Le diete antinfiammatorie comprendenti cucina mediterranea – Vitamine C – D – Acidi grassi Omega-3 e Zinco aiutano in COVID-19 specialmente in termini di prevenzione della gravità della malattia

0
65

Il COVID-19 sopprime il sistema immunitario provocando una risposta infiammatoria sistemica, nota anche come sindrome da rilascio di citochine, lasciando i pazienti affetti da COVID-19 con alti livelli di citochine e chemochine proinfiammatorie.
 
La funzione della nutrizione nei sistemi respiratorio e immunitario è stata studiata in molte ricerche e il suo significato non può essere sopravvalutato, poiché è stato dimostrato che lo stato nutrizionale dei pazienti è direttamente collegato alla gravità della malattia. Componenti chiave della dieta come la vitamina C, D, gli acidi grassi omega-3 e lo zinco hanno mostrato un potenziale nei loro effetti antinfiammatori, così come la famosa dieta mediterranea.
 
Una ricerca ha scoperto che l’uso di approcci dietetici antinfiammatori in una certa misura previene le infezioni da Sars-CoV-2 e persino riduce gli effetti di COVID-19.
 
I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer reviewed: Diseases.
https://www.mdpi.com/2079-9721/9/4/76

La sindrome respiratoria acuta grave coronavirus-2 (SARS-CoV-2), nota anche come COVID-19, è una malattia contagiosa che ha iniziato a diffondersi a Wuhan, in Cina, nel 2019 [1]. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato la malattia in rapida evoluzione come una pandemia globale [2].

Da allora, ha causato uno sforzo senza precedenti sui sistemi sanitari, con mortalità e gravità schiaccianti a livello globale. La malattia si presenta in una vasta gamma di sintomi, in particolare con tosse, febbre, affaticamento e mancanza di respiro, o in casi critici con gravi complicazioni come insufficienza respiratoria o sindromi da disfunzione multipla d’organo, che spesso portano alla morte [3].

L’evidenza suggerisce che la morbilità di COVID-19 è associata ad un aumento dei livelli di mediatori infiammatori come citochine e chemochine, con interferone-γ, interleuchina-1, interleuchina-6, TNF e interleuchina-18 considerati come citochine chiave che possiedono immunopatologie centrali funzioni [4,5].

Queste complicazioni sono in gran parte associate all’insorgenza di risposte infiammatorie aggressive che innescano il rilascio di citochine proinfiammatorie, spinte da una serie di reti complesse e interconnesse di vie di segnalazione e tipi di cellule [6]. Questa serie di reazioni è nota come “tempesta di citochine”.

La gravità dei sintomi di COVID-19, così come la SARS e la MERS del coronavirus precedentemente simili, è associata a questa risposta immunitaria iperattiva, con livelli aumentati di citochine e chemochine [7]. In COVID-19, un rilascio ritardato di citochine e chemochine seguito dal rilascio rapido di citochine proinfiammatorie ha portato all’apoptosi delle cellule T e alla clearance virale ritardata [8].

L’ondata di citochine con il progredire della malattia provoca lesioni polmonari poiché neutrofili e monociti si infiltrano e distruggono le barriere cellulari alveolari [9]. Il coronavirus ha anche mostrato effetti tromboembolici nei pazienti, specialmente in quelli con pressione alta, causando danni ai vasi sanguigni [10].

Sebbene la disponibilità di vaccini COVID-19 abbia dimostrato l’efficienza nel ridurre la mortalità e le morbilità associate a COVID-19, l’efficacia a lungo termine è ancora in fase di sperimentazione clinica [11,12].

Il legame tra dieta e sistema immunitario è ampiamente riconosciuto, motivo per cui il suo coinvolgimento nel COVID-19 sta ricevendo così tanta attenzione. Una condizione nutrizionale sufficiente è necessaria per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Ciò è fortemente supportato dai dati che mettono in relazione i deficit dietetici con il funzionamento del sistema immunitario.

Una cattiva alimentazione porta a un indebolimento delle difese immunitarie, che di solito è correlato a un’immunità ridotta e a una maggiore suscettibilità alle malattie [13]. A questo proposito, sebbene non sembri esserci un trattamento per COVID-19, abitudini alimentari sane tendono a migliorare la funzione del sistema immunitario e portano a una minore probabilità di infezione da COVID-19 e a un migliore recupero in coloro che sono stati infettati [14] .

Ciò è particolarmente essenziale dato il sovraccarico sanitario causato dall’epidemia, sottolineando l’importanza della nutrizione nella salute generale della popolazione e nella risposta immunologica.

L’influenza nutrizionale sulla riduzione dell’infiammazione è stata ben documentata e praticata quando possibile per ridurre i rischi di infezione virale [15]. Ciò include la promozione di una dieta corretta a lungo termine e di abitudini di vita sane [16].

Una dieta antinfiammatoria per ridurre gli effetti dei mediatori dell’infiammazione potrebbe quindi essere adattata per influenzare o mitigare gli esiti di COVID-19.

Fino a quando non sarà possibile fermare la diffusione di Sars-Cov-2 e comprendere i suoi effetti duraturi, l’attenzione agli interventi nutrizionali come strategia di trattamento contro le sue proprietà infiammatorie avrà un grande potenziale. In effetti, la nutrizione svolge un ruolo cruciale nel sistema immunitario e i suoi effetti sono stati ampiamente riconosciuti [17], con studi che mostrano che i pazienti COVID-19 con livelli di micronutrienti inadeguati hanno portato a periodi di ospedalizzazione più lunghi [33,34].

Allo stesso modo, la stragrande maggioranza dei pazienti COVID-19 ospedalizzati ha mostrato una tendenza generale di almeno una carenza di nutrienti [35]. Si ritiene da tempo che i micronutrienti come la vitamina C e D contribuiscano alle funzioni immunitarie innate. Evidenziando questi aspetti, insieme alla loro sicurezza e facilità di applicazione, possono rivelarsi utili nell’influenzare i marcatori sistemici delle funzioni immunitarie [23].

Pertanto, i metodi che potrebbero aumentare le possibilità di prevenzione e trattamento precoci dovrebbero essere esplorati a fondo.

La dieta mediterranea è ben nota per la sua dimostrata capacità di prevenire le malattie cardiovascolari e il diabete mellito di tipo 2 ed è stata inversamente correlata alle malattie respiratorie e all’infiammazione [36,37]. La dieta enfatizza frutta e verdura, legumi, assunzione di olio d’oliva, assunzione di pesce e ridotto consumo di carne.

Una dieta equilibrata e ricca di questi alimenti è collegata a sostanze antinfiammatorie e immunomodulanti, come vitamine e minerali essenziali [38,39]. L’aderenza alla dieta ha anche dimostrato una diminuzione dell’aggregazione piastrinica indotta da PAF [40].

La dieta è una fonte significativa di polifenoli bioattivi, che possiedono caratteristiche antiossidanti, antinfiammatorie e antitrombotiche, dimostrando benefici per la salute, in particolare contro le malattie cardiovascolari [41]. In un ampio studio ecologico, l’aderenza a una dieta mediterranea è negativamente associata a infezioni e morbilità da COVID-19 [42].

Inoltre, si nota che seguire la dieta riduce la durata della degenza e la morte nei pazienti ricoverati di età superiore ai 65 anni [43,44]. La dieta mediterranea, con i suoi benefici e proprietà positive per la salute, è stata raccomandata dai ricercatori come una valida strategia di trattamento per migliorare la mortalità e affrontare le condizioni sia a breve che a lungo termine associate all’infezione e alla gravità del COVID-19 [21,25].

Tuttavia, la complessità nell’indagare il legame tra stili di vita dietetici e malattie è ben consolidata [45]. Attualmente è in corso uno studio per comprendere e valutare gli effetti delle abitudini alimentari sugli esiti dell’infezione da COVID-19, in particolare una dieta mediterranea rispetto a una tipica dieta occidentale ricca di grassi, zuccheri e carboidrati (NCT04447144) [46].

Fino ad allora, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se la dieta mediterranea riduce il rischio di COVID-19 e se la riduzione del rischio di malattie croniche legata alla dieta mediterranea riduce la mortalità da COVID-19.

Un nutriente che è stato messo sotto i riflettori è la vitamina D, con le sue vendite nel 2020 che mostrano una crescita significativa a livello globale [27]. La vitamina D, se consumata, mostra molti benefici per la salute, vantando effetti di potenziamento immunitario e prevenzione delle infezioni respiratorie, oltre a rivelare effetti antivirali e antinfiammatori che teoricamente sarebbero adatti per la battaglia contro COVID-19 [47,48, 49].

La vitamina D riduce al minimo la produzione del T-helper proinfiammatorio1, con conseguente diminuzione della produzione di marcatori proinfiammatori [50]. In una meta-analisi, i dati rivelati da due RCT e uno studio caso-controllo hanno mostrato che i pazienti a cui era stata somministrata integrazione di vitamina D richiedevano meno cure in terapia intensiva, indicando un potenziale ruolo della vitamina D nel ridurre la gravità del COVID-19 [51].

Allo stesso modo, la vitamina D ha mostrato capacità nell’ottimizzare gli effetti immunologici a lungo termine che sono generalmente associati alle infezioni da COVID-19, come l’aumento persistente di IL-6 e la prolungata risposta interferone-gamma [52]. Allo stesso modo, è stato riscontrato che i pazienti COVID-19 hanno anche maggiori probabilità di avere carenze di vitamina D, con un tasso di mortalità che è risultato essere più alto nei pazienti con carenze di vitamina D rispetto a quelli senza [53,54]. h

Tuttavia, i risultati dovrebbero essere interpretati con attenzione a causa delle sue grandi variazioni nella dimensione del campione, nel dosaggio e in altri fattori limitanti, nonché nell’incertezza riguardo alla mancanza di vitamina D come causa o conseguenza di COVID-19. Gli studi hanno anche dimostrato che i potenziali effetti terapeutici della vitamina D dipendono probabilmente dal precedente stato di vitamina D di un paziente [27].

Sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter prendere qualsiasi decisione sugli effetti terapeutici della vitamina D contro il COVID-19. Pertanto, per il pubblico in generale, è nel loro interesse garantire un consumo adeguato di vitamina D per prevenire carenze. 

La dose dietetica raccomandata di vitamina D è di 600-800 UI/giorno, con molti ricercatori che raccomandano dosaggi molto più elevati da 5000 a 10.000 UI/giorno per lunghi periodi. Sebbene il livello massimo di assunzione tollerabile per la vitamina D sia di 4000 UI/giorno, l’integrazione a lungo termine di vitamina D da 5000 a 50.000 UI/giorno si è dimostrata sicura [55].

La vitamina C è un antiossidante classico che è stato a lungo associato a vari effetti immunomodulanti, agendo come cofattore in numerose vie biosintetiche ed essendo coinvolto nella produzione di anticorpi [14]. La vitamina C si accumula nei leucociti e viene rapidamente utilizzata quando è presente un’infezione.

L’assunzione di vitamina C nella dieta mostra un’associazione con marcatori infiammatori diminuiti come IL-6, TNF-α e proteine ​​​​C-reattive [56], nonché ha mostrato una diminuzione dei marcatori di trombosi nei pazienti ad alto rischio [57].

Gli studi clinici mostrano un aumento della citochina antinfiammatoria IL-10 da parte delle cellule mononucleate del sangue con un’assunzione giornaliera di 1 g/giorno di vitamina C [58]. IL-10 lavora per inibire e controllare la secrezione di IL-10 attraverso un meccanismo di feedback, fondamentale nella modulazione dell’infiammazione in COVID-19.

Una meta-analisi ha mostrato che attraverso infusioni endovenose di vitamina C ad alte dosi, la durata della degenza in terapia intensiva può essere ridotta e il tasso di mortalità significativamente ridotto [59].

La vitamina C può anche rivelarsi utile nella progressione dei sintomi di COVID-19 da lieve a grave, con supplementi di vitamina C che portano a una diminuzione dei marcatori infiammatori e a una riduzione della mortalità [60,61,62]. È attualmente in corso uno studio che coinvolge 200 pazienti COVID-19 in uno studio interventistico di fase 2 sugli integratori di vitamina C (NTC04395768) [63].

La vitamina mostra effetti immunomodulatori promettenti, tuttavia è necessaria una comprensione aggiuntiva dell’interazione biochimica della vitamina C con il virus COVID-19. La dose giornaliera raccomandata di vitamina C per gli adulti è di 90 mg/giorno. Sebbene l’uso a breve termine della vitamina C sia sicuro, una dose elevata e costante di vitamina C potrebbe non giovare in modo significativo a individui sani e potrebbe causare effetti avversi come un aumento del rischio di calcoli renali di ossalato [64].

L’olio di pesce, o più specificamente gli acidi grassi polinsaturi omega-3 (PUFA), sono ben noti per i loro vari benefici per la salute, come il miglioramento delle funzioni cardiovascolari e il miglioramento degli effetti piastrinici [65,66]. Gli Omega-3 PUFA hanno anche mostrato caratteristiche antinfiammatorie, dimostrando una riduzione delle proteine ​​C-reattive attraverso l’assunzione con la dieta [29].

In particolare, i PUFA omega-3 come l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) mostrano un immenso potenziale nelle proprietà antinfiammatorie attraverso l’inibizione della sintesi di citochine proinfiammatorie e la produzione di mediatori lipidici pro-risolvibili meno infiammatori come prostaglandine, trombossani, protettori. e resolvine [30,67].

È stato anche dimostrato che gli acidi grassi Omega-3 riducono la sintesi del trombossano e il PAF (fattore attivante le piastrine) [68]. Gli stessi PUFA sono stati studiati anche per il potenziale nell’inattivazione dei virus con involucro attraverso l’interruzione dell’integrità della membrana [69].

Poiché Sars-CoV-2 utilizza l’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) come recettore di ingresso, che è descritto essere presente nelle zattere lipidiche, è probabile che i PUFA omega-3 possano avere la capacità di regolare e interrompere il complesso proteico e fluidità della zattera lipidica [70].

Inoltre, secondo una revisione Cochrane e una meta-analisi, i pazienti con sindromi da distress respiratorio acuto che ricevono una dieta o integratori arricchiti di acidi grassi omega-3 hanno mostrato una significativa riduzione della durata delle degenze in terapia intensiva, nonché un aumento dell’ossigenazione del sangue. come una riduzione della richiesta di ventilazione e di insufficienza d’organo [71,72].

Con i suoi effetti antinfiammatori e possibili antivirali, insieme a una ridotta ospedalizzazione negli studi, l’assunzione di PUFA omega-3 può rivelarsi utile come farmaco nutriente nel ridurre l’impatto dell’infiammazione causata da COVID-19. Studi recenti hanno anche mostrato impatti benefici degli integratori di omega-3 [73,74] e proposti da altri con grande interesse [67,70].

Inoltre, è attualmente in corso uno studio (NCT04335032) [75]) con l’obiettivo di studiare gli effetti delle capsule EPA su pazienti infetti da Sars-CoV-2 confermato. Tuttavia, nonostante la rappresentazione comune della risposta infiammatoria, è ancora essenziale per il nostro sistema immunitario.

DHA ed EPA possono ridurre e compromettere la resistenza dell’ospite e mostrare potenziali effetti cardiovascolari negativi con alti livelli di omega-3 PUFA [76]. Ciò potrebbe rivelarsi controintuitivo aumentando lo stress ossidativo dovuto al danno alla membrana cellulare. Sebbene molti studi abbiano dimostrato esiti positivi in ​​termini di effetti antinfiammatori sulle malattie, è necessaria una maggiore verifica attraverso studi clinici e qualsiasi assunzione di integratori deve essere eseguita con cura.

Lo zinco è fondamentale per lo sviluppo delle cellule immunitarie, con la sua carenza che causa cambiamenti nella produzione di citochine e risposte proinfiammatorie attraverso i monociti, aumentando così lo stress ossidativo nei pazienti carenti di zinco [77,78]. La carenza di zinco determina anche una diminuzione della funzione nelle cellule T-helper e citotossiche [79].

Allo stesso modo, gli integratori alimentari di zinco mostrano un risultato significativo nella riduzione dell’incidenza di infezioni respiratorie acute inferiori, nonché tempi di recupero ridotti nei bambini con malattie respiratorie [80,81]. Per le sue proprietà antivirali e antinfiammatorie, è stato affermato che lo zinco svolge un ruolo immunomodulatore contro le infezioni da COVID-19 [31].

In una serie di casi non controllati, l’inizio di dosi elevate di integratori di zinco ha portato a miglioramenti sintomatici clinici in quattro pazienti [32]. Nonostante ciò, molti studi sull’efficacia dello zinco contro malattie o infezioni non sono stati conclusivi o coerenti, dimostrando campioni o dosi inadeguate [82]. Dovrebbero essere considerati anche gli effetti negativi di un alto dosaggio di zinco, specialmente per le persone infette.

Secondo gli studi attuali, l’integrazione con diversi micronutrienti può essere utile sia nella prevenzione che nella gestione dell’infezione da COVID-19. Particolare enfasi dovrebbe essere rivolta alla vitamina C e alla vitamina D, poiché svolgono un ruolo chiave nel controllo della risposta immunitaria, con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio di infezione e allo stesso tempo migliorare la salute dei pazienti COVID-19.

È stato dimostrato che la vitamina C aiuta nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni virali attraverso una varietà di processi principalmente indiretti, mentre la vitamina D ha dimostrato di avere capacità antivirali dirette. Diete come la dieta mediterranea, caratterizzata da un elevato apporto di cereali, frutta e verdura e un moderato apporto di pesce e latticini, sono consigliate per un’adeguata assunzione di micronutrienti e composti bioattivi. 

Anche se si ritiene che determinati integratori alimentari o terapie siano utili per la prevenzione e il recupero dei pazienti COVID-19, sono ancora necessari dati solidi provenienti da studi clinici randomizzati per sostenere queste affermazioni.

L’osservazione a lungo termine del recupero del paziente COVID-19 dovrebbe anche essere stabilita per studiare la nutrizione del paziente grave e non grave.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.