Portaerei Cinese nel porto Siriano di Tartus

0
2291

L’intervento militare della Russia in Siria si è ampliato radicalmente in due direzioni. Fonti militari e di intelligence dicono che la Cina mandò a dire a Mosca Venerdì 2 Ottobre, che i bombardieri J-15 da combattimento avrebbero aderto alla campagna aerea russa che è stata lanciata Mercoledì , il 30 settembre a Baghdad ha inoltre offerto a Mosca una base aerea per il targeting sullo Stato Islamico che ora sta occupando ampie fasce di territorio iracheno
L’intervento militare della Russia in Siria ha cinque altri partecipanti: Cina, Iran, Iraq, Siria e Hezbollah.

Gli aerei da guerra J-15 decolleranno dalla nave portaerei cinese Liaoning-CV-16 , che ha raggiunto le coste siriane il 26 settembre.
Questo sarà un evento di riferimento per Pechino: la sua prima operazione militare in Medio Oriente, nonché primo assaggio del vettore d’azione in condizioni di combattimento reale.

Giovedi sera, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, ha così commentato la crisi siriana in una seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York: “Il mondo non può permettersi di stare a guardare e guardare con le braccia conserte, ma non deve nemmeno arbitrariamente interferire (nella crisi). ”

Uno sviluppo non meno significativo si è verificato circa nello stesso momento in cui il primo ministro iracheno Haider al-Abadi, parlando con gli Stati Uniti PBS NewsHour, ha detto che sarebbe favorevole ad un dispiegamento di truppe russe in Iraq per combattere le forze ISIS nel suo paese.
Come ulteriore incentivo, ha osservato che questo sarebbe anche dare Mosca la possibilità di affrontare i 2.500 ceceni musulmani i quali, ha detto, lottano con ISIS in Iraq.

Fonti militari dicono che ‘le parole di Al-Abadi circa i due eventi strettamente legati al ruolo crescente della Russia sulla scena di guerra:

1. Una comitato di guerra russo-iraniano-siriano-iracheno ha lavorato dalla scorsa settimana nel ministero della Difesa iracheno, e il quartier generale del personale militare a Baghdad per coordinare il passaggio del ponte aereo russo e iraniano alla Siria e anche raid aerei russi. Questo centro di comando sta organizzando il trasferimento di forze sciite iraniane e filo-iraniani in Siria.

2. Baghdad e Mosca hanno appena concluso un accordo per l’aviazione russa per iniziare a utilizzare la base aerea di Al Taqaddum a Habbaniyah, 74 km a ovest di Baghdad, sia come stazione di passaggio per il corridoio aereo russo in Siria che come un trampolino di lancio per missioni di bombardamento contro le forze ISIS e le infrastrutture nel nord dell’Iraq e nel nord della Siria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.