REPORT : COVID-19 – Il concetto dei cosiddetti “super-spargitori”

0
1127

Un singolo paziente COVID-19 può infettare dozzine di altri?

Sebbene le velocità di trasmissione nell’attuale epidemia sembrano essere molto più basse, una varietà di fattori può portare a un individuo che infetta molti.

Il concetto dei cosiddetti “super-spargitori” – pazienti che in genere infettano molte più persone rispetto alle normali velocità di trasmissione – è emerso in precedenti epidemie di malattie come Sars e Mers.

Amesh Adalja, esperta di malattie infettive emergenti alla John Hopkins University, ha affermato che il termine non è scientifico e non esiste una quantità prestabilita di trasmissioni che definisca un super-diffusore.

“Ma, in generale, è di solito una cifra nettamente superiore rispetto a quella di altri individui”, ha detto AFP.

Una serie di variabili regolano il numero di persone che un individuo infetta, dalla velocità con cui rilasciano il virus al numero di persone con cui entrano in stretto contatto.

Il nuovo coronavirus ha una velocità di trasmissione tipica di 2-3 , ovvero ogni caso confermato sembra infettare in media tra 2 e 3 altre persone.

Ma la pandemia ha sollevato almeno due pazienti che sembrano essere stati super-spargitori.

Super-spargitori sospetti

Un sospetto super-spargitore, un cittadino britannico, sembra aver contagiato una dozzina di altri quando è tornato da Singapore e poi è andato a sciare sulle Alpi.

Si è ripreso, ma potrebbe aver contagiato altre cinque persone dopo essere tornato a casa.

Nella Corea del Sud, che ha il secondo numero più alto di casi COVID-19 al di fuori dell’Italia, una donna nota come Paziente 31 sembra aver contagiato dozzine di altri.

Ma in un mondo sempre più connesso, può essere difficile collegare definitivamente le trasmissioni a un singolo paziente.

“È possibile che esistano quelli che chiamiamo super-spargitori, quei pazienti che non solo infettano altri 2-3 ma potrebbero infettare dozzine”, ha affermato Eric Caumes, responsabile delle malattie infettive e tropicali dell’ospedale Pitie-Salpetriere di Parigi.

“Il problema è che non li stiamo individuando.”

Secondo Olivier Bouchaud, responsabile delle malattie infettive dell’ospedale di Avicenne, nei sobborghi di Parigi, le velocità di trasmissione variabili potrebbero essere ridotte alla velocità con cui un paziente rilascia il virus una volta infetto.

“Questa è solo un’ipotesi a questo punto”, ha detto. “Ovviamente non abbiamo una spiegazione chiara e non c’è nulla di specifico in COVID-19.”

Un altro sconosciuto è il ruolo svolto dai bambini piccoli, che sono meno colpiti dal virus ma sono in grado di trasmetterlo – parte del motivo per cui molti paesi si sono trasferiti nelle scuole vicine negli ultimi giorni.

Altamente variabile

Cristl Donnelly, professore di Statistica applicata all’Università di Oxford, ha affermato che tutta la trasmissione della malattia è per sua natura “altamente variabile”.

“Ma non siamo tutti uguali, variamo nel nostro sistema immunitario, nel nostro comportamento e nel luogo in cui ci troviamo”, ha detto.

“Tutte queste cose possono influenzare il numero di persone a cui lo trasmetteremmo.”

Bharat Pankhania, un esperto di malattie infettive all’Università britannica di Exeter, ha persino contestato l’esistenza di super-spargitori.

Ha detto che i maggiori fattori che determinano la trasmissione erano ambientali, peggiorati nelle città densamente popolate.

“Queste circostanze sono spesso: affollamento; uno spazio limitato con scarsa ventilazione; scarso controllo delle infezioni, il che significa molte superfici non porose e dure che possono mantenere un virus vitale per un tempo più lungo; un’umidità ambientale favorevole; e la persona infetta di solito si trova nella fase iniziale della sua malattia, quando le secrezioni virali sono al culmine “, ha detto.

È a causa di questi fattori che contribuiscono che molti esperti sono riluttanti a parlare in termini di super-diffusori.

Inoltre, come ha sottolineato il ministro della sanità francese, il termine potrebbe essere usato per stigmatizzare le persone, quando è probabile che abbiano trasmesso COVID19 senza accorgersene.


Analisi – pericolosità – diffusione

COVID-19 è un virus RNA di senso positivo non segmentato. COVID-19 fa parte della famiglia dei coronavirus. Questo contiene:

  • Quattro coronavirus che sono ampiamente distribuiti e di solito causano il raffreddore comune (ma possono causare polmonite virale in pazienti con comorbidità).
  • SARS e MERS – questi hanno causato epidemie con alta mortalità che sono in qualche modo simili a COVID-19. COVID-19 è strettamente correlato alla SARS.

Si lega tramite il recettore dell’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) situato sulle cellule alveolari di tipo II e sugli epiteli intestinali (Hamming 004 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15141377)).

Questo è lo stesso recettore utilizzato da SARS (da cui il nome tecnico per COVID-19, “SARS-CoV-2”).

Quando si considerano le possibili terapie, la SARS (alias “SARS-CoV-1”) è il virus più strettamente correlato al COVID-19.

COVID-19 sta mutando, il che può complicare ulteriormente le cose (figura sotto). La virulenza e la trasmissione cambieranno nel tempo, in modi che non possiamo prevedere.

Nuove prove suggeriscono che ci sono circa due diversi gruppi di COVID-19. Questo spiega perché i primi rapporti di Wuhan descrissero una mortalità più elevata rispetto ad alcune serie di casi più recenti (Tang et al. 2020 (https://academic.oup.com/nsr/advance-  article / doi / 10.1093 / nsr / nwaa036 / 5775463 # .XmA64GbsBuI.twitter); Xu et al 2020 (https://www.bmj.com/content/368/bmj.m606) ).

(La mappatura filogenetica in corso di nuovi ceppi può essere trovata qui (https://nextstrain.org/ncov) .)

Epidemiologia genomica del nuovo coronavirus (hCoV-19)

Mostra 494 di 494 genomi campionati tra dicembre 2019 e marzo 2020.

Sintomi

I sintomi dell’infezione da COVID-19 compaiono dopo un periodo di incubazione di circa 5,2 giorni [ 12 ]. Il periodo dall’esordio dei sintomi COVID-19 alla morte variava da 6 a 41 giorni con una mediana di 14 giorni [ 8 ].

Questo periodo dipende dall’età del paziente e dallo stato del sistema immunitario del paziente. Era più breve tra i pazienti di età> 70 anni rispetto a quelli di età inferiore ai 70 anni [ 8 ].

I sintomi più comuni all’inizio della malattia di COVID-19 sono febbre, tosse e affaticamento, mentre altri sintomi includono produzione di espettorato, mal di testa, emottisi, diarrea, dispnea e linfopenia [ 5 , 6 , 8 , 13 ].

Le caratteristiche cliniche rivelate da una TAC toracica presentata come polmonite, tuttavia, c’erano caratteristiche anomale come RNAemia, sindrome da distress respiratorio acuto, danno cardiaco acuto e incidenza di opacità del vetro di grandi dimensioni che hanno portato alla morte [ 6 ].

In alcuni casi, sono state osservate le molteplici opacità periferiche del vetro smerigliato nelle regioni subpleuriche di entrambi i polmoni [ 14 ] che probabilmente hanno indotto una risposta immunitaria sistemica e localizzata che ha portato ad un aumento dell’infiammazione. 

Purtroppo, il trattamento di alcuni casi con inalazione di interferone non ha mostrato alcun effetto clinico e sembra invece peggiorare la condizione progredendo nelle opacità polmonari [ 14 ] (Fig. 2).

Fig.2
Fig. 2. I disturbi sistemici e respiratori causati dall’infezione COVID-19. Il periodo di incubazione dell’infezione da COVID-19 è di circa 5,2 giorni. Esistono somiglianze generali nei sintomi tra COVID-19 e il precedente betacoronavirus. Tuttavia, COVID-19 ha mostrato alcune caratteristiche cliniche uniche che includono il targeting delle vie aeree inferiori, come evidenziato dai sintomi del tratto respiratorio superiore come rinorrea, starnuti e mal di gola. Inoltre, i pazienti con infezione da COVID-19 hanno sviluppato sintomi intestinali come la diarrea, solo una bassa percentuale di pazienti con MERS-CoV o SARS-CoV ha mostrato diarrea.

È importante notare che ci sono somiglianze nei sintomi tra COVID-19 e betacoronavirus precedenti come febbre, tosse secca, dispnea e opacità bilaterali del vetro smerigliato nelle scansioni TC toraciche [ 6 ].

Tuttavia, COVID-19 ha mostrato alcune caratteristiche cliniche uniche che includono il targeting delle vie aeree inferiori, come evidenziato dai sintomi del tratto respiratorio superiore come rinorrea, starnuti e mal di gola [ 15 , 16 ].

Inoltre, sulla base dei risultati delle radiografie del torace al momento del ricovero, alcuni casi mostrano un infiltrato nel lobo superiore del polmone che è associato all’aumento della dispnea con ipossiemia [ 17 ].

È importante sottolineare che, mentre i pazienti con infezione da COVID-19 hanno sviluppato sintomi gastrointestinali come la diarrea, una bassa percentuale di pazienti con MERS-CoV o SARS-CoV ha manifestato analoghi disturbi gastrointestinali.

Pertanto, è importante testare campioni di feci e urine per escludere una potenziale via alternativa di trasmissione, in particolare attraverso operatori sanitari, pazienti ecc. (Fig. 2) [ 15 , 16 ].

Pertanto, lo sviluppo di metodi per identificare le varie modalità di trasmissione come campioni di feci e di urina è urgentemente garantito al fine di sviluppare strategie per inibire e / o minimizzare la trasmissione e sviluppare terapie per controllare la malattia.

Esame fisico tradizionale

Questo è generalmente non rivelatore.

I pazienti possono presentare ipossiemia senza segni di difficoltà respiratoria (“ipossiemia silenziosa”) (Xie et al 3/2 (https://link.springer.com/article/10.1007/s00134-020-05979-7)).

~ 2% può avere faringite o ingrossamento delle tonsille, ma ovviamente si tratta di una scoperta del tutto non specifica (Guan et al 2/28 (https://www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMoa2002032?articleTools=true)) .

Il tasso di auscultazione toracica anormale non è chiaro (ma l’ecografia polmonare è probabilmente più accurata; ne parleremo più avanti).

Decorso tipico della malattia

  • L’incubazione è una mediana di ~ 4 giorni (intervallo interquartile di 2-7 giorni), con un intervallo fino a 14 giorni (Carlos del Rio 2/28 (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762510)) .
  • Evoluzione tipica della malattia grave (basata sull’analisi di numerosi studi condotti dalla foresta di Arnold
  • Dispnea ~ 6 giorni dopo l’esposizione.
  • Ammissione dopo ~ 8 giorni dopo l’esposizione.
  • Ammissione / intubazione in terapia intensiva dopo ~ 10 giorni dopo l’esposizione.

Prestazioni di COVID-19 RT-PCR

  • Le prestazioni del test non sono chiare; ciò è impossibile da risolvere in assenza di un
    test diagnostico definitivo “gold standard” per COVID-19.
  • La specificità sembra essere alta.
  • La sensibilità potrebbe non essere eccezionale.
    – In una serie di casi diagnosticati sulla base di criteri clinici e scansioni TC, la sensibilità della
    RT-PCR era solo del 60-70% (Kanne 2/28). Tuttavia, è probabile che alcuni pazienti diagnosticati in base alla scansione TC presentassero altri virus respiratori anziché COVID-19, facendo sì che questo studio sottovaluti la sensibilità del test RT-PCR.
    – Una singola RT-PCR negativa non esclude COVID-19 (specialmente se ottenuta da una fonte nasofaringea e se presa relativamente presto nel decorso della malattia).
    – Se la RT-PCR è negativa ma permane il sospetto per COVID-19,
    devono essere considerati l’ isolamento e il ricampionamento in corso .

Descrizione generale dei risultati dell’imaging sulla radiografia del torace e sulla TC

– Risultati che non sono comunemente visti e che potrebbero sostenere una diagnosi alternativa o sovrapposta: il versamento pleurico è raro (visto solo nel ~ 5%).

– COVID-19 non sembra causare masse, cavitazione o linfoadenopatia.

Sensibilità e ritardo nella radiografia del torace e nella TAC

Limitazioni nei dati

I dati di diversi studi sono in conflitto fino a un certo punto. Ciò probabilmente riflette livelli variabili di intensità di esposizione e gravità della malattia (le coorti con maggiore intensità di esposizione e gravità della malattia avranno maggiori probabilità di avere cambiamenti radiologici).

Sensibilità della scansione TC?

 Guan et al. (https://www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMoa2002032?articleTools=true) hanno riscontrato anomalie della TC nell’86% dei pazienti sintomatici che si presentavano all’ospedale. Allo stesso modo, Fang et al. riscontrate anomalie della TC tra 50/51 pazienti.

Tra i pazienti con soli sintomi costituzionali (ma non i sintomi respiratori), la TAC può essere meno sensibile (ad es. Forse ~ 50%) ( Kanne 2/27 (https://pubs.rsna.org/doi/10.1148/radiol.2020200527) ).

Anomalie della TAC potrebbero emergere prima dei sintomi?

Shi et al (https://www.thelancet.com/action/showPdf?pii=S1473-3099%2820%2930086-4) eseguita la scansione TC in 15 operatori sanitari che sono stati esposti a COVID-19 , prima sono diventati sintomatica.

Opacizzazione del vetro smerigliato alla TAC è stata osservata in 14/15 pazienti! 9/15 pazienti avevano un coinvolgimento polmonare periferico (alcuni bilaterali, altri unilaterali).

La comparsa di anomalie della TC prima dei sintomi potrebbe essere coerente con l’esistenza di uno stato portatore asintomatico (discusso sopra).

Radiografia del torace

Meno dati si sono concentrati sulla sensibilità della radiografia del torace rispetto alla TAC.

È giusto presumere che la sensibilità della radiografia del torace deve essere inferiore alla TC.

La sensibilità della radiografia del torace è risultata essere del 59% tra i pazienti sintomatici che si presentavano all’ospedale in una serie (Guan et al 2/28 https://www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMoa2002032?articleTools= vero) ).

Ecografia polmonare

  • Al momento non sono disponibili dati sull’uso dell’ecografia polmonare per COVID-19. Tuttavia, un pattern periferico di vetro smerigliato alla TAC genererà linee B irregolari sull’ecografia polmonare ( indipendentemente da quale sia la malattia di base – questa è semplicemente una questione di fisica degli ultrasuoni). Questo ci consente di fare alcune ipotesi istruite sui risultati dell’ecografia polmonare:
  • 1 Il modello più comune visto sull’ecografia polmonare sarà probabilmente la linea B irregolare (aree con linea B, con aree intervallate di polmone normale in mezzo).
  • 2 La sensibilità dell’ecografia polmonare aumenterà parallelamente alla gravità della malattia (la malattia più grave coinvolge più segmenti polmonari, che saranno più facili da rilevare all’ecografia polmonare).
  • 3 Alcuni pazienti possono presentare anomalie dell’ecografia polmonare prima che sviluppino sintomi (basati sulla distribuzione periferica degli infiltrati nei pazienti asintomatici descritti da Shi et al. (Https://www.thelancet.com/action/showPdf?pii=S1473-3099% 2820% 2930086-4) ).
  • 4 Alcuni pazienti avranno probabilmente una polmonite precoce lieve che può essere rilevata tramite l’ecografia, ma non tramite la tradizionale radiografia del torace (l’ecografia è più sensibile all’opacità del vetro smerigliato sottile e pleurico).
  • 5 Al fine di raggiungere la sensibilità, sarebbe necessario un esame polmonare approfondito (adottando un approccio “rasaerba”, tentando di visualizzare il maggior numero possibile di tessuto polmonare). I semplici esami ecografici polmonari a due punti mancheranno le opacità del vetro smerigliato focale.
  • L’ecografia polmonare presenta alcuni vantaggi nel contesto di un focolaio di COVID-19:

– L’ecografia può essere eseguita presso il punto di cura (anche al di fuori dell’ospedale). Ciò evita di trasportare il paziente in radiologia, con possibile esposizione al personale ospedaliero.

– L’ecografia potrebbe essere utile come strumento di diagnosi precoce nei pazienti che sospettano di avere COVID-19 (ad es. Anomalie polmonari potrebbero suggerire la presenza di uno stato portatore asintomatico, che potrebbe indicare la necessità di una quarantena).

Tutte le modalità di imaging non sono specifiche

  • Tutte le tecniche di cui sopra (CXR, CT, ecografia) non sono specifiche. Opacità di vetro smerigliato possono essere causate da una vasta gamma di processi patologici (ad es. Polmoniti virali e batteriche). Ad esempio, proprio ora negli Stati Uniti, qualcuno con opacità di vetro smerigliato alla scansione TC sarebbe molto più probabile avere una polmonite virale da giardino (ad esempio influenza o RSV) piuttosto che COVID-19.
  • L’imaging non può distinguere tra COVID-19 e altre forme di polmonite.
  • L’imaging potrebbe aiutare a distinguere tra COVID-19 e disturbi non polmonari (ad es. Sinusite, malattia virale non polmonare).
  • In definitiva, l’imaging è solo un po ‘di informazione che deve essere integrata nel contesto clinico.

Possibile approccio all’imaging in COVID-19

Di seguito è una possibile strategia da utilizzare per i pazienti che presentano sintomi respiratori e possibile COVID-19.

La tentazione di eseguire una TAC in tutti questi pazienti dovrebbe essere resistita. Nella maggior parte dei casi, una TAC aggiungerà probabilmente poco alla radiografia del torace e all’ecografia polmonare (in termini di dati attuabili che influiscono sulla gestione del paziente).

Dal punto di vista delle cure critiche, la scansione TC aggiungerà probabilmente poco alla gestione di questi pazienti ( tutti con infiltrati diffusi).

maggiori informazioni:

Focus page di RSNA sul coronavirus (https://pubs.rsna.org/2019-nCoV#images) (contiene una fantastica presentazione che fornisce un apprezzamento dei possibili risultati delle immagini in pochi minuti)

Trasmissione

Sulla base del gran numero di persone infette che sono state esposte al mercato degli animali umidi nella città di Wuhan, dove vengono venduti abitualmente animali vivi, si suggerisce che questa sia la probabile origine zoonotica del COVID-19.

Sono stati compiuti sforzi per cercare un ospite del serbatoio o portatori intermedi da cui l’infezione potrebbe essersi diffusa nell’uomo. I primi rapporti hanno identificato due specie di serpenti che potrebbero essere un possibile serbatoio del COVID-19.

Tuttavia, ad oggi, non vi sono state prove coerenti di serbatoi di coronavirus diversi da mammiferi e uccelli [ 10 , 18 ]. L’analisi della sequenza genomica di COVID-19 ha mostrato l’88% di identità con due coronavirus gravi simili alla sindrome respiratoria acuta derivati ​​da pipistrelli [ 19 , 20 ], indicando che i mammiferi sono il legame più probabile tra COVID-19 e l’uomo.

Diverse segnalazioni hanno suggerito che la trasmissione da persona a persona è una via probabile per diffondere l’infezione COVID-19. Ciò è supportato da casi verificatisi all’interno delle famiglie e tra persone che non hanno visitato il mercato degli animali umidi a Wuhan [ 13 , 21 ].

La trasmissione da persona a persona avviene principalmente attraverso il contatto diretto o attraverso le goccioline che si diffondono tossendo o starnutendo da un individuo infetto.

In un piccolo studio condotto su donne del terzo trimestre a cui è stato confermato che sono state infettate dal coronavirus, non è stata dimostrata l’esistenza di una trasmissione da madre a figlio.

Tuttavia, tutte le madri in gravidanza sono state sottoposte a taglio cesareo, quindi non è chiaro se la trasmissione possa verificarsi durante la nascita vaginale.

Questo è importante perché le madri in gravidanza sono relativamente più sensibili alle infezioni da agenti patogeni respiratori e polmonite grave ( https://www.thelancet.com , DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(20)30360-3 ).

Il legame di un recettore espresso dalle cellule ospiti è il primo passo dell’infezione virale seguito dalla fusione con la membrana cellulare. Si ritiene che le cellule epiteliali polmonari siano il bersaglio primario del virus.

Pertanto, è stato riportato che le trasmissioni da uomo a uomo di SARS-CoV si verificano dal legame tra il dominio di legame del recettore di picchi di virus e il recettore cellulare che è stato identificato come recettore dell’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) [ 20 , 22 ].

È importante sottolineare che la sequenza del dominio di legame del recettore dei picchi di COVID-19 è simile a quella del SARS-CoV. Questi dati suggeriscono fortemente che l’ingresso nelle cellule ospiti è molto probabilmente attraverso il recettore ACE2 [ 20 ].

Trasmissione aerea

  • L’uso delle precauzioni disperse nell’aria per tutti i pazienti che sono definitivamente o potenzialmente infetti da COVID19 comporterà probabilmente un rapido esaurimento delle maschere N95. Ciò lascerà gli operatori sanitari non protetti quando avranno effettivamente bisogno di queste maschere per le procedure che generano aerosol.
  • Nel contesto di una pandemia, le linee guida canadesi e dell’OMS potrebbero essere più sensate nei paesi con risorse limitate (cioè la maggior parte dei locali). Tuttavia, il controllo delle infezioni è in definitiva locale, quindi assicurati di seguire le indicazioni del tuo ospedale al riguardo.

Trasmissione dei contatti (“fomite-to-face”)

Questa modalità di trasmissione tende a essere trascurata, ma può essere incredibilmente importante. È così che funziona:

  • Qualcuno con coronavirus tossisce, emettendo grandi goccioline contenenti il ​​virus. Le goccioline si depositano sulle superfici della stanza, creando un sottile film di coronavirus. Il virus può essere espulso anche in una varietà di altri fluidi corporei (es. Espettorato, secrezioni nasali, feci, saliva, urina e sangue) – quindi ci sono una varietà di altri modi in cui una persona infetta può diffondere virus nell’ambiente.
  • Il virus persiste nelle fomiti nell’ambiente. I coronavirus umani possono sopravvivere sulle superfici per circa una settimana (Kampf et al 2020 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32035997)). Non è noto per quanto tempo COVID-19 può sopravvivere nell’ambiente, ma potrebbe essere anche più lungo (alcuni coronavirus animali possono sopravvivere per settimane!).
  • Qualcun altro tocca la superficie contaminata ore o giorni dopo, trasferendo il virus nelle loro mani.
    • Se le mani toccano l’orofaringe o il rinofaringe, ciò comporterà la trasmissione dell’infezione.

Qualsiasi tentativo di limitare la diffusione del virus deve bloccare la trasmissione dei contatti. La suddetta catena di eventi può essere interrotta in vari modi:

  • Igiene delle mani (l’etanolo ad alta concentrazione neutralizza il virus ed è facile da eseguire, quindi questo potrebbe essere preferibile se le mani non sono visibilmente sporche) ( Kampf 2017 (http://www.fha.org/flles/JohnW/EM/Ethanol- disinfettante per le mani e HAV.pdf) ).
  • Evita di toccarti il ​​viso. Questo è quasi impossibile, poiché inconsciamente tocchiamo costantemente i nostri volti. Il principale vantaggio di indossare una maschera chirurgica potrebbe essere che la maschera agisce come una barriera fisica per evitare di toccare la bocca o il naso.

Qualsiasi attrezzatura medica potrebbe contaminarsi con COVID-19 e potenzialmente trasferire virus ai fornitori (ad es. Auricolari e scarpe per stetoscopio). Un recente studio ha trovato una deposizione diffusa di COVID-19 nella stanza di un paziente, ma per fortuna questo sembra essere rimovibile pulendo con dicloroisocianurato di sodio ( Ong et al 2020 (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762692) ) .

Trasmissione asintomatica

La trasmissione asintomatica potrebbe potenzialmente verificarsi in due modi.

(# 1) La trasmissione nonostante la mancanza di sintomi sembra essere possibile ( Carlos del Rio 2/28 (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762510) ).

(# 2) Potrebbe verificarsi un ulteriore stato di portatore nei pazienti che si sono ripresi clinicamente dal virus, ma continuano a eliminare il virus.

Uno studio recente ha scoperto che dopo la convalescenza, i pazienti possono continuare ad avere una PCR faringea positiva per COVID-19 per settimane (Lan 2/27 (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762452)). Tuttavia, il significato clinico di questi risultati della PCR non è noto. I pazienti convalescenti hanno probabilmente una bassa carica virale e un rischio relativamente basso di trasmissione.

Le indicazioni del CDC (https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/clinical-guidance-management-patients.html) sono vaghe su quanto a lungo devono essere isolati i pazienti con il noto COVID-19. Può essere consigliabile ottenere due test RT-PCR accoppiati (uno del rinofaringe e uno della faringe), con ciascuna coppia raccolta a distanza> 24 ore prima di interrompere le precauzioni.

R

R è il numero medio di persone a cui una persona infetta trasmette il virus.

Se R⌀ è <1, l’epidemia si esaurirà.

Se R = 1, l’epidemia continuerà a un ritmo costante. Se R> 1, l’epidemia aumenterà in modo esponenziale.

Le stime attuali mettono R⌀ a ~ 2,5-2,9 ( Peng PWH et al, 2/28 (https://bjanaesthesia.org/article/S0007-0912(20)30098-2/pdf) ). Questo è un po ‘più alto dell’influenza stagionale.

R⌀ è un riflesso sia del virus e anche il comportamento umano. Interventi come distanziamento sociale e una migliore igiene si diminuirà R⌀.

Controllo della diffusione di COVID-19 in Cina dimostra che R⌀ è un modifable numero che può essere ridotto di interventi di sanità pubblica efficaci.

La R⌀ a bordo della nave da crociera Diamond Princess aveva 15 anni, a dimostrazione del fatto che gli spazi angusti con un’igiene inadeguata aumenteranno

R⌀ ( Rocklov 2/28 (https://academic.oup.com/jtm/advance-article/doi/10.1093/jtm/taaa030/5766334) ).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.