L’esperienza di molteplici fattori di stress innescati dalla pandemia COVID-19 è direttamente collegata all’aumento dello stress acuto e ai sintomi depressivi

0
122

L’esperienza di molteplici fattori di stress innescati dalla pandemia COVID-19 – come la disoccupazione – e il consumo di media correlato a COVID-19 sono direttamente collegati all’aumento dello stress acuto e ai sintomi depressivi negli Stati Uniti, secondo uno studio innovativo dell’Università della California, Irvine.

Il rapporto è apparso su  Science Advances .

“La pandemia non sta colpendo tutte le comunità allo stesso modo”, ha detto l’autore principale E. Alison Holman, professore di infermieristica dell’UCI. “Le persone hanno perso salari, posti di lavoro e persone care a velocità record.

Gli individui che vivono con malattie mentali e fisiche croniche stanno lottando; i giovani stanno lottando; le comunità povere stanno lottando. I servizi di salute mentale devono essere adattati alle persone più bisognose in questo momento “.

Inoltre, la ricerca evidenzia la connessione tra salute mentale ed esposizione ai media sullo sviluppo della pandemia COVID-19 , suggerendo la necessità di allontanarsi dalla televisione, dal computer o dallo smartphone per proteggere il benessere psicologico.

“I media sono una fonte fondamentale di informazioni per le persone quando devono affrontare disastri ambigui e in corso”, ha affermato Roxane Cohen Silver, professore di scienze psicologiche e uno dei principali investigatori dello studio.

“Ma troppa esposizione può essere opprimente e portare a più stress, preoccupazione e rischi percepiti”.

Con il finanziamento di una sovvenzione RAPID della National Science Foundation, Holman, Silver e i co-investigatori Dana Rose Garfin e Rebecca R. Thompson hanno condotto un sondaggio nazionale su oltre 6.500 residenti negli Stati Uniti a marzo e aprile 2020, mentre le malattie e i decessi aumentavano intorno al nazione.

Utilizzando il pannello NORC AmeriSpeak, lo studio è stato il primo del suo genere ad esaminare i primi predittori di crescenti problemi di salute mentale in tutta la nazione. Il progetto ha consentito ai ricercatori di valutare gli effetti della pandemia mentre si manifestava in tempo reale.

“Nel corso dello studio, la dimensione della pandemia è cambiata drasticamente”, ha detto Holman. Di conseguenza, le persone intervistate più avanti nel periodo di studio hanno riportato il più alto tasso di stress acuto e sintomi depressivi.

I risultati del team UCI offrono approfondimenti sulle priorità per costruire la resilienza della comunità di fronte alla pandemia COVID-19:

  • Quelli con condizioni mentali e fisiche preesistenti hanno maggiori probabilità di mostrare sia stress acuto che sintomi depressivi.
  • Anche i fattori di stress secondari – perdita di lavoro e salario, carenza di beni di prima necessità – sono forti predittori nello sviluppo di questi sintomi.
  • La vasta esposizione alle notizie relative alla pandemia e le informazioni contrastanti nelle notizie sono tra i più forti predittori di stress acuto specifico della pandemia.

“È fondamentale dare la priorità alla fornitura di risorse alle comunità più bisognose di sostegno in questo momento: i disoccupati, i poveri o i malati cronici ei giovani”, ha detto Holman.

“Incoraggiamo anche il pubblico a limitare l’esposizione ai media come un importante intervento di sanità pubblica. Può prevenire i sintomi della salute mentale e fisica e promuovere la resilienza “.


La pandemia della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) è stata associata a problemi di salute mentale legati alla morbilità e alla mortalità causate dalla malattia e alle attività di mitigazione, compreso l’impatto del distanziamento fisico e degli ordini di permanenza a casa. * Sintomi di ansia disturbo e disturbo depressivo sono aumentati notevolmente negli Stati Uniti durante aprile-giugno 2020, rispetto allo stesso periodo del 2019 ( 1 , 2 ).

Per valutare la salute mentale, l’uso di sostanze e l’ideazione suicidaria durante la pandemia, sono state condotte indagini di gruppo rappresentative tra adulti di età ≥18 anni negli Stati Uniti durante il 24-30 giugno 2020.

Complessivamente, il 40,9% degli intervistati ha riportato almeno una condizione di salute mentale o comportamentale avversa, inclusi sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo (30,9%), sintomi di un disturbo correlato a trauma e stress (TSRD) correlati alla pandemia   (26,3 %) e aver iniziato o aumentato l’uso di sostanze per far fronte allo stress o alle emozioni legate a COVID-19 (13,3%).

La percentuale di intervistati che hanno riferito di aver preso seriamente in considerazione il suicidio nei 30 giorni prima del completamento del sondaggio (10,7%) è stata significativamente più alta tra gli intervistati di età compresa tra 18 e 24 anni (25,5%), minoranze razziali / etniche (intervistati ispanici [18,6%], intervistati neri [neri] non ispanici [15,1%]), operatori sanitari auto-dichiarati non retribuiti per adulti §  (30,7%) e lavoratori essenziali   (21,7%).

Gli sforzi di intervento e prevenzione a livello comunitario, comprese le strategie di comunicazione sanitaria, progettate per raggiungere questi gruppi, potrebbero aiutare ad affrontare varie condizioni di salute mentale associate alla pandemia COVID-19.

Durante il 24-30 giugno 2020, un totale di 5.412 (54,7%) di 9.896 adulti invitati idonei ** hanno completato sondaggi basati sul web ††  gestiti da Qualtrics. §§  Il Comitato etico per la ricerca umana della Monash University (Melbourne, Australia) ha riesaminato e approvato il protocollo di studio sulla ricerca su soggetti umani.

Gli intervistati sono stati informati degli scopi dello studio e hanno fornito il consenso elettronico prima dell’inizio e gli investigatori hanno ricevuto risposte anonime.

I partecipanti includevano 3.683 (68,1%) intervistati per la prima volta e 1.729 (31,9%) intervistati che avevano completato un sondaggio correlato tra il 2 e l’8 aprile, il 5-12 maggio 2020 o entrambi gli intervalli; 1.497 (27,7%) intervistati hanno partecipato durante tutti e tre gli intervalli ( 2 , 3 ). Il campionamento delle quote e la ponderazione del sondaggio sono stati impiegati per migliorare la rappresentatività di coorte della popolazione degli Stati Uniti per sesso, età e razza / etnia. ¶¶

 I sintomi del disturbo d’ansia e del disturbo depressivo sono stati valutati utilizzando il questionario sulla salute del paziente a quattro voci *** ( 4 ), mentre i sintomi di un TSRD correlato a COVID-19 sono stati valutati utilizzando l’Impact of Event Scale a sei voci †††  ( 5 ). Gli intervistati hanno anche riferito se avevano iniziato o aumentato l’uso di sostanze per far fronte allo stress o alle emozioni legate al COVID-19 o se avevano seriamente considerato il suicidio nei 30 giorni precedenti l’indagine. §§§

Le analisi sono state stratificate per sesso, età, razza / etnia, condizione occupazionale, status di lavoratore essenziale, stato di badante adulto non retribuito, classificazione di residenza rurale-urbana, ¶¶¶  se l’intervistato conosceva qualcuno che aveva risultati positivi ai test per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 o che era morto a causa di COVID-19 e se l’intervistato stava ricevendo un trattamento per l’ansia diagnosticata, la depressione o il disturbo post-traumatico da stress (PTSD) al momento dell’indagine.

I confronti all’interno dei sottogruppi sono stati valutati utilizzando regressioni di Poisson con robusti errori standard per calcolare i rapporti di prevalenza, intervalli di confidenza al 95% (IC) e valori p per valutare la significatività statistica (α = 0,005 per tenere conto di confronti multipli).

Tra i 1.497 intervistati che hanno completato tutti e tre i sondaggi, sono state condotte analisi longitudinali delle probabilità di incidenza **** dei sintomi di condizioni di salute mentale o comportamentali avverse da parte del lavoratore essenziale e dello status di assistente adulto non retribuito su risposte non ponderate utilizzando regressioni logistiche per calcolare ††††  odds ratio (OR) aggiustati , IC 95% e valori p (α = 0,05). Il pacchetto statsmodels in Python (versione 3.7.8; Python Software Foundation) è stato utilizzato per condurre tutte le analisi.

Complessivamente, il 40,9% dei 5.470 intervistati che hanno completato i sondaggi nel mese di giugno ha riportato una condizione di salute mentale o comportamentale avversa, inclusi coloro che hanno riportato sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo (30,9%), quelli con sintomi di TSRD correlati a COVID-19 (26,3%) , coloro che hanno riferito di aver iniziato o aumentato l’uso di sostanze per far fronte a stress o emozioni legate a COVID-19 (13,3%) e coloro che hanno riferito di aver seriamente considerato il suicidio nei 30 giorni precedenti (10,7%) ( Tabella 1 ).

Almeno un sintomo avverso di salute mentale o comportamentale è stato segnalato da più della metà degli intervistati di età compresa tra 18 e 24 anni (74,9%) e 25-44 anni (51,9%), di etnia ispanica (52,1%) e meno di un diploma di scuola superiore (66,2%), così come coloro che erano lavoratori essenziali (54,0%), badanti non pagati per adulti (66,6%) e che hanno segnalato un trattamento per ansia diagnosticata (72,7%), depressione (68,8%) o PTSD (88,0%) al momento del sondaggio.

La prevalenza dei sintomi di condizioni di salute mentale o comportamentale avverse variava in modo significativo tra i sottogruppi ( Tabella 2 ). L’ideazione suicidaria era più diffusa tra i maschi che tra le femmine. Sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo, TSRD correlato a COVID-19, inizio o aumento dell’uso di sostanze per far fronte allo stress associato a COVID-19 e ideazione suicidaria grave nei 30 giorni precedenti sono stati segnalati più comunemente da persone di età compresa tra 18 e 24 anni; la prevalenza è diminuita progressivamente con l’età.

Gli intervistati ispanici hanno riportato prevalenze più elevate di sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo, TSRD correlato a COVID-19, aumento dell’uso di sostanze e ideazione suicidaria rispetto ai rispondenti bianchi non ispanici (bianchi) o asiatici non ispanici (asiatici).

Gli intervistati neri hanno riferito un aumento dell’uso di sostanze e negli ultimi 30 giorni una seria considerazione del suicidio nei 30 giorni precedenti più comunemente rispetto ai rispondenti bianchi e asiatici. Gli intervistati che hanno segnalato il trattamento per l’ansia diagnosticata, la depressione o il disturbo da stress post-traumatico al momento dell’indagine hanno riportato prevalenze più elevate di sintomi di condizioni di salute mentale e comportamentali avverse rispetto a coloro che non lo hanno fatto.

I sintomi di un TSRD correlato a COVID-19, aumento dell’uso di sostanze e ideazione suicidaria erano più prevalenti tra gli intervistati occupati rispetto ai disoccupati e tra i lavoratori essenziali rispetto ai lavoratori non essenziali. Le condizioni avverse erano anche più diffuse tra i caregiver non retribuiti per adulti rispetto a quelli che non lo erano, con differenze particolarmente grandi nell’aumento dell’uso di sostanze (32,9% contro 6,3%) e nell’ideazione suicidaria (30,7% contro 3,6%) in questo gruppo.

L’analisi longitudinale delle risposte di 1.497 persone che hanno completato tutti e tre i sondaggi ha rivelato che i caregiver non pagati per gli adulti avevano una probabilità significativamente più alta di incidenza di condizioni di salute mentale avverse rispetto ad altri ( Tabella 3 ). Tra coloro che non hanno riferito di aver iniziato o aumentato l’uso di sostanze per far fronte allo stress o alle emozioni legate a COVID-19 a maggio, i caregiver non pagati per adulti avevano 3,33 volte le probabilità di segnalare questo comportamento a giugno (OR aggiustato IC 95% = 1,75– 6,31; p <0,001). Allo stesso modo, tra coloro che non hanno riferito di aver preso seriamente in considerazione il suicidio nei 30 giorni precedenti a maggio, i caregiver non retribuiti per gli adulti avevano 3.03 volte le probabilità di segnalare ideazione suicidaria a giugno (OR aggiustato IC 95% = 1,20-7,63; p = 0,019) .

CaratteristicaTutti gli intervistati che hanno completato i sondaggi durante il 24-30 giugno 2020 hanno pesato * n. (%)% Ponderata *
CondizioniIniziato o aumentato uso di sostanze per far fronte allo stress o emozioni pandemia legati Considerato seriamente un suicidio negli ultimi 30 giorni≥1 sintomo avverso alla salute mentale o comportamentale
Disturbo d’ansia Disturbo depressivo Ansia o disturbo depressivo TSRD relativo a COVID-19 §
Tutti gli intervistati5,470 (100)25.524.330.926.313.310.740.9
Genere
Femmina2,784 (50.9)26.323.931.524.712.28.941.4
Male2,676 (48.9)24.724.830.427.914.412.640.5
Altro10 (0.2)20.030.030.030.010.00.030.0
Fascia d’età (anni)
18–24731 (13.4)49.152.362.946.024.725.574.9
25–441,911 (34.9)35.332.540.436.019.516.051.9
45–641,895 (34.6)16.114.420.317.27.73.829.5
≥65933 (17.1)6.25.88.19.23.02.015.1
Razza / etnia
White, non-Hispanic3,453 (63.1)24.022.929.223.310.67.937.8
Black, non-Hispanic663 (12.1)23.424.630.230.418.415.144.2
Asian, non-Hispanic256 (4.7)14.114.218.022.16.76.631.9
Altra razza o più razze, non ispaniche **164 (3.0)27.829.333.228.311.09.843.8
Ispanico, qualsiasi razza (e)885 (16.2)35.531.340.835.121.918.652.1
Sconosciuto50 (0.9)38.034.044.034.018.026.048.0
Reddito familiare 2019 (USD)
<25.000741 (13.6)30.630.836.629.912.59.945.4
25,000–49,9991,123 (20.5)26.025.633.227.213.510.143.9
50,999–99,9991,775 (32.5)27.124.831.626.412.611.440.3
100,999–199,9991,301 (23.8)23.120.827.724.215.511.737.8
≥200,000282 (5.2)17.417.020.623.114.811.635.1
Sconosciuto247 (4.5)19.623.127.224.96.23.941.5
Formazione scolastica
Meno del diploma di scuola superiore78 (1.4)44.551.457.544.522.130.066.2
High school diploma943 (17.2)31.532.838.432.115.313.148.0
Qualche college1,455 (26.6)25.223.431.722.810.98.639.9
Laurea triennale1,888 (34.5)24.722.528.726.414.210.740.6
Titolo professionale1,074 (19.6)20.919.525.424.512.610.035.2
Sconosciuto33 (0.6)25.223.228.223.210.55.528.2
Condizione occupazionale ††
Impiegato3,431 (62.7)30.129.136.432.117.915.047.8
Essenziale1,785 (32.6)35.533.642.438.524.721.754.0
Non essenziale1,646 (30.1)24.124.129.925.210.57.841.0
Disoccupato761 (13.9)32.029.437.825.07.74.745.9
Pensionato1,278 (23.4)9.68.712.111.34.22.519.6
Status di badante adulto non retribuito §§
1,435 (26.2)47.645.256.148.432.930.766.6
No4,035 (73.8)17.716.922.018.46.33.631.8
Region¶¶
Nordest1,193 (21.8)23.923.929.922.812.810.237.1
Midwest1,015 (18.6)22.721.127.524.49.07.536.1
Sud1,921 (35.1)27.926.533.429.115.412.544.4
ovest1,340 (24.5)25.824.230.926.714.010.943.0
Classificazione rurale-urbana ***
Rurale599 (10.9)26.022.529.325.411.510.238.3
Urbano4,871 (89.1)25.524.631.126.413.510.741.2
Conosci qualcuno che ha avuto risultati positivi ai test per SARS-CoV-2
1,109 (20.3)23.821.929.621.512.97.539.2
No4,361 (79.7)26.025.031.327.513.411.541.3
Conosceva qualcuno che è morto a causa di COVID-19
428 (7.8)25.820.630.628.111.37.640.1
No5,042 (92.2)25.524.731.0.26.113.410.941.0
Ricevere un trattamento per una condizione precedentemente diagnosticata
Ansia
536 (9.8)59.652.066.051.926.623.672.7
No4,934 (90.2)21.821.327.123.511.89.337.5
Depressione
540 (9.9)52.550.660.845.525.222.168.8
No4,930 (90.1)22.621.527.724.212.09.437.9
Disturbo post traumatico da stress
251 (4.6)72.369.178.769.443.844.888.0
No5,219 (95.4)23.322.228.624.211.89.038.7

Abbreviazioni : COVID-19 = malattia da coronavirus 2019; TSRD = disturbo correlato a trauma e stress.
* La ponderazione del sondaggio è stata impiegata per migliorare la rappresentatività trasversale della coorte di giugno della popolazione degli Stati Uniti per sesso, età e razza / etnia secondo il censimento degli Stati Uniti del 2010 con gli intervistati in cui sono stati segnalati sesso, età e razza / etnia. Agli intervistati che hanno segnalato un sesso di “Altro” o che non hanno segnalato razza / etnia è stato assegnato un peso di uno.
  I sintomi del disturbo d’ansia e del disturbo depressivo sono stati valutati tramite il questionario sulla salute del paziente a quattro voci (PHQ-4). Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥3 su 6 nelle sottoscale Disturbo d’Ansia Generalizzata (GAD-2) e Questionario sulla Salute del Paziente (PHQ-2) sono stati considerati rispettivamente sintomatici per ciascun disturbo.
§ I disturbi classificati come TSRD nel  Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali  (DSM-5) includono il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), il disturbo da stress acuto (ASD) e i disturbi dell’adattamento (AD), tra gli altri. I sintomi di un TSRD precipitato dalla pandemia COVID-19 sono stati valutati tramite la scala di impatto dell’evento a sei voci (IES-6) per lo screening dei sintomi sovrapposti di PTSD, ASD e AD. Per questa indagine, la pandemia COVID-19 è stata specificata come l’esposizione traumatica a registrare i sintomi peri- e post-traumatici associati alla gamma di fattori di stress introdotti dalla pandemia COVID-19. Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥1,75 su 4 sono stati considerati sintomatici.
  104 intervistati hanno selezionato “Preferisco non rispondere”.
** La categoria Altra razza o più razze, non ispanici include gli intervistati che si sono identificati come non ispanici e come più di una razza o come indiani d’America o nativi dell’Alaska, nativi hawaiani o isolani del Pacifico o “Altro”.
†† Lo  stato di lavoratore essenziale era auto-riferito. Il confronto è stato tra gli intervistati occupati (n = 3.431) che hanno identificato come essenziale vs non essenziale. Per questa analisi, gli studenti che non erano impiegati separatamente come lavoratori essenziali sono stati considerati lavoratori non essenziali.
§§ Lo stato di badante adulto non retribuito è stato auto-segnalato. La definizione di caregiver non retribuito per gli adulti era una persona che aveva fornito cure non retribuite a un parente o un amico di età ≥18 anni per aiutarli a prendersi cura di se stessi in qualsiasi momento negli ultimi 3 mesi. Gli esempi forniti includevano aiutare con le esigenze personali, le faccende domestiche, i compiti di assistenza sanitaria, la gestione delle finanze di una persona, portarla a un appuntamento dal medico, organizzare servizi esterni e visitare regolarmente per vedere come stanno andando.
¶¶ La  classificazione delle regioni è stata determinata utilizzando il censimento delle regioni e delle divisioni degli Stati Uniti dell’US Census Bureau. https://www2.census.gov/geo/pdfs/maps-data/maps/reference/us_regdiv.pdfpdf iconaicona esterna .
*** La classificazione rurale-urbana è stata determinata utilizzando codici di avviamento postale auto-segnalati secondo la definizione di ruralità dell’Ufficio federale della politica sanitaria rurale. https://www.hrsa.gov/rural-health/about-us/definition/datafiles.htmlexternal icon .

Superiore

CaratteristicaRapporto di prevalenza   (IC 95%  )
Sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo Sintomi di un TSRD correlato a COVID-19 §Uso iniziale o aumentato di sostanze per far fronte allo stress o alle emozioni legate a COVID-19Seria considerazione del suicidio negli ultimi 30 giorni
Genere
Femmina contro maschio1.04 (0.96–1.12)0.88 (0.81–0.97)0.85 (0.75–0.98)0.70 (0.60–0.82)**
Fascia d’età (anni)
18–24 contro 25–441.56 (1.44–1.68)**1.28 (1.16–1.41)**1.31 (1.12–1.53)**1.59 (1.35–1.87)**
18–24 contro 45–643.10 (2.79–3.44)**2.67 (2.35–3.03)**3.35 (2.75–4.10)**6.66 (5.15–8.61)**
18-24 contro ≥657.73 (6.19–9.66)**5.01 (4.04–6.22)**8.77 (5.95–12.93)**12.51 (7.88–19.86)**
25–44 contro 45–641.99 (1.79–2.21)**2.09 (1.86–2.35)**2.56 (2.14–3.07)**4.18 (3.26–5.36)**
25–44 contro ≥654.96 (3.97–6.20)**3.93 (3.18–4.85)**6.70 (4.59–9.78)**7.86 (4.98–12.41)**
45-64 contro ≥652.49 (1.98–3.15)**1.88 (1.50–2.35)**2.62 (1.76–3.9)**1.88 (1.14–3.10)
Razza / Etnia ††
Ispanico vs nero non ispanico1.35 (1.18–1.56)**1.15 (1.00–1.33)1.19 (0.97–1.46)1.23 (0.98–1.55)
Ispanico vs asiatico non ispanico2.27 (1.73–2.98)**1.59 (1.24–2.04)**3.29 (2.05–5.28)**2.82 (1.74–4.57)**
Ispanico vs non ispanico altra razza o più razze1.23 (0.98–1.55)1.24 (0.96–1.61)1.99 (1.27–3.13)**1.89 (1.16–3.06)
Bianco ispanico contro bianco non ispanico1.40 (1.27–1.54)**1.50 (1.35–1.68)**2.09 (1.79–2.45)**2.35 (1.96–2.80)**
Nero non ispanico vs asiatico non ispanico1.68 (1.26–2.23)**1.38 (1.07–1.78)2.75 (1.70–4.47)**2.29 (1.39–3.76)**
Nero non ispanico vs. altra razza non ispanica o razze multiple0.91 (0.71–1.16)1.08 (0.82–1.41)1.67 (1.05–2.65)1.53 (0.93–2.52)
Nero non ispanico vs bianco non ispanico1.03 (0.91–1.17)1.30 (1.14–1.48)**1.75 (1.45–2.11)**1.90 (1.54–2.36)**
Altre razze o più razze asiatiche non ispaniche vs.0.54 (0.39–0.76)**0.78 (0.56–1.09)0.61 (0.32–1.14)0.67 (0.35–1.29)
Asiatico non ispanico vs bianco non ispanico0.62 (0.47–0.80)**0.95 (0.74–1.20)0.64 (0.40–1.02)0.83 (0.52–1.34)
Altra razza non ispanica o razze multiple contro bianchi non ispanici1.14 (0.91–1.42)1.21 (0.94–1.56)1.05 (0.67–1.64)1.24 (0.77–2)
Stato di impiego
Impiegati vs disoccupati0.96 (0.87–1.07)1.28 (1.12–1.46)**2.30 (1.78–2.98)**3.21 (2.31–4.47)**
Impiegato vs pensionato3.01 (2.58–3.51)**2.84 (2.42–3.34)**4.30 (3.28–5.63)**5.97 (4.20–8.47)**
Disoccupato vs pensionato3.12 (2.63–3.71)**2.21 (1.82–2.69)**1.87 (1.30–2.67)**1.86 (1.16–2.96)
Lavoratore essenziale vs. non essenziale §§1.42 (1.30–1.56)**1.52 (1.38–1.69)**2.36 (2.00–2.77)**2.76 (2.29–3.33)**
Badante non retribuito per adulti vs. non ¶¶`2.55 (2.37–2.75)**2.63 (2.42–2.86)**5.28 (4.59–6.07)**8.64 (7.23–10.33)**
Residenza rurale vs. urbana ***0.94 (0.82–1.07)0.96 (0.83–1.11)0.84 (0.67–1.06)0.95 (0.74–1.22)
Conosce qualcuno con risultato positivo al test SARS-CoV-2 vs. no0.95 (0.86–1.05)0.78 (0.69–0.88)**0.96 (0.81–1.14)0.65 (0.52–0.81)**
Conosceva qualcuno che è morto per COVID-19 vs. no0.99 (0.85–1.15)1.08 (0.92–1.26)0.84 (0.64–1.11)0.69 (0.49–0.97)
Ricevere un trattamento per l’ansia o no2.43 (2.26–2.63)**2.21 (2.01–2.43)**2.27 (1.94–2.66)**2.54 (2.13–3.03)**
Ricevere cure per la depressione vs. no2.20 (2.03–2.39)**1.88 (1.70–2.09)**2.13 (1.81–2.51)**2.35 (1.96–2.82)**
Ricevere un trattamento per PTSD vs. no2.75 (2.55–2.97)**2.87 (2.61–3.16)**3.78 (3.23–4.42)**4.95 (4.21–5.83)**

Abbreviazioni : CI = intervallo di confidenza; COVID-19 = malattia da coronavirus 2019; PTSD = disturbo da stress post-traumatico; TSRD = disturbo correlato a trauma e stress.
* Numero di intervistati per caratteristiche: sesso (femmina = 2.784, maschio = 2.676), fascia di età in anni (18-24 = 731; 25-44 = 1.911; 45-64 = 1.895; ≥65 = 933), razza / etnia (bianco non ispanico = 3453, nero non ispanico = 663, asiatico non ispanico = 256, altra razza non ispanica o razze multiple = 164, ispanico = 885).
  I sintomi del disturbo d’ansia e del disturbo depressivo sono stati valutati tramite il questionario sulla salute del paziente a quattro voci (PHQ-4). Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥3 su 6 nelle sottoscale del Disturbo d’Ansia Generalizzata (GAD-2) e del Questionario sulla Salute del Paziente (PHQ-2) sono stati considerati avere sintomi di questi disturbi.
§ I disturbi classificati come TSRD nel  Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali  (DSM-5) includono PTSD, disturbo da stress acuto (ASD) e disturbi dell’adattamento (AD), tra gli altri. I sintomi di un TSRD precipitato dalla pandemia COVID-19 sono stati valutati tramite la scala di impatto dell’evento a sei voci (IES-6) per lo screening dei sintomi sovrapposti di PTSD, ASD e AD. Per questa indagine, la pandemia COVID-19 è stata specificata come l’esposizione traumatica a registrare i sintomi peri- e post-traumatici associati alla gamma di fattori di stress introdotti dalla pandemia COVID-19. Le persone che hanno ottenuto un punteggio ≥1,75 su 4 sono state considerate sintomatiche.
 I confronti all’interno dei sottogruppi sono stati valutati sulle risposte ponderate tramite regressioni di Poisson usate per calcolare un rapporto di prevalenza, IC 95% e valore p (non mostrato). La significatività statistica è stata valutata a una soglia di  α  = 0,005 per tenere conto di confronti multipli. Nel calcolo dei rapporti di prevalenza per l’uso di sostanze iniziato o aumentato, gli intervistati che hanno selezionato “Preferisco non rispondere” (n = 104) sono stati esclusi.
** Il valore P è statisticamente significativo (p <0,005).
†† Gli  intervistati identificati come una singola razza se non diversamente specificato. La categoria non ispanica, altra razza o razze multiple include gli intervistati che si sono identificati come non ispanici e come più di una razza o come indiani d’America o nativi dell’Alaska, nativi hawaiani o isolani del Pacifico, o “Altro”.
§§ Lo status di lavoratore essenziale è stato auto-segnalato. Il confronto è stato tra gli intervistati occupati (n = 3.431) che hanno identificato come essenziale vs non essenziale. Per questa analisi, gli studenti che non erano impiegati separatamente come lavoratori essenziali sono stati considerati lavoratori non essenziali.
¶¶ Lo  stato di badante adulto non retribuito è stato auto-segnalato. La definizione di caregiver non retribuito per gli adulti è stata quella di aver fornito assistenza non retribuita a un parente o un amico di età ≥18 anni per aiutarli a prendersi cura di se stessi in qualsiasi momento negli ultimi 3 mesi. Gli esempi forniti includevano aiutare con le esigenze personali, le faccende domestiche, i compiti di assistenza sanitaria, la gestione delle finanze di una persona, portarla a un appuntamento dal medico, organizzare servizi esterni e visitare regolarmente per vedere come stanno andando.
*** La classificazione rurale-urbana è stata determinata utilizzando codici di avviamento postale auto-segnalati secondo la definizione di ruralità dell’Ufficio federale della politica sanitaria rurale. https://www.hrsa.gov/rural-health/about-us/definition/datafiles.htmlexternal icon .

Superiore

Sintomo o comportamentoLavoratore essenziale   rispetto a tutti gli altri status occupazionali (lavoratore non essenziale, disoccupato, pensionato)Badante  non retribuito per adulti § vs. badante non retribuito
non regolatoAdjustednon regolatoAggiustato**
OR (IC 95%) ††valore p ††OR (IC 95%) ††valore p ††OR (IC 95%) ††valore p ††OR (IC 95%) ††valore p ††
Sintomi del disturbo d’ansia §§1.92 (1.29–2.87)0.0011.63 (0.99–2.69)0.0561.97 (1.25–3.11)0.0041.81 (1.14–2.87)0.012
Sintomi del disturbo depressivo §§1.49 (1.00–2.22)0.0521.13 (0.70–1.82)0.6062.29 (1.50–3.50)<0,0012.22 (1.45–3.41)<0,001
Sintomi di disturbo d’ansia o disturbo depressivo §§1.67 (1.14–2.46)0.0081.26 (0.79–2.00)0.3261.84 (1.19–2.85)0.0061.73 (1.11–2.70)0.015
Sintomi di un TSRD correlato a
COVID – 19 ¶¶
1.55 (0.86–2.81)0.1461.27 (0.63–2.56)0.5121.88 (0.99–3.56)0.0541.79 (0.94–3.42)0.076
Uso iniziale o aumentato di sostanze per far fronte allo stress o alle emozioni legate a COVID-192.36 (1.26–4.42)0.0072.04 (0.92–4.48)0.0783.51 (1.86–6.61)<0,0013.33 (1.75–6.31)<0,001
Seria considerazione del suicidio nei 30 giorni precedenti0.93 (0.31–2.78)0.8950.53 (0.16–1.70)0.2853.00 (1.20–7.52)0.0193.03 (1.20–7.63)0.019

Abbreviazioni : CI = intervallo di confidenza, COVID – 19 = malattia da coronavirus 2019, OR = odds ratio, TSRD = disturbo correlato a trauma e stress.
* Per i risultati valutati tramite il questionario sulla salute del paziente a quattro voci (PHQ-4), le probabilità di incidenza sono state contrassegnate dalla presenza di sintomi durante il 5-12 maggio o il 24-30 giugno 2020, dopo l’assenza di sintomi durante il 2- aprile 8, 2020. Pool di intervistati per l’analisi prospettica delle probabilità di incidenza (non è stato valutato positivo per i sintomi durante il 2-8 aprile): disturbo d’ansia (n = 1.236), disturbo depressivo (n = 1.301) e disturbo d’ansia o disturbo depressivo (n = 1.190). Per i sintomi di un TSRD precipitato da COVID-19, l’uso iniziato o aumentato di sostanze per far fronte a stress o emozioni correlate a COVID-19 e ideazione suicidaria grave nei 30 giorni precedenti, le probabilità di incidenza erano contrassegnate dalla presenza di un esito durante 24–30 giugno 2020, dopo l’assenza di tale risultato durante il 5–12 maggio 2020.
† Lo  stato di lavoratore essenziale era auto-segnalato. Per la Tabella 3, lo status di lavoratore essenziale è stato determinato dall’identificazione come lavoratore essenziale durante l’indagine del 24-30 giugno. I lavoratori essenziali sono stati confrontati con tutti gli altri intervistati, non solo gli intervistati occupati (cioè, lavoratori essenziali rispetto a tutte le altre condizioni occupazionali (lavoratore non essenziale, disoccupato e pensionato), lavoratori non essenziali vs non essenziali).
§ Lo stato di caregiver adulto non pagato è stato auto-segnalato. La definizione di caregiver non retribuito per adulti è stata quella di aver fornito cure non retribuite a un parente o un amico di 18 anni o più per aiutarli a prendersi cura di se stessi in qualsiasi momento negli ultimi 3 mesi. Gli esempi forniti includevano aiutare con le esigenze personali, le faccende domestiche, i compiti di assistenza sanitaria, la gestione delle finanze di una persona, portarla a un appuntamento dal medico, organizzare servizi esterni e visitare regolarmente per vedere come stanno andando.
  Adeguato per sesso, condizione lavorativa e stato di badante adulto non retribuito.
** Adeguato per sesso, condizione occupazionale e condizione lavorativa essenziale.
†† Gli intervistati che hanno completato i sondaggi di tutte e tre le ondate (aprile, maggio, giugno) potevano essere inclusi in un’analisi longitudinale non ponderata. I confronti all’interno dei sottogruppi sono stati valutati tramite regressioni binomiali collegate a logit utilizzate per calcolare odds ratio non aggiustati e aggiustati, intervalli di confidenza al 95% e valori p. La significatività statistica è stata valutata a una soglia di α = 0,05. Nel calcolo degli odds ratio per l’uso di sostanze iniziato o aumentato, gli intervistati che hanno selezionato “Preferisco non rispondere” (n = 11) sono stati esclusi.
§§  I sintomi del disturbo d’ansia e del disturbo depressivo sono stati valutati tramite il PHQ-4. Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥3 su 6 nelle sottoscale del Disturbo d’Ansia Generalizzata (GAD-2) a due voci e del Questionario sulla Salute del Paziente (PHQ-2) a due voci sono stati considerati rispettivamente sintomatici per ciascun disturbo.
¶¶ I  disturbi classificati come TSRD nel  Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali  (DSM-5) includono il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), il disturbo da stress acuto (ASD) e i disturbi dell’adattamento (AD), tra gli altri. I sintomi di una TSRD precipitata dalla pandemia COVID-19 sono stati valutati tramite la scala dell’Impact of Event a sei voci (IES-6) per lo screening dei sintomi sovrapposti di PTSD, ASD e AD. Per questa indagine, la pandemia COVID-19 è stata specificata come l’esposizione traumatica a registrare sintomi peri– e post-traumatici associati alla gamma di potenziali fattori di stress introdotti dalla pandemia COVID-19. Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥1,75 su 4 sono stati considerati sintomatici.


*  https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.22.20076141v1icona esterna .

† I  disturbi classificati come TSRD nel  Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali  (DSM-5) includono il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), il disturbo da stress acuto (ASD) e i disturbi dell’adattamento (AD), tra gli altri.

§ Lo  stato di badante adulto non retribuito è stato auto-segnalato. La definizione di caregiver non retribuito per gli adulti era una persona che aveva fornito cure non retribuite a un parente o un amico di età ≥18 anni per aiutarli a prendersi cura di se stessi in qualsiasi momento negli ultimi 3 mesi. Gli esempi forniti includevano aiutare con le esigenze personali, le faccende domestiche, i compiti sanitari, la gestione delle finanze di una persona, portarla a un appuntamento dal medico, organizzare servizi esterni e visitare regolarmente per vedere come stanno andando.

¶ Lo  stato di lavoratore essenziale è stato auto-segnalato. Il confronto è stato tra gli intervistati occupati (n = 3.431) che hanno identificato come essenziale rispetto a non essenziale. Per questa analisi, gli studenti che non erano impiegati separatamente come lavoratori essenziali sono stati considerati lavoratori non essenziali.

** Un’età minima di 18 anni e una residenza negli Stati Uniti dal 2 all’8 aprile 2020 erano richiesti per l’idoneità alla coorte longitudinale per completare un sondaggio durante il 24-30 giugno 2020. La residenza è stata rivalutata durante il 24 giugno – 30, 2020 e un intervistato che si era trasferito dagli Stati Uniti è stato escluso dall’analisi. Un’età minima di 18 anni e la residenza negli Stati Uniti erano richieste per l’idoneità dei rispondenti neoassunti inclusi nell’analisi trasversale. Sia per la coorte longitudinale che per i rispondenti di recente reclutamento, gli intervistati dovevano fornire il consenso informato prima dell’arruolamento nello studio. Tutti i sondaggi sono stati sottoposti a procedure di screening della qualità dei dati, inclusa l’analisi algoritmica e delle sequenze di tasti per i modelli di attenzione, il comportamento di click-through, le risposte duplicate, le risposte della macchina, e disattenzione. La verifica della geolocalizzazione specifica del paese tramite mappatura dell’indirizzo IP è stata utilizzata per garantire che gli intervistati provenissero dagli Stati Uniti. Gli intervistati che non hanno superato un controllo dell’attenzione o della velocità, insieme a qualsiasi risposta identificata dagli algoritmi di scrubbing dei dati, sono stati esclusi dall’analisi.

††  I sondaggi contenevano 101 elementi per i rispondenti per la prima volta e 86 elementi per gli intervistati che hanno anche partecipato a sondaggi successivi, con i 15 elementi aggiuntivi per i rispondenti per la prima volta costituiti da domande sui dati demografici. Gli strumenti di indagine includevano una combinazione di domande individuali, questionari convalidati e questionari specifici per COVID-19, che sono stati utilizzati per valutare atteggiamenti, comportamenti e convinzioni dei rispondenti relativi a COVID-19 e alla sua mitigazione, nonché alla salute sociale e comportamentale impatti della pandemia COVID-19.

§§  https://www.qualtrics.com/ icona esterna .

¶¶ La  ponderazione del sondaggio è stata implementata in base al censimento degli Stati Uniti del 2010 con gli intervistati che hanno segnalato sesso, età e razza / etnia. Agli intervistati che hanno segnalato un sesso di “Altro” o che non hanno segnalato razza / etnia è stato assegnato un peso di uno.

*** I sintomi del disturbo d’ansia e del disturbo depressivo sono stati valutati tramite il questionario sulla salute del paziente a quattro voci (PHQ-4). Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥3 su 6 nelle sottoscale Disturbo d’Ansia Generalizzata (GAD-2) e Questionario sulla Salute del Paziente (PHQ-2) sono stati considerati sintomatici per questi rispettivi disturbi. Questo strumento è stato incluso nei sondaggi di aprile, maggio e giugno.

†††  I sintomi di un TSRD attribuito alla pandemia COVID-19 sono stati valutati tramite la scala dell’Impact of Event Scale (IES-6) a sei voci per lo screening dei sintomi sovrapposti di PTSD, ASD e AD. Per questo sondaggio, la pandemia COVID-19 è stata specificata come l’esposizione traumatica a registrare sintomi peri- e post-traumatici associati alla gamma di fattori di stress introdotti dalla pandemia COVID-19. Coloro che hanno ottenuto un punteggio ≥1,75 su 4 sono stati considerati sintomatici. Questo strumento è stato incluso solo nelle indagini di maggio e giugno.

§§§ Per questo sondaggio, l’uso di sostanze è stato definito come l’uso di “alcol, droghe legali o illegali o farmaci da prescrizione che vengono assunti in un modo non raccomandato dal medico”. Le domande riguardanti l’uso di sostanze e l’ideazione suicidaria sono state incluse solo nei sondaggi di maggio e giugno. I partecipanti sono stati informati che le risposte sono state deidentificate e che non è stato possibile fornire supporto diretto a coloro che hanno segnalato comportamenti legati all’uso di sostanze o idee suicide. Per quanto riguarda l’uso di sostanze, agli intervistati è stato fornito quanto segue: “Questo sondaggio è anonimo, quindi non possiamo fornire supporto diretto. Se desideri assistenza in caso di crisi, contatta la Helpline nazionale dell’amministrazione per l’abuso di sostanze e i servizi di salute mentale, 1-800-662-HELP (4357), (noto anche come il servizio di instradamento di riferimento del trattamento) o TTY: 1-800-487-4889 . Questo è un servizio riservato, gratuito, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, servizio di informazione, in inglese e spagnolo, per persone e familiari che affrontano disturbi mentali e / o da uso di sostanze “. Per quanto riguarda l’ideazione suicidaria, agli intervistati è stato fornito quanto segue: “Questo sondaggio è anonimo, quindi non possiamo fornire supporto diretto. Se desideri assistenza in caso di crisi, contatta la National Suicide Prevention Lifeline, 1-800-273-TALK (8255 o chat line) per ricevere aiuto per se stessi o per altri “.

¶¶¶ La  classificazione rurale-urbana è stata determinata utilizzando codici di avviamento postale auto-segnalati secondo la definizione di ruralità dell’Ufficio federale della politica sanitaria rurale. https://www.hrsa.gov/rural-health/about-us/definition/datafiles.htmlexternal icon .

**** Le probabilità di incidenza sono state definite come le probabilità della presenza di un esito negativo sulla salute mentale o comportamentale segnalate durante un successivo sondaggio dopo aver precedentemente segnalato l’assenza di tale esito (p. Es., Aver segnalato sintomi di disturbo d’ansia durante il 24 giugno – 30, 2020, dopo non aver segnalato i sintomi del disturbo d’ansia durante il 2-8 aprile 2020).

††††  Adeguato per sesso, condizione occupazionale e status di lavoratore essenziale o stato di badante adulto non retribuito.

§§§§  Disaster Distress Helpline ( https://www.samhsa.gov/disaster-preparednessexternal icon ): 1-800-985-5990 (premere 2 per lo spagnolo) o inviare un messaggio di testo TalkWithUs per l’inglese o Hablanos per lo spagnolo al 66746. Gli spagnoli di Porto Rico possono inviare messaggi a Hablanos al numero 1-787-339-2663.

¶¶¶¶ Linea di  assistenza nazionale dell’amministrazione per l’abuso di sostanze e i servizi di salute mentale (nota anche come servizio di instradamento del rinvio al trattamento) per persone e famiglie che affrontano disturbi mentali, disturbi da uso di sostanze o entrambi:  https://www.samhsa.gov/find- help / national-helplineexternal icon , 1-800-662-HELP o TTY 1-800-487-4889.

***** National Suicide Prevention Lifeline ( https://suicidepreventionlifeline.org/external icon ): 1-800-273-TALK per l’inglese, 1-888-628-9454 per lo spagnolo o Lifeline Crisis Chat ( https: / /suicidepreventionlifeline.org/chat/external icon ).

Riferimenti

  1. CDC, Centro nazionale per le statistiche sanitarie. Indicatori di ansia o depressione basati sulla frequenza dei sintomi riportata negli ultimi 7 giorni. Sondaggio sul polso delle famiglie. Atlanta, GA: Dipartimento della sanità e dei servizi umani degli Stati Uniti, CDC, Centro nazionale per le statistiche sanitarie; 2020.  https://www.cdc.gov/nchs/covid19/pulse/mental-health.htm
  2. CDC, Centro nazionale per le statistiche sanitarie. Pubblicazione anticipata di stime sulla salute mentale selezionate sulla base dei dati del National Health Interview Survey di gennaio-giugno 2019. Atlanta, GA: Dipartimento della sanità e dei servizi umani degli Stati Uniti, CDC, Centro nazionale per le statistiche sanitarie; 2020.  https://www.cdc.gov/nchs/data/nhis/earlyrelease/ERmentalhealth-508.pdfpdf icona
  3. Czeisler MÉ, Tynan MA, Howard ME, et al. Atteggiamenti, comportamenti e convinzioni pubblici relativi a COVID-19, ordini di permanenza a casa, chiusure aziendali non essenziali e assistenza sanitaria pubblica: Stati Uniti, New York e Los Angeles, 5-12 maggio 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2020; 69: 751–8. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  4. Löwe B, Wahl I, Rose M, et al. Una misura a 4 elementi di depressione e ansia: convalida e standardizzazione del Questionario sulla salute del paziente-4 (PHQ-4) nella popolazione generale. J Affect Disord 2010; 122: 86–95. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  5. Hosey MM, Leoutsakos JS, Li X, et al. Screening per il disturbo post-traumatico da stress nei sopravvissuti a ARDS: convalida dell’Impact of Event Scale-6 (IES-6). Crit Care 2019; 23: 276. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  6. Abuso di sostanze e amministrazione dei servizi di salute mentale. Principali indicatori sull’uso di sostanze e sulla salute mentale negli Stati Uniti: risultati del National Survey on Drug Use and Health 2018. Rockville, MD: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, amministrazione dei servizi di salute mentale e abuso di sostanze; 2018.  https://www.samhsa.gov/data/sites/default/files/cbhsq-reports/NSDUHNationalFindingsReport2018/NSDUHNationalFindingsReport2018.pdfpdf iconaicona esterna
  7. Horesh D, Brown AD. Stress traumatico nell’età di COVID-19: chiamata a colmare le lacune critiche e adattarsi alle nuove realtà. Psychol Trauma 2020; 12: 331–5. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  8. Hailey D, Roine R, Ohinmaa A. L’efficacia delle applicazioni di salute telementale: una revisione. Can J Psychiatry 2008; 53: 769–78. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  9. Stone D, Holland K, Bartholow B, Crosby A, Davis S, Wilkins N. Preventing suicide: un pacchetto tecnico di politiche, programmi e pratiche. Atlanta, GA: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, CDC, Centro nazionale per la prevenzione e il controllo degli infortuni; 2017.  https://www.cdc.gov/violenceprevention/pdf/suicideTechnicalPackage.pdfpdf icona

Ulteriori informazioni:  The unfolding COVID-19 pandemic: Uno studio probabilistico e rappresentativo a livello nazionale della salute mentale negli Stati Uniti  Science Advances  (2020). DOI: 10.1126 / sciadv.abd5390  ,  advances.sciencemag.org/conten… 09/18 / sciadv.abd5390

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.