L’uso frequente di cannabis aumenta il rischio di malattia coronarica (CAD) del 34%

0
271

In un’ampia coorte a livello di popolazione, l’uso frequente ma non occasionale di cannabis è stato associato ad un aumentato rischio di CAD.

Lo studio, che è stato presentato alla sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology insieme al Congresso mondiale di cardiologia, è uno dei più grandi e completi fino ad oggi per esaminare le potenziali implicazioni cardiovascolari a lungo termine dell’uso di marijuana.
https://www.abstractsonline.com/pp8/#!/10674/presentation/19684

Secondo uno studio presentato alla sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology insieme al Congresso Mondiale di Cardiologia.  

Poiché la cannabis diventa legale in un numero crescente di stati degli Stati Uniti, questo studio è tra i più grandi e completi fino ad oggi per esaminare le potenziali implicazioni cardiovascolari a lungo termine dell’uso del farmaco.

CAD è la forma più comune di malattia cardiaca e si verifica quando le arterie che forniscono sangue al cuore si restringono a causa di un accumulo di colesterolo. CAD provoca comunemente dolore toracico, mancanza di respiro e affaticamento e può portare ad un attacco di cuore.

Precedenti studi hanno riportato risultati alquanto contrastanti sulla relazione tra cannabis e malattie cardiache, con alcuni che suggeriscono che fumare marijuana può aumentare il rischio di infarto, ictus e altri eventi cardiaci, specialmente nei giovani.

“Abbiamo scoperto che l’uso di cannabis è collegato alla CAD e sembra esserci una relazione dose-risposta in quanto un uso più frequente di cannabis è associato a un rischio più elevato di CAD”, ha affermato Ishan Paranjpe, MD, medico residente presso la Stanford University e l’autore principale dello studio. “In termini di messaggio sulla salute pubblica, mostra che probabilmente ci sono alcuni danni del consumo di cannabis che non erano stati riconosciuti prima, e le persone dovrebbero tenerne conto”.

Utilizzando i dati del Programma di ricerca All of Us del National Institutes of Health, che include informazioni dettagliate sulla salute e le abitudini di 175.000 persone, i ricercatori hanno prima analizzato la relazione tra la frequenza del consumo di cannabis (valutata utilizzando sondaggi al momento dell’iscrizione allo studio ) e tassi di CAD (valutati sulla base di cartelle cliniche di diversi anni).

Hanno quindi utilizzato la randomizzazione mendeliana, un approccio basato sulla genetica per identificare una relazione causale tra il disturbo da uso di cannabis e il rischio di CAD utilizzando i dati di un consorzio genetico indipendente. Il disturbo da uso di cannabis è un disturbo psichiatrico riconosciuto che comporta l’uso frequente di marijuana e la dipendenza.

Dopo aver aggiustato per età, sesso e principali fattori di rischio cardiovascolare, i risultati hanno indicato che i consumatori giornalieri di cannabis avevano il 34% in più di probabilità di avere CAD rispetto a quelli che non avevano mai usato marijuana. Al contrario, l’uso mensile di cannabis non è stato associato a un aumento significativo del rischio di CAD.

L’analisi di randomizzazione mendeliana ha suggerito che ciò fosse dovuto a una relazione causale, scoprendo che le persone con disturbo da uso di cannabis avevano maggiori probabilità di sviluppare CAD. Inoltre, nell’analisi genetica, questa relazione causale era indipendente dai potenziali effetti confondenti del consumo di tabacco e alcol.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori hanno affermato che è importante che le persone siano consapevoli del fatto che l’uso di cannabis non è privo di rischi e si assicurino di informare il proprio medico se usano cannabis in modo che i medici possano adottare le misure appropriate per monitorare la salute del loro cuore.

Precedenti studi hanno suggerito che il tetraidrocannabinolo (THC), la molecola responsabile degli effetti psicoattivi della cannabis, agisca sui recettori che si trovano nel sistema nervoso centrale e nel cuore e nei vasi sanguigni.

Questa interazione tra THC e vasi sanguigni può fornire un percorso alla cannabis per promuovere l’infiammazione e l’accumulo di placca, portando infine alla CAD. Gli stessi effetti non sarebbero necessariamente previsti con l’uso del cannabidiolo (CBD), un altro ingrediente attivo della cannabis e della canapa che viene comunemente estratto per prodotti che non contengono THC.

Aiutando a comprendere meglio i percorsi molecolari coinvolti nell’uso di marijuana e nelle malattie cardiache, i risultati potrebbero aprire nuove opportunità di intervento per prevenire o curare le malattie cardiache.

“Da un punto di vista scientifico, questi risultati sono entusiasmanti perché suggeriscono che potrebbero esserci nuovi bersagli farmacologici e meccanismi che possiamo esplorare per assumere il controllo di questo percorso in futuro”, ha affermato Paranjpe.

I set di dati utilizzati in questo studio non hanno fatto distinzioni tra le varie forme di consumo di cannabis, ad esempio se la droga è stata fumata o consumata in commestibili o in altre forme. Poiché il THC entra nel corpo attraverso un percorso diverso e arriva al cervello più rapidamente quando la cannabis viene fumata piuttosto che mangiata, i ricercatori hanno affermato che potrebbe essere utile esaminare le implicazioni sulla salute di queste diverse forme di consumo di cannabis in studi futuri.

Sebbene l’uso e il possesso di cannabis rimangano illegali secondo la legge federale, oltre la metà degli stati degli Stati Uniti ha legalizzato o depenalizzato l’uso ricreativo della marijuana e tre quarti ne consentono l’uso per scopi medici. Uno studio condotto nel 2019 ha stimato che circa il 18% degli adulti statunitensi ha consumato marijuana in quell’anno.

Paranjpe presenterà lo studio, “Association of Cannabis Use Disorder With Risk of Coronary Artery Disease: A Mendelian Randomization Study”, domenica 5 marzo 2023, alle 9:30 CT / 15:30 UTC nella Poster Hall, Hall F .

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.