sabato, Luglio 24, 2021
HomeHealthCareIl vaccino Moderna COVID-19 è efficace contro le varianti del coronavirus identificate...

Il vaccino Moderna COVID-19 è efficace contro le varianti del coronavirus identificate nel Regno Unito e in Sud Africa

Lunedì, la società di biotecnologia statunitense Moderna ha affermato che studi di laboratorio hanno dimostrato che il suo vaccino COVID-19 rimane efficace contro le varianti del coronavirus identificate per la prima volta nel Regno Unito e in Sud Africa.

Ma le notizie positive sono state mitigate dalla scoperta che vi è stata una riduzione di sei volte del livello di anticorpi neutralizzanti altamente potenti prodotti contro la variante sudafricana B.1.351.

Per cautela, la società testerà l’aggiunta di un secondo richiamo del suo vaccino – per fare tre richiami in totale – e ha avviato studi preclinici su un richiamo specifico per la variante sudafricana.

“Siamo incoraggiati da questi nuovi dati, che rafforzano la nostra fiducia che il vaccino Moderna COVID-19 dovrebbe essere protettivo contro queste varianti appena rilevate”, ha affermato Stephane Bancel, CEO di Moderna.

“Per un’abbondanza di cautela e sfruttando la flessibilità della nostra piattaforma mRNA, stiamo avanzando nella clinica una variante emergente candidata contro la variante identificata per la prima volta nella Repubblica del Sud Africa”.

Akiko Iwasaki, uno dei principali virologi di Yale, ha twittato: “Questo è buono”, aggiungendo che si aspettava che anche altri produttori di vaccini stessero sviluppando booster mirati alla variante sudafricana.

Ma Lawrence Young, virologo presso la Warwick University britannica, ha detto che la riduzione di sei volte è una questione “preoccupante” e ha suggerito che l’efficacia del vaccino e la durata della protezione potrebbero essere influenzate.

Ha aggiunto che era difficile approfondire i dati che erano stati presentati su un numero limitato di campioni, per cui è stato deciso di emettere un semplice comunicato stampa e non un articolo scientifico.

L’emergere di varianti altamente contagiose del virus SARS-CoV-2 aveva innescato preoccupazione per il loro impatto sull’efficacia dei vaccini COVID-19 anche se i paesi iniziano ad accelerare i loro programmi di immunizzazione.

Sia la variante B.1.1.7 vista per la prima volta nel Regno Unito che la variante B.1.351 hanno mutazioni multiple lungo la “proteina spike”, molecole che punteggiano la superficie del virus e gli consentono di invadere le cellule umane.

Gli scienziati sono particolarmente preoccupati che le mutazioni su B.1.351 porterebbero il virus a sfuggire all’azione degli anticorpi e renderebbero obsoleta l’attuale generazione di vaccini.

Il vaccino di Moderna utilizza l’mRNA, un tipo di molecola genetica, per fornire le informazioni alle cellule umane per creare la proteina spike all’interno del corpo umano, al fine di innescare una risposta immunitaria.

Un richiamo per B.1.351 porterebbe quindi l’mRNA che crea la proteina spike con le mutazioni specifiche della variante.

Uno dei principali vantaggi dei vaccini a mRNA è che possono essere sviluppati in poche settimane, anche se produrli su larga scala può richiedere molto più tempo.

La corsa globale ai vaccini ha subito un altro successo lunedì, poiché Merck ha annunciato che stava interrompendo i lavori su due vaccini COVID-19 , incluso uno sviluppato con l’Istituto Pasteur francese, dopo aver scoperto che la risposta immunitaria era inferiore ad altri vaccini.

Attesa per l’articolo scientifico…

Per studiare l’impatto del vaccino Moderna, chiamato mRNA-1273, l’azienda ha prelevato campioni di sangue da otto persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino e da primati anch’essi immunizzati.

Per la variante B.1.1.7 non vi era alcun impatto sul livello di anticorpi neutralizzanti, che si legano alla proteina spike e impediscono che invadesse le cellule umane, prodotti dai colpi.

Ma per la variante sudafricana, B.1.351, c’era una riduzione di sei volte nel livello di anticorpi neutralizzanti.

Anche così, la società ha detto che è rimasta al di sopra della quantità che si è dimostrata protettiva nei test precedenti sui primati che erano stati infettati di proposito.

Moderna, che ha condotto gli studi con il National Institutes of Health, ha sottoposto lo studio a un server di prestampa in modo che possa essere analizzato dalla più ampia comunità scientifica.


Il 30 novembre 2020, ModernaTX (lo sponsor) ha presentato una richiesta di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) alla FDA per un vaccino COVID-19 sperimentale (mRNA-1273) destinato a prevenire COVID-19 causato dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS -CoV-2). Il vaccino è basato sull’antigene della glicoproteina spike SARS-CoV-2 (S) codificato dall’RNA e formulato in nanoparticelle lipidiche (LNP).

L’uso proposto nell’ambito di una EUA è per l’immunizzazione attiva per la prevenzione del COVID-19 causato da SARS-CoV-2 in individui di età pari o superiore a 18 anni. Il regime posologico proposto è di 2 dosi, 100 μg ciascuna, somministrate a 1 mese di distanza.

La richiesta EUA include dati di sicurezza ed efficacia da uno studio in corso di Fase 3 randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo di mRNA-1273 in circa 30.400 partecipanti. L’endpoint primario di efficacia è la riduzione dell’incidenza di COVID-19 tra i partecipanti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima della prima dose di vaccino nel periodo successivo a 14 giorni dopo la dose 2.

In un’analisi ad interim condotta utilizzando un cutoff dei dati del 7 novembre 2020, un totale di 27.817 partecipanti randomizzati 1: 1 al vaccino o al placebo con una mediana di 7 settimane di follow-up post-dose 2 sono stati inclusi nell’analisi di efficacia per protocollo popolazione di partecipanti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima della vaccinazione.

L’efficacia nel prevenire il verificarsi di COVID-19 confermato almeno 14 giorni dopo la seconda dose di vaccino è stata del 94,5,0% (IC 95% 86,5%, 97,8%) con 5 casi COVID-19 nel gruppo vaccino e 90 casi COVID-19 nel gruppo vaccino il gruppo placebo. Le analisi dei sottogruppi dell’endpoint primario di efficacia hanno mostrato stime dei punti di efficacia simili per gruppi di età, sesso, razza ed etnia e partecipanti con comorbidità mediche associate ad alto rischio di COVID-19 grave.

Analisi secondarie di efficacia hanno suggerito il beneficio del vaccino nella prevenzione di COVID-19 grave (11 casi COVID-19 gravi definiti dal protocollo nel gruppo placebo vs 0 casi nel gruppo vaccino), nella prevenzione di COVID-19 dopo la prima dose e in prevenire COVID-19 in soggetti con precedente infezione da SARS-CoV-2, sebbene i dati disponibili per alcuni di questi risultati non consentissero conclusioni definitive.

I dati di efficacia dall’analisi finale programmata dell’endpoint primario di efficacia (cutoff dei dati del 21 novembre 2020, con un follow-up mediano di> 2 mesi dopo la dose 2) hanno dimostrato un VE del 94,1% (IC 95% 89,3%, 96,8 %), con 11 casi COVID-19 nel gruppo vaccino e 185 casi COVID-19 nel gruppo placebo ed era coerente con i risultati ottenuti dall’analisi ad interim.

Il VE in questa analisi, quando stratificato per gruppo di età, è stato del 95,6% (95% CI: 90,6%, 97,9%) per i partecipanti di età compresa tra 18 e <65 anni e dell’86,4% (95% CI: 61,4%, 95,5%) per i partecipanti ≥ 65 anni di età. Un’analisi finale di efficacia secondaria ha anche supportato l’efficacia contro COVID-19 grave definito dal protocollo, con 30 casi nel gruppo placebo vs 0 casi nel gruppo vaccino.

Dati sulla sicurezza da un’analisi ad interim dell’11 novembre 2020 di circa 30.350 partecipanti

≥18 anni di età randomizzati 1: 1 al vaccino o al placebo con una mediana di 7 settimane di follow-up dopo la seconda dose hanno supportato un profilo di sicurezza favorevole, senza specifici problemi di sicurezza identificati che precluderebbero l’emissione di una EUA. Questi dati sulla sicurezza sono la base principale della revisione della sicurezza della FDA. 

Il 7 dicembre 2020, lo Sponsor ha presentato ulteriori dati di follow-up da questi partecipanti con un cutoff del 25 novembre 2020, che rappresenta una mediana di 9 settimane (> 2 mesi) di follow-up post-dose 2. Dati chiave sulla sicurezza da questa successiva presentazione, inclusa la morte, altri eventi avversi gravi ed eventi avversi di interesse non richiesti sono stati verificati in modo indipendente e confermati per non modificare le conclusioni sulla sicurezza dall’analisi provvisoria sulla sicurezza.

Le reazioni avverse sollecitate più comuni associate all’mRNA-1273 sono state dolore al sito di iniezione (91,6%), affaticamento (68,5%), cefalea (63,0%), dolore muscolare (59,6%), dolore articolare (44,8%) e

brividi (43,4%); reazioni avverse gravi si sono verificate nello 0,2% -9,7% dei partecipanti, sono state più frequenti dopo la dose 2 che dopo la dose 1 ed erano generalmente meno frequenti nei partecipanti di età ≥65 anni rispetto ai partecipanti più giovani. Tra gli eventi avversi di interesse clinico non richiesti, che potrebbero essere correlati al vaccino, utilizzando il cutoff dei dati del 25 novembre 2020, la linfoadenopatia è stata segnalata come evento non richiesto in 173 partecipanti (1,1%) nel gruppo vaccino e 95 partecipanti (0,63%) nel gruppo placebo. La linfoadenopatia (gonfiore ascellare e dolorabilità del braccio di vaccinazione) è stata una reazione avversa sollecitata osservata dopo qualsiasi dose nel 21,4% dei soggetti vaccinati di età <65 anni e nel 12,4% dei soggetti vaccinati di età ≥65 anni, rispetto al 7,5% e 5,8% dei destinatari del placebo in quei gruppi di età, rispettivamente.

C’è stato uno squilibrio numerico negli eventi avversi di ipersensibilità tra i gruppi di studio, con l’1,5% dei destinatari del vaccino e l’1,1% dei destinatari del placebo che hanno segnalato tali eventi nella popolazione di sicurezza. Non si sono verificate reazioni anafilattiche o di ipersensibilità grave con una stretta relazione temporale con il vaccino.

Durante il periodo di follow-up sulla sicurezza fino ad oggi, ci sono state tre segnalazioni di paralisi facciale (paralisi di Bell) nel gruppo vaccino e uno nel gruppo placebo. Le informazioni attualmente disponibili non sono sufficienti per determinare una relazione causale con il vaccino. Non c’erano altri modelli o squilibri numerici degni di nota tra i gruppi di trattamento per categorie specifiche di eventi avversi (inclusi altri eventi neurologici, neuroinfiammatori e trombotici) che suggerissero una relazione causale con l’mRNA-1273.

La frequenza di eventi avversi gravi è stata bassa (1,0% nel braccio mRNA-1273 e 1,0% nel braccio placebo), senza squilibri significativi tra i bracci dello studio. Gli eventi avversi gravi più comuni nel gruppo vaccino che erano numericamente più alti rispetto al gruppo placebo sono stati infarto del miocardio (0,03%), colecistite (0,02%) e nefrolitiasi (0,02%), sebbene il piccolo numero di casi di questi eventi non suggerisca un relazione causale. Gli eventi avversi più comuni nel braccio placebo che erano numericamente più alti rispetto al braccio vaccino, a parte COVID-19 (0,1%), erano polmonite (0,05%) ed embolia polmonare (0,03%).

Ad eccezione di una reattogenicità più frequente, generalmente da lieve a moderata nei partecipanti

<65 anni di età, il profilo di sicurezza di mRNA-1273 era generalmente simile per gruppi di età, sesso, etnia e razza, partecipanti con o senza comorbidità mediche e partecipanti con o senza evidenza di precedente infezione da SARS-CoV-2 all’arruolamento .

Questa riunione del Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) è stata convocata per discutere e fornire raccomandazioni sul fatto che, sulla base della totalità delle prove scientifiche disponibili, i benefici del vaccino mRNA-1273 COVID-19 superino i suoi rischi per l’uso negli individui di età pari o superiore a 18 anni. Il comitato discuterà anche quali studi aggiuntivi dovrebbero essere condotti dal produttore del vaccino dopo l’emissione dell’EUA per raccogliere ulteriori dati sulla sicurezza e l’efficacia di questo vaccino.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular