COVID-19: Coronavirus trovato nello sperma dei pazienti nello studio cinese

0
459

Il virus che causa COVID-19 può essere trovato nello sperma , alcuni ricercatori cinesi lo riportano in un piccolo studio che non si occupa della trasmissione sessuale.

I medici hanno rilevato il virus nel seme da sei su 38 uomini ricoverati in ospedale con COVID-19 confermato in laboratorio . Quattro erano ancora molto malati con la malattia mentre due si stavano riprendendo.

Il rapporto dell’ospedale municipale di Shangqiu in Cina è stato pubblicato giovedì su JAMA Network Open .

Non è stato effettuato un follow-up a lungo termine, quindi non è noto per quanto tempo il virus può rimanere nel seme o se gli uomini possono diffonderlo ai loro partner durante il rapporto sessuale.

I risultati contrastano con uno studio di 34 uomini cinesi con COVID-19 pubblicato il mese scorso sulla rivista Fertility and Sterility .

Ricercatori statunitensi e cinesi non hanno trovato prove di virus nel seme testato tra otto giorni e quasi tre mesi dopo la diagnosi.

Il Dr. John Hotaling dell’Università dello Utah, coautore di quel rapporto, ha affermato che il nuovo studio ha coinvolto uomini molto più malati, la maggior parte con malattie attive.

Le autorità ritengono che il coronavirus si diffonda principalmente dalle goccioline prodotte quando tossiscono le persone infette, che vengono inalate dalle persone vicine.

Alcuni studi hanno riferito di aver trovato il virus nel sangue, nelle feci e nelle lacrime o in altri liquidi di pazienti COVID-19 con infiammazione agli occhi.

Le prove che suggeriscono che altri virus infettivi tra cui Zika ed Ebola possano essere trasmessi sessualmente hanno sollevato domande sul coronavirus.

Hotaling ha affermato che si tratta di un’importante preoccupazione per la salute pubblica, ma che sono necessarie ulteriori ricerche per fornire una risposta definitiva.

L’American Society for Reproductive Medicine ha affermato che il nuovo studio non dovrebbe essere motivo di allarme. Per sicurezza, però, “potrebbe essere saggio evitare il contatto sessuale con gli uomini fino a quando non saranno trascorsi 14 giorni senza sintomi”, ha dichiarato il Dr. Peter Schlegel, il presidente passato immediato del gruppo, in una nota.

In questo studio di coorte, abbiamo scoperto che la SARS-CoV-2 può essere presente nel seme di pazienti con COVID-19 e che la SARS-CoV-2 può ancora essere rilevata nel seme di pazienti in recupero.

A causa delle imperfette barriere ematiche di testicoli / deferenti / epididimi, la SARS-CoV-2 potrebbe essere seminata nel tratto riproduttivo maschile, soprattutto in presenza di infiammazione locale sistemica.

Anche se il virus non può replicarsi nel sistema riproduttivo maschile, può persistere, probabilmente derivando dall’immunità privilegiata dei testicoli. Finora, i ricercatori hanno trovato 27 virus associati alla viremia nel seme umano.

Ma la presenza di virus nello sperma può essere più comune di quanto attualmente inteso e i virus tradizionali non trasmessi per via sessuale non dovrebbero essere considerati totalmente assenti nelle secrezioni genitali [Mead PS, Duggal NK, Hook SA, et al. Virus di Zika che si disperde nel seme di uomini infetti sintomatici. N Engl J Med. 2018; 378 (15): 1377-1385. doi: 10.1056 / NEJMoa1711038 – Feldmann H. Virus nello sperma e rischio di trasmissione sessuale. N Engl J Med. 2018; 378 (15): 1440-1441. doi: 10,1056 / NEJMe1803212]

Gli studi sulla rilevazione virale e la persistenza del seme sono utili per la pratica clinica e la salute pubblica, in particolare per quanto riguarda i virus che potrebbero causare mortalità o morbilità elevate, come SARS-CoV-2.

Questo studio è limitato dalla piccola dimensione del campione e dal breve follow-up successivo. Pertanto, sono necessari ulteriori studi per quanto riguarda le informazioni dettagliate sulla diffusione del virus, il tempo di sopravvivenza e la concentrazione nel seme.

Se si potesse dimostrare che la SARS-CoV-2 può essere trasmessa sessualmente in studi futuri, la trasmissione sessuale potrebbe essere una parte fondamentale della prevenzione della trasmissione, specialmente considerando il fatto che la SARS-CoV-2 è stata rilevata nello sperma dei pazienti in recupero .

L’astinenza o l’uso del preservativo potrebbero essere considerati mezzi preventivi per questi pazienti. Inoltre, vale la pena notare che sono necessari studi per monitorare lo sviluppo fetale.

Pertanto, per evitare il contatto con la saliva e il sangue del paziente potrebbe non essere sufficiente, poiché la sopravvivenza di SARS-CoV-2 nello sperma di un paziente in fase di recupero mantiene la probabilità di infettare gli altri.

Figura 1. – Cronologia e risultati dei test dell’acido nucleico e degli anticorpi su campioni di seme e testicolo di 13 pazienti COVID-19 durante il ricovero. La data di diagnosi e ricovero in ospedale è stata definita come il giorno 1.

Ulteriori informazioni: Diangeng Li et al. Caratteristiche cliniche e risultati dei test del seme tra gli uomini con malattia coronavirus 2019, JAMA Network Open (2020). DOI: 10.1001 / jamanetworkopen.2020.8292

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.