SARS-CoV-2

0
61

I ricercatori dell’Università di Otago-Nuova Zelanda, dell’Università dell’Alabama a Birmingham-USA, dell’Università del Queensland-Australia e dell’Università di Auckland-Nuova Zelanda hanno scoperto in un nuovo studio che la gotta è un fattore di rischio per le infezioni da SARS-CoV-2 e mortalità da COVID-19.

I risultati dello studio hanno anche mostrato che le donne con gotta hanno un rischio di morte COVID-19 più elevato rispetto agli uomini.

Il team di studio internazionale ha utilizzato i dati della biobanca britannica che includeva 15.560 persone con gotta. La regressione logistica aggiustata per più variabili è stata impiegata nelle seguenti analisi utilizzando un disegno di studio caso-controllo: analisi A, per verificare l’associazione tra gotta e diagnosi di COVID-19 (n = 459.837); Analisi B, per testare l’associazione tra gotta e morte correlata a COVID-19 in una coorte caso-controllo di individui deceduti o sopravvissuti con COVID-19 (n=16.336); Analisi C, per testare l’associazione tra gotta e morte correlata a COVID-19 nell’intera coorte della biobanca britannica (n = 459.837); Analisi D, per stratificare per prescrizione di terapia ipoglicemizzante (ULT) e colchicina sul rischio di morte correlato a COVID-19 in un sottogruppo della coorte della Biobanca britannica con dati sui farmaci (n = 341.398).

I risultati dello studio hanno mostrato che la gotta era associata alla diagnosi di COVID-19 nell’analisi A (OR=1,2 [1,1; 1,3]) ma non al rischio di morte nel gruppo con diagnosi di COVID-19 nell’analisi B. Nell’analisi C gotta associata con rischio di morte correlato a COVID-19 nel modello non aggiustato (OR=3.9 [3.3 ; 4.7]), nel Modello 1 aggiustato per fattori demografici (OR=1,8 [1.5 ; 2.1]) e nel Modello 2 completamente aggiustato (OR =1.3 [1.1 ; 1.6]). Nell’Analisi C il rischio era più alto nelle donne rispetto agli uomini nel Modello 1 aggiustato per fattori demografici (OR=3,5 [2,4; 5,0] e OR=1,5 [1,2; 1,8], rispettivamente) con la differenza mantenuta dopo ulteriori aggiustamenti per otto co- morbilità (OR

I risultati dello studio sono stati pubblicati su un server di prestampa e sono attualmente in fase di revisione paritaria.

collegamento di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.09.28.21264270v1

Discussione

La gotta è un’artropatia molto diffusa (ad esempio il 3,9% nella popolazione degli Stati Uniti14 e il 14% nelle persone di etnia del Pacifico15) ma ha ricevuto un’attenzione estremamente limitata rispetto agli esiti di COVID-19.16

Qui, per la prima volta, riportiamo l’associazione della gotta (OR=1,3) con la morte correlata a COVID-19 in uno studio multivariato basato sulla popolazione. Il supporto statistico, tuttavia, è relativamente debole, il che significa che è necessaria la replica in coorti più grandi.

La maggior parte del rischio di morte correlato a COVID-19 è stato rappresentato da otto comorbilità metaboliche negli uomini, ma non nelle donne, nonostante il rischio più elevato di comorbilità metabolica nelle donne con gotta.9 Questa è la prova della presenza di fattori di rischio aggiuntivi per la morte correlata a COVID-19 nelle donne.

Quali potrebbero essere questi fattori di rischio non è stato rivelato dalla nostra analisi, ma potrebbe essere correlato a fattori alla base del noto rischio più elevato di comorbilità metabolica nelle donne con gotta.

Quando abbiamo studiato l’influenza della colchicina, non abbiamo riscontrato differenze nel rischio di morte correlato a COVID-19 nella coorte di gotta.

Lo studio clinico randomizzato controllato con placebo COLCORONA ha fornito, ancora non replicato, prove del fatto che la colchicina riduce il rischio di morte o di ricovero ospedaliero nei pazienti COVID-19 provati con PCR.17

La stima del rischio non aggiustato altamente statisticamente significativa per la morte correlata a COVID-19 nella popolazione generale era OR = 3,9 per la gotta ed era particolarmente alta per le donne con gotta (OR = 9,4). Queste stime grezze possono essere utilizzate nelle discussioni medico-paziente in merito alle decisioni dei pazienti di vaccinarsi contro SARS-Cov-2.

Attualmente si sa poco sull’esitazione al vaccino nelle persone con malattie reumatiche. Nella popolazione italiana l’esitazione vaccinale è maggiore nelle persone con malattia reumatica.18,19 La possibilità di esitazione vaccinale nelle persone con gotta è preoccupante nel contesto dei nostri dati di aumento del rischio di morte correlato a COVID-19.

Sebbene non siamo in grado di generalizzare i nostri risultati alle popolazioni non britanniche, in assenza di prove contrarie l’approccio più sicuro è presumere che i rischi di morte correlati a COVID-19 in altri gruppi di popolazione siano almeno equivalenti. Ad esempio, la prevalenza della gotta nella popolazione Māori di Aotearoa Nuova Zelanda è dell’8% e del 14% nella popolazione del Pacifico, rispetto al 4% nella popolazione non Māori non del Pacifico.15 Queste cifre giustificano una strategia mirata per la vaccinazione di Maori e persone del Pacifico con gotta in tutte le strutture sanitarie.

Abbiamo identificato nove limiti alle nostre analisi. Uno, queste analisi riguardano la popolazione da cui è stata derivata la UK Biobank, prevalentemente il gruppo etnico di mezza età europeo bianco del Regno Unito, e non sono necessariamente generalizzabili ad altri gruppi etnici o altri gruppi etnici bianchi europei.

Due, non ci sono nemmeno informazioni disponibili sullo stato di recupero, quindi c’è la possibilità di ulteriori decessi non identificati nel gruppo diagnosticato COVID-19 nell’analisi B. Oltre a questo, i risultati di COVID-19 saranno stati influenzati nel periodo di tempo di questo studio (marzo 2020-aprile 2021) con l’evoluzione dei trattamenti clinici. Siamo stati in grado di spiegarlo solo nell’analisi B.

Test limitati al di fuori dell’ambiente ospedaliero significano che l’intera portata dell’infezione da SARS-CoV-2 non è nota in questa popolazione. Pertanto, non è possibile confrontare accuratamente il COVID-19 asintomatico o lieve con quelli con malattia più grave.

Tre, il set di dati UK Biobank è anche limitato a quelli di età compresa tra 49 e 86 anni a partire dal 2020, una fascia demografica con un rapporto di mortalità più elevato.20 Ciò avrà contribuito al tasso di mortalità per infezione gonfiato nella coorte UK Biobank del 6,6%, ben al di sopra stime della popolazione generale dallo 0,5 all’1,5% (es. rif21).

Pertanto i nostri risultati non possono essere generalizzati a coloro che hanno meno di 50 anni. Quattro, c’è il potenziale nell’analisi B per il bias dell’evento indice (collider) derivante dal condizionamento del campione impostato sulla diagnosi COVID-19 che servirebbe a bias verso il nulla.22 Tuttavia, queste limitazioni sono state affrontate utilizzando l’intero approccio basato sulla coorte in Analisi C. Cinque, non è stato possibile valutare l’effetto potenziale della gravità nella gotta (ad es. presenza/assenza di tofo, frequenza delle riacutizzazioni).

Sei, nel contesto delle segnalazioni di una relazione a forma di U dei livelli sierici di urato e COVID-19,23-25 ​​non siamo stati in grado di indagare sull’eventuale influenza degli attuali livelli sierici di urato sulla morte con COVID-19 poiché questi dati non sono disponibili nel Biobanca britannica.

Sette, i dati sulla prescrizione dei medicinali erano un singolo script solo da parte dei medici di base, non c’era modo di accertare l’aderenza o se i partecipanti stessero assumendo il farmaco durante la pandemia di COVID-19, anche se abbiamo tentato di tenerne conto utilizzando solo le informazioni sulla prescrizione del 2019 e del 2020 .

Otto, non siamo stati in grado di spiegare l’effetto della modifica del comportamento individuale sui risultati. Ad esempio, è stato riportato che le persone con malattie reumatiche nei Paesi Bassi hanno il doppio delle probabilità di aderire a rigide misure di isolamento rispetto ai controlli sani26 e, nel Regno Unito, le persone con fattori di rischio per esiti negativi da COVID-19 mostrano un comportamento di mitigazione del rischio maggiore. 27

Un ultimo punto è che abbiamo incluso le comorbilità per la gotta come variabili nel Modello 2 – non c’è consenso sul fatto che ciò debba essere fatto negli studi epidemiologici sugli esiti di COVID-19 nelle malattie reumatiche.28 Pertanto abbiamo incluso anche modelli con meno aggiustatori (non aggiustati e aggiustati per BMI e fattori demografici).

In sintesi, forniamo prove di un aumento del rischio di gotta per la morte correlata a COVID-19. La comprensione dei fattori che determinano l’aumento del rischio nelle donne con gotta deve essere ulteriormente esplorata in set di dati più ampi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.