Fenchol: il composto naturale del basilico può proteggere dall’Alzheimer

0
57

Il fenchol, un composto naturale abbondante in alcune piante tra cui il basilico, può aiutare a proteggere il cervello dalla patologia del morbo di Alzheimer, suggerisce uno studio preclinico condotto dai ricercatori della University of South Florida Health (USF Health).

Il nuovo studio pubblicato il 5 ottobre su Frontiers in Aging Neuroscience, ha scoperto un meccanismo di rilevamento associato al microbioma intestinale che spiega come il fenchol riduce la neurotossicità nel cervello di Alzheimer.

Prove emergenti indicano che gli acidi grassi a catena corta (SCFA), metaboliti prodotti da batteri intestinali benefici e fonte primaria di nutrimento per le cellule del colon, contribuiscono alla salute del cervello.

L’abbondanza di SCFA è spesso ridotta nei pazienti più anziani con lieve deterioramento cognitivo e malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza. Tuttavia, come questo declino degli SCFA contribuisca alla progressione della malattia di Alzheimer rimane in gran parte sconosciuto.

Gli SCFA derivati ​​dall’intestino che viaggiano attraverso il sangue fino al cervello possono legarsi e attivare il recettore 2 degli acidi grassi liberi (FFAR2), una molecola di segnalazione cellulare espressa sulle cellule cerebrali chiamate neuroni.

“Il nostro studio è il primo a scoprire che la stimolazione del meccanismo di rilevamento FFAR2 da parte di questi metaboliti microbici (SCFA) può essere utile nel proteggere le cellule cerebrali dall’accumulo tossico della proteina amiloide-beta (Aβ) associata all’Alzheimer”, ha affermato il ricercatore principale. Hariom Yadav, Ph.D., professore di neurochirurgia e riparazione del cervello presso l’USF Health Morsani College of Medicine, dove dirige il Centro USF per la ricerca sul microbioma.

Una delle due patologie tipiche dell’Alzheimer sono i depositi induriti di Aβ che si aggregano tra le cellule nervose per formare placche di proteine ​​amiloidi nel cervello.

L’altro sono grovigli neurofibrillari di proteina tau all’interno delle cellule cerebrali. Queste patologie contribuiscono alla perdita e alla morte dei neuroni che alla fine causano l’insorgenza dell’Alzheimer, una malattia neurodegenerativa caratterizzata da perdita di memoria, capacità di pensiero e altre capacità cognitive.

Il dottor Yadav e i suoi collaboratori approfondiscono i meccanismi molecolari per spiegare come le interazioni tra il microbioma intestinale e il cervello potrebbero influenzare la salute del cervello e il declino cognitivo legato all’età. In questo studio, ha affermato il dott. Yadav, il team di ricerca si è proposto di scoprire la funzione “precedentemente sconosciuta” di FFAR2 nel cervello.

I ricercatori hanno prima dimostrato che l’inibizione del recettore FFAR2 (bloccando così la sua capacità di “rilevare” gli SCFA nell’ambiente esterno alla cellula neuronale e trasmettere segnali all’interno della cellula) contribuisce all’accumulo anomalo della proteina Aβ causando neurotossicità legata all’Alzheimer.

Quindi, hanno eseguito uno screening virtuale su larga scala di oltre 144.000 composti naturali per trovare potenziali candidati che potrebbero imitare lo stesso effetto benefico degli SCFA prodotti dal microbiota nell’attivazione della segnalazione FFAR2.

Identificare un composto naturale alternativo agli SCFA per indirizzare in modo ottimale il recettore FFAR2 sui neuroni è importante, perché le cellule dell’intestino e di altri organi consumano la maggior parte di questi metaboliti microbici prima che raggiungano il cervello attraverso la circolazione sanguigna, ha osservato il dott. Yadav.

Il team del Dr. Yadav ha ristretto 15 principali candidati composti al più potente. Il fenchol, un composto di origine vegetale che conferisce al basilico il suo profumo aromatico, è stato il migliore nel legarsi al sito attivo del FFAR per stimolarne la segnalazione.

Ulteriori esperimenti in colture di cellule neuronali umane, così come Caenorhabditis (C.) elegans (verme) e modelli murini della malattia di Alzheimer hanno dimostrato che il fenchol ha ridotto significativamente l’accumulo di Aβ in eccesso e la morte dei neuroni stimolando la segnalazione FFAR2, il meccanismo di rilevamento del microbioma.

Quando i ricercatori hanno esaminato più da vicino come il fenchol modula la neurotossicità indotta da Aβ, hanno scoperto che il composto riduceva le cellule neuronali senescenti, note anche come cellule “zombie”, che si trovano comunemente nel cervello con patologia del morbo di Alzheimer.

Le cellule zombi smettono di replicarsi e muoiono di morte lenta. Nel frattempo, ha detto il dottor Yadav, si accumulano negli organi malati e invecchiati, creano un ambiente infiammatorio dannoso e inviano segnali di stress o morte alle cellule sane vicine, che alla fine si trasformano anche in cellule zombi dannose o muoiono.

“Il Fenchol in realtà influenza i due meccanismi correlati di senescenza e proteolisi”, ha detto il dott. Yadav a proposito dell’intrigante scoperta dello studio preclinico. “Riduce la formazione di cellule neuronali zombie semimorte e aumenta anche la degradazione di Aβ (non funzionante), in modo che la proteina amiloide venga eliminata dal cervello molto più velocemente”.

Prima di iniziare a gettare un sacco di basilico in più nella salsa di spaghetti o in qualsiasi altra cosa mangi per aiutare a prevenire la demenza, sono necessarie ulteriori ricerche, anche negli umani.

Nell’esplorare il fenchol come possibile approccio per il trattamento o la prevenzione della patologia di Alzheimer, il team della USF Health cercherà risposte a diverse domande.

Una chiave è se il fenchol consumato nel basilico stesso sarebbe più o meno bioattivo (efficace) rispetto all’isolamento e alla somministrazione del composto in una pillola, ha detto il dott. Yadav.

“Vogliamo anche sapere se una potente dose di basilico o fenchol sarebbe un modo più rapido per ottenere il composto nel cervello”.


Cos’è Fenchol?

Fenchol, noto anche come alcool fenchilico o 2-fenchanol, è un monoterpenoide e isomero del terpene borneolo. È noto per il suo profumo a base di erbe ed è un ingrediente comune per produrre candele, shampoo, profumi, detersivi per bucato e come additivo alimentare.

Una delle piante più comuni identificate con questo terpene è il Basilico; tuttavia è presente anche nelle foglie di eucalipto, sedano selvatico, noce moscata, fiori di aster e agrumi. La sua fragranza è percepita come erbacea, terrosa e può avere un sapore di canfora o pino.

A differenza di molti altri terpeni, il fenchol non agisce come sedativo. Può avere l’effetto di svegliarti; tuttavia, non è uno stimolante. Recentemente è stato studiato, tra gli altri benefici, per le sue proprietà antibiotiche. Fenchol combinato con linalolo e B-fellandrene potrebbe potenziare le azioni antiossidanti e antimicrobiche.

Molti antibiotici non funzionano più a causa di virus e batteri che ora sono resistenti a loro. Questo terpene, usato insieme a cannabinoidi o composti chimici, può potenziare le proprietà medicinali della cannabis. Questo fenomeno è comunemente noto come effetto entourage.

Cultivar di cannabis ricca di Fenchol

I ceppi con alti livelli di Fenchol includono:

● E KUSH

● Banana Kush

● Sorbetto

Benefici di Fenchol

Come accennato in precedenza, siamo nelle fasi iniziali della comprensione del pieno potenziale dei terpeni e delle loro interazioni. Fenchol ha mostrato risultati positivi in ​​diverse aree terapeutiche, comprese le sue proprietà come antibatterico, antiossidante e antimicrobico.

Antimicrobico

Il Scientific World Journal ha pubblicato nel 2013 uno studio che ha dimostrato che le combinazioni del terpene Linalool con Fenchol hanno dimostrato proprietà sia antimicrobiche che antiossidanti (Guleria et al., 2013).

Antibatterico

Uno studio pubblicato nel 2017 ha mostrato l’efficacia del terpene Fenchol contro un gran numero di batteri. Nello studio, la potenza del fenchol è stata misurata contro la penicillina nella lotta contro 63 diversi ceppi batterici. Sebbene la penicillina sia ancora più efficace, è stato scoperto che il fenchol impedisce la crescita batterica.

Analgesico

Secondo uno studio condotto nel 2014, il fenchol potrebbe svolgere un ruolo nell’alleviare il dolore. I risultati hanno mostrato come il fenchol (alcol fenchilico) potrebbe inibire una proteina influente nel sistema di segnalazione del dolore del corpo (recettore TRPA1). Inoltre, lo studio suggerisce che altri monoterpeni possiedono proprietà antidolorifiche (Takaishi, Uchida, Fujita e Tominaga, 2014)

Fenchol in poche parole

Gli effetti potenziali completi di Fenchol sono oggetto di ricerca e studio. Senza dubbio, il potere dei terpeni sta appena iniziando a essere compreso.

Il profumo di Fenchol è considerato rinfrescante e terroso, motivo per cui è comune nell’industria delle fragranze. Ha anche potenziali applicazioni terapeutiche come antiossidante, antinfiammatorio, antimicrobico, antimicotico e analgesico (antidolorifico).

Comprendere come funzionano i terpeni, sia individualmente che in sinergia con altri terpeni e cannabinoidi, è molto promettente per massimizzare la salute e il benessere generale.

Riferimenti:

  1. Chouhan, S. (2017). Attività antimicrobica di alcuni oli essenziali: stato attuale e prospettive future. Medicinali . 4(3): 58.
  2. https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/Fenchol
  3. Kotan, R., Kordali, S. (2007). Screening delle attività antibatteriche di ventuno monoterpeni ossigenati. Giornale di Bioscienze.  62(7-8):507-13.
  4. Russo, E. (2011). Domare il THC: potenziale sinergia di cannabis ed effetti entourage fitocannabinoidi-terpenoidi. British  Journal of Pharmacology.  (163)7: 1344-1364.
  5. Takaishi, M., Uchida, K., et al. (2014). Effetti inibitori dei monoterpeni sul TRPA1 umano e le basi strutturali della loro attività. Giornale di scienze fisiologiche.  64(1): 47–57.
  6. Guleria, S., Tiku, A., Koul, A., Gupta, S., Singh, G. e Razdan, V. (2013, 28 maggio). Proprietà antiossidanti e antimicrobiche dell’olio essenziale e degli estratti di Zanthoxylum alatum coltivati ​​nell’Himalaya nord-occidentale. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3679694/
  7. AK (2007). Screening delle attività antibatteriche di ventuno monoterpeni ossigenati. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17913064/

Maggiori informazioni: Atefeh Razazan et al, Activation of Microbiota Sensing – Free Fatty Acid Receptor 2 Signaling migliora la neurotossicità indotta dall’amiloide-β modulando l’asse di proteolisi-senescenza, Frontiers in Aging Neuroscience (2021). DOI: 10.3389/fnagi.2021.735933

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.