Le donne sotto i 50 anni hanno avuto esiti peggiori a lungo termine dopo il ricovero in ospedale con COVID-19

0
148

Le donne sotto i 50 anni e le persone che hanno avuto una malattia grave hanno avuto esiti peggiori a lungo termine dopo il ricovero in ospedale con COVID-19.

I primi dati di follow-up a lungo termine dello studio sul protocollo di caratterizzazione clinica dell’International Severe Acute Respiratory and Emergency Consortium (ISARIC) nel Regno Unito sono disponibili oggi come pre-stampa e mostrano che, negli adulti che sono stati ricoverati in ospedale, quasi tutti hanno manifestato sintomi in corso 3 mesi o più dopo l’inizio della loro infezione da COVID-19 .

Questo documento è stato presentato in una riunione del gruppo consultivo scientifico per le emergenze (SAGE) il 25 febbraio 2021.

La ricerca rileva che le donne adulte di età inferiore ai 50 anni avevano maggiori probabilità di peggiori esiti di salute a lungo termine rispetto agli uomini e ai partecipanti allo studio più anziani, anche se non avevano precedenti comorbilità.

Le persone con malattia acuta più grave in ospedale hanno anche avuto i peggiori esiti a lungo termine rispetto a quelle che non avevano bisogno di ossigeno. Nel complesso, più della metà di tutti i partecipanti ha riferito di non essere completamente guarito tre mesi dopo l’inizio dei sintomi di COVID-19.

Questa ricerca, condotta dall’Università di Glasgow in collaborazione con le Università di Oxford, Liverpool, Edimburgo e Imperial College London, e lavorando con il gruppo di lavoro di follow-up COVID-19 globale dell’ISARIC, è il primo dato del Regno Unito sui sintomi persistenti e impatto sul funzionamento quotidiano e sulla qualità della vita, dopo 3-9 mesi dall’esordio del COVID-19.

I ricercatori hanno seguito 327 adulti provenienti da 31 ospedali del Regno Unito che erano stati ricoverati in ospedale tra il 5 febbraio 2020 e il 5 ottobre 2020. I partecipanti sono stati seguiti per almeno tre mesi e fino a 11 mesi, al fine di documentare la loro salute fisica e impatto sulla salute psicologica e sulla qualità della vita.

Le partecipanti di sesso femminile di età inferiore ai 50 anni avevano cinque volte meno probabilità di riferire di sentirsi completamente guarite. Inoltre, avevano il doppio delle probabilità di segnalare una stanchezza peggiore, avevano sette volte più probabilità di essere più senza fiato ed avevano maggiori probabilità di avere un peggioramento delle difficoltà o una nuova disabilità, soprattutto in relazione alla memoria, alla mobilità e alla comunicazione, e anche alla vista, all’udito e al sé -assistenza rispetto agli uomini della stessa età dopo la loro malattia acuta da COVID-19.

Complessivamente, il 55% dei partecipanti ha riferito di non sentirsi completamente guarito. Inoltre, i sintomi in corso sono stati segnalati dal 93% dei partecipanti, con l’affaticamento il più comune, segnalato dall’83%, seguito da dispnea, che è stata segnalata dal 54% delle persone, molti hanno anche sperimentato dolore e disagio muscolare.

La dottoressa Janet Scott, dell’Università di Glasgow-MRC Center for Virus Research, autrice principale dello studio, ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra che i sopravvissuti al COVID-19 hanno sperimentato sintomi a lungo termine, tra cui una nuova disabilità, aumento della dispnea e una ridotta qualità della vita. Questi risultati erano presenti anche in giovani adulti in età lavorativa precedentemente sani ed erano più comuni nelle donne più giovani.

“Il fatto che le donne di età inferiore ai 50 anni siano il gruppo con i peggiori risultati potrebbe avere profonde implicazioni per la decisione politica sulla pandemia, così come la strategia di vaccinazione”.

Margaret O’Hara, del gruppo di pazienti Long COVID, Long COVID Support, ha dichiarato: “Questa ricerca è importante perché mostra che solo perché le persone sono state dimesse dall’ospedale non significa che si siano riprese da COVID . Il supporto di Long COVID ha lavorato a stretto contatto con il team di ricerca per sviluppare il questionario per questo studio per assicurarsi che l’incidenza di Long COVID sia registrata correttamente.

“Le decine di migliaia di persone che utilizzano i forum di supporto online per lungo tempo COVID sono alla disperata ricerca di ricerche che possano aiutarle a riprendersi la vita. Una ricerca come questa è fondamentale per comprendere la vera incidenza di Long COVID e l’enorme impatto che ha sulla vita delle persone in modo che possano essere sviluppati servizi adeguati per soddisfare le loro esigenze “.

Louise Sigfrid dell’ISARIC Global Support Centre, Università di Oxford ha dichiarato: “Questo è un primo passo importante e parte di un più ampio sforzo internazionale armonizzato per comprendere meglio Long COVID. Abbiamo progetti gemelli in esecuzione in 15 paesi in Europa, Sud America, Africa, Asia e Medio Oriente, per trasmettere la nostra comprensione di Long COVID, inclusa l’identificazione di persone a maggior rischio di sviluppare Long COVID, per informare strategie preventive, studi interventistici e mirati supporto per migliorare i risultati. “

Il professor Calum Semple, professore di salute infantile e medicina contro le epidemie presso l’Università di Liverpool e ricercatore capo di ISARIC 4C, ha dichiarato: “ISARIC utilizza protocolli preparati e strumenti di dati armonizzati per condurre ricerche tempestive sulle epidemie. Questo studio prospettico di coorte sui sopravvissuti al COVID nel Regno Unito è un primo passo importante nella definizione dello spettro del COVID lungo.

Abbiamo scoperto che le persone più gravemente colpite sono le donne in età lavorativa e che hanno continuato a sperimentare una serie di problemi invalidanti molto tempo dopo la dimissione dall’ospedale “.

Il Dr. Tom Drake, Clinical Research Fellow presso l’Usher Institute, Università di Edimburgo, ha dichiarato: “Sta diventando sempre più chiaro che COVID-19 ha profonde conseguenze per coloro che sopravvivono alla malattia.

Nel nostro studio, abbiamo scoperto che le donne più giovani avevano maggiori probabilità di avere esiti peggiori a lungo termine. È davvero importante che le persone che vivono con le conseguenze di COVID-19 ricevano il giusto supporto di cui hanno bisogno. I governi, sia nel Regno Unito che in tutto il mondo, devono pensare all’impatto che questo avrà a lungo termine e finanziare ricerche urgenti per trovare trattamenti per COVID a lungo termine “.

Il documento, “Long COVID in adulti dimessi da ospedali del Regno Unito dopo COVID-19: uno studio di coorte prospettico multicentrico che utilizza il protocollo ISARIC di caratterizzazione clinica dell’OMS”, è disponibile su MedRxiv.


RISULTATI
Sono stati esaminati il ​​titolo e l’abstract di 18.251 pubblicazioni. Di queste, sono state esaminate 82 pubblicazioni complete. Diciannove studi sono stati esclusi perché hanno coinvolto meno di 100 persone. Sono stati selezionati un totale di 15 studi da analizzare (Tabella 1, Figura 1). La maggior parte degli studi ha valutato sintomi specifici inclusi in un questionario precedentemente applicato.

Il processo di selezione degli studi è presentato nella Figura 1. C’erano 9 studi dal Regno Unito / Europa, 3 dagli Stati Uniti, 1 ciascuno da Australia, Cina, Egitto e Messico. Il tempo di follow-up del paziente variava da 14 giorni a 110 giorni. Sei degli 11 studi includevano solo pazienti ospedalizzati per COVID-19. Il resto degli studi mescolava pazienti COVID-19 lievi, moderati e gravi. Il numero di coorti di pazienti che sono state seguite negli studi variava da 102 a 44.799. Sono stati inclusi gli adulti di età compresa tra 17 e 87 anni.

Non sono stati effettuati studi con campioni sovrapposti. Un paio di studi hanno riportato che la stanchezza era più comune nelle femmine e uno studio ha riportato che la polipnea post-attività e l’alopecia erano più comuni nelle femmine 3,10. Il resto degli studi non ha stratificato i risultati per età o sesso.

Figura 1.
Figura 1 Selezione dello studio Elementi preferiti per il diagramma di flusso di revisioni sistematiche e meta-analisi (PRISMA). Su 15.917 studi identificati e dopo l’applicazione dei criteri di inclusione ed esclusione, 15 studi sono stati inclusi nella sintesi quantitativa.

Per quanto riguarda la qualità degli studi, tutti avevano un punteggio di 8 o più. Le caratteristiche generali degli studi sono mostrate nella Tabella 1. Diversi autori hanno utilizzato i termini “COVID-19 post-acuto”, “COVID-19 lungo”, “Sintomi COVID-19 persistenti”, “COVID-19 cronico”, ” Manifestazioni post COVID-19 “,” Effetti COVID-19 a lungo termine “,” Sindrome post COVID-19 “,” COVID-19 in corso “,” sequele a lungo termine “o” A lungo raggio “come sinonimi (Tabella 2) .

Abbiamo identificato un totale di 55 effetti a lungo termine associati a COVID-19 nella letteratura rivista (Tabella 3). La maggior parte degli effetti corrisponde a sintomi clinici come affaticamento, mal di testa, dolori articolari, anosmia, ageusia, ecc. Erano presenti anche malattie come ictus e diabete mellito. I parametri misurabili includevano 6 parametri di laboratorio elevati, ovvero interleuchina-6 (IL-6), procalcitonina, ferritina sierica, proteina C-reattiva (CRP), ormone N-terminale (NT) -pro BNP (NT-proBNP) e D -dimer. È stata anche identificata un’anomalia ai raggi X del torace / tomografia computerizzata (TC) (Figura 2).

Figura 2. Effetti a lungo termine della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). La meta-analisi degli studi includeva una stima per uno o più sintomi riportava che l’80% dei pazienti con COVID-19 presentava sintomi a lungo termine. Abbreviazioni: proteina C-reattiva (CRP), tomografia computerizzata (TC), interleuchina-6 (IL-6), ormone N-terminale (NT) -pro BNP (NT-proBNP), disturbo ossessivo compulsivo (DOC), post- disturbo traumatico da stress (PTSD).

La tabella 2 presenta la prevalenza di tutti gli effetti segnalati. È stato possibile eseguire 21 meta-analisi, per il resto la prevalenza è stata stimata utilizzando 1 coorte. La meta-analisi degli studi (n = 7) che includeva una stima per uno o più sintomi ha riportato che l’80% (95% CI 65-92) dei pazienti con COVID-19 ha sintomi a lungo termine.

Le 5 manifestazioni più comuni erano affaticamento (58%, 95% CI 42-73), mal di testa (44%, 95% CI 13-78), disturbo dell’attenzione (27% 95% CI 19-36), perdita di capelli (25% , 95% CI 17-34), dispnea (24%, 95% CI 14-36) (Tabella 2, Figura 2). Una radiografia / TC anormale del torace è stata osservata nel 34% dei pazienti (IC 95% 27-42). I marcatori segnalati come elevati erano D-dimero (20%, 95% CI 6-39), NT-proBNP (11%, 95% CI 6-17) proteina C-reattiva (8%, 95% CI 5-12) , ferritina sierica (8% 95% CI 4-14), procalcitonina (4% 95% CI 2-9) e IL-6 (3% 95% CI% 1-7) (Tabella 2, Figura 2).

Altri sintomi erano correlati a malattie polmonari (tosse, fastidio al torace, ridotta capacità di diffusione polmonare, apnea notturna e fibrosi polmonare), cardiovascolari (aritmie, miocardite), neurologiche (demenza, depressione, ansia, disturbo dell’attenzione, disturbi ossessivo-compulsivi), e altri erano aspecifici come perdita di capelli, tinnito e sudore notturno (Tabella 2, Figura 2). Due meta-analisi hanno mostrato una bassa eterogeneità (I2 <25%), due media eterogeneità e un’elevata eterogeneità a riposo (I2> 75%).

Uno studio è stato escluso perché non forniva un denominatore e quindi non è stato possibile stimarne la prevalenza11. In tale studio, gli autori hanno condotto un sondaggio in un gruppo Facebook di pazienti che in precedenza avevano COVID-19 e hanno confrontato i sintomi di quelli ricoverati con sintomi da lievi a moderati. Hanno concluso che entrambi i gruppi presentavano sintomi dopo tre mesi dall’assunzione di COVID-19. 

I sintomi che non sono stati menzionati in nessuno degli articoli che abbiamo studiato includono perdita improvvisa di peso corporeo, dolore all’orecchio, problemi agli occhi, starnuti, naso freddo, sensazione di bruciore alla trachea, vertigini, palpitazioni cardiache, sensazione di dolore / bruciore ai polmoni, dolore tra le scapole, sindrome di Sicca, vertigini, dolori muscolari e confusione2,12.

link di riferimento: https: //www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.01.27.21250617v2.full


Maggiori informazioni:  Louise Sigfrid et al. Covid lungo negli adulti dimessi dagli ospedali del Regno Unito dopo Covid-19: uno studio di coorte prospettico multicentrico che utilizza il protocollo di caratterizzazione clinica dell’OMS ISARIC., (2021). DOI: 10.1101 / 2021.03.18.21253888

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.